CATANZARO – Successo per la mostra dei burattini pazzi di Giampiero De Santis

Successo per la mostra personale di Giampiero De Santis, dal titolo L’essenziale del Superfluo, i miei burattini pazzi, esposta fino al 4 dicembre all’Ex Stac di Catanzaro.

Un percorso che nelle sale dell’Ex-Stac ha visto l’installazione di oltre 60 opere ottenute dal riciclo di materiali vari. Un percorso anche a tema che ha ben fatto comprendere ai tanti visitatori il progetto di Giampiero De Santis e la sua passione per valorizzare oggi quello che ai nostri occhi, a prima vista, sembrerebbe ormai “superfluo”.

Con questo apparentemente ossimoro, contenuto nel titolo della mostra, l’autore ha voluto infatti evidenziare il profondo legame tra i due concetti di essenziale e superfluo «…apparentemente sono due termini contrapposti eppure raffiguranti il medesimo ciclo di vita. Con un “altro occhio”, ho messo in risalto che l’essenzialità di una cosa in un dato tempo diviene spessissimo superfluo in un tempo successivo, quando quella cosa ha cessato la funzione originaria per cui era stata creata. Nella condizione di superfluo la cosa sarebbe destinata ad essere buttata via. Il recupero, il riciclo, il riuso interrompono invece questo flusso, perché il superfluo diviene “essenziale” in una nuova forma, in un nuovo contesto, in una nuova vita…».

Dicevamo oltre 60 opere di varia natura e di varia grandezza. Nel percorso lo stesso Giampiero, papà dei burattini pazzi, presente in ogni orario di apertura ha raccontato “la vita” di ogni singolo burattino partendo dal suo primo lavoro “Dotto” (creato così per gioco con la collaborazione della sua bambina Alice) con semplici lattine di alluminio e poi, a seguire tutti gli altri personaggi che popolavano la Sala espositiva, l’omaggio al Maestro Saverio Rotundo “U Ciaciu”, l’omaggio a Pinocchio e finendo con il suo ultimo lavoro “Icaro”.

Burattini di latta, burattini di vetro, burattini di legno, burattini appesi, burattini in officina, famiglie di burattini e tanti altri simpatici personaggi fino ad arrivare alla piccola sala finale dove l’autore con i presenti si è soffermato maggiormente quasi a far comprendere l’immenso mondo dei rifiuti che produciamo oggi in casa e far comprendere che anche con il gioco e anche se in minima parte, possiamo riuscire a creare qualcosa di buono per noi e per le future generazioni. A detta dell’autore un’emozione unica poter esporre i suoi lavori nella città di Catanzaro, aver avuto il modo di esportare al pubblico la sua idea e le sue idee e confrontarsi con i tanti appassionati, con i passanti visitatori e far conoscere a tutti la grande famiglia dei burattini pazzi.

Durante la mostra poi la presentazione della scaRtolaMATTA. Un’idea, un gioco, una prova a trasferire la conoscenza acquisita, un insieme tutto “nascosto” in una scatola (scaRtolaMATTA) e il tutto creato con materiale riciclato. Un’idea che ha fatto si che si creasse un micro-laboratorio (10X10X10), col quale il gioco diventa creazione, protezione ambientale, riciclo e riuso. (rcz)

CATANZARO – All’Ex Stac tante mostre ed eventi espositivi

Fino al mese di giugno, l’ex Stac di Catanzaro sarà protagonista di una serie di mostre e di eventi espositivi, proposte dal settore cultura e illustrato dall’assessore alla Cultura Ivan Cardamone.

Si parte domani, venerdì 21 febbraio, con la mostra personale di Maria Lia Bovino, che «dipinge togliendo ciò che la monumentalità infligge ad ogni opera architettonica, rielaborandola e connotandola di bellezza e di vita» scrive il critico Luigi Muta. La mostra si potrà visitare fino al 2 marzo.

Dal 3 marzo, invece, all’ex Stac arriva la mostra Food Culture and Food Ways. Tradizioni e culture dal mondo a cura di Blu Ocean srl di Reggio Calabria. Il prestigioso evento espositivo, nell’ambito del progetto culturale Bluocean’s Workshop – I grandi fotografi di National Geografic in Calabria, presenterà le maggiore opere fotografiche del famoso artista Penny de Los Santos, che considera la food photography come un’occasione per conoscere e celebrare le culture e le storie dei popoli. La mostra si potrà visitare fino al 31 marzo.

