REGGIO – Giovedì l’incontro formativo “Verso la transizione energetica”

Giovedì 2 dicembre, a Reggio, alle 9.30, nella sala convegni dell’Ente Scuola edile per la formazione e la sicurezza, è in programma l’incontro formativo dal titolo Verso la transizione energetica.

L’incontro nasce dal progetto del Formedil nazionale, a cui ha aderito l’Ente scuola edile per la formazione e la sicurezza di Reggio Calabria.

Sui temi dell’incontro, quali la bilateralità nel settore delle costruzioni, la cultura della salute e la sicurezza sul lavoro, l’efficientemente energetico, interverranno Francesco Carnovale e Maria Elena Senese, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’ Esefs, Maria Daniela Musarella, dirigente dell’istituto di istruzione superiore “Righi”; Daniela Patrucco, responsabile comunicazione dell’Energy4com e il geometra Luigi Troia, relatore Saint-Gobain Weber.

I lavori del dibattito, al quale prenderanno parte gli studenti dell’istituto superiore “Righi”, saranno trasmessi anche attraverso la piattaforma Zoom meeting.

L’Esefs quale ente bilaterale – organismo paritetico del settore edile – ha promosso presso le ultime classi degli istituti di istruzione superiore della provincia di Reggio Calabria, senza alcun aggravio economico per le istituzioni scolastiche, il progetto sperimentale “Formedil” con lo scopo di promuovere la conoscenza del settore a cura dei giovani studenti che lasciano l’ambiente scolastico per inserirsi nel mondo del lavoro, al fine di renderli più consapevoli sulle potenzialità della loro carriera scolastica nonché sulle prospettive future, unitamente all’impegno di renderli più consapevoli sul principio che il rispetto delle norme è il presupposto fondamentale per  una vita più sicura. (rrc)

REGGIO – Si dimettono i consiglieri Malaspina, Marino e Ripepi

Proseguono le dimissioni del centrodestra al Comune di Reggio: dopo i consiglieri di Forza Italia, a lasciare Palazzo San Giorgio sono stati i consiglieri Nicola Malaspina, di Reggio AttivaDemetrio Marino, di Fratelli d’ItaliaMassimo Ripepi, di Coraggio Italia.

Con le dimissioni di Malaspina, «Reggio Attiva – si legge in una nota – si aspetta, da parte del sindaco e da tutti i consiglieri di maggioranza, uno scatto d’orgoglio ed una manifestazione di amore nei confronti della città. Speriamo vivamente che, preso atto della situazione, ormai divenuta ingestibile, la maggioranza faccia in modo che la città torni al più presto al voto».

Per il movimento, infatti, «i reggini non meritano di assistere a questo ulteriore teatrino inscenato dal centro sinistra, finalizzato solo ed esclusivamente alla spartizione di poltrone. Mettetevi l’anima in pace questa legislatura è ormai finita. Reggio ha bisogno di ricominciare per cercare di risorgere dalle macerie nella quale, questa amministrazione la ha condotta».

Per la deputata Wanda Ferro e il commissario provinciale Denis Nesci di Fratelli d’Italia, «l’amministrazione Falcomatà è giunta al capolinea», che è «giusto tornare al voto» e che «siano i cittadini a scegliere da chi essere governati, perché un facente funzioni delegittimato dagli stessi partiti che dovrebbero sostenerlo, è il segnale tangibile che questa esperienza amministrativa sia giunta al termine».

Ripepi, infine, ha definito le sue dimissioni come «un atto doveroso di responsabilità e di amore verso la Città».

«Ad uscire male da questa vicenda – ha proseguito – è l’andamento della cosa pubblica, che proprio in questi giorni è oggetto di operazioni politiche e non certo di programmazione. Delle correnti politiche, perché di partiti veri e propri di certo non si può parlare, che si contendono numeri a Palazzo San Giorgio. Una sommatoria il cui risultato certamente non potrà essere positivo e che nasconde tante incognite negative. “Coraggio Italia” e le altre forze del centro destra, si oppongono fortemente  a queste logiche».

