Russo (Cisl): Occhiuto istituisca tavolo con Rfi e Anas per accelerare realizzazione di infrastrutture

Il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, «istituisca con urgenza un tavolo con Rete Ferroviaria Italiana e Anas perché si acceleri la realizzazione di fondamentali opere infrastrutturali: alta velocità, elettrificazione della rete ferroviaria ionica, messa in sicurezza dell’A2, S.S. 106 con i tre miliardi già stanziati e tutto ciò che è necessario per collegare i nostri territori all’interno e verso il resto del Paese». È quanto ha chiesto Tonino Russo, segretario generale di Cisl Calabria, ribadendo l’importanza e la necessità di un «confronto e valutazione nel merito» delle opportunità di sviluppo per la regione. Nello specifico, si tratta del Porto di Gioia Tauro e il progetto di un polo industriale al Sud per l’eolico offshore.

«Su Gioia Tauro – ha spiegato Russo – la Cisl ha evidenziato più volte le prospettive che un nuovo e sicuro impianto di rigassificazione può aprire per la Calabria nell’area del Mediterraneo sul piano energetico, per la valorizzazione del retroporto, per la possibilità di realizzare una “piastra del freddo” destinata allo stoccaggio delle produzioni agroalimentari. Ora queste prospettive acquistano concretezza».

«È, inoltre, di grande interesse – ha proseguito ancora il Segretario generale della Cisl calabrese – l’idea dell’eolico offshore, in alto mare, per quanto riguarda le energie rinnovabili. Si tratta, leggiamo sulla stampa, di fondi (420 milioni di euro) che non rientrano nel Pnrr, da investire tra il 2024 e il 2026 in due porti del Mar Mediterraneo. È una strada da valutare con grande attenzione per la ricaduta positiva che potrebbe avere per il nostro territorio; strada da valutare sicuramente anche sul piano dell’impatto ambientale, di fronte alla quale è bene, comunque, non avere dei “no” pregiudiziali che bloccherebbero ogni ipotesi di impianto in Calabria. Così come non si possono dire dei “no” pregiudiziali all’investimento proposto per il porto di Corigliano Rossano e a Vibo da un’azienda leader mondiale nel campo del servizio all’industria dell’energia come la Baker Hughes».

«Vale la pena di sottolineare – ha detto ancora Russo – che, nella prospettiva di una Zes unica per l’intero Sud Italia, è importante rendere attrattiva la Calabria per gli investitori ed evitare che si orientino verso altre regioni».

«È, insomma, il momento – conclude il Segretario regionale della Cisl – di guardare con attenzione a tutto ciò che può rappresentare opportunità di crescita, per dire no ad un assistenzialismo che perpetua la dipendenza, per il futuro della Calabria, per quei giovani che in questa regione vogliono restare senza essere costretti a fuggire via». (rcz)

Forestazione, Cisl e Felsa Cisl Calabria: Fatto primo passo verso stabilizzazione dei precari storici

Il Segretario generale della Cisl calabrese Tonino Russo e il Segretario generale della FeLSA Cisl Calabria Gianni Tripoli, hanno evidenziato come «l’approvazione da parte del Consiglio Regionale del quadro normativo a favore dei precari storici della forestazione, rappresenta per la Cisl un primo grande passo verso la stabilizzazione di quei lavoratori che per anni hanno lavorato in condizioni di precarietà».

«La soddisfazione del nostro sindacato – proseguono – è ancora maggiore in virtù del grande lavoro svolto dalla nostra organizzazione che ha segnato tutte le tappe della difficile vertenza già dal lontano 2010/2011, allorquando si ottenne la costituzione dell’azione D all’interno della Legge Regionale 15/2008, primo vero passo in avanti verso quel lungo e sudato processo di accompagnamento alla fuoriuscita dal bacino del precariato per centinaia di lavoratori».  

«Cosi come assolutamente decisivo – hanno aggiunto Russo e Tripoli – fu l’ingresso del bacino di cui alla L.R. 15/2008, nell’ambito del cosiddetto precariato storico regionale con il riconoscimento normativo di cui alla legge 29/2019. Tale provvedimento legislativo (correttamente novellato grazie all’impegno sollecitato dalla Cisl e mantenuto dalla attuale Giunta regionale), ha costituito una vera e propria svolta per la risoluzione della vertenza facendo fuoruscire dalla invisibilità tutti i lavoratori interessati».

«Oggi iniziamo a raccogliere i frutti di incessanti trattative e momenti di tensione con le varie giunte regionali – hanno proseguito –che si sono succedute nel tempo. Un lavoro che ha visto la CISL protagonista e soprattutto propositiva non lesinando azioni di protesta ove necessarie». 