Dal 1° aprile, si potrà visitare la 23esima edizione della Mostra di modellismo – Città di Catanzaro a cura dell’Associazione modellisti catanzaresi. Esposti, fino al 18 aprile, plastici, modelli di automobili e ferroviari, navi storiche e diorami raffiguranti scorci di Catanzaro.

Dal 20 aprile, la mostra I dipinti di Irene Brancaccio, ragazza con sindrome di down che nella pittura manifesta con soddisfazione la sua anima, esprimendosi, in particolare, nell’effusione di colori caldi e paesaggi sereni, assimilabili a soggetti impressionisti. L’evento è curato dalla Parrocchia San Giovanni Battista di Catanzaro, e si potrà visitare fino al 30 aprile.

Dal 1° maggio, la mostra Catanzaro: arte e creatività a cura di Maria Gabriella Porpora Armano. Per l’occasione, saranno esposte le opere più significative di Luigi Raffael, alcuni elaborati degli alunni dell’Istituto “Pascoli” di Catanzaro, manufatti e vestiti medievali. La mostra si potrà visitare fino al 10 maggio.

Dal 12 maggio, la personale di pittura Donatella e il suo immaginario di Donatella Curcio, docente e artista catanzarese la cui pennellata non indugia sul superfluo, ma espone facili incanti e coglie aspetti naturali che hanno una forte valenza psicologica, evidente nei dati stagionali, nell’ampio respiro delle colline e delle distese di fiori, boschi e campi. La mostra è visitabile fino al 26 maggio.

Dal 29 al 31 maggio, l’ex Stac ospiterà l’11esima edizione della mostra biennale Arte Bonsai e Suiseki a cura dell’Associazione Bonsai e Suiseki Perla dello Jonio Odv di Catanzaro. Per l’occasione, alcuni dei migliori club italiani, specializzati nell’antica tecnica giapponese, esporranno le loro piante più pregiate.

Inoltre sarà presente un esperto calligrafo di scrittura giapponese che realizzerà per ogni bonsai esposto nel “Tokonoma” (tradizionale altarino giapponese) un ideogramma che rappresenta il pensiero artistico del bonsaista.

Chiude la serie di esposizioni la mostra dei pittori catanzaresi Giovanni Marzano e Giovan Battista Rotella, che sarà inaugurata il 1° giugno e si potrà visitare fino al 15 giugno.

Marziano, studioso dell’opera di Mattia Preti e del ‘600 napoletano, ha esposto, nel corso della sua prestigiosa carriera artistica, nelle maggiori gallerie italiane e all’estero (Miami, Hong Kong e Parigi); di Giovan Battista Rotella il critico e storico dell’arte Paolo Levi scrive che «il lavoro pittorico di Rotella appartiene alla storia dell’arte del nostro tempo, appartenendo da una parte all’avanguardia concettuale, e dall’altra alla tradizione». (rcz)

 

CATANZARO – La mostra anticonvenzionale di Marco Raffaele

S’inaugura oggi, alle 18.00 all’Ex Stac di Catanzaro, la mostra Dai murales alle sperimentazioni su vetroresina di Marco Raffaele.

Si tratta dell’«ennesimo allestimento artistico di un’offerta culturale complessiva che ha riportato il capoluogo, grazie all’impegno dell’Amministrazione Abramo, ai vertici del panorama calabrese e meridionale».

«Suggestivo – scrive su Facebook il vicesindaco e Assessore alla Cultura, Ivan Cardamone – il modo con cui Raffaele plasma la vetroresina per dare vita a immagini di personaggi reali, della fantasia o provenienti dal suo inconscio. Le forme espressive scelte da Marco, i murales prima, la vetroresina dopo, sono in tutto e per tutto in linea con la contemporaneità e, a mio avviso, con le opportunità che un contesto urbano offre agli artisti: la street artist come recupero, riciclo e riqualificazione sono una strada da non sottovalutare e a Catanzaro, anche su questo versante, ci sono stati e ci sono ancora, esempi molto ben riusciti».

«Con questa esposizione – conclude il vicesindaco Cardamone su Facebook – che è il prodotto della lunga ricerca artistica di Marco Raffaele, l’ex Stac sta per proporre alla città una mostra forse anche un po’ anticonvenzionale ma, sicuramente, significativa. L’ennesima dimostrazione che anche Catanzaro è parte integrante dei circuiti nazionali dell’arte contemporanea».