«Chi continuerà a sostenere l’amministrazione Falcomatà e il facente funzioni Brunetti  – ha concluso – sarà complice di questo disastro amministrativo e morale. Reggio Calabria non può dimenticare neanche le vicende dei brogli elettorali, forse oggi considerate marginali rispetto alla vicenda “Miramare”, altro spaccato del fallimento di questa Amministrazione». (rrc)

REGGIO – Si presentano esiti ed evento finale del Premio Mondiale di Poesia Nosside

Domani mattina, a Reggio, alle 11, all’Università per Stranieri “Dante Alighieri”, la conferenza stampa di presentazione degli esiti del Premio Mondiale di Poesia Nosside, giunto alla 36esima edizione, la cui cerimonia di premiazione è prevista il 3 dicembre, al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.

Nel corso dell’evento, inoltre, sarà presentata l’edizione 2021 dell’Antologia edita da Media&Books.

Interverranno il Rettore della Dante Alighieri, prof. Antonino Zumbo, il Presidente Fondatore del Premio prof. Pasquale Amato e alcuni Partners: il giornalista ed editore dell’Antologia dott. Santo Strati, il membro del Direttivo Nazionale dell’Avis, dott. Domenico Nisticò, il Presidente della Camera di Commercio, dott. Antonino Tramontana e il Presidente della Fondazione Lamberti-Castronuovo, dott. Eduardo Lamberti Castronuovo.

Nel 2021 ha prevalso la lirica “Prontu Succorsu-Pronto Soccorso” in dialetto Reggino Jonico di Alfredo Panetta, nato a Locri ed emigrato a Milano, uno dei tanti figli della nostra terra che hanno intrapreso la via della diaspora. Pur vivendo e lavorando nell’entroterra milanese in una sua bottega artigiana da decenni, non ha mai voltato le spalle alle sue radici, anche attraverso l’uso della sua lingua madre nelle composizioni poetiche.

Le partecipazioni da ogni continente del pianeta in un vortice di lingue e idiomi sono state in sintonia con il percorso tracciato da decenni dal Nosside. Il nostro Viaggio nel mondo è stato ispirato dalla presenza di tanti dialetti e di tre lingue minoritarie (occitanica, arberëshë e grecanica) nelle Calabrie e dall’importanza dei dialetti e delle lingue minoritarie in un Paese come l’Italia che ha un’identità plurale. (rrc)

REGGIO – Presentato il Professional Day

È stato presentato, a Reggio, il Professional Day, una due giorni in programma il 2 e 3 dicembre, dedicata al mondo del lavoro.

Presso la Camera di Commercio reggina, infatti, ha ufficialmente preso il via la serie di iniziative che aiuteranno l’incontro fra domanda ed offerta occupazionale promossa dal Cisme in partenariato, fra gli altri, con Comune, Città Metropolitana, Ente camerale, Università “Mediterranea” e Università per stranieri “Dante Alighieri”

«È una grande opportunità – ha spiegato l’assessora Giuggi Palmenta –. Simili iniziative sono un modo pratico e concreto per mettere a contatto aziende e giovani in un contesto che ha davvero un’incredibile necessità di lavoro».

Concetto ripreso dal dirigente Francesco Macheda che, nel corso del suo intervento, ha parlato di «un evento importantissimo per i nostri ragazzi e per chi vuole avere una possibilità di iniziare un’attività».

«La Città Metropolitana è presente – ha spiegato – in continuità con le deliberazioni degli ultimi consigli metropolitani che, dal 2014, si riassumono nella sottoscrizione di un’alleanza fattiva e reale, con altri attori del territorio, aperta a chiunque voglia contribuire alla crescita sociale, civile, economica ed occupazionale attraverso gli ambiti dell’istruzione, della formazione, dell’orientamento, delle opportunità offerte dalle norme e dalla programmazione Ue. Un lavoro che assume ancora più importanza visto il momento storico delicatissimo che stiamo attraversando a causa della pandemia in corso».

«Durante la due giorni – ha continuato Macheda – all’é-hotel saranno presenti aziende che intervisteranno giovani e disoccupati in cerca di lavoro offrendo una vera e propria possibilità contro, soprattutto, lo scoraggiamento di questi tempi drammatici scanditi dal Covid». (rrc)

REGGIO – Danneggiata la Piccola Biblioteca Internazionale “Umberto Zanotti Bianco”

A un mese dall’inaugurazione avvenuta nel centro di Reggio Calabria presso piazza Carlo Mezzacapo, anche conosciuta come piazza Sant’Agostino, nella notte tra il 27 e 28 novembre 2021 la Piccola biblioteca internazionale “Umberto Zanotti Bianco” è stata rovinata da ignoti. 