«La legge consentirà a coloro che fanno parte del bacino della legge 15/2008, su base volontaria, di essere contrattualizzati a tempo indeterminato presso Azienda Calabria Verde. Nell’esprimere grande soddisfazione per l’approvazione della legge, la Cisl – hanno concluso Russo e Tripoli – ribadisce l’impegno di continuare a lavorare perché si giunga al prosciugamento di tutto il bacino del precariato in Calabria che dia diritto a chi finora ha lavorato senza diritti». (rcz)

Accordo Regione-Webuild, Russo (Cisl): Ora tavolo di confronto per arginare infiltrazioni criminali

Istituire, subito, un tavolo di confronto  per definire tempi, percorsi e strumenti finalizzati a fare fronte comune per arginare ogni tentativo di infiltrazioni criminali. È la richiesta della Cisl Calabria, guidata da Tonino Russo, in merito all’accordo siglato tra la Regione Calabria e Webuild per promuovere l’attivazione di percorsi di formazione professionale ed avviamento al lavoro in Calabria.

Un accordo, per Russo, che è «un segnale molto positivo per la Calabria» e che «va nella direzione da noi auspicata. Come Cisl, infatti, abbiamo sempre sostenuto l’importanza della contrattazione d’anticipo con le imprese, per focalizzare anzitempo il fabbisogno di maestranze ai fini della realizzazione delle opere e per preparare il personale attraverso una formazione adeguata. Questa è la strada giusta anche per utilizzare in maniera efficace i fondi disponibili, e a volte male impiegati, per l’acquisizione di nuove competenze. Servono vere politiche attive per il lavoro».

«A tale scopo – ha proseguito – abbiamo proposto già da tempo agli amici di Cgil e Uil un accordo istituzionale quadro, da sottoscrivere insieme a istituzioni e organizzazioni datoriali, su legalità, sicurezza e tracciabilità della spesa pubblica, nello spirito di operare ogni sforzo possibile a sostegno della corretta realizzazione degli investimenti necessari alla ripresa».

«Era stata anche redatta una bozza, mai firmata – ha ricordato –. Ora, in presenza di una nuova fase che ci auguriamo porti, come auspicato, alla creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro per maestranze formate per la costruzione di importanti infrastrutture, la Cisl ripropone questa idea che può costituire un segnale concreto e una scelta operativa nella direzione della legalità e dello sviluppo». (rcz)

La Cisl calabrese il 25 novembre in Piazza contro manovra finanziaria

Ci sarà anche la Cisl Calabria alla manifestazione del 25 novembre a Roma, contro la manovra finanziaria.

L’iniziativa, proposta dal Segretario generale Luigi Sbarra, è stata da noi sostenuta e condivisa nell’Esecutivo nazionale che l’ha approvata all’unanimità.

«In piazza Santi Apostoli – ha spiegato Tonino Russo, segretario generale Cisl Calabria – chiederemo che siano riveduti e corretti alcuni punti che la Cisl ritiene ineludibili nella legge di bilancio per il 2024: più risorse per fragilità e non autosufficienza; per chi vuole andare in pensione, l’inserimento di misure di flessibilità per il superamento della legge Fornero,  l’eliminazione delle penalizzazioni su quota 103, ape sociale e opzione donna; la cancellazione dei tagli alle rendite pensionistiche dei lavoratori degli enti locali, dei sanitari, degli insegnanti di asilo ed elementari parificate, di ufficiali, aiutanti e coadiutori giudiziari; la piena indicizzazione delle pensioni per tutti; maggiore equità fiscale».

«La Cisl – ha proseguito Russo – mantiene ferme le sue richieste al Governo su questi temi. E vuole anche sottolineare l’importanza della scelta del confronto continuo, di non disertare i tavoli delle trattative, del rifiuto di proclamare scioperi inutili per i quali pagano soltanto i lavoratori e rischiano di svilire e depotenziare la stessa funzione dello sciopero. La scelta del confronto ci fa dire che, rispetto alle richieste della Cisl e di altre organizzazioni sindacali, portiamo a casa alcuni risultati significativi in una manovra ingessata che impegna solo 24 miliardi, di cui 18 in deficit».

«Non era facile invertire la tendenza dei mancati finanziamenti alla sanità e postare tre miliardi per il comparto – ha detto ancora – così come non era scontato recuperare cinque miliardi per il rinnovo del contratto del pubblico impiego né prorogare il taglio del cuneo fiscale che chiediamo diventi strutturale, in modo da far arrivare ai lavoratori più liquidità. Sono solo alcuni esempi: con un debito pubblico che costa al Paese quel che costa, si tratta di risultati non secondari».

