Al via tavolo di confronto tra Regione e sindacati su forestazione: Necessario definire programma di sviluppo pluriennale

È necessario definire un programma di sviluppo pluriennale. È quanto è emerso dal tavolo di confronto tra la Regione Calabria e le segretarie regionali e confederali di Cgil, Cisl e Uil.

Attorno allo stesso tavolo, insieme all’Assessore regionale alla Forestazione, Gianluca Gallo, si sono ritrovati il neo direttore generale del Dipartimento Forestazione, Domenico Pallaria; il commissario straordinario dell’azienda regionale di forestazione Calabria Verde, Giuseppe Oliva; il presidente ed il direttore di AnbiCalabria, rispettivamente Rocco Leonetti e Antonio Rotella. Presenti, altresì, per la Uil, il segretario generale regionale Santo Biondo e per la Uila Nino Merlino; Caterina Vaiti (in rappresentanza del segretario generale regionale Angelo Sposato) e Bruno Costa, per la Flai Cgil; Tonino Russo (segretario generale regionale Cisl) e Michele Sapia (Fai Cisl).

Al centro del confronto, scaturito da un precedente incontro tra i sindacati ed il Presidente della Giunta regionale, Roberto Occhiuto, le politiche della forestazione e la proposta, di matrice sindacale, di costituire un ufficio del piano per il rilancio del territorio e del lavoro in Calabria.

L’Assessore Gallo, dal canto suo, ha illustrato le iniziative assunte in ambito forestale dal 2020 ad oggi, soffermandosi in particolare sulle iniziative intraprese per dar vita ad una forestazione produttiva, svincolata da modelli del passato, attraverso la creazione di una filiera bosco-legno, piani di gestione moderni, certificazione dei crediti di carbonio, piani antincendio efficienti ed efficaci, soprattutto in chiave preventiva, attraverso il coinvolgimento di Vigili del Fuoco, Carabinieri Forestali, associazioni ambientaliste e di volontariato, pastori, agricoltori e cacciatori, questi ultimi impegnati in veste di sentinelle contro i piromani.

Si è altresì discusso della prospettiva di un necessario ricambio generazionale e dell’opportunità di puntare su prospettive di sviluppo occupazionale, con un adeguamento degli organici (ad esempio già nell’attuazione del piano Aib). Temi sui quali Cgil, Cisl e Uil hanno esposto il proprio punto di vista, rivendicando una rinnovato impegno – ad ogni livello – per la forestazione, in un’ottica di programmazione e non più soltanto emergenziale, fornendo a tal proposito anche la disponibilità ad investire della questione le rispettive segreterie nazionali, per ottenere maggiori risorse e più attenzione sullo sviluppo occupazionale, anche da parte del Governo, dato che la carenza di personale nella forestazione calabrese renderebbe difficile l’attuazione del Piano Attuativo di settore. Inoltre dai sindacati è giunta la richiesta di dar forma ad un’articolata programmazione in materia, su base pluriennale.

Proposta accolta favorevolmente dall’Assessore Gallo, con l’impegno condiviso ad approntare una bozza di piano, da discutere in una nuova riunione, da convocarsi già nelle settimane a venire. (rcz)

Russo (Cisl): Prepararsi per spendere bene le risorse del Pnrr per crescita della Calabria

Per Tonino Russo, segretario generale di Cisl Calabria, «bisogna prepararsi a spendere bene le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per la crescita della Calabria» e che il sindacato, in questa sfida irrinunciabile, «deve fare con competenza la sua parte».

«Perciò – ha proseguito Russo – la Cisl ha organizzato per i propri quadri un corso di formazione su “Le opportunità del Pnrr per lo sviluppo della Calabria e il futuro dei giovani”. Si articolerà in diversi moduli e si terrà a Lamezia Terme, nella nostra sede regionale, a partire da giovedì 12 maggio.  Con il supporto del qualificatissimo centro studi e formazione Cisl di Firenze, faremo un approfondimento sui temi centrali per la nostra regione, per il suo sviluppo, al fine di elaborare e sostenere una piattaforma di grande concretezza».