Sono state trovate alcune pietre al suo interno. Probabilmente queste ultime sono state lanciate e hanno rotto il rivestimento trasparente che permetteva a chiunque di vedere il contenuto della biblioteca, senza bisogno di aprire la porticina verde. Durante il suo primo mese di vita la piccola biblioteca, decorata con fiori che nascono da rami sottili, è stata frequentata da un pubblico multiculturale.

A testimonianza di ciò, oltre ai romanzi in italiano depositati dai cittadini, è stato possibile osservare all’interno della biblioteca la presenza di testi in arabo, francese, russo, inglese, oltre a dizionari in diverse lingue, tra cui i dizionari di italiano, utilissimi per gli studenti stranieri della Scuola italiana in piazza. Si tratta di una realtà associativa che proprio in piazza Sant’Agostino si dedica all’insegnamento di lingua e cultura italiane a minori e adulti stranieri, con una prospettiva interculturale di scambio linguistico, di esperienze e di valori. 

Progressivamente la biblioteca aveva inoltre assunto un carattere intergenerazionale: erano presenti infatti anche libri illustrati e di narrativa per bambini, alfabetieri, fumetti, manga e graphic novel. Passando dalla piazza Sant’Agostino era ormai abituale osservare qualcuno che consultava i testi contenuti nella biblioteca, qualcun altro che portava un libro o ne prendeva uno per sé.

La piccola biblioteca è nata da un’idea dell’Associazione Culturale Magnolia, che nel mese di ottobre aveva ottenuto i permessi necessari per l’installazione in piazza Sant’Agostino di una casetta di legno artigianale realizzata dalla Scuola italiana in piazza. Secondo il progetto, la piccola biblioteca avrebbe contenuto libri messi a disposizione dai cittadini per i cittadini stessi. La realizzazione delle piccole biblioteche diffuse è un’attività a cui l’Associazione Magnolia si dedica da diversi anni in collaborazione con altre realtà. Recentemente proprio un’altra piccola biblioteca diffusa in piazza Castello, sempre nel centro di Reggio Calabria, ha subito ripetuti atti vandalici. 

All’inaugurazione della nuova biblioteca in piazza Sant’Agostino avevano partecipato cittadini di diverse nazionalità residenti a Reggio e in particolare i genitori avevano portato i propri bambini per far conoscere loro questo nuovo piccolo patrimonio per la collettività, per dare l’opportunità di familiarizzare con i libri in carta e copertina. 

Proprio dalla necessità di riflettere sul ruolo dei bambini per la città, parte l’appello della Scuola italiana in piazza: «Educhiamo i nostri figli a prendersi cura e a valorizzare le risorse messe a disposizione della collettività. È uno dei pochi modi che abbiamo per venir fuori dal degrado umano di cui il vandalismo è l’ultima espressione in termini di carenze e fragilità! Non abituiamoci a queste cose soltanto perché intorno ci dicono che in questo posto niente può cambiare. Se non vogliamo arricchire la città in cui viviamo per noi stessi, facciamolo per i nostri figli, nipoti, e per tutti i bambini! Se diamo ai bambini le opportunità di cui hanno bisogno, saranno loro stessi ad aiutarci a rendere il luogo in cui viviamo un posto migliore». (Giorgio Furfaro)

REGGIO – Massimo Ripepi è il coordinatore provinciale di Reggio Calabria

Importante incarico per Massimo Ripepi, che è stato nominato coordinatore provinciale di Reggio Calabria di Coraggio Italia.

«Dopo un lungo periodo di riflessione – ha spiegato – mi sono convinto che l’impegno e la volontà di lavorare per costruire un futuro migliore per Reggio Calabria fossero l’unica strada da percorrere per dimostrare senso di responsabilità nel totale interesse della comunità reggina. Ho accettato  perché credo nel progetto e ringrazio i fondatori di ‘Coraggio Italia’ per avermi conferito questo importante incarico che mi vedrà impegnato in tutti i 97 comuni dell’area metropolitana».

