L’International Street Food fa tappa a Siderno

Dal 14 al 17 agosto, a Siderno, a Piazza Portosalvo, fa tappa la sesta edizione dell’International Street Food 2022, la più importante manifestazione di street food esistente in Italia, organizzata da Alfredo Orofino.

Si tratta del più grande evento itinerante di alta cucina, che porta con sé tutti i profumi ed i sapori dei piatti più famosi della tradizione regionale ed internazionale. Sono previste 150 tappe in tutta Italia.

La manifestazione riparte, dopo il grande successo delle precedenti edizioni, che sono state accolte dal pubblico con molto entusiasmo. Sono arrivati in molti, per gustare le prelibatezze cucinate dai protagonisti di questo festival, gli chef su strada, che hanno difeso con caparbietà e orgoglio i loro street food, all’insegna di tutti i cibi migliori di strada.

In questa quarantunesima tappa ci saranno 20 stand con moltissime prelibatezze, fra le quali: la Cucina irlandese, la Paella Valenciana, la Cucina Argentina, gli arrosticini e le pannocchie alla brace, il Pulled pork, Bombette di Alberobello, arrosticini, carciofo alla giudia gli arancini, i cannoli, la pasta di mandorla siciliana, gli Hamburger gourmet, i Panini di mare con polpo e salmone.

Tanti ristoranti itineranti, chef qualificati pronti a stupire con le particolarità e la qualità della loro cucina.

Eccellenza, originalità, tradizione e pulizia sono le parole d’ordine per ogni tappa di questo festival. Nello stesso posto è possibile gustare prodotti di paesi diversi, di posti lontani ed essere avvolti da tanti profumi e sapori.

Un appuntamento culinario di grande originalità per le cucine internazionali presenti, non tralasciando mai l’attenzione alle realtà gastronomiche regionali provenienti da tutta Italia.

«Siamo felici del successo che i nostri chef hanno riscosso nelle precedenti edizioni, la cucina ed il cibo di strada, fanno parte della nostra cultura. L’entusiasmo della gente che è accorsa numerosa ci ha riempito il cuore di gioia», ha dichiarato Alfredo Orofino, organizzatore dell’International Street Food, soprannominato il re dello street food e presidente dell’Airs Associazione Italiana Ristoratori di Strada. «Siamo certi – ha concluso – che questa edizione verrà accolta con lo stesso entusiasmo e calore».

Dopo Siderno l’International Street Food sarà: a Cetraro Marina, ad Ostia e in tane altre città. (rrc)

REGGIO – Presentato il Pentedattilo Film Festival

È stata presentata, al Parco Ecolandia di Reggio Calabria, la 14esima edizione del Pentedattilo Film Festival, promosso e organizzato da Ram Film, per la direzione artistica di Americo Melchionda ed Emanuele Milasi, e finanziato dalla Fondazione Calabria Film Commission.

 Un evento che si inserisce pienamente nella rete di manifestazioni supportate attraverso l’Avviso pubblico per il sostegno alla realizzazione di festival e rassegne cinematografiche e audiovisive in Calabria 2022, che in questa estate 2022 propone un fitto calendario di appuntamenti di prestigio e di grande interesse in tutto il territorio regionale.

All’incontro è intervenuto il commissario straordinario della Fondazione, Anton Giulio Grande, che ha evidenziato il valore e l’altissima qualità proposta da quello che è divenuto negli anni uno dei Festival di cortometraggi più importanti d’Europa.

«Sono molto contento – ha detto Grande – che questa manifestazione abbia ricevuto il sostegno della Calabria Film Commission quest’anno per la prima volta. Lo sguardo internazionale del Festival si coniuga alla valorizzazione dei nostri luoghi e delle nostre bellezze, il borgo affascinante e suggestivo di Pentedattilo, ed è questa la mission del nostro ente e il mio personale impegno».

