BISIGNANO (CS) – Il Peperoncino Tondo ha ottenuto il marchio De.Co

È stato approvato il marchio De.Co (Denominazione Comunale di Origine) al Peperoncino Tondo di Bisignano, rendendolo il primo prodotto segnalato, approvato e iscritto nel registro De.Co. della Città di Bisignano.

Si tratta di una straordinaria opportunità per la Città di Bisignano e per tutti gli operatori economici, che consentirà al prodotto la più ampia promozione e valorizzazione, il riconoscimento del consumatore finale attraverso il marchio De.Co., il mantenimento e la diffusione delle tecniche tradizionali locali, l’inserimento in un circuito di qualità locale a cui partecipano i vivai, le aziende agricole, le aziende di trasformazione, i ristoratori ed i distributori a vario titolo.

Grande soddisfazione è stata espressa dal consigliere comunale Marcello Prezioso per un risultato al quale si è arrivati grazie al coinvolgimento di esperti di agricoltura locale per la ricerca storica e il ritrovamento del seme e all’Associazione Scientifica Biologi senza Frontiere (Asbsf) per le analisi nutrizionali e scientifiche.

«L’istituzione della De.Co. – ha sottolineato l’amministrazione comunale – vuole dare l’opportunità ad ogni prodotto del territorio di esprimere un’identità culturale e gastronomica ed insieme costituire il grande patrimonio della tradizioni locali, abbinando le caratteristiche organolettiche delle materie prime e le metodiche di coltivazione, lavorazione e conservazione, avvalorate dalle analisi nutrizionali e scientifiche svolte dalle figure competenti (biologi, nutrizionisti, agronomi, ect.) dell’Associazione Scientifica Biologi senza Frontiere».

Censire, riconoscere e tutelare i prodotti agroalimentari e artigianali locali, promuoverne lo sviluppo attraverso il legame con il territorio di origine è indispensabile per salvaguardarne l’identità sul mercato globale sottolineando il connubio tra storia, luoghi e specialità alimentari. In tal senso, le denominazioni comunali di origine possono favorire lo sviluppo integrato del territorio dall’agricoltura all’artigianato, passando per il turismo enogastronomico e l’ospitalità diffusa. (rcs)

DOMANICO (CS) – Il Comune ospita gli studenti internazionali dell’Unical

Domani, venerdì 31 luglio, gli studenti internazionali dell’Università della Calabria saranno ospiti dell’Amministrazione comunale di Domanico per una visita guidata e un pranzo di convivialità.

L’urban trekking è stato organizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Entropia  e l’Associazione Culturale Cascina Way, e prevede una camminata nel centro storico guidata da Marina Muto, consigliera comunale di Domanico, con il supporto multilinguistico delle volontarie del Servizio Civile Universale, per poi fare la tappa obbligata alla Motta, primo nucleo insediativo del paese. Il borgo si erge su una rupe rocciosa molto suggestiva e panoramica e vi si accede tramite una serie di gradoni scavati nella roccia, fiancheggiati da abitazioni accorpate, tra le quali si trovano resti, ruderi e testimonianze di antichi insediamenti umani.

Al termine dell’escursione, ai partecipanti sarà offerta una degustazione di prodotti tipici locali, accompagnata da musica e socialità.

Il trekking chiude la prima fase del progetto, che ha visto lo staff di Entropia e le volontarie del Servizio Civile impegnati anche nel periodo più critico della pandemia, offrendo servizi aggiuntivi e di supporto alla comunità internazionale del Campus, nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio da Covid-19. Con la ripresa della programmazione culturale, l’associazione ha riportato gradualmente la socialità nel Campus, prediligendo gli spazi all’aperto e offrendo agli studenti rimasti negli alloggi la possibilità di incontrarsi e sentirsi meno isolati. La gita a Domanico, completamente gratuita, sarà altresì un modo per salutare gli associati prima delle vacanze estive. (rcs)

TREBISACCE (CS) – La città conquista la terza bandiera “Spighe Verdi”

La città di Trebisacce si aggiudica, per la terza volta, la Bandiera Spighe Verdi.

Il prestigioso riconoscimento viene assegnata dalla Foundation for Environmental Education ed è un percorso che riconosce a un intero territorio l’impegno a voler trovare e conservare un equilibrio tra ambiente, società ed economia.

Il programma Spighe Verdi, infatti, è l’eco-label che certifica la qualità ambientale delle località rurali, premiando quelle buone pratiche di sostenibilità che hanno effetto positivo sugli ecosistemi, ma anche sulle popolazioni, sul turismo e sulla commercializzazione dei prodotti agricoli.

