CROTONE – Venerdì il concerto “Un mondo nuovo: crisi dell’egemonia culturale italiana”

Venerdì 25 giugno, alle 19, a Crotone, nel Giardino di Santa Chiara, è in programma il concerto Un mondo nuovo: crisi dell’egemonia culturale italiana.

L’evento rientra nell’ambito del Leonardo Vinci Festival, la rassegna ideata e organizzata da E20 Music Management e Associazione festival dell’Aurora con il gratuito patrocinio del Comune di Crotone e il supporto di Confcommercio, Istituto Sant’Anna e Tenuta Iuzzolini ispirata al Leonardo Vinci, nato a Strongoli nel 1690.

In programma brani significativi tratti dal repertorio di Claudio Monteverdi, Orazio Vecchi, John Dowland, Girolamo Frescobaldi, Giulio Caccini e Michael Praetorius, eseguiti per l’occasione dall’ensemble Queene’s Musick composto da Cristiano Brunella e Antonella Curcio (violini), Riccardo Parravicini (Virginale) e Maria Lisa Geyer ed Emmanuele Praticelli (voci).

Un evento dall’ampio respiro culturale e musicale – testimonianza di un periodo storico di epocale importanza per la rinascita delle arti, della cultura, della fiducia nell’uomo e nelle sue capacità – e scelta non casuale per il festival, che proprio sul tema della rinascita sta lavorando per la terza edizione della rassegna, prevista in autunno.

«Per il nuovo festival – commentato il direttore artistico, Luca Campana – intendiamo fare tesoro delle più significative esperienze del rinascimento europeo, al fine di arrivare a esperienze nuove, intese anche come strumento di rinascita e ripartenza culturale, dopo il periodo di buio che l’intero comparto della musica ha subito durante la pandemia».

Al fine di garantire il pieno rispetto dei protocolli vigenti per il contenimento della diffusione del coronavirus, il concerto avrà un numero limitato di posti per il pubblico, con prenotazione obbligatoria all’indirizzo email e20musicmanagement@gmail.com, contenente i dati anagrafici e un recapito telefonico. Non saranno ritenute valide richieste di prenotazione prive di tali dati. (rkr)

 

REGGIO – Al Parco Ecolandia al via la rassegna “La musica che gira intorno”

Dal 24 giugno, al Parco Ecolandia di Reggio Calabria, prende il via la terza edizione della stagione concertistica La musica che gira intorno, organizzata dall’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria.

“La musica che gira intorno” è un progetto coordinato dal prof. Daniele Colistra (docente del Dipartimento di Architettura e Territorio); si propone di diffondere la cultura musicale presso la comunità accademica, di rafforzare il legame fra università e città di offrire alla collettività un’occasione di crescita culturale: tutti i concerti sono aperti al pubblico e gratuiti.

Per realizzare gli eventi, l’Università Mediterranea si è avvalsa di un cofinanziamento della Regione Calabria (PAC Calabria 2014-2020, Asse 6 Azione 6.7.1 – Azione 1 Tipologia 1.3 “Eventi non storicizzati”). Un contributo fondamentale è stato garantito dal Conservatorio “Francesco Cilea”, diretto dalla prof. Maria Grande, che, come nelle edizioni precedenti, ha curato la programmazione di alcuni concerti. Altri partner del progetto sono Il Touring Club Italiano, Legambiente e il Play Music Festival (con cui è stata condivisa la programmazione dell’evento di sabato 24 luglio).

La serata inaugurale si terrà giovedì 24 giugno con due spettacoli.

Aprirà il Coro Polifonico dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, diretto da Carmen Cantarella. Nato nel 2013, è composto da circa 50 elementi appartenenti alle diverse componenti della comunità universitaria e ha un repertorio che spazia dalla polifonia classica alla musica moderna e popolare. Il Coro si è esibito in numerosi eventi in città ed ha partecipato a diverse rassegne di cori e orchestre universitari organizzate dagli Atenei italiani (Urbino, Bolzano, Bressanone, Perugia, Pisa).