Nel momento di apertura del concerto, Grande ha inoltre sottolineato la bella atmosfera creata dalla commistione tra musica e cinema, quella “condivisione tra sentimenti, passioni, forme d’arte diverse e luoghi” che anche il cantautore Voltarelli ha ricordato come cifra della sua musica, durante la conferenza stampa. 

Il binomio cinema-territorio è fin dall’inizio il perno del Festival, «ci siamo sempre posti questo obiettivo: non dimenticare il passato guardando al futuro e valorizzare attraverso la cultura i nostri meravigliosi luoghi», ha ribadito Maria Milasi, direttrice di produzione.

Il Pentedattilo Film Festival, nello spirito che lo radica fortemente alla sua terra, si snoda in questa edizione per tutta la provincia reggina con tre anteprime che propongono una selezione dei corti in concorso, in una disseminazione che incontra un pubblico variegato. La prima, appunto, nel bellissimo forte umbertino sulla collina a nord di Reggio, divenuto il Parco ludico-tecnologico-ambientale Ecolandia, il 17 agosto a Locri presso lo spazio culturale Planteria, e il 18 presso il Parco archeologico dei Tauriani di Palmi. 

Le novità della cinematografia contemporanea sono state scelte con un lungo e meticoloso lavoro, attraverso la rete di networking creata nel lungo percorso della manifestazione.

«Sono stati 592 i corti provenienti da 56 paesi visionati dalla giuria di selezione, – ha proseguito Milasi –, 120 cortometraggi in concorso provenienti da tutto il mondo nelle tradizionali cinque sezioni in concorso, Territorio in movimento, Comedy, Music Video, Animation, Thriller, alle quali si aggiungono le nuove Quarantine Short Films e Showcase Calabria Special Screening e una sezione fuori concorso, Climate Change Special Screening. Produzioni originali, che si sono distinti nella rete festivaliera europea e mondiale, – quali il Toronto Film Festival, la Mostra del Cinema di Venezia, Sundance Film Festival, Berlino International Film Festival e altri – molte delle quali sono proiettate per l’occasione in prima nazionale».

«Come per ogni edizione – ha spiegato Melchionda – saranno solo giurie di qualità a confrontarsi sulle opere in concorso; professionisti di alto profilo del settore cinematografico nazionale e internazionale, come Marino Guarnieri, Christian De Vita, Saleh Nass, Giacomo Triglia, Florian Deyle, Paolo Polimeni, e tanti altri, ognuno specializzato in generi e ruoli specifici, produttori, autori, sceneggiatori, registi, direttori della fotografia, fumettisti».

Il borgo di Pentedattilo tornerà a essere animato con le numerose proiezioni, le masterclass e gli eventi collaterali in programma. Protagonisti del mondo del cinema come Daniele Ciprì, Christian De Vita, Giacomo Triglia, della letteratura come Aldo Nove e Michele Caccamo, terranno dei momenti formativi aperti e gratuiti che si alterneranno, inoltre, ha ricordato Katia Colica, responsabile del programma “Parole e cinema”, «a dialoghi con i giurati, con i numerosi filmmaker italiani e stranieri presenti, incontri letterari, un particolare focus tematico su Pier Paolo Pasolini nel centenario della nascita, e poi ancora mostre e performance musicali e infine un evento speciale».

All’incontro – moderato dalla giornalista Oriana Schembari – sono intervenuti il sindaco del Comune di Melito Porto Salvo, Salvatore Orlando, che insieme alla Città Metropolitana di Reggio Calabria, patrocina la manifestazione; Marcello Spagnolo, per il Parco Ecolandia, Domenico Quattrone, per l’Associazione Pro Pentedattilo, in rappresentanza dei vari partner del Festival, che è sostenuto anche da numerose partnership nazionali e internazionali. (rrc)

BOVA MARINA (RC) – Al via il progetto “Odissea – Racconti di un viaggio nella Calabria greca”

Prende il via oggi, a Bova Marina, il progetto Odissea – Racconti di un viaggio nella Calabria greca, una esperienza culturale innovativa promossa dal Comune di Bova Marina e cofinanziato dalla Regione Calabria nell’ambito dell’“avviso pubblico per il sostegno di attività di animazione nei bbcc_annualita 2020 -pac 2007/2013”.

