CROTONE – Gianni Liotti è il nuovo presidente della Lega Navale

Gianni Liotti è il nuovo presidente della Lega Navale di Crotone, succedendo a Giovanni Pugliese, che ha guidato l’Ente per 18 anni, scrivendo una storia importante di Lega Navale.

A Pugliese il merito di aver traghettato la sezione di Crotone in una visione futura, che ha visto la realizzazione di progetti importanti che hanno avuto come mission l’educazione ambientale di centinaia di studenti crotonesi che in questi anni hanno avuto nella Lni Crotone un riferimento indiscusso. Sotto l’egida della presidenza di Giovanni Pugliese anche il restyling della sede della Lni di Crotone, fiore all’occhiello del Molo sanità, che lascia ammaliato chiunque giunga nella struttura. Ora tocca a Gianni Liotti, il compito di continuare un cammino già tracciato.

«Sento di avere un’enorme responsabilità – ha dichiarato Liotti – che è quella di succedere ad un grande presidente, una persona di grande spessore. Sono molto contento che questo passaggio di consegne sia avvenuto nel segno della continuità».

«La cosa che mi auguro di più – ha aggiunto Giovanni Pugliese, past president Lni Crotone – è che la compagine sociale sia di sostegno al consiglio direttivo, che i soci siano parte attiva nell’ottica di una collaborazione a progetti che continuino la mission di Lni, che è la diffusione della cultura e dell’amore per il mare tra le giovani generazioni. L’obiettivo, con questo cambio all’interno del direttivo, è di portare nuove leve che contribuiscano a progetti innovativi per promuovere l’educazione ambientale».

Insieme al neo presidente Liotti, entrano nel nuovo direttivo come consiglieri  Giuseppe Bellassai, Giancarmine La Greca, Alberto Mano, Federico Marasco, Bernardino Mongelluzzi, Giovanni Pugliese, Pasquale Sestito, Andrea Valenti. Eletti come consiglieri supplenti: Giuseppe Laterza, Nikola Drmac, Salvatore Manica, come revisori dei conti: Vincenzo Sisca, Ottavio Cavallaro, Maurizio Congi, supplente Raffaele Perrotta; come probi viri Gianfranco Stasi, Alessandro Russo, Marco Zumpano, supplente Francesco Federico(rkr)

CROTONE – La presentazione del libro “Khaos e Limite”

Questa sera, a Crotone, alle 19.00, al Giardino di Pitagora, la presentazione del libro Khaos e Limite di Domenico Frontera.

L’evento, che si potrà seguire in diretta su Radio Studio 97, prevede anche una raccolta di libri usati da donare in beneficenza, organizzata dal Leo Club CrotoneLions Club Crotone HostRotaract Club Crotone.

Intervengono Giuseppe Cerbino, curatore della collana Il volo di Esterina e l’autore. Modera Daniele Muscò(rkr)

CROTONE – Al Museo e Giardini di Pitagora “Stelle e Miti”

Questa sera, a Crotone, alle 21.30, al Museo e Giardini di Pitagora, è in programma l’evento Stelle e Miti, organizzato dal Circolo Ibis di Crotone.

L’evento, organizzato in collaborazione con la Cooperativa JobelArci Crotone nell’ambito della Summer Invasion, vedrà le guide del Circolo accompagnare i partecipanti a riconoscere le costellazioni di settembre visibili, menzionando i miti classici a esse collegate. (rkr)

CROTONE – Presentato il progetto “Laboratori esperenziali” per i detenuti

Un laboratorio che vuole far riconoscere ai detenuti le proprie emozioni, prendere consapevolezza di queste attraverso il confronto con se stesso, elaborando il vissuto personale valorizzando la funzione rieducativa della pena. È questo l’obiettivo dei Laboratori Esperenziali, un progetto ideato dall’Associazione Forever Young, nella persona della psicologa Pamela Liotti e del mediatore penale, dott.ssa Assunta Trifino.

Il progetto, presentato dal Garante Comunale dei Detenuti di Crotone, Federico Ferraro alla direzione della Casa Circondariale di Crotone, attende l’approvazione da parte dell’Amministrazione penitenziaria territorialmente competente, e prevede diverse strutturazioni che si potranno adattare in base alle normative e tempistiche in tempo di Covid-19 e che sono del tutto gratuite.

La prima, il Barattolo delle emozioni, è un’attività che (causa – ed effetto) si realizza attraverso un grosso barattolo contenente dei bigliettini rappresentanti le emozioni (rabbia, disprezzo, ansia, paura e insicurezza). A ciascun partecipante viene chiesto di pescare un bigliettino e raccontare un episodio legato a quell’emozione;

I quattro sensi è un laboratorio che richiede l’attivazione dei quatto sensi quali olfatto, udito, tatto e gusto. I partecipanti seduti in maniera circolare verranno a rotazione bendati dal conduttore, il quale poggerà la mano sulla spalla di ognuno di loro, come messaggio di vicinanza e di accompagnamento, nel corso del viaggio emozionale interiore che ognuno è chiamato a compiere;
Il blu e il colore della comunicazione è un’attività che consiste nel formare delle coppie casuali, che si ritagliano un posto riservato dove l’uno si racconta all’altro. Dopodiché le coppie si staccano e l’intera attività si svolge in maniera circolare. Ogni membro racconterà la storia dell’altro narrandola in terza persona. I partecipanti si passeranno la parola lanciandosi un gomitolo blu tenendone il capo;
L’Elettrocardiogramma delle emozioni primarie, ivece, si realizza attraverso l’utilizzo di un grande cartellone appeso alla parete, sul quale è riportato il disegno di un elettrocardiogramma. Ogni partecipante è invitato a scrivere su ogni punta dell’elettrocardiogramma la percentuale, compresa fra 1 a 100, in relazione al rapporto che ha con quella specifica emozione. La finalità di questo laboratorio è quella di capire quali emozioni prevalgono in quella persona sia esso adulto o minore, e comprendere su quali lavorare;
Il collage del tempo fa riferimento alle tre dimensioni del tempo, il passato, il presente e il futuro. Attraverso delle immagini, frasi, foto, ritagliate da giornali/riviste precedentemente richiesti, ogni partecipante può raccontarsi nelle tre dimensioni temporali incollando le immagini scelte, su un cartoncino. A lavoro concluso, il conduttore chiederà ad ogni partecipante quando spazio ha attribuito ad ogni dimensione, come si colloca rispetto ad ognuna di esse e quale di queste porta un peso più grande. (rkr)

