Coronavirus Italia

testata-covid-calabria-live

Adnkronos - Adnkronos -

  • Cina sconsiglia viaggi in Australia: "Atteggiamenti razzisti" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 9:33

    Il ministero della Cultura e del Turismo cinese ha sconsigliato ai suoi cittadini di recarsi in Australia a causa di atteggiamenti razzisti e violenti nei confronti dei residenti cinesi ed asiatici. "A causa dell'impatto della pandemia del coronavirus, la discriminazione razziale e la violenza contro le persone cinesi ed asiatiche in Australia sono aumentate in modo significativo. Il ministero ricorda i turisti cinesi di aumentare le misure di sicurezza e non recarsi in Australia", recita la dichiarazione. Immediata la reazione di Canberra, con il vice premier australiano, Michael McCormack, che ha negato ogni accusa. "Non vi è stata nessuna ondata di violenze contro le persone cinesi" ha affermato. Anche il ministro del Turismo australiano, Simon Birmingham, ha reagito definendo le affermazioni di Pechino "non basate sui fatti".  

  • Coronavirus, "in Italia rt sotto 1 ma focolai attivi" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 9:18

    "Continua il trend positivo" nell'andamento di casi di Covid-19 in Italia. "Al momento non vengono riportate situazioni critiche relative all'epidemia" di coronavirus Sars-Cov-2. È questo in sintesi il risultato del monitoraggio degli indicatori per la cosiddetta Fase 2 per la settimana tra il 25 e il 31 maggio, secondo quanto si legge nel report curato da Istituto superiore di sanità (Iss) e ministero della Salute. Gli esperti invitano comunque sempre alla cautela e segnalano come sia "necessario mantenere elevata la resilienza dei servizi territoriali per continuare a favorire la consapevolezza e la compliance della popolazione, realizzare la ricerca attiva e l'accertamento diagnostico di potenziali casi, l'isolamento dei casi confermati, la quarantena dei loro contatti stretti. Queste azioni sono fondamentali per controllare la trasmissione ed eventualmente identificare rapidamente e fronteggiare recrudescenze epidemiche". Nessuna regione italiana ha un valore di Rt, l'indice di contagiosità, maggiore di 1, si segnala ancora nel report. "La stima dell'indice di trasmissibilità (Rt) per data inizio sintomi nel periodo dal 12 al 25 maggio, calcolato al 3 giugno 2020, mostra valori medi al di sotto di 1 in tutte le Regioni e Province autonome", spiegano Istituto superiore di sanità e ministero della Salute.  "Per quanto riguarda la stima dell'Rt, si sottolinea che quando il numero di casi è molto piccolo possono verificarsi temporanee oscillazioni" con valori superiori a 1, "a causa di piccoli focolai locali, senza che questo rappresenti necessariamente un elemento preoccupante", puntualizzano gli esperti. Complessivamente, si evidenzia nel report, "il quadro generale della trasmissione e dell'impatto dell'infezione da Sars-CoV-2 in Italia è favorevole con una generale diminuzione nel numero di casi ed un'assenza di segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali".  Gli esperti segnalano però che "persiste, in alcune realtà regionali, un numero di nuovi casi segnalati ogni settimana elevato seppur in diminuzione. Questo deve invitare alla cautela in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di Sars-Cov-2 è ancora rilevante". In quasi tutta la Penisola, inoltre, "sono documentati focolai di trasmissione attivi. Tale riscontro, che in gran parte è dovuto all'intensa attività di screening e indagine dei casi con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti, evidenzia tuttavia come l'epidemia in Italia di Covid-19 non sia conclusa".  Dal punto di vista del monitoraggio, gli esperti rilevano "un forte miglioramento della qualità e dettaglio dei dati inviati dalle Regioni al ministero della Salute e all'Iss e discussi nella cabina di regia".  Sulla base dell'andamento dei dati di Covid-19 in Italia, la conclusione degli autori del rapporto di monitoraggio è che "le misure di lockdown in Italia hanno […]

  • Coronavirus, India supera l'Italia per contagi 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 8:29