Si tratta di una prima edizione che propone un’articolata programmazione che propone spettacoli serali, laboratori, workshop, incontri letterari, performance artistiche, installazioni e mostre.

Fino al prossimo 30 settembre, presso la Biblioteca “Pietro Timpano” di Bova Marina, con ingresso gratuito, si svolgeranno una serie di attività che mirano a creare all’interno dell’area Grecanica, un progetto a cadenza annuale che possa catalizzare le risorse artistiche nazionali e locali attraverso la circolazione e l’integrazione di linguaggi artistici e produzioni originali e inedite.
Il progetto propone una contaminazione di arti e di saperi che coniuga l’aspetto dell’intrattenimento alla creatività e allo sviluppo culturale e turistico dei territori. Filo conduttore del progetto è la tematica del viaggio e del racconto attraverso varie forme di narrazione: viaggio nell’arte, viaggio nella storia, viaggio nel mito, viaggio nelle tradizioni ed infine viaggio come esperienza che genera memoria. I laboratori e le attività artistiche previste hanno infatti tutte come sfondo il tema del viaggio e del racconto come intento quello del recupero delle tradizioni locali per ricordare la storia e la memoria incisa nei luoghi.
Il progetto quindi, è un viaggio nella Calabria greca attraverso un metodo di narrazione sperimentale innovativo che si esplica nelle molteplici forme dell’arte scenica e visiva. Raccontare il viaggio in questi luoghi, non solo attraverso i percorsi classici dell’archeologia, ma soprattutto mediante la molteplicità delle arti performative (teatro, danza e musica) contaminate dalle arti visive al fine di interpretare e comunicare un’immagine innovativa e sperimentale del processo di stratificazione urbana della città di Bova Marina nel corso dei secoli fino al nuovo assetto contemporaneo.
Gli eventi artistici e culturali di grande qualità vedranno ospiti artisti nazionali e regionali che metteranno in scena opere originali e inedite narrando luoghi e storie della Calabria greca.

Il cartellone

13 agosto – ore 21,30
Piazza Municipio
Spettacolo “MagnagrecAntico” con il cantastorie Fulvio Cama e il prof. Daniele Castrizio
14 agosto – ore 21,30
Piazza Municipio
Spettacolo con artisti di strada
19 agosto – ore 21,30
Piazza Municipio
Stasera Legg’io, spettacolo teatrale e musicale di e con Gigi Miseferi.
23 agosto – ore 21,30
Cortile Biblioteca comunale
Spettacolo musicale Voci di Sirene con Marinella Rodà

REGGIO (RC) – “Gambarie da leggere”, il libro “Alba pratàlia aràba”

Questo pomeriggio, alle 17.30, all’Hotel Centrale di Gambarie, è in programma la presentazione del libro Alba pratàlia aràba di Benedetta Borrata.

L’evento è il secondo appuntamento della rassegna Gambarie da leggere, una serie di incontri voluta fortemente dall’ Amministrazione comunale di Santo Stefano in Aspromonte, guidata dal sindaco Francesco Malara, per arricchire le giornate per i  turisti e villeggianti presenti in questo periodo a Gambarie.

Dialogano con l’autriece Samantha De MartinFrancesco IdottaNatale pace.

 

REGGIO – Il Premio Nazionale “Reggio Calabria Day”

Domani sera, a Reggio, alle 19.30, al Circolo del Tennis “Rocco Polimeni”, è in programma la 19esima edizione del Premio Nazionale “Reggio Calabria Day”, promosso dall’Associazione di promozione turistica “Pro Loco Città di Reggio Calabria”, che sarà assegnato all’artista visivo Xante Battaglia.

