Sicurezza sul lavoro, intesa tra Inail e Opra

Realizzare iniziative volte alla divulgazione della cultura della sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro sull’intero territorio regionale. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato tra InailOpra – Organismo Paritetico Regionale dell’Artigianato.
Presenti per l’Istituto il direttore regionale Fabio Lo Faro, Anna Rita Lofrano, responsabile dell’ufficio “Attività Istituzionali” e Carla Rodinò, responsabile del processo “Prevenzione e Sicurezza”; per Opra Calabria il Presidente Michele Gigliotti, affiancato da Andrea Monteleone, direttore dell’Ente Bilaterale dell’Artigianato di cui Opra è organismo interno, deputato alla Sicurezza sui luoghi di lavoro.
«Siamo lieti – ha dichiarato il Presidente Gigliotti – di riscontrare ancora una volta la sensibilità e l’immediata disponibilità dell’Istituto a realizzare iniziative di informazione e formazione che riguardano la prevenzione di infortuni e malattie professionali. Abbiamo già avuto diverse esperienze progettuali con l’Istituto e questo nuovo protocollo rafforza una collaborazione dalla quale già sono emersi risultati importanti».
«I lavoratori dell’artigianato – ha aggiunto – sono esposti spesso a rischi con cadenza quotidiana e altrettanto spesso senza neanche una presa di coscienza vera e propria. Iniziative simili hanno l’obiettivo di porre l’attenzione su un tema molto delicato di cui si parla troppo poco e si conosce ancora meno. Molti credono che la sicurezza sia un mero adempimento burocratico: formazione, uso dei d.p.i., visite mediche, documento valutazione rischi. Quello che Inail e Opra faranno sul territorio è far capire a imprese e lavoratori che investire in sicurezza vuol dire salvaguardare la propria vita e salvaguardare la propria salute».
«Occorre ripartire anche dalle scuole – ha aggiunto il direttore Fabio Lo Faro – perché è lì che si formano i futuri lavoratori di domani e la cultura della prevenzione deve nascere nell’età scolastica di ognuno. Occorre replicare iniziative simili, non solo nel comparto artigiano ma in tutti i settori produttivi, infatti gli incidenti purtroppo non hanno una selezione dei lavoratori ma avvengono trasversalmente in ogni attività».
«Dal mio insediamento – ha proseguito Lo Faro – Opra Calabria e le parti sociali dell’artigianato si sono immediatamente attivate per una collaborazione proficua ed efficace, sulla scorta di un’esperienza già sperimentata da entrambe le parti, con ampia soddisfazione per gli obiettivi raggiunti».
«L’impegno dell’Istituto è noto a tutti, ma i risultati per noi non sono mai abbastanza se è vero che si continuano a registrare ogni giorno infortuni sul lavoro. La collaborazione con Opra Calabria, però, ci permette – ha concluso – di guardare con ragionevole ottimismo al futuro, soprattutto a quello delle prossime generazioni». (rcz)

Successo per il convegno sul “Covid Care” dell’Inail

Ha riscosso grande attenzione e interesse, il convegno organizzato a Lamezia Terme dalla Direzione Regionale e dalla Sovrintendenza Sanitaria Regionale Inail e gestito dallo stesso Provider dell’Istituto, dal titolo Covid Care – la presa in carico nella pandemia tra assistenza, previdenza e assicurazione sociale – Aspetti Medico-Legali.

Il convegno ha registrato la presenza e gli interventi del Direttore Centrale Comunicazione Inail, dott. G. Paura, del Direttore Centrale Protesi, dott. G. Soluri, del Sovrintendente Sanitario Centrale, dott. P. Rossi, del Direttore Regionale Inail Calabria dott. F. Lo Faro, oltre ai vertici sanitari di Inps, Rfi, Medicina del Lavoro Università di Messina, Asp Rc e Cz, e altri prestigiosi relatori Inail.