Nella stessa serata si esibiranno le Glorius4 (Agnese Carrubba: voce, pianoforte e percussioni; Cecilia Foti: voce; Federica D’Andrea: voce; Mariachiara Millimaggi: voce, pianoforte e percussioni). Si tratta di un inconsueto ensemble al femminile che spazia dal jazz al pop, con la cura delle sonorità vocali e degli arrangiamenti arricchite da un’eclettica sicilianità. Vincitrici del Premio d’Onore al Concours International Léopold Bellan categoria Gruppi vocali, presenteranno brani tratti dal loro cd PLAY e dal tour virtuale intorno al mondo. Il tour si è concluso lo scorso 13 novembre a Propaganda live su La7 con un viaggio Sicilia-USA in omaggio alla first lady Jill Biden, di origini messinesi.

Il secondo concerto vedrà sul palco l’Ensemble di Saxofoni del Conservatorio Cilea, diretto dal M. Sandro Tani; si terrà venerdì 25 giugno. Fondato nel 1964, inizialmente come sezione staccata del S. Pietro a Maiella di Napoli, il Conservatorio Cilea è stata la prima istituzione statale di alta cultura in Calabria. Oltre a perseguire obiettivi formativi in campo musicale, il Conservatorio è particolarmente attivo nella ricerca teorico-musicologica e nella produzione artistica. Nel 2013 ha vinto il Primo premio assoluto nella competizione Conservatori a confronto organizzata da RaiUno tra i Conservatori d’Italia.

Venerdì 9 luglio si esibirà il Simona Trentacoste Quintet (Simona Trentacoste, voce; Giacomo Tantillo, tromba; Bruno Marrazzo, chitarra; Pino Delfino, contrabasso; Maurizio Mirabelli, batteria). Artista palermitana, Simona Trentacoste si forma al conservatorio Bellini e intraprende subito l’attività concertistica partecipando a numerosi festival jazz. È stata cantante solista nelle Soirée di Gershwin (con l’orchestra sinfonica siciliana e gli arrangiamenti di Mario Modestini), cantante solista per la stagione concertistica 2017 al teatro di Verdura di Palermo (con la Balarm Sax Orchestra), finalista al Premio Nazionale delle Arti 2014 con il progetto Seven Steps e finalista al Premio internazionale Massimo Urbani 2019.

Sabato 10 luglio la cantante veneta di origini siciliane Patrizia Laquidara presenterà lo spettacolo Stanze, accompagnata da Daniele Santimone (chitarre e voce), Davide Repele (chitarre, basso e voce) e Davide Pezzin (basso elettrico). Cantautrice e scrittrice, Patrizia Laquidara è una tra le figure più inafferrabili, poliedriche e brillanti della nuova musica d’autore. definita dalla critica “una firma talmente personale da risultare unica” Il primo album di inediti (dal titolo Indirizzo Portoghese, nel quale spicca uno splendido duetto con Mario Venuti sul brano dal titolo Per Causa D’Amor) le vale nel 2003 l’invito al Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte, durante il quale si aggiudica il premio Alex Baroni per la migliore interpretazione oltre al Premio assoluto della critica “Mia Martini”. Nel 2018 esce il suo quinto album dal titolo C’è qui qualcosa che ti riguarda, indicato dal comitato e dalla giuria del Premio Tenco come uno dei cinque dischi più belli della stagione. La canzone Il Cigno (The Great Woman), contenuta nell’album, è tra le 10 canzoni finaliste del Premio Amnesty International Italia – Voci per la Libertà.

L’Orchestra d’archi del Conservatorio Cilea, diretta dal M. Giuseppe La Malfa, sarà sul palco giovedì 15 luglio. La formazione ha al suo attivo numerosi concerti e si è già esibita nelle due precedenti edizioni della stagione concertistica organizzata dall’Università Mediterranea.

Sabato 17 luglio la cantautrice reggina Tiziana Serraino presenterà il tour Torno a galla 2021 accompagnata da Angelo Neri (chitarre), Crispino Mangano (basso) e Tonino Palamara (batteria). Tiziana Serraino scopre la sua passione per la musica fin da piccola e inizia la sua attività artistico professionale prendendo parte a numerosi eventi, tra cui il Premio “Mia Martini”, che la vede arrivare alla finale nazionale (1999). Dal 2000 al 2007 apre i concerti di numerosi artisti proponendo le sue canzoni e suscitando l’interesse e la partecipazione entusiasta del pubblico. In seguito all’uscita del suo primo album, Tiziana sperimenta con successo il tour estivo 2013 e 2014. Ha all’attivo numerosi concerti durante i quali ha condiviso il palco con Nek, Francesco Renga, Chiara Galiazzo e tantissimi altri.