«Certo, sappiamo che si deve chiedere e ottenere di più per la tutela dei lavoratori e dei pensionati – ha ribadito –. Per questo la Cisl sarà in piazza a Roma il 25 novembre, chiedendo al Parlamento di migliorare, in fase dibattimentale e di votazione, la manovra 2024. Il 25 novembre, “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, porteremo tutte e tutti al polso un nastro rosso per testimoniare sia la nostra vicinanza alle vittime delle violenze e delle atrocità che purtroppo si ripropongono anche in questi giorni, sia la necessità di operare tutti per contrastare questo fenomeno e prevenirlo anche nei posti di lavoro». (rcz)

A Pizzo l’assemblea regionale “Guidiamo il cambiamento” di Cisl Calabria

Domani mattina, a Pizzo Calabro, alle 9.30, a Palazzo della Cultura, si terrà l’assemblea regionale organizzativa sul tema Guidiamo il cambiamento #identità #partecipazione #innovazione di Cisl Calabria. I lavori saranno conclusi dal segretario nazionale Luigi Sbarra.

«Per un sindacato radicato nel Paese e nelle realtà territoriali, aperto al futuro come la Cisl – ha dichiarato Tonino Russo, segretario generale della Cisl calabrese – è fondamentale cogliere i cambiamenti nel mondo del lavoro, nella vita delle comunità, nella società. Cambiamenti che coinvolgono persone, famiglie, generazioni, giovani, pensionati e chiedono di essere interpretati perché un sindacato possa svolgere in maniera efficace e incisiva il proprio compito di rappresentanza degli interessi legittimi dei cittadini».

«Le assemblee organizzative regionali e nazionali – ha concluso – saranno per la Cisl, per le federazioni di categoria e per la confederazione nel suo insieme, l’occasione in cui mettere a fuoco i mutamenti sociali, guarderà alle strade che si aprono e al modo di percorrerle sulla base di tre parole chiave: identità, partecipazione, innovazione».

Il sindaco di Pizzo Calabro, Sergio Pititto, porterà in apertura dei lavori il saluto della Città all’assemblea Cisl. (rvv)

Il 29 settembre a Pizzo l’assemblea regionale di Cisl Calabria

Il 29 settembre, a Pizzo, alle 9.30, a Palazzo della Cultura, si terrà l’assemblea regionale organizzativa di Cisl Calabria, dal titolo Guidiamo il cambiamento, i cui lavori saranno conclusi dal segretario nazionale Luigi Sbarra.

«Per un sindacato radicato nel Paese e nelle realtà territoriali, aperto al futuro come la Cisl – ha dichiarato Tonino Russo, Segretario generale della Cisl calabrese – è fondamentale cogliere i cambiamenti nel mondo del lavoro, nella vita delle comunità, nella società. Cambiamenti che coinvolgono persone, famiglie, generazioni, giovani, pensionati e chiedono di essere interpretati perché un sindacato possa svolgere in maniera efficace e incisiva il proprio compito di rappresentanza degli interessi legittimi dei cittadini».

«Le assemblee organizzative regionali e nazionali saranno per la Cisl – ha spiegato ancora – per le federazioni di categoria e per la confederazione nel suo insieme, l’occasione in cui mettere a fuoco i mutamenti sociali, guarderà alle strade che si aprono e al modo di percorrerle sulla base di tre parole chiave: identità, partecipazione, innovazione».

Il sindaco di Pizzo Calabro, Sergio Pititto, porterà in apertura dei lavori il saluto della Città all’assemblea Cisl. (rvv)

Russo (Cisl): Politica sostenga proposta di legge regionale di Nino De Masi

«La politica calabrese sostenga la proposta di Nino De Masi, il quale ancora una volta si espone, testimoniando un grande amore per la sua terra». È l’appello che ha lanciato il segretario generale di Cisl Calabria, Tonino Russo, in merito alla proposta di legge dell’imprenditore Nino De Nasi su una premialità per le imprese resistenti alla criminalità organizzata.

«La bozza di proposta di legge su una premialità – ha spiegato – per le imprese resistenti alla criminalità organizzata (un punteggio aggiuntivo nelle gare d’appalto e nelle graduatorie per contributi e sussidi pubblici), inviata dall’imprenditore Nino De Masi al Presidente della Giunta Regionale della Calabria Occhiuto, al Presidente del Consiglio Regionale Mancuso, all’intera Giunta e ai Consiglieri, è molto più di un sasso lanciato nello stagno per suscitare qualche reazione o una semplice provocazione».