    L'India ha superato l'Italia per numero di casi di coronavirus confermati, diventando il sesto Paese più colpito al mondo secondo la tabella della Johns Hopkins University. E questo dopo che, per il secondo giorno consecutivo, in India sono stati registrati quasi diecimila nuovi casi. Secondo i dati forniti dal ministero della Sanità di Nuova Delhi, sono 236.657 i casi confermati, con un aumento di 9.887 in più rispetto a ieri. Sono invece almeno 294 le persone che hanno perso la vita nelle ultime 24 ore, portando a 6.642 il totale dei decessi per complicanze legate all'infezione. Molti dei nuovi casi sono stati registrati nelle zone rurali dopo che centinaia di migliaia di migranti hanno lasciato le città e sono rientrati nei loto villaggio durante il lockdown imposto il 25 marzo durante la pandemia e cha impedito loro di lavorare. A inizio maggio le autorità hanno permesso il movimento tra le varie città. 

  • Covid, l'analisi: "Ora positivi sono spesso asintomatici" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 8:09

    "I soggetti che in queste ultime settimane risultano positivi al tampone sono in grande maggioranza asintomatici e non sembrano essere nuovi casi di contagio, ma piuttosto persone che sono state contagiate dal virus Sars-Cov-2 diverso tempo prima del tampone e che risultano ancora positive pur non avendo segni clinici di Covid-19. Almeno in alcuni casi è stato dimostrato che questi nuovi positivi sembrano non essere in grado di trasmettere il virus in quanto al risultato positivo del tampone usando la tecnica Pcr non corrisponde un effettivo isolamento del virus". E' l'analisi pubblicata da Guido Silvestri, docente negli Usa alla Emory University di Atlanta, sulla sua pagina Facebook. Il tema sono gli ormai famosi tamponi. E ad approfondirlo nella rubrica social curata dallo scienziato - 'Pillole di ottimismo' - è un gruppo di colleghi italiani: Ilaria Baglivo, Paolo Bonilauri, Francesco Cecconi, Costanza Maria Cristiani, Silvia Falcinelli, Sara Gandini, Paola Pregel, Clementina Sasso, Luca Scorrano. Gli esperti - biologi, biochimici, epidemiologi - provengono da diversi atenei e centri sparsi in tutta la Penisola e spiegano come sia possibile che persone che hanno contratto l'infezione diverse settimane prima del tampone risultino ancora positive. La tecnica utilizzata per rilevare la presenza del virus nei tamponi ('Real time' Pcr) "è molto usata" da anni, amplifica "in modo esponenziale tracce di materiale genetico" presente nei campioni ed è capace di rendere "pertanto 'rintracciabili' quantità anche infinitesimali di materiale genetico di Sars-Cov-2 presenti nei tamponi di alcuni individui". La potenza è tale da "ottenere miliardi di molecole bersaglio a partire teoricamente da una singola presente nel campione da analizzare". I grandi vantaggi di una tecnica di amplificazione estremamente sensibile, spiegano gli scienziati, "vanno però 'gestiti' e il risultato di una amplificazione di tracce infinitesimali di materiale genetico va adeguatamente interpretato". C'è infatti un parametro (Ct, Cycle treshold), che dà un'indicazione importante: più è alto, minore è la quantità di materiale genetico contenuto nel campione analizzato. I tamponi delle ultime settimane mostrano che "i positivi di oggi possono essere 'diversi' da quelli dell'inizio della pandemia". Questo lo suggeriscono alcuni studi preliminari in via di pubblicazione. Si tratta di studi secondo cui "i tamponi positivi che si vedono oggi sembrerebbero contenere meno materiale genetico di Sars-Cov-2 di quanto fosse presente nei campioni analizzati all'inizio della pandemia", dicono gli esperti nella loro analisi. Per capire come è possibile che un tampone resti positivo per settimane in persone senza alcun sintomo di Covid, basta pensare che "cellule dell'epitelio respiratorio che contengono frammenti amplificabili di virus potrebbero rimanere nell'epitelio per […]

  • Di Maio in Slovenia: "Focus su flussi turistici" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 7:59

    Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è appena atterrato a Lubiana, in Slovenia, come annuncia lui stesso con un post su Facebook. Qui avrà ''a breve'' un incontro con il ministro degli Esteri sloveno Anze Logar. ''Durante questa emergenza con la Slovenia abbiamo mantenuto stretti contatti e portato avanti una leale collaborazione. Oggi parleremo di flussi turistici, così come accaduto ieri in Germania'', ha spiegato Di Maio. ''Stiamo entrando nel pieno della stagione estiva e per dare lavoro e ossigeno ai nostri imprenditori, artigiani, albergatori, ristoratori, negozianti dobbiamo permettere ai turisti stranieri di arrivare in Italia. Quindi evitare blocchi e discriminazioni'', ha aggiunto. "E' un bene - ha sottolineato ancora il ministro - che il tema economico sia entrato per tutti nel dibattito politico. Chiedo solo una cosa: sì al dialogo, no alle polemiche". ''Non è questo il momento'', ha ribadito Di Maio. ''Lavoriamo e rimaniamo concentrati, diamo soluzioni e risposte concrete agli italiani'', ha aggiunto sul post.  

