L’OPINIONE / Pasquale Amato: Ecco perché Sacal non dovrebbe gestire l’aeroporto di Reggio

di PASQUALE AMATO

Provo a spiegare la mia proposta. Questa sarebbe un’iniziativa forte. Farebbe intendere che noi non accettiamo di essere maltrattati e vilipesi andando a pietire ciò che questa Regione, con qualunque coloritura partitica o di schieramento, elargisce per tenerci sottomessi. 

Dal 1970 una maggioranza trasversale ha preso il controllo della Regione trattando il territorio della Città Metropolitana di Reggio come colonia, cui dare dei contentini se stiamo zitti e buoni. Ci ha imposto e ci impone i candidati che le risultano più graditi. In alcuni casi ha subito incidenti di percorso con l’affermazione di esponenti con la schiena dritta, quindi “non graditi”. 

È corsa ai ripari emarginando ed espellendo, con qualunque espediente tra cui Giuda disponibili in loco (anche per dispetto o per semplice invidia), questi spiriti indipendenti non disposti a piegarsi ai suoi ordini. 

La storia dell’Aeroporto dello Stretto è emblematica. È iniziata nel 1971 con la decisione di costruire l’Aeroporto di Lamezia, con un obiettivo assurdo in ogni altra Regione d’Italia, che è un paese di campanili: togliere allo scalo reggino il primato di primo Aeroporto della Regione, come tutta una serie di sedi e di altri primati. 

È stato un lavoro intenso, incessante, andato avanti per tappe sino alla tappa decisiva di riuscire a ottenere il totale assoggettamento tramite un bando-farsa che ha assegnato la gestione alla Sacal. 

E la Sacal ha svolto e sta svolgendo il suo compito: al là delle dichiarazioni ufficiali dei vari personaggi di nomina regionale succedutisi alla sua guida, ha cancellato o rubato voli e rotte, ha svuotato lo scalo licenziando una buona parte del personale, ha favorito una politica tariffaria a sfavore di Reggio per spingere i passeggeri a scegliere sempre più Lamezia (nel frattempo rafforzata con voli nazionali e internazionali a tariffe agevolate grazie al foraggiamento della Regione). 

Reggio può salvare il suo Aeroporto e la sua dignità di città più antica e grande della Calabria soltanto se fa valere sino in fondo le prerogative di Città Metropolitana del Sud assieme a Napoli e Bari. 

Non è un caso che la classe politica delle altre Calabrie abbia sempre avversato l’istituzione della Città Metropolitana. 

Non è un caso che sia l’unica Città Metropolitana che non ha mai ricevuto alcune deleghe importanti dalla Regione. Non è un caso che nel vocabolario utilizzato dal ceto politico regionale dominante in Regione si continui a parlare di Provincia e non di Città Metropolitana. Non è un caso che l’attivismo del ff Versace e la sua costante presenza sul territorio dei 97 Comuni metropolitani e sulle problematiche di essi stia provocando crescenti fastidi e malumori a Germaneto. Non è un caso che il ruolo del Consiglio Regionale a Reggio sia stato ridotto a organo di semplice ratifica di ciò che si decide a Germaneto. (pa)

Morabito (PD): Regione e Sacal rendano noti i programmi per lo sviluppo dell’Aeroporto dello Stretto

Antonio Morabito, segretario della Federazione Metropolitana del Partito Democratico, ha chiesto alla Regione e a Sacal di rendere noti «i programmi di sviluppo nei confronto dell’Aeroporto dello Stretto».

«Da mesi, per non dire da anni ormai – ha spiegato Morabito – è piombato il più assoluto silenzio sulle attività di sviluppo che dovrebbero interessare il nostro scalo. Ed al di là di qualche vago annuncio non si registrano novità sostanziali, se non una inesorabile e nemmeno troppo lenta spoliazione dell’offerta volativa reggina. L’ultimo in ordine di tempo è stato il volo Reggio-Torino. Notizie recenti riguardano la cancellazione del night-stop, con orari e prezzi improponibili, che era stato inizialmente mantenuto da BluAir dopo la cancellazione delle altre tratte settimanali. In sostanza una debacle annunciata, alla quale circa un mese fa, in seguito alle sollecitazioni pervenute dalle istituzioni reggine, la nuova governance di Sacal aveva tentato di mettere una pezza, annunciando tre nuove destinazioni e rimandando i dettagli ad una comunicazione successiva da li a qualche giorno».