«È il momento – ha evidenziato – di puntare con decisione all’essenziale, ad un’efficace gestione dei fondi del Pnrr.  Nella difficile condizione socio-economica della Calabria, aggravata dalla pandemia, è fondamentale individuare le priorità, con uno sguardo orientato al futuro, secondo la logica del Next Generation EU, il piano per le generazioni dell’Europa che verrà, procedendo sui binari della sostenibilità economica, sociale, ambientale e del digitale. Si tratta di una sfida che è necessario raccogliere e che deve vedere insieme la Regione e le altre istituzioni del territorio calabrese, le organizzazioni dei lavoratori e degli imprenditori, le forze sane delle società, in un patto sociale che ci faccia condividere scelte e progetti».ù« Bisogna elaborare una visione comune – conclude il Segretario generale della Cisl calabrese – perché ci salviamo tutti insieme, senza lasciare indietro nessuno». (rcz)

Russo (Cisl): C’è forte ritardo sul Pnrr, servono confronto, programmazione, progettazione e riorganizzazione PA

Il segretario generale di Cisl CalabriaTonino Russo, nel corso della riunione del Comitato esecutivo della Cisl calabrese, ha rilevato come «registriamo un forte ritardo» sul Pnrr, su cui serve «un’azione incisiva perché le risorse siano spese e spese bene per la crescita della Calabria».

«Non è più procrastinabile – ha detto con forza Russo – una riorganizzazione della pubblica amministrazione: serve personale qualificato per redigere progetti. Bisogna mettere finalmente la PA in grado di affrontare le sfide che attendono il Paese e i suoi territori, colmando i vuoti negli organici, stabilizzando le migliaia di lavoratori precari qualificati che ringiovaniscono la macchina amministrativa dello Stato e degli enti locali, le permettono di funzionare, la implementano con competenze nuove».

«Ci sono troppi comuni senza personale e troppi comuni tra dissesto e pre-dissesto _ ha spiegato ancora –. Per non parlare della stessa Regione, largamente sguarnita nei dipartimenti nevralgici. A causa di queste carenze rischiamo di perdere un treno che non passerà mai più. Ribadiamo, inoltre, che sono necessari più confronto e programmazione in un clima di coesione, meno divisioni tattiche fini a se stesse e meno propaganda».

«Nei prossimi giorni – ha annunciato il Segretario generale dell’Usr – avvieremo, insieme al qualificatissimo centro studi e formazione Cisl di Firenze, un approfondimento sui temi centrali per la Calabria, sulle cose che servono per la crescita, al fine di elaborare e sostenere una piattaforma di grande concretezza. È il momento di puntare con decisione all’essenziale».

Nel corso della sua introduzione ai lavori, Russo ha anche espresso grande soddisfazione per l’ottimo risultato ottenuto dalle liste CISL nelle elezioni delle RSU del pubblico impiego e della scuola su tutto il territorio regionale, «un risultato – ha sottolineato – che premia l’impegno quotidiano e capillare della CISL FP e della CISL Scuola per una presenza significativa e apprezzata nei luoghi di lavoro».

Alla relazione è seguito un dibattito partecipato, con l’intervento di tutte le federazioni di categoria e delle strutture CISL territoriali, in cui sono stati ripresi e condivisi i contenuti della relazione. (rrm)

Russo (Cisl): Avviare percorsi formativi per gli assistenti familiari

Tonino Russo, segretario generale di Cisl Calabria, esprimendo soddisfazione per l’approvazione, da parte della Regione, della figura professionale di assistente familiare, ha chiesto che siano avviati misure a sostegno di percorsi formativi finalizzati all’assunzione.

