LONGOBARDI (CS) – What’s Happening? Gynestra torna con un nuovo format

Dopo l’ultimo evento di agosto, Minestra 2073, festival multidisciplinare che aveva visto la presenza di circa 1000 persone nel centro storico di Longobardi, l’associazione transfemminista Gynestra torna con un nuovo format, sabato 23 dicembre.

«What’s Happening?, “Cosa succede?” in inglese, prende spunto da alcuni fatti di cronaca accaduti che ci hanno dato la spinta per creare un momento di confronto con altre realtà, per riflettere sulle azioni da compiere insieme per contribuire al cambiamento del modello della società attuale, diventato quanto mai urgente e necessario» dicono le giovani donne del direttivo di Gynestra.

Si svolgeranno perciò una serie di eventi, il primo dei quali il 23 dicembre alle 22:00 al Teatro Don Silvio Celaschi di Longobardi, in cui si parlerà di volta in volta di cosa succede in Italia e nel mondo.
Il titolo è collegato anche all’happening, una manifestazione artistica d’avanguardia basata sull’improvvisazione e sul coinvolgimento del pubblico in luoghi non convenzionali.

Ad essere coinvolte saranno anche altre associazioni che si occupano di transfemminismo e temi vicini a quelli trattati da Gynestra, diverse ad ogni incontro, e che interverranno all’interno di Punto Gy, un “salottino” in cui fare il punto su temi d’attualità. Ad intervenire sabato 23 dicembre sarà Collettiva Medusa, collettiva transfemminista autogestita presente in Unical da oltre un anno, il cui focus in questo periodo sono principalmente la questione palestinese, violenza di genere e aborto. A dialogare con Gynestra e Collettiva Medusa ci sarà anche Lunastorta, giovane cantautrice cosentina che presenterà il suo brano inedito dedicato a Giulia Cecchettin, una delle numerose vittime di femminicidio in Italia, e a tutte le vittime di violenza di genere.

E dopo l’opening di Lunastorta, il live di Bassoprofilo, artista che mescola abilmente le proprie influenze punk ad una musica sintetica, sperimentale, fatta di sonorità psichedeliche, la cui scrittura si rifà al movimento di Samuel Beckett, riprendendone la mancanza di dialogo tra esseri umani. A concludere la serata sarà Mario Trotta alias Dj Rioma, che ha iniziato a muovere i suoi primi passi nella musica a Paola, suo paese di nascita, le cui selezioni sono colorate principalmente da vibes di musica black, house e techno.

Per tutta la durata dell’evento sarà proiettata la mostra visuale Octopus Vision, progetto nato nel 2015 da Federica Armeni che ha come protagonista costante la figura femminile, inserita in ambienti onirici e distopici. (rcs)

LONGOBARDI (CS) – Da lunedì al via “Minestra – Occupiamo il tempo”

Lunedì 7 agosto, a Longobardi, prende il via la terza edizione de La minestra, evento artistico completamente autofinanziato organizzato dall‘Associazione Gynestra, associazione transfemminista che opera sul territorio di Longobardi.

«Ambientando un paese nel futuro vogliamo mettere in discussione la narrazione che si fa dei paesi del sud, raccontati come sempre fermi nel passato, con un’azione che invita alla riflessione sulla necessità di pensare ai paesi come ad un futuro possibile e già esistente, coinvolgendo ragazzi, ragazze e persone che abitano il posto da sempre o che lo vivono transitoriamente e ciclicamente» sono le parole delle sette giovani donne fondatrici dell’Associazione.

Durante l’anno Gynestra ha lavorato sul concetto di viaggio nel tempo attraverso la rassegna Time Machine, durante la quale ha esplorato diverse epoche mettendo sotto i riflettori gli eventi socio culturali più importanti della storia recente nell’ambito dei diritti civili. Per Minestra invece si è deciso di fare un salto nel futuro, chiamando artisti e artiste a immaginare collettivamente il futuro che si presenterà tra 50 anni, seguendo il proprio punto di vista artistico.

Un’azione collettiva, quindi, a cui tutti, artisti, partecipanti all’evento e la comunità, potranno prendere parte.