La manifestazione, patrocinata dal Consiglio regionale della Calabria, Camera di Commercio di RC e dal Comune di Reggio, vuole valorizzare le risorse storico-culturali e produttive del territorio reggino e dell’area dello Stretto, con l’obiettivo di divulgare e proiettare l’immagine della nostra città anche nei confini nazionali.

Il presidente, Giuseppe Tripodi, ha spiegato il senso di «questo ambito premio, ossia riconoscere l’alto valore di artigiani, imprenditori e uomini e donne di cultura che, con il proprio lavoro, portano avanti le tradizioni della nostra città, valorizzando la storia, i prodotti e la cultura della nostra terra in tutto il mondo.

Artista del postconsumismo, Xante Battaglia è un artista italiano con esperienza le cui opere sono state esposte, messe all’asta e citate per decenni. I suoi dipinti danno vita alla figura femminile – la “Grande Madre”.

Ha esposto a Milano, Ferrara, New York, alla Biennale di Venezia e a Parigi e, recentemente, ha realizzato una House Gallery a Gioia Tauro. È titolare della prima cattedra di pittura nell’Accademia di Belle Arti di Brera. (rrc)

REGGIO – Successo per la conferenza di Mario Micheli sul mistero dei Bronzi

Sulla terrazza del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, grande successo per la conferenza del prof. Mario Micheli, che ha relazionato sui risultati degli interventi di restauro di operati sui Bronzi di Riace tra il 1992 e il 1995. 

L’evento rientra nell’ambito de I grandi incontri organizzati dalla Direzione del Museo insieme all’Associazione Culturale Amici del Museo.

In apertura, il direttore, dr. Carmelo Malacrino, dopo aver sottolineato la piena collaborazione intercorrente con l’Associazione “Amici del Museo” ha presentato il conferenziere, illustrandone l’ampio è ricco curriculum vitae, mettendo in evidenza il suo rapporto quasi personale con le statue greche recuperate cinquanta anni fa sulla costa ionica, e la vita attività accademica e didattica svolta nell’ambito dell’Università Roma 3. 

È stata, quindi, la volta del presidente dell’Associazione, prof. Francesco Arillotta, il quale ha, anch’egli, richiamato i legami storici tra l’istituzione museale reggina è la sua Associazione,. Egli, quindi, ha evidenziato il valore culturale dell’evento, proprio sotto il profilo della maggiore conoscenza del “mistero” che da sempre aleggia attorno ai Bronzi. Arillotta, per la circostanza, ha fatto omaggio, al prof. Micheli, di una copia del «Repertorio della Carta Archeologica di Reggio Calabria» pubblicata nel 2011 dall’Associazione.. 

Ha preso, quindi, la parola l’accademico. Egli, arricchendo il suo dire con una ampia serie di immagini, ha rifatto il percorso degli interventi di restauro e di conservazione delle statue, fin dal momento in cui furono recuperate dal mare. Prima a è Reggio Calabria, poi all’Istituto del Restauro della Soprintendenza Archeologica di Firenze, infine negli ambienti predisposti nel Palazzo Campanella del Consiglio Regionale calabrese.

Un grande impegno profuso dalle varie equipe di restauratori, per un recupero totale dei preziosi manufatti e per le comprenderne meglio le tecniche artistiche usate dai loro creatori. Grazie al loro lavoro intelligente, tante emergenze sono state superate, tanti passaggi sono stati chiariti. Innanzitutto, Micheli ha affermato che diversa è la struttura tecnica delle statue: omogenea quella della statua A, disomogenea quella della statua B, che, addirittura, presenta parti del suo corpo, come una gamba, realizzate separatamente e poi ricomposte nell’intero. Interessante la tecnica della sovrapposizione stratigrafica dell’argilla usata per la creazione della sagoma da usare come base per la fusione bronzea. Dalle significative, profonde differenze tecniche rilevate fra le due composizioni, il prof. Micheli ha tratto la considerazione di un intervento di due artisti diversi, ai quali attribuire la paternità delle statue.

