TAURIANOVA (RC) – L’Auser incontra gli studenti Erasmus del liceo scientifico Guerrisi

Il circolo Auser di Taurianova ospite del liceo scientifico “Michele Guerrisi” di Cittanova per incontrare gli studenti del Progetto “Behind the Wall”, realizzato dall’Istituto scolastico diretto dalla prof.ssa Clelia Bruzzì, cofinanziato nell’ambito del Programma Erasmus+ dell’Unione Europea attraverso l’Agenzia Indire del Miur.

Il progetto ha coinvolto quaranta studenti, di cui venti provenienti da Francia e Spagna, in un percorso di studio e riflessione sulle migrazioni e sulle politiche dell’accoglienza.

L’associazione di volontariato, a rete nazionale, è stata invitata a incontrare gli studenti per parlare delle proprie attività nel territorio, in particolare di quelle dedicate ai migranti, come i corsi di insegnamento della lingua italiana, il doposcuola per i bambini stranieri e altri progetti di scambio culturale in essere presso il circolo Auser di Taurianova.

L’iniziativa è stata promossa dalla prof.ssa Concetta Corica (socia Auser). All’incontro, tenutosi il 12 aprile, coordinato dal responsabile prof. Sergio Zappone, hanno partecipato la presidente dell’associazione Auser di Taurianova Maria Rosa Romeo, la vicepresidente Mirella Manco e la presidente Auser territoriale di Gioia Tauro Federica Legato.

La testimonianza delle referenti Auser è stata tradotta in lingua inglese e ha entusiasmato gli studenti, grazie anche alla proiezione di video: un’esperienza importante ed emozionante per tutti i partecipanti. (rrc)

TAURIANOVA (RC) – Sportello antiviolenza, gli assessori Crea e Grimaldi consegnano i diplomi a conclusione del corso di alta formazione

Sportello antiviolenza, gli assessori Crea e Grimaldi consegnano i diplomi a conclusione del corso di alta formazione. Quattordici lezioni di alta formazione contro la violenza di genere, 12 donne che già si sono rivolte allo Sportello attivato 9 mesi fa, l’imminente varo di un Protocollo per una Rete locale antiviolenza: consegna un primo bilancio molto qualificante la collaborazione tra il Comune di Taurianova e la Piccola Opera Papa Giovanni, al centro di un incontro svoltosi nella sala consiliare.

A conclusione del ciclo di lezioni, finito con la consegna degli attestati ai 30 corsisti – 28 donne e 2 uomini – gli assessori Angela Crea e Massimo Grimaldi sono intervenuti assieme al responsabile del Settore Welfare, Saverio Latella, per sottolineare l’importanza della scelta fatta, accogliendo la proposta che era venuta dall’associazione reggina che ha scelto Taurianova per proseguire una sinergia con le amministrazioni della Piana di Gioia Tauro, che in precedenza era stata tentata a Polistena.

Sono inoltre intervenuti Francesca Mallamaci, coordinatrice del Centro antiviolenza e Casa rifugio Angela Morabito, Pietro Siclari – presidente della Piccola opera Papa Giovanni – e l’assistente sociale Martina Calcopietro.

«La qualità della partecipazione al corso – ha detto l’assessore al Welfare, Angela Crea – ci consente di poter contare su alleati sempre più professionalizzati, nel quadro di un intervento che abbiamo concepito come risposta concreta rispetto ad una emergenza sociale sempre più pressante. Per questo abbiamo messo a disposizione una risposta integrata al disagio, offrendo il supporto reso possibile dal Polo sociale integrato di via Francesco Sofia Alessio e facendo dialogare le tre operatrici dello Sportello con l’equipe multidisciplinare che lavora per l’Ambito sociale territoriale di cui Taurianova è Comune capofila e con le scuole cittadine che sono state molto recettive perché esiste un modello ben rodato che vede l’ente quale soggetto propulsore di una visione comunitaria delle risposte da dare contro la violenza e l’amarginazione».

L’assessore Grimaldi, che nella giunta ha la delega alla Legalità, ha apprezzato la scelta di rilanciare la collaborazione, attraverso un imminente Protocollo per la presa in carico delle donne vittime di “codice rosso”, che vedrà impegnati anche le forze dell’ordine, la Procura e il Tribunale. «Taurianova – ha detto Grimaldi – vuole continuare a fare squadra con lo Stato e con i professionisti del settore perché è necessario non solo fare prevenzione ma anche non far sentire sole le vittime».