«Ma, nonostante i buoni propositi ad oggi niente di concreto – ha rilevato il segretario – nonostante sia trascorso praticamente un mese e la stagione estiva sia già in fase avanzata. Cosi come si sono perse le notizie del finanziamento per l’ammodernamento dell’aerostazione annunciato in pompa magna ormai quasi quattro anni fa nel corso di una conferenza stampa, proprio presso i locali dell’aeroporto, e che però non ha prodotto ad oggi alcun effetto».

«Non è certo una questione di campanilismo – ha aggiunto Morabito – ma lascia perplessi la circostanza che vede per l’aeroporto di Lamezia l’avvio, quasi a cadenza settimanale, di nuove rotte internazionali. Per carità siamo assolutamente contenti per lo scalo lametino, che costituisce il principale hub aeroportuale della Calabria. Ma ci piacerebbe conoscere qual è l’indirizzo regionale ed i programmi da parte di Sacal circa lo sviluppo dello scalo reggino, sul quale era stata annunciata un’attenzione specifica non più di qualche mese fa. Bene hanno fatto i Consiglieri della Città Metropolitana a chiedere delucidazioni in tal senso».

«Circa un mese fa – ha ricordato – da Palazzo Alvaro si era sollecitato il ripristino dei voli per Roma e Milano ad orari e prezzi accettabili, il minimo sindacale per uno scalo aeroportuale che deve acquisire una vocazione turistica ma che serve quotidianamente i collegamenti dei reggini sui due principali hub nazionali, per motivi di lavoro, di studio o di salute».

«Ed anche su questo fronte – ha concluso – ad oggi da parte di Sacal siamo al nulla di fatto. Cosi come risulta ancora lontana dalle strategie di Sacal l’interlocuzione con il bacino messinese vitale per intercettare l’utenza sull’Aeroporto dello Stretto (che non a caso si chiama cosi) e che potrebbe collegare gli ingenti flussi turistici per le isole Eolie, non solo durante il periodo estivo». (rrc)

Franchini (Sacal): Al lavoro su tre nuove rotte dall’Aeroporto dello Stretto

Marco Franchini, amministratore unico di Sacal, ha reso noto che la società è «impegnata quotidianamente per rilanciare il settore aereo regionale, per attrarre nuove compagnie, per attivare nuove rotte, per rafforzare i tre scali della regione, in particolar modo quelli di Reggio Calabria e Crotone, le due realtà che allo stato attuale hanno maggiori margini di crescita».

«Sono alla guida della Sacal da poche settimane, – si legge in una nota – conoscevo le difficoltà esistenti, alcune anche strutturali, ma ciò non mi impedisce di lavorare con determinazione per invertire la rotta e per migliorare, e di molto, l’esistente».

Franchini, poi, ha spiegato che «il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, vuole fortemente investire sugli scali calabresi e sul loro futuro, e sono certo che insieme raggiungeremo importanti risultati per la Calabria».

«In questi giorni – ha proseguito – è giunta la notizia che la compagnia Blue Air ha cancellato – anche a seguito di un recente incidente verificatosi presso l’aeroporto di Napoli – la tratta tra Reggio Calabria e Torino. Stiamo lavorando per trovare una soluzione immediata a questo problema, e soprattutto stiamo operando, in modo strategico e sistematico, per portare a Reggio Calabria tre nuove importanti rotte: nei prossimi giorni avremo novità in merito».

«Gli obiettivi che ci siamo prefissati – ha concluso – si raggiungono solo grazie ad un costante dialogo con le compagnie aeree, – conclude l’amministratore unico –  ad una positiva sinergia con le autorità competenti, e creando le condizioni per attrarre interesse e investimenti attorno agli scali calabresi. Siamo ottimisti e concentrati sulle cose da fare». (rcz)