Una annotazione particolare: in uno dei gli strati di argilla fresca sono rimaste le impronte digitali di questo anonimo scultore di due mila e cinquecento anni fa.  Un lungo e convinto applauso ha chiuso la brillante conversazione del prof. Micheli, a testimonianza del vivo interesse che la sua scientifica esposizione ha suscitato negli astanti. 

Il mistero del Bronzi di Riace, oggi, è un po’ meno profondo. (rrc)

 

GIOIOSA IONICA (RC) – Gli appuntamenti del FilMuzik Arts Festival

Proseguono gli appuntamenti, a Gioiosa Ionica, della quarta edizione del FilMuzik Arts Festival, organizzata dall’Associazione culturale Bird Production.

La kermesse è stata finanziata dalla Calabria Film Commission attraverso l’Avviso pubblico per il sostegno alla realizzazione di festival e rassegne cinematografiche e audiovisive in Calabria 2022, che vanta una volta di più la direzione artistica di Alberto Gatto e dal titolo Pressure che, grazie al patrocinio del Comune di Gioiosa Ionica, vi attende nella sempreverde cornice del Giardino di Palazzo Amaduri anche giovedì 11 agosto quando, alle ore 21:30, tornerà l’appuntamento con il critico cinematografico Antonio Falcone per parlare de La musica nel cinema. Seguirà la proiezione dei videoclip Pervitin power di M. Korporal e Focu Meu di E. Niutta. Chiuderà la serata la proiezione del grande classico di Jim Sharman del 1973 The Rocky Horror Picture Show.

Venerdì 12 agosto, poi, a partire dalle ore 20:00, spazio alla Bonsai Esperienze, mostra d’arte bonsai a cura di Gei Bonsai En, cui sarà affiancata una mostra fotografica di Frank Armocida e una degustazione di Sushi e Vini a cura della Cantina Feudo Gagliardi. Chiuderà la serata, alle ore 22:00, la proiezione de Il caso Minamata di A. Levitas.

Sabato 13 agosto, dunque, si inizierà di nuovo all’ora dell’aperitivo quando, alle 18:30, si svolgerà la pratica di Hatha Flow Yoga a cura di Beatrice Garzaniti dal titolo Da cuore a cuore, durante la quale è prevista l’esecuzione di musica dal vivo di Mafalda Gara. Alle ore 22:00, invece, spazio alla proiezione di L’afide e la formica alla presenza del Regista Mario Vitale.

Domenica 14 agosto, infine, la manifestazione si sposterà nell’evocativa cornice del Teatro Romano di Marina di Gioiosa Ionica per ospitare la messa in scena di Antigone, tragedia di Sofocle di cui sarà rappresentata una riscrittura che avrà per protagonisti Maria Minasi e Americo Melchionda.

Un programma denso di incontri, cinema e cultura che rappresentano la chiusura ideale della prima parte del FilMuzik Arts Festival che, dopo la breve pausa di Ferragosto, è pronto a ripartire da martedì 16 agosto e fino alla fine del mese con tanti altri appuntamenti di grande qualità e prestigio, realizzati anche grazie alla preziosa collaborazione dei nostri partner. (rrc)

COSOLETO (RC) – Mimmo Luppino è nuovo commissario Udc

Il dirigente della Tim, Mimmo Luppino, è il nuovo commissario Udc a Cosoleto. Lo ha reso noto Paolo Ferrara, commissario provinciale.

«Mimmo Luppino – ha detto Ferrara – è dirigente della TIM e da sempre con lo scudocrociato nel cuore, da oggi è il nuovo Commissario cittadino di Cosoleto. Grande attivista nelle giovanili ai tempi della prima repubblica, rientra nel partito con l’obiettivo di rafforzare la presenza territoriale dell’UDC e costruire una classe dirigente per vincere le prossime elezioni amministrative di primavera».

