Ad Alessandria del Carretto inaugurato il Museo Alessandrino delle Maschere

Le antiche mura di Palazzo Chidichimo di Alessandria del Carretto, sono arricchite dal Museo Alessandrino delle Maschere, che ospita le maschere dei carnevali folkloristici tradizionali italiani e internazionali provenienti da tutto il mondo.

A tagliare il nastro di un luogo carico di magia, destinato a crescere nei prossimi mesi e reso possibile grazie all’impegno dell’Associazione i Połëcënellë e del suop residente, Antonio Arvia, il sindaco Domenico Vuodo.

La progettazione del Museo Alessandrino della Maschere è stata affidata a Piano B srls, che ha curato anche l’organizzazione della prima mostra inaugurale finanziata con risorse del PSC Piano di Sviluppo e Coesione 6.02.02 erogate ad esisto dell’Avviso “Attività Culturale 2022” dalla Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura.

L’inaugurazione è stata anticipata da un incontro di approfondimento sul tema del Carnevale di Alessandria del Carretto, che si tenuto nella Sala Convegni di Palazzo Chidichimo.

Insieme al sindaco Vuodo, ad Arvia, sono intervenuti gli esperti Alessandro Arvia e Paolo Napoli che hanno sottolineato alcune dinamiche dei riti carnevaleschi locali e quanto ancora ci sia da indagare e scoprire su Carnevale alessandrino.

Il Carnevale di Alessandria del Carretto concretizza un racconto, una narrazione fatta di gesti e riti, in cui il mondo apollineo e quello dionisiaco si incontrano e si scontrano, sublimando il concetto del tempo che trasforma tutto attraverso la contrapposizione tra le fasi della vita, in un viaggio che dalla vita giunge alla morte ma solo come tappa intermedia prima della rinascita. (rcs)

 

Ad Alessandria del Carretto s’inaugura il Museo Alessandrino delle Maschere

Sabato 18 maggio, ad Alessandria del carretto s’inaugura il Museo delle Maschere Alessandrine, dedicato ai riti folkloristici del Carnevale.

Fortemente voluto dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Vuodo, il Museo nasce dalla voglia di valorizzare un elemento caratteristico della storia e delle tradizioni di Alessandria del Carretto, cioè il Carnevale tradizionale che decennio dopo decennio ha conquistato uno spazio importante nella cultura del territorio, diventando attrattore turistico e culturale, oltre che marcatore identitario.

La progettazione del Museo Alessandrino della Maschere è stata affidata a Piano B srls, che cura anche l’organizzazione della prima mostra inaugurale finanziata con risorse del PSC Piano di Sviluppo e Coesione 6.02.02 erogate ad esisto dell’Avviso “Attività Culturale 2022” dalla Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura.

L’inaugurazione sarà preceduta, alle 17, nella Sala Convegni di Palazzo Chidichimo, da un incontro di approfondimento sul Carnevale. Interverranno Domenico Vuodo, sindaco di Alessandria del Carretto, Antonio Arvia, presidente dell’Associazione i Połëcënellë e gli esperti Alessandro Arvia e Paolo Napoli. Modererà l’incontro il giornalista Andrea Mazzotta.

Il Carnevale di Alessandria del Carretto concretizza un racconto, una narrazione fatta di gesti e riti, in cui il mondo apollineo e quello dionisiaco si incontrano e si scontrano, sublimando il concetto del tempo che trasforma tutto attraverso la contrapposizione tra le fasi della vita, in un viaggio che dalla vita giunge alla morte ma solo come tappa intermedia prima della rinascita.

Grazie alla passione e all’impegno dell’Associazione i Połëcënellë e del suo Presidente Antonio Arvia, è nata, dunque, l’idea di raccontare al meglio la storia del Carnevale di Alessandria ma anche tutte le altre storie italiane e internazionali legate ai riti del Carnevale, creando una raccolta che contenga i simboli di questi racconti fatti di riti, balli, processioni e momenti di comunità, cioè le maschere e i costumi dei personaggi dei carnevali folkloristici che come un manto di stelle costellano la cultura dei luoghi.

La collezione del nascente Museo, in costante crescita, conta decine di pezzi provenienti da tutta Italia (e non solo), e una speciale sezione dedicata al Carnevale Alessandrino, con oggetti provenienti dal passato recuperati e restaurati in un’azione diretta anche a tutelare la memoria storica dei luoghi. (rcs)

Mercoledì ad Alessandria del Carretto s’inaugura il Museo Alessandrino delle Maschere

Mercoledì 1° maggio, ad Alessandria del Carretto, sarà inaugurato a Palazzo Chidichimo il Museo Alessandrino delle Maschere, dedicato a riti folkloristici del Carnevale.

