TROPEA (VV) – Verra riqualificata l’area dell’ex depuratore

Verrà riqualificata l’area dell’ex depuratore, per anni simbolo di degrado, dove ora sorgerà un rinnovato spazio di aggregazione.

«Si tratta di oltre 4 mila metri quadri di bellezza – sottolinea il sindaco Giovanni Macrì esprimendo soddisfazione per questo nuovo e storico risultato per la Città – che andranno ad aumentare l’appeal e la reputazione di Tropea come meta esperenziale ed eco-sostenibile, attenta al consumo di suolo zero e alla rigenerazione degli spazi urbani».

«Costruita negli anni ’70 e dismessa dopo 20 anni, l’ex area del depuratore del Convento di località Marina di Rocca Nettuno – aggiunge – ha rappresentato fino ad oggi, proprio per la sua collocazione nella immediata vicinanza di una delle strutture ricettive più importanti sulla costa, un’autentica macchia incompatibile con il contesto».

Gli interventi di riqualificazione dell’area dell’ex depuratore, fondamentale dal punto di vista dei servizi collegati alle strutture ricettive e per promuovere momenti di aggregazione e socialità, avevano conosciuto una prima fase di condivisione degli obiettivi sottesi al progetto con le imprese. Dopo lo stop imposto dalla pandemia e ritardi diversi accumulatisi, mutata la forza e la capacità finanziaria dell’ente, l’amministrazione comunale ha chiesto ed ottenuto un finanziamento ad hoc.

Aggiungendosi a spazi pensati e realizzati con la medesima funzionalità e destinazione d’uso, l’area sarà riqualificata a verde attrezzato e successivamente sarà predisposto un bando per l’affidamento della sua gestione. (rvv)

VIBO VALENTIA – Domani alla Camera di commercio si presenta il libro di Gratteri

Domani, venerdì 15 marzo alle 17.30 nella sala Antonino Murmura, nella sede della Camera di commercio di Vibo Valentia in piazza San Leoluca, Complesso Valentianum, verrà presentato il libro “Il Grifone” di Nicola Gratteri e Antonio Nicaso.

L’evento, organizzato da Confcommercio Calabria centrale Catanzaro Crotone Vibo Valentia, con la compartecipazione della Camera di commercio di Catanzaro Crotone e Vibo Valentia, vedrà la presenza del Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri che discuterà con il caporedattore del Tgr Rai Calabria Riccardo Giacoia.

Ad introdurre l’iniziativa il presidente della Camera di commercio Catanzaro Crotone Vibo Valentia Pietro Falbo, il direttore Confcommercio Calabria centrale Giovanni Ferrarelli, il presidente della Confcommercio Vibo Valentia Salvatore Nusdeo. (rvv)

VIBO – Giovedì la “Corsa di Miguel”

Giovedì 14 marzo, in contemporanea a Vibo e a Vibo Marina, partirà la Corsa di Miguel, la gara atletica nata nel 2000 a Roma nel segno di un ragazzo, Miguel Benancio Sanchez, podista e poeta, finito tra i 30mila desaparecidos del regime argentino degli anni ’70.

Ideata dal giornalista della Gazzetta dello Sport, Valerio Piccioni, la tappa vibonese è stata organizzata dal Liceo Scientifico “Berto”, in collaborazione con il Comune di Vibo Valentia, che ha garantito il massimo supporto con l’assessore Katia Franzè. L’appuntamento è sostenuto anche dall’Ufficio scolastico regionale e dall’Unione stampa sportiva italiana, che sarà presente con la responsabile progetti Ussi, la giornalista Enza Beltrone.

«Il coinvolgimento delle scuole è stato massimo – ha spiegato l’assessore Franzè – nel pieno spirito della corsa che non vuole essere semplicemente una gara di atletica ma un momento di condivisione di valori quali la lotta al razzismo, alla violenza di genere e ad ogni forma di discriminazione. Per questo è altamente meritoria anche l’opera del Liceo “Berto”, in particolare dei docenti Bruno Nardo e Carlo Lico, che ha curato l’evento ed a cui vanno i nostri ringraziamenti».

