LAMEZIA TERME – Successo per la raccolta di occhiali usati del Leo Club

Si è chiusa, con successo, la raccolta di occhiali usati organizzata dal Leo Club Catanzaro Rupe Ventosa, insieme al proprio Lions Club Padrino, il Lions Club Catanzaro Rupe Ventosa dal titolo Un paio di occhiali per ridare un sorriso all’ottica Dipi di Lamezia Terme.

Image.jpeg

La raccolta degli occhiali usati è un’attività di servizio molto semplice con la quale si riesce facilmente a sensibilizzare la popolazione che ha l’occasione di donare e di aiutare gli altri senza richiedere alcuna spesa aggiuntiva.

Gli occhiali usati raccolti dai Lions e dai volontari del Leo Club Catanzaro Rupe Ventosa vengono riciclati in uno dei diciannove Centri Lions per il riciclaggio di occhiali da vista, esistenti nel mondo che nel corso dell’anno scorso hanno radunato circa 6 milioni di paia di occhiali da vista e ne hanno distribuito oltre 2,8 milioni nelle nazioni in via di sviluppo.

Gli occhiali vengono puliti, riparati e classificati a seconda della gradazione, quindi vengono distribuiti dai volontari Lions e da altre organizzazioni che si occupano della protezione della vista nei paesi in via di sviluppo.

Nel mondo c’è un grandissimo bisogno di occhiali usati. L’Organizzazione Mondiale per la Sanità ha stimato che la vista di circa un quarto della popolazione del mondo può essere migliorata attraverso l’uso di lenti correttive.

Sfortunatamente molti non possono permettersi un paio di occhiali. Nei paesi in via di sviluppo, un esame degli occhi costa quanto il salario di un mese, e un solo dottore spesso è al servizio di una comunità di centinaia di migliaia di persone. In molte aree, un cattivo o trascurato funzionamento della vista può costringere gli adulti alla disoccupazione ed estromettere i bambini fuori dalle classi scolastiche. 

I ragazzi del Leo Club Catanzaro a Rupe Ventosa sono molto soddisfatti di come sia andata la raccolta, raccogliendo ben due scatole di occhiali, grazie alla disponibilità del centro ottico di Lamezia Terme, e dei signori Di Cello e Pileggi responsabili del Centro Ottico. (rcz)

CATANZARO – Giovedì l’assemblea dei Giovani Calabresi con Nicola Irto

È in programma, per giovedì 8 aprile, alle 18, su Zoom, l’assemblea pubblica dei Giovani Calabresi con Nicola Irto, candidato alla presidenza della Regione Calabria.

L’incontro accenderà i riflettori sugli indirizzi programmatici e sulle proposte che il movimento giovanile intende avanzare, a sostegno del progetto politico guidato da Irto.

«La Calabria è la terra in cui viviamo – si legge in una nota –  e, per questo motivo, vorremmo fornire un contributo concreto, in termini di idee, progetti e proposte, per realizzare un cambiamento autentico, creando nel contempo le condizioni favorevoli per costruire qui il nostro futuro. Siamo felici che Nicola Irto, dopo aver letto la nostra lettera sottoscritta da 500 ragazzi, abbia deciso di partecipare e ascoltare le proposte che con entusiasmo cercheremo di elaborare per costruire un nuovo programma per la Calabria».

«Sarà un appuntamento – conclude la nota – aperto al contributo delle nuove generazioni di calabresi, in cui racconteremo le nostre esperienze, le nostre proposte, i nostri sogni». (rcz)

MARCELLINARA (CZ) – Costituito il Circolo del Movimento 24 Agosto – Et

Si è costituito, a Marcellinara, il Circolo territoriale del Movimento 24 Agosto Equità Territoriale, il cui referente è Franco Mancuso. Vice è Andrea Tocarsio.

Il circolo di Marcellinara, intitolato a Omelea, antico nome della città sorta nelle immediate vicinanze di Catanzaro, si propone di diffondere le ragioni della coalizione nata per promuovere il riscatto della Calabria contro il Pun (Partito Unico del Nord), e in favore dell’esaltazione delle sue eccellenze produttive, amministrative, culturali e turistiche.

Per fare questo, nelle prossime settimane saranno intensificate le occasioni di coinvolgimento diretto e mediato dei cittadini di Marcellinara e dei centri limitrofi, nel quadro complessivo di un rinnovato e crescente interesse verso il Movimento per l’Equità Territoriale. 