L’inaugurazione sarà preceduta, alle 17, nella Sala Convegni di Palazzo Chidichimo, da un incontro di approfondimento sul Carnevale. Intervengono Domenico Vuodo, sindaco di Alessandria del Carretto, Antonio Arvia, presidente dell’Associazione i Połëcënellë e gli esperti Alessandro Arvia e Paolo Napoli. Modererà l’incontro il giornalista Andrea Mazzotta.

Fortemente voluto dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Vuodo, il Museo nasce dalla voglia di valorizzare un elemento caratteristico della storia e delle tradizioni di Alessandria del Carretto, cioè il Carnevale tradizionale che decennio dopo decennio ha conquistato uno spazio importante nella cultura del territorio, diventando attrattore turistico e culturale, oltre che marcatore identitario.

La progettazione del Museo Alessandrino della Maschere è affidata a Piano B srls, che cura anche l’organizzazione della prima mostra inaugurale finanziata con risorse del PSC Piano di Sviluppo e Coesione 6.02.02 erogate ad esisto dell’Avviso “Attività Culturale 2022” dalla Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura.

Il Carnevale di Alessandria del Carretto concretizza un racconto, una narrazione fatta di gesti e riti, in cui il mondo apollineo e quello dionisiaco si incontrano e si scontrano, sublimando il concetto del tempo che trasforma tutto attraverso la contrapposizione tra le fasi della vita, in un viaggio che dalla vita giunge alla morte ma solo come tappa intermedia prima della rinascita.

Grazie alla passione e all’impegno dell’Associazione i Połëcënellë e del suo Presidente Antonio Arvia, nasce, dunque, l’idea di raccontare al meglio la storia del Carnevale di Alessandria ma anche tutte le altre storie italiane e internazionali legate ai riti del Carnevale, creando una raccolta che contenga i simboli di questi racconti fatti di riti, balli, processioni e momenti di comunità, cioè le maschere e i costumi dei personaggi dei carnevali folkloristici che come un manto di stelle costellano la cultura dei luoghi.

La collezione del nascente Museo, in costante crescita, conta decine di pezzi provenienti da tutta Italia (e non solo), e una speciale sezione dedicata al Carnevale Alessandrino, con oggetti provenienti dal passato recuperati e restaurati in un’azione diretta anche a tutelare la memoria storica dei luoghi. (rcs)

ALESSANDRIA DEL CARRETTO (CS) – Svelato il logo del Museo alessandrino delle maschere

Svelato il logo del Museo Alessandrino delle Maschere che mercoledì 1° Maggio dischiuderà le proprie porte rivelando la ricca collezione composta da maschere, costumi e oggetti legati ai riti folkloristici dei carnevali italiani e internazionali.

Il logo, realizzato graficamente dalla Malù Web Agency, evoca la contrapposizione iconica tra due delle principali maschere del Carnevale Alessandrino (Połëcënellë Biellë e l’Ursë) e richiama uno dei concetti chiave insiti nel carnevale: la valenza dualistica dell’esistenza e il flusso vitale che tale contrapposizione genera.

Apollineo e Dionisiaco, bellezza e bruttezza, bontà e malvagità, vita e morte, fioritura e putrescenza, intese però non solo in chiave di contrapposizione concettuale assoluta, non come un prima e un dopo, ma in un processo temporale circolare, continuo e costante che fa del susseguirsi delle stagioni il motore volitivo dell’esistenza che mira sempre alla vita, al rinnovarsi, all’elevarsi verso la crescita.

La valenza fortemente simbolica del Carnevale, come metafora nella rinascita, del ciclo delle stagioni, del ritorno alla primavera dopo l’inverno, della vita che si afferma sempre e comunque sulla morte, evoca al tempo stesso un percorso di rinascita e di crescita che il Comune di Alessandria del Carretto sta portando avanti in questi anni, vivendo una vera e propria primavera d’intenti e di eventi, tra cui, non ultimo, la nascita del Museo Alessandrino delle Maschere, struttura gestita dall’associazione alessandrina I Pulicinelle, che si propone come un volano turistico di grande interesse.

All’interno del Museo Alessandrino delle Maschere, la cui nascita è stata fortemente voluta dal sindaco Domenico Vuodo e dalla sua Amministrazione comunale, oltre ad una notevole sezione dedicata alla storia e alla contemporaneità del Carnevale Folkloristico Alessandrino, sono raccolti pezzi di grande pregio artistico e storico, provenienti da molte regioni italiane e dall’estero.

