Il cacciatore di meduse di Ruggero Pegna

Il cacciatore di meduse, il romanzo di Ruggero Pegna, edito dalla casa editrice Falco, racconta in modo emozionante e commovente l’incredibile dramma dei migranti,le sofferenze e i sogni di chi è misero o diverso, discriminato per il suo stato di povertà o per il colore della pelle.

La storia del piccolo cacciatore di meduse continua ad affascinare e commuovere lettori di ogni età. Il  mondo visto con gli occhi di Tajil, il bambino somalo protagonista del romanzo, e dei suoi amici immigrati e miseri di ogni parte del mondo, offre la vera dimensione umana ad un tema al centro delle cronache nazionali e internazionali, come quello dei migranti, spesso trattato al minimo con distacco e indifferenza. C’è un microcosmo di valori, sentimenti, storie, pensieri e promesse nell’animo del piccolo Tajil, il bambino speciale capace di catturare le meduse con le mani e portarle a riva: l’ombra della guerra, la solitudine e la miseria, il viaggio disperato, accoglienza e ostilità, il dramma di tanti uomini e donne che cercano una vita migliore ma che, spesso, si trasforma in tragedia. 

È la storia attualissima e struggente de Il cacciatore di meduse. Una storia che approda sulle coste siciliane, in riva al mare cristallino di San Vito Lo Capo, dopo l’espiazione di un viaggio massacrante, nel deserto prima e, poi, a bordo di un barcone fino a Lampedusa. C’è un pezzo di storia dei nostri tempi, l’avventura dei migranti vista con gli occhi di chi la vive, rischiando la vita stessa e sognandone una diversa e migliore. Tra le onde, Tajil anela alla terraferma con in testa un guazzabuglio di desideri, speranze, sogni. “Ognuno ha un motivo per scappare e mille altri per sperare”, scrive Ruggero Pegna che, dopo “Miracolo d’amore”, storia della “sua” leucemia (Rubbettino, 2005) e numerose altre pubblicazioni, decide di addentrarsi in un mondo affascinante e misterioso che si perde talora nelle derive del razzismo, del concetto errato di emigrazione, di tolleranza e solidarietà, di speranza. In terra siciliana, accompagnato dalla mamma Halima, Tajil dovrà fare i conti con una nuova realtà. Nel suo primo temino in italiano Tajil scriverà: “La Terra è di tutti, diceva mio nonno e, per questo, sto bene anche qui, in mezzo a gente con la pelle diversa dalla mia. […] Penso che il nonno avesse ragione quando diceva che la bontà non dipende dal colore della pelle, ma da quello del cuore”.

Il cacciatore di meduse” di Ruggero Pegna, oltre che autore anche direttore artistico e promoter musicale, si presenta, dunque, come un autentico romanzo di formazione. Ed è un libro che continua il suo viaggio contro ogni forma di razzismo con continui consensi. Primo classificato al “Premio Antonio Proviero” e al “Premio Core.re. Cultura”,  menzione d’onore al “Premio Michelangelo Buonarroti”, oltre a numerosi altri riconoscimenti, è anche tra i dieci finalisti della Sezione Narrativa 2019 premiati dalla giuria del Premio Internazionale “Il sigillo di Dante” promosso dal Comitato della “Dante Alighieri” di La Spezia, presieduta dal dottor Filippo Paganini. La cerimonia di consegna si terrà domenica prossima, 24 marzo, a Sarzana (La Spezia), preceduta da un incontro dibattito sul tema “Un modello esemplare di uomo universale”, con relatore il professore Paolo Pontari dell’Università di Pisa. 

Il romanzo è già stato introdotto in molti istituti scolastici e tradotto in braille per vedenti e ipovedenti. Nel 2017, infatti, Il cacciatore di meduse è stato inserito tra i tredici libri consigliati dalla World Social Agenda della Fondazione Fontana di Padova a studenti e docenti delle scuole secondarie di secondo grado sul tema “Migranti e Diritto al futuro”.

«È un romanzo che mi ha commosso e fatto sorridere. Nonostante le sue circa quattrocento pagine è una grande poesia, un romanzo attuale e pieno di umanità. Una storia bellissima che dovrebbero leggere tutti!», ha affermato il professore Paolo Maulucci, storico e ricercatore, Presidente di giuria al Premio Co.re.Cultura assegnato al romanzo. (dc)

Marzo per gli agnelli, di Mimmo Gangemi (2019)

di MARCELLO VILLARI – “Marzo per gli Agnelli”, l’ultimo romanzo di Mimmo Gangemi racconta una storia calabrese. Anzi, per la precisione, una storia ambientata fra la Piana di Gioia Tauro e l’Aspromonte, luoghi privilegiati  della narrativa di Gangemi. Ma forse sarebbe riduttivo interpretare la vicenda che si snoda nelle pagine del libro semplicemente come  “letteratura regionale”. Lo sfondo, gli scenari naturali e umani, i caratteri e i linguaggi dei personaggi indubbiamente caratterizzano questo romanzo cosi come le altre opere dell’autore e più in generale la sua passione intellettuale e civile. E tuttavia leggendo il libro e la storia che racconta, le dinamiche sociali che stanno sotto le apparenze e le forme che si connotano da subito come “tipicamente calabresi” sono, secondo me, “universali” nel senso che ci riportano nel mondo di oggi, perché la perdita dello spirito pubblico, l’affarismo come cifra dominante della contemporaneità, la corruzione e il disinteresse verso l’ambiente quando c’è di mezzo il business non hanno ormai più confine, cambiano solo modi, stili e protagonisti.

Da questo punto di vista,  bisognerebbe uscire da un diffuso atteggiamento provinciale e leggere l’opera di questa nuova generazione di scrittori calabresi, di cui Mimmo Gangemi è senz’altro un esponente di spicco, come un tentativo di raccontare, attraverso “storie calabresi”, la modernità e cioè una realtà – quella calabrese appunto – che non è una sorta di luogo separato dal resto d’Italia e del mondo, ma ne fa parte a pieno titolo, nel bene e nel male.

