L’OPINIONE / Giovanni Cugliari: Intervenire contro misure penalizzanti per le imprese del Superbonus

di GIOVANNI CUGLIARI – Gentili onorevoli, con la qui presente lettera intendo portare alla vostra attenzione, a nome della Cna Calabria che mi pregio di presiedere, la grande preoccupazione che ha investito il settore Costruzioni in seguito all’annuncio di nuove modifiche al Superbonus 110% con l’emendamento presentato dal Governo la cui discussione è ancora in corso.

Diversi sono gli elementi che non rasserenano i nostri imprenditori e sui quali gradiremmo da parte vostra un interessamento e un approfondimento. In particolare, la proposta di modifica dell’emendamento in merito ai termini per spalmare i crediti che verrebbero estesi da 4/5 anni a dieci anni e il blocco a qualsiasi emendamento parlamentare sulle deroghe.

Un elemento del tutto inatteso e particolarmente allarmante è l’introduzione di una misura che prevede una riduzione della detrazione dal 36% al 30% a partire dal 2028. Questo cambiamento fa temere che il Governo intenda normalizzare le aliquote di tutti i bonus (Bonus casa, Sisma Bonus ed Ecobonus) al 36% già dal gennaio 2025, rispetto alle attuali aliquote più elevate.

Si tratta di misure penalizzanti per le imprese del settore che stanno vivendo una fase di difficoltà a causa della congiuntura economica. Le parole del Ministro in Commissione Finanze sembrano escludere che l’obbligo a 10 anni possa avere carattere retroattivo. Sarebbe dirompente per imprese e cittadini calpestando un diritto acquisito e lo sarebbe ancora di più per la Calabria che già tanta fatica fa per affermarsi e puntare allo sviluppo. (gc)

[Giovanni Cugliari è presidente di Cna Calabria]

Cna Calabria incontra Conte e illustra le urgenze delle Pmi

Si è parlato delle difficoltà e delle urgenze del comparto degli artigiani e delle proposte sviluppate dalla Confederazione per le prossime elezioni europee e la futura legislatura, nell’incontro avvenuto, a Vibo Valentia, tra il presidente di Cna Calabria, Giovanni Cugliari e il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte.

Cugliari ha fatto presenti alcuni degli ostacoli che rendono gli investimenti sempre più difficoltosi per le piccole imprese artigiane della Calabria e del Sud a partire dai problemi legati all’accesso al credito per gli imprenditori, dovuti in particolare al costo del denaro, e “l’inganno” del credito d’imposta che, come già denunciato da Cna Calabria, sarà accessibile solo per investimenti a partire dai 200mila euro escludendo di fatto la maggior parte del tessuto produttivo calabrese.

Ma la Cna guarda molto anche all’Europa, tenendo conto del mercato globale e delle grandi potenzialità di export dei nostri territori. Ecco perché la Confederazione ha stilato un pacchetto di proposte indirizzate ai futuri legislatori e che serviranno a dare linfa e respiro all’imprenditoria artigiana e non solo.

Cugliari ha spiegato, ad esempio, al pentastellato come nel caso della Trasformazione Verde e della Sostenibilità Energetica per la Cna urgono norme flessibili che riflettano le specificità delle Micro-PMI unite a un quadro normativo semplificato e armonizzato e a un sostegno mirato, inclusi incentivi fiscali per gli investimenti e la promozione dell’accesso a energie rinnovabili. La Confederazione propone anche politiche per una gestione efficiente delle risorse idriche, il sostegno alle Micro-PMI nell’autoproduzione di energia attraverso strumenti fiscali e chiede che la transizione verso una mobilità sostenibile avvenga in maniera graduale ed accompagnata, fornendo agli operatori del settore gli strumenti adeguati.

Per completare il Mercato Unico garantendo equità, la Cna propone di potenziare le autorità antitrust degli Stati membri per proteggere le Micro-Pmi e l’imposizione del rispetto delle regole di concorrenza, oltre che misure atte a contrastare abusi di posizione dominante. Al fine, invece, di una rinnovata Politica Industriale europea Cna invita a valorizzare l’artigianato ed il ruolo sociale delle Micro Pmi rilanciando e semplificando gli incentivi all’innovazione e al trasferimento tecnologico a livello europeo.

