RENDE (CS) – L’iniziativa sul Ddl Zan con il Centro Antiviolenza “Lanzino”

Nella giornata di ieri, a Rende, nel Parco della Memoria e degli Abbracci, si è svolta una iniziativa sul Ddl Zan, organizzata nell’ambito delle attività dall’Assessorato alle pari opportunità e diritti civili del comune di Rende, in collaborazione con il Centro Antiviolenza “Roberta Lanzino”.

L’iniziativa si è svolta alla biblioteca vivente dei diritti animata da persone che hanno vissuto sulla propria pelle le discriminazioni che il Ddl Zan si propone di contrastare.
«In un’ottica di buone pratiche e di partecipazione attiva di cittadini ed associazioni alla vita politica della comunità l’incontro ha coinvolto Arcired, Auser Rende,  il centro antiviolenza “R. Lanzino”, Arci Cosenza, Eos Arcigay Cosenza, il Cpo del Tribunale di Cosenza, oltre a cittadine e cittadini attivi», ha spiegato l’assessore Lisa Sorrentino.
Per l’occasione sono state allestite delle postazioni dove è stata raccolta in forma anonima la corrispondenza, da collocare in vere e proprie buche postali, contenente le opinioni delle cittadine e cittadini  in merito al disegno di legge, che mira al contrasto delle discriminazioni nei confronti delle persone LGBT.
«Nella seconda metà di luglio, invece – ha spiegato l’assessore Sorrentino – si terranno altri incontri e dibattiti, Il cui taglio sarà calibrato anche in ragione dei feedback derivanti dall’analisi dei dati raccolti a partire dal primo evento di ieri. Tali attività si inquadrano in un percorso di dialogo partecipativo che si intende promuovere con tutti gli attori sociali, in una visione che mira ad abbattere le distanze che talvolta vengono pensate nel dialogo con le istituzioni». (rcs)

COSENZA – Grande successo per Degustando

Con la presenza di oltre 50 eccellenze calabresi, si è chiusa, con successo, la seconda edizione di Degustando, la rassegna ideata da Corrado Rossi, fondatore della Maccaroni Chef Academy e direttore artistico della rassegna, andata in scena al Castello Svevo di Cosenza.

«Un successo in termini di partecipazione e coinvolgimento di chi crede nelle qualità dei prodotti e nelle eccellenze della nostra terra. Tre giorni all’insegna della condivisione, degli scambi tra partners e delle degustazioni, intervallata da momenti pubblici di discussione. Su quel che va migliorato e su quel che, invero, la Calabria corre veloce e bene» ha dichiarato Rossi.

Tantissimi gli ospiti: Luigia Granata, Gerardo Sacco, Vittorio Caminiti, dell’Accademia Bergamotto, Klaus Algieri, della Camera di Commercio Cosenza, Maria Stefania Sinicropi, del Dip. di Farmacia e scienza della Nutrizione” – Unical, Loredana Pastore, del Comune di Cosenza, Francesco Barbalace, del Comune di Spilinga, Pietro Pietramala, della “Svevo Srl”, Anna Cipparrone, del Museo Cosentia Itinera, Vitaliano Papillo, di “Gal Terre Vibonesi”, Walter Pellegrini, della Pellegrini Editore, Franco Pellegrini, della Fondazione Attilio ed Elena Giuliani, Giovanni Bilotti dell’Unione Ciechi ed Ipovedenti, Emily Amantea dell’Associazione Italiana Persone Down, Giovanni Misasi di Biologi senza Frontiere, Pietro Tarasi del Consorzio Patate Igp della Sila, Lina Pecora dell’Ordine degli Agronomi, Antonio Leonardo Montuoro dell’Accademia Dieta Mediterranea di Nicotera, Gianni Guido del Mercato delle Eccellenze, Francesco Fiamingo dell’azienda Bellantone” Spilinga, e  le Associazioni: FederAnziani Calabria, Movimento Pizzaioli Italiani e Zafarana di Tortora. Il gruppo docenti e la preside Sara Giulia Aiello dell’ Alberghiero di Cariati, le aziende: Sapori Antichi, Royal Hotel, Colavolpe, TerraeGusto, Biosybaris, Frantoio La Molazza, Panificio di Cuti, Cantina Giraldi, Acroneo Vini, Laboratorio Lucchetta, DuCa Confezioni, Liquorificio 1864, Caffè Aiello, Terre di Camico  e Pastificio Forte.