«Serve –  aggiunge Ripepi – la capacità di offrire una vera visione strategica al territorio che si amministra, mentre oggi viviamo, ad esempio in riva allo Stretto, una stagione di immobilismo da parte di un’amministrazione comunale che, già al suo secondo mandato, stenta ad affrontare e risolvere le problematiche del primo. Un degrado ormai evidente e dovuto principalmente alla totale mancanza di programmazione, che sfocia anche nel dover spolverare progetti di amministrazioni precedenti».

«Viviamo chiaramente – ha proseguito – in un territorio di facili annunci, che  non trovano  un concreto riscontro progettuale e soprattutto non portano a nessun risultato concreto».

A detta del coordinatore provinciale di ‘Coraggio Italia’  «Reggio Calabria e la sua provincia hanno  enormi potenzialità che sembrano dimenticate, come se settori come il  turismo non potesse essere una forma di sviluppo esponenziale su cui puntare. Oggi occorre fare politica per i cittadini  e per il territorio, tornare ad alzare la voce davanti ai problemi irrisolti, lottare in prima linea per il bene comune».

Ripepi, inoltre, ricorda che ‘Coraggio Italia’ scenderà nei prossimi giorni anche nelle piazze di tutta la provincia, perché la politica nasce dall’ascolto. Faremo sentire la nostra presenza  in tutti i 97 comuni della città metropolitana, di cui mi occuperò, visitandoli uno per uno, per una capillare partecipazione dei cittadini.

«Insieme ai vice coordinatori  provinciali Giuseppe Coluccio, Pietro Di Certo e Francesco Bruzzaniti  e ai giovani a cui va il mio augurio e le cui qualità politiche e professionali sono note – fa sapere –  lavoreremo per costruire sul territorio un organismo capace di dare risposte e di mettere in campo azioni per un futuro migliore. Lavoremo insieme a  Pasquale Imbalzano, coordinatore cittadino di Reggio Calabria, che sono sicuro farà bene per la città e per il partito».

Poi conclude: «Incontreremo, quindi, tutti i dirigenti ma anche i tanti  simpatizzanti e i semplici cittadini, fulcro dimenticato di una politica per il territorio. Le sfide che ci aspettano sono tante:  a partire dall’utilizzo dei fondi del PNRR alla valorizzazione del Porto di Gioia Tauro, dalla triste vicenda dell’Aeroporto di Reggio Calabria al riconoscimento del patrimonio culturale come ad esempio quello della Locride». (rrc)

REGGIO – Successo per l’installazione artistica “City Life”

Grande successo per l’installazione artistica City Life dell’artista Lbs, che lo scorso 27 novembre ha fatto tappa a Reggio Calabria. L’intento è stato quello di  sensibilizzare la cittadinanza ai problemi che circondano la città, utilizzando il  linguaggio artistico concettuale.  

L’installazione City Life dell’artista LBS è stata realizzata grazie soprattutto al contributo sostanziale e principale dei suoi collaboratori: Andrea Lofaro, direttore fotografico; Alessandro Miceli e Giulia Salutari, videografi; Cheren Surfaro, stilista. 

È stata principalmente una critica sociale al sistema politico, sia di sinistra che di  destra, il quale paradossalmente può essere, come anche no, l’artefice di tutti i  problemi, o il capro espiatorio di un sistema culturale ormai degradato. Il messaggio più importante per l’artista deve venire dall’arte e dalla cultura, ed è  per questo che vorrebbe donare, simbolicamente, la sua opera alle amministrazioni. 

LBS promette di non abbandonare con il suo lavoro artistico la città di Reggio Calabria; inoltre tra i suoi progetti futuri ha già in programma una sua mostra  personale dal titolo The Wall, mostra dal tema provocatorio che vedrà tappa in  Italia e all’estero. (rrc)

A Staiti e Palizzi Marina due importanti iniziative di Libera Reggio Calabria

Per la giornata di domani, Libera Reggio Calabria ha organizzato due importanti iniziative a Staiti e Palizzi Marina.