Soddisfazione espressa anche dal consigliere delegato allo Sport, Antonio Schiavello: «È davvero bello essere riusciti a realizzare una doppia corsa, in contemporanea, valorizzando a pieno tutto il territorio comunale e la nostra splendida Vibo Marina, dove ci auguriamo che una bella giornata di sole possa fare da cornice ad una bellissima manifestazione come la “Corsa di Miguel”, con la grande partecipazione dei nostri ragazzi».

A Vibo centro, sul corso Vittorio Emanuele III dove correranno i ragazzi delle scuole superiori, la gara sarà anticipata da un flash mob del Liceo “Capialbi”, indirizzo coreutico, contro la violenza di genere, ma non sarà l’unico momento della mattinata all’insegna della musica e della danza; mentre a Vibo Marina, sul lungomare Cristoforo Colombo dove i protagonisti saranno gli allievi delle scuole medie, la gara sarà introdotta da un’esibizione dell’orchestra dell’istituto comprensivo “Vespucci”. In entrambi i casi lo start è fissato per le 9.45 e la premiazione con i saluti alle 12.45. (rvv)

JONADI (VV) – Avvio al corso gratuito di Protezione civile

Un corso gratuito di Protezione civile parte a Jonadi grazie all’Istituto Per la famiglia sez.278. Il corso è realizzato nell’ambito del progetto Lumina (finanziato dalla Regione Calabria e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali), dedicato ai volontari già impegnati nelle attività di Protezione civile e a coloro che desiderano intraprendere questo percorso iscrivendosi all’associazione.

Nella società contemporanea, il Terzo Settore emerge ancora una volta come un pilastro fondamentale nell’organizzazione di attività formative e di protezione civile, testimoniando un impegno tangibile per la cittadinanza attiva e la resilienza comunitaria. Il corso gratuito di protezione civile è un esempio lampante di come le organizzazioni di volontariato possano offrire corsi formativi di qualità, garantendo così una preparazione adeguata a chi si impegna volontariamente per la sicurezza della comunità.

Il percorso formativo, che si svolgerà il 18 e 25 marzo presso la sede dell’Istituto per la famiglia sez. 278 di Jonadi in Via Orazio Falduti Snc (parcheggio Trony), si propone di approfondire tematiche cruciali legate all’intervento nel sistema di Protezione civile.

Dall’affrontare incendi boschivi alla comprensione dei piani comunali, le otto ore di formazione rappresentano un faro di conoscenza e solidarietà che illuminerà il percorso di volontari già attivi e di coloro che intendono abbracciare questa nobiliante missione.

In un contesto in cui la formazione e la solidarietà sono i pilastri su cui si costruisce il benessere della società, l’Istituto per la famiglia sez. 278 di Jonadi si conferma come un punto di riferimento per il progresso e l’impegno sociale. Il successo del corso di Taglio e cucito è solo il preludio a un’ulteriore iniziativa di valore, il corso di Protezione civile, che si innalza come una risorsa essenziale per volontari e aspiranti protagonisti della sicurezza comunitaria.

Attraverso il progetto Lumina, l’Istituto per la famiglia sez. 278 dimostra ancora una volta la sua dedizione a sostenere le fasce più deboli della popolazione e alla messa in atto della massima cristiana “Nel bene del tuo prossimo c’è il tuo bene”, promuovendo un ambiente resiliente e solidale.

Oltre alle otto ore di formazione dedicata alla protezione civile, il progetto Lumina abbraccia, infatti, una serie di iniziative complementari rivolte alle famiglie bisognose. Dall’attivazione di uno Sportello Interattivo per supportare famiglie in difficoltà e stranier; alla collaborazione con il Centro Ascolto Ariel per implementare il Focal Point antiviolenza; al servizio di supporto ai giovani e orientamento circa i percorsi di studio e di lavoro, formazione extra-scolastica; fino ai seminari di sensibilizzazione finalizzati alla prevenzione del bullismo, pedofilia e al contrasto della povertà educativa.