Queste misure, per Russo, devono prevedere «un contributo ai datori di lavoro che regolarizzano il rapporto. Sarebbe una scelta di grande rilievo ed utilità sia per le famiglie calabresi, sia per chi svolge questa attività, soprattutto in un momento che vede la presenza nella nostra regione di tante donne ucraine». (rcz)

Russo (Cisl): Serve un Cis “Mare Pulito”

Il segretario generale di Cisl Calabria, Tonino Russo, ha espresso soddisfazione per l’operazione Deep, e ha lanciato un appello al Governo centrale, alla Regione e ai Sindaci «per la costituzione di un Cis “Mare Pulito”, un Contratto Istituzionale di Sviluppo che permetta di agire in una visione strategica di programmazione, per realizzare progetti collegati che dotino i nostri territori delle infrastrutture necessarie».

«Si tratta, lo sottolineiamo ancora una volta di fronte ad una inspiegabile sordità istituzionale – è stato spiegato – di uno strumento utile a far convergere le esigenze del territorio e le opportunità di crescita, dunque quanto mai necessario per l’ambiente, per la salute e per il turismo, per affrontare in maniera coordinata e definitiva le criticità che mettono a rischio la fruizione piena degli 800 km di coste calabresi; uno strumento la cui attuazione produrrebbe una ricaduta occupazionale molto significativa distribuita in tutti i Comuni, per una regione che chiede lavoro e non assistenzialismo».

«Quello dell’ambiente – ha aggiunto il segretario generale della CISL regionale – è in Calabria un tema delicato che tocca anche la necessità della costruzione, in tutto il nostro territorio, del ciclo integrato dei rifiuti: alla cattiva gestione, infatti, si aggiunge il rischio concreto delle infiltrazioni della criminalità. L’economia circolare e la valorizzazione del ciclo integrato dei rifiuti sono una delle priorità del PNRR, che prevede investimenti aggiuntivi pari a 1,5 miliardi per l’adeguamento degli impianti esistenti e la realizzazione di nuovi impianti, in particolare al Sud, per la chiusura appunto del ciclo dei rifiuti e per il potenziamento della raccolta differenziata».

«Sono – ha concluso Tonino Russo – problemi aperti che richiedono risposte decise e urgenti perché non basta la repressione dei reati ambientali, ma occorre anche prevenirli, con gli strumenti giusti». (rcz)

 

Cisl e Anteas Calabria donano all’Uoc di Pneumologia del Mater Domini una bilancia pesa persone

La Cisl Calabria, rappresentata dal Segretario generale Tonino Russo, insieme all’Anteas Calabria, attraverso il Presidente Cataldo Nigro, hanno donato una bilancia pesa persone all’U.O.C. di Malattie dell’apparato respiratorio dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Mater Domini” di Catanzaro.

«Si tratta – hanno spiegato in una nota Russo e Nigro – di un piccolo segno di gratitudine nei confronti del Direttore, Prof. Girolamo Pelaia, dei Dirigenti Medici Dott. Pasquale Romeo e Dott.ssa Chiara Pizzi, come di tutta l’equipe, per la professionalità e la disponibilità umana dimostrate in una fase difficile e delicata per la tutela della salute delle persone».

«L’eccellenza di questa struttura – hanno concluso – merita di essere riconosciuta e valorizzata, risolvendo anche il problema di una carenza nell’organico che espone tutto il personale ad un impegno senza respiro. Al Prof. Pelaia e all’intera U.O. rivolgiamo un caloroso augurio di buon lavoro al servizio dei cittadini». (rcz)

Russo (Cisl RC): Serve sinergia costruttiva tra Enti Locali e Ita per rilancio del territorio reggino

Il segretario reggente di Cisl Reggio Calabria e segretario generale di Cisl Calabria, Tonino Russo, ha chiesto alla Regione, alla Città metropolitana, al Comune di Reggio Calabria e ad ITA, unico vettore presente in riva allo Stretto, «di creare sinergie costruttive per un rapido rilancio del territorio».

 «Il trasporto aereo – scrive in una nota Tonino Russo – si lascia alle spalle una stagione invernale particolarmente rigida, non solo per ragioni meteorologiche, e si proietta, sia pure con qualche incognita, verso l’estate. La programmazione marzo-ottobre 2022 dei voli delle compagnie aeree è ai nastri di partenza (sarà avviata il 27 marzo) e potrà, se ben calibrata, incidere sui servizi e sul rilancio di uomini e territori».

