PAPASIDERO (CS) – Il 28 settembre il concerto del Sabatum Opera Symphony

Il 28 settembre, a Papasidero, alle 21.30, è in programma il concerto del Sabatum Opera Symphony, insieme all’Associazione Musicale Arteneò.

Il progetto è stato sperimentato nel 2018 coinvolgendo oltre 120 musicisti tra orchestrali e coristi tra cui anche il Piccolo coro del teatro Rendano e si è rafforzata nel corso del 2019/2020 grazie al contributo della Regione Calabria. Un’operazione mai realizzata in Italia che si basa su una contaminazione fra la musica colta e quella tradizionale etnica, e contestualmente promuove l’unicum storico-culturale e ambientale della Calabria.

Progetto finanziato dalla Regione Calabria con risorse Pac Piano di Azione e Coesione 2014-2020 – Azione 6.8.3 annualità 2021.

Ancora una volta – attraverso le note, le musiche ed i suoni dell’orchestra creata per il progetto, «cercheremo di valorizzare il ricco patrimonio della tradizione musicale popolare regionale», fanno sapere I protagonisti.

Dopo le partecipatissime tappe di Corigliano-Rossano, Spilinga, San Giovanni in Fiore e San Lorenzo Bellizzi la Sabatum Opera Symphony continua ad incrementare il progetto orchestrale che aspira a dare stabilità alle esperienze più interessanti e qualificate nel campo della musica popolare calabrese, coinvolgendo musicisti provenienti da tutta la regione in un lavoro di rielaborazione del suono tradizionale in chiave sinfonica.

La riproposizione in chiave sinfonica della musica popolare e di tradizione, dei racconti e delle ballate ha raccolto un successo enorme nel corso degli spettacoli precedenti. Gli arrangiamenti, l’orchestrazione stessa, le produzioni e la direzione sono a cura dei maestri Triestino Marrelli, Vito Clericò, Francesco Di Rende, Antonio Di Vasto e Giuseppe Madeo. (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Sabatum Opera Symphony 2.0, un’esperienza sinfonica unica per celebrare la cultura calabrese

Il Comune di Papasidero presenta l'”Opera Symphony 2.0″, un evento culturale straordinario in collaborazione con il rinomato Sabatum Quartet e un’orchestra di fiati composta da circa 30 talentuosi musicisti. Questa iniziativa rappresenta un importante traguardo nell’agenda culturale dell’amministrazione comunale, testimoniando l’impegno costante nella promozione delle arti e della cultura nella regione.

L'”Opera Symphony 2.0″ è molto più di un semplice spettacolo musicale; è un’esperienza unica che celebra la tradizione e l’innovazione. Questo evento offre al pubblico l’opportunità di immergersi nella ricchezza della tradizione musicale popolare calabrese, reinterpretata in modo straordinario in una veste sinfonica.
Questo evento è una celebrazione della cultura calabrese, ma è anche un richiamo per un pubblico nazionale ed internazionale, contribuendo così allo sviluppo culturale ed economico della regione.

Ma non è solo musica. È un viaggio culturale attraverso le bellezze naturali e culturali della zona. Papasidero, situato nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, offre uno scenario perfetto per questo percorso. Ogni tappa di questo itinerario comprende attività di scoperta, visite guidate e concerti pomeridiani, garantendo un’esperienza indimenticabile per tutti i partecipanti.

L’evento è programmato per il 22 settembre alle 21:30, nel suggestivo piazzale Sabanna. Sarà un’opportunità unica per celebrare la ricca cultura calabrese in un contesto sinfonico che si distingue per la sua originalità e innovazione. (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Digital marketing, tutto pronto per l’evento “Nu Scialo”

Da un’idea di Biagio Cavaliere, imprenditore e host travel; di Silverio Campagna, filmmaker ed Espedito Iannini, graphic designer; si dà inizio a “Nu Scialo”, primo evento di digital marketing in Calabria. Si svolgerà dal 15 al 17 settembre nel territorio della Riviera dei Cedri e del Parco Nazionale del Pollino, esattamente nel suggestivo borgo di Papasidero (Cs), nel cuore della valle del fiume Lao.