La partecipazione ad iniziative di questo genere non solo rappresenta un atto di cittadinanza attiva, ma costituisce anche il fondamento per la costruzione di una società più inclusiva, resiliente e consapevole della propria capacità di fare la differenza. Grazie all’Istituto per la famiglia sez. 278, jonadi si proietta verso un futuro di solidarietà e crescita comunitaria, dimostrando che insieme è possibile costruire un tessuto sociale più forte, giusto e coeso.

Tutte le informazioni e i vari aggiornamenti relativi al Progetto Lumina verranno caricate sul sito ufficiale dell’Istituto Per la Famiglia 278 di Jonadi (Vv) e sul profilo Facebook consultabile in calce al comunicato. (rvv)

PARGHELIA (VV) – Presentato il libro di Gianni Speranza “Una storia fuori dal Comune”

E’ stato presentato a Parghelia, su iniziativa dello Spi Cgil Area Vasta, libro “Una storia fuori dal Comune” di Gianni Speranza, già sindaco di Lamezia Terme. All’iniziativa hanno preso parte, oltre all’autore, il sindaco di Parghelia Antonio Landro, il segretario generale Spi Cgil Area Vasta Michele Iannello, il referente della Lega Spi Tropea Girolamo Caparra, il presidente della Fondazione Trame Nuccio Iovene, con la moderazione della giornalista Tiziana Bagnato.

Ad aprire l’evento i saluti del sindaco Landro che ha colto l’occasione per stigmatizzare il clima creatosi a seguito della brutale aggressione subita da due tecnici comunali, rinnovando la propria solidarietà ed invitando a condannare gesti di simile portata senza se e senza ma. E di clima difficile, se non esasperante, ha discusso anche Gianni Speranza, raccontando dell’intimidazione subita poco prima della sua proclamazione a segnare lunghi anni di scorta in una città nota fino ad allora quasi esclusivamente per i titoli di nera, la faida tra cosche, il sangue sulle strade, tra cui quello di un magistrato ma anche di innocenti usati come agnelli sacrificali nelle lotte per gli appalti.

Speranza ha dato una sterzata al percorso di Lamezia, riuscendo ad aggregare i giovani, a migliorare le infrastrutture, a creare luoghi di incontro e a dare una forte spinta alla cultura mettendo in moto un sistema che ad oggi, anche se il vento è cambiato, cerca di camminare sulle gambe di privati ed associazioni.ù

Ma del caso Lamezia si è partiti per discutere con il segretario generale Michele Iannello delle gravi carenze di welfare e servizi, a partire dalla sanità e dai trasporti, del ruolo del sindacato, con Camere del Lavoro che spesso rappresentano una delle poche saracinesche alzate, specie nelle aree interne, e di quello dei sindaci, primo riferimento nel bene e nel male per i cittadini e le comunità, per chi di andarsene non ne vuole sapere e pretende migliori condizioni di vita.

Di cultura si è discusso poi con il presidente della Fondazione Trame Nuccio Iovene con il quale lo Spi auspica di fare rete per la diffusione della storia di lotte della Calabria, a partire da quella alla criminalità organizzata fino a quelle per il lavoro e i diritti civili. (rvv)

DINAMI (VV) – Libera ricorda Giuseppe Russo Luzzo, vittima innocente di ‘ndrangheta

Domani pomeriggio, a Monsoreto di Dinami, alle 16, si terrà l’evento Voci di memoria in ricordo di Giuseppe Russo Luzza a trent’anni dalla sua tragica morte, organizzato da Libera Vibo Valentia e Csv Calabria Centro.

Un’iniziativa fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Dinami e dalle parrocchie del territorio. Un momento di comunità e di dialogo in ricordo di un giovane barbaramente ucciso dalla violenza criminale.

L’evento prevede la scopertura di una targa  in ricordo del giovane ucciso, un monito, «una pietra di inciampo che aiuti tutte e tutti noi a scegliere da che parte stare»

A seguire la testimonianza di Teresa e di Matteo, madre e fratello di Pino in piazza Scarano, nell’ambito di un momento di riflessione e memoria che si inserisce nei Cento passi verso il 21 Marzo, Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che, quest’anno, si terrà a Roma. 

