TROPEA – A settembre il Tropea Blues Festival 2019

A settembre 2019, a Tropea torna, con la 14esima edizione, il Tropea Blues Festival. Organizzato dall’Associazione Tropea Blues Festival, il Festival è un evento musicale la cui protagonista è la musica Blues, caratterizzato dall’esibizione – contemporanea  e tra le vie del centro storico – di vari gruppi emergenti e non.

Lo scopo della manifestazione è quello di sensibilizzare un pubblico sempre più crescente all’ascolto di questo genere musicale e nel contempo di sviluppare un turismo culturale creando un momento di attrazione forte per il paese, per tutto il territorio della Costa degli Dei e per l’intera Regione Calabria.

La manifestazione comincerà il 19 settembre presso il Centro Storico di Tropea, per poi chiudersi – in un primo momento – sabato 28 settembre, per poi ricominciare nel mese di ottobre dal 3 al 5 ottobre. (rvv)

VIBO – Nasce il Comitato Civico per i 50 anni del Museo

In occasione dei 50 anni del Museo Archeologico Nazionale di Vibo Valentia, Maria D’Andrea, archeologa, e Gilberto Floriani, direttore scientifico del Sistema Bibliotecario Vibonese, hanno promosso il Comitato Organizzativo Civico.

L’obiettivo è quello di realizzare un sempre maggiore coinvolgimento di tutti i cittadini nelle azioni di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale del territorio, indicandone l’importanza identitaria, molto sentita a Vibo Valentia, ma anche sociale. I due promotori, infatti, vogliono dare seguito a tutta una serie di iniziative che li ha visti negli anni scorsi in parte protagonisti nella collaborazione con illustri archeologi, con l’Università della Calabria, con la direzione dello stesso Museo archeologico vibonese, che si sono tradotte in volumi, guide, mostre, convegni, partecipazione al Salone del Libro di Torino, e che sono da ultimo culminate nel dedicare alle attività archeologiche  del territorio una intera sezione del Festival Leggere&Scrivere e lo stesso è in progetto per l’anno in corso.

Istituzioni, Associazioni, realtà culturali cittadine e del territorio – se interessate – sono invitate a promuovere una serie di eventi che si snoderanno lungo tutto il 2019, il cui centro sarà il Museo e il ruolo che esso svolge in città e nel territorio.

Le adesioni al Comitato saranno raccolte dal Sistema Bibliotecario Vibonese e successivamente i due promotori si faranno carico di promuovere una riunione allo scopo di formulare un più compiuto programma di attività del comitato stesso per l’anno in corso. (rvv)

VIBO – Il convegno sulla figura di Pasquale Enrico Murmura

Questa mattina, a Vibo, alle 9.30, presso Palazzo Santa Chiara, il convegno Cultura e società a Monteleone di Calabria agli inizi del XX secolo.

L’evento è stato promosso dalla Fondazione Antonino Murmura in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Vibonese.

Intervengono Gilberto Floriani, direttore SBV, Maria Murmura Folino, presidente Associazione Pro Fondazione Antonino Murmura, Francesca Garoffolo Cantafio, presidente Convegno di Cultura “Maria Cristina di Savoia”, Maria Liguori Baratteri, presidente “Società Dante Alighieri”,e Rosellina Nardo, presidente Associazione “Radici per il Futuro”.

Relazionano Giacinto Namia, presidente A.I.C.C. Vibo Valentia, Luigi M. Lombardi Satriani, antropologo, Francesco Morabito, scrittore, Fulvio Librandi, etnologo, Filippo Sallusto, storico della letteraturaMaria D’Andrea, archeologa, Filippo Ramodino, direttore Archivio Storico Diocesano, Francesco Campenni, storico, Katia Massara, storico, Foca Accetta, storico, e Vito Teti, antropologo. (rvv)

 

 

VIBO – Il libro “Il Teatro Comunale di Monteleone”

Questo pomeriggio, a Vibo, alle 18.00, presso il Sistema Bibliotecario Vibonese, la presentazione del libro Il Teatro Comunale di Monteleone di Katia Grillo.

Intervengono Luigi Achille, vicepresidente Fondazione Architetti Vibo Valentia e Giacinto Namia, presidente A.I.C.C. Vibo Valentia. Introduce e coordina Gilberto Floriani, direttore scientifico SBV.