Questo evento, unico nel suo genere, promosso dall’amministrazione comunale di Papasidero, rappresenta un’opportunità straordinaria per i professionisti del marketing, per gli imprenditori e per gli appassionati del settore digitale.

Tra gli argomenti che saranno affrontati durante questi tre giorni di formazione e networking, si includono: Come nasce un content creator; Seo (Search Engine Optimization); Social media marketing; Content marketing; Email marketing, e-commerce; Storytelling; Hashtag e geotagging; Uso di video e storie; Gestione del contenuto; Strategie di crescita follower e Analisi delle prestazioni.

I partecipanti avranno l’opportunità di esplorare le suggestive vie del borgo di Papasidero e godere di una vista panoramica mozzafiato delle montagne, dei fiumi e dei sentieri circostanti, tutto immerso all’interno del Parco Nazionale del Pollino. Le iscrizioni sono aperte, per ulteriori informazioni e per procedere con l’iscrizione, visitate il sito web www.nuscialo.it, oppure visitate le pagine social Nu Scialo. (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Seconda edizione di “Calabresi Brava Gente”, ecco i premiati

Ieri, nella suggestiva cornice del borgo immerso nel cuore del Parco del Pollino, si è tenuta con grande entusiasmo l’11ª edizione dell’evento “Calabresi Brava Gente”. L’iniziativa ha brillato come un faro sulla grandezza e la dedizione dei calabresi, celebrando le loro eccellenze. La Piazza gremita di Papasidero ha ospitato una serata incantevole, in cui il talento e la passione dei calabresi sono stati onorati con il prestigioso Premio “Bos Primigenius”.

L’evento, organizzato con impegno dal Comune di Papasidero e cofinanziato dalla Regione Calabria nell’ambito del progetto “Calabria Straordinaria”, ha catturato l’attenzione di tutti coloro che credono nell’importanza di valorizzare e promuovere il patrimonio unico della Calabria. La serata è stata un tributo alle radici e all’identità calabrese, dimostrando come il territorio sia ricco di potenzialità e talento.
L’essenza del premio è riassunta dal motto «Scoprire è portare alla ribalta i calabresi che operano con passione, creatività e successo nei luoghi che vivono». Questo concetto sottolinea quanto sia fondamentale rivelare storie di successo e mettere in luce coloro che contribuiscono all’elevazione della Calabria, sia a livello nazionale che internazionale.

Il simbolo tangibile di questo riconoscimento è un’opera d’arte unica: un’incisione su pietra raffigurante il “Bos Primigenius”, l’iconico graffito del toro che si trova nella Grotta del Romito, simbolo intramontabile di Papasidero, realizzata dall’artista di arte contemporanea Vincenzo Marsiglia, originario del borgo. Questa opera d’arte non solo celebra la connessione profonda con la storia e la cultura locali, ma trascende i confini regionali, diventando un emblema di orgoglio e appartenenza per tutta la Calabria.

La serata di premiazione, condotta con maestria dalla giornalista Fabrizia Arcuri, ha sapientemente evidenziato tre individui che incarnano l’eccellenza in diversi settori. Questi tre storie uniche, diverse ma intrecciate da concetti e valori condivisi: determinazione, passione e un profondo attaccamento alle radici. L’atmosfera era densa di emozione, sia da parte di coloro che sono rimasti e hanno investito nella propria terra, sia da parte di chi ha intrapreso il proprio viaggio oltre confine ma portando, sempre, con sé quel ‘valore aggiunto’ che caratterizza la gente del sud, della Calabria. Il racconto dei premiati riflette una Calabria vibrante, ricca di risorse e intrisa di speranza per il futuro, un luogo in cui patrimoni materiali e immateriali si intrecciano in modo armonioso, creando ampie opportunità di crescita e sviluppo. Sono esempi fatti di sacrifici e dedizione che si trasformano in un potente messaggio rivolto alle nuove generazioni: un invito ad abbracciare le radici, coltivare passioni e inseguire con determinazione i propri sogni, credendo fermamente in questa straordinaria terra.