Ma l’Europa deve per la Confederazione anche accompagnare le imprese nella transizione digitale intervenendo a garantire il corretto funzionamento del mercato digitale con una regolamentazione e delle linee guida nell’utilizzo dell’Ia. Nelle dinamiche dell’Integrazione Globale per Cna l’Europa deve rafforzare la politica commerciale dell’Ue nei principali mercati di sbocco per le Pmi, potenziando la regolamentazione del marchio di origine e incontri multi bilaterali tra imprese.

Necessario, anche, un Piano straordinario europeo per gli investimenti produttivi e un approccio legislativo attento alla Pmi. (rvv)

L’OPINIONE / Giovanni Cugliari: Scomparsa del credito d’imposta ennesimo colpo di mannaia al Sud

di GIOVANNI CUGLIARI – Con la scomparsa nel silenzio più assoluto del credito d’imposta viene dato un ennesimo colpo di mannaia al Sud che ne va ad azzoppare la possibilità di investire e di crescita per il futuro.

La promessa di confermarlo anche per il 2024 è stata disattesa, lasciando gli imprenditori del Sud a bocca asciutta. Se, infatti, è stato formalmente travasato nelle Zone Economiche Speciali (Zes) e dal 1° marzo 2024 le regioni interessate (Campania, Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna) dovrebbero accedere al sito del ministero Affari Europei, Sud (Zes Sud), per presentare le relative istanze, la realtà è cosa ben diversa.

Al momento possono essere presentati solo studi di fattibilità, non vere e proprie istanze di contributi. Le modalità di presentazione delle pratiche e i tempi di accoglimento saranno comunicati in futuro, ma ciò che è certo è che a richiedere il contributo potranno essere solo le aziende che possono investire cifre comprese dai 200mila euro ai 100 milioni di euro.

Cifre ingombranti per il tessuto della piccola imprenditoria che da anni investe in innovazione alimentando il circolo virtuoso di crescita e produttività e che ora verrà a tavolino escluso, essendo di fatto estremamente difficile sborsare oltre 200mila euro per un solo progetto”, denuncia il presidente che chiarisce come al danno si aggiunga la beffa essendo il fondo anche limitato.

È un duro colpo per il Sud e la Calabria, che meritano opportunità concrete per crescere e prosperare. Ma al momento, sembra che i marinai delle promesse abbiano fatto naufragio. (gc)

[Giovanni Cugliari è presidente di Cna Calabria]

Cugliari (Cna): Con autonomia rischio che discrepanze nell’artigianato si amplifichino

«Il nostro timore è che con l’autonomia differenziatale discrepanze possano amplificarsi. Come Cna ribadiamo ancora una volta il nostro no ad una scelta scellerata che andrebbe a mortificare il Sud». È l’allarme lanciato da Giovanni Cugliari, presidente di Cna Calabria, commentando l’indagine del Quinto Osservatorio Burocrazia della Cna che entra nel dedalo dei rapporti tra Stato e Regioni evidenziando diverse incongruenze e criticità che rendono spesso più farraginoso e meno semplice e attrattivo il lavoro degli imprenditori artigiani.

«La riforma del Titolo V della Costituzione del 2001 – ha spiegato – nel caso dell’artigianato, anziché semplificare i processi e il contesto burocratico, ha creato la coesistenza di diversi livelli istituzionali di riferimento e l’applicazione di differenti istituti normativi per la stessa tipologia professionale da regione a regione. Bisogna intervenire per sanare differenze e vuoti che rendono difficoltoso l’esercizio della professione oltre che avvantaggiare alcune regioni a discapito di altri».

«Come Cna – ha proseguito – riteniamo che sia necessario livellare le discrepanze e prevedere corsi professionali pubbliciche si sommino a quelli su igiene e sicurezza, togliendo spazio ai privati. Riteniamo che si debba lavorare per allineare e raccordare le specificità territoriali; semplificare e razionalizzare il quadro normativo e regolamentare; aggiornare e riordinare le leggi di settore, a partire dal coordinamento dei percorsi formativi; assicurare l’interoperabilità delle banche dati pubbliche; dare risposte ai nuovi mestieri attraverso standard omogenei, valorizzare le best practice locali in un contesto nazionale».