Sia Mallamaci che Siclari hanno apprezzato la sponda offerta dall’amministrazione guidata dal sindaco Roy Biasi alla Piccola Opera Papa Giovanni, ente che opera contro il disagio sociale da ben 56 anni. «Con lo Sportello – ha detto Mallamaci – abbiamo reso possibile anche in questa parte di provincia un approccio integrato e multidimensionale al tema della violenza», mentre Siclari ha definito «completa la formazione fornita, per far comprendere alle operatrici e agli operatori che la violenza di genere, sia fisica che psicologica, si combatte unendo competenza e cuore».

Calcopietro ha ricordato l’attivazione di una rubrica radiofonica, tramite una partnership con Radio Eco Sud, nell’ambito dello Sportello taurianovese ed ha auspicato «una maggiore collaborazione con gli altri Ambiti territoriali della Piana».

Nel suo intervento Saverio Latella ha garantito il miglioramento del supporto necessario per le attività dello Sportello. «Credo di poter dire che questo sodalizio benemerito e storico ha scelto Taurianova non solo per la sua baricentricità – ha concluso il funzionario del Comune – ma anche perché l’ente ha garantito in questi anni interazioni importanti grazie alla scelta fatta, pure come Ambito territoriale, per rendere professionalizzati i servizi sociali. L’unità multidisciplinare che abbiamo formato e la premialità che abbiamo ottenuto per la rendicontazione nella spesa del Fondo sociale inclusione costituiscono degli attrattori dell’ interesse del variegato mondo istituzionale e del privato sociale deputato ad affrontare il disagio, ecco perché lo Sportello è potuto diventare una struttura credibile nell’impegno concreto di un Comune affidabile. Siamo convinti – ha concluso Latella – che la Carta dei servizi, senza servizi reali, non serve e che lo Sportello attivato non è un progetto, ma una delle emanazioni più qualificate di un servizio sociale altamente professionalizzato». (rrc)

TAURIANOVA (RC) – L’Unesco accoglie la candidatura della Rete Cidae delle Infiorate

Si lavora alla stipula di un Patto di Gemellaggio tra le manifestazioni che saranno in programma per Taurianova Capitale Italiana del Libro 2024 e l’infiorata di Taurianova allo scopo di far sfociare in un indirizzo culturale più condiviso e coerente il patrimonio che il Comune ogni anno assicura alla kermesse artistica giunta alla 6ª edizione.

Il tipo d’intesa che verrà sottoscritta a giorni, e che l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Roy Biasi renderà replicabile anche per altri eventi culturali che tradizionalmente portano in città un pubblico proveniente anche da fuori regione, quest’anno coincide pure con l’impegno straordinario che gli organizzatori della Proloco stanno assicurando per l’edizione che si terrà dal 20 al 23 giugno.

Uno sforzo notevole che il Comune vuole continuare a sostenere – come fa dal 2016, anno in cui si materializzò a Piazza Italia la prima Infiorata taurianovese – diventato però quanto mai fondamentale visto che insieme alle altre Infiorate Cidae (Coordinadora internacional de entitades, de alfombristas de arte efimero), proprio da mercoledì scorso, vanta l’esito positivo dell’accoglimento della candidatura a Patrimonio Culturale e Immateriale dell’Unesco e per la stessa si attende, entro il 2025, soltanto l’iscrizione “nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Immateriale dell’Umanità”.

Il Comune, che ha tenuto a sè la direzione culturale operativa delle manifestazioni nell’anno di Taurianova Capitale Italiana del Libro, vuole ottenere il massimo riverbero possibile per allargare l’obiettivo della promozione del Libro e della Lettura, tenendo conto che si prevede l’arrivo nella cittadina della Piana di Gioia Tauro di delegazioni delle associazioni nazionali ed internazionali comprese nella Cidae.

«Firmando il documento ministeriale di assenso e partecipando agli incontri che si sono tenuti per sostenere la candidatura dell’Infiorata di Taurianova a patrimonio dell’Unesco – commenta il sindaco Biasi – abbiamo mostrato al Ministero il forte legame che ormai c’é tra la Calabria e la nostra Infiorata grazie al lavoro dei volontari guidati dal presidente Nello Stranges, che hanno saputo aggiungere ogni anno qualcosa in più fino ad arrivare all’ultima edizione che ha registrato un pubblico straordinario che noi ora vogliamo che sappia che la città è anche Capitale del Libro. La scelta degli organizzatori di legare l’edizione di giugno al fumetto, quindi in coerenza con l’obiettivo del progetto curato dall’assessore alla Cultura Maria Fedele, che vuole coinvolgere specie i giovani nella fruizione della letteratura, ci consente di valorizzare questo che è il genere per eccellenza della letteratura pop, offrendo agli organizzatori tutto quel che può servire per intrecciare le partecipazioni di massa che si prevedono per la manifestazione».