«La storia di Pino è una storia d’amore negato – si legge in una nota – in una terra nella quale purtroppo, c’è chi si arroga il diritto di decidere chi puoi amare e chi invece, no. L’amore, forza dirompente e incontenibile, dissacrante, profonda e senza limiti, si scontra con le rigide e becere regole della ‘ndrangheta che non conosce sentimenti ma soltanto giochi di potere e di forza.  Pino aveva 21 anni quando scomparve misteriosamente dopo aver iniziato da poco a frequentare la cognata del boss Gallace, quest’ultimo, oggi, all’ergastolo. La giovane non era libera di scegliere il suo futuro ma silente pedina, oggetto alla mercé della famiglia di ‘ndrangheta per creare ponti e alleanze criminali. Era il 15 gennaio quando Pino uscì per andare a Vibo Valentia purtroppo, però, non fece mai ritorno a casa». 

«Due mesi dopo, il 21 marzo, i suoi resti vennero ritrovati in una zona impervia nei pressi di Dinami, paese vicino al suo paese natio – continua la nota –.  Uno degli omicidi più sanguinari del vibonese, la ricostruzione è un pugno allo stomaco. Lo uccidono, inveiscono sul corpo e lo gettano in un fosso. Un messaggio eclatante: il boss deve mostrare di avere il controllo sulla sua famiglia e quindi, sul territorio. Non c’è spazio alla spensieratezza di un primo amore vissuto tra i vicoli stretti di quella cittadina nell’entroterra calabro, di quei sorrisi accennati e la fierezza di un giovane uomo che si affaccia alla vita». 

«Pino è colpevole d’amore. Il tribunale clandestino della ‘ndrangheta ne sentenzia la morte. Non c’è appello.  Una storia, un volto, un nome destinati all’oblio. Ed è una comunità intera che, invece, a trent’anni di distanza, squarcia il velo tetro della morte, facendo propria la storia di un giovane figlio di questa terra contradditoria; una comunità che ha deciso di ritrovarsi proprio sul luogo dove furono trovati i resti di Pino in località Giardino a Monsoreto di Dinami».

«Oggi, quel giovane alto e magro, dai capelli scuri e il volto di uomo – conclude la nota – continua ad amare. Lo fa grazie alla madre Teresa che dispensa sempre un sorriso anche se dentro ha il cuore a pezzi, grazie a Matteo che porta la storia di Pino nelle scuole e nelle carceri, grazie a chi, con la sua storia, anima la quotidianità di gesti coraggiosi per poter rivendicare anche il più elementare dei diritti, quello all’amore». (rvv)

VIBO VALENTIA – Parte “Biblio lab”, laboratori gratuiti per bambini e ragazzi alla biblioteca

Al via “Biblio lab”, quattro laboratori gratuiti per bambini e ragazzi alla biblioteca comunale di Vibo Valentia. L’open day è fissato per martedì 12 marzo alla biblioteca comunale, in via Palach, dalle ore 15.30 alle 18.30. Per le informazioni e la prenotazione o le iscrizioni è possibile, oltre che recarsi in biblioteca, chiamare al numero 0963.599432.

Si tratta di quattro diversi laboratori, per bambini e ragazzi, in un luogo che è il tempio della cultura, e che in questa occasione vuole aprirsi ad iniziative diverse ma accomunate da un filo conduttore, quello della socialità, grazie alla quale sentirsi parte di un percorso di crescita ed accrescimento personale.

Il progetto è curato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Vibo Valentia, che rientra tra le iniziative previste dalla convenzione che l’amministrazione guidata dal sindaco Maria Limardo ha siglato con il “Liceo Capialbi”.

