Coronavirus Italia

testata-covid-calabria-live

Adnkronos - rss-coronavirus www.adnkronos.com mette a disposizione dei lettori le news pubblicate con il sistema Rss. Con Rss è possibile infatti ricevere in tempo reale sul proprio computer le notizie che vengono messe on line dal Gruppo Adnkronos.

  • Variante Omicron e vaccino, protegge o no? Cosa sappiamo
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 23:04

    Variante Omicron e vaccino, cosa sappiamo: protegge o no? Ne serve uno ad hoc? Mentre i contagi legati alla variante aumentano, ricercatori di numerosi paesi sono al lavoro per delineare il quadro legato a Omicron: sintomi, malattia e - ovviamente - efficacia del vaccino. Le prime indicazioni, al momento non sostenute da cifre, arrivano da Israele, paese 'locomotiva' nella campagna di vaccinazione. Tre dosi di vaccino contro il covid sembrano proteggere da Omicron, a giudicare da quanto dice il ministro della Sanità Nitzan Horowitz. In Israele sono stati fino a ora confermati quattro casi di positività alla variante. "Nei prossimi giorni avremo informazioni accurate sull'efficacia del vaccino contro Omicron, ma c'è già spazio per l'ottimismo, e ci sono indicazioni iniziali per cui coloro che sono stati vaccinati con un vaccino ancora valido o con un booster saranno protetti anche dalla variante", ha affermato.  Ema  Se dovesse presentarsi la necessità di adattare i vaccini anti-Covid approvati nell'Ue alla variante Omicron del Sars-CoV-2, l'Ema potrebbe autorizzarli nel giro di "tre-quattro mesi, a partire dall'inizio del processo di cambiamento", precisa dal canto suo la direttrice esecutiva dell'Ema Emer Cooke, in audizione alla commissione Envi del Parlamento Europeo, a Bruxelles. "Siamo preparati - dice Cooke - sappiamo che i virus mutano e che a un certo punto ci sarà una mutazione che comporterà che dobbiamo cambiare l'approccio attuale. Per questa ragione, abbiamo approvato delle linee guida per le compagnie, nel febbraio dell'anno scorso: non abbiamo dovuto ancora usarle, ed è per questo che non ci sono vaccini variati sul mercato finora, perché in realtà i vaccini attuali hanno dimostrato di essere efficaci contro le varianti in circolazione in Europa".  Moderna e Pfizer  I vaccini esistenti contro il Covid potrebbero essere molto meno efficaci contro la variante Omicron del virus. E' l'allarme lanciato dall'amministratore delegato di Moderna, Stephane Bancel, in un'intervista al Financial Times, secondo il quale l'elevato numero di mutazioni del nuovo ceppo della proteina Spike e la rapida diffusione della variante lasciano pensare che i vaccini attuali dovranno essere modificati il prossimo anno. "Penso che ci sarà un calo materiale (di efficacia, ndr). Non so quanto, perché dobbiamo aspettare i dati. Ma tutti gli scienziati con cui ho parlato... dicono 'questa cosa non va bene'", ha affermato Bancel. Moderna e Pfizer sono all'opera per modificare eventualmente il vaccino e contrastare la variante. Moderna potrebbe impiegare mesi per completare la missione, come spiegato da Bancel. L'efficacia degli attuali vaccini contro la variante Omicron non è nota. Per tamponare l'eventuale emergenza, l'azienda potrebbe rendere disponibile in tempi brevi una dose booster da 100 microgrammi: "La dose più elevata […]

  • Variante Omicron Brasile, due possibili casi: sarebbero i primi in Sudamerica
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 21:22

    Variante Omicrom, scoperti in Brasile due possibili casi: sarebbero i primi in Sudamerica. L'Anvisa, autorità sanitaria brasiliana, ha riferito oggi della scoperta di due casi "preliminari" della variante del coronavirus Omicron in un viaggiatore del Sud Africa, dove è stato rilevato per la prima volta, e sua moglie. I campioni positivi dei due brasiliani saranno ora inviati per ulteriori analisi di laboratorio, ha affermato Anvisa in una nota. Se confermati, sarebbero i primi casi di Omicron in America Latina. Il passeggero è arrivato all'aeroporto internazionale di Guarulhos a San Paolo il 23 novembre, con un test del coronavirus negativo. Due giorni dopo, lui e sua moglie sono tornati in aeroporto per i nuovi test necessari per prendere un volo di ritorno in Sudafrica, ma entrambi sono risultati positivi. 