I numeri dell’Infiorata di quest’anno, con la creazione di ben 19 quadri floreali che si svilupperanno per 150 metri lineari lungo il Viale XXIV Maggio, rappresentano un nuovo record frutto della maestria acquisita grazie anche alla partecipazione degli infioratori taurianovesi a numerose manifestazioni internazionali.

«Le dimensioni conquistate dalla nostra infiorata – conclude il sindaco Biasi – garantiscono non solo che la città è in grado di organizzare grandi eventi ma anche che l’estate che ci aspetta si annuncia davvero entusiasmante, ecco perché vogliamo cogestire con i soggetti pubblici che organizzano, le ricadute che tali eventi possono avere sull’anno di Capitale del libro in una osmosi continua e formalizzata in cui il bello dell’arte e la grande partecipazione attesa servono a migliorare la proposta culturale che il Comune sta elaborando». (rrc)

TAURIANOVA (RC) – L’incontro pubblico sulla Violenza di genere

Domani pomeriggio, a Taurianova, alle 16, nella Sala Consiliare del Comune, si terrà l’incontro La violenza di genere nelle leggi nazionali e internazionali. Modelli culturali e strategie d’intervento.

L’evento conclude il corso di alta formazione contro la violenza di genere, organizzato in collaborazione dall’Amministrazione comunale, dalla Piccola Opera Papa Giovanni, dalla Regione Calabria, dalla Commissione pari opportunità e dall’Ordine degli assistenti sociali. 

Nel corso dell’incontro, a cui parteciperanno gli assessori Angela Crea e Massimo Grimaldi, sarà presentato il Protocollo Rete Antiviolenza, prossimo alla sottoscrizione.

Intervengono Pietro Siclari, presidente dell’Associazione Piccola Opera Papa Giovanni, la dott.ssa Stefania Bruno, responsabile dell’Ambito Territoriale di Taurianova, il dott. Saverio Nicola Latella, responsabile Settore Welfare del Comune di Taurianova, dott.ssa Martina Calcopietro, assistente sociale sociale dello Sportello di Ascolto Territoriale di Taurianova. Modera Francesca mallamaci. (rrc)

Salone del libro, Taurinova Capitale italiana del libro 2024 ospite della Regione Calabria

La Regione Calabria, al Salone del libro di Torino, ospiterà nel proprio stand la città di Taurianova, Capitale italiana del libro 2024.

Di questo hanno parlato in un incontro alla Cittadella regionale di Germaneto il sindaco di Taurianova Roy Biasi e la vicepresidente della giunta regionale, Giusy Princi.

All’incontro erano presenti l’assessore alla Cultura, Maria Fedele e gli amministratori della città che hanno riscontrato con favore le indicazioni e i suggerimenti proposti per l’ottimale presenza nello stand della Calabria – soprattutto per quanto riguarda la partecipazione alla Giornata di sabato 11 maggio e il possibile coinvolgimento delle scuole cittadine – ed hanno rinnovato la soddisfazione, già espressa dal primo cittadino al presidente Roberto Occhiuto, per l’assoluta aderenza tra gli intendimenti pratici e simbolici della Regione e quelli del Comune.

Sia Biasi e Fedele che Princi hanno convenuto sulla necessità che l’assoluta rilevanza che la Regione sta dando alla sua partecipazione alla prestigiosa kermesse, dimostrata dalla occupazione di un’area di ben 200 metri nella parte centrale dell’area in cui si svolge la manifestazione, venga esaltata grazie al rilievo nazionale che la cittadina della Piana di Gioia Tauro ha ottenuto, a seguito di un progetto culturale improntato alla voglia di riscatto, da considerare tra i segni più emblematici di quella “Emozioni e Poesia: esplora l’incanto della Calabria” che la Regione proporrà come tema centrale a Torino dal 9 al 13 maggio.

«Taurianova Capitale è la pagina più bella della nuova storia che la Calabria sta offrendo in questi anni al Paese – ha detto l’assessore Fedele – perché è scritta dal basso e senza l’investimento di grandi risorse economiche, ma con l’orgoglio per l’appartenenza ad una regione che vuole farsi conoscere attraverso i fatti culturali che la città da anni organizza, che ora vogliamo allargare alle altre istituzioni consapevoli che le due missioni che ci siamo dati, attuare il progetto premiato dalla Giuria e parlare al mondo grazie ad esso, hanno bisogno della più grande partecipazione possibile di tutti i calabresi».