Aeroporto di Reggio: Versace e Brunetti contro il taglio del volo per Torino

Dopo l’annunciato taglio del volo Reggio-Torino, il sindaco metropolitano ff Carmelo Versace e il sindaco ff Paolo Brunetti hanno rimarcato l’assenza di una strategia mirata al rilancio dello scalo dello Stretto: «Dalla Regione ancora silenzio. Basta annunci, la pazienza è terminata».
I due sindaci facenti funzione, pertanto, chiedono una netta inversione di tendenza sulla gestione regionale dello scalo reggino: «L’aeroporto dello Stretto – hanno dichiarato in una nota congiunta –  continua a perdere pezzi e nonostante i buoni auspici dichiarati dalle autorità regionali, dal Presidente Occhiuto e dalla società di gestione regionale Sacal, purtroppo l’ultimo annuncio di una compagnia aerea riguarda la cancellazione di un altro volo, quello per Torino, già programmato per l’estate 2022».
«Abbiamo sempre affermato che lo sviluppo del Tito Minniti richiede uno sforzo corale da parte delle istituzioni territoriali, a partire da chi ormai da tanti anni detiene la gestione dello scalo attraverso la società regionale. Non è nostra intenzione puntare il dito contro nessuno, ma gli auspici a più riprese dichiarati dal presidente Occhiuto, che nei mesi scorsi ha continuato a chiedere pazienza al nostro territorio, ad oggi non risultano assolutamente rispettati. E la pazienza da parte dei reggini è da considerarsi terminata. Non solo infatti non si registrano miglioramenti per l’offerta volativa in riva allo Stretto, a fronte di un aumento di voli e compagnie che interessano invece l’aeroporto di Lamezia, ma addirittura una delle poche compagnie operanti sul nostro scalo pare aver deciso di tagliare uno dei voli già previsti per questa estate, in nome di un ritardo nelle consegne degli aeromobili».
«Non è certo il migliore degli auspici per la rivoluzione copernicana annunciata da Occhiuto – conclude la nota – anzi l’impressione è che la programmazione regionale di Sacal, nonostante gli annunci, continui a privilegiare lo scalo di Lamezia a danno di quello di Reggio Calabria, anche in una stagione importante come questa con l’anniversario dei Bronzi ormai alle porte. Neanche i tanto sbandierati interventi per l’ammodernamento dello scalo reggino hanno prodotto alcunché. A tre settimane dalla nomina del nuovo Amministratore di Sacal vige ancora il silenzio più assoluto circa i programmi di crescita annunciati dalla Regione per l’aeroporto dello Stretto. Anzi l’unica notizia riportata da alcuni organi di stampa, ad oggi, riguarda il taglio di un altro volo, circostanza sulla quale ci piacerebbe conoscere il parere del Presidente della Regione e della compagine di Sacal, soggetti entrambi preposti per dovere istituzionale, e non certo per gentile concessione, ad informare i calabresi e soprattutto i reggini, sulle intenzioni che riguardano il nostro aeroporto». (rrc)

L’OPINIONE / Emilio Errigo: Gli aeroporti della Calabria hanno bisogno di un riposizionamento strategico

di EMILIO ERRIGO – Tutti credono e sono convinti, che il nuovo Management della Sacal SpA, possa fare i miracoli economici e logistici  che tutti attendono da molti anni per riattivare la piena funzionalità dell’Aeroporto dello Stretto di Reggio Calabria.
Io voglio dare fiducia al Presidente della Regione  Calabria, già On. Deputato Roberto Occhiuto, alla Vice Presidente(Preside) Giusy Princi, al Presidente del Consiglio Regionale e Suoi Consiglieri e  al già Presidente del Consiglio Regionale On. Nicola Irto, sperando e augurandomi di cuore che si ricomponga al più presto, giuridicamente possibile,
l’Amministrazione Comunale e Metropolitana di Reggio Calabria.
L’assenza giudiziaria del caro Giovane “Sindaco sospeso”, di Reggio Calabria, Avv. Giuseppe Falcomatà,  si avverte  non bisogna negarlo e i Suoi elettori e la stragrande maggioranza dei  Cittadini non elettori, non sono affatto contenti  e pure tanto dispiaciuti.

“La Legge  è legge e va osservata da tutti  e fatta osservare nel rispetto dei principi e valori sanciti e affermati  dalla Costituzione della Repubblica Italiana”!