Il claim Occupiamo il tempo è collegato al concetto di prendere possesso di un luogo, sia legittimamente, quando esso sia libero, disponibile, non posseduto da altri, sia illegittimamente, sottraendolo al legittimo possessore.

«Occupare il tempo significa dunque riprenderlo in mano: un invito verso un’occupazione artistica, culturale, visiva e collettiva rivolta soprattutto ai giovani e alle giovani, che spesso sono accusati di occupare male il loro tempo o di occuparlo in attività non apparentemente redditizie» dichiarano ancora le ragazze di Gynestra.

Ospite del talk che aprirà il festival, a partire dalle ore 20:00, sarà Ekaterina Thor, antropologa che parlerà della sua ricerca sul tema della restanza svolta a Longobardi nei mesi scorsi, durante i quali ha intervistato la comunità per il suo lavoro consegnato all’università di Amsterdam. Sulla base della stessa ricerca, sarà presente una installazione artistica interattiva dal titolo Qui, non c’è niente, realizzata dall’architetto Simone Dal Pozzo.

L’opening dei concerti, organizzati in collaborazione con Marley Session, vedrà la presenza sul palco di Luna Storta, e Lucs, due giovani artiste cosentine emergenti, prima delle esibizioni di artisti e artiste che si alterneranno sul palco di Minestra. Il dj set sarà invece affidato a Dj Huxley, già protagonista musicale di tutti gli eventi Time Machine degli scorsi mesi.

Non mancheranno le performance itineranti in giro per il centro storico. Antonella Fittipaldi, formatasi all’accademia di teatro e danza di Amsterdam, sarà protagonista della performance Non mi toccare, parte del progetto Word of mouth, spazio nomade di riappropriazione femminile degli spazi pubblici.

Queer performance per Rateds, che mette in discussione gli stereotipi su femminilità e mascolinità, proiettandoci nel suo mondo futuro e post gender.

Mentre Eva Kernel, artista, trasformista e drag queen esprimerà, attraverso un video messaggio dal futuro, la sua visione artistica impersonando la prima sindaca drag della storia.

L’allestimento dedicato al futuro sarà arricchito dalle particolari visuals del collettivo argentino Vimax, che verranno proiettate sulle mura del centro storico, e dalla presenza del Social Laser interattivo, grazie al quale tutti potranno disegnare la propria idea di futuro in diretta.

Non mancheranno l’area drink e l’area food, con il panino composto con prodotti tipici a chilometro 0, tra cui la melanzana violetta di Longobardi, quest’anno arricchita da proposte vegane. Per facilitare il traffico, a disposizione navetta Preite da Longobardi stazione a Longobardi paese fino alle 2,00.

Tutta la comunità è quindi chiamata a partecipare alla creazione del futuro, portando la propria visione all’interno dell’evento. Ogni artista è invitato ad occupare il tempo con la sua idea di futuro, ogni partecipante è invitato a fare lo stesso: «il futuro non ci aspetta e noi non lo aspettiamo». (rcs)

La Filitalia International apre un nuovo chapter a Longobardi

È a Longobardi che sarà aperta una nuova sede del Chapter della Filitalia International.

Il sodalizio italo-americano, in Calabria ne ha già uno molto attivo, quello di Vibo Valentia, ma su Cosenza punta molto. Oltre che per il valore dei membri dell’associazione, anche per via della presenza dell’Università della Calabria. Presidente del chapter di Cosenza è stato eletto Matteo Stancato, giovane ingegnere con esperienza nel campo associazionistico. La squadra cosentina è in maggioranza al femminile e vice presidenti sono state elette Fedora Ciciarelli e Marina De Micheli.

Il ruolo di segretario sarà ricoperto da Paolo Zimmaro, mentre la tesoreria sarà affidata a Luana Martire. Completano il direttivo; Domenica Amendola, Mariana Barrientos, Marzia Stancato, Maria Giovanna Durante, Valentina Ciciarelli, Giada Gaudio e Andrea Mammone. All’assemblea elettiva hanno partecipato il fondatore della Filitalia International e Presidente della Commissione Espansione, dottor Pasquale Nestico, il Presidente del chapter di Vibo Valentia e Vice Presidente della Commissione Espansione Nicola Pirone.