  • Quarantena a scuola, presidi: "Sconcertati da dietrofront"
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 21:01

    Quarantena a scuola, le regole cambiano di nuovo: non ci sarà alcun ritorno in Dad in caso di presenza di un solo alunno contagiato in classe. “Troviamo sconcertante che una nota sottoscritta da due Ministeri sia sospesa dopo neanche 24 ore e che le disposizioni ivi contenute siano già considerate superate", dichiara Antonello Giannelli, presidente nazionale Anp. "Attendiamo di vedere come il Commissario Figliuolo deciderà di intervenire per rendere finalmente efficienti le Asl e far partire la campagna di testing e tracing che dovrebbe garantire la scuola in presenza - ha aggiunto - Ai dirigenti e al personale delle scuole, che hanno fatto ben più di quanto dovessero, non si deve più chiedere di sostituirsi ai funzionari dei Dipartimenti di prevenzione”.  

  • Covid Gb, oltre 39mila contagi e 159 morti in 24 ore
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 19:35

    Sono 39.716 i nuovi casi di Covid, registati nelle ultime 24 ore in Gran Bretagna, mentre sono 159 le persone morte per le complicanze da Coronavirus. Lo riferiscono le autorità sanitarie britanniche segnalando un calo nel numero dei contagi rispetti a ieri, ma un aumento delle vittime. Lunedì, infatti, sono stati 42.583 i casi confermati e 35 i decessi. Il ministro della Salute britannico Sajid Javid ha lanciato un appello a vaccinarsi per poter trascorrere il Natale con i propri cari nel corso di una conferenza stampa insieme al premier Boris Johnson. Rispetto alla nuova variante Omicron, Javid ha detto che gli scienziati stanno lavorando giorno e notte per poter guadagnare il tempo necessario a rallentare la diffusione del Coronavirus e rafforzare le nostre difese. Javid ha ricordato che nel Regno Unito sono state somministrate circa 150 milioni di dosi di vaccino e ha effettuato più dosi di richiamo rispetto a qualsiasi altro Paese, ad eccezione di Cina e Stati Uniti.  

  • Vaccino Johnson & Johnson, stop da Slovenia dopo morte 20enne
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 19:25

    La Slovenia ha deciso di sospendere la somministrazione del vaccino Johnson & Johnson contro il Coronavirus dopo che una donna di 20 anni dopo la vaccinazione per coaguli di sangue. Lo ha annunciato il ministro della Sanità Janez Poklukar. La Slovenia aveva già sospeso l'uso del vaccino monodose di Johnson & Johnson, dopo la morte a settembre della donna, deceduta per un'emorragia cerebrale e coaguli di sangue, giorni dopo aver ricevuto una dose. Un comitato di esperti ha confermato una rara complicanza indotta dal vaccino.  

  • Variante Omicron, Oms sconsiglia viaggi a over 60 e fragili
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 18:59