Gli Aeroporti della Calabria, a partire da quello di Reggio , hanno bisogno di un riposizionamento strategico in tutti i sensi.
L’attuale unico vecchio e obsoleto Terminal aeroportuale  Arrivi e Partenze,  del “Tito Minniti dello  Stretto” , allo stato non è assolutamente idoneo per soddisfare i reali  bisogni  logistici,  ne delle Compagnie Aeree, men che meno dei potenziali  oltre 600.000 utenti residenti,  ( in estate oltre due milioni  e mezzo compresi i turisti e  in transito ) dai novantasette Comuni della Città Metropolitana.
Coloro i quali decidessero  di fruire del trasporto aereo, da e verso Reggio Calabria, devono poter giungere in aeroporto nel piu breve tempo tecnicamente possibile, con tutti i sistemi di trasporto Intermodali, ferroviario, terrestre e marittimo.
Si rende necessario e urgente,  interconnettere il Lungomare  piu bello d’Italia, “Italo Falcomatà”, con una nuova e panoramica Strada alberata  litoranea,  la quale  realizzata in parallelo con l’esistente rete ferroviaria costiera della Calabria Jonica, dalla Stazione  Centrale Reggio Calabria, Stazione Omega, Stazione Aeroporto, Approdo Mezzi Navali Veloci.
L’Approdo Navale  è  situato in posizione strategica ideale,  adiacente le due piste di decollo e atterraggio dell’Aeroporto Tito Minniti, agevolerebbe e consentirebbe ai passeggeri di raggiungere via aerea da Reggio Calabria, gli Aeroporti delle principali Città nazionali ed europee, in una o due ore massimo.
Inoltre, si trova a poche centinaia di metri dalla Stazione Ferroviaria di San Gregorio, Zona Industriale e Mercatale della Città Metropolitana.
Una nuova Aerostazione  con almeno tre Terminal Arrivi/Partenze, con diversi “Gate aeroportuali” localizzati in posizione più centrale, rispetto all’Approdo Mezzi Navali Veloci e Stazione ferroviaria Aeroporti, sicuramente favorirebbe, tutti coloro e sono tanti, che da Messina, arrivano giornalmente  a Reggio per imbarcarsi in aereo.
Penso al vicinissimo “Porto Bolaro”, cosa sarà il progettato e in attesa di essere autorizzata la costruzione, Porto Turistico più grande del Mediterraneo.
Un Porto dedicato allo sviluppo  e accoglienza, della Nautica da Diporto stanziale e in transito, ideato, architettato e disegnato,  da noti  architetti e designer italiani e consulenze internazionali, considerato di ultima generazione,  dotato di ogni comfort marittimo  e  portuale costiero.

A latere un Hotel (a 6 stelle super top), con residence veramente da favola fronte mare, ampi spazi  liberi dedicati alla pratica di tutti gli sport e moderne discipline sportive, un centro Daving, attività di svago acquatiche e aerei. Il Manager  più lungimirante della Calabria, già  esperto e competente, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Reggio Calabria, l’Architetto Pino Falduto, sprizza entusiasmo da tutti i pori, quando parla con render digitali e matita sempre in mano,  dei suoi progetti e delle mille  travolgenti idee per fare della Calabria la Regione più bella e attraente d’ Europa e non solo, ti trascina in un futuro degno da Oscar del Turismo Internazionale.

Lui si che ha le idee chiarissime per attrarre il turismo extra lusso e famigliare, fruendo di percorsi ambientali montani e rotte marittime, 365 giorni e notti l’anno da vivere, a Reggio Calabria e dintorni. I giovani tour operator, dovrebbero solo sapere attuare  le sue idee e  progetti culturali e turistici, seguendo le Vie della Storia ultra millenaria dell’archeologia grecanica, romana e quella lasciata ancora intatta,  dai tanti dominatori e conquistatori che si sono succeduti nei secoli scorsi in Calabria.

L’Approdo Aeroporto, per aliscafi e mezzi navali veloci, da completare e attrezzare con le previste opere marittime e costiere di accesso, costituisce la ciliegina sul Mare a poche miglia da Messina, Taormina, Catania, Siracusa e Isole Eolie.
I presupposti ci sono tutti, gli investitori veri pure, i politici nazionali regionali e metropolitani, parrebbero solidali e favorevoli, cosa si aspetta ancora per iniziare  l’iter amministrativo, per la realizzazione delle opere di riqualificazione  funzionali aeroportuali e riposizionamento marittimo strategico della Città Metropolitana di Reggio Calabria? (er)

[Emilio Errigo è nato a Reggio Calabria, Docente universitario  di “Management delle Attività Portuali” e “Diritto Internazionale e del Mare”, e Consigliere Giuridico Economico -Finanziario Internazionale]

Marco Franchini è il nuovo amministratore unico di Sacal

La Sacal, la società che gestisce il sistema aeroportuale calabrese, ha il suo nuovo manager: Marco Franchini.

Attuale accountable manager dell’aeroporto di Catania, Franchini è stato scelto dal presidente della Regione, Roberto Occhiuto, per «le sue competenze, per il lavoro svolto egregiamente presso l’aeroporto di Catania, il quarto scalo d’Italia, per lo straordinario processo di riorganizzazione della rete aeroportuale pugliese», ha spiegato il Governatore.

«La Sacal – ha spiegato Occhiuto – ha bisogno di gente dinamica e propositiva. Gli aeroporti di Crotone, di Lamezia Terme e di Reggio Calabria, rappresentato una grande opportunità per la Regione».