«Le imprese artigiane hanno bisogno di uno snellimento – ha ribadito Cugliari – che consenta loro di essere sempre più performanti e competitive sul mercato. Non è possibile che le aziende calabresi vengano penalizzate rispetto ad altre».

L’Osservatorio spiega come per poter consumare un prodotto gastronomico all’interno di un’attività artigiana le norme  impongano sedute scomode e vietino l’uso di piatti di ceramica e posate in metallo. E se l’artigiano ha l’ardire di offrire una bibita per accompagnare un trancio di pizza, o un caffè espresso dopo un cornetto di propria produzione, deve addentrarsi in un infernale labirinto burocratico e normativo.

Nel caso dell’installazione di impianti la normativa prevede, oltre alla qualifica, un corso di aggiornamento obbligatorio che non tutte le Regioni hanno ancora attivato, la Calabria non è tra queste. I corsi hanno diverse specificità con particolare riferimento al numero di ore che in alcune regioni sono il doppio di altre. La Cna sottolinea, inoltre, che l’aggiornamento è previsto ogni tre anni e propone che possa essere evitato nel caso in cui non ci siano variazioni tecnologiche e, quindi, il programma oggetto di studio sia invariato. Osserviamo poi che non risultano sanzioni o sospensioni per chi non ottemperi all’obbligo, con conseguente aumento del proliferare di operatori abusivi.

Nel caso dell’estetica e acconciatura le principali differenze riguardano il titolo d’istruzione richiesto per accedere ai corsi e la durata di questi. La Calabria richiede un diploma di scuola secondaria di secondo grado e corsi di 1000 ore l’anno per la durata di quattro anni. Mancano per Cna Calabria leggi in materia che definiscano standard omogenei a livello nazionale e risorse adeguate all’attivazione dei corsi.

Altro caso a sé è quello delle attività di tatuaggio e piercing. Non esiste una normativa nazionale, ma solo delle linee guida del ministero della Salute. La formazione rimane uno dei principali elementi di criticità, basti pensare che il corso standard di sicurezza e igiene è di 90 ore, è il caso della Calabria, ma può arrivare fino a 1000 ore così come ci sono regioni che non prevedono attività formativa. Anche per i titoli di studio e i titoli abilitativi le richieste sono differenti. La Calabria richiede per l’avvio delle attività la Scia al Suap (Sportello unico per le attività produttive) ma c’è anche chi richiede altri adempimenti.

Infine, la tolettatura di animali non ha una disciplina ad hoc di carattere nazionale, ma rientra nel “commercio di animali da compagnia”. La quasi totalità delle Regioni non ha una disciplina regionale, come la Calabria, ma esistono in tutta Italia diverse delibere regionali e numerosi regolamenti comunali. Manca sostanzialmente una disciplina di riferimento sia per formazione che per l’avvio dell’attività. Si sente la mancanza di un quadro normativo nazionale e di standard formativi. (rcz)

Cugliari (Cna Calabria): Da politica e istituzioni partano misure per rilancio del manifatturiero

«Da politica e istituzioni partano le misure per il rilancio del manifatturiero tramite incentivi e strumenti di supporto». È l’appello lanciato da Giovanni Cugliari, presidente di Cna Calabria, sottolineando come «il 2024 per l’economia regionale e, in particolare, per il sistema manifatturiero inizia con ombre importanti. Da un lato lo scenario internazionale, dall’altro la cancellazione di 4,4 miliardi di euro di Fondi Perequazione destinati al Sud che, insieme alla ritardata partenza della Zes Unica, preoccupano e rischiano di allargare il divario con il Nord e di rendere vano ogni tentativo di ripresa da parte degli imprenditori».

«Il rischio che corriamo è quello di azzoppare ulteriormente i nostri territori, allargando la forbice con altre regioni e rendendo le nostre realtà sempre meno appetibili. Non c’è tempo da perdere», ha spiegato Cugliari, esprimendo preoccupazione per il Ponte sullo Stretto, una «infrastruttura fondamentale ma che ha visto la distrazione di 1,6 miliardi di Fondi di Sviluppo e Coesione destinati a Sicilia e Calabria».