Il libro, edito da Libritalia, è una raccolta di documenti tesi a ricostruire la storia del “vecchio” teatro vibonese, sito su Corso Umberto I, abbattuto negli anni ’60 per cedere il suolo al palazzo Telecom. Con questo libro, l’autrice vuole, semplicemente, rappresentare una narrazione, una piacevole lettura dove sono demarcati prontamente in ogni pagina i gusti e le tendenze del tempo, oltre che il racconto dettagliato e preciso di situazioni, di scelte operative che comportavano trasformazioni e che attraverso delibere e condizionamenti tecnici e legislativi accompagnavano la continua evoluzione socio-culturale con la necessità di andare avanti senza più poter tornare indietro. (rvv)

VIBO – Il Museo aderisce alla Giornata Nazionale del Paesaggio

In occasione della terza edizione della Giornata Nazionale del Paesaggio, il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia ha organizzato oggi l’evento Paesaggio sul mare: il castello di Vibo Valentia propaggine sul Tirreno.

L’iniziativa è realizzata con la collaborazione della Proloco di Vibo Marina, del FAI, della dottoressa Giorgia Gargano Ispettore Numismatico della Calabria, nonché membro onorario del comitato di studi numismatici del Museo Vito Capialbi, del Circolo Velico “Santa Venere”, dell’Associazione “Fiori di Loto” e dell’Associazione Guide Turistiche.

L’evento comincerà la mattina, con la proiezione del video prodotto dal Circolo Velico “Santa Venere” di Vibo, a cui seguirà, alle 17.00, la presentazione de La Giornata del Paesaggio a cura di Adele Buonofiglio, direttore del Museo, la presentazione Paesaggio sul Tirreno: il Mosaico degli Amorini, la presentazione dell’iniziativa Fai I luoghi del cuore a cura di Teresa Saeli, capo delegato Fai Vibo Valentia e Patrizia Venturino, responsabile comitato Fai Vibo Valentia, la presentazione di Paesaggi costieri ed evocazioni del mare nelle monete della collezione Capialbi a cura di Giorgia Gargano, e la presentazione del Codice Romano Carratelli a cura dell’On. Romano Carratelli.

Le letture di poesie sul mare sono a cura dell’Associazione Fior di Loto.  (rvv)

TROPEA – Giovedì il workshop professionale sul turismo

Workshop di turismo a Tropea, il prossimo giovedì: Hospitality Rest@rt Tropea vedrà coinvolti oltre duecento operatori all’Hotel Tropis per approfondire le soluzioni tecnologiche e l’evoluzione digitale nel mondo dei viaggi e del turismo organizzato.

Per la prima volta saliranno sul palco i rappresentanti di Lybra Hotel Revenue Intelligence, Engine Lab, Octorate, Iccrea Banca Spa. Tra i brand che hanno riconfermato la loro presenza: Expedia, presente a tutte le sei edizioni, e Titanka! Spa.

Tra i temi trattati si parlerà di cambiamento del turismo, trend di prenotazioni sulla regione Calabria, strumenti e tecniche di revenue per incrementare il fatturato, come misurare le potenzialità della Destinazione, la presenza web e la produttività dalsito ufficiale, gestione delle prenotazioni on line, strategie e tattiche per aumentare le vendite delle camere in modo diretto e quest’anno per la prima volta affronteremo il tema dei finanziamenti al comparto turistico.

Il programma, ha detto Massimo Vasinton Presidente Asalt – Associazione Albergatori Tropea – è organizzato in slot di 40 minuti e vuole offrire un quadro completo dell’evoluzione digitale nell’operatività, nella commercializzazione e nella promozione turistica. Tutte competenze che non sono una visione del futuro ma la realtà del presente dell’industria turistica italiana ed internazionale. (rvv)

MILETO – Il libro di Poesie di Nando Scarmozzino

Oggi, a Mileto, alle 10.00, presso il Museo Statale, la presentazione del volume Incommensurabilmente, Poesie di Nando Scarmozzino.

L’evento è stato organizzato dal Museo Statale di Mileto in collaborazione con il Cantiere Musicale Internazionale, e darà la possibilità, agli ospiti, di ammirare il patrimonio artistico conservato all’interno del Museo.

Il Museo, infatti, grazie alla sua linea politica/culturale, promuove eventi per aggregare intorno alla sua struttura Associazioni, istituzioni e cultori dell’Arte e del Bello in generale.

Ospitato all’interno di un edificio ottocentesco ubicato a fianco della Cattedrale, il Museo espone un cospicuo e rilevante patrimonio di opere d’arte, che abbraccia un arco temporale compreso fra l’età tardo imperiale e l’Ottocento.