Nell’incontro sono state gettate le basi per altri futuri sostegni che la Regione può garantire, attraverso i bandi per potenziare la biblioteca di imminente riapertura e la collaborazione per gli eventi collaterali che il Comune sta pianificando.

«Vogliamo fare in modo che l’anno di Taurianova Capitale produca frutti che vanno al di là del tempo – ha concluso il sindaco Biasi – penso ad esempio alla strutturazione definitiva di quella vocazione ricettiva che, nel campo dell’arte e della cultura, la città ha già tratteggiato in questi anni grazie anche alle associazioni che curano eventi di primordine, come l’Infiorata e il Concorso internazionale dei Madonnari, ma penso anche alla promozione di una posizione geografica felice mediana tra mare e montagna, limitrofa a due parchi archeologici, centrale nell’ambiente vissuto dai grandi scrittori calabresi del passato e per questo capace di intercettare quote consistenti di turismo culturale e turismo delle radici». (rrc)

TAURIANOVA (RC) – La Commissione straordinaria di liquidazione va via e ringrazia la Giunta

La Commissione straordinaria di liquidazione va via e ringrazia la Giunta dopo aver avuto un incontro in cui si è discusso del rendiconto della gestione liquidatoria approvato il 9 gennaio scorso.

La riunione, avvenuta nell’ufficio del sindaco Roy Biasi, si è rivelata utile – oltre che per un doveroso e sentito gesto di reciproco saluto dopo il lavoro fatto – anche per conoscere le indicazioni di massima per questa nuova fase, e non a caso il primo cittadino ha voluto che al commiato presenziassero anche il segretario generale Francesco Minniti e la nuova responsabile dell’Area Finanze dell’ente, Simona Abramo.

Preliminarmente l’Organo straordinario di liquidazione (Osl) composto da Salvatore Gullì, dirigente della prefettura di Reggio Calabria e da pochissimi mesi in pensione, da Francesco Battaglia, funzionario Economico-Finanziario in servizio attivo presso la prefettura di Reggio Calabria e da Caterina Saffioti, segretario comunale in pensione, ha ricordato le immense doti umane e professionali del componente, prematuramente scomparso, Antonio Santoro funzionario della Prefettura di Reggio Calabria.

La Commissione ha poi rivolto un sentito ringraziamento al sindaco Roy Biasi per la fattiva quanto apprezzata collaborazione fornita, che le ha consentito di operare in condizioni di piena efficienza, rendendo disponibili validi dipendenti comunali per la costituzione della struttura di supporto.

Sotto l’aspetto meramente pratico, l’Osl, oltre ad aver definito, in via transattiva, numerose posizione debitorie, ha svolto attività di accertamento e riscossione dei tributi comunali riferiti ai periodi di competenza. In tale ambito, si presentano abbastanza rilevanti le somme rimaste da riscuotere, di cui 8.515.731,44 euro sono residui attivi al 31-12-2017 ed 16.085.909,84 euro accertate dall’Osl, che laddove venissero riscosse, garantirebbero al Comune di Taurianova di fronteggiare ampiamente le residue posizione debitorie ammontanti ad 6.447.858,32 euro, ancorché comunque già parzialmente coperte dalla disponibilità che l’Osl a conclusione della sua attività ha versato al Comune, pari a complessivi 4.672.885,16 euro.

Tuttavia – è stata l’esortazione della Commissione prontamente accolta dalla Giunta – per assicurare un equilibrio economico-finanziario strutturale a regime è fondamentale che l’ente continui con rinnovato vigore e consolidi l’attività di riscossione dei tributi comunali.

Nel suo intervento il sindaco Biasi, oltre ad esprimere apprezzamento per l’alto grado di professionalità assicurato dai commissari, rinnovando il ringraziamento per la competenza in tema di gestione economica finanziaria che i tecnici scelti hanno assicurato – ottenendo in particolare dal dottore Battaglia che torna alla Prefettura la disponibilità a fornire anche in futuro eventuali suggerimenti dall’alto della sua comprovata esperienza – ha illustrato le attività che ora il Comune metterà in campo per porre al riparo l’ente dal rischio di un altro collasso dei conti. Si tratta peraltro di un Piano d’azione di cui il primo cittadino ha già partecipato il Consiglio comunale in occasione dell’approvazione del Bilancio previsionale.

«Conclusivamente – hanno convenuto i commissari e il sindaco – non può essere sottaciuto che la normativa sul dissesto finanziario degli enti locali meriterebbe una corposa rivisitazione, in quanto si manifesta inadeguata rispetto agli scopi che il legislatore si era prefissato di conseguire attraverso la sua applicazione».