A spiegarne i dettagli è il promotore dell’iniziativa, l’assessore Giusi Fanelli: «Con Biblio Lab vogliamo offrire nuovi servizi alle famiglie e nuove possibilità ai nostri bambini e ragazzi. Si tratta di quattro laboratori ai quali ci si può iscrivere gratuitamente e ovviamente senza vincoli o l’obbligo di frequenza, da scegliere in base alle proprie passioni e attitudini, destinati ai giovani tra i 6 e i 13 anni, che abbiamo organizzato col supporto fondamentale degli studenti del Liceo Capialbi che frequentano i percorsi di Alternanza scuola-lavoro con il Comune di Vibo Valentia, e qui voglio ringraziare il dirigente Antonello Scalamandrè. Ragazzi straordinari che l’assessorato ha già coinvolto in altre iniziative e che, insieme ai tutor del “Capialbi”, guideranno i più piccoli nella realizzazione dei laboratori, che sono stati strutturati proprio in base agli indirizzi scolastici multidisciplinari del Liceo. Importante è anche l’apporto delle dipendenti della biblioteca, che ringrazio».

«Il nostro auspicio – conclude l’assessore – è che vi possa essere una grande partecipazione delle famiglie, che sarebbe per noi uno stimolo e un incentivo a proseguire su questa strada. La pubblica amministrazione deve cercare di puntare sempre di più su servizi alle famiglie, e noi stiamo lavorando in questa direzione, sopperendo con collaborazioni e sinergie con le altre istituzioni a quel gap che spesso frena l’iniziativa pubblica rispetto al privato». (rvv)

VIBO VALENTIA – Aperto il bando per l’Imprenditoria giovanile per l’avvio di nuove attività

Imprenditoria giovanile a Vibo Valentia, aperto il bando per l’avvio di nuove attività: fino all’80% a fondo perduto.

È online da ieri l’Avviso pubblico “Aiuti alla nascita di imprese giovanili” (qui https://shorturl.at/wHOQ8) che ha l’obiettivo di avviare nuove attività imprenditoriali nel Comune di Vibo Valentia, costituite prevalentemente da giovani, al fine di creare nuove opportunità di lavoro, rafforzare il tessuto economico e sociale e valorizzare le peculiarità territoriali.

«Auspichiamo una grande partecipazione della platea interessata – afferma l’assessore alle Attività produttive del Comune di Vibo Valentia, Carmen Corrado – perché si tratta di uno strumento che può dare una grossa mano all’avviamento di iniziative giovanili, dato che l’80% è a fondo perduto, ed al contempo può servire da stimolo all’incremento delle attività nel nostro centro storico. Tra l’altro, essendo un progetto pilota, se dovesse riscontrare grande interesse non è escluso, come affermato dalla stessa Regione, che si possa replicare anche nelle successive annualità. Ad ogni modo – conclude l’assessore – voglio ricordare che al Comune di Vibo Valentia è attivo lo sportello Fincalabra, al quale ci si può rivolgere per avere ogni tipo di supporto o chiarimento su questo o altri bandi».

Lo strumento, che rientra nell’ambito delle strategie di sviluppo urbano sostenibile delle aree urbane di dimensione inferiore, era stato presentato nel corso di una conferenza stampa il mese scorso dal sindaco Maria Limardo, che ha ottenuto questa possibilità per la città di Vibo Valentia, e dall’assessore regionale allo Sviluppo economico, Rosario Varì.

Beneficiari dell’avviso sono le persone fisiche maggiorenni residenti nel Comune di Vibo Valentia, alla data di presentazione della domanda, che intendono avviare un’attività imprenditoriale in forma singola o associata nell’area individuata dall’amministrazione comunale, nello specifico corso Vittorio Emanuele III, corso Umberto I e via Emilia a Vibo Marina.

I beneficiari dell’iniziativa si impegnano a costituire una impresa giovanile, cioè composta in maggioranza da soggetti di età compresa tra 18 anni e 35 anni non compiuti alla data di presentazione della domanda. Sono ammissibili al finanziamento le nuove iniziative imprenditoriali (attività di impresa) che riguardano la fornitura di beni e servizi alle imprese e alle persone e le attività professionali, scientifiche e tecniche. Il richiedente o i richiedenti deve/devono impegnarsi alla costituzione di un’impresa per l’esercizio di una attività che rientri in uno dei codici Ateco 2007 indicati nell’Avviso.