«Ciò va a concretizzare – si legge in una nota – un progetto in cui il Comune, gli agricoltori, le Associazioni, i singoli cittadini e i turisti stessi, diventano soggetti attivi che si pongono come obiettivo finale il conseguimento degli obiettivi condivisi.  La città di Trebisacce porta avanti da anni una politica attiva, finalizzata alla valorizzare del contesto agricolo e rurale, soprattutto con un impegno costante nella valorizzazione dei prodotti autoctoni, primo tra tutti il Biondo Tardivo di Trebisacce».

«Nulla avviene per caso. Questo riconoscimento – ha dichiarato il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo – gemello alla settima Bandiera Blu, festeggiata qualche giorno fa, ci conferma che stiamo tracciando un percorso di cambiamento importante, che proietta Trebisacce in una nuova dimensione concettuale e turistica, capace di aver ricadute concreto sul piano occupazionale e produttivo per le attività locali».

«Possiamo guardare al futuro – ha aggiunto – solo se non dimentichiamo il nostro passato che vanta forte origini rurali, possiamo proiettarci verso un turismo poliedrico, sfaccettato, ed innovativo investendo energie e risorse in ciò che da sempre sono per noi marcatori identitari del territorio».

«Ringrazio la delegata alle Politiche agricole, Antonella Acinapura e il delegato all’Ambiente, Franz Apolito – ha concluso il primo cittadino – per il lavoro posto in essere, in concerto con il responsabile dell’Ufficio ambiente, arch. Egino Orlando. Una grande squadra che porta a grandi risultati. Questa è la nostra visione di gestione politico-amministrativa, e su questo piano profonderemo forza ed energia. Noi continuiamo ad andare avanti per nostra strada!». (rcs)

MIRTO CROSIA (CS) – Al via la settima edizione di “Crosia d’Estate”

È stata presentata la settima edizione di Crosia d’Estate, la rassegna estiva promossa dall’Amministrazione comunale di Mirto Crosia con la direzione artistica di Fabio Zumpano che prenderà il via il 5 agosto nel centro storico.

Si parte giorno 5 agosto alle ore 21.00 con la prima serata di Cinema con le stelle, ricordando Ennio Morricone: una serie di quattro proiezione di altrettanti classici del cinema mondiale che nella colonna sonora portano la griffe del celebre compositore scomparso a Roma il 6 luglio scorso.

L’iniziativa sarà curata in partnership con l’Istituto musicale Donizetti e vedrà la proiezione, nei mercoledì del mese di agosto (5-12-19-26 agosto), di Malena, Nuovo Cinema Paradiso, C’era una volta in America e La leggenda del Pianista sull’oceano.

Inoltre, il Club Trekking Rossano, per la prima volta, proporrà a Crosia tre passeggiate al tramonto. La prima, lunedì 10 agosto con un percorso tra le colline e la storia che partirà dal Borgo di Crosia per concludersi nello spiazzo del bastione “Castello” di Mirto, con un finale a sorpresa: la passeggiata nel firmamento proprio nella notte dedicata, per antonomasia, alle stelle cadenti.

Il clou della programmazione estiva, invece, saranno le quattro serate di Radicando – dallo Jonio alla Sila lungo il Tràes dedicate ai sapori della tradizione, dal mare ai monti, in un percorso vibrante ed esaltante che sarà accompagnato da incursioni musicali, balli in riva al mare, e dalla magia di artisti di strada di fama internazionale. 8-13-17-21 agosto, queste le date cruciali, ognuna dedicata ad un elemento principe dell’enogastronomia tipica traentina: la patata, il vino, i cuddureddi e il pesce azzurro.

Ritorna, per la quarta edizione la Notte Rosa, in programma l’11 agosto. Una serata dedicata al tema delle pari opportunità contro ogni disparità di genere. Approfondimenti, dibattiti, musica e angoli del gusto per un evento, promosso dall’Assessorato alle Politiche sociali, diventato appuntamento fisso e imprescindibile dell’estate traentina. Due le serate dedicate a Crosia… in cultura con spazi di approfondimento e confronto curati dal sociologo e giornalista Antonio Iapichino.

Intanto, il programma dettagliato, con il calendario degli eventi sarà distribuito nei prossimi giorni con una distribuzione capillare che interesserà l’intero territorio della Sibaritide. (rcs)

PAOLA (CS) – Il segretario-questore Di Natale dona un’attrezzatura al reparto di Cardiochirurgia

Il segretario-questore Graziano Di Natale ha donato un’attrezzatura al reparto di Cardiochirurgia all’Ospedale “San Francesco” di Paola «in quanto quanto si tratta di un reparto che sta diventando un’eccellenza, una vera avanguardia con la forte ambizione di voler continuare ad offrire servizi al territorio».