L’artista Fulvio Longo, docente di Decorazione Ceramica presso il Liceo Artistico di Cetraro, ha ricevuto il premio dalla mano dell’apprezzato restauratore Marsiglia Aurelio. La sua abilità artistica abbraccia con maestria le arti visive e la scultura, catturando l’attenzione con una tecnica affascinante. Le sue opere parlano un linguaggio unico in cui la pittura si fonde armoniosamente con la tridimensionalità, creando un’esperienza visiva animata da accenti cromatici raffinati e suggestivi giochi di luci e ombre. Le creazioni di Longo godono di fama mondiale e tra i suoi trionfi si distingue il primo premio nazionale per il 50° anniversario della morte di Boccioni nel 1983, oltre a una formazione in architettura e urbanistica conseguita a New York.

Antonio (Tony) Crescente, imprenditore originario di Papasidero, è stato insignito del premio dall’imprenditore Antonio De Caprio. Dopo aver iniziato nel Regno Unito e aver successivamente operato nelle Isole Bermuda, ha giocato un ruolo chiave nello sviluppo turistico delle Isole Cayman. Grazie alla sua visione imprenditoriale, ha fondato diversi rinomati locali di ristorazione, creando grandi opportunità di lavoro. Il suo impegno è stato riconosciuto con l’assegnazione del passaporto onorario da parte del rappresentante della Regina d’Inghilterra, in virtù dei suoi meriti nel settore turistico. Oltre alle attività imprenditoriali, Tony Crescente è coinvolto, inoltre, nello sviluppo e nella vendita di immobili residenziali e dimostra un forte impegno nel campo sociale.

Il sindaco Fiorenzo Conte ha conferito il prestigioso riconoscimento al Cavaliere del Lavoro Filippo Callipo, noto come “Pippo”. Egli rappresenta la quarta generazione dell’illustre famiglia Callipo, attiva nel settore della produzione di tonno di alta qualità. Dopo aver iniziato la sua carriera collaborando con il padre nel 1972, ha preso le redini dell’azienda nel 1981, mantenendo l’approccio «qualità innanzitutto». Oltre all’eccellenza imprenditoriale, Callipo ha guidato l’azienda verso una notevole espansione, creando un gruppo di sette aziende che impiegano circa 500 persone. Ha anche dato vita alla Callipo Gelateria e al Popilia Country Resort, oltre a sostenere attivamente il mondo dello sport, dalla pallavolo alla massima serie A1. La sua influenza si estende oltre l’imprenditoria, coinvolgendo la sfera sociale e politica. Callipo ha ricoperto ruoli di rilievo in istituzioni come Confindustria e ha fondato l’associazione “Io resto in Calabria”, promuovendo valori di legalità, solidarietà e cooperazione. Ha ricevuto riconoscimenti come il titolo di Cavaliere del Lavoro e una Laurea Honoris Causa in Economia Aziendale & Management dall’Università della Calabria nel 2022. La serata di premiazione ha sottolineato il suo impegno nel settore imprenditoriale, sociale e politico.

L’evento è stato impreziosito dagli inframmezzi musicali dei maestri Carmine Sangineto e Mattia Salemme, docenti di musica dell’Accademia dell’Ancia, simbolo di eccellenza e talento del territorio.

La serata si è conclusa con una dolce nota, offrendo a tutti l’opportunità di gustare il prelibato “Bos Primigenius” della ‘Pasticceria Cicciù’ di Praia a Mare. Questo squisito dolce, ispirato al simbolo di Papasidero e ai sapori distintivi del territorio, ha deliziato i palati con il gusto unico del cedro, l’agrume caratteristico della Riviera dei Cedri. Inoltre, è stata l’occasione per assaporare alcuni dei prodotti offerti dal “Consorzio del Cedro” di Santa Maria del Cedro.