La progettazione del Museo Alessandrino della Maschere, ospitato tra le mure di Palazzo Chidichimo, è affidata a Piano B srls, che cura anche l’organizzazione della prima mostra inaugurale finanziata con risorse del Psc Piano di Sviluppo e Coesione 6.02.02 erogate ad esisto dell’Avviso “Attività Culturale 2022” dalla Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura.

«Il Museo Alessandrino delle Maschere di cui oggi sveliamo il logo – ha dichiarato il sindaco di Alessandria del Carretto Domenico Vuodo – è l’ennesimo, ma non per questo meno importante, tassello di un progetto che abbiamo portato avanti con passione, dedizione e consapevolezza nelle potenzialità del nostro paese, ricco di storia, tradizioni, cultura popolare, folklore, tutti elementi che sono parte integrante della nostra comunità. Una comunità forte e coesa come la nostra non si arrende alle difficoltà fisiologiche all’orografia dei luoghi, ma lotta credendo in sé stessa e nelle proprie potenzialità per rinascere costantemente, come i riti del carnevale ci insegnano. Alessandria del Carretto rinasce, ancora una volta, anche grazie a questa nuova infrastruttura che presto inaugureremo, sempre più bella, sempre più proiettata verso un turismo di qualità, fatto a misura d’uomo, che sappia intrigare, divertire e rilassare». (rcs)

Ad Alessandria del Carretto nasce il Museo Alessandrino delle Maschere

Sarà inaugurato in primavera, a Palazzo Chidichimo di Alessandria del Carretto, il Museo Alessandrino delle Maschere.

Si tratta di una realtà resa possibile grazie alla volontà dell’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Domenico Vuodo e dall’impegno dell’Associazione i Połëcënellë, presieduta da Antonio Arvia e in cui saranno custodite la storia, il folklore e le testimonianze dei più antichi carnevali tradizionali d’Italia, con particolare attenzione al carnevale alessandrino e alle sue maschere caratteristiche:i Połëcënellë Bielle, i Połëcënellë Brut’, la Coremme e l’Ursë.

«Siamo entusiasti di annunciare la nascita di questa importante infrastruttura culturale che sta per nascere ad Alessandria del Carretto – ha dichiarato il sindaco Vuodo – per quello che rappresenta sotto il profilo etnologico, culturale, folkloristico e turistico, ma soprattutto perché concretizza una visione della nostra realtà cittadina a cui teniamo molto: la valorizzazione della nostra storia e della nostra identità, perché essa possa diventare volano capace di proiettarci verso il futuro».

«Un futuro in cui Alessandria, anche grazie ai flussi turistici legati ai visitatori di un museo estremamente raro nel suo genere – ha aggiunto – possa essere scoperta e apprezzata non solo da chi come noi che l’ha nel cuore per esserci nato o per averla già vissuta, ma anche da chi non ha avuto ancora la fortuna di scoprine le infinite bellezze e suggestioni, tra cui quelle del suo tradizionale carnevale».

La progettazione del Museo è affidata a Piano B srls, che cura anche l’organizzazione della prima mostra inaugurale finanziata con risorse del PSC Piano di Sviluppo e Coesione 6.02.02 erogate ad esisto dell’Avviso “Attività Culturale 2022” dalla Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura.

L’evento di inaugurazione svelerà ai visitatori un luogo ricco di storia, forte di un moto dell’anima propria dell’essenza culturale alessandrina, in cui saranno custodite maschere e costumi provenienti dai carnevali tradizionali di tutta Italia. Una sala sarà interamente dedicata al Carnevale di Alessandria del Carretto e ospiterà alcuni antichi pezzi storici, in una collezione museale in costante crescita. (rcs)

ALESSANDRIA DEL CARRETTO (CS) – Alla scoperta del borgo con Città visibili

di GIULIANA MANFREDI – Sul versante orientale del Parco Nazionale del Pollino, si erge il suggestivo paese di Alessandria del Carretto, unico comune in Italia a portare nome e cognome del suo fondatore, il principe Alessandro Pignone del Carretto (1633). Domina la vallata del torrente Saraceno, anticamente unica via d’accesso al paese, e dall’alto si può ammirare un panorama mozzafiato che spazia dal crotonese alla Basilicata e, nelle giornate più terse, al golfo di Taranto. Tappa n.6 del Cammino Basiliano, Alessandria del Carretto interseca il Cammino Mariano del Pollino. La posizione strategica all’interno del Parco Nazionale del Pollino consente a turisti e visitatori numerosi itinerari all’interno dello stesso: chi ama la natura non può esimersi da una visita all’orto botanico Difisella, dove, attraverso un percorso guidato, è possibile ammirare una grande varietà di piante. Una delegazione di soci delle Città Visibili è stata ospitata dal Sindaco Domenico Vuodo e guidata dall’entusiasta ed entusiasmante Emanuele Pisarra (giornalista, accademico del Gruppo Italiano Scrittori di Montagna, cartografo, guida ufficiale del Cammino Basiliano e del Parco Nazionale del Pollino, alpinista, camminatore, solo per citare alcune delle sue frenetiche attività) alla scoperta di quest’angolo di paradiso.

