L’8 aprile Palazzo San Giorgio di Reggio diventerà un Centro per la prevenzione dei tumori femminili

Palazzo San Giorgio, il prossimo 8 aprile, diventerà un centro per la prevenzione dei tumori femminili, con una giornata dedicata alla riflessione ed alle analisi in loco predisposte, gratuitamente, dall’equipe medica specializzata della Lega italiana per la lotta contro i tumori.

È il risultato raggiunto dalla commissione Politiche sociali, presieduta dal consigliere Carmelo Romeo, che nei giorni scorsi ha audito il presidente della Lega Italiana lotta ai tumori, Ernesto Giordano. Insieme alla Lilt, infatti, il Comune di Reggio Calabria organizzerà la Giornata della Prevenzione al femminile.

Nel ringraziare il presidente Giordano, i professionisti ed o volontari della Lilt, Carmelo Romeo si è detto «molto felice per l’organizzazione di un evento rivolto a tutte le donne reggine e che testimonia, ancora una volta, la forte sensibilità dell’organismo consiliare rispetto a temi così delicati ed importanti».

«Nei prossimi giorni – ha spiegato – verrà pubblicizzata l’iniziativa nel dettaglio, con il riferimento del numero al quale potersi prenotare per svolgere la visita medica gratuita».

La giornata di screening gratuito sarà articolata in due fasi, entrambe all’interno dei locali di Palazzo San Giorgio. La prima, a partire dalle ore 9.00, consisterà in un seminario con gli specialisti della Lilt, cui seguiranno gli screening gratuiti con ecografia mammaria, ecografia tiroidea e mappatura dei nei con il dermatoscopio, esami fondamentali per la prevenzione dei tumori più diffusi nelle donne.

«La commissione Politiche sociali – ha aggiunto Romeo – continua la sua attività nel fornire ogni strumento utile, anche attraverso l’organizzazione di simili eventi, per prevenire malattie spesso letali. In questi casi, agire in anticipo può davvero salvare una vita. Sono orgoglioso del lavoro dei commissari e della condivisione di idee dimostrate in occasione di simili iniziative».

«Il nostro intento – ha spiegato il Presidente – è quello di abbracciare tutte le iniziative utili alla cittadinanza sul tema della salute ed in particolare della prevenzione, coinvolgendo le migliori energie e le tantissime valenti professionalità che sono presenti sul nostro territorio. E’ già accaduto, in più occasioni, che la Commissione si facesse promotrice di iniziative di valore come questa organizzata di concerto con la Lilt».

«Non è un caso infine – ha concluso Romeo – che per queste attività si sia scelto di aprire le porte di Palazzo San Giorgio. Il Municipio infatti deve essere inteso come la casa di tutti i cittadini, ed in tal senso vogliamo che sia sempre più aperto e frequentato, in occasione di iniziative come questa che hanno un grande valore anche in termini di utilità nell’ambito della prevenzione». (rrc)

Palazzo San Giorgio di Reggio, una storia lunga 100 anni

A Reggio, è stata inaugurata la mostra Palazzo San Giorgio 100 anni, promosso dall’Assessorato alla Cultura, nell’ambito delle iniziative dedicate alla celebrazione del centesimo anniversario dalla fondazione dello storico Palazzo Municipale reggino.

Alla cerimonia hanno preso parte il Sindaco f.f., Paolo Brunetti, il Prefetto, Massimo Mariani, l’assessora comunale alla Cultura, Irene Calabrò, il presidente del Consiglio comunale, Enzo Marra e le autorità militari.