«Sarebbe necessario – continua la nota – nel clima riformatore che l’attuale legislatore pure ha propiziato, nell’immediato valutare l’opportunità di un affiancamento istituzionale agli enti locali, attraverso l’attivazione di un tavolo tecnico oltre che a livello centrale anche a livello periferico per supportare gli enti locali e gli Osl nell’applicazione della legislazione vigente e per rendere concreta la collaborazione tra i due organi (Comune ed osl) circostanza questa che sfortunatamente non sempre accade. Ciò può rappresentare l’occasione per aiutare gli Enti ad affrontare e risolvere le crisi finanziarie ormai all’ordine del giorno soprattutto nelle realtà centro meridionali». (rrc)

TAURIANOVA (RC) – Capitale del libro, manifestazione di interesse per proporre i primi eventi

Vanno avanti a Taurianova, giorno dopo giorno, i lavori per prepararsi al meglio al titolo di Capitale italiana del libro 2024.

Si è tenuta una nuova riunione operativa della giunta comunale, in vista dell’assegnazione per decreto del titolo di Capitale italiana del Libro 2024, per fare il punto rispetto ai contenuti e ai tempi del progetto da attuare.

L’assessore alla Cultura, Maria Fedele – nel focus allargato anche alla partecipazione del presidente del consiglio comunale, Raffaele Scarfò – ha relazionato sull’esito dei contatti avuti in questa che viene considerata una fase preparatoria, prima dei 3 step in cui verranno distribuite le iniziative fino all’aprile 2025, come pure sull’effetto positivo determinato dalle due riunioni dei 35 sottoscrittori del Patto per la Lettura.

A questo proposito, la Giunta presta particolare attenzione alla promozione, che le stesse associazioni possono amplificare, della Manifestazione di interesse con cui il Comune, sin dal 9 gennaio scorso – ovvero prima dell’ingresso di Taurianova nella cinquina delle città finaliste nel Concorso del ministero della Cultura – continua a chiedere agli scrittori, agli editori, ai librai e agli operatori culturali di presentare, come ogni anno, le proposte di eventi tramite i canali formali e istituzionali.

In questo senso è ancora consultabile sul sito internet del Comune l’avviso diramato per incentivare la partecipazione a “Taurianova Legge-Festa del libro e della lettura” – l’annuale manifestazione giunta alla 6° edizione che anche quest’anno partirà tra maggio e giugno ma avrà appuntamenti che vanno oltre questo periodo – e per le cui adesioni si potrà fare domanda entro il 31 marzo.

Proprio questa indicazione precisa, di continuare a considerare “Taurianova Legge” il contenitore più grande dentro il quale distribuire gli eventi di valorizzazione del libro, ha tenuto a ribadire il sindaco Roy Biasi che ha sottolineato come anche nell’invito alla partecipazione l’amministrazione comunale voglia valorizzare il binomio trasparenza ed affidabilità.

«Siamo convinti – ha dichiarato il sindaco Biasi – che siamo stati premiati non solo per l’idea di riscatto sociale tramite la cultura di cui l’amministrazione comunale si è fatta rappresentante, ma anche perchè ci siamo presentati alla Giuria con un programma di eventi culturali che già abbiamo dimostrato di saper realizzare, e da questo vogliamo partire».

L’assessore Fedele, poi, ha illustrato ai colleghi lo stato di una pianificazione che in questa fase può essere completata solo quando, scaduto l’avviso pubblico, si conoscerà numero e portata delle preposte arrivate.

«Stiamo lavorando con un metodo che ci consente di aggiungere all’architrave costituito da Taurianova Legge e dalla riapertura della biblioteca anche una seconda missione culturale – ha commentato l’assessore – che, a partire dal coinvolgimento di figure di primo piano sulla scena regionale e nazionale, ci consente di caratterizzare l’anno di Taurianova Capitale per degli approfondimenti di qualità che abbiamo in mente e per una serie di eventi collaterali che grazie al libro e alla cultura consentono alla nostra città di dialogare con il mondo».

Nell’affiancare l’applicazione del progetto premiato, all’esplicazione di un indirizzo turistico e culturale ulteriore, la riunione è finita con il confronto intorno alla scelta organizzativa fatta, ovvero di non avvalersi di un direttore artistico, bensì di uno staff di responsabili di alto livello – un comitato tecnico operativo – che in maniera agile concorderà con il Comune gli indirizzi e la loro attuazione nelle tre fasi in cui si dispiegherà il doppio progetto. (rrc)

TAURIANOVA (RC) – A giugno ritorna l’Infiorata

Ritorna l’Infiorata a Taurianova. La sesta edizione è infatti prevista dal 20 al 23 giugno, organizzata dalla Pro loco “Taurianova nel cuore”.