«La Calabria vuole crescere – ha concluso – vuole attrarre turisti e investimenti, e quindi deve ammodernare e migliorare i suoi scali, e aumentare notevolmente le rotte, nazionali e internazionali. Buon lavoro a Franchini». (rcz)

AEROPORTI CALABRESI, SETTIMANA CLOU
LA “NUOVA” SACAL S’IMPEGNI A FARE RETE

di SANTO STRATI – È una settimana cruciale per gli aeroporti calabresi: dopo l’approvazione del bilancio 2021 il presidente della Sacal Giulio De Metrio ha presentato le dimissioni e la “nuova” Sacal attende di conoscere il management indicato dal Presidente Occhiuto. Si chiude una storia, tra chiari e scuri, che ha visto una gestione dei tre scali calabresi fortemente concentrata su Lamezia e fortemente distratta su Crotone e Reggio. Scali diventati secondari e forse “ingombranti” per una politica aeroportuale molto accentratrice sull’hub lametino, di respiro internazionale (ma con un’aerostazione che fa pena) e di grande rilevanza per tutta la regione. 

La nuova governance rappresenta anche la futura scommessa sul rilancio definitivo (o la chiusura?) dell’Aeroporto dello Stretto verso il quale il presidente Occhiuto ha mostrato molta attenzione. Reggio era uno scalo importante prima dell’avvento della Sacal, ma con la soppressione del volo postale notturno (e relativa chiusura serale dell’aeroporto) ha preso una piega disastrosa, tra soppressione di voli, licenziamenti di personale altamente specializzato, chiusura delle attività commerciali in capo allo scalo. Da aeroporto che aveva 12 tratte, ne ha conservate due, peraltro con orari impossibili. 

Se non c’è traffico, ovviamente, un aeroporto è destinato a chiudere, ma se il traffico viene disincentivato con voli a orari scomodissimi per chi viaggia soprattutto per cure o lavoro e tariffe stratosferiche (rispetto a Lamezia) s’intuisce che è legittimo immaginare che ci siano solo due possibilità per spiegare queste scelte. O sono state fatte da chi non ha visione né immagina la necessità di fare rete con i tre scali (e quindi dimostra scarsa capacità operativa e di management), oppure – come pensano gran parte dei reggini – si può supporre un disegno (esecrabile) di chiusura degli altri scali. La volontà “politica” di penalizzare Reggio e la sua Città Metropolitana deprivandola dell’aeroporto e spostando tutto il traffico su Lamezia. Non è difficile capire che, probabilmente, era nelle intenzioni della “vecchia” Sacal chiudere Crotone e Reggio e trasformare i due terminal come punto di raccolta per i passeggeri da imbarcare a Lamezia (per mezzo di navette). Questo avrebbe significato non solo i risparmi provenienti dal licenziamento di tutti i lavoratori dei due scali (salvo una biglietteria per i ticket dei pullman per Lamezia) e, naturalmente, un incremento di traffico dello scalo lametino.

Fatte queste premesse, i reggini (ma anche a Crotone sono in febbrile attesa) guardano con sospetto il futuro management che il Presidente Occhiuto vorrà indicare per la Sacal, più speranzosi che fiduciosi – anche grazie alle modifiche statutarie in arrivo – su cosa cambierà per l’Aeroporto dello Stretto.

Ci sono i 25 milioni ottenuti dall’on. Francesco Cannizzaro con la finanziaria del 2019 (sono trascorsi tre anni e ancora non c’è un appalto) destinati allo scalo reggino più altri tre che provengono dai fondi di coesione. Anziché fare manutenzione potrebbero essere utilizzati per dare il via a un nuovo grande progetto dell’aeroporto integrato nel parco lineare sud della città dello Stretto. Una società privata che fa riferimento all’imprenditore e architetto Giuseppe Falduto, ha messo a disposizione gratuitamente un suggestivo progetto per molti versi “rivoluzionario” che trasformerebbe lo scalo in qualcosa di avveniristico e innovativo. Un vero hub in grado di servire tutta l’area dello Stretto, un bacino importantissimo di passeggeri negli ultimi anni mandato al diavolo per assenza di visione strategica e di volontà politica, evidentemente. Ma non ha avuto riscontro.

Il Presidente Occhiuto è stato abile a scoprire le carte della privatizzazione della Sacal (che di fatto escludeva la presenza istituzionale nella società che deve gestire gli aeroporti che sono strategici per la crescita e lo sviluppo del territorio) e ha stoppato i giochi dei privati riportando la Regione in maggioranza. Occhiuto ora deve mostrare ai calabresi che le sue scelte saranno dettate non dalla classiche “cambialette” elettorali cui tutti i politici sono, quasi sempre, costretti a onorare o da preferenze “amicali”, bensì ispirate a modelli di competenza e capacità. Ci sono personalità, in Calabria, in grado di poter degnamente far parte del nuovo Consiglio di Amministrazione della Sacal, ma sarebbe bello (e auspicabile) che venissero premiate attitudini e competenza in materia. 