Inoltre, si è svolta, via web, un’assemblea dei soci, a cui hanno partecipato il presidente Pino Aprile, il referente regionale Paolo Mandoliti, il responsabile dei circoli Gianfranco Rogato, il referente provinciale Amedeo Colacino.

L’assemblea, presieduta dal socio fondatore Antonio Donato, dopo motivata discussione moderata sui principali temi dell’attualità politica ed economica cui hanno offerto tra gli altri loro contributo il segretario politico regionale Francesco Intrieri e il responsabile alle comunicazioni Pino Porfido, ha definito l’organigramma del nuovo circolo. (rcz)

Stop differenziata: quattro comuni del Catanzarese si rivolgono al prefetto

Una lettera di quattro sindaci del Catanzarese al prefetto per lamentare i problemi realtivi allo stop della raccolta differenziata previsto per oggi e domani. Il servizio di raccolta differenziata nel territorio dell’Unione dei Comuni di Maida, San Pietro a Maida, Cortale e Jacurso verrà sospeso almeno per le giornate di oggi, lunedì 5 aprile, e domani 6 aprile. A darne notizia sono i sindaci Salvatore Paone, Domenico Giampà, Francesco Scalfaro e Ferdinando Serratore che preannunciano: “La situazione è talmente grave che si potrebbe prolungare oltre i due giorni indicati”.

Il disservizio è dovuto all’impossibilità da parte di tutti i comuni della provincia di poter effettuare il conferimento dei rifiuti già a partire dalla giornata di sabato presso la piattaforma di San Pietro Lametino. «Come amministrazioni comunali dei quattro enti siamo rammaricati per una situazione incredibile e vergognosa – affermano Paone, Giampà, Scalfaro e Serratore -. Nonostante percentuali di differenziata che sui nostri territori sfiorano ormai l’80 per cento, non comprendiamo come, per colpa di un sistema che manca di un coordinamento regionale, i nostri cittadini devono subire questa cattiva gestione».

I quattro sindaci dell’Unione dei Comuni “Monte Contessa”, vista la gravità della situazione quindi hanno deciso di mobilitarsi subito e in seguito ad una riunione svolta stamattina, hanno concordato una lettera indirizzata al prefetto dottoressa Maria Teresa Cucinotta, all’assessore regionale all’ambiente Sergio De Caprio, al direttore dell’ATO provinciale di Catanzaro Bruno Gualtieri denunciando lo stato dei fatti e il disservizio in corso, chiedendo “soluzioni di lungo periodo e stabilendo di portare avanti come Unione, in rappresentanza di 15.000 cittadini, qualsiasi iniziativa politica per poter sbloccare la situazione”.

«Si sta purtroppo verificando dunque quanto già discusso e previsto in sede di assemblea dei sindaci un paio di settimane orsono – si legge ancora nella lettera -. Oggi paghiamo l’utilizzo dell’impianto di San Pietro Lametino da parte di comuni appartenenti ad altri ATO e province, determinandone di fatto un blocco». (rcz)

CATANZARO – Il Cda dell’Accademia di Belle Arti ha approvato il bilancio e Piano triennale anticorruzione

Il Consiglio di Amministrazione dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, ha approvato il Bilancio 2021-2022 e il Piano triennale della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza.

Presenti tutti i componenti, alla riunione, il presidente Giuseppe Soriero, il direttore Virgilio Piccari, la prof.ssa Antonella Barbarossa, rappresentante del Ministero, il prof. Gianluigi Lama, rappresentante dei docenti, la sig.na Lisa Russo, rappresentante degli studenti. Hanno partecipato anche, per le loro funzioni, il direttore amministrativo dott. Zotti e la direttrice di ragioneria dott.ssa Scozzafava.

In un contesto nazionale e regionale, contraddistinto da problemi di crisi sanitaria e sociale, l’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, pur tenendo chiusa la propria sede per contribuire a prevenire i rischi della pandemia, continua a utilizzare le modalità di didattica a distanza (Dad) su piattaforma telematica dell’attività formativa e della modalità di “lavoro agile” prevista per la struttura amministrativa dalle norme vigenti.

«Il CdA esprime, perciò – si legge in una nota – gratitudine per lo sforzo eccezionale a tutte le energie impegnate, che consentono di raccordare questa fase d’emergenza allo scenario del futuro, esaltando tutte le potenzialità dell’Accademia dimostrate anche in questa fase dagli elaborati (di esami e di laurea) prodotti da tanti allievi. Il CdA ha, inoltre, rilevato la validità di una strategia che in questi anni è riuscita a dispiegare l’impegno dell’Accademia sul piano culturale, sociale e civile  contribuendo fattivamente alla funzione culturale del Capoluogo e della Regione Calabria».