L’intensità di aiuto concedibile è pari all’80% dei costi ammissibili e fino ad un importo massimo di euro 35.000,00, in relazione alle spese ammissibili fino ad un importo massimo di euro 43.750,00. Le agevolazioni sono concesse a titolo di de minimis in osservanza del Regolamento (Ue) n. 1407/2013, in applicazione del quale l’importo complessivo dell’agevolazione concessa non potrà eccedere su un periodo di tre esercizi finanziari il massimale di 200.000,00 Euro.

La dotazione finanziaria è pari a € 200.000,00, a valere sulle risorse del Fsc Calabria 2014-2020. Le risorse finanziarie potranno essere integrate mediante eventuali dotazioni aggiuntive, al fine di aumentare l’efficacia dell’intervento finanziario, tramite apposito provvedimento.

Le domande, compilate secondo quanto previsto dall’Avviso e corredate di tutti gli allegati previsti, dovranno essere inviate utilizzando tassativamente la piattaforma informatica di Fincalabra S.p.A., https://bandifincalabra.it/. Le domande potranno essere presentate a partire dal giorno 04.03.2024 e fino al giorno 08.04.2024. (rvv)

La Cineteca della calabria e il Liceo di Soriano celebrano Pasolini

È con l’incontro Il Poeta, il Profeta… l’Uomo che gli studenti del Liceo Scientifico “Niccolò Macchiavelli” di Soriano Calabro hanno voluto celebrare Pier Paolo Pasolini, in occasione dei 102 anni dalla nascita.

All’incontro, che ha suscitato interesse e curiosità, hanno relazionato la dirigente scolastica, dott.ssa Tiziana Furlano, la prof.ssa di Letteratura italiana e latino, Maria Teresa Daffinà, e la  prof.ssa di Storia e filosofia Marzia D’Ambrosio.

Ha moderato l’alunna della classe V^ A Ludovica Sabatino. La relatrice professoressa Daniela Rotino, docente di Lettere in pensione, ex assessore alla cultura del Comune di Vibo Valentia,  ha parlato del teatro di Pasolini, della letteratura e dell’uomo, soffermandosi sulla poliedrica personalità di uno dei più rilevanti intellettuali del Novecento. La sua relazione ha messo sul tappeto molti spunti riflessivi.

L’alunna Maria Ciconte, della classe IV B, ha parlato dellla letteratura di Pasolini. Il relatore dott. Vitaliano Papillo, presidente del Gal, ex sindaco di Gerocarne, ha ospitato il liceo scientifico all’intitolazione del ponte di Ariola al poeta Pier Paolo Pasolini che diede 50mila lire per la realizzazione dell’opera, e alla mostra a lui dedicata nella sala consiliare dalla Cineteca della Calabria presieduta da Eugenio Attanasio. A Papillo sono giunti i ringraziamenti della scuola per aver raccontato, nel suo intervento, una bella pagina della nostra Calabria.

L’alunna Grazia Borrello, della classe V A, ha descritto la figura del Pasolini intellettuale; l’alunna Giusi Paniconi, della classe V^A, ha invece messo in rilievo il mistero intorno alla tragica morte dell’intellettuale. Gli alunni delle classi IV^ A, IV^ B e V^ A hanno condiviso un videoclip realizzato da loro, sotto la direzione della professoressa D’Ambrosio.

Eugenio Attanasio, regista e presidente della Cineteca della Calabria, si è soffermato su Pasolini regista, inquadrando la sua opera nella storia del cinema italiano. Attanasio ha parlato della sua presenza in Calabria, nel Crotonese, per il film Il Vangelo secondo Matteo, ricordando che Pasolini venne denunciato per diffamazione perché scrisse di  riferimenti mafiosi sul comportamento di alcuni giovani cutresi, denuncia poi ritirata a seguito di un chiarimento. Eugenio Attanasio ha invitato gli studenti a Catanzaro, dove verrà proiettato Accattone, uno dei capolavori di Pasolini.

Il giornalista Luigi Stanizzi ha raccontato un episodio su Pasolini, appreso direttamente dall’ attore Ninetto Davoli, che si recò a casa del famoso Totò perché il regista doveva parlare del film Che cosa sono le nuvole?. Quando Pasolini uscì dall’abitazione, Totò spolverò a lungo la poltroncina dove si era seduto Pasolini, perché era prevenuto: tutti sapevano che era omosessuale. L’episodio lo raccontò anni dopo la moglie di Totò a Ninetto Davoli.