Visto lo straordinario successo registrato lo scorso anno, quando nel corso della tre giorni sono giunte in città circa 100mila persone, i ragazzi della Pro loco, guidati dal presidente Nello Stranges e dal suo vice Pier Luigi Melara, già da mesi sono al lavoro per organizzare la nuova edizione della kermesse dell’arte effimera. Con lo scopo di fare ancora meglio rispetto all’anno scorso, la direzione artistica della manifestazione è stata affidata a Valentina Mammana, artista di fama internazionale, presidente dell’associazione CulturArte di Noto, alla quale da anni viene affidata la direzione artistica dell’Infiorata di Noto, del Festival europeo delle arti effimere e di numerose manifestazioni di arte effimera che si svolgono nelle più importanti città al mondo.

Valentina Mammana è anche vicepresidente della Cidae (Coordinadora internacional de entidades de alfombristas de arte efimero), l’associazione internazionale delle arti effimere più importante al mondo, con sede in Spagna – che attualmente sta definendo il riconoscimento come Patrimonio immateriale dell’Unesco, dei tappeti floreali e altri materiali naturali realizzati dalle associazioni che raccoglie al suo interno – della quale l’Infiorata di Taurianova fa parte dall’estate dello scorso anno.

In virtù dell’inserimento nell’élite mondiale delle Infiorate, i ragazzi della Pro Loco lo scorso luglio, sono stati protagonisti del Festival delle arti effimere european edition, tenutosi a Noto, mentre a fine agosto sono volati a Barcellona, dove si è svolto il Congresso internazionale di arte effimera e patrimonio culturale immateriale, organizzato proprio dalla Cidae.

«A seguito della richiesta pervenutaci dall’amministrazione comunale – ha annunciato il presidente della Pro loco Nello Stranges – di associare il tema della sesta edizione dell’Infiorata al prestigioso riconoscimento ottenuto dalla nostra città da parte del Ministero della Cultura, di Capitale italiana del libro 2024, abbiamo deciso di accostare l’Infiorata al magico mondo dei fumetti, pertanto il tema di quest’anno sarà “La magia del fumetto incontra l’arte effimera”».

A tal proposito, gli organizzatori hanno avviato dei contatti con alcuni artisti del Lucca Comics & Games, la fiera internazionale dedicata al fumetto, che si svolge a Lucca, in Toscana, e presto verranno annunciate importanti novità. Quella di scegliere il fumetto come tema di quest’anno, è una scelta condivisa con il sindaco di Taurianova, Roy Biasi, e gli assessori alla Cultura, Maria Fedele, e agli Eventi di promozione, Massimo Grimaldi.

«Sulla base di questo tema – ha continuato Stranges – verranno realizzati 18 quadri floreali e materiali naturali, di 24 mq ciascuno, per un totale di 432 mq. Ne varrà fuori un lunghissimo tappeto floreale, che andrà a coprire oltre 150 metri del corso XXIV Maggio. In ciascun bozzetto verrà riprodotto con l’utilizzo di fiori, uno dei personaggi dei fumetti più famosi al mondo, incastonato con maestria all’interno di uno sfondo che richiamerà i luoghi più belli e rappresentativi della nostra regione, tra questi anche Palazzo Contestabile, scelto oltre che per la sua bellezza storico-culturale, anche per rendere omaggio alla memoria dell’avvocato Francesco Contestabile, scomparso lo scorso anno». Inoltre, non mancheranno le manifestazioni collaterali che da sempre impreziosiscono l’Infiorata di Taurianova.

Continuano anche quest’anno le collaborazioni con le più prestigiose associazioni di infioratori. Oltre a quelle che hanno già partecipato l’anno scorso, ossia l’associazione CulturArte di Noto, l’Accademia maestri infioratori di Genzano, i maestri infioratori di Gerano, l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, l’Antica Kaulon di Monasterace, il Gruppo infioratori di Gallico, il Gruppo mosaici di Palmi e il gruppo artistico Antheja di Palmi, si aggiungeranno l’associazione Infiorata borgo antico di Bovalino, l’associazione socio-culturale Zoì di Gioia Tauro, l’Associazione maestri infioratori di Montefiore dell’Aso, l’associazione Tappeti di segatura di Camaiore e l’associazione Inverdurata di Pachino.