La premiazione del “Bos Primigenius” si erge come un tangibile riconoscimento all’impegno e ai successi delle eccellenze calabresi, questo non soltanto celebra il passato e il presente, ma getta le solide basi per un futuro radioso per la Calabria. Una terra da scoprire, abbracciare e, soprattutto, su cui investire con passione e fiducia. (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Digital blogger e content creator si incontrano a “Nu scialo”

Incontro eccezionale a Papasidero: digital blogger e content creator di riuniscono nel borgo per l’evento dedicato alle professioni digitali

Papasidero, nel Parco Nazionale del Pollino, si prepara ad ospitare un evento senza precedenti, si chiama “Nu Scialo”, organizzato da tre professionisti del settore della comunicazione e del turismo. Espedito Iannini, graphic designer freelance; Silverio Campagna, filmmaker e fotografo e Biagio Cavaliere, operatore turistico, uniscono le loro competenze per creare un’esperienza unica nell’Alto Tirreno Cosentino.

Nel cuore di Papasidero, luogo intriso di storia e tradizioni secolari, si celava un’anima curiosa e aperta alle nuove forme di comunicazione.

«Quando il nostro progetto ha preso forma, Papasidero è stato il primo Comune ad abbracciare l’idea con entusiasmo e fiducia. Ha compreso immediatamente il potenziale che questa nuova forma di comunicazione avrebbe potuto offrire alla sua comunità e ha deciso di sposare attivamente la causa. La sua intuizione e la sua volontà di aiutarci sono state fondamentali per lo sviluppo del progetto, che punta a diventare un appuntamento annuale per la nostra zona e per l’intera regione».

«Papasidero vuole dare il benvenuto alle nuove tecnologie, aprendo le porte a una maggiore connettività e interazione tra le persone. Ha compreso che la comunicazione è un ponte che unisce le menti e i cuori, e ha lavorato instancabilmente per accogliere questa nuova era di possibilità. Grazie alla sua dedizione e alla sua visione aperta, Papasidero ha contribuito in modo significativo alla realizzazione di questo progetto. La sua generosità nell’offrire supporto e assistenza ha permesso a tutti noi di poter realizzare questo evento, in cantiere da diverso tempo, e di costruire una comunità più forte e connessa».

Durante l’evento, digital blogger, nomadi digitali, travel blogger, content creator e aspiranti tali, ma non solo, imprenditori e aziende, si riuniranno per condividere esperienze e apprendere le strategie di successo nel mondo digitale e della comunicazione.

Grazie alla loro esperienza, gli influencer racconteranno come diventare blogger e content creator di successo, partendo dalle basi, impareranno a vendere il proprio prodotto e promuovere la propria attività, raggiungendo i vertici dei social media, lavorando in sede o mentre si viaggia per il mondo e si genera guadagno.

I workshop organizzati durante “Nu Scialo” saranno una vetrina per il territorio locale. Attraverso l’utilizzo di strumenti digitali come smartphone e macchine fotografiche professionali, i partecipanti impareranno le tecniche di ripresa di foto e video.

Inoltre, gli esperti forniranno insegnamenti sulla gestione e comunicazione sui social media, lo storytelling coinvolgente e la post-produzione di contenuti audiovisivi. Gli eventi all’aria aperta, grazie agli impareggiabili scorci che Papasidero offre, tra storia, natura e cultura, ci sarà l’opportunità di mettere in pratica le conoscenze acquisite, permettendo ai partecipanti di esplorare le bellezze storiche e naturalistiche di Papasidero.

L’interessante iniziativa, mira anche a fare conoscere le caratteristiche del posto, del tutto idonee alle esigenze dei nomadi digitali, smart workers o coloro che amano stare a contatto con la natura prima, durante o dopo il lavoro.

“Nu Scialo” rappresenta un’opportunità straordinaria per coloro che desiderano intraprendere una carriera nel mondo dei viaggi digitali e della creazione di contenuti coinvolgenti, della comunicazione.