L’alunna Lidia De Nardo, della classe 4^A,  insieme ai suoi compagni ha trovato diversi punti in comune tra il filosofo Socrate e il Pasolini pensatore. Le alunne Giada Serravite e Raffaella Lico, della classe V^A, hanno fatto riferimento alle riflessioni sociali e antropologiche sulla nostra Italia da parte di Pier Paolo Pasolini.

I ragazzi sono stati seguiti in questo progetto dalla professoressa Daffinà (che, nel corso dell’evento, è intervenuta più volte per fornire preziose informazioni), dalla professoressa Marzia D’Ambrosio e dal professore Antonio Serratore.

Allievi che hanno approfondito lo studio della vita e delle opere di Pasolini, facendo peraltro una selezione di testi di grande suggestione. Un progetto portato avanti con serietà e profitto, che arricchisce la cultura degli allievi stessi e dell’intera comunità in quanto il lavoro di ricerca, probabilmente, verrà proposto anche  fuori dalle aule scolastiche. (rvv)

VIBO VALENTIA – Forza Italia: «Prossime amministrative snodo fondamentale per il futuro»

Il coordinamento provinciale di Forza Italia definisce le prossime elezioni amministrative «uno snodo fondamentale per il futuro di Vibo Valentia».

«Uno snodo al quale Forza Italia – è scritto in una nota – arriva con una compattezza granitica ed un’organizzazione partitica solida sancita dal recente congresso provinciale, suggello di un percorso lungo iniziato anni fa dall’on. Giuseppe Mangialavori, che ora come allora – contrariamente a quanto si affannano a scrivere alcuni commentatori – è pilastro fondante della nostra azione politica sul territorio, che da anni beneficia della sua attività, basti pensare alla mole di finanziamenti fatti pervenire in tutto il Vibonese e non solo nel capoluogo. È merito delle sue capacità e del suo attivismo politico se oggi il nostro partito, ed il centrodestra in generale, a Vibo e non solo, rappresenta una guida sicura per l’intera coalizione».

Continua Forza Italia: «Guardando all’appuntamento elettorale di giugno, nell’ottica di un percorso di crescita e di sviluppo continuo, che si pone l’obiettivo di elevare la qualità della vita dei cittadini, garantire i servizi essenziali, crearne di nuovi, rendere sempre più attrattive le peculiarità di questo territorio, occorre affrontare le problematiche con approccio pragmatico e non populistico, per riprendere le parole del sindaco Maria Limardo in merito alla situazione del Sistema bibliotecario. Ebbene, a prescindere dagli argomenti, è quello l’atteggiamento che bisogna tenere: comprendere il problema, individuare le soluzioni, attuarle. È lo stesso atteggiamento col quale l’amministrazione comunale ha affrontato le tematiche ambientali: scelte decise, anche impopolari se necessario, ma che col tempo portano risultati unanimemente apprezzati, come conferma, da ultimo, il report Arpacal-Legambiente che attesta Vibo quale primo Comune capoluogo di provincia in Calabria nella raccolta differenziata».

«Attorno a questo metodo – conclude la nota – Forza Italia vuole costruire un progetto inclusivo, aperto alle forze sane della città, politiche e civiche, che vi si riconoscono, e con le quali scrivere insieme un programma che ha la fortuna di potersi poggiare su basi solide, frutto di cinque anni di lavoro dell’amministrazione in carica. Come bene ha detto l’on. Mangialavori, il clima di questo inizio di campagna elettorale non consente di analizzare lucidamente quanto di buono fatto dall’amministrazione. Cionondimeno, ed anzi proprio per questo, bisogna maggiormente incidere lì dove si sono manifestate difficoltà. Forza Italia è dunque pronta ad ascoltare tutti coloro che vogliono trovare una sintesi che si basi su questa piattaforma progettuale, ben consapevoli, però, che un percorso comune non può prescindere da questi punti fermi». (rvv)