In fondo, in “Marzo per gli Agnelli”, lo scontro fra la vecchia onorata società di zì Masi e la nuova ‘ndrangheta affarista dei Survara si sviluppa intorno alla costruzione di un mega insediamento turistico sul mare usando capitali da ripulire. È una trama che può benissimo  rappresentare il cambiamento radicale che hanno subito le nostre società in un’epoca in cui il mondo degli affari si è trasformato in un sistema di arrembaggio ai beni comuni violento e senza esclusione di colpi, si tratti del risparmio dei cittadini o dell’acqua che beviamo o delle terre che ci danno da mangiare.

È invece nei personaggi di questo romanzo che Gangemi delinea alcune specificità locali che lo portano a una visione un po’ pessimista del futuro della Calabria.  Qui c’è una differenza rispetto all’altro bellissimo suo libro, “La signora di Ellis Island”, ma anche allo stesso  “Il giudice meschino” che  pure parla di vicende di ‘ndrangheta. Un cambiamento di sentimento che lo stesso autore peraltro ha messo in evidenza in alcune sue recenti interviste.

La “Signora di Ellis Island” è la saga di una famiglia aspromontana che attraverso il duro lavoro, l’emigrazione, il risparmio e sacrifici durissimi costruisce la sua emancipazione sociale, il passaggio dalla misera a un certo benessere. Un’epica che è il paradigma di tante famiglie calabresi che a cavallo fra le due guerre mondiali hanno cambiato la loro condizione e la società calabrese, un tempo immobile e senza speranza. In “Marzo per gli agnelli” i personaggi che stanno sullo sfondo alla vicenda principale, nobili, professionisti, membri del circolo di società locale, semplici cittadini sono permeati dalla cultura mafiosa, come se questa fosse ormai la caratteristica inevitabile e permanente, quasi “naturale” della società calabrese. È sparita, in questo libro di Gangemi”, la voglia di riscatto e di lotta ai soprusi dei possidenti e dei loro sgherri che aveva caratterizzato un’altra epoca della storia calabrese.

Ecco che qui il pessimismo si insinua nel racconto: la società civile non produce più anticorpi, rifiuto culturale e sociale nei confronti del sopruso mafioso e della sua violenza selvaggia, questa sì retaggio di un mondo antico trasferito a piè pari nella modernità.  Tanto è vero che il protagonista del romanzo, l’avvocato Giorgio Marro, che è l’unico a rifiutarsi di vendere il proprio terreno alle famiglie di ‘ndrangheta che vogliono costruire il mega complesso turistico, non lo fa per un atto di eroismo. Colpito da una vicenda personale devastante – un figlio morto in un incidente, l’altro in coma e la moglie impazzita per il dolore – ormai vorrebbe soltanto sparire dalla faccia della terra insieme al suo inconsolabile dolore. “Ti dico che è invincibile – dice zi’ Masi al socio ‘ndranghetista Survara che vorrebbe intimidire Marro per costringerlo a vendere – non c’è medicina per lui. Non c’è niente che gli possiamo opporre. Ad ammazzarlo, un favore grande gli facciamo. Ad ammazzargli la moglie e il figlio gliene facciamo altri due”.

In  “Marzo per gli agnelli” – che nel linguaggio contadino di zi’ Masi vuol dire che ogni cosa ha il suo tempo – il protagonista, l’avvocato Marro non è appunto un eroe positivo, non ha deciso di sfidare la ‘ndrangheta per difendere un diritto, ma agisce per dimenticare la sua tragedia, per trovare un diversivo, cerca un motivo per sentirsi ancora vivo e non una persona emotivamente morta che respira e cammina. Come ha capito zi’ Masi che lo conosce bene e ha ancora la sensibilità umana e l’intelligenza di capire che uno così è “invincibile”.

Un romanzo è un romanzo appunto e non necessariamente è tenuto a rispecchiare la realtà, ma è il frutto della creatività, dei sentimenti e della fantasia dell’autore in un dato momento della propria vita. E soprattutto deve essere una bella storia, avvincente e appassionante. E queste doti non mancano né a Mimmo Gangemi né ai suoi romanzi che ne rendono sempre piacevole la lettura. Ma se vogliamo leggere in quest’opera anche un messaggio, pur vedendo che in Calabria sta nascendo una nuova stagione del sentire comune, dovremmo prendere molto sul serio l’avvertimento contenuto in questo romanzo: quella società civile diffusa che non produce anticorpi morali e sociali al malaffare e a quell’intreccio  perverso di antico e nuovo può sempre prendere il sopravvento e dare il colpo definitivo a una regione costantemente in bilico come quella calabrese.

Infine una testimonianza personale, visto che conosco da tempo l’autore: Mimmo Gangemi non è affatto pessimista sul futuro della Calabria, lo dimostra il suo impegno intellettuale pubblico e privato, intenso e continuo. (mv)

 

LA SCHEDA
Marzo per gli agnelli
Mimmo Gangemi
pp. 288, euro 17,50
Piemme Edizioni
ISBN 9788856668612

L’AUTORE
Ingegnere di Santa Cristina d’Aspromonte (1950), Mimmo Gangemi ha esordito come scrittore nel 1995  con Un anno d’Aspromonte (Rubbettino) e ha pubblicato, diversi libri tra cui Il giudice meschino (2009, da cui è stato tratto uno sceneggiato tv) e Il patto del Giudice e La verità del giudice meschino. Apprezzatissimo il suo romanzo La signora di Ellis Island (2011). Con Pino Aprile, Maurizio De Giovanni e Raffaele Nigro, ha firmato nel 2017 Attenti al Sud. Collabora con il quotidiano La Stampa.

 

LE PRIME VENTI RIGHE

Zi’ Masi d’aspetto si mostrava più vecchio dei settantatré anni lì lì da compiere. Nei movimenti no, era agile più d’un gatto. Alla minima espressione del volto la pelle gli s’increspava in rughe ravvicinate e sottili, la carnagione se la pattava con quella di un marocchino abbronzato, aveva occhi svelti, cupi e sanguigni e le gambe storte da stagliare, nel mezzo, la luce di un rombo. Una profonda cicatrice gli calava . a mezzaluna dalla tempia fin oltre lo zigomo: un ricordo di gioventù. Melazzo gliel’aveva incisa con la roncola, senza potersene vantare però, Portava, estate e inverno, una coppola di velluto nero girata di traverso, sulle due meno venti, minuto più minuto meno.
Il giovane gli si parò davanti, salutò con un cenno d’inchino – a mo’ di titolato comunista nel riverire il papa – accettò la sedia che il vecchio gli porse, vi si calò.
«Forse che papà non sta in buona salute?», ziì Masi calcando sul «papà» e allargando un sorriso a cui non fece ubbidire gli occhi. Il papà era Ciccio Survara, con lui nell’onorata società prima che si sbriciolasse in tante «’ndrine»
Al giovane sobbalzò, andata e ritorno il pomo d’Adamo.