Il primo, a Staiti, dove dopo 34 anni, Mimmo Zappia, colpito per errore nel 1987, ha ottenuto il riconoscimento di vittima innocente, anche grazie alla battaglia della madre Concetta Micera che sarà presente. Il secondo a Palizzi Marina, dove è stata organizzata, un’intera giornata in memoria di Celestino Maria Fava, vittima innocente della criminalità organizzata, da 25 anni senza verità e giustizia.

Inoltre, con l’inserimento dell’ultima biografia, è stato completato il blog Memoria e Impegno, che contiene le storie delle vittime innocenti del nostro territorio, visitabili al seguente indirizzo: https://memoriaeimpegno.blogspot.com. Ciò è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione di Agesci che, con i suoi scout, ha contribuito alle ricerche e all’inserimento dei dati. (rrc)

In copertina, Celestino Fava

REGGIO – Al Planetario Pythagoras un laboratorio per ipovedenti

Il Planetarium Pythagoras i Reggio Calabria realizza il primo laboratorio di Astronomia “inclusiva” per non vedenti ed ipovedenti, curato dal prof. Raffaele Belligoli, esperto in divulgazione delle conoscenze astronomiche inclusive, con la finalità di fare fruire le bellezze della volta celeste anche a chi il cielo non può osservarlo con gli occhi.

Ciò è stato possibile grazie al contributo erogato dal Consiglio Regionale nel 2018, la Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Un’“officina” all’insegna della scienza, dell’inclusione e della solidarietà sociale.

Le esperienze che si intendono promuovere sono finalizzate alla costruzione di modelli (in 3D) e strumenti tattili che consentano di comprendere ugualmente i fenomeni astronomici e di interagire in termini didattici.

Il laboratorio è una struttura unica, attualmente, nella nostra regione, che oltre a mettere a disposizione ausili innovativi, intende anche sperimentare la produzione di supporti didattici che facilitino l’apprendimento tattile e verbale dell’astronomia.

Partendo da queste premesse e sulle solide fondamenta di alcune consolidate esperienze, nei giorni 29 e 30 novembre, presso il Planetario Pythagoras Città Metropolitana di Reggio Calabria si svolgerà un convegno didattico-formativo, rivolto agli operatori del settore ed ai docenti interessati, con l’obiettivo di condividere ed esaminare le attività fin qui svolte a carattere nazionale di astronomia inclusiva. 

Mentre l’incontro del 29 novembre (ore 9:00) è destinato ad operatori e soprattutto insegnanti, quello del 30, invece, sarà rivolto alle scuole e di particolare significato per gli studenti con disabilità visive. 

Alle scuole è stata inviata una specifica comunicazione esplicativa delle modalità di partecipazione. 

Saranno tutte occasioni preziose per tutti coloro che lavorano nel campo scolastico ed associativo a sostegno di persone con disabilità visiva, che speriamo porti frutto in termini di accesso ad un mondo dal quale queste persone sembrano escluse.

Le attività si concluderanno giorno 30 con la presentazione del laboratorio alla cittadinanza. 

Anche per pianificare l’accesso, stante l’emergenza Covid, si raccomanda di prendere contatto con lo staff organizzativo. 

Le modalità di prenotazioni possono essere visionate collegandosi al sito www.planetariumpythagoras.com. (rrc)

REGGIO – L’incontro su la vita e l’opera di Diego Carpitella

Martedì 30 novembre, a Reggio, alle 15.45, allo Spazio Open, l’incontro pubblico su La vita e l’opera di Diego Carpitella etnomusicologo, organizzato dal Circolo Culturale Apodiafazzi in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma.

Si parte con i saluti di Domenico Cappellano, presidente Commissione Toponomastica, la prof.ssa Daniela Geria, del Conservatorio di Musica “Francesco Cilea” di Reggio, dott. Carmelo Giuseppe Nucera, presidente del Circolo Culturale Apodiafazzi di Bova.

Intervengono Francesco Giannattasio, già Università La Sapienza di Roma e Giovanni Giurati, dell’Università La Sapienza.

A seguire, la proiezioone del film Calabria: zampogna/chitarra battente con la regia di Diego Carpitella dalla serie I suoni: ricerche sulla musica popolare italiana, produzione terza rete Rai 1982. Sarà presente la dott.ssa Roberta Tucci, dell’Università la Sapienza. Sarà presente, infine, la famiglia di Diego Carpitella. (rrc)