Partiti dal Monte Calvario, su cui abbiamo ammirato le macchie viola di eringi ametista, particolarmente rigogliosi per la gran quantità di luce assorbita, il percorso è poi proseguito, sulla fiammante land rover dell’Acalandrostour, verso Monte Sparviere, con la sua suggestiva chiesetta (edificata nella metà degli anni ’80), per ammirare radure e boschi fiabeschi: aceri di sei specie delle sette presenti in tutta Europa, abeti bianchi, tigli e ontani napoletani. Salendo ancora raggiungiamo il bivio del “Sasso Grosso”, una terrazza naturale da cui si scorgono, nell’ampia vallata, Terranova di Pollino e tratti del Cammino Basiliano lucano. Sembra di essere in un quadro: nuvole, l’azzurro del cielo, la luce e le cime circostanti!

Nel pomeriggio ci dedichiamo alla visita del paese, che iniziamo dalla chiesa del patrono Sant’Alessandro Papa e martire, edificata nel XVII secolo e oggetto di svariati restauri e interventi. L’edificio presenta oggi tre navate; l’altare maggiore è sovrastato da una volta a botte in muratura abbellita con gli unici affreschi presenti nella chiesa. Originariamente l’edificio era pavimentato con lastre di pietra locale, poi sostituite da mattoni e, alla fine del 1800, il tetto della navata centrale fu sostituito da una copertura con capriata in legno e con una sottostante falsa volta a botte realizzata con sottili lastre di zinco dipinte con delicati colori, oggi una delle sue principali attrattive e peculiarità. Continuiamo entrando al museo Guido Chidichimo, che viene aperto su richiesta contattando il Comune, dedicato all’omonimo cardio-chirurgo italiano, il primo medico in Europa e il secondo nel mondo dopo l’americano Christiaan Neethling Barnard ad eseguire un intervento di cardiochirurgia a cuore aperto. Egli ha lasciato tutto l’arredo del suo studio romano e tutto il materiale culturale e scientifico che lo componeva ad Alessandria del Carretto, suo paese natio, dove oggi è sepolto. Il Museo del Lupo (visitabile contattando il comune) è un punto di riferimento per chi visita il Parco Nazionale del Pollino. All’interno è stato creato un percorso a pannelli sulla vita, l’ecologia e l’etologia del lupo e la storia del suo difficile rapporto con l’uomo. Il lupo non è il solo protagonista di questo museo: sono presenti altri importanti elementi della fauna locale e la ricostruzione della vita nel bosco attraverso due interessanti dettagliati diorama.

La passeggiata continua tra i vicoli, dove notiamo l’imponente e austero Palazzo Chidichimo, già palazzo Pignone del Carretto, una struttura signorile del XVII secolo, che è l’edificio più antico di Alessandria del Carretto, realizzato in muratura in pietra locale a vista. Non possono non colpirci i numerosi coloratissimi ed emblematici murales che decorano il centro del paese, realizzati negli anni da artisti provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero per il festival delle culture tradizionali “Radicazioni”, che si svolgeva nel mese di agosto. Alessandria del Carretto, inoltre, aderisce al circuito “Borghi Autentici d’Italia”, in quanto il suo centro storico e le tradizioni secolari che in esso hanno luogo rendono questo piccolo borgo calabrese un luogo molto caratteristico e accogliente. Fa parte inoltre della rete dei comuni Virtuosi d’Italia.

Famosissimi sono il suo Carnevale antropologico storico (i Polëcënellë, con il loro colorato e prezioso abito, sfilano per le vie del paese esibendosi in danze propiziatorie), inserito nel circuito dei carnevali antropologici italiani, caratterizzato da una maschera magica dalla storia controversa, che richiama nel borgo l’attenzione di studiosi, fotografi e curiosi, e la Festa della Pitë (abete bianco) che si svolge in alta montagna al confine con la Basilicata (la pianta oggetto di festeggiamento viene donata, per concessione, dal Comune di Terranova del Pollino, in Basilicata, al Comune di Alessandria del Carretto). Durante la festa gli alessandrini ospitano i turisti nelle proprie case e offrono le pietanze tipiche del periodo. Tutti si riuniscono in località Spinazzeta per iniziare il percorso che porterà nel centro abitato un imponente tronco di abete bianco, tagliato nei boschi e trasportato con la sola forza delle braccia. (rcs)

ALESSANDRIA DEL CARRETTO (CS) – I Polëcënëllë

Ad Alessandria del Carretto, si festeggia il Carnevale tradizionale con I Polëcënëllë.