Quinta Dimensione – Poesie scelte 1958-2018 di Corrado Calabrò

Chi pensa che i libri di poesia non abbiano mercato o siano soltanto destinati a un pubblico troppo ristretto dovrà ricredersi di fronte a Quinta dimensione – Poesie scelte 1958-2018 di Corrado Calabrò. Basterebbe il lungo e appassionato poema Roaming che apre la raccolta a motivare la lettura delle altre 245 liriche di questo straordinario volume di oltre 300 pagine (Mondadori editore). Corrado Calabrò è un poeta sui generis: ha saputo in sessant’anni di poesia coniugare il rigore dell’uomo di legge e delle istituzioni con l’incanto di una poetica non convenzionale, molto spesso destinata a scuotere sentimenti e passionalità con la suggestione di versi che illustrano, raccontano, costruiscono e disfano. Il Calabrò giurista è un alter-ego del Calabrò poeta o è vero il contrario: le due vite non s’incrociano, come rette parallele, binari di un’esistenza vivida e ricca, però aiutano a comprendere l’uomo, con i suoi echi millenari della Magna Grecia o i profumi della sua Calabria.

50 anni di uomo di legge e 60 anni di poesia, con una (fortunatamente) mancata contaminazione delle parti. Corrado Calabrò giurista, presidente AGcom, più volte capo di gabinetto e infine consigliere di Stato è la fotografia di una vita al servizio delle istituzioni e del Paese; Calabrò poeta è una sinergica realtà che smuove passioni, esalta la carnalità dell’amore, ispira i sensi, provoca commozione, scatena sentimenti. Il poeta sa farsi tramite dei luoghi della vita, delle sensazioni, dei sogni, impossibilitato a non mutuare con il lettore lo spirito del tempo (Zeitgeist) e la pratica del vivere quotidiano. Il risultato è una gradevole sensazione di intimismo condiviso che avvolge nello scorrere dei versi chi cerca nella poesia i segni vitali dell’essere uomo. E chi è il lettore di poesia? È sicuramente ben diverso dal lettore di romanzi o di saggi: è in realtà un sognatore o forse soltanto un avventuriero letterario in cerca di parole solo a lui comprensibili e riservate.

Se guardiamo bene, l’opera poetica di Corrado Calabrò si muove su tre piani: l’amore, il mare, la Calabria. Che poi sono una sola cosa: Il mare di quella Calabria che gli ha dato i natali è l’immenso oceano dell’amore che caratterizza gran parte della sua produzione poetica. Calabrò è il cantore dell’amore e quindi della vita, della passione, della sofferenza, della morte: i suoi versi non offrono indulgenze al lettore, lo rapiscono senza farsene accorgere, lo trascinano in abissi di suggestioni e sensazioni che solo il vero poeta riesce a trasmettere, a suscitare. Il poeta Calabrò non declama, ma offre il dialogo col suo lettore, che – senza saperlo – esprime il suo impalpabile feeling al poeta.

Si diceva prima di Roaming: è straordinario questo lungo poema che in 602 versi racconta una vita, tra sogno e realtà, tra desiderio e passione, tra modernismo e tradizione. Quasi una trasmissione televisiva, in versi, che spazia in lungo e in largo, senza soluzione di continuità, a inseguire eventi e avvenimenti, persone reali e forme idealizzate dal sogno, in un affascinante delirio di passione quando “sotto stupite stelle / si smarrisce per noi la distinzione / tra provenienza e destinazione”.

Si farebbe un torto, però, al poeta Calabrò se si riducesse l’attenzione al solo Roaming: Quinta dimensione è un libro da tenere sul tavolo o sul comodino, un pronto soccorso al desiderio di indifferenza, alla malinconia, alla voglia d’amore, al bisogno di fuga, all’esigenza di stabilità. Sfogliando le pagine s’incontrano affreschi di sentimento che disarmano l’innocua paura della parola scritta. Non è facile sfuggire ai versi di Calabrò che, inesorabile, colpisce – com’è d’obbligo al poeta – ferisce e risana. Il tocco del poeta è lieve, ma le parole sono macigni, incantano, affliggono, esaltano e inteneriscono. È una giostra di stimoli differenti che s’inseguono con l’obiettivo di scavare a fondo nell’animo di chi è pronto a rivivere il senso dei versi e nutrirsi della loro inesauribile efficacia.

Non è  un mestiere per tutti il poetare, ma la parola che si fa verso illude e riesce a scuotere sentimenti che s’immaginavano repressi o del tutto assenti. È la magia di chi – davvero pochi, in verità – sa costruire con le parole un universo dove ognuno riesce a individuare una o più stelle di riferimento. In una “quinta dimensione” che Corrado Calabrò dona con questo libro, con le sue liriche, parlando al cuore perché la testa intenda, tra sperimentazione e classicismo. Forte di una maturità poetica di cui non capiterà mai di stancarsi. (Santo Strati)