I risultati positivi sono sintetizzati nella Relazione al Bilancio 2021, illustrata dal presidente Soriero, che si è soffermato sulla strategia tanto valida da ottenere sia nuove  sedi in comodato d’uso gratuito dal Comune, d’intesa con la Provincia, che nuove risorse finanziarie ottenute dal Governo e dalla Regione.

Superando la penuria di fondi degli anni precedenti, le tensioni e le difficoltà che per anni avevano obbligato all’esercizio provvisorio, adesso il Bilancio 2021 registra un consistente Avanzo di Amministrazione di circa 300.000 euro il cui utilizzo dovrà essere programmato per attività formative e culturali e per attrezzature tecnologiche a vantaggio innanzi tutto degli studenti.

Nella seduta, il CdA ha approvato anche il Piano triennale anticorruzione elaborato e illustrato dal direttore, prof. Virgilio Piccari, che ha inteso evidenziare l’importanza di questo strumento per avere un quadro di riferimento normativo prezioso per l’attività qualificata e trasparente dell’Accademia.

Il presidente Soriero ha inteso, inoltre, condividere come importanti riconoscimenti a tutta l’Accademia anche la sua elezione a Presidente della Conferenza Nazionale dei Presidenti di tutte le Accademie d’Italia e la recente  nomina come rappresentante del Ministero nel CdA dell’Accademia di Roma.

Il CdA rivolgendo gli auguri di Buona Pasqua, invita tutti a guardare con fiducia al futuro per valorizzare assieme i risultati di gestione, che sono il successo collettivo di tutti gli Organi e di tutte la componenti dell’Accademia, studenti, docenti e personale tutto. (rc)

[Nella foto di copertina: il direttore dell’Accademia di Belle Arti di CatanzaroVirgilio Piccari]

CATANZARO – Il webinar “Autismo tra presente e futuro”

Si intitola Autismo tra presente e futuro il webinar organizzato dall’Associazione nazionale genitori perSone con autismo (Angsa), sezione di Catanzaro, in occasione della Giornata Mondiale per la consapevolezza dell’autismo, in programma domani, alle 16, sulla pagina dell’Associazione.

All’incontro prenderanno parte l’assessore comunale alle politiche sociali del Comune di Catanzaro, Lea Concolino; l’assessore comunale alla pubblica istruzione, Concetta Carrozza; il direttore S.C. Neuropsichiatria Infantile dell’Asp di Catanzaro, Giuseppina Russo; la psicologa e psicoterapeuta S.C. Neuropsichiatria Infantile dell’Asp di Catanzaro, Lorena Silipo; la presidente “Angsa Lazio Onlus” Stefania Stellino. A portare una testimonianza molto importante, sarà Barbara Llamos, madre di  Ares, un ragazzo con autismo, e  autrice del noto blog “Autismo come ho fatto”. Le conclusioni dei lavori saranno affidate al presidente di “Angsa Catanzaro Odv/Ets”, Alfonso Ciriaco.

Per celebrare la giornata dedicata all’autismo, durante l’incontro sarà proiettato un video che l’Angsa Catanzaro ha realizzato con le foto di alcuni ragazzi con autismo insieme alle loro famiglie, sulle note di una canzone inedita dedicata al rapporto tra genitori e figli.

Il forum si terrà su piattaforma digitale e potrà essere seguito attraverso la diretta facebook sulla pagina di Angsa Catanzaro dove sarà possibile anche inviare delle domande che saranno lette nel corso dell’incontro. (rcz)

CATANZARO – Tessere di Comunità, al via i primi due percorsi psico-educativi

È ripartito, a Catanzaro, il progetto Tessere di Comunità del Centro Calabrese di Solidarietà  e voluto dalla Diocesi di Catanzaro-Squillace e finanziato dai fondi Cei 8×1000 di Caritas Italiana.

Il progetto Tessere di Comunità, infatti, è nato per promuovere l’arricchimento e il potenziamento della comunità, generando reciprocità, incoraggiando corresponsabilità e nuove forme di mutualismo: le famiglie adottano altre famiglie, per accompagnarle e aiutarle nella vita quotidiana per contrastare solitudine, isolamento e paura del pregiudizio.