La Filitalia International di Cosenza avrà il compito di diffondere la cultura e la lingua italiana nel mondo e reciterà un ruolo importante soprattutto con i giovani. Tra le iniziative che rivolgeranno ai soci ci saranno le borse di studio per i bambini e l’International Exchange Program per i ragazzi dai 18 ai 30 anni che avranno l’opportunità di recarsi a Philadelphia, sede della Casa Madre per 2 settimane di stage. La Filitalia Cosenza, come testimoniano le attività degli altri chapter, si occuperà anche del territorio che la ospita, soprattutto dal punto di vista della promozione, mettendosi sempre al Servizio degli Altri tenendo bene in mente il motto di Umiltà Giustizia e Onestà.

La presentazione ufficiale del chapter si svolgerà nelle prossime settimane, da qui l’avvio di diverse attività che vedranno coinvolte anche altri chapter Calabresi. Per la Filitalia International si tratta del decimo chapter in Italia, il venticinquesimo considerando anche quelli degli Stati Uniti e uno in Venezuela, con il numero che continua a crescere visto l’impegno della Commissione espansione. La Filitalia International ha sede a Philadelphia ed è stata fondata dal dottor Pasquale Nestico nel 1987. Da li è stata una continua crescita nel mondo al servizio degli altri e dell’italianità (rcs)

LONGOBARDI (CS) – Si presenta il libro “Visioni turistiche” di Debora Calomino

Sabato 11 marzo, a Longobardi, alle 18, al Teatrino Comunale, si terrà la presentazione del libro Visioni turistiche di Debora Calomino.

 L’evento è organizzato da Animal Farm Longobardi, in collaborazione con Pro Loco Longobardi e con il patrocinio del Comune di Longobardi. Partners: ilReventinoi.it, Calabria Centrale, Manifestblog.it. A fare i saluti, il vicesindaco di Longobardi, avvocato Antonio Costabile, a seguire interverranno l’autrice del libro Debora Calomino, e Francesco Saliceti, operatore enogastronomico. A moderare Valeria D’Agostino, giornalista.

«Il centro storico di Longobardi conta pochissimi abitanti – dicono da Animal Farm Longobardi –, ed è bello portare avanti piccole iniziative culturali, come questa o altre che auspichiamo possano seguire, per rianimare volti, curiosità, e per valorizzare un territorio affascinante quale Longobardi, ricco di storia e cultura ma pure in via di spopolamento. Crediamo che, soprattutto nei piccoli comuni, l’incontro – inteso come sguardo – sia importante per risvegliare le coscienze, specie quelle delle nuove generazioni, per creare nuovi dialoghi, ponti, per fare cultura e vivere di essa. Per sfatare luoghi comuni, e stereotipi: perché coloro che pensano che “di cultura non si mangia”, possano ricredersi e sentirsi più ricchi in termini di benessere individuale e collettivo».

Debora Calomino è giornalista pubblicista, si occupa di turismo e marketing territoriale. Laureata in Scienze del Turismo e Valorizzazione dei sistemi turistico culturali presso l’Università della Calabria, è cultore della materia presso la stessa università. Attualmente insegna discipline turistiche presso enti di formazione professionali accreditate. Ha vinto il Premio Giornalismo internazionale Terre di Calabria e il Premio Hombres Itinerante nella sezione “Giornalismo”.

Dal libro: “Viaggiare è come sognare” diceva Edgar Allan Poe, e la voglia di esplorare nuove mete è più forte che mai. Visioni Turistiche. Marketing, Cultura e Tendenze, dona la possibilità di approcciarsi al mondo del turismo, scoprendo nuove forme di viaggio e diversi modi di vivere le vacanze. Il saggio racconta (tra gli altri) i viaggi nel tempo a bordo dei treni d’epoca; il dark tourism alla scoperta di luoghi misteriosi per gli amanti del brivido; il turismo floreale, sempre più in voga negli ultimi anni.