«Il tutto mentre la mancanza di infrastrutture – ha aggiunto – l’inaccessibilità a molti territori, la scarsa elettrificazione di buona parte della rete ferroviaria, rendono il Sud ancora più lontano e sempre meno attrattivo per chi vuole investire».

Impensierisce altresì il rinvio dell’avvio della Zes Unica, slittato a marzo: «Si tratta di un cambiamento epocale – ha evidenziato – che può essere motore di un concreto processo di rilancio delle piccole e medie imprese del Sud Italia. Un’opportunità che non può essere mancata perché può aprire le porte ai mercati internazionali e al mantenimento degli elevati livelli di qualità della nostra produzione ma è bene tenere in considerazione che la copertura dei crediti d’imposta è irrisoria, 1.8 miliardi di euro».

«Non è, insomma, il momento di girarsi dall’altra parte – ha rilanciato –. Il Sud non può essere accantonato perché il suo rilancio è strategico per l’intero Paese. La cancellazione dei fondi destinati al Meridione non può passare sotto silenzio, ecco perché è importante che tutti i governatori del Sud facciano massa critica comune e si facciano valere nella prospettiva di recuperare un ritardo epocale».

«Come Cna Calabria – ha concluso Cugliari – facciamo appello a politica e istituzioni affinché contribuiscano in maniera fattiva ad un serio piano industriale per la nostra regione, con un’attenzione dedicata al rilancio del settore manifatturiero e delle centinaia di piccole e medie imprese che costituiscono l’ossatura dell’economia regionale e sono spesso fiori all’occhiello del Made in Italy». (rcz)

Cugliari (Cna): No al salario minimo, soprattutto in artigianato

Il salario minimo «non è la soluzione adeguata a risanare quelle situazioni che vedono i lavoratori sfruttati o senza tutele», ha dichiarato il presidente di Cna Calabria, Giovanni Cugliari, esprimendo, a nome dell’Ente, la propria contrarietà per il salario minimo.

Questa misura, infatti, sarebbe “inappropriata ” «in particolar modo nel settore artigiano, ambito in cui esiste una diversificazione salariale in base ai rami di attività dell’impresa e alla dimensione aziendale e in cui spesso la retribuzione oraria supera i nove euro l’ora».

«Il Paese, e in particolar modo la Calabria, ha bisogno di altro – ha proseguito Cugliari –. Gli sforzi devono essere dirottati sulla valorizzazione e la tutela della contrattazione, sull’arginare il lavoro irregolare, sull’effettiva applicazione degli Ccnl, su un’adeguata rappresentanza datoriale e salariale».

«I contratti sottoscritti dalla Cna prevedono, anche ai livelli minimi, retribuzioni ben superiori a quelle proposte dal salario minimo», ha fatto notare Cugliari, il quale ha spiegato come sia più opportuna ed urgente “una legge sulla rappresentanza e un sistema di controlli efficiente ed efficace che non chiuda gli occhi di fronte agli illeciti».

«L’artigianato – ha detto ancora – ha costruito un sistema di welfare molto evoluto grazie al sistema della Bilateralità artigiana che offre tutele avanzate in tema di sanità integrativa e sostegni alle famiglie. Si tratta di un sistema legato ai Contratti Collettivi firmati dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. Ecco perché la Cna si sta spendendo affinché venga tutelata la contrattazione: solo così si può aumentare la qualità del lavoro e di vita per i lavoratori e le piccole e medie imprese artigiane».

«Come Cna – ha concluso Cugliari – riteniamo sia importante avere soluzioni strutturali piuttosto che temporanee fiscalizzazioni dei contributi o sconti fiscali su incrementi contrattuali. Va affrontato il tema della produttività e dell’equità distributiva e va costruito un sistema di scoraggiamento del dumping contrattuale, i famosi contratti pirata, per favorire un sistema sano e produttivo». (rcz)

Cugliari (Cna Calabria): Etichettatura IG strumento per valorizzare botteghe e territori

Per Giovanni Cugliari, presidente di Cna Calabria, ha sottolineato come l’etichettatura IG artigianato sia «un importante strumento di tutela ma anche di crescita e valorizzazione per le piccole e medie imprese artigiane calabresi che spesso con i loro manufatti esprimono e raccontano la cultura dei territori, sfidando una globalizzazione prevaricante e invasiva».