    Con la nuova diffusione della variante Omicron del Covid le persone, considerate fragili, i sessantenni e gli over 60 dovrebbero rinviare i viaggi. L'avvertimento arriva dall'Organizzazione mondiale della Sanità, che in una nota invita ''tutti i viaggiatori a rimanere vigili'' e a ''vaccinarsi quando è il loro turno''. In particolare, l'Oms si rivolge alle ''persone che non stanno bene o sono a rischio di sviluppare una grave malattia da Covid-19 e di morire, comprese le persone di età pari o superiore a 60 anni o quelle con comorbilità''. Citando ''ad esempio malattie cardiache, cancro e diabete'', l'Oms afferma che queste persone ''dovrebbero posticipare il viaggio''. L'Organizzazione mondiale della Sanità ha, poi, elogiato il Sudafrica e il Botswana per le loro ''capacità di sorveglianza e sequenziamento e per la velocità e la trasparenza con cui hanno comunicato e condiviso le informazioni con il Segretariato dell'Oms sulla variante Omicron''. Ricordando che il Sudafrica ha effettuato la prima segnalazione il 24 novembre scorso, l'Oms ha spiegato che ''queste azioni hanno consentito ad altri Paesi di adeguare rapidamente le proprie misure di risposta nel contesto della pandemia di Covid-19''. L'Oms ha quindi fatto appello a seguire l'esempio e ''a mostrare solidarietà globale nella condivisione rapida e trasparente delle informazioni e in una risposta congiunta a Omicron (come con tutte le altre varianti), facendo leva sugli sforzi collettivi per far progredire la comprensione scientifica e condividere i benefici di applicare le conoscenze e gli strumenti scientifici appena acquisiti''.  

  • Variante Omicron, medici Sudafrica: "Rischio reinfezione guariti"
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 18:30

    Riguardo alla variante Omicron di Sars-CoV-2, "vi sono segnali di un possibile rischio di nuova infezione sostenuta da questa nuova variante in persone guarite da Covid-19". E' quanto riferito dagli esperti del Nicd, l'Istituto nazionale delle malattie infettive del Sudafrica, durante una teleconferenza avuta oggi con i colleghi della task force per lo studio delle varianti dell'Istituto Spallanzani di Roma.  Allo stesso modo, "i dati epidemiologici mostrati - si legge in una nota dell'Istituto per le malattie infettive capitolino - non sono al momento in grado di suggerire o confermare un possibile aumento di infezioni tra le persone vaccinate. E' dunque possibile che i vaccini attualmente in uso mantengano la loro capacità di protezione contro la malattia grave anche in presenza della nuova variante". I sanitari hanno poi sottolineato che "al momento le misure di sanità pubblica adottate dal Governo sudafricano sono limitate all'uso delle mascherine, a distanziamento e vaccinazioni". 

  • Variante Omicron, Johnson & Johnson studia vaccino ad hoc
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 18:21

    Variante Omicron, Johnson & Johnson valuterà il suo vaccino anti-Covid e per farlo sta testando il siero del sangue dei partecipanti agli studi sul richiamo completati e in corso, così da verificare l'attività neutralizzante contro il nuovo mutante. Allo stesso tempo l'azienda Usa sta lavorando a un vaccino specifico contro la variante Omicron e lo porterà avanti a seconda delle necessità. E' quanto spiega J&J in una nota in cui fa il punto sulle attività relative al nuovo mutante. Dalla comparsa della pandemia di Covid, si legge nella nota, "Johnson & Johnson ha monitorato da vicino le nuove varianti emergenti di Covid-19. In collaborazione con gruppi accademici in Sudafrica e in tutto il mondo, l'azienda ha valutato l'efficacia del suo vaccino per diverse varianti, compresa la nuova variante Omicron che si sta diffondendo rapidamente. Omicron, sottolinea Mathai Mammen, Global Head di Janssen Research & Development, J&J, "evidenzia l'importanza di sorveglianza continua, test e vaccinazioni per prevenire i ricoveri e i decessi da Covid. Restiamo fiduciosi nelle robuste risposte immunitarie umorali e cellulo-mediate generate dal vaccino di Johnson & Johnson contro il Covid, dimostrate dalla durata e dall'ampiezza della protezione contro le varianti riscontrate finora negli studi clinici". Ma, ha aggiunto l'esperto, "non ci limiteremo a questo. Basandoci sulla nostra collaborazione di lunga data con gli scienziati sul campo in Sudafrica e sugli studi di efficacia nella pratica clinica in corso con il vaccino di Johnson & Johnson contro il Covid, lavoreremo insieme per generare nuovi dati su Omicron. In parallelo, abbiamo iniziato a lavorare per progettare e sviluppare un nuovo vaccino contro Omicron e lo porteremo rapidamente avanti negli studi clinici, se necessario". 