Venerdì 23 luglio si terrà il concerto di Elisa Lorena Tango Trio (Elisa Lorena, voce; Daniele Colistra, chitarra; Pino Delfino, contrabasso) con la partecipazione del flautista Carlo Nicita. Lo spettacolo propone un repertorio legato al “tango canción” e ai grandi classici della cultura musicale argentina: milonga, candombe, tango vals e vals peruano. Elisa Lorena nasce a Buenos Aires e inizia a cantare giovanissima come solista nei principali teatri di Buenos Aires, Montevideo e Punta del Este. Ha effettuato tournée in Argentina, Brasile, Uruguay, Francia, Austria, Montecarlo e Italia. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive prodotte da emittenti sudamericane (Canal 9, América2, ATC Canal 7, Crónica TV, TVA) e alla colonna sonora del film Tocá para mi (Argentina, 2001). Carlo Nicita si laurea in flauto classico a Messina e in musica jazz col massimo dei voti al Conservatorio Verdi di Milano. Suona in diverse formazioni e ha collaborato con importanti artisti nazionali e internazionali. Ha registrato più di 30 dischi fra cui 8 come leader. Ha suonato in prestigiosi festival, teatri e jazz club in Italia, Stati Uniti, Grecia, Spagna, Lituania, Svizzera, Malta. Ha vinto con Artchipel Orchestra il premio come “Formazione dell’anno” nel 2014 e 2017; nel referendum di Musica Jazz ed è stato più volte votato nelle categorie “Disco dell’anno”, “Miglior nuovo talento italiano” e “Musicista dell’anno”.

L’ultimo concerto della stagione, organizzato in coproduzione con il Play Music Festival, si terrà sabato 24 luglio e avrà come protagonisti Jesse Davis & Hammond Groovers (Jesse Davis, sax alto; Daniele Cordisco, chitarra; Antonio Caps, organo hammond; Elio Coppola, batteria).

Jesse Davis, classe 1965, è uno dei musicisti più apprezzati di New Orleans. Inizia a suonare il sassofono all’età di 11 anni e si forma al New Orleans Center for Creative Arts con Ellis Marsalis, rivelando fin dal principio spiccate doti musicali. Prosegue poi gli studi musicali alla Northeastern Illinois University e al William Patterson College nel New Jersey per approdare alla New School di New York, dove studierà con Ira Gitler. In breve tempo si ritrova al fianco di musicisti di fama internazionale, tra i quali Jack McDuff, Major Holley, Cecil Payne, Illinois Jacquet, Chico Hamilton, Junior Mance, Kenny Barron, Cedar Walton, Nicholas Payton e Roy Hargrove. Nel 1996 fa parte del tour dei Sax Machine accanto a Phil Woods, Charles McPherson e Gary Bartz. Vincitore di numerosi premi e riconoscimenti, Jesse Davis raggiunge la notorietà con il suo debutto in qualità di attore nel film Kansas City di Robert Altman. È accompagnato dagli Hammond Groovers, una delle migliori formazioni della scena jazzistica italiana. (rrc)

COSENZA – Al Conservatorio “S. Giacomantonio” al via concerti di musica barocca

Hanno preso il via, a Cosenza, al Conservatorio di Musica “Stanislao Giacomantonio”, una serie di concerti di musica barocca, organizzati dal Conservatorio.

Questa sera, alle 20, alla Cattedrale, è in programma il concerto per organo di Luca Scandali. Il 23 giugno, al Chiostro del Conservatorio, alle 18, il concerto per clavicembalo di Silvia RambaldiChiara Cattani.