«L’hinterland reggino e non solo (il pensiero corre alla dirimpettaia Messina) – si legge ancora – auspica, perciò, che nella nuova composizione di rotte e orari (c.d. stagione Summer) si abbia il ripristino, in primis, del volo mattutino dall’aeroporto di Reggio Calabria per Roma con rientro serale, nonché la conferma del volo per Milano delle ore 06:20. Sono, infatti, migliaia gli abitanti di questa parte della Penisola che per svariati motivi (lavoro e salute in modo particolare) hanno necessità di raggiungere nella primissima mattinata gli hub internazionali di Roma e Milano».

«Fino a qualche anno addietro – conclude la nota – i suddetti voli hanno costituito una chiara ed inequivocabile costante, segno di un’attenzione dell’ex compagnia di bandiera nei confronti di Reggio Calabria e del suo hinterland, che negli ultimi tempi si è parzialmente affievolita». (rrc)

Tonino Russo riconfermato segretario generale della Cisl Calabria

Prestigioso incarico per Tonino Russo, che è stato riconfermato segretario generale di Cisl Calabria. La conferma è arrivata nel corso del XIII congresso regionale, dal titolo Esserci per cambiare, che vede la partecipazione del segretario Cisl Luigi Sbarra e che sta raccogliendo grande partecipazione e consensi.

Con lui, saranno in Segreteria Rosaria Miletta ed Enzo Musolino, anch’essi confermati. Nausica Sbarra è stata confermata responsabile del Coordinamento Donne. La presidenza del Consiglio è stata affidata al Segretario confederale nazionale Giorgio Graziani. La seduta è stata coordinata dal Segretario generale dei Pensionati CISL Calabria Cosimo Piscioneri.

«Dedichiamo questa giornata – ha detto Tonino Russo dopo la sua elezione – a tutti coloro che durante la pandemia hanno permesso al nostro Paese e alla Calabria di andare avanti e sopportare l’urto drammatico dei contagi. E ricordiamo insieme tutti coloro che non ce l’hanno fatta. È stato un Congresso molto partecipato, con un dibattito ricco che ha visto l’importante intervento del Segretario generale Luigi Sbarra, con molti ospiti che hanno contribuito alla discussione, a partire dal Presidente della Giunta regionale Roberto Occhiuto. Ringrazio per la fiducia che mi è stata confermata. Tutto quello che facciamo è frutto, però, di un grande lavoro di squadra che ora proseguirà».

Al centro del Congresso, svoltosi a Lamezia Terme, presso la Fondazione Mediterranea Terina, il tema “Esserci per cambiare. Dignità del lavoro. Sviluppo della Calabria per il futuro dei giovani”. «Il tema del lavoro – ha detto tra l’altro Tonino Russo nella sua relazione al Congresso – interseca tutti gli altri. Dalla sanità alle infrastrutture materiali e alla mobilità; dalla prevenzione del dissesto idrogeologico alla rete del digitale; dal rilancio della pubblica amministrazione alla scuola; dal contenimento alla fuga dei giovani dalla Calabria al presidio umano nelle aree interne, è chiaro che l’innovazione coincide con nuove possibilità di lavoro e di crescita. Parliamo di lavoro, non di assistenzialismo. Di crescita, non di sussidi. Siamo consapevoli di essere chiamati, come Cisl, a testimoniare una volontà di cambiamento che deve andare oltre la denuncia di quel che non va. Nella situazione difficile della Calabria, aggravata dalla pandemia, è fondamentale individuare le priorità per un utilizzo efficace delle risorse del Pnrr, con uno sguardo orientato al futuro, secondo la logica del Next Generation EU: un utilizzo che proceda sui binari della sostenibilità economica, sociale, ambientale e del digitale». (rcz)

 

Cgil, Cisl e Uil Calabria: Condanniamo aggressione militare contro l’Ucraina dalla Russia

I segretari generali di CgilCisl Uil CalabriaAngelo SposatoTonino RussoSanto Biondo, hanno condannato, in modo fermo, «in modo fermo l’aggressione militare iniziata contro l’Ucraina da parte della Federazione Russa», ribadendo che «non è mai la guerra la soluzione, la soluzione sta nella diplomazia e dunque nel dialogo».