  • Covid Germania oggi, in arrivo nuova stretta
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 17:34

    Covid Germania oggi, il governo tedesco prevede una nuova stretta sulle misure anticovid, fra cui ulteriori restrizioni per i non vaccinati. I dettagli verranno messi a punto giovedì e la loro applicazione verrà decisa dal governo federale assieme ai primi ministri regionali, ha detto Steffen Seibert, portavoce della cancelliera uscente Angela Merkel. Nel frattempo Olaf Scholz si è detto favorevole alla vaccinazione obbligatoria contro il coronavirus. Il prossimo cancelliere tedesco ha espresso la sua posizione nel corso del vertice con la cancelliera uscente Merkel e i presidenti dei lander tedeschi, dedicato all'emergenza sanitaria. Secondo le indiscrezioni riportate dalla Bild, Scholz ha detto che come membro del Bundestag voterà a favore del provvedimento, se questo verrà portato all'attenzione dell'Aula. Il cancelliere in pectore si è anche detto favorevole a un provvedimento che vieti ai non vaccinati l'accesso a tutti gli esercizi commerciali non essenziali. Anche il probabile prossimo vice cancelliere, Robert Habeck, si è dichiarato a favore dell'obbligo di vaccinazione contro il covid. "Ovviamente la vaccinazione obbligatoria rappresenta una forte ingerenza nella libertà dell'individuo. Ma protegge la vita, e in ultima analisi la libertà della società", ha detto il co-leader del partito dei Verdi all'agenzia stampa Dpa. Quando il nuovo governo tedesco si insedierà la settimana prossima, Habeck dovrebbe diventare vice cancelliere e ministro dell'Economia e la Protezione del clima.  In Germania il 79,1% degli over 18 sono completamente vaccinati, vale a dire 55 milioni di adulti, secondo i dati forniti oggi dall'Istituto Robert Koch. "Di questi 55 milioni, circa uno su sei, o 9,6 milioni di persone, hanno già ricevuto la terza dose", ha spiegato il ministro della Sanità, Jens Spahn. Tra i minori tra i 12 ed i 17 anni, il tasso di vaccinazione scende al 46,1%, secondo i dati forniti dal Rki. Il tasso per la popolazione totale è quindi del 68,5% di vaccinati con due dosi e 71,3% con una dose. Ieri sono state somministrate 532mila dosi, 44mila per completare il ciclo vaccinale, 422mila terze dosi. 

  • Mascherina all'aperto, Galli: "A volte indispensabile, serve buon senso"
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 17:22

    "Quando si sta a distanza di meno di due metri la mascherina serve anche all'aperto. Anche quando stiamo fuori, dunque, a volte è indispensabile. E' necessario agire con buon senso. Questo accessorio resta ancora imprescindibile. Non dobbiamo mai dimenticarlo a casa". A dirlo all'Adnkronos Salute Massimo Galli, già responsabile del reparto malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, commentando la richiesta dei sindaci al Governo di introdurre l'obbligo di mascherina all'aperto dal 6 dicembre al 15 gennaio per ridurre la diffusione del virus pandemico. Parlare di mascherina all'aperto, in ogni caso, "è un'indicazione anche simbolica per ricordare la necessità di mantenere le misure di protezione, soprattutto se vogliamo continuare a condurre una vita quasi normale", afferma Galli, sottolineando che "molti anziani l'importanza della mascherina l'hanno ben capita, senza se e senza ma. La utilizzano in tutte le situazioni in cui è necessario. Personalmente non ho un rapporto facile con la mascherina, a volte ho difficoltà nelle respirazione ma, con tutto questo, la difendo a spada tratta. Dobbiamo considerarla come ormai siamo abituati a vedere il casco per le persone che vanno in moto: uno strumento di protezione che vale la pena di utilizzare". 