Un evento per far conoscere le maschere della città piene di storie e di trazioni, che inizierà questo pomeriggio alle 14.30, a Palazzo Chidichimo, con la vestizione di due maschere belle, per poi proseguire verso gli altri pulcinella.

In programma mostre fotografiche, di pittura e spettacoli teatrali, oltre che stand di degustazioni di prodotti tipici. (rcs)

ALESSANDRIA DEL CARRETTO (CS) – L’evento “Munnu era”

Questo pomeriggio, alle 18.00, ad Alessandria del Carretto, a Palazzo Chidichimo, l’evento Munnu era! Dall’eversione della feudalità alla seconda Repubblica con Beatrice La Cantora e Masto Nicola.

La manifestazione è organizzata da Kalura Arte e Cultura Popolare Aps, ed è il preludio dell’evento in programma per domani domenica 9 febbraio.

Mannu Era! «è un viaggio nella storia del Meridione d’Italia e della Sicilia che comincia nel 1806 e si ferma nel 1992. Un percorso fatto di installazioni artistiche, tutto è fatto di carta, tutto è gigante. Lo spazio allestito diventa un grande ipertesto dove riscoprire l’immaginario tipico dell’arte popolare del nostro sud: il teatrino dei pupi armati, il carretto siciliano, i cartelloni dei cantastorie e le carte napoletane.

Il pubblico è invitato a partecipare, a prendere, toccare con mano, giocare. Gli allestimenti sono scenografia e strumento stesso del racconto per le performances teatrali del “cuntaStoria” e musicali della “cantastorie” che, in una sorta di spettacolo-lezione, guidano il pubblico alla comprensione di alcuni passaggi storici che hanno portato le nostre comunità dal mondo feudale al mondo della globalizzazione. (rcs)

ALESSANDRIA DEL CARRETTO: AL VIA IL RADICAZIONI FESTIVAL

20 agosto – Prende il via oggi, ad Alessandria del Carretto, la 14esima edizione di “Radicazioni – Festival delle Culture Tradizionali”.
Il festival, organizzato dall’Associazione Culturale “F. Vuodo”, prevede tre giorni di creatività, di invasione artistica e musicale.
Il tema di quest’anno, “Sul finire dei luoghi. Costruire, abitare, pensare, prevede una serie di iniziative, come gli incontri e scontri musicali, spettacoli teatrali, concerti serali, mostre d’arte e installazioni.
Le mostre, infatti, saranno ospitate a Palazzo Chidichimo, ed esporranno la mostra fotografica “Cemento armato” di Angelo Maggio, l’esposizione d’arte “Malincromia” di Sara Sgrò, l’esposizione d’arte “Gargano metafisico, luoghi e astrazioni” di Salvatore Luca Tota, l’esposizione fotografica “Racconti da Rosarno” di Nadia Lucisano, il murales di Marcello Garofalo e Lisa dell’Aglio, e “Kalura Meridionalismo – Arte popolare di strada, allestimenti e spettacoli” a cura di Nicozazo.
Si parte, alle 16.30, presso Palazzo Chidichimo, con la presentazione del libro “Il razzismo non è una favola” di Maurizio Alfano. Modera la giornalista Rai Giulia Bondi. Intervengono Nadia Lucisano e il “Collettivo Mamadou”.
Si prosegue, alle 18.30, con lo spettacolo “Le scarpe dei caporali” del Collettivo Mamadou. Di salvatore Cutri, e con la regia di Paolo Grossi, lo spettacolo s’ispira a un’inchiesta sui “campi ghetto” nel Sud Italia di Matteo De Checchi e Valentina Benvenuti.
Per gli “Incontri e Sconti musicali”, alle 20.00, presso la Piazzetta di Palazzo Chidichimo, si esibisce il duo Rocco Adduci e Arnaud Degimbe in “Soffi dal Nord”.
Alle 21.30, cominceranno gli spettacoli musicali con Canusìa, Sin Fronteras, Lalala Napoli e i Suonatori tradizionali di Alessandria del Carretto. (rcs)