Il 30 giugno, alle 19, al Chiostro del Convento, il concerto per flauto traversiere di Marcello Gatti; l’8 luglio, alla Cattedrale di Cosenza, alle 20, il concerto di improvvisazione organistica di Fausto Caporali(rcs)

MENDICINO (CS) – Il 23 giugno la presentazione del disco “Calabria Orchestra Live”

Il 23 giugno, a Mendicino, alle 17, al Museo Dinamico della Seta, è in programma la presentazione del Disco Calabria Orchestra Live.

Si tratta di un progetto fortemente ancorato al territorio, in cui linguaggi musicali diversi si incontrano tra tradizione e improvvisazione.

Interverranno il sindaco di Mendicino, Antonio Palermo, il maestro concertatore Checco Pallone, il produttore Giuseppe Marasco e i musicisti della Calabria Orchestra che, per l’occasione, si esibiranno anche in una breve performance dal vivo. (rcs)

CATANZARO – Sabato il concerto di Alessandro Stella e Pietro Roffi

Sabato 19 giugno, alle 18.30, al Teatro Comunale di Catanzaro, è in programma il concerto di Alessandro Stella (pianoforte) e Pietro Roffi (fisarmonica) con le musiche di Astor Piazzolla.

Il concerto, organizzato dall’Associazione Amici della Musica, aderente ad AMA Calabria, presieduta da Daniela Faccio con la consulenza musicale del Maestro Graziella Provedel, è un tributo al musicista argentino nella ricorrenza del centesimo anniversario della sua nascita.

«Astor Piazzolla è stato tra gli artisti più importanti e influenti del genere – ha dichiarato Daniela Faccio – L’Associazione Amici della Musica ha pensato di dedicare un concerto-tributo con due musicisti come Alessandro Stella e Pietro Roffi che, durante le loro esibizioni, sanno ricreare le atmosfere pensate e volute dal Maestro argentino».

Figura tra le più innovative del panorama musicale argentino e mondiale, Piazzolla viene proposto in “¡TuttoTango!” nella versione per fisarmonica e pianoforte. L’idea è quella di sottolineare l’intenzione e lo spirito che rappresentano la vera anima del Nuevo Tango concepito da Piazzolla. I due musicisti, attraverso l’esecuzione di alcuni tra i brani più importanti del repertorio di Piazzola come Oblivion, Las cuatro estaciones porteñas (Primavera, Verano, Otoño, Invierno), Ave Maria, Violentango, Vuelvo al sur, Jeanne y Paul, Adiós Nonino, Café 1930 e il classico Libertango, esprimeranno l’eleganza,  la passionalità, la tecnica e lo stile di composizioni senza tempo. (rcz)

CROTONE – La terza edizione del Leonardo Vinci Festival

È con due appuntamenti – il 20 e il 26 giugno – che la terza edizione del Festival di Musica Antica “Leonardo Vinci” torna, a Crotone, con la terza edizione.

Organizzata da E20 Music Management e Associazione festival dell’Aurora con il gratuito patrocinio del Comune di Crotone e il supporto di Confcommercio, Istituto Sant’Anna e Tenuta Iuzzolini  la rassegna si ispira al musicista Vinci, nato a Strongoli nel 1690 e considerato uno dei compositori più importanti della sua epoca. Edizione che segna la ripresa delle attività dal vivo con il pubblico, dopo quella interamente all-streaming andata in scena con grande successo nel dicembre 2020.

i primi due concerti potranno contare sulla ritrovata collaborazione con L’Offerta musicale Venezia – ente musicale cameristico della città di Venezia fondato e diretto dal Maestro Riccardo Parravicini – e l’Associazione Mousikè, per un suggestivo itinerario che partendo dal Medioevo musicale incontrerà il periodo Barocco.