Racconta il cineturismo che si identifica con il desiderio degli spettatori di andare a visitare di persona i luoghi rappresentati dal cinema e della televisione. Si parla dei social, divenuti strumenti irrinunciabili, infatti le immagini sono fonte di ispirazione e invogliano le persone a intraprendere viaggi e scoprire posti nuovi. Tante curiosità per i viaggiatori, ma anche per gli operatori turistici, come ad esempio le dritte per accogliere turisti di fede musulmana (il turismo Halal) uno dei pilastri del turismo del futuro. Riflessioni sul ruolo della popolazione residente e del suo benessere, nella creazione di una destinazione turistica di successo, infatti per rendere un territorio bello e appetibile, la prima cosa da fare è migliorare la qualità della vita di chi lo vive. Un libro che con semplicità parla del turismo come fenomeno che fa parte della vita di ognuno di noi. (rcs)

LONGOBARDI (CS) – Apre il primo spazio dell’Associazione Gynestra

Domenica 13 novembre, a Longobardi, s’inaugura Largo Gynestra, il primo spazio dell’Associazione Gynestra, che organizza eventi e attività socioculturali e artistiche sulla base di principi inclusivi e femministi.

Questo spazio diventerà un incubatore di attività e di crescita, e punto di ritrovo. Una serata per confrontarsi e conoscersi davanti a un aperitivo, durante la quale tutti e tutte potranno contribuire alla creazione di un murales collettivo, ascoltando buona musica grazie alla jam session organizzata, aperta a chiunque volesse prenderne parte.

Vari i laboratori che partiranno nelle prossime settimane presso la nuova sede tenuti da professioniste e professionisti in vari ambiti: corso di italiano per stranieri, corso di inglese per tutti i livelli e le età, incontri di danze popolari del sud Italia, laboratorio di danza di comunità, e un doposcuola per i più piccoli.

Altre attività prenderanno forma inoltre a partire dal nuovo anno, come ad esempio il laboratorio di fotografia, che partirà a gennaio.

Durante il primo anno di attività Gynestra, pur non avendo ancora una sede fisica, ha organizzato vari eventi socio culturali dedicati all’incontro e alle connessioni, diventando così un ambiente collettivo di riferimento del territorio, a volte carente di ritrovi in cui ci si possa riconoscere.

Largo Gynestra, oltre ad essere un luogo in cui si propongono varie attività e laboratori, vuole diventare uno spazio di ascolto per la comunità, attraverso un lavoro principalmente collettivo, cercando di avvicinarsi alle necessità che a volte possono verificarsi su aree svantaggiate come quella di Longobardi. (rcs)

A Longobardi al via la seconda edizione della “Minestra”

Prende il via domani, nel centro storico di Longobardi, la seconda edizione della Minestra, manifestazione organizzata dall’Associazione Gynestra.

Laboratori, spettacoli teatrali, talk, street art e body painting, banchetti con esposizioni artigianali, esibizione queer, mostre e installazioni, musica dal vivo e dj set caratterizzeranno l’evento, che si svolgerà in alcune delle aree principali del centro storico, raggiungibile anche con la navetta messa a disposizione dalla ditta Preite. Da piazza San Francesco, a piazza Santa Domenica, fino a piazza Garibaldi, coinvolgendo anche Palazzo Pellegrini, palazzo storico di Longobardi, teatro Don Silvio Celaschi, e via indipendenza, conosciuta dai longobardesi come ‘A Serra.

Le “incursioni” nel centro storico prenderanno il via a partire dalle 19:00, con il body painting a cura di Tina Colao, che con le sue opere dipinte su corpo che diventa tela, vuole trasmettere i principi della lotta contro ogni pregiudizio.

Varie le installazioni artistiche presenti, come “La lente del corpo”, risultato del laboratorio fotografico tenuto nei giorni scorsi da Valentina Procopio, che sarà presente in gran parte dello spazio cittadino, dalla marina al centro storico. Mentre via indipendenza sarà la cornice che ospiterà tre mostre: Il corpo che abito, di Valentina Procopio; Come mare fuggo, fluttuo. Ritorno di Federica Giglio, in arte In buona Fede; Sinestesie, di Federica Armeni, in arte Octopus Vision.