  • Salvini: "Amministratori locali fanno meglio del governo" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 7:52

    "Giù le tasse e altri aiuti per imprese e negozi: complimenti all’amministrazione comunale di Umbertide (Perugia) che ha creato un fondo da 300mila euro per far fronte all’emergenza economica causata dal Covid. Mentre il governo nazionale litiga e pasticcia, gli amministratori leghisti rispondono con i fatti". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini. 

  • Covid, in Usa oltre 21mila nuovi casi in un giorno 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 7:35

    Negli Stati Uniti sono stati registrati 21.614 nuovi casi nelle ultime 24 ore, un numero che, sebbene inferiore al picco di aprile, mostra un lieve aumento rispetto agli ultimi giorni. E, mentre continua il miglioramento della situazione negli stati del Northeast, che sono stati i più colpiti all'inizio della pandemia, si hanno nuovi focolai in quelli del Sud e del West degli Usa. L'aumento dei casi, riporta oggi il New York Times, è da collegarsi da una parte al maggior numero di test effettuati, e si registra mentre sempre più stati e città continuano le riaperture e la ripresa delle attività economiche. A suscitare la preoccupazione degli esperti sanitari americani anche il fatto che da giorni centinaia di migliaia di persone nelle principali città americane stanno partecipando a manifestazioni di massa per protestare contro l'omicidio di George Floyd. Secondo il bilancio del Times, negli Stati Uniti vi sono stati oltre 109mila decessi provocati dal Covid 19 mentre i casi solo oltre 1,9 milioni. 

  • Covid, Silvestri: "Trend in discesa non scalfito da riaperture" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 7:26

    I dati italiani sul coronavirus Sars-Cov-2 "confermano come le riaperture del 4 e del 18 maggio non abbiano minimamente scalfito il trend verso la risoluzione dell'epidemia". A sottolinearlo è il virologo Guido Silvestri, docente negli Usa alla Emory University di Atlanta nel consueto spazio che cura sulla sua pagina Facebook, battezzato 'Pillole di ottimismo'.  "In Italia cala - analizza Silvestri - il numero totale dei ricoverati in terapia intensiva per Covid-19, da 338 a 316, quindi di altre 22 unità, e siamo ora al 7.7% del picco. Scende anche il numero dei ricoveri ospedalieri totali (da 5.503 a 5.301, quindi di altre 202 unità) mentre i casi attivi totali scendono da 38.429 a 36.976, quindi di altre 1.453 unità".  

  • Fase 3, Tajani: "Forza Italia pronta a collaborare, governo faccia sua parte" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 7:23

    "Il centrodestra ha sempre accettato l'invito di Conte a Palazzo Chigi. Forza Italia è stata sempre disposta a collaborare, ma per collaborare dobbiamo lavorare insieme. La maggioranza invece pone la fiducia e respinge i nostri emendamenti. Noi abbiamo risposto positivamente all'appello del Capo dello Stato per rilanciare il Paese superando le divisioni, ma il Governo deve fare la sua parte". Lo afferma il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani ospite a 'Settegiorni', rubrica di Rai Parlamento su Rai1.  