Corrado Calabrò
Quinta dimensione
Mondadori editore,
304 pagg, 18 euro

Il racconto di Odisseo (della guerra di Troia) di Antonio Nicoló

Ci voleva un esperto di autopsie per sezionare il corpo ideale di Ulisse, l’eroe omerico, simbolo della voglia di conoscenza e della vita da vivere come un’avventura continua. Il dott. Nicolò – che peraltro è anche un pittore astratto di buon livello – tenta in questo libro di capovolgere l’istinto astratto e s’ingegna a tratteggiare un affresco in prima persona che rivela una vitalità straordinaria.
Le avventure di Ulisse, nella memoria scolastica, sono più o meno presenti in tutti quanti: la sua storia, le continue disavventure, le disgrazie, i mostri e le bellissime, hanno popolato i pomeriggi di studio di tutti i liceali di questo mondo, lasciando spesso pallidi ricordi e spesso scarso entusiasmo, salvo ad aver riscoperto, in età adulta, il piacere di una rilettura da Omero. Operazione caldamente consigliata, dopo aver letto e gustato questo libro.
Antonio Nicolò si avventura in un nuovo racconto di Odisseo, che, senza tradire la narrazione omerica, riesce a intrecciare una storia pressoché originale, scritta con garbo e un piglio di instancabile ricercatore della perfettibilità della prosa, con una messe infinita di nomi e citazioni che non sfigurerebbero in un’opera scientifica. Ma questo è un romanzo, non un’opera di scienza e si fa leggere come tale, avvince e trascina fino alle ultime pagine come se avesse preso ispirazione dai gorghi di Cariddi o dalle lusinghe delle sirene.
La verità è che l’autore, raccontando in prima persona, la storia dell’uomo Odisseo, mostrando una grandissima competenza in cose di mito e di geneaologie olimpiche, analizza virtualmente un corpo che non esiste, ovvero che è solo idealmente presente con le sue debolezze e i suoi ardimenti, con le sue paure e i suoi passionali ardori verso donne bellissime e apparentemente inavvicinabili o fin troppo facili da conquistare.
Il mito di Ulisse è quello della conoscenza e Nicolò ne stravolge in parte il significato costringendo il lettore a conoscere prima l’uomo e poi la sua voglia di scoperta. Il risultato è un libro agile, piacevole e dalle mille sorprese: bastano le tantissime note che a momenti rappresentano un racconto a sé stante, ma che costituiscono una ricchezza aggiuntiva che
rende convincente la lettura di questo Odisseo. (s)

 

LA SCHEDA
Il racconto di Odisseo
di Antonio Nicolò
236 pagg. 14,00 euro
Laruffa Editore (2017)
ISBN 9788872218631
www.laruffaeditore.it

L’ AUTORE
Antonio Nicolò
Medico anatomo-patologo di Reggio Calabria unisce alla professione medica una particolare passione per l’Antica Grecia e la pittura. Le accurate citazioni di mitologia greca che stanno alla base del suo libro rivelano il piacere di una continua ricerca che travalica la leggenda e cerca di ricostruire un mondo popolato di dei affascinanti ma temibili e vendicatori.


Le prime venti righe

Io sono Odisseo, figlio di Laerte, conosciuto nella mente degli uomini per ogni sorta di astuzia e tocca il cielo la mia fama. Abito ad Itaca, chiara nel sole. La serena, rocciosa e aspra Itaca. Lì superbo si erge il monte Nerito, dove il vento scuote le fronde degli alberi; intorno stanno la vicina isola di Dulichio, dove regna un certo Niso padre di Anfinomo, e più lontane Samo e Zacinto.
Itaca è un’isola piena di sterpaglie e sassi. Un’isola fuori mano dove i cavalli non hanno senso di esistere: solo capre e pastori! Li vedi dappertutto.

Io sono colui che conosce molte storie e, anche se sono un grande bugiardo e so dire molte menzogne, non è escluso che io possa (come le muse) raccontarvi anche cose vere. Conosco quello che non ho mai visto o ascoltato e non vi è persona che non subisce l’incanto e la fascinazione dei miei racconti; per questo sono anche in grado di svegliare gli occhi degli uomini che dormono! Dovete sapere che mio nonno Autolico, colui che era un vero lupo, eccelleva fra tutti gli uomini nel furto e nello spergiuro. Sua madre Chione era la figlia di un valoroso re, Dedalione dal carattere bellicoso e violento.

Era talmente bella, che di lei s’innamorarono contemporaneamente Apollo ed Hermes…

Scarica e conserva la scheda del libro:

Ulisse in Italia di Armin Wolf (2017)

La storia dei viaggi di Ulisse, per noi calabresi, ha un fascino straordinario, probabilmente perché i luoghi omerici sono troppo vicini a noi per non riuscire a non coinvolgerci emozionalmente. Il racconto omerico è pieno di riferimenti che si legano allo Stretto di Messina: Scilla e Cariddi, per esempio, ci appartengono per via ancestrale, prima ancora di leggerne sull’Odissea, primo grande testo di memoria che rappresenta la culla della civiltà occidentale.
Il prof. Wolf da oltre cinquant’anni cerca tracce di questa civiltà nell’Italia Meridionale e condivide la sua personale posizione sui viaggi di Ulisse in Italia in questo poderoso volume che si legge con un’avidità di conoscenza e di curiosità che sarebebro proprie dell’eroe omerico.
Il sottotitolo del libro “Sicilia e Calabria negli occhi di Omero” permette di comprendere meglio il senso di quest’opera che, pur nella pesantezza del testo che sa troppo di accademia, riesce ad avvincere il lettore creando una inappagabile curiosità sulle vicende omeriche.
Le dodici tappe del viaggio di Ulisse sono ripercorse da Wolf con una metodica ammirevole: il professore tedesco riassume le varie teorie, ma si ferma più sull’itinerario che sulle avventure. I luoghi omerici dell’Odissea sono al centro degli studi appassionati e, per molti versi, avvincenti di Wolf, così da spingere il lettore a scoprire tante località calabresi come non avrebbe mai immaginato e cominciare a chiedersi se le “fantasie” di Omero nella descrizione dei luoghi in realtà non siano fedeli testimonianze di viaggi effettivamente consumati in lungo e largo per l’Italia e soprattutto in calabria e Sicilia.
La teoria di Wolf è che non ci sia nulla di inventato: il racconto, le descrizioni fedeli non sono frutto di una fertile e creativa immaginazione, bensì la fedele riproposizione di appunti di un viaggiatore curioso che avrebbe poi trasmesso la sua voglia di conoscenza al suo eroe. In buona sostanza, Wolf raccoglie le oltre cento teorie della localizzazione omerica e le mette in discussione, analiticamente, suggerendo un itinerario non fantastico, ma reale e realisticamente vissuto ben tremila anni orsono. Il risultato è che il libro, se pur di non facile lettura, merita attenzione, fornendo interessanti spunti sul mito di Ulisse. (s)

LA SCHEDA

Ulisse in Italia
di Armin Wolf
420 pagg. 10,00 euro
Local Genius Edizioni
ISBN 9788899676049
www.localgenius.eu

L’ AUTORE

Armin Wolf
Professore di Storia medievale all’Università di Heidelberg nonché collaboratore dell’Istituto Max Planck per la Storia Europea del Diritto, è stato affascinato dall’Odissea sin da studente di liceo. Il suo curriculum, con oltre 300 pubblicazioni in nove lingue, spiega il suo metodo di lavoro, di ricercatore pignolo e attento, aperto a nuove scoperte e alla costante acquisizione di nuovi elementi di conoscenza. Il primo libro sull’Odissea, scritto col fratello Hans Helmut, è del 1968.

◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊

Le prime venti righe

Nei 2700 anni che separano i tempi di Omero dai giorni nostri sono sorte più di 100 teorie sui luoghi delle avventure di ulisse. Le tracce di Ulisse sono state ricercate non solo sulle coste della Sicilia e dell’Italia, ma nell’intero Mar Mediterraneo, da Cipro fino a Gibilterra e anch eoltre, ben più lontano, dalla Norvegia all’Africa meridionale, persino dalla Florida alla CIna e dal Polo Nord fino al Polo Sud. Alcuni hanno creduto di torvarle in un luogo, altri in un altro. Secondo due teorie Ulisse ha addirittura circumnavigato la terra, una in direzione ovest, l’altra direzione est.
Le contraddizioni tra le diverse teorie sono evidenti. Perciò l’erudito alessandrino Eratostene già cinque secoli dopo Omero, giunse ad una visione scettica: “tutti coloro che attribuiscono ai luoghi della peregrinazione di Ulisse un fondamento di realtà, vengono confutati già per il fatto che npon concordano tra di  loro”. Analogamente il grecista tedesco Alfred Heubeck nel ventesimo secolo con sdegno disse: “Si corre sempre dietro ad un fantasma per poter localizzare le peregrinazioni di Ulisse… A parte il carattere dell’impresa a livello di principio… il fatto che i risultati di tali ricerche raramente concordino tra di loro dovrebbe già suggerire dei dubbi”.

 

scarica e conserva la scheda del libro:

 

Sicurezza è Libertà di Marco Minniti (2018)

di mons. ANTONINO IACHINO*

Sicurezza è libertà è il racconto di una interessante e intensa esperienza di vita, che diventa una provocazione e una testimonianza.

Marco Minniti in questo libro ripercorre gli anni difficili in cui si è trovato a gestire eventi epocali di portata internazionale, come la forte ondata migratoria successiva alle primavere arabe, il consolidamento dello Stato islamico, la stagione degli attacchi terroristici in Europa, ed eventi a carattere nazionale come l’emergenza sicurezza nelle grandi città e la lotta alla criminalità organizzata. Nelle pagine di questo libro Minniti offre anche spunti su quelle che sono le sfide che attendono la sinistra europea rispetto ai temi del terrorismo e dei flussi migratori.

Non ci racconta la sua vita, anche se c’è qualche riferimento autobiografico, ma ci invita a riflettere sul particolare momento storico che stiamo vivendo: viviamo in “un mondo ossessionato”. Ma come arginare questa ossessione? Occorre accettare la sfida rispondendo alle grandi masse che si interrogano sul loro futuro, condizionate da un sentimento che si chiama paura: paura di impoverimento, di perdere i propri diritti, suscitata da un fantomatico nemico esterno, l’immigrato. Su questa paura della gente si sta speculando.

Minniti riconosce che la sinistra, che è nata per farsi carico dei più vulnerabili, cioè dei ceti più fragili, per stare accanto alle persone e ascoltarle per liberarle dai loro timori, ha sottovalutato le paure e le incertezze di parecchi strati sociali, lasciando il campo libero agli speculatori. Occorre reagire, consapevoli che “tutti siamo responsabili di tutti”, tutti siamo chiamati a dialogare con le paure e le domande di senso della gente.

Papa Francesco ci ha richiamati a uscire i recinti ecclesiastici e delle nostre istituzioni per incontrare la gente, per conoscere la gente. Conoscere la gente significa dare risposte a domande essenziali. Il mondo della politica, inoltre, deve dare risposte alle esigenze fondamentali della vita, quelle che riguardano il lavoro, l’istruzioni, la sanità. Deve offrire sicurezza alla gente. La sicurezza, come dice bene Minniti, è anzitutto un bene comune, che si concretizza nel rapporto dell’individuo con l’altro, nel reciproco riconoscimento. Il disagio diffuso va preso sul serio: sempre più sole e con un futuro incerto, le persone si sentono insicure. Chiedono, cioè, che ci sia qualcuno che si metta in mezzo tra la propria vita e gli effetti negativi dei grandi processi globali, perché sia sempre salvaguardata la sicurezza delle persone e la loro libertà. Costruire sicurezza significa garantire libertà.

La sicurezza non può essere ridotta ad ordine pubblico, e quindi di competenza dello Stato. L’autorità pubblica deve assicurare e garantire le condizioni della convivenza, ma nel rispetto della legalità e della libertà delle persone. Scrive Minniti: “La sfida del terrore è quella di spaventare e chiudere le persone dentro casa… La piazza più sicura è quella più vissuta… occorre sì il controllo del territorio da parte delle forze di polizia, ma anche un’alleanza strategica con i suoi abitanti”.

Nella dottrina sociale della Chiesa c’è un importante principio di sussidiarietà che sfida le risorse migliori presenti nella società a lavorare insieme per il bene comune: “È illecito togliere agli individui ciò che essi possono compiere con le forze e l’industria propri per affidarlo alla comunità, così è ingiusto rimettere a una maggiore e più alta società quello che dalle minori e inferiori comunità si può fare”. È frutto di una saggezza cristiana laicamente condivisa e che è bene non dimenticare. È un principio che ci aiuta a capire meglio perché la sicurezza è libertà.

La sicurezza è anche umanità. “Umanità e sicurezza convivono nella stessa persona, sono due momenti nella vita di ciascuno di noi. I tratti fondamentali dell’individuo sono appunto il senso di umanità, il rispetto della vita umana, la capacità di accoglienza e, contemporaneamente, il bisogno di sicurezza e il timore dell’altro, soprattutto se sconosciuto”.