«Per questo– hanno spiegato in una nota – parteciperemo a tutte le iniziative che si svolgeranno domani e nei prossimi giorni a sostegno del popolo ucraino nella guerra, fuori dal tempo, avviata dalla Russia. La nostra mobilitazione parte già oggi da Catanzaro, da un attivo unitario convocato per discutere sui temi della sicurezza sui luoghi di lavoro che, naturalmente, ha messo al centro delle attenzioni del Sindacato unitario i risvolti drammatici sotto il profilo umano di un conflitto, inaccettabile e incomprensibile, scoppiato alle porte dell’Europa».

«In queste ore drammatiche – continua la nota – la nostra solidarietà va al popolo, lavoratori e lavoratrici dell’Ucraina. Senza remore chiediamo a tutte le realtà della società civile di mobilitarsi per spingere le istituzioni internazionali, e in particolare l’Italia e l’Unione Europea, ad ottenere una cessazione degli scontri in atto e il ritiro delle forze russe da tutto il territorio ucraino, ad avviare trattative che risolvano i conflitti tra Stati nel rispetto del diritto internazionale tramite la diplomazia, il dialogo e la cooperazione e con un ruolo determinante da parte dell’Unione Europea che, superando le frammentazioni fra Stati e dando vita ad un sistema di sicurezza condiviso, deve essere in grado di esercitare un’azione risolutiva del conflitto in atto». (rcz)

Verso il congresso confederale, Russo (Cisl Calabria) fa il punto della situazione

Tonino Russo, segretario generale della Cisl Calabria, ha sottolineato come «la fase congressuale rappresenta sempre un punto di arrivo e un punto di partenza verso nuovi obiettivi per il diritto al lavoro, per la dignità della persona, per il diritto alla salute, per un welfare efficiente, per la crescita del nostro territorio».

La Cisl, infatti, si sta preparando al congresso confederale, in programma il 28 febbraio e il 1° marzo, anticipato dai congressi delle diverse federazioni di categoria.

«Vedo entusiasmo e passione – ha detto Russo – un dibattito competente e coinvolgente in cui emerge l’insostituibile funzione di rappresentanza degli interessi dei lavoratori e dei cittadini in generale, che il sindacato è chiamato a svolgere. È una funzione di intermediazione la cui necessità si riscopre soprattutto in momenti di grandi difficoltà sul piano economico e sociale come quello che stiamo vivendo, in cui ai ritardi storici nello sviluppo della nostra regione si aggiunge una drammatica emergenza sanitaria».

«Oggi – ha proseguito Russo – abbiamo avuto tre congressi di federazione con i dirigenti nazionali delle tre organizzazioni: quello dell’SLP con il Segretario generale Maurizio Campus e il Segretario nazionale Enzo Cufari; della FeLSA con la presenza del Segretario nazionale Daniel Zanda; della Fisascatcon il Segretario organizzativo Mirco Ceotto. Al centro dei lavori molti temi tra i quali la partecipazione, il valore della contrattazione, la lotta al precariato, i servizi ai cittadini, la coesione sociale».

«Bruna Breveglieri è stata confermata Segretaria generale del sindacato Cisl dei lavoratori calabresi delle Poste – ha illustrato Russo – con lei in Segreteria saranno Mafalda Catalano e Giuseppe Riso. Alla guida della FeLSA regionale, che rappresenta e tutela i lavoratori somministrati, autonomi e atipici, è stato confermato il Segretario generale Gianni Tripoli; ad affiancarlo in Segreteria saranno Maria Arcadi e Valerio Lo Mastro. Quale Segretario generale della Fisascat Calabria, che rappresenta i lavoratori e le lavoratrici di terziarioturismo e servizi, è stato confermato Fortunato Lo Papa».

«A tutti – ha concluso Russo – rivolgo un caloroso augurio di buon lavoro per un cammino comune nel servizio al nostro territorio». (rcz)