Luppino ha ringraziato Ferrara «per la stima e la fiducia che ha riposto in me, nominandomi commissario Udc di Cosoleto».

«Sono cresciuto dentro la famiglia dello scudocrociato – ha detto ancora – ed è proprio qui che, oltre a essermi formato, ho vissuto gli anni più belli. È stata una scelta fatta col cuore e ringrazio Paolo che, col suo travolgente entusiasmo, è riuscito a farmi riaccendere la passione e darmi l’opportunità di ritornare nella mia casa. L’impegno sarà costante nel portare avanti gli ideali del partito sul territorio per essere protagonisti già alle prossime competizioni elettorali, nell’interesse di tutti i cittadini e del bene comune». (rrc)

ROGHUDI (RC) – Si Consegna il Premio Artemide

Questo pomeriggio, a Roghudi, alle 18.30, nella Sala Access Point, è in programma la consegna del Premio Artemide, promosso da AiParC col patrocinio del Comune di Roghudi, Melito Porto Salvo, Città Metropolitana di Reggio Calabria, Comune di Reggio Calabria e Kiwanis Club Città dello Stretto.

Dopo i saluti di Lucia Mangeruca, presidente AiParC territoriale di Melito, e di Irene Tripodi, presidente AiParC nazionale, intervengono Giuseppe Lucibello, consigliere delegato di Italiancare, su Il sistema sanitario italiano nella prospettiva del Pnrr, sfide opportunità, esigenzeGiovanni Arcudi, già direttore dell’istituto di Medicina legale a Tor Vergata di Roma, su La sfida deontologica della sanità nell’epoca post-pandemia e il dott. Achille Iachino, direttore generale dispositivi medici e Servizio Farmaceutico del Ministero della Salute, su Tra covid e Sud: una lezione per tutti. 

Modera Carlo Arnese, giornalista e cerimoniere AiParC nazionale.

A seguire, la consegna del 2° e 3° Premio Artemide anno 2020 al prof. Giovanni Arcudi e al dott. Achille Iachino. (rrc)

REGGIO – Giovedì il primo Memorial Sergio Fotia

Giovedì 11 agosto, allo Sport Village di Reggio Calabria, è in programma il primo Memorial Sergio Fotia.

L’evento, organizzato per ricordare un «uomo straordinario», sarà anche l’occasione per aiutare l’Hospice Via delle Stelle, struttura sanitaria a cui sarà devoluto l’incasso della serata, che prevede sport, arte, musica e buon cibo.

Si parte, alle 17.30, con il torneo Padel e dopo la premiazione, aperitivo e musica Dj set con Walter Zappia. A fare da cornice le bellissime installazioni di Franco Violante, Anna Morabito e Angela Cannizzaro.

«Sergio era di poche parole tutto quello che lui trasmetteva lo faceva senza misure e invadeva qualsiasi spazio con infinita bontà e con la voglia che tu dovevi essere suo amico perché lui amava conquistare la tua amicizia ed era così naturale che non ti accorgevi ma era già dentro il tuo cuore – ha dichiarato Gioacchino Foti –. Quindi, la parola grazie va rivolta a tutte le persone che lo hanno amato e che lui ha amato. Grazie, grazie e ancora grazie Sergio».
«Ho capito che possiamo trasformare il tempo in qualcosa di meraviglioso quando ci circondiamo delle persone giuste – ha aggiunto Marilisa, moglie di Sergio –. Sarà una serata dei” grazie”, non delle lacrime, degli addii, del dolore. Sergio ha sempre sostenuto che la famiglia e gli amici sono i pilastri della nostra esistenza. E sarà così anche l’11 sera. Con Sergio per sempre». (rrc)