“Se vogliamo che umanità e sicurezza coesistano dobbiamo affrontare una serie di questioni cruciali legate all’accoglienza e all’equilibrio, nelle moderne democrazie, tra i diritti delle due parti in causa, chi accoglie e chi è accolto”.

“L’accoglienza è una prerogativa fondamentale fondamentale di tutte le società aperte. Ma l’accoglienza ha un limite oggettivo e insuperabile nella capacità di integrazione. Non si può accogliere sempre e comunque. Occorre verificare quante persone si possono inserire in un progetto di integrazione. Questo non vuol dire abbandonare nel mare i richiedenti asilo, ma organizzare l’afflusso con interventi rispettosi della dignità delle persone. Occorre governare ma occorre anche separare nettamente la parola ‘emergenza’ dalla parola ‘immigrazione'”.

Papa Francesco insistentemente rivolge l’invito agli Stati, alle società civili e, in particolare, ai cristiani di abbattere i muri e costruire ponti. In molti Paesi si è largamente diffusa una retorica che enfatizza i rischi per la sicurezza nazionale o l’onere di accoglienza dei nuovi arrivati, disprezzando e offendendo la dignità delle persone, che invece deve essere sempre essere rispettata soprattutto quando si tratta di persone deboli e vittime di violenza e sfruttamento.

Quanti fomentano la paura nei confronti dei migranti, magari a fini politici, anziché costruire la pace, seminano violenza, discriminazione razziale e xenofobia, che sono fonte di preoccupazione per tutti coloro che hanno a cuore la tutela di ogni esser umano. Alcuni considerano le migrazioni una minaccia.

Papa Francesco, invece, invita a guardarle con uno sguardo carico di fiducia, come opportunità per costruire un futuro di pace e sintetizza in quattro verbi la risposta da dare al fenomeno delle migrazioni: accogliere, proteggere, promuovere, integrare.

Minniti racconta gli interventi ministeriali per gestire meglio i flussi dei migranti, cercando di far comprendere all’Europa che le relazioni con l’Africa sono un tema centrale non nel senso che ci si deve occupare di questo Continente con un atteggiamento caritatevole, ma per tre ragioni che toccano i nostri interessi e il nostro futuro.

  1. La sicurezza dell’Europa si gioca in gran parte in Africa anche per la presenza nel suo territorio di gruppi terroristici autoctoni
  2. L’Africa è cruciale per l’aspetto demografico.
  3. L’Africa è decisiva per l’Europa per la questione relativa alla gestione delle ricchezze e delle materie prime: se l’Africa sta bene l’Europa starà bene; se l’Africa sta male l’Europa starà male.

Aiutare gli immigrati a casa propria significa investire per lo sviluppo dei Paesi di partenza dei migranti.

Minniti si sofferma ancora sull’apertura dei corridoi umanitari dalla Libia verso l’Italia, con la collaborazione della Comunità di S. Egidio, la Tavola Valdese, la Conferenza Episcopale Italiana e la Caritas, dimostrando la possibilità di tenere insieme il contrasto all’immigrazione illegale e l’apertura di canali legali di arrivo degli immigrati e richiedenti asilo nel nostro Paese. L’Italia ha retto bene alla sfida dell’accoglienza nei momenti più difficili, grazie alla mobilitazione del mondo cattolico e di molte organizzazioni religiose di altre confessioni

Per noi – egli scrive – che ci assumevamo continuamente delle responsabilità sulle questioni relative al governo dei grandi flussi migratori, la forza del messaggio della Chiesa era potente e molto importante. E qui riporta un pensiero di Papa Francesco che conversa con i giornalisti nel viaggio di ritorno dalla Colombia: «Io sento il dovere di gratitudine verso l’Italia e la Grecia, perché hanno aperto il cuore ai migranti. Ma non basta aprire il cuore. Il problema dei migranti è, primo, cuore aperto sempre. È anche un comandamento di Dio, di accoglierli “perché tu sei stato schiavo, migrante in Egitto” (Lev. 19, 33-34): questo dice la Bibbia Ma un governo deve gestire questo problema con la virtù propria del governante, cioè la prudenza. Cosa significa? Primo: quanti posti ho? Secondo: non solo riceverli, ma anche integrarli. Io ho visto esempi – qui, in Italia – di integrazione bellissimi». Ovviamente queste parole del Papa sono state di grande gradimento e incoraggiamento per un Ministro degli Interni che cercava di adoperarsi, in un tempo di emergenza di sbarchi, per assicurare nella legalità un’accoglienza dignitosa dentro precisi progetti di integrazione.

La prima parte del libro, i primi cinque capitoli ci raccontano soprattutto l’azione intelligente del Governo e del Ministro degli Interni per contrastare l’illegalità, per dare un colpo durissimo ai trafficanti di esseri umani, dimostrando che tutto questo poteva essere fatto senza perdere l’umanità. Ritengo che sia la parte più interessante. Le altre due parti sono il racconto di tante esperienze di grande rilievo, soprattutto, per prevenire atti di terrorismo, drammaticamente presenti in altri Paesi europei. (a.i.)

 *Mons. Antonino Jachino ha presentato a Reggio il libro di Marco Minniti. Già Vicario generale della Diocesi Reggio-Bova è presidente del Centro per il Diaconato Permanente della stessa Diocesi Arcivescovile.

2 dicembre 2018

LA CITTÀ DELLA PORTA di Domenico Raso (2004)