Grazie agli organizzatori, Silverio Campagna, Espedito Iannini e Biagio Cavaliere, insieme a un gruppo di esperti, gli aspiranti influencer avranno accesso a una piattaforma di apprendimento e crescita per apprendere le strategie di comunicazione e promozione e trasformare la passione in una professione di successo. (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Cresce l’attesa per seconda edizione dell’Outdoor sports day

Cresce a Papasidero, in provincia di Cosenza, l’attesa per l’evento Outdoor sports day, giornata unica nel suo genere che si svolgerà sabato 22 luglio nell’incantevole cornice naturalistica della valle del fiume Lao, nel Parco Nazionale del Pollino. Proprio come l’edizione del 2022, l’evento è organizzato dall’associazione di promozione turistica Visit Papasidero e dall’amministrazione comunale di Papasidero.

Lo scopo della giornata è quello di dare la possibilità ai turisti-amatori di conoscere e provare le attività sportive che si possono svolgere nella meravigliosa valle del fiume Lao quali: rafting, paintball, quad, trekking in acqua, parco avventura, canyoning, cicloturismo, orienteering, trekking culturale tra gli affreschi dei Monaci Basiliani e le vie della storia.

Quest’anno, acquistando il ticket del costo di 35,00 euro, sarà possibile svolgere 2 sport a scelta tra quelli proposti e gli organizzatori doteranno anche di alcuni gadget utili per la giornata.

È necessario prenotare il ticket sul sito di EventBrite o chiamare all’infoline +39 351.9364975, anche tramite messaggio WhatsApp.

Si parte dalle ore 9:00 nello splendido borgo di Papasidero dove ci sarà il via all’evento con sorprese, spettacoli e dove poi gli organizzatori accoglieranno i primi partecipanti alle attività presso i gazebo dove si ritirano i ticket.

La giornata sarà ricca di eventi e spettacoli di intrattenimento per grandi e piccini. Intorno alle ore 18:30 si terrà poi un tavolo di confronto aperto al pubblico dal titolo: “Il turismo sportivo come opportunità di crescita delle piccole comunità – futuro & sostenibilità” che vedrà la partecipazione di un prestigioso parterre di ospiti e relatori.

La giornata si concluderà con una serata musicale e degustazione di prodotti tipici. (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Grande successo per un Parco di libri

Si è conclusa con successo la tre giorni organizzata dall’associazione Arca e cofinanziato della Regione Calabria (fondi Pac). L’evento dal titolo: “Un Parco di libri: turismo, cultura e natura a Papasidero”, ha inteso interpretare quel bisogno diffuso di ritrovare un equilibrio nel rapporto tra uomo e natura del post pandemia.

Alla sua prima edizione, la manifestazione patrocinata dal comune di Papasidero, attraverso incontri, mostre, laboratori didattici di lettura animata ed esperienze di trekking per sentieri di grande fascino e ricchi di attrattori culturali, ha messo in contatto amanti della lettura e della sostenibilità ambientale di ogni età.

Diversi i gruppi di studenti, provenienti anche da fuori regione, che in questi giorni hanno visitato il Parco archeologico della grotta del Romito e partecipato con entusiasmo ai laboratori di archeologia sperimentale appositamente organizzati.

Grande interesse anche per le attività di animazione didattica nella frazione abbandonata di Avena, borgo aggrappato ad una roccia, in una posizione panoramica che domina la valle del fiume Lao ed il massiccio del Pollino. In questo luogo suggestivo, Angelo Napolitano e Michele Capalbo, ideatori e organizzatori dell’evento, hanno pensato e realizzato, avvalendosi di uno staff di esperti, un percorso didattico estremamente originale e molto interessante.