  • Covid, Falcone: "Contagio all'aperto quasi impossibile ma sì a mascherina"
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 17:16

    "L'obbligo di mascherina dappertutto", anche all'aperto, "è una misura che ha un suo impatto positivo perché costa poco, è facile da eseguire e ottiene spesso dei risultati". Così il virologo Marco Falcone, ricercatore in Malattie infettive dell'Università di Pisa e membro del consiglio direttivo della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), commentando all'Adnkronos Salute il pressing dei sindaci sul governo per la reintroduzione dell'obbligo di mascherina all'aperto in tutta Italia. "Chiaramente l'utilizzo delle mascherine all'aperto non serve tanto per bloccare la diffusione del virus all'aperto perché all'aperto è quasi impossibile infettarsi", ha aggiunto. "Introdurre l'obbligo di mascherina all'aperto - sottolinea Falcone - favorisce il fatto che le persone la tengano anche nei luoghi chiusi poiché è chiaro che avere già con sé la mascherina ne facilita l'utilizzo anche nelle occasioni di incontro e nei luoghi chiusi. Questo virus - conclude - non si diffonde con l'aria aperta ma nei luoghi chiusi e mal ventilati che è dove c'è la maggiore possibilità di ammalarsi". 

  • Covid oggi Sicilia, 545 contagi. Boom a Catania
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 17:15

    Sono 545 i nuovi contagi da Coronavirus oggi martedì 30 novembre, secondo i dati Covid-19 dell'ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 4 morti, altri 4 registrati oggi, ma dei giorni precedenti. Le vittime sono state 7.205 da inizio pandemia. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 32.398 tamponi. Nell'isola gli attuali positivi salgono a quota 12.545. Degli attuali positivi i ricoverati con sintomi sono 308, mentre si trovano in terapia intensiva 43 pazienti.  Questa la ripartizione su base provinciale dei nuovi casi: 96 a Palermo, 215 a Catania, 12 a Messina, 53 a Ragusa, 58 a Trapani, 28 a Siracusa, 32 a Caltanissetta, 33 ad Agrigento e 18 a Enna. 

  • Covid oggi Lombardia, 2.223 contagi e 15 morti: bollettino 30 novembre
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 17:01

    Sono 2.223 i nuovi contagi da coronavirus oggi 30 novembre in Lombardia, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 15 morti. Secondo i dati diffusi dalla Regione, i tamponi effettuati sono stati 163.960, con un indice di positività dell'1,3%. Il totale dei decessi da inizio pandemia sale a 34.372. Negli ospedali della regione sono ricoverati 848 pazienti, 31 in più di ieri e in terapia intensiva 103, quattro in più.  Sono 802 i nuovi casi positivi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in provincia di Milano, di cui 322 a Milano città. Secondo i dati diffusi dalla Regione Lombardia, a Bergamo 69, a Brescia 258, a Como 143, a Cremona 88, a Lecco 55, a Lodi 25, a Mantova 109, a Monza e Brianza 225, a Pavia 119, a Sondrio 17 e a Varese 213.  

  • Covid Italia, 12.764 contagi e 89 morti: bollettino 30 novembre
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 16:49