  • Scuola, voto finale dopo seduta fiume 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 6:36

    L'aula della Camera tornerà a riunirsi alle 11,30 per il voto finale sul decreto Scuola. I lavori sul provvedimento ieri sono proseguiti oltre le due della notte e sono state esaurite le dichiarazioni di voto sul dl.  Vera e propria maratona, quindi, per il via libera definitivo dopo il tenace ostruzionismo di Lega e Fdi. In Aula la battaglia è andata avanti tutto il giorno ed è proseguita anche la notte, con praticamente tutti i deputati di Lega e di Fdi che si sono iscritti a parlare. Complessivamente 172 erano i nomi presenti nell'elenco degli interventi, con 10 minuti a disposizione. Fatto un calcolo aritmetico, per farli parlare tutti, erano necessarie 28,6 ore. Quindi più di un giorno. Il conteggio delle ore doveva tuttavia tenere conto delle norme sanitarie che prevedono, ogni tre ore di seduta, uno stop di altrettante ore per le operazioni i sanificazione dell'aula. Da qui una qualche preoccupazione nelle file della maggioranza è affiorata, tanto è vero che il capo politico del M5S Vito Crimi nel tardo pomeriggio di ieri ha lanciato l'allarme definendo "irresponsabile", l'atteggiamento di Lega e Fdi che "alla Camera cercano di far saltare la conversione in legge del decreto Scuola".  

  • Bolsonaro minaccia: "No pregiudizi ideologici o Brasile fuori da Oms" 
    by webinfo@adnkronos.com on 6 Giugno 2020 at 5:54

    Jair Bolsonaro minaccia di seguire l'esempio di Donald Trump e far uscire il Brasile dall'Organizzazione mondiale per la Sanità, Oms, se questa non abbandona un "pregiudizio ideologico" nella gestione della pandemia di Covid 19. "Gli Stati Uniti hanno lasciato l'Oms e noi valuteremo, in futuro, se l'Oms ha lavorato senza pregiudizi ideologici, altrimenti anche noi saremo fuori", ha detto in una conferenza stampa il presidente brasiliano. "Non abbiamo bisogno che nessuno dall'esterno ci dia indicazioni sulla nostra sanità" ha detto ancora Bolsonaro riferendosi allo studio dell'Oms sull'utilizzo della idrossiclorochina contro il coronavirus. "A cosa serve l'Oms? - si è poi domandato - qualche giorno fa ha raccomandato di non continuare gli studi sulla idrossiclorochina e poi ha fatto marcia indietro. Prendono solamente i soldi ed iniziano a pensare in modo diverso". Intanto nel Paese si sono registrati 30.830 nuovi casi di Covid 19 nelle ultime 24 ore, portando il numero dei malati ad oltre 645mila, il secondo Paese al mondo più colpito dalla pandemia dopo gli Stati Uniti. Lo rende noto il ministero della Sanità brasiliano che rende noti anche 1005 nuovi decessi, portando il totale dei morti per la pandemia a 35.026, il terzo bilancio più grave dopo quello degli Usa e del Regno Unito. Gli stati dove si sono registrati il maggior numero dei nuovi casi sono quelli di Sao Paulo, con 5.365 positivi, e di Bahia, con 2.965. A Sao Paulo anche il numero maggiore di morti, 281, Rio de Janeiro con 146. 

  • Bonus 600 euro, al via pagamento per iscritti a casse private 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 21:14

    Oggi è stato pubblicato il Decreto interministeriale per il pagamento del bonus di 600 euro per il mese di aprile in favore degli iscritti alle casse di previdenza private. E' quanto scrive su Facebook il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo. L'importo, dice, verrà erogato automaticamente dalle casse, senza bisogno di presentare una nuova domanda, a tutti i professionisti che abbiano fruito del bonus per il mese di marzo. Inoltre, è prevista l’erogazione anche in caso di cessazione o riduzione dell’attività professionale. A breve, i professionisti (avvocati, psicologi, giornalisti, architetti solo per citarne alcuni) non titolari di pensione o di rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, potranno fare domanda alla cassa di appartenenza, che provvederà a verificare i requisiti e a erogare il bonus, conclude. 

  • Regolarizzazioni, 9500 domande in 4 giorni 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 19:08

    I dati sul processo di emersione dei rapporti di lavoro, iniziato l'1 giugno e che proseguirà fino al 15 luglio, verranno comunicati dal Viminale in due tappe intermedie: il 15 giugno e l'1 luglio. Da quanto si apprende, i dati provvisori relativi ai primi quattro giorni delle due procedure, gestite dallo sportello unico per l’Immigrazione istituito presso le prefetture e dalle questure, indicano, complessivamente, circa 9.500 domande già inviate o in corso di presentazione.  Dall'1 giugno, il video tutorial che spiega le procedure di emersione sul sito Interno.gov.it è stato visualizzato più di 60mila volte. 