La raccolta, ordinata in diverse sale espositive disposte su due piani, è divisa in sezioni a loro volta organizzate secondo una sequenza cronologica. (rvv)

PIZZO – La presentazione del libro “FuturaMente”

Oggi, a Pizzo, alle 18.30, presso Nish – Cantiere di Idee, la presentazione del libro FuturaMente – Conversazione su presente e fururo si società, città, ecosistema a cura di Caterina Condoluci.

L’evento è stato organizzato d Nish – Cantiere di Idee.

Intervengono la curatrice Caterina Condoluci, la giornalista Maria Pia TucciIvano Tuselli.

Il libro, edito da Bertone, è un saggio scritto da Francesco Altan, Gemma Bracco, Daniela Buranello, Monica Carmen Maria Frega, Maurizio Pallante, Maria Pia TucciAndrea Wehrenfennig.

Il saggio, infatti, affronta le principali problematiche legate al futuro del nostro pianeta ma anche della nostra società: ambiente, prospettive di genere, criminologia, lavoro, comunicazione, tecnologia, umanità, educazione, architettura, economia. (rvv)

POLISTENA – Il nuovo appuntamento dei Caffè Letterari

Questa mattina, a Polistena, alle 10.30, presso l’Itis Conte M.M. Milano, torna l’appuntamento con I caffè letterari.

Ospiti di questo appuntamento, Caterina CondoluciMaria FregaMaurizio PallanteMaria Pia Tucci, che dialogheranno con gli studenti sul saggio Futuramente.

Conduce Domenico Mammola, docente e giornalista. Introduce Franco Mileto, dirigente scolastico Itis Conte M.M. Milano.

Edito da Bertoni Editore, si tratta di un testo a più voci che si interroga sul presente e sul futuro della società, muovendosi tra tematiche ed emergenze ambientali e di welfare, Senza tralasciare gli aspetti della comunicazione e della spiritualità. pagine di letteratura che hanno a che fare con la costruzione del futuro con un occhio critico e attento sul presente. (rrc)

 

VIBO – L’incontro “Musei e Aree archeologiche calabresi”

Domani pomeriggio, a Vibo, alle 17.00, presso il Sistema Bibliotecario Vibonese, l’incontro Musei e aree archeologiche calabresi. Accessibilità e inclusione.

L’iniziativa è stata promossa dalla senatrice del Movimento 5 Stelle Margherita Corrado, e vedrà la partecipazione di Franco Prampolini, dell’Università Mediterranea di Reggio, di Rosanna Pesce, di Digi.Art Servizi Digitali, di Giuseppe Musicò, direttore scientifico del Sistema Bibliotecario Vibonese, e di Maria D’Andrea, archeologa.

«L’iniziativa – ha dichiarato Gilberto Floriani, direttore scientifico del Sistema Bibliotecario Vibonese – vuole rappresentare un momento di riflessione sui temi dell’accessibilità, della comunicazione, del linguaggio e sull’applicazione delle tecnologie che offrono grandi opportunità per la diffusione ed il consolidamento di strategie sempre più presenti nelle nostre vite. Un modo questo per scardinare la convinzione, molto radicata fino a poco tempo fa, che i luoghi della cultura, proprio perché preziosi, non potessero essere fruibili da tutti. Saper comunicare, trasmettere informazioni chiare e corrette, significa accompagnare ciascun visitatore del nostro patrimonio nel percorso di conoscenza, poiché non esiste accessibilità senza comunicazione».

L’accessibilità, dunque, quale presupposto fondamentale per un dibattito necessario su un concetto reale e tangibile: ognuno di noi è diverso dall’altro, ognuno di noi ha abilità diverse, ed in virtù di ciò si deve pensare e progettare per tutti, facendo propria l’idea che “la diversità costituisce una risorsa” al contrario dell’omologazione; quindi assicurare piena accessibilità al patrimonio culturale, tenendo conto non solo delle persone con disabilità, ma delle esigenze di tutti i cittadini come ad esempio,dato il forte cambiamento demografico della nostra società, delle persone anziane.

«Se veramente si vuole conferire al patrimonio culturale un ruolo sociale – ha proseguito il direttore Floriani – non si possono non coinvolgere attivamente i numerosi tipi di Pubblici, rendendoli più partecipi delle dinamiche politiche e sociali, ascoltandoli e dando loro voce. Un processo delicato e non privo di ostacoli quindi, su cui ci si interroga e i cui confini devono essere riconosciuti e marcati per capire fin dove è possibile spingersi». (rvv)