Esiste una Stonehenge in Calabria, ma pochi lo sanno. I megaliti di Nardodipace (Vibo) sono di una straordinaria bellezza e raccontano di una Calabria preistorica che dovrebbe risalire a 7mila anni fa. Il prof. Raso a questo affascinante mistero legato al popolo dei pelasgi (il cosiddetto popolo del mare) ha dedicato anni e anni di studi, decodificando le tavolette incise in una lingua sconosciuta. Tavolette che raccontano le storie di cui parla Raso in questo meraviglioso libro che proietta il lettore nella preistoria della montagna mediana calabrese.
Sono fatti accaduti nelle Serre joniche vibonesi e catanzaresi, in tempi lontanissimi e, per questo, misteriosamente più vicine di quanto si possa immaginare. Raso racconta come è arrivato alle tavolette rinvenute da un avvocato di Girifalco, Mario Tolone, e di come sia rimasto affascinato da quanto, con moltissimo lavoro, è riuscito ha raccogliere: una storia probabilmente sconosciuta ai primi coloni magno-greci che dal IX secolo a.C cominciarono a percorrere il Mediterraneo. Una storia incisa in tavolette di creta per raccontare di una civiltà sconosciuta e affascinante che aveva conoscenze astronomiche e astrologiche che sembrano incredibili se posizionate in epoca preistorica.
È un viaggio affascinante che ci accompagna a scoperte che lasciano senza fiato, rivelate con un tratteggio di scrittura apprezzabilissimo che spiega cosa c’era e c’è stato nelle terre di Calabria, in una preistoria che non finirà mai di regalarci piccole ma significative tracce utili a capire chi siamo e da dove veniamo.
Difficile catalogare quest’opera come saggio, anche se del saggio ha tutte le caratteristiche, ma la leggerezza del racconto l’avvicina più a un grande racconto di una Calabria sconosciuta (anche se non si chiamava ancora Calabria) con protagonisti regali e umili servitori, donne e madri, pronte a festeggiare l’arrivo della primavera per un intero mese, e vittime di un esodo estivo di mariti e compagni che andavano per mare. Si legge tutto d’un fiato e l’impressione è di esser compartecipi di riti e miti che fanno impallidire i racconti omerici: la sensazione finale – bellissima – è che di quei popoli siamo in fondo eredi. (s)

LA SCHEDA
La Città della Porta
di Domenico Raso
160 pagg. 18,00 euro
Kaleidon Editrice
ISBN 9788888867007
www.kaleidoneditrice.it

L’ AUTORE
Domenico Raso
È stato uno scrittore appassionato di storie calabresi e dell’Aspromonte.
Ha pubblicato diversi volumi dedicati alla montagna e ad antiche tradizioni calabresi. Da ricordare “L’ippocampo. Memoria dei Pelasgi delle serre calabresi” (Laruffa, 2007), “La crealicoltura nella Calabria pelasgica. La lamina di Botricello (Kaleidon) e “San Luca e Polsi. Storie e paesaggi d’Aspromonte” (con Alfonso Picone Chiodo). (Città del Sole Edizioni, 2008).

Le prime venti righe

A questa incredibile storia ci siamo arrivati per gradi. L’evento culturale dei megaliti di Sambuco e di Ladi è stato soltanto lo spunto propizio che ci ha consentito di avere certezza piena di quanto eravamo venuti appurando da sei anni almeno dai ritrovamenti di antichità delle Serre da parte dell’avv. Mario Tolone di Girifalco (CZ) nostro carissimo amico.
Questi reperti, ordinatamente custoditi nella sua bella casa, riguardavano per la verità, tutte le Serre Joniche, ma una quarantina almeno toccavano espressamente il territorio montano, collinare e marino tra Nardodipace e Focà, dandogli un riscontro tanto mirato da lasciarci a tutta prima perplessi. Essi raccontavano una antichissima storia sepolta, ignota persino ai padri magnogreci che dal IX sec. a.C. cominciarono a sciamare in modo deciso dal Mediterraneo orientale verso i lidi occidentali, intesi a fondare nuove colonie.
Eravamo incappati in quei reperti una decina di anni orsono e fu proprio la loro indecifrabilità a stimolarci alla ricerca…

◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊

Scarica e conserva la scheda del libro:

LA MALIGREDI di Gioacchino Criaco (2018)

Se cercate nei dizionari o su Google la parola “maligredi” non la troverete se non come riferimento al titolo del bellissimo romanzo di Gioacchino Criaco. L’autore, in molte occasioni, ne ha spiegato il significato: è la brama del lupo quando entra in un recinto e, invece di mangiarsi la pecora che gli basta per sfamarsi, le scanna tutte; è la discordia che diventa maledizione in una comunità.
Criaco è di Africo e nel suo paese ambienta una storia di rivoluzione (in realtà c’è stata in diverse occasioni) dove racconta l’evoluzione “criminale” di tre bambini che vedono il capopopolo, tornato dalla Germania, guidare il Sessantotto in Aspromonte, mentre sullo sfondo si intrecciano le storie delle gelsominaie, dell’orgoglio e della povertà, della disperazione e del sogno impossibile.
Criaco si avvia a diventare il Corrado Alvaro del terzo millennio, anzi in realtà merita questa definizione: la sua prosa, asciutta e senza fronzoli, traccia pennellate autentiche di persone reali che vivono in una Calabria che il tempo non riuscirà mai a cambiare. I suoi personaggi grondano di calabresità e di impotenza, di passione e malinconia, di speranza e di disincanto. Il calabrese, diceva Alvaro, “vuole essere parlato” e Criaco non solo parla, ma mette in bocca ai suoi protagonisti il sentimento più forte che può esistere lungo le mulattiere del paese o nei viaggi in treno lungo la costa jonica: il rispetto. Un senso del rispetto che si scontra con la presenza della mafia e s’imbatte nei sogni di libertà del giovane rivoluzionario che vedrà scemare ogni entusiasmo di fronte alla repressione dello Stato.
Lo Stato in Calabria opprime e reprime, lascia intendere Criaco, e non distingue tra lotta di classe contro i padroni e il soffocamento di libertà imposto dal potere mafioso. Quindi non esistono mezze misure. la rivolta va domata comunque, senza pensare a chi sono i vincitori e chi sono i vinti. Un libro straordinario, che odora di gelsomino e di carrozze di seconda classe che non fermavano neanche al paese, un libro dove il racconto di un brusco passaggio dall’adolescenza alla giovinezza e, poi, alla maturità è un pugno in faccia alle illusioni, smarrite e forse perdute per sempre. O forse no.  (s)

LA SCHEDA
La maligredi
di Gioacchino Criaco
Collana “I narratori”
Feltrinelli Editore
316 pagg. 18,00 euro
ISBN 9788807032813
www.feltrinellieditore.it

L’ AUTORE
Gioacchino Criaco
Nato ad Africo nel 1965, ha esordito con il romanzo “Anime nere” da cui è stato tratto l’omonimo film di Francesco Munzi (nove David di Donatello e tre Nastri d’Argento). Ha pubblicato i romanzi “Zefira” e “American Taste” e “Il saltozoppo” (2015).