L’evento formativo è stato preceduto dalla visita istituzionale degli stessi Dirigenti Centrali alla Sede Inail di Reggio Calabria, diretta dal dott. L. Pantusa, e, nella stessa occasione, ha avuto luogo un breve consesso istituzionale al Museo Nazionale della Magna Grecia in coincidenza col 50° anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace.

In rappresentanza delle istituzioni hanno partecipato: la dott.ssa G. Princi, vice Presidente della Giunta Regionale, i rettori delle università “Mediterranea” e “Dante Alighieri” prof. G. Zimbalatti e prof. A. Zumbo, il Presidente dell’Ordine dei Medici dott. P. Veneziano.

Il Direttore Regionale dottor Lo Faro e la Sovrintendente Sanitaria Regionale dott.ssa Sonia Lucia Romeo si sono detti lusingati per l’attenzione rivolta dalla Direzione Generale Inail alla Calabria e per il prestigio delle presenze istituzionali.

Per i dirigenti Lo Faro e Romeo questi eventi rappresentano il prodromo concreto di future sinergie istituzionali nell’ambito di prevenzione di salute e sicurezza sui posti di lavoro, nonché di formazione ed informazione in alveo sanitario (E.C.M.), universitario ed aziendale. (rcz)

Terzo mandato da Direttore generale dell’Inail per il melitese Giuseppe Lucibello

Il terzo rinnovo del mandato di Direttore generale dell’Inail per Giuseppe Lucibello, manager melitese della Pubblica Amministrazione, è il giusto riconoscimento a un impegno che tradisce e rivela capacità, competenza e grandi doti di management. Lucibello, 61 anni, è da 15 anni alla guida dell’ente pubblico che si occupa della sicurezza e della salute nei posti di lavoro, con la massima attenzione rivolta alla prevenzione. La mortalità sui posti di lavoro ha purtroppo ancora numeri importanti, ma la mission di incentivare e controllare in modo serrato i requisiti di sicurezza negli ambienti di lavoro da parte dell’Inail sta portando i suoi frutti.

Nato a Melito Porto Salvo nel 1959, dopo essere stato ispettore generale capo dell’Ispettorato generale per gli ordinamenti del personale e l’analisi dei costi del lavoro pubblico, presso il dipartimento della Ragioneria generale dello Stato del Ministero dell’Economia e delle Finanze, Lucibello è approdato all’Inail come direttore generale nel gennaio 2010 ed è stato rinnovato nello stesso incarico nel febbraio 2015.

Lucibello quando arrivò da direttore generale all’Inail aveva trovato parecchie situazioni di criticità. Tutte risolte in breve tempo, tanto da rendere più solide le condizioni economiche dell’istituto, che oggi può vantarsi di essere l’ente più ricco nel panorama istituzionale. «Quando sono stato nominato la prima volta – ha dichiarato Lucibello a Pino Toscano della Gazzetta del Sud – l’Inail versava in condizioni non certo esaltanti. A distanza di diversi anni la situazione è stata capovolta. oggi l’Istituto vanta una solidità economica notevole e ha allargato il proprio campo di interesse. Abbiamo investito in ricerca e innovazione, creando un polo per la salute e la sicurezza che è ai vertici nazionali».

Il decreto di nomina è stato firmato dal ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, su proposta del presidente dell’Inail Franco Bettoni che ha avuto parole di stima ed elogio nei confronti del dottor Lucibello. «La conferma di Giuseppe Lucibello alla direzione generale – ha detto Bettoni – consoliderà il processo di evoluzione dell’Inail in polo della salute e della sicurezza, a garanzia della tutela globale e integrata dei lavoratori. Con la competenza e le elevate capacità manageriali di Lucibello, l’Istituto potrà affrontare con incisività anche questa nuova fase, caratterizzata dalle sfide che derivano per il mondo del lavoro dall’innovazione tecnologica e dai cambiamenti demografici». (rrm)