    Sono 12.764 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, martedì 30 novembre 2021, secondo i dati e i numeri Covid - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 89 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 719.972 tamponi con un indice di positività all'1,8%. Da ieri i guariti sono stati 8.041.  I ricoverati nei reparti ordinari Covid sono 5.227, 92 in più da ieri. Le terapie intensive occupate sono 669, un numero stabile rispetto a ieri.  LOMBARDIA - Sono 2.223 i nuovi contagi da Coronavirus oggi 30 novembre in Lombardia, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 15 morti. Secondo i dati diffusi dalla Regione, i tamponi effettuati sono stati 163.960, con un indice di positività dell'1,3%. Il totale dei decessi da inizio pandemia sale a 34.372. Negli ospedali della regione sono ricoverati 848 pazienti, 31 in più di ieri e in terapia intensiva 103, quattro in più.  LIGURIA - Sono 386 i nuovi contagi da Coronavirus oggi 30 novembre in Liguria, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 3 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 4.908 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 15.021 tamponi antigenici rapidi. Secondo quanto riportato dall'ultimo bollettino diffuso dalla Regione, in ospedale ci sono 169 ricoverati, 9 in più di ieri. Di questi, 20 sono in terapia intensiva: 17 di loro sono non vaccinati. Si registrano tre nuovi decessi: le vittime da inizio emergenza salgono dunque a 4.465. EMILIA ROMAGNA - Sono 1.086 i nuovi contagi da Coronavirus oggi 30 novembre in Emilia Romagna, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 10 morti. Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, nella regione si sono registrati 455.930 casi di positività: i nuovi casi sono stati individuati su un totale di 38.023 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 2,8%. Dei 10 decessi: due si registrano in provincia di Piacenza (due uomini, rispettivamente di 86 e 92 anni), uno nella provincia di Reggio Emilia (una donna di 57 anni); tre in provincia di Bologna (una donna di 84 anni e un uomo di 93 anni, nel bolognese, e una donna di 94 nell’imolese); tre nella provincia di Ferrara (tutte donne: di 83, 90 e 93 anni) e uno nella provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 79 anni). Nessun decesso nelle province di Parma, Modena, Ravenna e Rimini. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.791. LAZIO - Sono 1.253 i nuovi contagi da Coronavirus oggi 30 novembre nel Lazio, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 10 morti. A Roma città i casi sono 611. I nuovi contagi nella regione, sono stati individuati attraverso 17.628 tamponi […]

  • Covid oggi Vda, 89 contagi e nessun morto: bollettino 30 novembre
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 16:46

    Sono 89 i nuovi contagi da coronavirus oggi 30 novembre in Valle d'Aosta, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Non si registrano altri morti.Il totale delle persone contagiate da inizio pandemia nella regione sale a 13.193. I casi positivi attuali sono 676 di cui 654 in isolamento domiciliare, 21 ricoverati in ospedale uno in terapia intensiva.i guariti complessivi sono 12.038, +41 rispetto a ieri.  I casi finora testati sono 97.460, i tamponi effettuati 286.821. Da inizio epidemia i decessi delle persone risultate positive al Covid in Valle d’Aosta sono 479.  

  • Covid oggi Liguria, 386 contagi e 3 morti: bollettino 30 novembre
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 16:36

    Sono 386 i nuovi contagi da coronavirus oggi 30 novembre in Liguria, secondo i dati dell'ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 3 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 4.908 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 15.021 tamponi antigenici rapidi. Secondo quanto riportato dall'ultimo bollettino diffuso dalla Regione, in ospedale ci sono 169 ricoverati, 9 in più di ieri. Di questi, 20 sono in terapia intensiva: 17 di loro sono non vaccinati. Si registrano tre nuovi decessi: le vittime da inizio emergenza salgono dunque a 4.465.  

  • Variante Omicron Gb, altri 8 casi: sono 13 in tutto
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 16:26

    Variante Omicron, in Gran Bretagna sono stati diagnosticati altri 8 casi della variante Omicron del covid, portando a 13 il numero totale. Lo ha reso noto l'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (Ukhsa), come riporta il Guardian. "Le persone che sono risultate positive e i loro contatti sono tutti in isolamento. Siamo al lavoro per capire se ci sono collegamenti con viaggi effettuati in Africa meridionale", ha affermato l'Ukhsa. L'Agenzia ha ricordato che altri nove casi della variante Omicron sono stati riscontrati in Scozia. 