La mostra, infine, si potrà visitare fino all8 marzo. (rcz)

CATANZARO – I prossimi eventi culturali in città

La Giunta Comunale, presieduta dal sindaco Sergio Abramo, ha approvato tre delibere predisposte dal settore cultura, le cui pratiche sono state relazionate dal vicesindaco e Assessore alla Cultura Ivan Cardamone.

La prima, è relativa alle cerimonie che si terranno in occasione della giornata del ricordo in memoria delle vittime delle Foibe. Due i momenti previsti per le celebrazioni: domenica 10 febbraio, alle ore 10:30, in piazzale Martiri delle Foibe, nel quartiere Giovino, deposizione di una corona di fiori alla presenza di autorità civili e militari, e  lunedì 11 febbraio, alle ore 10:30, nella sala consiliare della Provincia, seminario di approfondimento con le testimonianze di due esuli istriani, Lucilla Crosilla e Silvano Scheri, e la relazione di Cinzia Calizzi, docente di storia e filosofia del liceo Pitagora di Crotone.
La seconda pratica varata dall’esecutivo, assistito dal segretario generale Vincenzina Sica, riguarda gli eventi espositivi che si terranno nella palazzina ex Stac fino al prossimo giugno.

«È l’ennesimo – ha dichiarato il vicesindaco Ivan Cardamone – significativo cartellone di mostre ed esposizioni che arricchiranno, toccando più generi, la già grande offerta culturale del capoluogo».

Ancora, doppio appuntamento con l’Urban Trekking in love, organizzata dalla Cooperativa Artemide, in programma il 10 e il 17 febbraio nel centro storico della città.

Inoltre, sono stati autorizzati diversi allestimenti, che si protenderanno fino al mese di giugno presso l’Ex Stac, nello specifico:

  • Dal 17 febbraio al 10 marzo, esposizione d’arte contemporanea Fiberglass Emotion di Marco Raffaele, curata da Antonella Gentile, Presidente dell’associazione Momenti d’Arte di Catanzaro;
  • Dal 12 al 29 marzo, la mostra antologica del pittore Francesco Leone, in cui saranno esposte 40 opere tra disegni e dipinti;
  • Dal 3 al 17 aprile, la mostra Catanzaro-Art a cura di Maria Gabriella Porpora Armao, che è un evento espositivo suddiviso in tre sezioni: esposizione di circa 30 quadri fotografici in legno raffiguranti la Catanzaro dei primi del ‘900; esposizione di opere di Luigi Raffael; esposizione di abiti medioevali e rinascimentali;
  • Dal 20 aprile al 10 maggio, Mostra antologica del pittore catanzarese Claudio Pistoia, che ritorna ad esporre nella sua città riproponendo le sue caratteristiche figure con il capo rivolto verso l’alto, rimando inconscio alla teoria pirandelliana dell’autonomia dei personaggi;
  • L’11 e il 12 maggio, l’esposizione Seconda Fiera del disco, a cura di Annozero di Catanzaro. Verranno esposti rari dischi in vinile dagli anni ‘60 ad oggi con l’intento di rappresentare un viaggio fisico e virtuale (anche attraverso l’ascolto) con un unico filo conduttore: promuovere la cultura musicale;
  • Dal 15 al 30 maggio, la mostra di pittura Catanzaro e… a cura degli artisti Alfredo Leonardo e Giuseppe Monterosso. Saranno esposte opere raffiguranti la città di Catanzaro con i suoi personaggi caratteristici, vicoli, piazze e monumenti che, quasi d’incanto, sembrano nascere da un magico colpo di spatola o da un cambiamento graduale di colore;
  • Dal 31 maggio al 10 giugno, la mostra collettiva I colori dell’anima, curata dall’associazione di promozione sociale Fare insieme di Catanzaro. Per l’occasione, saranno esposte opere dei giovanissimi allievi del corso di pittura extra didattico realizzato da Grazia D’Urso, laureata all’Accademia di Belle arti di Catanzaro, e dalla pittrice Giulia Alfieri;
  • Dal 15 al 30 giugno, mostra di selezione Città di Catanzaro per la 13esima edizione della Biennale internazionale d’arte contemporanea di Roma, con l’adesione al progetto “Sibari” a cura dell’Associazione Strada G. (rcz)

CATANZARO – All’ex Stac la mostra di Giovanni Chiarella

S’inaugura questo pomeriggio, a Catanzaro, alle 17.30, presso l’ex Stac, la mostra personale di Giovanni Chiarella.