Emblema del faticoso percorso di ripartenza intrapreso dalla città dopo l’immane tragedia del terremoto del 1908, Palazzo San Giorgio, sede dell’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria, si presenta oggi agli occhi di cittadini e turisti quale espressione e testimonianza architettonica di indiscusso pregio e valore storico. Un simbolo della città il cui vissuto occorre custodire e tramandare alle future generazioni. In questa direzione si colloca il cammino di rilancio e riscoperta della memoria storica cittadina avviato dall’amministrazione comunale e che ha registrato nei mesi scorsi altri significativi momenti con l’intitolazione della Sala dei Lampadari “Italo Falcomatà” e l’istituzione della “Sala dei Sindaci”.
La mostra, già programmata a suo tempo nel quadro delle linee di mandato fissate dal sindaco Giuseppe Falcomatà e condivisa con il Presidente del Consiglio comunale Vincenzo Marra ed il Sindaco ff Paolo Brunetti, è stata progettata e definita dall’Assessorato alla Cultura, guidato da Irene Calabrò, e diretto dalla dott.ssa Loredana Pace. Curatela affidata alla prof.ssa Rosa Maria Cagliostro, al prof. Renato G. Laganà ed alla dott.ssa Daniela Neri.
Nella galleria di Palazzo San Giorgio si trovano i pannelli espositivi in cui è raccontata la posa della prima pietra, con la storia dell’edificazione e della rinascita della città nel post terremoto. Al piano superiore, nella Sala dei Sindaci, trovano spazio invece le teche con reperti originali dell’epoca e un racconto storico e architettonico realizzato attraverso iconografie.
La mostra, ha evidenziato il Sindaco f.f. Brunetti, «è anche un modo per valorizzare i tanti vissuti e le numerose esperienze di vita che in cento anni si sono inevitabilmente intrecciati con il percorso amministrativo e con le vicende legate al governo della città. Cento anni portati benissimo e che si aprono al nuovo scenario che riguarderà il Palazzo Comunale da qui a breve nell’ambito dell’intervento di riammodernamento ed efficientamento già programmato dall’amministrazione».
«Cento anni di Palazzo San Giorgio ma soprattutto cento anni di storia reggina, – ha poi aggiuto l’assessora Calabrò – di personalità, vicende legate a questo territorio, donne e uomini che hanno vissuto gli spazi di questo prestigioso edificio. Un centenario che l’amministrazione comunale ha voluto disegnare guardando anche al lato umano e sentimentale che caratterizza Palazzo San Giorgio, in un momento storico in cui si avverte in modo molto forte l’esigenza di riavvicinare i cittadini ai luoghi della politica e dell’impegno per il bene comune».
«Questa iniziativa è un’idea nata già nella scorsa consiliatura con il sindaco Giuseppe Falcomatà – ha aggiunto – che aveva incontrato gli eredi dell’architetto Basile ovvero il progettista del Palazzo e uno dei massimi esponenti del Liberty nel nostro Paese, autore tra le altre cose del Transatlantico di Montecitorio. E un grazie anche alle associazioni che hanno sostenuto questo progetto, in primis il Touring Club con Domenico Cappellano. L’auspicio, oggi, è che quello stesso spirito di rinascita che ha animato quella pagina storica cento anni fa, possa risvegliare tra cittadini e amministratori l’amore per la città e la voglia di lasciare un segno positivo». (rrc)

REGGIO – Venerdì s’inaugura la mostra “Palazzo San Giorgio 100 anni”

Venerdì 9 settembre, a Reggio, a Palazzo San Giorgio, alle 17.30, s’inaugura la mostra Palazzo San Giorgio 100 anni, a cura dell’Assessorato alla Cultura, guidato da Irene Calabrò.

L’evento rientra tra le iniziative per celebrare i 100 anni dalla fondazione dello storico Palazzo Municipale reggino, che sono partite con l’intitolazione della Sala dei Lampadari “Italo Falcomatà” e l’istituzione della “Sala dei Sindaci”, trovano adesso un importante momento culturale teso a offrire ai cittadini una memoria storica di quello che il Palazzo di Città ha costituito, all’interno delle realtà urbane mutate dopo gli eventi sismici.