 

CROTONE – Il Comune ha aderito a “Wiki Loves Monuments”

Il Comune di Crotone ha aderito, anche quest’anno, al più grande concorso fotografico al mondo, il Wiki Loves Monuments, che invita i cittadini di oltre 40 Paesi – dal 2012 anche l’Italia – a immortalare le bellezze del proprio patrimonio culturale.

L’invito è per i fotografi professionisti ma anche agli appassionati di fotografia, che sono invitati ad aderire al concorso e fotografare monumenti e beni di valore artistico presenti sul territorio favorendone la diffusione per una comune consapevolezza sulla necessità di valorizzarli e promuoverli, ma anche di tutelare i monumenti stessi condividendo gli scatti con licenza libera su Wikimedia Commons, il grande database multimediale connesso a Wikipedia(rkr)

Il bando.

In copertina, Piazza Pitagora

CROTONE – La crotonese Marika Falotico vince il Concorso Letterario Apollo

È la scrittrice crotonese Marika Falotico a vincere, con la sua opera Lakinion – Amore e Guerra nella Magna Grecia, il concorso letterario Apollo, nell’ambito de I Tesori del Mediterraneo, la rassegna, giunta alla 15esima edizione, andata in scena a Reggio Calabria e organizzata dall’Associazione Nuovi Orizzonti.

«Grazie a tutti – ha scritto su Facebook la scrittrice –. Sono veramente felice e spero che questo libro possa essere un primo piccolo passo per la rinascita archeologica di Crotone. Vi aspetto il 24 in libreria».

Il libro, edito da Santelli, sarà in tutte le librerie dal 24 settembre. (rrm)

CROTONE – L’evento “Ad esempio a me piace Rino”

Domani sera, a Crotone, alle 21.00, al Museo e Giardini di Pitagora, l’evento Ad esempio a me piace Rino, organizzato dall’Associazione Culturale MediterrArte.

Con il racconto di Giovanna Ripolo e il talentuoso musicista e cantautore Luigi Caterisano, il pubblico sarà accompagnato tra i versi di una delle figure più geniali del nostro tempo, Rino Gaetano(rkr)

CRUCOLI (KR) – Premiati gli Ulivi più belli

A Crucoli, nella suggestiva cornice dell’agriturismo Il Silipetto, si è svolta la cerimonia di premiazione del concorso L’ulivo più bello, promosso dal Circolo Legambiente Nicà di Scala Coeli, guidato da Nicola Abruzzese.

Premiati, dunque, al terzo posto l’ulivo di proprietà di Colucci Michele (comune di Crucoli), il secondo posto all’ulivo di proprietà di Raimondo Funaro ( comune di Scala Coeli) il primo posto all’ulivo di Mario Toscano ( comune di Terravecchia).

A consegnare i premi, oltre al presidente del circolo Nicola Abruzzese alla vicepresidente Savina Sicilia al tesoriere Mauro Benvenuto, era presente il presidente della Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e Forestali della Calabria, Francesco Cufari che, con altri consiglieri dell’ordine di Cosenza, per un numero di nove, hanno composto la giuria degli esperti che ha decretato i vincitori.

Dopo il dibattito su varie tematiche ambientali, crisi climatica, agricoltura, agricoltura, biologica, economia circolare, abbiamo concluso la serata con un breve momento di convivialità. L’evento è stato condotto nel pieno rispetto delle normative anti covid vigenti.

«La finalità di questa manifestazione – si legge in una nota – oltre alla promozione del territorio attraverso la premiazione dell’ulivo più bello, voleva essere un momento per ribadire quanto sia importante per l’ambiente e per la salute di tutti noi il ricorso al biologico e l’abbandono della chimica nel settore agricolo e zootecnico. Un’agricoltura che non punti solo alla resa ma soprattutto alla qualità, alla produzione di un prodotto che sia sano genuino e buono. L’agroecologia circolare la strada giusta da seguire, per mitigare gli effetti climalteranti attraverso l’abbandono della chimica, della plastica ed all’utilizzo di materiali eco-compatibili biodegradabili e riciclabili ed a tutte quelle buone pratiche che rispettano l’ambiente».

«Abbiamo ribadito – prosegue la nota – quanto sia importante l’impegno concreto del Governo centrale, dell’Europa e della nostra Regione, incentivando con premialità quelle realtà che operano nella direzione giusta a tutela dell’ambiente scoraggiando sul piano economico quanto invece non lo fanno. È importante per la salute di noi tutti e per il futuro dei figli. In agricoltura oltre ai prodotti buoni e genuini così come i consumatori chiedono si mettano in atto tutte quelle buone pratiche per contrastare la crisi climatica e per salvaguardare la biodiversità, ce lo chiede la nostra terra, la nostra salute ed il futuro dei nostri figli. Tutti siamo chiamati a fare la nostra parte, nessuno escluso». (rkr)