  • Coronavirus, nessun morto nella città di New York 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 18:35

    Nelle ultime 24 ore non vi è stato nessun morto per coronavirus nella città di New York, mentre i decessi in tutto lo stato sono 42, il numero più basso dall'inizio della pandemia. Lo ha annunciato il governatore Andrew Cuomo, ricordando come due mesi fa c'erano 800 decessi al giorno. Il governatore ha sottolineato come questo risultato sia stato ottenuto grazie al cambiamento dei cittadini, che hanno rispettato le regole.  Dall'inizio della pandemia, nell'intero stato di New York vi sono stati 375.000 contagi e 24.133 morti. I contagi nella città di New York sono stati 205.000 e i morti 16.877. 

  • Scuola, seduta fiume: ancora stallo sul dl 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 18:22

    "Il decreto la approviamo di sicuro. Non so quando ma lo approviamo". La maratona per il via libera definitivo al decreto Scuola va avanti alla Camera e il deputato Pd Stefano Ceccanti esprime con queste parole la certezza che sorregge la maggioranza, alle prese con il tenace ostruzionismo di Lega e Fdi. Sono ancora 80 (rispetto ai 172 di questa mattina) gli iscritti a parlare per dichiarazioni di voto. Di conseguenza il presidente di turno Ettore Rosato ha comunicato che il voto finale si terrà domani dopo le ore 11,30.  Alla Camera, dove siede anche la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina, giunta in Aula poco dopo mezzogiorno tempestata dalle critiche dell'opposizione per la sua assenza, la battaglia è andata avanti tutto il giorno e proseguirà anche questa notte. Praticamente tutti i deputati di Lega e di Fdi si sono iscritti a parlare. Complessivamente 172 erano i nomi presenti nell'elenco degli interventi, con 10 minuti a disposizione. Fatto un calcolo aritmetico, per farli parlare tutti, erano necessarie 28,6 ore. Quindi più di un giorno. Il conteggio delle ore deve tuttavia tenere conto delle norme sanitarie che prevedono, ogni tre ore di seduta, uno stop di altrettante ore per le operazioni i sanificazione dell'aula. Da qui una qualche preoccupazione nelle file della maggioranza è affiorata, tanto è vero che il capo politico del M5S Vito Crimi nel tardo pomeriggio ha lanciato l'allarme definendo "irresponsabile", l'atteggiamento di Lega e Fdi che "alla Camera cercano di far saltare la conversione in legge del decreto Scuola". La seduta è stata quindi sospesa. Il presidente di turno del'Aula, Ettore Rosato, ha fatto sapere che i lavori riprenderanno alle 24. 

  • Covid, Ricciardi: "Seconda ondata è un'incognita" 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 18:07

    "L'influenza colpisce ogni anno milioni di italiani, uccidendone direttamente o indirettamente 8000. Il vaccino è cruciale per proteggere anziani e soggetti vulnerabili, e per evitare la calca in pronto soccorso, cosa ancor più importante in vista di una possibile seconda ondata di Covid-19". Lo afferma all'Adnkronos Salute Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e ordinario di Igiene generale e applicata all'Università Cattolica, commentando la nuova circolare sulle vaccinazioni anti-influenza del ministero della Salute, che amplia la platea degli aventi diritto all'immunizzazione e la raccomanda fortemente per alcune categorie. "Resta l'incognita della stagionalità del nuovo coronavirus: potrebbe esaurirsi come Sars e Mers, o tornare in autunno-inverno come accade per molti virus respiratori, e come farà di sicuro l'influenza. In questo caso quest'anno - avverte Ricciardi - non ci possiamo far trovare impreparati. Quanto agli operatori sanitari, sono anni che raccomandiamo l'immunizzazione. Ebbene questa volta non ci possiamo permettere il rischio che possano diventare veicolo di trasmissione dell'influenza", con in prospettiva il pericolo di un ritorno di Covid-19. "Ecco perché è giustificato e opportuno che la vaccinazione anti-influenzale sia fortemente raccomandata", conclude Ricciardi.  