Nel tragitto messo in sicurezza per l’occasione dal comune di Papasidero, tante le installazioni fotografiche sulle risorse naturalistiche del Parco nazionale del Pollino, che sono state ammirate da quanti hanno partecipato alla caccia al tesoro digitale e ad altri momenti legati al metaverso come la realtà aumentata mediante visori che, una volta indossati, sono stati capaci di isolare dal mondo i partecipanti e teletrasportarli in situazioni come una discesa di rafting nelle gole del fiume Lao o nella grotta del Romito. Insomma un’esperienza molto immersiva che ha catturato l’interesse di giovani e adulti e che ha permesso di fare riscoprire questi territori e la gente che nei secoli li ha abitati.

Attività, fanno sapere gli organizzatori, che conclusa questa prima fase di sperimentazione porterà alla nascita di un nuovo attrattore turistico nel Parco.
Molto soddisfatto il sindaco di Papasidero, Fiorenzo Conte che ha seguito da vicino ogni fase del progetto.

PAPASIDERO (CS) – Successo per “Papasidero da valorizzare”

Si è conclusa, con successo, a Papasidero, la terza edizione di Papasidero da valorizzare: percorsi di storia, preistoria, natura, voluta fortemente dall’Amministrazione comunale e dal sindaco Fiorenzo Conte, cofinanziata dalla Regione Calabria con fondi dedicati ai Comuni con una popolazione residente entro i 7.000 abitanti.

L’iniziativa, dunque, ha visto la realizzazione di un programma di attività finalizzate alla promozione di una rete di attrattori turistico-culturali presenti sul territorio del comune di Papasidero quali: il “Santuario della Madonna di Costantinopoli”, il Parco archeologico della “Grotta del Romito”, il “borgo Fantasma di Avena”, il “sentiero dei monaci” e il centro storico del borgo.

L’evento si è svolto venerdì 16 e sabato 17 settembre con un programma di visite guidate, orienteering e laboratori didattici nel Borgo e nel parco archeologico della grotta del Romito, degustazioni e un convegno finale, in collaborazione con la Polisportiva Valle Argentino, gli operatori di Visit Papasidero e DidasCalabria.

Nel borgo, in piazza Umberto, sono stati installati stand per la promozione e le degustazioni, si sono tenuti spettacoli d’intrattenimento con gli artisti di strada. Diversi gruppi di turisti della terza età e sociali hanno visitato il borgo di Papasidero, partecipando anche all’iniziativa di orienteering urbano organizzata dalla Polisportiva Valle Argentino ed alle degustazioni preparate con il supporto dell’Istituto alberghiero di Praia a Mare e dell’Azienda agricola Millaromi. Nel parco Archeologico della grotta del Romito, gli studenti delle scuole primarie e secondarie di Papasidero e Laino Borgo, accolti dagli artisti di strada, hanno partecipato ai laboratori didattici finalizzati alla promozione dell’outdoor, alla educazione ambientale ed hanno assistito all’inaugurazione del bassorilievo dedicato a Battista Cersosimo, primo custode del sito.

Sabato pomeriggio, grande interesse ha suscitato la presentazione ufficiale del “dolce del Bos Primigenius di Papasidero” con protagonisti prodotti gastronomici locali e il cedro. Una ricetta unica che il pasticciere Antonino Cicciù ha voluto donare alla comunità di Papasidero.

L’evento si è concluso con il convegno dal titolo “Uomo, Gastronomia e Natura”, moderato dalla giornalista Fabrizia Arcuri. I lavori si sono aperti con l’intervento del sindaco Fiorenzo Conte, visibilmente soddisfatto per la riuscita dell’intera manifestazione, a cui hanno fatto seguito gli interventi di: Luigi Gallo dell’ARSAC che ha trattato di biodiversità, qualità dei prodotti orticoli del Pollino e dei possibili risvolti occupazionali per i giovani del territorio; Luigi Bloise dell’Ente Parco Nazionale del Pollino che ha parlato dei siti archeologici e dei Geositi del Parco, riconosciuti anche patrimonio dell’Unesco; Angelo Napolitano di Visit Pollino, che ha affrontato il tema della centralità dell’uomo in un rapporto a impatto zero con i territori del Parco.