Premio dedicato ai “giovani imprenditori”a Tommaso Greco, Vito Senatore e Ivan Muraca. Infine, menzioni per il premio “passione” conferito a don Antonio Tarzia, (edizioni San Paolo), Francesco Mannarino (Stampa) Eufemia Cribari, Massimiliano Pellegrino, Anna Infante, Marco Verteramo e Veronica Mirabelli.

Non solo: gli storytelling, poi. Dove ognuno di loro, intervistato da Giovanna Pizzi, ha avuto modo di raccontare esperienze e propositi.

«La kermesse – ha detto ancora Rossi  – è stata l’occasione per focalizzare incontri e talk sul cibo. Abbiamo pensato alla sostenibilità ambientale, con uno sguardo alle tradizioni e alle innovazioni del mondo del Food in senso ampio e del cibo sostenibile 4.0».

Laboratori di cucina Federiciana, mostre con Luigia Granata, intrattenimenti musicali (con la Julacademy) e wine taste. L’evento, organizzato in modalità innovativa, è stato strumento per la riqualificazione del Castello Normanno Svevo di Cosenza e, al contempo, incontro tra ricerca storica, sperimentazione di nuovi linguaggi e accrescimento di consapevolezza della popolazione calabrese sul proprio patrimonio territoriale e conseguente apporto di affluenza turistica.

Gli showcooking “nutrichef”, un mix tra cucina e nutrizione, con lo chef Roberto Spizzirri e la nutrizionista Giovanna Basile, hanno emozionato. Così come i “racconti”  su “Cibo, arte e mestieri di una volta”; su “cibo e nutrizioni sostenibili del futuro” e su “salute e smart food 4.0”. (rcs)

BISIGNANO (CS) – Giovedì la presentazione del libro “Bisignano Solidale”

Giovedì 24 giugno, alle 19, a Bisignano, al Motel Kratos, è in programma la presentazione del libro Bisignano Solidale. A quarant’anni dal terremoto in Iripinia i ricordi dei volontari a Castelnuovo di Conza, del giornalista Rino Giovinco, pubblicato dall’Editoriale Progetto 2000 di Cosenza.

Alla manifestazione, sono previsti gli interventi di don Cesare De Rosis, vicario parrocchiale Bisignano Centro, dell’editore Demetrio Guzzardi di Progetto 2000 e del sindaco di Castelnuovo di Conza, Francesco Di Geronimo, che ha scritto la presentazione al volume.

Il libro, racconta la solidarietà espressa dai cittadini bisignanesi che, all’indomani del terremoto del 1980, si sono recati in Irpinia portando: generi alimentari, farmaci e volontari per dare aiuto a quelle popolazioni. Un pezzo di storia della comunità bisignanese e di quella di Castelnuovo.  Nel volume di 128 pagine, molto illustrato, ci sono i ricordi dei volontari ma anche degli amministratori dell’epoca

A quarant’anni da quel tragico terremoto, l’autore Rino Giovinco è ritornato in quei luoghi, trovando una comunità rinata e raccontato quel viaggio che «ci ha segnati dentro e ha fatto emergere il calore umano dei bisignanesi e dell’intera Calabria».