  • Figc ufficializza 5 sostituzioni a partita 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 17:39

    "Nella riunione del 20 maggio scorso, preso atto che, a causa della eccezionale situazione determinatasi in ragione della emergenza epidemiologica per COVID–19, l’Ifab ha approvato la proposta della FIFA di introdurre una modifica temporanea alla Regola 3 del Gioco del Calcio - “I Calciatori”, relativa al numero massimo di sostituzioni consentite nelle competizioni che saranno completate entro il 2020, il Consiglio Federale ha deliberato di consentire l’effettuazione di un numero massimo di cinque sostituzioni per ciascuna squadra nelle gare delle competizioni programmate fino al termine della stagione 2019/2020". Lo scrive la Figc in una nota.  "Inoltre è stato deciso di prevedere che ogni squadra possa effettuare le suddette sostituzioni utilizzando al massimo tre interruzioni della gara, oltre all’intervallo previsto tra i due tempi di gioco, nonché, nell’eventualità di disputa dei tempi supplementari, una quarta interruzione, oltre a quelle previste tra la fine dei tempi regolamentari e l’inizio del primo tempo supplementare e tra il primo e il secondo tempo supplementare, solo nel caso in cui al termine dei tempi regolamentari siano stati sostituiti meno di cinque calciatori/calciatrici. Si precisa che, laddove le due squadre effettuino una sostituzione nello stesso momento, questa verrà considerata un’interruzione della gara utilizzata per le sostituzioni da entrambe le squadre". 

  • Coronavirus, al via in Russia test clinici su vaccino  
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 17:26

    Prende il via la prossima settimana in Russia la sperimentazione clinica di un vaccino contro il coronavirus sugli esseri umani, ha reso noto Vadimr Tarasov, il direttore dell'Istituto di medicina translazionale e biotecnologia alla Prima università di medicina di Mosca. I test saranno effettuati su 50 volontari sani, uomini e donne di età compresa fra i 18 anni e i 60, pagati per farsi inoculare il vaccino (100mila rubli pari a 1.450 dollari), vaccino che è stato sviluppato dal Centro di ricerca nazionale di epidemiologia e microbiologia Gamalei.  Nella prima fase del trial ogni partecipante sarà messo in isolamento in una struttura sanitaria a Zvenigorod, a 50 chilometri da Mosca, dal 8 al 22 giugno. In seguito, sarà loro inoculato il vaccino. I soggetti che partecipano alla sperimentazione saranno trasferiti a Mosca. Parallelamente, i militari stanno effettuando un altro trial di due mesi dello stesso vaccino. I test sono iniziati mercoledì scorso.   

  • Oms: "In pazienti gravi virus rilevabile per settimane" 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 16:52

    "Sappiamo da alcuni studi che i pazienti con forma moderata di malattia che non hanno richiesto ricovero, possono essere positivi al tampone per 2-3 settimane dai primi sintomi, mentre i pazienti con forma grave possono rimanerlo per un periodo molto più lungo, di settimane". A spiegarlo è stata Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico per il coronavirus dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), in conferenza stampa a Ginevra. "Il test Rc-Pcr però è su frammenti virali - ha spiegato - mentre alcuni studi non ancora pubblicati si sono concentrati sul vero e proprio isolamento del virus. Da questi sappiamo che nei pazienti con forma moderata il virus è isolabile fino a 8-9 giorni a partire dai primi sintomi, dopodiché non lo è più. Mentre nei pazienti più gravi il virus è isolabile fino a 3 settimane dopo i primi sintomi. Questo ci dà degli indizi, ma non necessariamente ci dimostra che queste persone sono infettive per questi periodi. E' un campo di ricerca in continua evoluzione e stiamo lavorando per chiarire questo aspetto".  

  • Coronavirus, i casi positivi regione per regione 
    by webinfo@adnkronos.com on 5 Giugno 2020 at 16:44

    Scendono sotto i 37mila (36.976) i positivi attuali al coronavirus. E' quanto emerge dal bollettino della Protezione civile.  Nel dettaglio, i casi attualmente positivi, regione per regione, sono: 19.853 in Lombardia, 4.369 in Piemonte, 2.512 in Emilia-Romagna, 1.229 in Veneto, 857 in Toscana, 244 in Liguria, 2.710 nel Lazio, 1.293 nelle Marche, 774 in Campania, 846 in Puglia, 123 nella Provincia autonoma di Trento, 872 in Sicilia, 180 in Friuli Venezia Giulia, 670 in Abruzzo, 101 nella Provincia autonoma di Bolzano, 29 in Umbria, 67 in Sardegna, 10 in Valle d'Aosta, 97 in Calabria, 122 in Molise e 18 in Basilicata.