Obiettivo generale del progetto, quello di promuovere empowerment di comunità, generare reciprocità, incoraggiare corresponsabilità e nuove forme di mutualismo (famiglie che aiutano famiglie) per sviluppare una carità di popolo, intendendo con “carità” il farsi prossimo all’altro, fare insieme a lui un pezzo di strada per aiutarlo ad affrontare la sua condizione di vulnerabilità.

Grazie alla costruzione di spazi collettivi, gli operatori del Centro Calabrese di Solidarietà continueranno a sostenere le famiglie, aiutandole ad essere stimolate e sostenute per affrontare insieme i problemi del territorio e trovare soluzioni durature. Soprattutto in questa complessa fase di gestione delle relazioni familiari, compresse in seguito ai successivi lockdown e dalle restrizioni imposte per il contenimento della diffusione del coronavirus. Famiglie che da un giorno all’altro hanno dovuto chiudere i propri contatti sociali, restando chiuse tra quattro mura: la convivenza, il non poter uscire e avere contatti con il mondo esterno, ha esacerbato situazioni dove vi erano delle difficoltà pre-esistenti, portando a volte a conflitti familiari. Tale situazione può aver esasperato delle difficoltà relazionali pre-esistenti e la compresenza di un particolare momento evolutivo (quale per esempio l’adolescenza del figlio o figli), possono aver portato a conflitti tra i vari membri della famiglia.

Per questo, attraverso percorsi psicoeducativi con le coppie, con le famiglie, con i genitori di figli adolescenti, gli operatori del Css si propongono di intrecciare reti di partecipazione e appartenenza, favorendo occasioni di incontro e condivisione tra le variegate “tessere” (inteso come oggetto, parte di un puzzle) di cui si compone la Comunità (persone, famiglie, parrocchie, operatori pastorali, servizi sociali) per costruire legami forti e generativi.

Riflettere insieme sulle dinamiche educative, individuare le necessarie competenze comunicative per imbastire relazioni positive con i propri figli, reinventando strategie comunicative attraverso programmi di arricchimento famigliare: questo lo scopo dei percorsi con i genitori di figli adolescenti che si svolge ogni giovedì dalle 17 alle 19 nella sede del Ccsdi via Lucrezia della Valle, nel rispetto delle norme anti-covid. Il mercoledì, sempre nella sede del Css, dalle 15 alle 17, invece, protagonisti del percorso psicoeducativo sono i giovani e le loro emozioni. Immediatamente dopo la pausa pasquale partirà il percorso psicoeducativo per coppie di fidanzati che si avvicinano al matrimonio.

Tra le attività già avviate possono essere approfondite attraverso la pagina Facebook del progetto “Tessere di Comunità”. Il numero a cui rivolgersi per ulteriori informazioni è 0961 557270, oppure su Skype: tessere di comunità). (rcz)

CATANZARO – La città entrerà nella rete dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente

Il Comune di Catanzaro, nelle prossime settimane, entrerà nella rete dell’Anagrafe Nazionale della popolazione residente, la banca dati nazionale nella quale confluiranno progressivamente le anagrafi comunali.

Se ne è discusso nella riunione della commissione servizi demografici, presieduta da Giuliano Renda, a confronto con l’assessore al ramo Alessandra Lobello.

«È stato un momento – ha detto Renda – di approfondimento proficuo per l’organismo consiliare che ha voluto ringraziare l’assessore Lobello per la disponibilità e l’impegno dimostrato nel portare avanti l’iter di un servizio importante per i cittadini. Anche il Capoluogo si allinea alle previsioni di legge riguardo l’utilizzo del sistema integrato, che consente ai Comuni di svolgere i servizi anagrafici e di consultare o estrarre dati, monitorare le attività o effettuare statistiche».

«Uno strumento – ha aggiunto – che mette in rete l’intera Pubblica amministrazione, attraverso una modalità di accesso unica, con notevoli benefici per i cittadini e per tutti coloro che sono interessati ai dati anagrafici. Per fare un esempio, un cittadino di Milano che si trova a Catanzaro e che ha necessità di reperire un certificato potrà acquisirlo facilmente, anche fuori dal Comune di residenza, superando le lungaggini burocratiche finora richieste».

«Nel corso dell’incontro della commissione – ha proseguito – abbiamo avuto conferma dall’assessore Lobello che l’ingresso nell’Anpr è il primo passaggio propedeutico verso la digitalizzazione di tutti i servizi demografici, nell’ambito di un percorso seguito con impegno dalla dirigente Simona Provenzano e dal responsabile Franco Catanzaro. Un settore che, in quest’ultimo anno,non si è mai fermato davanti all’emergenza covid e ha sempre tenuto aperte le porte agli utenti gestendo gli adempimenti in sicurezza».