In agosto il volume verrà presentato anche a Castelnuovo di Conza, perché la solidarietà è una “malattia contagiosa”. (rcs)

CASTROVILLARI (CS) – Sottoscritto l’accordo di programma per il Piano di Zona dei Servizi Sociali

È stato sottoscritto, nella Sala consiliare del palazzo di Città di Castrovillari, l’Accordo di programma per il Piano di Zona dei Servizi Sociali, a cui hanno aderito i Sindacati, il Forum del Terzo settore e le Associazioni di Volontariato, il cui obiettivo è quello di rispondere meglio ed in sinergia ai bisogni dei minori, delle famiglie, degli anziani, dei disabili e delle persone che soffrono stati disagio.

La riunione per la sottoscrizione, convocata da Domenico Lo Polito, sindaco di Castrovillari, città capofila dei 13 centri (Acquaformosa, Altomonte, Civita, Firmo, Frascinato, Laino borgo, Laino Castello, Lungro, Morano, Mormanno, San Basile e Saracena oltre il capoluogo del Pollino) dell’ambito di competenza, ha registrato la presenza dei primi cittadini Angelo Catapano, Alessandro Tocci, Vincenzo Tamburi, Renzo Russo, Mariangelina Russo, Giuseppino Santoianni e di amministratori come gli assessori Sonia Cozza e Pietro Roseti, nonché di Giuseppe Guido e Franco Spingola per la Cgil e per lo Spi, Giuseppe Viceconte e Giuseppe Lavia per la Cisl, ed i pensionati nonché di Silvio Carrieri per il Forum del terzo settore, della consigliera comunale Era Rocco e di Francesco Calà per il Consorzio dei Servizi  Sociali del Pollino (il Co.S.S.Po.).

Il sindaco Lo Polito, durante l’incontro in cui sono stati richiamati i punti salienti del Piano, frutto di una partecipazione degli attori coinvolti, ha ringraziato i presenti per aver preso parte ai Tavoli Tematici di concertazione e per aver individuato quei servizi alla persona che rispondono meglio ai bisogni diffusi. Lo stesso ha affermato, cogliendo le sollecitazioni delle parti sociali, che il Piano è un punto di partenza con l’impegno di tutti i soggetti a rivedersi in un Tavolo di Confronto Permanente per progettare i servizi per i più deboli e bisognosi, creando così un progetto ambizioso e non di mera distribuzione delle risorse pre-assegnate. 

Un percorso, insomma, da costruire insieme per il raggiungimento di obiettivi, sempre più dedicati e specifici, che hanno come scopo la qualità della vita dei cittadini attraverso una maggiore attenzione alla dignità ed una migliore prossimità. 

«Il servizio Territoriale – hanno  tenuto a sottolineare in più modi i presenti – afferma e rilancia, a più voci, ma all’unisono, quel desiderio sentito di coesione sociale che la Costituzione ci affida e che necessita di essere continuamente sostenuto e promosso nell’affronto della realtà». (rcs)

COSENZA – La presentazione della rassegna “#Restartlivefest”

Domani mattina, alle 12, nel Salone di Rappresentanza del Comune di Cosenza, è in programma la presentazione della rassegna #Restartlivefest- Il meglio dello spettacolo dal vivo organizzato da L’Altroteatro, e che prenderà il via il 13 luglio a Piazza XV Marzo.

Si tratta di un progetto realizzato in collaborazione con la Regione Calabria, l’Amministrazione comunale di Cosenza e Cosenza Cultura. L’obiettivo è quello di promuovere, per il secondo anno, un festival completamente Covid Safety-First, che risponda alle esigenze di sicurezza e permetta di tornare a vivere il grande teatro, la socialità e la musica live nella stagione estiva.

Durante l’incontro sarà illustrato il programma della rassegna. Al tavolo dei relatori: Mario Occhiuto, sindaco di Cosenza; gli organizzatori de L’Altro Teatro Enzo Noce, Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano(rcs)

COSENZA – Lirangi (FDI): Stabilizzare i precari dell’Asp di Cosenza

Luigi Lirangi, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Cosenza, in merito alla vertenza del personale precario impiegato all’Asp di Cosenza, ha sollecitato il Commissario straordinario, Vincenzo La Regina, «a porre fine ad una grave situazione a danno di lavoratori lasciati nell’incertezza da ben 17 anni», chiedendone l’immediata stabilizzazione «o il 1° luglio scatta la perdita del lavoro per scadenza contrattuale».