«È invece – ha proseguito il sindacalista – una proposta di cui condividiamo lo spirito e alla quale guardare con interesse, perché viene da quella parte della società resistente alle organizzazioni criminali che derubano e insanguinano la nostra terra. Quella di De Masi è una proposta che merita attenzione e rispetto perché, se diventasse legge, potrebbe davvero contribuire a porre un argine ai fenomeni criminali, specialmente in momenti particolari come quelli che attraversiamo, in cui crescono le situazioni di disagio di giovani, famiglie, anziani e la sfiducia verso le istituzioni».

«Mentre si chiede un utilizzo mirato ed efficace delle risorse del Pnrr e degli altri fondi europei e nazionali disponibili per lo sviluppo della Calabria – ha concluso – è ancora più urgente bloccare le possibili infiltrazioni delinquenziali negli appalti. Legalità, sicurezza, qualità del lavoro, sono temi che devono trovare concordia e unità di intenti tra politica, istituzioni, mondo sociale e imprenditoriale». (rcz)

Il 4 settembre il convegno della Cisl sulla “Partecipazione al lavoro”

Partecipazione al lavoro. Contrattazione e dialogo sociale per lo sviluppo del territorio è il tema del convegno organizzato dalla Cisl Calabria lunedì 4 settembre, a Lamezia Terme, nella sala dell’Unioncamere Calabria, alle 15.30.

I lavori saranno aperti dal segretario generale della Cisl regionale Tonino Russo e conclusi dal Segretario generale Luigi Sbarra.

Interverranno: Antonino Tramontana, Presidente di Unioncamere Calabria; Aldo Ferrara, Presidente di Unindustria Calabria; Klaus Algieri, Presidente di Confcommercio Calabria; Franco Napoli, Presidente di Confapi Calabria; Roberto Occhiuto, Presidente della Giunta regionale della Calabria. Coordinerà la giornalista Sarah Incamicia.

«Abbiamo promosso questa iniziativa – spiega Tonino Russo, Segretario generale della Cisl Calabria – perché lo sviluppo di un territorio e dell’intero Paese è indissolubilmente legato al dialogo e al confronto tra le parti sociali. Perché il tema della partecipazione dei lavoratori alla gestione delle aziende, per una più piena democrazia economica, è oggi centrale per la crescita e per la dignità del lavoro. Di ciò la Cisl è fermamente convinta e per questo promuove una legge di iniziativa popolare affinché sia data concreta attuazione all’art. 46 della Costituzione che prevede la partecipazione dei lavoratori alla gestione delle aziende».

«Anche in Calabria, all’insegna dello slogan #unpostoaltavolo, è stata avviata e procede la raccolta delle firme per portare la proposta in Parlamento. Vogliamo che sia riconosciuto ai lavoratori il giusto protagonismo, il diritto a collaborare, a sentirsi e ad essere parte attiva e non meramente esecutiva nella gestione delle imprese. Il convegno di lunedì 4 settembre – ha concluso Russo – sarà per la Calabria un’occasione importante di confronto tra sindacato, parti datoriali e Regione per guardare insieme, ciascuno con la sua specificità, alla crescita del nostro territorio». (rcz)

 

Cisl e Felsa Calabria: Si apre finalmente il fronte della stabilità per i lavoratori della l.r. 15/2008

I segretari di Felsa Cisl, e Cisl Calabria, rispettivamente Gianni Tripoli e Tonino Russo, hanno evidenziato come «con l’avvio della fase di censimento emanata attraverso l’avviso del 22 agosto u.s. a cura del  Dipartimento Lavoro della Regione Calabria, si apre finalmente il fronte della stabilità per i lavoratori  della l.r. 15/2008».

«Un percorso più volte sollecitato e fortemente voluto dal sindacato nel corso dei vari anni – hanno ricordato – che hanno  caratterizzato l’iter vertenziale che interessa circa 600 lavoratori calabresi attualmente utilizzati in  attività socialmente utili presso vari enti locali senza alcuna forma di protezione sociale e/o  contributiva. Sfruttati e il più delle volte presi in giro da una certa classe politica che vedeva come  fumo negli occhi qualunque possibilità di dare stabilità a centinaia di famiglie calabresi». 