La consegna è avvenuta alla presenza del dott. Antonio Figlino, direttore Sanitario del presidio ospedaliero, della dottoressa Manes – direttrice U.o.c. Cardiologia Utic Elettrostimolazione, del dottor Riccardo Borselli – direttore C.o. 118 CS, la dottoressa Sguglio – Primario del Pronto Soccorso e infermieri del 118 di Paola.  Presente anche, per i saluti istituzionali, il sindaco della Città di Paola Avvocato Roberto Perrotta.

«Mi piace che ci sia sinergia istituzionale – ha aggiunto Di Natale – perché significa che si riesce a garantire servizi efficienti ai cittadini. Credo infatti che il ruolo di chi ricopre una carica pubblica debba essere proprio quello di dare risposta ai problemi della popolazione. E quando alla politica si chiede di implementare dei servizi noi dobbiamo assolutamente assecondare e far di tutto per soddisfare questa domanda». 

«Con la dottoressa Manes  – ha proseguito l’esponente politico – stiamo portando avanti il progetto dell’ Emodinamica perché nel territorio non c’è una emodinamica pubblica bensì privata. Lottare per rendere il più possibile efficienti i servizi è una conquista non di un politico e neppure della politica ma dell’intero territorio». 

«Il mio vuole essere – ha aggiunto il segretario-questore del Consiglio regionale – un impegno che va nella direzione di sviluppare i servizi. Nessuno ha l’etichetta di paziente ma tutti possiamo diventarlo. Ecco perché il mio oggi vuole essere un piccolo gesto, anche nel ricordo dell’umiltà insegnatami dai miei genitori, per aggiungere un granello di sabbia per costruire, insieme, grandi cose». 

«Ringrazio – ha concluso Di Natale – i medici presenti per gli attestati di stima che mi hanno riservato. La primaria di Cardiologia e il direttore Sanitario dottor Figlino il quale ha voluto sottolineare che  ‘quando il politico sveste i panni del politico, avvicinandosi alle esigenze di un territorio, e nel caso specifico dell’Ospedale San Francesco di Paola, significa che, prima del ruolo istituzionale che riveste, è un cittadino lungimirante che ha a cuore gli interessi della collettività’. Non nascondo che parole del genere mi hanno commosso. Ho voluto inoltre, con l’occasione, omaggiare con attestati di gratitudine tutti gli infermieri del 118 che hanno operato durante i mesi dell’emergenza da coronavirus, sostenendoci e supportandoci sempre, andando anche oltre il loro ambito strettamente professionale e gli stessi orari di lavoro». 

«In questo percorso che sto vivendo – ha aggiunto infine – vorrei conservare il ricordo di qualcosa che abbiamo fatto insieme. Quelli che, come me, rivestono incarichi istituzionali, non sono al comando, sono al servizio. E faccio di questa ultima espressione il mio modo di operare e di pensare, per noi e per chi ci sarà dopo di noi». (rcs)

CASTROVILLARI (CS) – Premiati i partecipanti dello Special Olympics Smart Games 2020

Al Protoconvento di Castrovillari, sono stati premiati i partecipanti del Comprensorio nord- calabrese allo Special Olympics Smart Games 2020, l’evento  rivolto a persone con disabilità intellettiva accompagnati dalle loro famiglie in un’atmosfera a dir poco entusiasmante.

I team erano quelli degli istituti : “Zumbini” di Cosenza, di Terranova da Sibari, “Tieri” di Corigliano-Rossano, “Galileo Galilei” di Trebisacce, e di Castrovillari la scuola secondaria di 1^ grado, “Alfano- Garibaldi e Da Vinci”, “Mattei-Pitagora-Calvosa”, oltre alle Associazioni “Filo di Arianna”, “Totum team” e “Meglio Insieme”.

La cerimonia – sottolineata variamente nei singoli apporti di quanti sono intervenuti –  svoltasi nel Chiostro del Protoconvento francescano, nel pieno rispetto del distanziamento sociale, ha registrato le presenze istituzionali dell’assessore Regionale alle Politiche sociali e per la famiglia, Gianluca Gallo, del sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, che è intervenuto a nome e per conto dei colleghi  delle città di appartenenza degli atleti, del consigliere provinciale Carlo Lo Prete, oltre che di Maria Letizia Belmonte, dirigente scolastica di Terranova da Sibari  per l’area scuola So Cosenza, della presidente della Croce Rossa di Castrovillari, Mariagrazia Mainieri, introdotti  da Mariella Greco, direttrice provinciale Soi Cosenza nonché referente Calabria per l’area scuola  e moderati  da Rosaria Russo, sempre dell’area volontari di Cosenza.

Un’opportunità che ha consentito ancora di lanciare con forza le ragioni e la portata di un messaggio importante e accorato, mettendo in risalto, all’unisono, le sensibilità calabresi presenti, che attraversano trasversalmente e indistintamente la collettività, per affermare quelle capacità, come i ragazzi che si sono implicati, mettendosi in gioco, e che, ancora una volta, hanno sottolineato il valore dell’Essere al di là di tutto, interprete, quando “desidera” con passione, di affrontare ogni ostacolo, sgominando pure l’impossibile. Questo il filo che ha legato l’iniziativa, raccogliendo contributi e valutazioni che hanno ribadito il valore multidisciplinare di tale coinvolgimento.

