L’assessore Pietropaolo: Forniti defibrillatori ai Centri per l’impiego

L’assessore regionale all’Organizzazione, Filippo Pietropaolo, ha reso noto che si è provveduto a dotare le sedi periferiche regionali di Cosenza-Vagliolise e Reggio Calabria-Modena di defibrillatore semiautomatico e salvavita.

Altri 15 defibrillatori sono stati, invece, destinati alle sedi dei principali Centri per l’Impiego. La sede regionale di Catanzaro era stata già fornita di 6 defibrillatori, di cui uno è in dotazione all’infermeria della Cittadella regionale.

Inoltre, il settore Datore di lavoro sta predisponendo i corsi di supporto base di vita e defibrillazione (Blsd) per gli operatori laici da scegliere tra i dipendenti regionali.

Oltre ai defibrillatori semiautomatici esterni (Dae), la Regione ha fornito di 3 frigoriferi “a regola d’arte” per l’accoglienza di farmaci e vaccini, le sedi di Catanzaro, Reggio Calabria e Cosenza. (rcz)

A Palazzo Campanella confronto su Forestazione: Regione pronta a risolvere problemi burocratici

A Palazzo Campanella di Reggio Calabria si è svolto un incontro relativo alle problematiche relative al settore boschivo. Promosso dal Dipartimento Ambiente e Forestazione della Regione, hanno partecipato l’assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo, il dirigente generale all’Ambiente, Salvatore Siviglia, i dirigenti del Dipartimento Forestazione, una delegazione dei Dottori Agronomi e imprese boschive e Saverio Sipoli, presidente della Filiera Legno di Confapi Calabria.

L’incontro si è svolto in un clima di ascolto e collaborazione tra le parti. Nonostante le difficoltà oggettive dovute alla mancanza di personale, dal confronto è emerso l’impegno da parte della Regione a risolvere i problemi di natura burocratica che hanno rallentato, negli anni precedenti, le attività delle imprese boschive. 

Il Presidente di Confapi Legno, Saverio Sipoli, ha espresso grande apprezzamento per l’instancabile lavoro svolto dalla Regione e dal Capostruttura alla forestazione Antonio Riga al fine di dare risposte coordinate e coerenti e risollevare le sorti del settore agricolo-forestale della Calabria. (rrc)

Tavernise (M5S): Regione intervenga su elettrificazione e treni blues

Il consigliere regionale e capogruppo del M5S, Davide Tavernise, ha presentato una interrogazione, chiedendo alla Regione di intervenire su elettrificazione della linea ferroviaria Sibari-Catanzaro Lido – Lamezia Terme Centrale e velocizzare la consegna dei 13 treni blues ibridi.

«Il cronoprogramma per l’elettrificazione della ferrovia ionica calabrese – ha spiegato – è costellato da continui problemi che ne hanno minato il corretto svolgimento. Per il completamento di questa importante opera occorrerà aspettare il 2026. Il solo tratto Sibari-Rossano risulta attivabile in tempi brevi. Ciò permetterebbe il prolungamento del frecciargento Sibari-Bolzano fino a Rossano».

«Nell’attesa del completamento dell’elettrificazione della linea ferroviaria – ha rimarcato Tavernise – è indispensabile dare il via a un cambio completo del modo di viaggiare sulla tratta ionica e supportare il sistema turistico dei territori interessati nel suo rilancio».

«Sono treni che rappresentano un salto generazionale – ha continuato – capaci di viaggiare con motori diesel su linee non elettrificate come quella ionica, con motore elettrico su quelle elettrificate e con batterie per percorrere il primo e l’ultimo miglio sulle linee non elettrificate o durante la sosta nelle stazioni. Lo scorso dicembre ne sono stati consegnati sette tra Sicilia, dove ne sono arrivati cinque, Toscana e Sardegna, con un treno a testa».

«Adesso è necessario – ha concluso – velocizzare la consegna di questi treni ibridi anche per la Calabria, come promesso negli incontri di presentazione tenuti nel 2022 a Reggio Calabria e Corigliano-Rossano». (rrc)

Grande successo per la Calabria a Identità Golose di Milano

È con un successo di pubblico e di critica, che la Calabria chiude la sua partecipazione alla 18esima edizione di Identità Golose, il congresso internazionale di cucina d’autore che si è svolto nei giorni scorsi presso il Mico di Milano.

Tra attività varie, confronti, dibattiti e degustazioni, il brand “Calabria Straordinaria” ha avuto una vetrina importantissima per promuovere – attraverso le produzioni agroalimentari di qualità e le ricette di apprezzati chef calabresi di alto livello – le esperienze e le emozioni di una terra identitaria e distintiva.