Anche quest’anno, l’Infiorata di Taurianova, da tempo inserita nel portale di Calabria straordinaria come uno degli eventi più attrattivi della nostra regione, vanterà diversi patrocini, tra i quali in primis quello della Regione Calabria, della Presidenza del Consiglio regionale, della Città metropolitana di Reggio Calabria, dell’Anci Calabria, dell’Epli attraverso il protocollo d’intesa con il Ministero del Turismo e il Ministero della Cultura, di Calabria straordinaria, della Fondazione istituto regionale per la comunità greca di Calabria – della quale è presidente Nino Spirlì – la Cidae, l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, l’associazione CulturArte di Noto, il Comune di Taurianova, e altri importanti istituzioni di cui si aspetta l’ufficialità. Main sponsor dell’Infiorata sarà invece, l’imprenditore Natale Princi.

Riflettori puntati quindi sull’Infiorata, non solo dal punto di vista artistico, ma anche per il fatto che potrebbe diventare Patrimonio immateriale dell’Unesco. «Su questo frangente – ha sottolineato Stranges – per il momento preferiamo mantenere il riserbo», così come sui nomi di prestigio del panorama mondiale dell’arte effimera e dello spettacolo, che prenderanno parte alla tre giorni. (rrc)

TAURIANOVA (RC) – Via libera al Bilancio in consiglio comunale

Via libera in consiglio comunale a Taurianova al primo Bilancio dopo il dissesto finanziario. Lasciare invariate le aliquote Imu e Irpef e dettagliare un Piano che soddisfi gradualmente i creditori, rendendo svantaggioso per loro proporre azoni contro la liquidità di cui attualmente dispongono le casse. E’ così sintetizzata la strategia dettagliata dal sindaco Roy Biasi, durante la seduta del consiglio comunale per approvare il primo Previsionale dopo la recente uscita dal dissesto finanziario, valevole per gli anni 2024-2026.

«Sto curando personalmente la predisposizione di un Piano razionale perché i fondi che ci lascia la Commissione non sono sufficienti, sebbene l’organismo abbia fatto un lavoro di risanamento egregio – ha detto il sindaco – I creditori hanno una mole di crediti superiore alla liquidità che abbiamo, e vogliamo proporre, dove possibile, con cautela e trasparenza, delle transazioni per riequilibrare questi conti. Per la maggior parte dei crediti la somma è stata accantonata, vi è però un 50 % che invece dobbiamo proteggere dalle azioni legali».

Il sindaco si è detto ottimista dopo lo studio dei conti fatto, ribadendo che «non erano cifre enormi quando fu deciso il dissesto e non lo sono adesso che ci troviamo ad approvare il Bilancio tra i primi Comuni in Calabria».

Il sindaco ha però fatto appello al senso di responsabilità dei consiglieri comunali, che lo hanno ascoltato – i 3 consiglieri di opposizione Stranges, Lazzaro e Prestileo, gli unici presenti in aula, si sono astenuti nelle votazioni su Imu e Irpef – spiegando come non sia stato possibile abbattere le aliquote in questo momento.

«Sto cominciando a incontrare i creditori per scongiurare una aggressione indiscriminata – ha proseguito Biasi – Sto cercando di far capire che possiamo dare una parte e una seconda parte la possiamo diluire nel tempo. Dobbiamo essere bravi tutti insieme per fare in modo che con giustizia sociale ed equità si intervenga per recuperare i 25.000.000 di tributi non riscossi, che ci farebbero essere un Comune ricco».

Il sindaco, che ha la delega al Bilancio, ha poi illustrato il Dup – documento unico di programmazione – ed ha ringraziato l’attuale capoarea Finanze, Simona Abramo, e il suo predecessore Giuseppe Crucitti, illustrando tra l’altro le tante opere per le quali stanno per iniziare i lavori e quelli che stanno per essere appaltati. Infine, evidenziando, di voler fare un sacrificio ricorrendo al Credito sportivo se a breve non ci saranno bandi per ottenere i fondi necessari a finanziare i 2 progetti pronti per i campi sportivi comunali.

Biasi, infine, ha letto parte del programma elettorale definendo «più che positivo il saldo tra le opere per cui ci si era impegnati e le opere effettivamente realizzate, compresa la biblioteca». Il Dup è passato con i voti contrari dei due consiglieri di Fratelli d’Italia e l’astensione di Forza Italia, assenti i consiglieri del Pd e di Azione. Analogamente al Bilancio previsionale. (rrc)

TAURIANOVA (RC) – Capitale del libro, mobilitati i sottoscrittori del “Patto per la lettura”

Dopo l’assegnazione del titolo di Capitale italiana del libro 2024, a Taurianova si lavora su ciò che si deve fare per arrivare pronti all’appuntamento.

Un nuovo incontro con i sottoscrittori del “Patto per la Lettura”, il secondo dopo la presentazione del dossier per la candidatura di Taurianova a Capitale italiana del libro, ha impegnato gli amministratori comunali che, con in testa il sindaco Roy Biasi, si sono confrontati con i partner del progetto “La Città della cultura”.