Con tutto il rispetto e la stima per lo stilista Anton Giulio Grande chiamato a fare il commissario della Film Commission (un commissario quando ci sono da gestire 20 milioni di investimenti per gli Studios programmati a Lamezia?), non vorremmo che, alla fine, a capo della Sacal venisse nominato uno chef internazionale (che ha, però, vasta esperienza di volo  e molte card fedeltà di frequent flyer)… 

Il Presidente Occhiuto ha mostrato molta determinazione e la precisa volontà di guidare un “governo del fare”, mostrando di avere le capacità e l’adeguata esperienza politica per raggiungere (e si è già visto in diverse occasioni) risultati fino ad oggi nemmeno immaginabili. 

E allora ci permettiamo a nome dei calabresi di fare un appello: Presidente, abbia la capacità di dire no alle pretese dei partiti e alle sollecitazioni personali, ma metta insieme una squadra che prima di avere precisi connotati politici abbia le competenze necessarie per trasformare l’utilizzo degli scali calabresi in un volano di attrazione formidabile: per i turisti-visitatori, per i manager e gli imprenditori, per chiunque voglia investire in Calabria, ma soprattutto per i calabresi.

Non si tratta di avere l’aeroporto dietro casa (come succede per alcune fermate “obbligate” nel tragitto ferroviario dei treni veloci), ma di offrire al territorio e a chi ci vive e ci abita il diritto alla mobilità (anche aerea) a prezzi e orari decenti. Per i prezzi, uno dei primi impegni su cui Regione e Sacal dovranno impegnarsi è ottenere la continuità territoriale per i voli da e per la Calabria: significa agevolare territori svantaggiati (già è attiva in Sardegna e in Sicilia) con interventi sulle tariffe.

Lo scalo di Reggio è all’ultima chance e il nuovo management dovrà decidere se investire e rilanciare l’aeroporto, allargando a Messina e dintorni, l’offerta di voli e aprendo anche a rotte internazionali.

La cosiddetta limitazione dell’Aeroporto dello Stretto per gli atterraggi (è richiesta una specifica formazione dei piloti, vista la classificazione dello scalo) è stato fino ad oggi il pretesto per tenere lontani dalle piste reggine vettori  internazionali e compagnie charter.

Come si può immaginare uno sviluppo turistico del territorio reggino (il più ricco di suggestioni artistiche, naturalistiche, ambientali, etc) se non c’è un aeroporto efficiente e in piena funzionalità? È una domanda che ci piace girare non solo al Presidente della Regione e alla vicepresidente (reggina) Giusi Princi, ma soprattutto al Comune e alla Città Metropolitana di Reggio. Come si giustifica ancora oggi questa totale assenza di visione strategica sullo scalo? Perché non viene messa priorità assoluta al problema aeroporto? 

Più d’uno si chiede che senso abbia la Città Metropolitana che, pur avendo un aeroporto che un tempo primeggiava al Sud, non si preoccupa di battere i pugni a Germaneto, a Roma e dovunque sia necessario per affrontare in maniera definitiva il “problema”. Già perché l’Aeroporto dello Stretto è un “problema” irrisolto e rischia di diventare irrisolvibile se non si trova un concerto di idee e di iniziative  che lo riportino agli antichi splendori, ma soprattutto gli restituiscano il ruolo fondamentale che può svolgere nell’area mediterranea dello Stretto.

Il caso dell’Aeroporto Sant’Anna di Crotone ha molte affinità con quello reggino, e richiederà l’attivazione di nuove rotte, utili a servire tutto l’Alto Jonio calabrese.

Ecco, la “nuova” Sacal dovrà decidere se fare “rete” e quindi creare sinergie ideali e funzionali tra i tre scali oppure continuare a ignorare le istanze dei sempre più scarsi utilizzatori degli aeroporti di Crotone e di Reggio. Non interessa ai calabresi se presidente Consiglio abbiano qualche tessera di partito in tasca, l’importante è che siano premiati il merito e la competenza. La capacità si potrà misurare subito dopo, con scelte di strategia, idee innovative per lo sviluppo, crescita del traffico aereo.

La Calabria vuole volare, ma non solo da Lamezia. Vuole accogliere i potenziali tantissimi ospiti e ha possibilità di offrire tre opportunità di scalo: non siano sprecate, sarebbe un errore imperdonabile.  (s)

Sacal: dopo il bilancio si scioglie il Cda. Presto il nuovo management

Il Consiglio di Amministrazione della Sacal, la società che ha in gestione i tre aeroporti calabresi, ha licenziato il bilancio 2021 e ha concluso il suo mandato prendendo atto delle dimissioni del presidente Giulio De Metrio. Adesso si attendono le decisioni del presidente della Regione Roberto Occhiuto per la nomina del nuovo management che dovrebbe “rivoluzionare” (soprattutto per gli scali di Reggio e Crotone) i rapporti della società di gestione e il territorio. De Metrio rimane alla guida in regime dei proroga fino alla nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione e del nuovo presidente.