«È stato compiuto un altro importante passo – ha commentato l’assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo – nel percorso di valorizzazione delle eccellenze calabresi: la Regione è stata presente con un proprio stand, promuovendo quattro set con i nostri miglior chef stellati, ma anche con pasticcieri, pizzaioli e barman che in questi anni sono cresciuti molto, facendosi spazio e conquistando apprezzamenti unanimi».

«Inoltre abbiamo avuto anche uno stand con un altro prodotto Igp, la cipolla rossa di Tropea – ha spiegato – nell’ambito di un’iniziativa che abbiamo sostenuto per dimostrare una volta ancora come i nostri prodotti possano ben figurare sulle tavole dei migliori ristoranti d’Europa e del mondo».

«Torniamo da Milano –ha proseguito Gallo – con la consapevolezza di aver intrapreso il giusto percorso e di dover continuare lungo questa strada per dar sempre più forza ad un modello di sviluppo fondato sul territorio e le sue ricchezze, come certificato dai giudizi positivi dei giornalisti nazionali e internazionali che hanno affollato il nostro stand, come pure di ristoratori ed operatori del settore rimasti meravigliati dalla qualità dei nostri cibi e dalla bravura dei nostri ragazzi, dei nostri chef e dei nostri artigiani».

Su tutti, e tra i tanti, due i commenti indicativi di tale prospettiva: se per lo chef stellato Giorgio Locatelli «la Calabria è una regione fantastica, con gente eccezionale: è ora di mostrarli e farli conoscere al mondo», il noto conduttore televisivo (e produttore vitivinicolo) Bruno Vespa ha elogiato anche uno dei prodotti di pregio dell’agroalimentare calabrese, il vino: «La Calabria è baciata dal sole, tra mare e monti, il giusto equilibrio per fare vini straordinari e sempre migliori». (rrm)

Anci Calabria: I Comuni in difficoltà ad aderire all’Arrical

Gianni Papasso, sindaco di Cassano e consigliere nazionale Anci delegato a traghettare l’associazione regionale dei Comuni in attesa delle nuove elezioni, ha inviato una missiva al presidente della Regione, Roberto Occhiuto, denunciando «criticità nel percorso di adesione dei Comuni ad Arrical, l’Autorità dei Rifiuti e delle Risorse Idriche della Regione Calabria».

«Nell’incontro di fine dicembre – si legge nella lettera firmata da presidente f.f.– molto partecipato e che si tenne lo scorso 28 dicembre, come Anci Calabria, avevamo avanzato la proposta di costituire un tavolo che consentisse un confronto costante onde affrontare e risolvere ogni possibile criticità e/o eventuali altri problemi che potrebbero insorgere nell’applicazione della nuova norma riguardante il ciclo integrato delle acque».

«Da parte dei Comuni infatti – prosegue la nota di Papasso – continuano a pervenire quesiti e richieste che emergono nel corso delle sedute dei Consigli Comunali nella fase di deliberazione di adesione alla proposta regionale. In particolare i Sindaci stanno rappresentando l’urgenza di risolvere le questioni connesse a piani finanziari, tariffazioni e bilanci 2023 rispetto ad adempimenti comunali di imminente scadenza. Segnalazioni che mostrano chiaramente come ci siano delle criticità nel percorso di adesione dei Comuni ad Arrical».

«Pertanto – osserva Papasso – ci permettiamo di suggerire nuovamente la costituzione di un organismo provvisorio composto dai sindaci dei Comuni capoluogo e da una ristretta rappresentanza di Anci. I sindaci calabresi auspicano che si affianchi opportunamente l’organizzazione di un incontro da tenere in tempi brevissimi per concordare un percorso condiviso». (rcz)

Abbruzzese (Coldiretti Calabria): Con mense biologiche si colma un vuoto di troppi anni

Per Coldiretti Calabria è una «decisa e concreta scelta, che colma un vuoto di troppi anni, quella della Regione Calabria che ha messo a disposizione  cinque milioni di euro per promuovere con le mense scolastiche biologiche la sana alimentazione e i prodotti tipici locali a Km zero».

Una iniziativa promossa dall’assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo e dalla vicepresidente della Regione, Giusi Princi e che ha raccolto il plauso di Coldiretti, che ha parlato di «un investimento importante sul piano sociale ma soprattutto una rivoluzione alimentare e culturale che – ha dichiarato Vincenzo Abbruzzese, vice-presidente Coldiretti Cosenza e componente il direttivo Nazionale di Coldiretti Bio – vede finalmente luce dopo tanti anni di immobilismo».