Inoltre saranno presenti anche stand di esposizioni artigianali provenienti dalle varie province calabresi: Microfattoria Mere’, con saponi, ceramiche e prodotti di eco artigianato; Mauscarf, con accessori in tessuto e patterns ispirati alla natura; Lullo Clay, pezzi d’arte ceramica, di pittura e d’artigianato; la libreria Ubik di Cosenza.

Senza dimenticare la parte food and drink, con prodotti del territorio e la bibita locale Calafrisca.

A partire dalle 19:30 il laboratorio di disegno per bambine e bambini cura di Mario Pellegrino, mentre alle 20:00 ci sarà la performance di danza contemporanea sperimentale e teatro danza “Oikos, l’eco di un ritratto” a cura di Sara Ubbiali, risultato del laboratorio che si terrà nella mattinata presso il teatro Don Silvio Celaschi.

Lo stesso teatro ospiterà la proiezione “Il circo senza tetto” della Compagnia della vecchia Lampisteria, a partire dalle 20:30, che lascerà lo spazio, dalle 22:30 alla proiezione di “Banana in compagnia” e all’installazione interattiva “Prendete e mangiatene tutti” a cura del Collettivo Virago.

Dalle 21:00 sul palco in piazza Garibaldi, talk sul trasformismo con Eva Kernel, mentre a partire dalle 22:00 musica dal vivo con il format Marley Session Open Mic, che sotto la guida di Francesco Morrone vedrà esibirsi vari artisti della scena indipendente italiana: Rosita Brucoli, L’Ennesimo, Altea, Paola Pizz, e la band Calura.

Palazzo Pellegrini ospiterà invece la performance Chinò e il mare, in cui testi poetici si incontrano con il vento diventando musica.

Chiuderanno la serata lo show queer di Eva Kernel e il dj set di Lady Mi-Fi.

«La finalità di Minestra è la riattivazione di un’area marginale attraverso il coinvolgimento degli e delle abitanti permanenti e transitori del luogo nella preparazione e nella fruizione dell’evento stesso, offrendo un punto di vista del paese che ne valorizzi il potenziale umano e naturale e che ne fornisca una chiave di lettura contemporanea, artistica e complessa» dicono le componenti dell’associazione Gynestra, che persegue come obiettivo l’inclusione sociale e la parità di genere, operando una scelta bilanciata nella rappresentazione di genere, portando all’interno dell’evento performer, attiviste e attivisti che svolgono attività artistiche su temi inclusivi, sociali e femministi. (rcs)

LONGOBARDI (CS) – Il 7 agosto l’evento “Minestra”

Domenica 7 agosto, nel centro storico di Longobardi, si terrà Minestra, l’evento di punta di Ginestra, associazione transfemminista intersezionale e giunta alla seconda edizione, che ha come obiettivo la riqualificazione del territorio, la promozione di artisti ed artiste, di enti e associazioni.

Scopo dell’associazione è quello di attivare una rigenerazione socio culturale dei luoghi in un’ottica inclusiva e attenta alla questione di genere, attraverso azioni di tipo artistico che spingano la comunità, e non solo, a prendere parte al processo anche in prima persona.

Tutto ciò grazie a reading, concerti, esposizioni artistiche, presentazioni di libri, costruzione e installazione di book crossing, talk, convegni, tavoli di discussione, incontri sulle violenze di genere in età adolescenziale, laboratori di danza di comunità e performance collettive nello spazio pubblico.

Contenitore di tutte queste attività sarà Minestra, così chiamato poiché caratterizzato da un insieme di vari tipi di arte, che prende spunto anche dal dialetto longobardese, in cui la minestra è un legume estivo di facile fruizione, reperibilità e versatilità nella preparazione. Un piatto semplice, ma allo stesso tempo ricco di ingredienti e gustoso.