Le prime venti righe

Era il fatto più magnifico dell’anno il miracolo di san Sebastiano, anzi, il più magnifico di sempre, il più straordinario che conoscevo, nemmeno al cinema dell’oratorio ne avevo visto uno così e lì ci mostravano tutto il mondo nei film di sceriffi e indiani o in quelli cinesi di arti marziali o nei film dei romani.
Mi venne in testa ora che dovevo stare concentrato. “Noi non vogliamo padroni, i diritti ci toccano senza che li chiediamo per favore.” La voce rimbombava, gonfiandosi come il pallone di una gigantesca gingomma, avvolse la piazza distraendo quella vecchiaccia della Lupa dalla sua roba, e così Filippo le passò di lato, per infilarsi sotto la bancarella e sbucarle alle spalle, le diede un’occhiata, prese un sacchetto e lanciò. Una parabola morbida, Antonio lo acchiappò al volo, fece una smorfia, me lo mostrò – meglio di niente, anche se erano ceci tostati, quelli che ci piacevano meno.
Un’altra occhiata, un altro lancio, e il secondo sacchetto lo pigliai io – arachidi, buone –, lo passai ad Antonio e lui lo mise nella busta di plastica che nascondeva dietro le gambe…

>>> Puoi scaricare e conservare la recensione:

REGGIO – “L’alunno del tempo” di Salvatore Borzì

19 gennaio 2019 – Oggi a Reggio, alle 17.30, presso lo Spazio Open, l’incontro con Salvatore Borzì, autore del libro L’alunno del tempo – La straordinaria vita del giudice Filocleone.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Culturale Anassilaos in collaborazione con lo Spazio Open.

Interviene Maria Festa, critico e studioso di Letteratura.

Il libro, edito da Algra Editore, mette al centro Filocleone, giudice protagonista della commedia “Le vespe” di Aristofane (422 a.C.), colpevole di aver snaturato la giustizia a mezzo di mera affermazione del potere dei demagoghi. Risuscitandolo dalle antiche pagine, l’autore lo fa agire in un arco temporale lunghissimo, che va dall’Atene del tempo della mutilazione delle Erme (415 a.C.) e delle inquietanti figure di Teramene e Crizia ai nostri giorni, e ne immagina l’opera di disumanizzazione dell’uomo proprio con la forza del diritto che giustizia o – il che fa lo stesso – dignità avrebbe dovuto invece assicurare. Ma un episodio lo spinge a un radicale ripensamento del proprio ruolo, al quale contribuiscono anche pagine di filosofi e letterati, e alla consapevolezza del bisogno per il diritto di riflettere sulla sua essenza, la giustizia, rimettendo al centro l’uomo, senza il quale, scrive Sciascia, è solo «un sacco vuoto». Di ciò nell’odierna crisi del diritto, che ha espulso dai codici persino la parola giustizia, si ha di certo urgente bisogno.

Chi è l’autore, Salvatore Borzì

Salvatore Borzì è Dottore di ricerca in Filologia greca e latina. Insegna Lettere al Liceo classico “Gulli e Pennisi” di Acireale. È autore di studi su Leopardi, Sciascia, nonché curatore di numerose voci per il Dizionario patristico e di antichità cristiane, edito dalla Marietti nel 2007, e della silloge Grecia. Poesia in due atti di Silvestro Neri. Autore di numerosi libri, il saggio Leopardi e i volti di Dio (pubblicato nel 2015) ha ricevuto il 28esimo Premio Anassilaos per la saggistica 2016. (rrc)

REGGIO – La presentazione del libro di Valeria Varà

15 gennaio 2019 – Oggi a Reggio, alle 17.00, presso la Biblioteca Comunale “Pietro De Nava”, la presentazione del libro L’antica Sant’Agata di Reggio e la Chiesa di San Nicola. Una storia ricostruita di Valeria Varà.

Intervengono Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria, Salvatore Patamia, segretario regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria, Irene Calabrò, Assessore alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale Comune di Reggio, Fabrizio Sudano, soprintendente ABAP di Reggio Calabria e Vibo Valentia, e Daniela Neri, funzionario del Comune, settore tutela e valorizzazione dei beni culturali. Presente l’editore Antonella Cuzzocrea e Franco Arcidiaco, delegato alla Cultura del Comune di Reggio Calabria.

Il libro, edito da Città del Sole Edizioni,  rappresenta, ad oggi, un importante e prezioso tassello che contribuisce ad arricchire la storia della Vallata del Sant’Agata, il cui territorio è oggi inglobato per la maggior parte nella città di Reggio Calabria. Frutto di inedite ricerche storiche ed archivistiche, attraverso l’utilizzo di immagini, disegni e ricostruzioni tridimensionali consente una immediata e chiara divulgazione dei contenuti.

Si suddivide in due parti, una prima, generale e descrittiva dell’antica città di Sant’Agata, accompagnata da foto e spiegazioni minuziose, quasi una guida turistica, un racconto di quel che è stato un tempo e che oggi resta ed è ancora visitabile sulla rupe di “Suso”.
Una seconda, interamente dedicata alla chiesa protopapale di San Nicola, con lo studio degli imponenti ruderi per lo stato di fatto e le ricostruzioni virtuali delle fasi principali ed infine un approfondimento sul pregevole portale rinascimentale che oggi si trova posto in opera nella chiesa parrocchiale di San Giovanni a San Salvatore.
Un lavoro scrupoloso di ricerca ed indagine, avvenuto attraverso il ritrovamento, l’attenta lettura e l’interpretazione di preziosi ed inediti documenti d’archivio, pubblicati per la prima volta nella ricostruzione della storia della chiesa e della città.

Chi è l’autrice

L'immagine può contenere: 1 persona
l’autrice, l’architetto Valeria Varà

Architetto ed esperta conoscitrice del patrimonio storico ed artistico della vallata del Sant’Agata, Valeria Varà è, da sempre, impegnata nella salvaguardia e nella valorizzazione del sito archeologico della dell’antica città – in gran parte, purtroppo, distrutta dal terremoto del 1783 – che si erge su una montagnola, comunemente indicata con il nome di Suso, tra i borghi di Cataforio e San Salvatore, sulle colline reggine. (rrc)