«Solo l’atteggiamento responsabile del sindacato, che siede al tavolo, che con paziente costanza  spinge, sollecita e promuove iniziative, confronti, non lesinando anche momenti di forte  mobilitazione – hanno aggiunto – ha portato finalmente ad avviare quello che in tanti anni è stato richiesto a gran voce  dai lavoratori tutti: lavoro serio e dignitoso». 

«Giudichiamo positivamente, pertanto – hanno proseguito – la pubblicazione del summenzionato avviso, che rappresenta  (così come fu per l’epoca l’approvazione della L.R. 29/2019 successivamente giustamente novellata)  un ulteriore tassello di non meno fondamentale importanza verso la stabilizzazione e il costante  miglioramento dei rapporti di lavoro per gli appartenenti alla L.R. 15/2008». 

«Siamo certi – hanno detto ancora – che il percorso che guarda al rafforzamento delle fila delle professionalità idraulico  forestali calabresi, porterà indubbi benefici anche al sistema della forestazione fortemente carente di  personale con una operazione vantaggiosa anche per la finanza pubblica, dato che le risorse per  l’avvio della contrattualizzazione dei lavoratori sono già storicizzate. Un modo nuovo e diverso che  metterà peraltro la parola fine ai troppi anni in cui in Calabria si è pensato di erogare servizi pubblici  attraverso centinaia di lavoratori precari». 

«Come Felsa Cisl e Cisl Calabria – hanno concluso – continueremo nell’azione di monitoraggio e di stimolo affinché  non si abbia a disperdere il tempo necessario per le successive fasi che interesseranno il passaggio da  lavoratore precario a lavoratore vero. Proprio per queste ultime ragioni, auspichiamo una immediata ripresa del confronto con al Regione  Calabria per affrontare con appositi tavoli gli altri temi irrisolti del precariato calabrese: i lavoratori  TIS, gli appartenenti ai bacini di precariato di cui alle Leggi Regionali 12/2014, 31/2016, e 40/2013.  Bisogna finalmente mettere la parola fine a queste sacche di atipicità lavorativa». (rcz)  

  

L’OPINIONE / Tonino Russo: Servono azioni per vero sviluppo e lavoro, non assistenzialismo

di TONINO RUSSO – Le previsioni della Svimez per il triennio 2023-2025 ci parlano di un Sud che ha partecipato attivamente alla ripartenza nel biennio 2021-2022, anche se si registra che “il Pil del Mezzogiorno, nonostante la ripresa sostenuta, rimane ancora di oltre sette punti al di sotto del livello del 2008, da quando ha preso le mosse una lunga stagione di ampliamento dei divari territoriali”.

L’analisi dell’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno ci dice anche che restano non sciolti i nodi drammatici del lavoro povero, dei bassi salari, della precarietà dell’occupazione: questioni che riportano in primo piano l’esigenza di tutelare le fasce deboli della popolazione, ma al tempo stesso l’urgenza di promuovere politiche attive del lavoro, perché i sussidi erogati in favore di chi si trova in situazioni di grave disagio non si trasformino in forme di assistenzialismo che mortificano la persona e non fanno crescere il tessuto delle nostre comunità nel suo insieme.

Così com’è importante, più in generale, coinvolgere i lavoratori nelle scelte che riguardano la gestione delle aziende, come si propone la Cisl promuovendo la proposta di legge di iniziativa popolare per l’attuazione dell’art. 46 della Costituzione: la partecipazione fa crescere l’impresa, migliora produttività e redditi.

Tornando al Sud e alla Calabria, non c’è dubbio che la coesione sociale sia fortemente a rischio nel nostro territorio e che sia necessario impegnare maggiori risorse per la tutela dei soggetti fragili anche rilanciando le politiche regionali di welfare, perché nessuno sia lasciato indietro. Ma è fondamentale che si attivino, al tempo stesso, processi di formazione per nuove competenze, realizzare le condizioni per agganciare crescita e ripresa, per creare nuovo lavoro.

La stagione dell’assistenzialismo, pur necessaria, deve essere finalizzata non a perpetuare dipendenze, ma a creare autonomia, a restituire dignità alle persone. È questo l’obiettivo verso il quale tendere, non limitandosi alla protesta, ma partecipando senza stancarsi ai tavoli nazionali e regionali del confronto, proponendo soluzioni per un utilizzo efficace dei finanziamenti del Pnrr, dei fondi per la coesione, di tutte le risorse disponibili per lo sviluppo. Oggi più che mai non serve il conflitto che rischia di essere fine a sé stesso; serve invece un grande patto sociale per un’alleanza a favore del lavoro. (tr)

[Tonino Russo è segretario generale di Cisl Calabria]