«Come Coldiretti – ha aggiunto – abbiamo sempre e costantemente puntato a questo risultato anche perché, vi è una diffusa presenza e un numero crescente di imprese agricole che vendono direttamente il proprio prodotto senza intermediazioni e che sono in grado di offrire alimenti freschi coltivati e prodotti localmente. La possibilità, poi, di imparare a conoscere i prodotti del proprio territorio a partire dalle mense scolastiche ha anche un importante valore educativo e culturale che la Coldiretti è impegnata promuovere con il progetto di educazione alla campagna amica nelle scuole, per recuperare, soprattutto nelle giovani generazioni, i principi della tradizione, della sana alimentazione, della stagionalità dei prodotti e della realtà territoriale, valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’ agricoltura con i cibi consumati ogni giorno».

«Le attività di formazione ed il cibo proposto in mensa – ha proseguito – sono strumenti fondamentali per fornire le basi di una alimentazione sana e consapevole – spiega Abbruzzese. Attuare questi percorsi a scuola significa riconoscere che la promozione della salute non è delegabile al solo sistema sanitario e significa anche dare finalmente importanza  all’educazione alimentare».

«L’agricoltura biologica rappresenta un metodo produttivo di importanza strategica per la transizione ecologica dei nostri territori  – ha aggiunto il dirigente di Coldiretti Bio – nel ricordare che i primati del biologico calabrese contribuiscono a rendere l’ agricoltura italiana tra  la più green d’Europa. Adesso è necessario che i Comuni, le istituzioni scolastiche interagiscano con la piattaforma del Ministero perchépiù alte saranno le adesioni da parte delle scuole e tanto più saranno le risorse economiche che potremo avere a disposizione e, a tal proposito, la Coldiretti Calabria offre piena disponibilità». (rcz)

Marcello Minenna è il nuovo assessore della Giunta Occhiuto

Marcello Minenna è il nuovo assessore della Giunta regionale della Calabria. A lui, il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, ha affidato le deleghe di ambiente, partecipate, programmazione unitaria e progetti strategici.

«Un professionista che non ha bisogno di presentazioni – ha spiegato Occhiuto – economista e dirigente dal valore indiscusso, con una grande esperienza nella pubblica amministrazione. Ho conosciuto Minenna negli scorsi mesi, durante il suo mandato alla guida dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, e collaborandoci ho potuto apprezzare le sue qualità, le sue competenze, la sua determinazione. Seppur scelto dal presidente della Regione, sarà un assessore indipendente che, in relazione alle materie delle quali avrà la responsabilità, agirà da tecnico nell’esclusivo interesse del nostro territorio».

«A lui ho deciso di affidare – ha spiegato ancora – deleghe strategiche per la Calabria, fino ad oggi di mia esclusiva competenza: si occuperà di ambiente e tutela del territorio; programmazione, pianificazione e gestione del ciclo integrato dei rifiuti e delle risorse idriche; programmazione unitaria – che negli ultimissimi mesi era stata seguita dalla vice presidente Giusi Princi -; coordinamento strategico e razionalizzazione delle società partecipate; verifica e attuazione dei progetti strategici del governo regionale».

«Terrò, invece, per me le deleghe alle infrastrutture e ai lavori pubblici – ha concluso – ad eccezione dell’edilizia scolastica che sarà affidata alla vice presidente Giusi Princi. Un sincero in bocca al lupo a Minenna per questa nuova avventura, e benvenuto a bordo». (rcz)

Istruzione, Regione approva programmazione dell’offerta formativa 2023-2024

La Giunta regionale, guidata dal presidente Roberto Occhiuto, ha approvato la programmazione dell’offerta formativa scolastica per l’annualità 2023-2024.

Nell’atto, proposto dalla vicepresidente con delega all’Istruzione, Giusi Princi, si prende atto delle delibere delle Province di Catanzaro, Cosenza, Crotone, Vibo e della Città metropolitana di Reggio Calabria, accompagnate dal parere tecnico acquisito dall’Ufficio Scolastico Regionale.

Già già nell’ottobre scorso la vicepresidente Princi – nel corso di un incontro al quale avevano partecipato anche la direttrice dell’Ufficio scolastico regionale, Antonella Iunti, la dirigente generale del Dipartimento Istruzione, Maria Francesca Gatto, e la dirigente del settore Diritto allo studio, Anna Perani, – aveva lanciato un appello alle istituzioni locali per un uno sforzo corale, al di là delle competenze territoriali, per dare al mondo della Scuola calabrese il giusto supporto e la più razionale programmazione sulla base delle reali esigenze dei territori.

Entrando nel dettaglio del dimensionamento scolastico, la vicepresidente specifica che «sulla base delle disposizioni giunte dal Ministero sui numeri delle autonomie scolastiche distribuiti per territorio, per il 2023/24, non si è proceduto alla rideterminazione dell’organizzazione della rete scolastica ma è stata deliberata la sola offerta formativa ed effettuata la cancellazione d’ufficio gli indirizzi non attivi da più di tre anni».