Una due giorni, dunque, estremamente interessante e per molti versi divertente, che ha coinvolto studenti, cittadini, visitatori e i tanti addetti ai lavori, intervenuti appositamente per partecipare all’evento come il gruppo di giornalisti della stampa italiana ed estera in visita al parco archeologico inserito nel programma del press tour organizzato dal Consorzio Operatori Turistici Diamante & Riviera dei Cedri. (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Le Città Visibili alla scoperta della Grotta del Romito

L’Associazione Città Visibili di Lamezia Terme, guidata da Anna Misuraca, questa volta ha fatto a tappa a Papasidero, dedicando una giornata alla conoscenza, all’esplorazione e alle emozioni acquatiche nella Grotta del Romito, capolavoro del Paleolitico, incastonato tra i monti del Pollino, che ancora nasconde reperti in attesa di venire alla luce.

«Accoglienti e ospitali gli abitanti – ha raccontato la presidente – felici di fornire curiosità e notizie (grazie alla signora Maria e al nostro infaticabile accompagnatore Luca Oliva che ci hanno mostrato e raccontato angoli inediti del paese) ai visitatori che scelgono questa meta e che non resteranno delusi. Tesori storici, come la Cappella di Santa Sofia (in cui si possono ammirare un altare settecentesco e una serie di affreschi databili tra il XVI e il XVII secolo) e il Santuario della Madonna di Costantinopoli, addossato alla roccia che costeggia il fiume Lao (a cui si accede da un ponte costruito agli inizi del XX secolo sulla campata di un altro, ancora visibile, che risale al periodo medievale), sono circondati da incantevoli scenari naturali, silenziosi e incontaminati, paradiso per gli amanti del trekking (tradizionale, acquatico e urbano), del rafting (esistono ben sei associazioni, che vantano istruttori preparati e scrupolosi) e del canyoning».

«In mattinata – ha proseguito – il gruppo si è diviso in base agli interessi personali e si è ritrovato, a pranzo, al Lido Lao Gold River (grazie Filomena, per la gentilezza e gli ottimi panini!) sulle rive del fiume, in uno spazio a dir poco fiabesco, in cui ci siamo rilassati col sottofondo delle acque e nel verde della lussureggiante vegetazione. Satolli e soddisfatti, abbiamo concluso il pomeriggio, in compagnia dell’appassionato Luca Oliva, alla scoperta del centro di Papasidero, plaudendo la geniale iniziativa comunale di un simbolico ticket (€1,50) per la visita al centro storico che, a fine percorso, dà diritto ad una consumazione presso i bar locali». (rcs)

PAPASIDERO (CS) – Successo per il primo evento di Outdoor Sport

Nei giorni scorsi, a Papasidero, si è svolta la prima edizione di Outdoor Sport, organizzata dalla Polisportiva “Valle Argentino” e nata da un’idea di Angelo Napolitano e Michele Capalbo, dirigenti della polisportiva che si sono cimentati in una prima impresa di sport outdoor mai realizzata prima, capace di promuovere nuove modalità di fruizione dei territori interni calabresi.

Per questa prima edizione di Outdoor Sport, la polisportiva si è recata nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, a Papasidero, ed ha realizzato per la prima volta, un circuito ad anello che in 6 ore ha messo in rete in un misto di esperienze di trekking e biking, principali risorse del  magnifico borgo.

L’itinerario che i partecipanti hanno dovuto affrontare è stato molto coinvolgente:  Avvio con trekking lungo il sentiero dei greci sopra il Santuario della Madonna di Costantinopoli, quindi arrivo nei pressi della grotta del Romito per proseguire in e-bike e raggiungere prima la grotta  e poi il misterioso ed affascinate borgo abbandonato di Avena. Da qui giù per l’antico sentiero che collegava Avena al centro storico di Papasidero, passaggio dai ruderi del castello ed arrivo sul ponte medievale che collega al Santuario della madonna di Costantinopoli.

In questo modo, la polisportiva ha realizzato la sua prima impresa di sport outdoor, riuscendo a mettere in rete le principali risorse culturali e naturalistiche di Papasidero. (rcs)