La memoria storica è un testimone da trasmettere alle nuove generazioni affinché si possano riconoscere negli spazi urbani della propria Città e ne abbiano a cuore il decoro e la conservazione per chi verrà dopo di loro. Ecco il motivo che ha spinto l’Amministrazione Falcomatà e la attuale compagine amministrativa, a ricordare le ingenti perdite umane, le vicende seguite al terribile sisma del 1908 e la ricostruzione della Città.
Palazzo San Giorgio, sede dell’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria, è una delle realtà architettoniche più rilevanti del centro storico della Città; progettato dall’architetto siciliano Ernesto Basile, uno dei maggiori protagonisti del Liberty in Italia, è il simbolo della ricostruzione dopo le distruzioni del terremoto del 28 dicembre 1908.
Dalla documentazione di Archivio e dalla collezione dei giornali dell’epoca emerge la successione dei momenti che precedettero la costruzione e la cronaca della visita del Sovrano per l’inaugurazione del Palazzo in quella piazza che è divenuta lo spazio urbano più rappresentativo della Città.
La mostra, già programmata a suo tempo su indirizzo del sindaco Giuseppe Falcomatà e condivisa con il Presidente del Consiglio comunale Vincenzo Marra ed il sindaco ff Paolo Brunetti, è stata progettata e definita dall’Assessorato alla Cultura, guidato da Irene Calabrò, e diretto dalla dott.ssa Loredana Pace. Curatela affidata alla prof.ssa Rosa Maria Cagliostro, al prof. Renato G. Laganà ed alla dott.ssa Daniela Neri.
L’importante fase di ricerca documentale ed iconografica è stata svolta con il supporto del personale dell’Archivio Storico Comunale di Reggio Calabria, dell’Archivio di Stato di Reggio Calabria e della Biblioteca Comunale di Reggio Calabria “P. De Nava”.
L’inaugurazione della mostra sarà arricchita dall’esibizione del pianista brasiliano Marcelo Cesena, riconosciuto nel panorama internazionale come compositore e concertista di eccezionale livello artistico, grazie alla collaborazione offerta dall’associazione “Espero”, che più volte ha regalato alla Città di Reggio Calabria eventi imperdibili per promuovere la musica del compositore, comprenderne il pensiero artistico e lo sguardo rivolto alla valorizzazione della bellezza all’interno dell’esperienza umana. (rrc)

Cent’anni di Palazzo San Giorgio: La ricostruzione (dopo il terremoto) di Ernesto Basile

di GIOVANNI SURACI – Si è svolto Giovedì 5 maggio presso la Sala dei Lampadari “Italo Falcomatà” di Palazzo San Giorgio, la conferenza dal titolo “Cent’anni di Palazzo San Giorgio: la ricostruzione (dopo il terremoto) di Ernesto Basile, promossa dal Comune di Reggio Calabria e il Centro Internazionale Scrittori della Calabria. Ha introdotto i lavori l’avv. Irene Calabrò, assessore alla Cultura del comune di Reggio Calabria, e la manifestazione è stata coordinata dalla dott.ssa Loreley Rosita Borruto, presidente del CIS della Calabria. Ha relazionato l’arch. Daniela Neri, funzionario responsabile del Settore Cultura del comune di Reggio Calabria.

La dottoressa Neri ha ricostruito uno periodo storico importante della città di Reggio Calabria, partendo dal fatidico giorno 28 dicembre 1908, quando la città fu devastata dal tragico terremoto, ha ripercorso, attraverso le immagini la ricostruzione della città, evidenziando i fattori che contribuirono alla sua distruzione oltre la violenza del sisma.

Il racconto prosegue con le immagini della città baracca e degli edifici realizzati da noti progettisti nel primo trentennio del novecento, coevi alla a realizzazione di Palazzo S. Giorgio. La relatrice ha evidenziato la corrente che ha prevalso su quasi tutta la produzione architettonica reggina della ricostruzione dopo il sisma del 1908, in particolare negli edifici più rappresentativi, che rispecchiano le caratteristiche dell’architettura neoclassicista, con la comparsa per la prima volta di forme ornamentali di gusto floreale.