«Ora – ha proseguito Princi – si avvierà un’importante stagione che interesserà le Regioni che saranno chiamate ad attribuire, per gli anni futuri, le autonomie scolastiche sulla base dei parametri comunicati dal Ministero. Pertanto, costituiremo un apposito tavolo di studio rappresentato, oltre che dalla parte politica ed amministrativa regionale, anche dall’Usr e dal mondo sindacale, il cui obiettivo sarà quello di operare sulle nuove linee guida regionali del dimensionamento scolastico e su una nuova legge del diritto allo studio che, al momento, vede quella della Regione Calabria ferma al 1985. La mission principale della Regione, mia e del presidente Occhiuto, sarà quella di salvaguardare le aree marginali e ad alto rischio di dispersione scolastica». (rcz)

L’assessore regionale Mauro Dolce si dimette: Continuerò a dare una mano

L’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Lavori Pubblici, Mauro Dolce, si è dimesso.

In una lunga nota ha spiegato i motivi delle sue dimissioni: «Ho riflettuto molto nelle ultime settimane e sono giunto ad un’importante decisione: lascio il mio mandato di Assessore alle Infrastrutture e ai Lavori pubblici della Regione Calabria. Ho comunicato la scorsa settimana la mia decisione al Presidente Roberto Occhiuto, e di comune accordo abbiamo deciso di darne notizia nella giornata odierna».

«Rientrerò nell’Università – ha spiegato – per riprendere e concludere le attività di ricerca temporaneamente messe da parte, che, insieme ai miei impegni familiari, mi impedirebbero di svolgere nei modi che ritengo necessari i gravosi impegni che l’Assessorato affidatomi comporta. Ringrazio il Governatore per la fiducia che ha riposto in me, tutti i colleghi della Giunta per il positivo percorso fatto insieme in questi mesi, così come ringrazio il direttore generale del Dipartimento Infrastrutture e Lavori pubblici, Claudio Moroni, e i collaboratori che mi hanno affiancato in questa avventura».

«In accordo con il Presidente Occhiuto – ha concluso – continuerò ad offrire alla Regione, nelle forme più opportune, la mia esperienza e le mie competenze su determinati progetti strategici che riguardano le infrastrutture della Calabria. Darò volentieri una mano da Roma, che è la città in cui vivo, e di tanto in tanto tornerò da voi, in quella che ormai è diventata quasi una seconda casa». (rcz)

A Palazzo Campanella si presenta il progetto “Agedilab – Laboratori di Autonomie”

Giovedì 2 febbraio, alle 11, nell’Aula Commissioni di Palazzo Campanella, si presenta il progetto Agedilab – Laboratori di Autonomie curato dall’Associazione Genitori di Bambini e Adulti Disabili.

Cofinanziato dalla Regione e realizzato nell’ambito territoriale della Città Metropolitana di Reggio Calabria, il progetto, della durata di 15 mesi, si pone diversi obiettivi, sia a breve che a lungo termine, ma in generale uno che li comprende tutti: assicurare il benessere di ciascuna persona con disabilità, giovani e meno giovani.

Grazie a questo progetto, sarà reso alla comunità un servizio totalmente gratuito per i beneficiari, che attualmente manca sul territorio, ed a cui sempre più spesso devono sopperire le famiglie tanto dal punto di vista economico quanto organizzativo-gestionale. È noto, del resto, che la maggior parte delle persone con disabilità, una volta uscite dal circuito scolastico e/o riabilitativo, restano escluse dal processo di inclusione e socializzazione. E il vissuto di questi ultimi anni, barcamenandosi nelle ancor maggiori difficoltà dettate dalla pandemia da Covid-19, ha accentuato il bisogno di trovare soluzioni per il “Dopo di Noi” delle famiglie.

In tal senso, AgediLab guarda ben oltre la scadenza dei 15 mesi del progetto. La valorizzazione, la messa in rete, il potenziamento di relazioni già esistenti e la creazione di nuove connessioni, garantirebbe infatti la sostenibilità dell’iniziativa non solo nella sua realizzazione temporale ma anche nella prosecuzione futura, andando a creare un “modello sostenibile”, replicabile anche in altre realtà territoriali.

All’incontro con gli operatori dell’Informazione interverranno il Presidente dell’Associazione Agedi OdV, Maria Mirella Gangeri, l’Assessore regionale alle Politiche Sociali, Emma Staine, il Vicepresidente della Giunta regionale della Calabria, Giusi Princi, il Presidente del Consiglio regionale della Calabria, Filippo Mancuso(rrc)