A San Vincenzo La Costa, BCC Mediocrati mette a disposizione della Pro Loco i locali della Cassa Rurale e Artigiana

di FRANCO BARTUCCI – Straordinaria iniziativa socio culturale a San Vincenzo La Costa, in provincia di Cosenza: su iniziativa della locale Pro Loco, congiuntamente con la Banca di Credito Cooperativo Mediocrati, diretta dal presidente Nicola Paldino, che ha messo a disposizione gratuita dell’Associazione alcuni locali della vecchia sede della Cassa Rurale e Artigiana di San Vincenzo La Costa,  trasformata successivamente in Banca di Credito Cooperativo e poi, dopo una fase di valutazione finanziaria/ fallimentare da Banca Sviluppo, acquisita lo scorso anno dalla Bcc Mediocrati, unitamente ad altre banche del territorio cosentino.

Una iniziativa che rende onore alla Bcc Mediocrati, in quanto ha consentito alla Pro Loco di San Vincenzo La Costa, dopo la chiusura dello sportello bancario, di utilizzare gli ambienti concessi come sede istituzionale dove svolgere le proprie attività sociali e culturali in un ambiente che ricorda un legame e una storia economica sociale molto importante per il territorio del Comune di San Vincenzo La Costa, e cioè la Cassa Rurale e Artigiana, una delle prime  fondate da Don Carlo De Cardona l’8 dicembre 1906, nell’abitazione del parroco La Valle ed 81 uomini, quasi tutti contadini del luogo.

Con la chiusura della Banca di San Vincenzo La Costa, da parte della Banca Sviluppo, insieme alle filiali di Dipignano, Pietrafitta, Tarsia, Schiavonea e Fagnano, il posto, peraltro nella piazza del paese, era divenuto di poca frequentazione anche per effetto della chiusura della Farmacia.

Con tale iniziativa torna a rianimarsi, anche perché troverà sede una Biblioteca Pubblica che la locale Pro Loco ha voluto ad ogni costo realizzare, grazie ad un partenariato con la Biblioteca Nazionale di Cosenza.

Nella sede centrale della Bcc Mediocrati, il presidente Nicola Paldino ed il presidente della Pro Loco di San Vincenzo La Costa, Giovanni Pirri, si sono ritrovati ed hanno firmato un’apposita convenzione che sancisce, appunto, il passaggio degli ambienti ad uso gratuito per come sopra evidenziato. La firma di questa convenzione fa pure seguito ad una stipula di protocollo d’intesa sui conti bancari e crediti, a condizioni speciali ai soci della Pro Loco di San Vincenzo La Costa.

«La Biblioteca diventerà sede di servizio civile e arriveranno ragazzi per l’alternanza scuola- lavoro –  ha dichiarato il presidente della Pro Loco, Giovanni Pirri –. Creeremo laboratori e, grazie ad un partenariato con la Biblioteca Nazionale di Cosenza, avremo la possibilità di formare  due giovani risorse. Avremo a disposizione volumi e riviste storiche che metteremo a disposizione della cittadinanza per studiare anche in video conferenza ed altro ancora».

La Banca, da parte sua, ha aggiunto anche una cospicua dotazione libraria in volumi di natura economica, dedicati ad aspetti storico culturali del territorio. Per questa iniziativa si stanno creando diverse azioni di interesse che la Pro Loco dovrà gestire con grande spirito di entusiasmo e partecipazione, peraltro già in fase di impostazione e lavorazione da parte del gruppo dirigenti e collaboratori.

In copertina, il presidente Pro Loco San Vincenzo La Costa, Giovanni Pirri, ed il presidente della Bcc Mediocrati, Nicola Paldino)