Si è soffermata in particolare sul progettista di Palazzo S. Giorgio Ernesto Basile. La vita di Basile è stata ripercossa attraverso le slide che hanno mostrato, cronologicamente gli edifici da lui progettati, ville, villini, palazzi di rappresentanza, teatri, e che realizzò a Palermo, Catania e Roma. È stata messa in evidenza la formazione culturale di Basile e il suo definito stile architettonico. Infatti, dalla scuola palermitana, sono arrivati a Reggio i caratteri del liberty nazionale. Ma soprattutto, è emerso lo sforzo del progettista nella progettazione di Palazzo S. Giorgio che doveva rappresentare per la città il simbolo della rinascita. La relazione si è conclusa con una descrizione storico-architettonica di Palazzo S. Giorgio che proprio quest’anno festeggia i suoi 100 anni. (is)

 

REGGIO – Centenario di Palazzo San Giorgio, confronto per mostra e esposizione permanente

C’è un bel progetto, per il Centenario di Palazzo San Giorgio, che l’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà, ha intenzione di mettere in campo, ossia una mostra permanente dei disegni originari dello storico edificio. Per realizzare ciò, la Giunta comunale si è confrontata con l’Archivio Basile, che sarebbe in comodato d’uso gratuito permanente alla città di Reggio Calabria i disegni realizzati dall’architetto palermitano Ernesto Basile tra il 1918 e il 1921.

Con questo progetto, l’idea è quella di dar vita ad un percorso guidato, accompagnato anche da un prodotto editoriale dedicato, che vuole illustrare le origini dello storico edificio reggino e, nel contempo, raccontare una pagina molto importante della storia cittadina come la fase di ripartenza e ricostruzione successiva al terremoto del 1908.

Questi i lineamenti del progetto celebrativo per i cento anni di Palazzo San Giorgio, sui quali si sono confrontati il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, l’assessore comunale alla Cultura, Rosanna Scopelliti, il presidente del Consiglio comunale, Enzo Marra e il consigliere comunale, Carmelo Romeo nel corso di un incontro a cui hanno preso parte lo storico dell’arte, Massimiliano Marafon Pecoraro, la Presidente della Consulta Cultura Marisa Cagliostro, il Presidente della Commissione Toponomastica Domenico Cappellano e la funzionaria comunale del settore Cultura, Daniela Neri. 

«È un’idea che accogliamo favorevolmente – ha commentato al termine dell’incontro l’assessore Scopelliti – e su cui intendiamo lavorare. Quello proposto dall’Archivio “Basile” non è solo un’iniziativa celebrativa ma, in senso più ampio, un percorso di recupero e valorizzazione della memoria storica della nostra città, attraverso una più approfondita conoscenza e riscoperta di Palazzo San Giorgio, sede della nostra amministrazione e casa di tutti i reggini. Un itinerario che vuole anche rappresentare un momento di rilancio dello spirito identitario della nostra città e della capacità che ebbero i nostri avi di rialzarsi dopo un momento durissimo».

«Vogliamo, inoltre – ha concluso – che questo progetto si sviluppi nel segno della partecipazione e del pieno coinvolgimento delle risorse del mondo universitario, editoriale e associativo, con l’obiettivo di individuare un metodo di lavoro condiviso e che abbia un chiaro profilo organizzativo e scientifico». (rrc)

REGGIO: A PALAZZO SAN GIORGIO LA MOSTRA DI ROSARIO CANANZI

19 luglio – Da visitare a Reggio presso la Galleria di Palazzo San Giorgio, la bella mostra fotografica “Passando dallo Stretto di Messina /Uno sguardo sulle coste Calabro-Sicule dallo Stretto di Messina” del foto-giornalista Rosario Cananzi.
La mostra, promossa dal Comune di Reggio congiuntamente con l’Associazione Culturale Anassilaos, è composta da otto immagini di grandi dimensioni a colori, montate sui pannelli, che mostreranno un sito candidato a divenire Patrimonio dell’Unesco. (rrc)