Il primo concerto, dal titolo La metamorfosi del Trecento nel pensiero musicale, si svolgerà domenica 20 giugno con inizio alle 20.30, presso il giardino di Santa Chiara (accessibile da via Risorgimento 31 – ex Sacro Cuore) e rappresenta l’ideale contribuito della città di Crotone alla Festa della Musica, la manifestazione che il 21 giugno di ogni anno celebra il solstizio d’estate in più di 120 paesi in tutto il mondo. La scelta dei brani consiste in un excursus relativo alla musica secolare nel momento in cui basso medioevo e primo umanesimo si incontrano, fino alla nascita dell’Ars Nova, ovvero quel sistema di notazione ritmico-musicale nuovo rispetto a quello dei secoli precedenti. Un evento epocale, che consente ai compositori dell’epoca di poter creare strutture musicali a parti sovrapposte (contrappunto) nell’ambito delle quali le parti in sé stesse possiedono realmente un’autentica autonomia. In programma, tra gli altri, brani di Philippe de Vitry, Jacopo da Bologna e Adam de la Halle, eseguiti dal trio Ars Cantus Mensurabilis, specializzato nel repertorio “arsnovistico”.

Il secondo appuntamento, dal titolo Un mondo nuovo: crisi dell’egemonia culturale italiana, è previsto per sabato 26 giugno, alle ore 20.30, ancora una volta nel giardino di Santa Chiara.

«Con questi primi appuntamenti, e con i progetti in cantiere per i prossimi mesi – ha spiegato il direttore artistico del festival Luca Campana – riprendiamo il viaggio musicale iniziato ormai tre anni fa, alla riscoperta di antichi tesori che meritano di essere riscoperti dal grande pubblico, anche grazie al confronto con importanti enti culturali dal respiro internazionale ».  (rkr)

VIBO – Il recital del percussionista Vittorino Naso

Domani pomeriggio, a Vibo Valentia, alle 18, all’Auditorum Spirito Santo, è in programma il concerto del percussionista Vittorino Naso.

L’evento rientra nell’ambito della stagione dei concerti di Vibo Valentia, organizzata congiuntamente da AMA Calabria e Conservatorio di Vibo Valentia.

Il programma proposto dal grande musicista Vittorino Naso contempla alcuni dei principali capolavori del repertorio delle percussioni tra cui Time & Money di Pierre Jodlowsky, Losing Touch di Edmund Campion, North Star Boogaloo di George Lewis e Temazcal di Javier Alvarez. (rvv)

COSENZA – Domenica il Gran Gala del Cantagiro

Domenica 13 giugno, al Teatro Rendano di Cosenza, alle 18, è in programma il gran gala de Il Cantagiro, promosso dall’Associazione culturale Calabriartes di Enzo De Carlo, con la collaborazione della Drb, e cofinanziato dalla Regione Calabria nell’ambito degli Eventi Storicizzati -anno 2019” e patrocinato dal comune di Rende e di Cosenza.

In occasione del Gran Gala al Teatro Rendano, verrà musicalmente raccontata la storia del Cantagiro, anche con l’ ausilio di filmati d’epoca in bianco nero delle cineteche Rai e sarà poi ripercorsa nell’ambito del Gran Gala che vedrà la presenza come madrina ed ospite d’onore Katia Ricciarelli, Edoardo Vianello e la Little Tony Family.
Le più belle canzoni della storia musicale italiana saranno proposte da otto giovani ragazze e ragazzi del Cantagiro che ancora oggi rappresenta una kermesse alla quale ogni anno partecipano migliaia di giovani cantanti coinvolgendo l’intero territorio italiano fino alle finali nazionali di Fiuggi. Nel pomeriggio, inoltre, a rinverdire la tradizione del Cantagiro, un carosello di auto storiche a riproporre anche la storia e l’atmosfera degli anni 60 e 70 dove i cantanti più famosi ed importanti facevano tappe nelle varie città italiane accolti da migliaia di fans in delirio. (rcs)

COSENZA – Il concerto per pianoforte di Luca Lione

Domani sera, alle 20,30, a Cosenza, all’Auditorium Casa della Musica, è in programma il concerto del pianista Luca Lione.

L’evento, a ingresso libero fino a 900 spettatori, rientra nell’ambito della stagione concertistica del Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza.

Lione, docente dell’Istituto, ricco di solida formazione e di esperienza maturata su numerosi palcoscenici. È uscito nel 2020 un cd dedicato a Schumann. L’autore romantico, con Humoreske op.20,  è presente  in scaletta insieme alla musica  tardo settecentesca  di  Haydn e alla Sonata op. 53 di  Scriabin, composta nel 1907-8 con accenti  misteriosi ed esoterici. (rcs)