La mostra è stata organizzata con il patrocinio dell’Accademia dei Bronzi, dell’Assessorato Comunale alla Cultura e l’Associazione Teura.

«Questa nuova mostra – ha dichiarato Ivan Cardamone, Assessore alla Cultura e vicesindaco di Catanzaro – che resterà aperta fino al 15 febbraio, rappresenta l’ulteriore appuntamento di una programmazione continua, durante tutto l’arco dell’anno e sempre più aperta alle diverse espressioni artistiche e culturali della nostra città e non solo».

«Dopo il successo della mostra sugli strumenti di Leonardo – ha proseguito il vicesindaco Ivan Cardamone – l’ex Stac ospiterà ora un percorso di circa settanta opere, molte delle quali di nuova produzione, dell’artista Chiarella che ha maturato il proprio interesse per il disegno e la pittura mettendo a frutto la personale amicizia con i maestri Andrea Cefaly ed Eugenio Galiano. Dai suoi quadri emerge la passione per la natura e i paesaggi calabresi e la variegata gamma di colori offre l’occasione per scoprire un ritratto personale e autentico del nostro territorio. Un evento, dunque, che si inserisce nel ricco calendario di attività dell’ex Stac divenuto un punto di riferimento all’interno della rete dei contenitori culturali del Capoluogo».

La mostra, infatti, sarà composta da 70 tele del pittore, di cui molte appartengono alla nuova produzione, che riprendono il tema e i soggetti tanto cari all’artista, come la natura, il paesaggio e il territorio. (rcz)

 

 

CATANZARO – All’ex Stac la mostra “Leonardo Da Vinci: gli strumenti musicali di un genio”

6 dicembre 2018 – Fino a gennaio 2019, presso l’ex Stac, si potrà visitare la mostra Leonardo Da Vinci: gli strumenti musicali di un genio e l’antica liuteria tra Medioevo e Rinascimento.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione As.AR.P, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, guidato da Ivan Cardamone.

La mostra, infatti, è composta da una collezione di antichi strumenti musicali ricostruiti sulla base dei disegni originali di Leonardo.

Nelle sale, inoltre, torneranno le esposizioni che già, negli scorsi anni, hanno riscosso notevole successo nel periodo delle Festività, come la Mostra Fiera Europea de Presepegiunta alla 15esima edizione, Calabria in miniatura, un progetto che propone una riproduzione in scala degli antichi borghi regionali e dei costumi della tradizione calabrese.

«Le iniziative organizzate in collaborazione con l’Associazione As.AR.P – ha evidenziato l’Assessore alla Cultura Ivan Cardamone – aggiungono un ulteriore tassello al ricco programma di eventi promossi per le festività e, più in generale, mirati a rivitalizzare il centro storico e rafforzare la rete museale del territorio».

«A tal fine – ha concluso l’Assessore Ivan Cardamone – l’amministrazione ha inteso promuovere un percorso didattico e culturale, mirato agli studenti, creando un circuito tra le diverse strutture espositive cittadine, in particolare con il Complesso San Giovanni dove è in corso la prestigiosa mostra di Escher. Auspichiamo che i nostri sforzi possano essere ripagati dall’attenzione e dalla partecipazione dei visitatori provenienti da tutta la regione». (rcz)

CATANZARO – All’Ex Stac Artisti Catanzaresi in mostra

11 ottobre – S’inaugura oggi, a Catanzaro, alle 18.30, presso l’ex Stac, la mostra d’arte collettiva di Artisti Catanzaresi.
La mostra, visitabile fino al 30 ottobre e a cura di Egidio Veruci e Carmen Abatino, presenterà opere di Raffaele Lura, Mario Proganò, Aldo Aloi, Attilio Ammone, Francesco Toraldo, Giuseppe Patamia, Giuseppe De Filippo, Giovanni Marziano, Nenè Cartaginese, Giovanni Chiarella, Mario Ianniro, Cetty Palermo, Antonio Naria, Alberto Pirrone, Domenico Chirillo, Giovambattista Rotella, Gioacchino Lamanna, Franco Molè, Nicola Ventura ed Enzo Toraldo.
Per l’occasione, sarà allestito un laboratorio di pittura per i bambini. (rcz)