È stato approvato, infatti, il regolamento europeo inerente l’etichettatura IG, quindi l’indicazione dell’area geografica di provenienza anche per i prodotti artigianali e industriali.

«È l’esito di una battaglia – ha spiegato – su cui la Cna si è spesa molto perché individuare e “segnalare” le eccellenze locali con un marchio significa proteggerle, dare spazio alla rete di piccole e medie imprese artigiane e con loro accendere i riflettori sulla storia e le tradizioni dei territori. Le fasi qualificanti di produzione, infatti, avvengono nell’area a cui il prodotto è collegato, in un rapporto simbiotico che sfocia in patrimonio culturale da tutelare».

«I distretti artigianali e le botteghe rappresentano una grande ricchezza per la Calabria – ha proseguito – in quanto vettori di attrazione turistica e sostegno all’economia. Penso alla Ceramiche di Seminara, concepite e lavorate nel cuore della Magna Graecia, alle botteghe artigiane che sono una vera e propria fucina di tradizione, tecnica e cultura. Legata alla Magna Graecia è anche l’arte orafa crotonese, specchio dell’eredità culturale greca, e testimonial del made in Italy nel mondo».

«Fino alla tradizione del legno, dai liutai di Bisignano – ha proseguito – che da sei generazioni tramandano di padre in figlio l’arte e le tecniche di costruzione di questi strumenti a corda, al territorio vibonese dalle cui botteghe nascono manufatti di ogni genere, tra cui le pipe, vere e proprie opere d’arte intagliate nella radica di erica arborea, un legno tra i più pregiati al mondo. Importante e nota anche la tradizione degli ebanisti dell’Angitola, nonché quella dei maestri cestai di San Giorgio Morgeto, artigiani dediti alla lavorazione delle ceste intrecciate con doghe di castagno filato a caldo e quella della tessitura di Soveria Mannelli dove si trova l’azienda tessile più antica della Calabria».

«Tradizioni che “raccontano” il territorio e le cui botteghe possono essere i riferimenti di percorso turistico-culturali diventando anche volano economico. Ben felici che l’etichettatura IG si presti ad avviare un percorso del genere – ha concluso – come Cna crediamo sia importante mantenere costi contenuti e procedure di richiesta semplici per artigiani e piccole imprese per fare in modo che si tratti di uno strumento realmente accessibile».

Odontotecnici, Cna Calabria nomina Marco Tassone come portavoce nazionale

Continua in Cna Calabria la nomina dei portavoce di settore individuando figure di riconosciuta esperienza e prestigio che possano seguire al meglio le dinamiche dei singoli rami della Confederazione, le loro urgenze e prospettive, partendo dall’esperienza diretta maturata.

Tra le nuove nomine quella di Marco Tassone che assume l’incarico di portavoce regionale della
Cna Sno Calabria, il settore della Confederazione che rappresenta gli odontotecnici. Titolare del laboratorio odontotecnico F.lli Tassone a Soverato, il neo rappresentante ha oltre trenta anni di attività sulle spalle e in Cna si è prodigato per la formazione e l’aggiornamento dei professionisti del settore, promuovendo anche conferenze di tipo scientifico e culturale.

«Onorato di avere assunto questo incarico – afferma Tassone – sono consapevole che si tratta di un impegno importante. C’è molto da fare per dare dignità a questa professione e per proseguire nel percorso già avviato della digitalizzazione e della formazione continua. Gli odontotecnici attendono da tempo che il loro profilo professionale venga riconosciuto in un Paese in cui il loro inquadramento normativo è legato a un decreto regio del 1928. Superarlo permetterebbe di istituire la professione sanitaria degli odontotecnici».