Performance musicali e discussione con gli artisti e le artiste a cura di Marley Session Open mic: un format che si propone di individuare e far emergere le nuove personalità della musica indipendente; performance e approfondimenti su tematiche Queer e relative ai temi LGBTQIA+ con la presenza dell’artista e trasformista Eva Kernel, già ospite della prima edizione, affiancata dalla ricercatrice sul tema Giuliana Zungri; dj set finale a cura di Marianna Amendola. Tutto questo sarà Minestra. A prendere parte alla serata del 7 agosto, inoltre, altri performer che animeranno a partire dal pomeriggio il centro storico, mentre nella stessa giornata e nei giorni precedenti sono previsti vari laboratori, come quello di fotografia e danza contemporanea.

«Quest’anno, attraverso il crowdfunding contiamo di ingrandire il terreno già seminato di Minestra, ampliandone l’offerta artistica e la qualità tecnica» dice l’associazione.

Da qualche giorno, infatti, è presente sulla piattaforma produzioni dal basso una raccolta fondi per permettere la realizzazione di Minestra e la presenza di più artisti e performer, che in pochi giorni ha interessato 60 sostenitori, i quali hanno deciso di sposare la causa effettuando delle donazioni che serviranno per realizzare tutte le attività. In cambio, i sostenitori hanno la possibilità di richiedere una ricompensa, consistente in un gadget o un’attività esperienziale: visite guidate a Cleto, il paese dei due castelli, messe a disposizione dall’associazione La Piazza, o presso il centro storico di Longobardi; biglietti d’ingresso per la rassegna Ricrii 19 di Tip Teatro; partecipazione al laboratorio di saponificazione presso la Macro fattoria Mecrè; il copricapo di Eva Kernel, realizzato da lei stessa esclusivamente per l’edizione di Minestra dell’anno scorso; pranzo o cena con prodotti a km 0, messo a disposizione dall’agriturismo Desiderio. C’è ancora tempo per donare fino a domani 22 giugno a mezzanotte al link https://sostieni.link/31642 .

Oltre che per Minestra, Gynestra è impegnata nelle ultime settimane anche con altri eventi: il 25 giugno, all’interno della rassegna estiva di spettacoli musica ed eventi Serate nel Giardino di Villa Rendano, collaborerà con altre realtà e artisti – Tracey, Il Filo DI Sophia, Il Giardino di Shiva – Śivodyānam,  Fiuminarso,  Plague Labs, Remo De Vico, Marianna D’Angelo, Rahap Musics, Meḳ Daeng, PaBlito Gaudio – ad Hyper-Colletriglio, che intende ridisegnare gli spazi esterni della Villa mediante dispositivi fisici, linguistici, artistici, analogici e tecnologici; per il 30 giugno organizzerà l’ultimo “Vidimuni”, diventato un evento a cadenza mensile nato dall’esigenza di vedersi e incontrarsi, confrontarsi e immaginare insieme scenari futuri, circondati da musica e sorrisi; per il 24 luglio organizza un evento di performance, installazione e live musicale all’interno della programmazione estiva di Fiumefreddo Bruzio, presso il Castello Lucrezia Della Valle.

LONGOBARDI (CS) – Lunedì convegno per sensibilizzare a prevenire tumore al seno

Lunedì 25 ottobre, a Longobardi, alle 17.30, all’Hotel Gaudio, è in programma il convegno sulla prevenzione del cancro al seno, organizzato dall’Associazione Gynestra insieme alla Fondazione Airc – Comitato Calabria.

Scopo dell’iniziativa sposata dalle giovani donne di Gynestra, sarà avviare un dialogo che spinga alla consapevolezza che il metodo migliore per contrastare l’insorgenza del tumore al seno, patologia che ogni anno colpisce circa 55 mila donne, sia la prevenzione: grazie anche agli screening oncologici, che riescono a diagnosticare la maggior parte dei tumori già in fase iniziale.