  • Covid oggi Piemonte, 970 contagi e 3 morti: bollettino 30 novembre
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 16:11

    Sono 970 i nuovi contagi da Coronavirus oggi martedì 30 novembre 2021, secondo i dati Covid-19 dell'ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 3 morti. Il tasso di positività è pari all'1,6% dei 62.572 tamponi eseguiti, di cui 51.202 antigenici. Da ieri i guariti sono stati 492 nella Regione.  I ricoverati in terapia intensiva sono 35, uno in più rispetto a ieri. I ricoverati non in terapia intensiva sono 383, 4 in più rispetto a ieri. Le persone in isolamento domiciliare sono 1004.  

  • Obbligo mascherine all'aperto, Lopalco: "Eccessivo con copertura vaccini"
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 16:04

    Obbligo mascherine all'aperto, sempre più città le stanno adottando. "A fronte di elevate coperture vaccinali" questa misura "mi sembra eccessivo. Sarebbe di buon senso promuoverne l’uso all’aperto solo in presenza di forti carenze nella copertura vaccinale o di situazioni di particolare affollamento". Così all'Adnkronos Salute Pier Luigi Lopalco, epidemiologo ed ex assessore alla Sanità della Regione Puglia, commentando la richiesta dei sindaci al Governo di introdurre l'obbligo di mascherina all'aperto dal 6 dicembre al 15 gennaio. "Costringere un cittadino che magari ha fatto tre dosi di vaccino a indossare la mascherina mentre si gode una passeggiata su un viale non troppo affollato mi sembra davvero vessatorio", conclude. 

  • Covid oggi Torino, obbligo mascherine all'aperto in centro città
    by webinfo@adnkronos.com (Web Info) on 30 Novembre 2021 at 15:40

    Covid oggi Torino, scatta l'obbligo della mascherina all'aperto dal 2 dicembre al 15 gennaio nella zona Ztl, nelle aree mercatali, nelle aree della movida e in tutti i luoghi dove l’assembramento aumenta il rischio di contagio. Lo ha decido l’amministrazione comunale guidata da Stefano Lo Russo. "La pandemia non è superata e i dati epidemiologici sui contagi, pur sotto controllo, sono in aumento, dobbiamo quindi agire subito in chiave preventiva con misure di maggiore cautela per la sanità pubblica", ha detto il sindaco. "Per far rispettare queste prescrizioni - ha rimarcato - aumenteranno i controlli". "Ritengo che l’obbligo della mascherina rappresenti una misura di protezione a tutela non solo del singolo cittadino ma lo è per tutta la comunità", ha aggiunto precisando che "l’indicazione è prevista in quelle vie e in quei luoghi dove il flusso e la presenza di persone rischia di non consentire il mantenimento della distanza di sicurezza. Nelle aree più affollate in questo periodo dobbiamo essere responsabili, attraverso comportamenti individuali motivati da prudenza e cautela".  "Qualora i dati peggiorassero - ha affermato ancora - verranno fatte analisi e prese decisioni conseguenti anche in raccordo con la autorità sanitaria regionale. E necessario agire uniti affinché il piano vaccinale prosegua al meglio, in quanto rappresenta l’unica vera forma di contrasto alla pandemia. Si tratta di una decisione condivisa al tavolo istituzionale in Prefettura", ha concluso Lo Russo precisando che l’assessora Gianna Pentenero, con gli uffici comunali competenti, stanno predisponendo i dettagli dell’ordinanza inclusi gli orari. "La decisione di introdurre l’obbligo della mascherina all’aperto limitatamente alle aree della città che sono oggetto di probabile, non solo potenziale, assembramento durante il periodo natalizio è una misura che condivido". Così il presidente della Regione, Alberto Cirio. "Ritengo sia corretta in quanto prudenziale perché mira a tutelare aree specifiche della città senza intaccare altre zone che non sono luoghi di assembramento e quindi risulterebbe in questo momento ancora ingiustificata dalla permanenza in zona bianca", ha aggiunto Cirio.