Come si ricorderà, l’estate scorsa la Sacal era stata privatizzata con la colpevole disattenzione della Regione. Il Presidente Occhiuto ha denunciato e bloccato l’operazione, facendo tornare in mano pubblica la maggioranza della società. Le modifiche statutarie che si preannunciano potrebbero costituire l’ultima chance di rilancio per l’Aeroporto dello Stretto che ha visto negli anni ridurre al minimo le rotte e i voli, oltretutto con collegamenti a orari impossibili per viaggiatori dell’area dello Stretto. Il nuovo corso preannunciato dal presidente Occhiuto dovrebbe finalmente puntare a fare rete tra i tre scali calabresi. Un’opportunità di rilancio soprattutto per il trasporto aereo dell’area dello Stretto. Il nuovo management avrà un compito difficile ma l’obiettivo di armonizzare il traffico dei tre scali non è impossibile da raggiungere. (rrm)

REGGIO, ORARI IMPOSSIBILI DELL’AEROPORTO
ECCO GLI SCOMODI VOLI PER ROMA E MILANO

di SANTO STRATI – C’è dell’irrazionale negli orari dei voli dell’Aeroporto dello Stretto: penalizzano i passeggeri di Reggio e Messina e mortificano qualsiasi idea di traffico. Per quale motivo l’aeroporto di Reggio è l’unico scalo italiano che non collega Milano Linate al mattino e costringe al pernottamento chiunque abbia necessità di andare nel capoluogo lombardo e sbrigare in giornata i propri impegni?

˘Una delle tante storture che affliggono lo scalo reggino, destinato, di questo passo, a chiudere definitivamente. Non si tratta di essere pessimisti, ma realisti. Come segnalatoci da Pino Franco, prima c’erano due voli per Milano e uno per Roma programmati fino al 26 marzo scorso. Poi – fa notare Franco – Ita Airways ha fatto finta di togliere e lasciare solo il volo per Roma per poi ripristinare tutto all’ultimo minuto , facendo passare la cosa come una vittoria e una concessione alle richieste dei reggini. In realtà i voli per Milano hanno cambiato gli orari (il primo alle 12.05, l’altro alle 17.15) eliminando quello del mattino (ore 6,20) che permetteva il rientro alle 23.30. Sono rimasti due voli per Milano, ma gli orari non incentivano il traffico, dirottando i passeggeri su Lamezia.

Ecco, Lamezia, un aeroporto nato con vocazione internazionale, e diventato per la Sacal – attuale società di gestione da poco tornata a maggioranza pubblica (dopo la disastrosa rinuncia dell’estate scorsa della Regione), unico scalo calabrese da coltivare, sviluppare, rilanciare. Come se gli altri due scali calabresi, il Sant’Anna di Crotone e il Tito Minniti di Reggio, fossero al più una fastidiosa incombenza, una presenza di disturbo allo sviluppo di Lamezia. Prima dell’avvento della Sacal lo scalo reggino contava 12 tratte, ora sono rimasti appena due, con orari impossibili che c costringono inevitabilmente almeno a un pernottamento. Invece va considerata l’idea essenziale di fare rete con tutt’e tre gli aeroporti, guardando alle esigenze e alle prerogative del territorio, anche tenendo conto delle possibilità offerte dalla continuità territoriale (fino ad oggi mai richiesta) che permetterebbe importanti agevolazioni di viaggio per i calabresi.