«A tal fine – ha concluso Renda – per consentire l’adeguamento dei sistemi, giorni 8 e 9 aprile gli uffici anagrafe di Palazzo de Nobili e della sede di Lido resteranno chiusi al pubblico».  (rcz)

LAMEZIA – Il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta e Caritas a fianco dei bisognosi

A Lamezia Terme, la sezione lametina del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, attraverso il suo Capo Sezione Giuseppe Lucia, in prossimità delle festività pasquali, ha inteso donare delle colombe pasquali alla Caritas della città della Piana, coordinata da Don Fabio Stanizzo.

L’attività del Cisom ha dimostrato, in più occasioni, grande vicinanza alle strutture o alle persone bisognose e, in prossimità delle feste con maggiore forza e slancio di generosità.

L’individuazione della Caritas nasce, ovviamente, da una collaborazione e dalla consapevolezza del ruolo fondamentale che essa svolge all’interno di città o comunque comunità in cui è richiesto un intervento mirato.

Nello specifico, la Caritas di Lamezia Terme, distribuisce più di cento pasti caldi al giorno ai bisognosi e, a seguito della pandemia, che ha acuito particolarmente la crisi economica, è vicina ai cosiddetti “nuovi poveri” che, purtroppo, sono in continuo aumento e la struttura sta cercando, tra mille difficoltà, di fronteggiare questa grave crisi economica.

L’importanza di strutture caritatevoli ed organizzate come quelle della Caritas devono essere, oggi più che mai sostenute e l’auspicio sia del Cisom che della stessa Caritas, è quello che si sensibilizzi sempre un numero maggiore di cittadini, che compenetrandosi con le persone bisognose, compiano gesti di solidarietà.

Ove c’è una persona che soffre, lì c’è Gesù e fare del bene a quella persona non può che essere in linea dei dettami di nostro Signore.

È sulla base di questa frase che siamo tutti chiamati a far sentire un po’ meno sole ed emarginate quelle persone che vivono costantemente – o solo per un breve periodo – , dettato dalla crisi che sta investendo i nostri tempi, un periodo difficile.

La solidarietà funziona anche meglio quando è indirizzata, organica, strutturata e se essa assurge ad un ruolo di sostegno materiale e immateriale, visto che anche, talvolta, un semplice sorriso vale più di mille parole, può fare davvero la differenza.

La nostra Regione, più di altre, sta soffrendo la pandemia con ripercussioni economiche devastanti, essendo già un territorio con un’alta percentuale di disoccupati.

Aiutare e sostenere queste persone, in un momento così storicamente difficile può aiutare tutti ad uscire prima e meglio dalla crisi, non solo dal punto di vista economico ma anche sociale e essere vicini nel momento in cui la vicinanza assume un valore immenso è un nostro preciso dovere morale. (rcz)

LAMEZIA – Il Comune avverte dell’invasione delle processionarie nella pineta di S. Mina

Il Comune di Lamezia Terme, in una nota ha informato i cittadini che la pineta di S. Mina, e quelle del suo circondariato, sono invase dalla processionaria, molto pericolosa per le persone e per gli animali domestici e non. 

«Si chiede dunque, a tutti i cittadini – continua la nota – di prestare massima attenzione e agli organi competenti. di verificare la situazione da noi sottolineata, affinché possano essere predisposti e attuati tempestivamente, con ogni urgenza e solerzia, tutti gli interventi necessari. Il nostro scrivere è finalizzato meramente alla tutela e salvaguardia della salute e della incolumità pubblica e privata, non tralasciando chiaramente, la tutela ambientale. È inoltre indispensabile mette in moto, ogni azione che possa guardare all’equilibrio uomo-ambiente, evitando dunque, quelli che potrebbero essere i rischi dissesto idrogeologico».

«La pineta (quelle in oggetto le sono individuabili sui fogli di mappa catastali dell’ex comune di Sambiase n 36-44-57-58-59-69) – conclude la nota – rappresenta un cuore pulsante di ossigeno, un luogo geografico di incontro, un luogo emozionale di svago per il cuore e la mente. Essere cittadini attivi vuole dire proprio, considerare ogni centimetro del nostro territorio regionale, come quella casa da custodire, difendere, arricchire.