Si tratta di 41 lavoratori ex “Obiettivo Lavoro” che prestano servizio nella sede centrale dell’Asp a Via Alimena e negli ospedali di San Giovanni in Fiore, Lungro, Castrovillari tenuti in sospeso dalle intenzioni dell’Azienda sanitaria provinciale di non di rinnovare i servizi.

«È una situazione inaccettabile – ha dichiarato Lirangi – sia per la dignità delle persone coinvolte sia per la superficialità con cui si pensa di indebolire ulteriormente una sanità disastrata privandola di servizi essenziali tra personale Oss, infermieri e amministrativi».

L’evoluzione del confronto istituzionale e sindacale degli ultimi giorni ha fatto emergere da parte del Commissario straordinario stesso la prospettiva positiva per la disponibilità di risorse e, quindi, per la salvaguardia del lavoro.

«Non c’è un minuto da perdere, dunque – ha concluso Lirangi – e bisogna procedere alla immediata e definitiva continuità lavorativa dei lavoratori interessati per troppo tempo ignorati, nonostante battaglie condotte negli anni e promesse mai mantenute dai Commissari che si sono succeduti». (rcs)

 

 

MONTEGIORDANO – Incontro oggi pomeriggio sul diritto alla salute

Si svolge oggi pomeriggio alle 18.30 a Montegiordano, presso la Chiesa Cristo Redentore un incontro sul diritto alla salute come problema biogiuridico nell’emergenza Covid-19. Partecipano il dottor Domenico Introcaso presidente della Corte d’Appello di Catanzaro e il dottor Domenico Fiordalisi, consigliere della prima sezione penale della Corte di Cassazione, a relazionare saranno il parroco cittadino Padre Giuseppe Cascardi, il sindaco Rocco Introcaso e il presidente dell’ ordine degli avvocati di Castrovillari Roberto Laghi. Interverranno monsignor Francesco Savino, Vescovo e membro della commissione episcopale per il servizio della carità e salute della Cei e Vincenzo La Regina, commissario straordinario dell’Asp di Cosenza. A moderare i lavori sarà l’avvocato Ivan Iurlo, ricercatore universitario in bioetica all’Ateneo di Lecce, mentre le conclusioni saranno affidate al medico specialista in dermatologia Francesco Fiordalisi.

COSENZA – Il 24 giugno la presentazione del libro “Sangue del mio sangue”

Il 24 giugno, a Cosenza, al Bar Delizie, alle 18.30, la presentazione del libro Sangue del mio sangue, della giornalista Fabrizia Arcuri e del criminologo Sergio Caruso.

L’evento, un aperitivo culturale, è stato promosso dal Cif (Centro Italiano Femminile ) di Cosenza, nella persona della sua presidente l’avv. Paola Ambrosio e dall’Associazione di Volontariato Sofema con la presidente Marina Lento e patrocinato dal Comune di Cosenza e sposato dall’Ammi (Associazione Mogli Medici Italiani ) sezione di Cosenza con il suo presidente l’avv. Carmela Mirabelli, dall’Alt (Associazione Lotta Tumori) e i Volontari Ospedalieri e Volontari Penitenziari di Cosenza, con la presenza della sua presidente Anna Maria Rende.

L’incontro si pone l’obiettivo di divulgare soprattutto lo scopo del testo è quello di sensibilizzare la comunità tutta su argomenti delicati trattati, tanto nell’ambito della cronaca che nell’aspetto clinico. Un confronto tra le tante associazioni impegnate sul territorio con il contributo del sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, dell’editore Michele Falco, del Consulente ecclesiastico del Cif Comunale di Cosenza, Don Giacomo Tuoto e del giornalista Arcangelo Badolati, suo uno dei capitoli dedicato ai crimini relazionali.