Si è creata insomma una sorta di stupida rivalità tra Lamezia e gli altri due scali, ma soprattutto nei confronti di Reggio si continuano a registrare inspiegabili strategie volte a far declassare ancora di più lo scalo dello Stretto. Un esempio facile facile: se prendo oggi da Reggio il volo delle 12.05 arrivo a Linate alle 13.45; con un taxi sono in centro intorno alle 14.30. E spendo (tariffa e-dreams scontata 231,07 euro). Non ho voli di rientro in serata, il primo utile è alle 9.40 di domani  al “modico” prezzo di 167,65 euro (oppure alle 14.50, con qualche euro in meno di spesa, sempre con le tariffe scontate attraverso il portale e-dreams). Per sbrigare affari ho tutto il pomeriggio e se non mi basta i pernottamenti diventano due. Se, invece, mi lascio incantare dall’occhiolino che mi fa lo scalo di Lamezia, scopro che posso partire alle 8.25 per arrivare a Linate alle 10.25, spendendo “appena” 104,48 euro (tariffa prime e-dreams), con la possibilità di rientrare alle 22.10 con arrivo a Lamezia alle 23.50 con 135,90. Facendo due conti, se scelgo Reggio spendo solo di volo quasi 400 euro (a cui dovrò aggiungere almeno un pernottamento: 100 euro?), quindi circa 500 euro (per risparmiare salterò la cena…), invece se do la preferenza a Lamezia spenderò circa 240 euro, cioè quasi la metà (e mi viene persino voglia di una bella cotoletta alla milanese…). Purtroppo c’è poco da sorridere: con questa situazione quale traffico può attrarre lo scalo di Reggio? Non solo pe ri reggini ma anche he per i dirimpettai messinesi che evidentemente non sono più (come capitava un tempo con grande frequenza) ospiti graditi della compagnia di bandiera.

Il sospetto, più volte espresso, è che la “vecchia” Sacal avesse un obiettivo ben celato: chiudere i due scali di Reggio e Crotone e farli diventare dei terminal per Lamezia, con collegamenti bus veloci (si fa per dire, viste le condizioni dell’Autostrada del Mediterraneo che è un cantiere sempre aperto). Con buona pace dei lavoratori dei due scali e di quelli dell’indotto (ma chi apre uno shop in un aeroporto a mezzo servizio?). A chi serve un aeroporto così?

È una domanda da girare direttamente alla Città Metropolitana che dovrebbe puntare ad avere uno scalo non solo efficiente mai funzionale ai progetti di crescita e sviluppo del territorio, non solo in termini turistici ma anche imprenditoriali. Il Presidente Occhiuto ha scoperto per tempo la “privatizzazione” della Sacal avvenuta per espressa rinunzia della Regione (qualcuno dovrà pur spiegare chi ha deciso così o, peggio, ha ignorato le mire di privatizzazione dei soci non istituzionali) e ha bloccato tutto, riportando a proprietà pubblica la società. Occhiuto sa bene cosa significa fare rete e che così si potranno avere in piena efficienza i tre scali per far arrivare gli ospiti che una indovinata campagna promozionale potrebbe attrarre, ma gli apprezzabili intenti del Presidente si scontrano con la totale insensibilità di una terra avara di iniziative (soprattutto in campo turistico). La vicenda della promozione (?) a scoppio ritardato del 50° anniversario del ritrovamento dei Bronzi la dice lunga su come ancora una volta si rischia di perdere il treno. Quel treno dei desideri che in Calabria all’incontrario va (come scriveva Paolo Conte per Celentano). In un confronto in diretta ieri sera su Telemia, l’on. Francesco Cannizzaro ha annunciato il raddoppio dei voli e nuove importanti iniziative che riguardano soprattutto l’Aeroporto dello Stretto. Saremo felici di constatarne gli sviluppi. (s)

 

Sacal, d’Ippolito (M5S) chiede a Occhiuto impegno per investimenti cospiscui

Il deputato del Movimento 5 StelleGiuseppe d’Ippolito, ha sottolineato che «serve immediata trasparenza sul piano industriale, occorrono investimenti rilevanti per il rilancio del sistema aeroportuale calabrese e c’è bisogno di capacità e risolutezza per l’ammodernamento dello scalo lametino, per riprendere e tutelare i lavoratori stagionali, per cambiare metodo e passo rispetto alle precedenti gestioni dell’azienda».

«Adesso – ha proseguito – tocca ai soci pubblici, partendo dalla Regione Calabria, assicurare che inizi il nuovo corso della Sacal e agire in scienza e coscienza perché non si ripetano i clamorosi errori del passato. Chiedo al presidente Roberto Occhiuto di dedicarsi da subito al capitolo degli investimenti, che devono essere coraggiosi e cospicui, sul presupposto che le ricadute economiche sul territorio sono dieci volte superiore alle cifre destinate al sistema aeroportuale».

«Al riguardo confermo – ha rimarcato il parlamentare del Movimento 5 Stelle – tutta la mia disponibilità, consapevole che c’è bisogno di grande convergenza politica per il rilancio degli scali calabresi, quindi del turismo, dei servizi, dell’occupazione, dell’indotto e dell’economia in generale». «Mi auguro che anche l’amministrazione comunale lametina, rimasta piuttosto nelle retrovie e con ostinata chiusura al dibattito, comprenda l’importanza del momento e – ha concluso – accetti di confrontarsi sul terreno politico, dato che l’aeroporto di Lamezia Terme è cruciale per lo sviluppo del territorio». (rp)