«Siamo convinti – ha commentato il presidente Cna Calabria Giovanni Cugliari – che Tassone saprà guidare bene il settore e rappresentarlo al meglio. La sua trentennale esperienza e il suo impegno per l’analisi e l’approfondimento saranno preziosi all’interno del lavoro della Confederazione. La valorizzazione e ristrutturazione del ramo degli odontotecnici è un ambito sul quale la Cna punta molto. Il recente studio di Unidi (Unione Nazionale Industrie dentarie italiane) ha messo in luce come il settore produttivo italiano sia in forte crescita conquistando un +30 per cento rispetto al 2021 e un valore di 1,3 milioni di euro. Dare dignità ai professionisti e alle piccole e medie imprese del settore, specie in Calabria, implementarne le conoscenze e la formazione – conclude – è per noi fondamentale». (rcz)

Cugliari (Cna): Bene inserimento nel Pnrr del progetto di autoproduzione energetica

Il presidente di Cna Calabria, Giovanni Cugliari, ha evidenziato come l’ingresso nel Pnrr del progetto della Confederazione nazionale Artigianato volto a favorire l’autoproduzione di energia con pannelli fotovoltaici sui tetti dei capannoni sia «una grande vittoria».

«D’ora in poi per ogni impiantista sui tetti sapremo che è anche merito nostro, avendo portato avanti una battaglia che oltre ad a favorire la svolta green del Paese, mette in moto l’occupazione», ha detto Cugliari, sottolineando come «l’introduzione di questo strumento avrà un impatto positivo sulla crescita del tessuto imprenditoriale in Calabria, una riduzione dei costi energetici e porterà un nuovo impulso alle imprese del settore edilizio e impiantistico che potrebbe contribuire ad un aumento dell’occupazione, con nuove opportunità di lavoro per artigiani e professionisti del settore, favorendo la libertà energetica rispetto ai modelli tradizionali. Sono sviluppi molto promettenti per la Calabria!».

I sostegni, sotto forma di credito d’imposta, permetteranno a oltre 200.000 micro e piccole Imprese italiane di installare gli impianti fotovoltaici, produrre energia da fonti rinnovabili, abbattere fino al 60% i costi dell’energia, contribuire alla transizione energetica del Paese. L’utilizzo dei tetti dei capannoni contribuirà in modo significativo anche alla riduzione del consumo di suolo nella produzione di energia.

«È importante – ha concluso Cugliari – riconoscere gli sforzi e l’impegno di Cna nel promuovere l’autoproduzione energetica e lavorare per un futuro più sostenibile e prospero per la Calabria». (rcz)

Cna Calabria nomina il portavoce regionale degli impiantisti: è Giorgio Capri

La Cna Calabria ha nominato quale portavoce regionale della categoria degli Impiantisti Giorgio Capri, amministratore della Capri Srl. Continua così il percorso della Confederazione dell’artigianato e della piccola e media impresa volto ad ampliare la propria rappresentanza e ad essere sempre più aderente alle professionalità e ai mestieri selezionando figure capaci e specializzate che possano diventare antenne sul territorio e intercettare le esigenze imprenditoriali specifiche dei singoli rami della produzione.

Capri, membro del direttivo Cna sul territorio di Vibo Valentia ed associato storico, lavora nel campo dell’impiantistica e delle energie rinnovabili dal 1963, anno in cui la Capri Srl si trasferì da Roma in Calabria.

«ll prestigioso riconoscimento conferitogli come portavoce regionale – ha affermato il presidente Cna Calabria Giovanni Cugliari – conferma l’impegno dell’imprenditore Capri nel promuovere il proprio settore nel corso degli anni, avvalendosi della ricca esperienza sul campo, e di feedback positivi espressi dai propri colleghi in relazione al lavoro precedentemente svolto come presidente provinciale della categoria installazione impianti di Vibo Valentia. Siamo certi che con i suoi 60 anni di lavoro sulle spalle, le sue competenze e il suo dinamismo sarà capace di essere un importante punto di riferimento».

Il settore impiantistico e termoidraulico è in questo momento storico in forte espansione e questo si trasforma in potenzialità in termini di occupazione data la richiesta di mercato e la difficoltà nel reperire risorse che sappiano operare nel campo con tecnica e professionalità.

«Il ramo è strategico – spiega Cugliari – basti pensare a come i pannelli fotovoltaici contribuiscono a ridurre le spese in questo momento di rincaro energetico. Ecco perché come Cna abbiamo chiesto al governo di incentivare l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili e incentivi per l’installazione dei pannelli fotovoltaici sui capannoni delle imprese. Come confederazione crediamo altresì che vadano promosse iniziative formative sulla sicurezza volte a stimolare e radicare una vera e propria cultura della sicurezza per imprenditori e lavoratori».