Il libro, edito da Falco editore, parla della più grande strage familiare compiuta in Italia: il caso della strage di Buonvicino, avvenuta nel 19 novembre 1996 nel piccolo borgo della provincia cosentina. Anche se all’epoca fu descritta dai media in maniera diretta, forte e agghiacciante, ad oggi pochi la ricordano.

Il libro descrive in maniera appropriata questo grave delitto e le conseguenze che ne sono scaturite, con un occhio di riguardo verso le vittime secondarie, che diventano gli “invisibili”. Spunti di riflessione sui passi ad oggi fatti e ancora da fare in una materia così delicata quale il Diritto Famiglia che s’intreccia con la sfera dei diritti umani tanto professati e ancora poco tutelati. (rcs)

COSENZA – Al via la settima edizione di “Corti Cosenza”

Al via, a Cosenza, la settima edizione di Corti Cosenza, la rassegna organizzata da Teatro in Note in collaborazione  con le scuole di secondo grado di Cosenza e provincia e la direzione artistica di Vera Segreti.

Oggi, alle 19, è in programma il primo appuntamento, al Teatro Rendano alle 20, con la premiazione delle Scuole per il Concorso di Cortometraggi e scrittura creativa. In collegamento, Nicola Savino. Previsto lo spettacolo de La Terra di Piero.

Il 22 giugno, al Chiostro di San Domenico, alle 17.30 è in programma la mostra fotografica Sguardi sull’anima della città di Daniele Bilotto, e la presentazione del libro Lantivirus con Pino Sassano e gli autori. Previsti, anche, percorsi enogastronomici a cura dell’Associazione Gli Altri siamo noi.

Il 24 giugno, alle 17.30, al Chiostro di San Domenico, la presentazione del libro La sorella sbagliata di Camilla Filippi, con Vera Segreti. Il 26 giugno, alle 18, al Chiostro di San Domenico, Storiem incontro con Francesco Maccarinelli.

Il 30 giugno, alle 17.30, al Chiostro di San Domenico, l’incontro Relazioni distruttive nel mondo giovanile in tempo di Covid con  lo psicologo e psicoterapeuta Pier Pietro Brunelli, e riflessioni sul libro L’alba che cura. Per una psicoterapia della sofferenza amorosa con il dott. Gaetano Marchese e il dott. Pier Pietro Brunelli. (rcs)

SAN GIOVANNI IN FIORE (CS) – Comune e Asp insieme per risolvere urgenze dell’Ospedale Civile

Il Comune di San Giovanni in Fiore, guidato dal sindaco Rosaria Succurro, e l’Asp di Cosenza, guidato dal commissario straordinario Vincenzo La Regina, insieme per affrontare «il problema della carenza di alcuni medici nel reparto di Medicina dell’ospedale silano e della copertura dei turni degli anestesisti nello stesso presidio, considerato l’imminente pensionamento di un professionista lì in servizio».

In una nota congiunta del sindaco Succurro e del commissario La Regina, inoltre, è stato reso noto che «a stretto giro verrà ripristinato il funzionamento del locale ambulatorio di Cardiologia».

«Ringrazio il commissario per l’attenzione – si legge in una nota del primo cittadino –. Si tratta di questioni prioritarie, che come Comune gli avevamo sottoposto. Con il commissario dell’Asp di Cosenza abbiamo da mesi un dialogo istituzionale che riteniamo essenziale, soprattutto per il potenziamento dell’ospedale e dei servizi territoriali».

«Crediamo che mai come adesso sia indispensabile l’unità e la collaborazione tra istituzioni, al fine – hanno concluso la sindaca Succurro e il commissario La Regina – di migliorare i servizi e di tutelare in maniera più incisiva il diritto alla salute». (rcs)