Intervengono Rosamaria Lappano, ricercatrice AIRC Dipartimento di Farmacia e Scienze della Nutrizione Unical; Marina De Micheli, delegata AIRC Longobardi; Maria Ombres, delegata AIRC Amantea. Aperta a chiunque voglia prenderne parte, alla serata sono state invitate anche le associazioni del territorio e l’amministrazione comunale. (rcs)

LONGOBARDI (CS): Gynestra presenta Minestra – cultura trasversale

Nel centro storico di Longiodardi (CS) oggi martedì 17 agosto un evento culturale trasversale: l’Associazione Gynestra propone performance musicali, incursioni artistiche, reading, esposizioni, esibizioni teatrali e proiezioni. Tutto questo è Minestra – cultura trasversale.

L’associazione, che porta il nome della pianta che resiste anche nei  territori più aridi, è formata da otto giovani donne – Sara Brusco, Valentina Ciciarelli, Fedora Cicerelli, Giada Gaudio, Elisa Pizzini, Costanza De Lio, Maria Cristina Petrungaro, Asmara Bassetti – ed è volta a sostenere i valori dell’azione intersezionale: cultura, parità di genere, inclusione, ambientalismo.

Minestra è calore, ritrovo e sazietà. Una serata in cui le arti si uniscono per creare un buon brodo.

Ed è per questo che le fondatrici di Gynestra hanno deciso di mescolare varie espressioni d’arte per dare vita a quel grande contenitore che è Minestra.

L’idea di racchiudere nello stesso evento l’arte nelle sue varie sfaccettature, ha rafforzato il concetto del termine Minestra, che calza ancora più a pennello all’evento del prossimo 17 agosto e al suo intento di creare un’azione ben precisa sul territorio, la quale rappresenta solo una delle tante iniziative già nella lista delle giovani di Gynestra.

A ravvivare l’intero centro storico di Longobardi, a partire dalle 20:30, Francesco Aiello, che presenterà il suolibro Lucciole, seguito dal reading di Ludovika Mondello, sempre in piazza Garibaldi. A portare le musiche dal Sud del mondo il trio al femminile Forìa, che passerà successivamente lo spazio sul palco a Francesco Morrone, con il suo progetto Cantautore su due ruote e il live painting di Cecilia Inglese e Antonino Geloso.

E ancora, i musicisti Paolo Gaudio e Donato Dalia suoneranno con ospiti a sorpresa in contemporanea con la performance live painting di Giorgia Cerchiara e Giuseppe Martire. A partire da mezzanotte, invece, incursione Queer e Dj set di Lady Mi-fi.

Per l’intera serata si susseguiranno proiezioni di cortometraggi delle registe emergenti Noemi Arfuso, Oyku Atan e Giuliana Zungri presso il teatrino comunale, mentre a ridare vita a via indipendenza e Palazzo Pellegrini ci penserà la mostra pittorica permanente disseminata lungo i due spazi, curata dalle artiste Federica Armeni, Maria Tizzone, Giorgia Cerchiara e Cecilia Inglese.

E per chi volesse contribuire alla raccolta firme a favore dell’Eutanasia Legale, sarà presente per l’intero evento un banchetto all’ingresso.

Da non tralasciare, ovviamente, l’area food & beverage, dove provare panini con prodotti a km 0, come la melanzana “violetta di Longobardi “, e cocktails con Calafrisca, bibita analcolica prodotta in un piccolo laboratorio della marina longobardese. (rcs)

LONGOBARDI (CS) – La mostra “La pittura con i nostri occhi”

Questa mattina, a Longobardi, alle 10.00, in Municipio, s’inaugura la mostra La pittura con i nostri occhi degli alunni della Scuola Primaria Centro.

L’evento è stato organizzato dalla Scuola Primaria Centro, guidata da Giuseppe Cavallo.

Le opere realizzate dagli studenti hanno preso spunto dallo studio di artisti come Van Gogh, Claude Monet ed Herman Hesse. Dopo la presentazione dei tre artisti e la lettura dei quadri, gli studenti, guidati dai docenti Carolina Molinaro, Ilaria Veltri, Giovanna Angela Arlia, Mariarca Peluso e Angelina Scalzo, si cimenteranno in attività pratiche per riprendere alcune peculiarità artistiche degli autori ed elaborare le creazioni pittoriche che verranno esposte. (rcs)