Quella tenutasi nella sala consiliare di piazza della Libertà è stata una riunione dal taglio informativo-operativo che, valorizzando nuovamente la larga partecipazione attivata dall’amministrazione comunale, ha consentito ai partner formalmente chiamati a contribuire alla realizzazione del programma – ben 35 tra istituzioni, associazioni, scuole, centri di formazione, librai e media locali – di conoscere lo stato dell’iter e il cronoprogramma di massima che il Comune ha già predisposto per le due fasi in cui intende proiettare il suo impegno.

«Vogliamo scrivere un nuovo libro nella storia di questo territorio – ha detto il sindaco Biasi rivolto ai partecipanti – e vogliamo scriverlo con voi, per un investimento preciso nel settore della cultura che abbiamo fatto sin da quando 2 anni fa decidemmo, seppur tra mille difficoltà finanziarie, di creare nella pianta organica del Comune la figura del bibliotecario. Non c’è nulla di improvvisato, quindi, c’è anzi un disegno amministrativo preciso che parte dalle cose eccellenti che Taurianova già fa, premiate dal ministero come già ho avuto modo di far sapere alla premier Giorgia Meloni che ho incontrato a Gioia Tauro nei giorni scorsi».

Sia il sindaco che l’assessore alla Cultura, Maria Fedele, proseguendo in quell’approccio rispettoso dei tempi che si è dato il ministero della Cultura – che ha divulgato tramite il sito internet la designazione di Taurianova, operata dalla commissione indipendente – hanno ribadito la volontà di tenere mobilitata la città in attesa del decreto che proclamerà la Capitale per l’anno 2024.

«A fine aprile – ha rivelato l’assessore Fedele – sappiamo che a Genova si terrà un evento che segnerà il passaggio di testimone e, quindi, dobbiamo essere pronti a cominciare a maggio».

L’intendimento del Comune è di due tipi. In primo luogo vuole attuare già, fino a settembre, alcuni degli obiettivi che sono stati indicati nel progetto ovvero gli eventi che annualmente si svolgono nella cittadina della Piana di Gioia Tauro proprio dalla primavera: in primis Taurianova Legge e il festival dei libri Gialli chiamato Taurianovanoir.

«Occorre pubblicizzare quanto più possibile il bando che si trova sul sito del Comune per gli incontri con gli scrittori che scade a fine marzo e che noi avevamo varato prima della nostra designazione – ha proseguito l’assessore Fedele – e chiedo a ciascuno di voi di presentare già delle proposte entro fine marzo, per consentirci di varare quanto prima un programma di questa prima fase, imperniata anche sulla riapertura della biblioteca, sulla nuova fiera del libro che faremo in villa, oltre che gli altri punti del progetto di cui siete partner, ovvero le manifestazioni Nati per la Cultura, in Cucina con la Storia, i Reading sui classici, gli incontri con gli autori calabresi, l’installazione di 18 totem turistici in prossimità dei siti di interesse storico, nonché la creazione dell’App Bibliotaurus».

Il secondo input offerto dagli amministratori ha puntato sulla volontà di allargare il partenariato istituzionale per massimizzare il titolo di Capitale attraverso un progetto strategico parallelo con cui – è stato spiegato – «Taurianova vuole parlare al mondo» e, in questo senso, iI consigliere regionale Giuseppe Mattiani, portando i suoi saluti ai protagonisti del progetto “La città della cultura”, ha garantito «l’impegno della Regione».

I partner del progetto intervenuti, a partire dal delegato alla Cultura della Città metropolitana di Reggio Calabria, Filippo Quartuccio, hanno espresso apprezzamento per la scelta di coinvolgere già in questa fase i sottoscrittori del Patto per la Lettura.

«Il nostro ente – ha detto Quartuccio – a maggio sarà presente a Torino per il Salone del Libro e già a partire da questo appuntamento siamo pronti a collaborare con Taurianova per il lavoro grandioso che ci attende». Parlando per i 20 gruppi riuniti nella Consulta delle associazioni, la presidente Anna Maria Fazzari ha garantito «l’impegno a fare in modo che il titolo di Capitale segni l’irrobustimento di un protagonismo sociale benefico che, da 10 anni a questa parte, grazie alle iniziative culturali, viene esaltato».

Il librario Francesco Scarcella, oltre a dirsi sicuro che «Taurianova ha un tessuto sociale pronto a sfide di questo tipo», ha invitato gli altri partner a «dare un contributo sentendosi già Capitale». (rrc)