L’appuntamento, così, continua a costruire quei percorsi di sinergia e creare relazioni, fondamentali per ciò che suscita e provoca la vita confermando che gli individui contribuiscono a far sollevare lo sguardo di cui c’è sempre più bisogno. 

Naturalmente l’inizio delle nuove attività che riempiono di contenuti lo Special Olympics riprenderà a fine settembre, in maniera capillare, con l’avvio dell’anno sportivo per riscoprire e sorprendere ancora un entusiasmo che vuole includere sempre più. (rcs)

CLETO (CS) – Il libro “Vadue” di Gianfranco Ianni

Oggi pomeriggio, a Cleto, alle 18.30, ai “Laboratori” di Contrada Pianta, la presentazione del libro Vadue – Alla ricerca di un movente di Gianfranco Ianni.

L’evento è organizzato dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune di Cleto, con il media partner Liberi.tv.

Intervengono il sindaco Giuseppe Longo, il vicesindaco Giuseppe Filice, la presidente della Pro Loco, Maria Luisa Longo con la partecipazione della prof.ssa Anna Abate. Dialoga con l’autore  Riccardo Cristiano, presidente di Liberi.tv.

La partecipazione è aperta a tutti, seguendo le norme del distanziamento sociale e portando con se la proverbiale mascherina.

Il libro è edito da Aglampi(rcs)

COSENZA – L’indagine sull’impatto dell’emergenza covid sulle imprese del Terziario della Calabria

Domani mattina, alle 12.00, in diretta Facebook, la presentazione dell’indagine sullo stato di salute delle imprese calabresi dopo l’emergenza Covid-19 condotta da Confcommercio Calabria in collaborazione cin Format Research.

Si tratta di un’analisi approfondita che fotografa la situazione economica della nostra Regione in termini di fiducia economica, ricavi, impatto del lockdown, accesso al credito, livelli occupazionali e numero di apertura/chiusura imprese. Alla conferenza stampa prenderanno parte il presidente di Confcommercio Calabria, Klaus Algieri e il presidente di Format Research, Pierluigi Ascani che presenterà lo studio realizzato. (rcs)

AMENDOLARA (CS) – Oltre 1 milione per il recupero e rifunzionalizzazione di Palazzo Andreassi

Sono 1.118.000 euro la cifra che sarà utilizzata per il recupero e rifunzionalizzazione di Palazzo Andreassi di Amendolara.

L’erogazione della cifra al Comune è stata possibile grazie alla sottoscrizione di una convenzione tra il sindaco, Antonello Ciminello e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, rappresentata dal Capo del Dipartimento per le Pari Opportunità, Paola Paduano.

Il Comune di Amendolara, con questo cospicuo finanziamento, rientra nel Piano Nazionale per la Riqualificazione Sociale e Culturale delle Aree Urbane Degradate. Il progetto, proposto dal Comune, intende recuperare il Palazzo Andreassi che prende il nome da un’antica famiglia nobile di Amendolara. L’edificio in passato è stato sede della Pretura, del Municipio e, sino agli anni ottanta, ha ospitato gli uffici delle imposte e del registro.

Nello specifico, Palazzo Andreassi diventerà un Centro di Aggregazione Sociale (Centro Polifunzionale) comprensivo di ludoteca, videoteca, spazio multifunzionale, laboratori tematici di orientamento al lavoro: uno spazio protetto dove preadolescenti, adolescenti e giovani, in contatto anche con persone più anziane, potranno sperimentare un percorso di formazione sia umana che manuale.

Inoltre, è intenzione dell’Amministrazione Comunale trasferire nell’immobile ammodernato anche il Museo Archeologico Nazionale “Vincenzo Laviola”. Mentre l’attuale stabile, in piazza, una volta adeguato, custodirà le opere del maestro scultore e pittore Antonio Sassone, in una sorta di museo dedicato.

Soddisfatto, di questo importante risultato, il sindaco Antonello Ciminelli, che nel febbraio 2018 si è recato in compagnia dell’assessore Prospero Scigliano a Bologna per incontrare l’allora sottosegretario, Maria Elena Boschi, per l’ufficializzazione della graduatoria dei comuni beneficiari.

«Otteniamo – ha dichiarato il sindaco Ciminelli – il secondo più importante finanziamento della storia per importo, dopo quello che riguarda il torrente Valloncello . Così come lo abbiamo immaginato, Palazzo Andreassi diventerà un vero attrattore per lo sviluppo turistico-culturale dell’intero centro storico di Amendolara». (rcs)