L’OPINIONE / Pietro Molinaro: Le istituzioni calabresi siano più vigili sugli orrori organizzativi di Trenitalia

di PIETRO MOLINARO – Appena fuori dalle grandi linee ad alta velocità la rete ferroviaria è lenta, come sanno bene pendolari e viaggiatori. Quello che è accaduto a due artisti che avevano fatto uno spettacolo a Corigliano Calabro è emblematico! La destinazione finale era Pescara. Il treno proveniente da Melito Porto Salvo (RC) che li doveva portare a Taranto per poi andare a Bari e quindi Pescara ha problemi tecnici e per questo vengono avvisati con messaggio.

Persistendo le difficoltà Trenitalia con sms comunica che il treno è soppresso e quindi suggerisce di andare a Catanzaro Lido (pensate un pò che genialata!), di fatto andare indietro di 200 Km per poi prendere un treno per Sibari che è a 10 minuti da Corigliano e da li poi un bus per Taranto.

È il caso di dire che la geografia e le distanze non sono proprio il forte di Trenitalia! Dopo varie peripezie il risultato finale è stato che sono arrivati a Pescara con oltre 8 ore di ritardo! Un esempio di come Trenitalia non ha rispetto per la Calabria. Il contrario si può dimostrare rimuovendo i responsabili, chiedendo scusa agli artisti e offrendo loro una vacanza in Calabria. (pm)

Trenitalia presenta il programma estivo per la Calabria

Trenitalia ha presentato la sua “Summer Experience” che, tra l’altro, prevede tantissime novità e conferme per la Calabria.

Presentata dall’Amministratore Delegato di Trenitalia, Luigi Corradi, la nuova offerta estiva prenderà il via il prossimo 12 giugno, in concomitanza proprio con l’attivazione dell’orario ferroviario estivo.

«Con l’avvio della Trenitalia Summer Experience 2022 – ha evidenziato Luigi Corradi, Amministratore Delegato di Trenitalia – il nostro obiettivo è valorizzare e incentivare la scelta del treno anche coniugandolo in maniera efficace con altri mezzi di trasporto quando necessari a raggiungere le mete finali più amate dai nostri clienti. Un obiettivo che Trenitalia si pone anche nel suo ruolo di capo del Polo Passeggeri del Gruppo FS».

«Insomma – ha proseguito – guardiamo all’esperienza di viaggio nella sua interezza per abbinare all’opzione virtuosa e sostenibile del treno altri plus quali la comodità, la convenienza, la capillarità e rispondere così a un aumento di domanda di mobilità estiva che trova una prima benaugurante conferma nelle prenotazioni già registrate per i prossimi mesi».

Per quanto riguarda la Calabria, sono 16 in totale le Frecce di Trenitalia che collegano ogni giorno la Calabria a Roma. Fra Torino a Reggio Calabria, senza cambi, passando per Roma, 4 Frecciarossa, ogni giorno; due i Frecciarossa1000 fra Venezia e Reggio Calabria, mentre una coppia di Frecciarossa Fast unisce in meno di 9 ore Milano e Reggio Calabria.

Sono 6 in totale invece i Frecciargento che collegano Reggio Calabria alla capitale, con fermate, in Calabria, alternativamente, nelle stazioni di Scalea S. Domenica Talao, Paola, Lamezia Terme, Vibo Valentia, Rosarno, Gioia Tauro, Villa San Giovanni.

Torna anche per questa estate il Frecciarossa notturno, che dal giovedì alla domenica, da giugno a settembre, consente di viaggiare di notte con il comfort e i servizi Frecciarossa, con partenza da Milano e fermate a Milano Rogoredo, Reggio Emilia AV, Bologna, Firenze e in Calabria a Paola, Lamezia Terme, Rosarno e Villa San Giovanni.

Confermato inoltre il collegamento regionale fra Crotone e Sibari, con fermate anche a Cirò, Cariati, Rossano e Corigliano Calabro in coincidenza con il Frecciargento Bolzano-Sibari, per viaggiare dalla montagna al mare.

Le navi veloci di Blujet (Gruppo FS Italiane), invece, garantiscono un facile interscambio fra i due mezzi di trasporto, fra Villa San Giovanni e Messina.

All’offerta Intercity che ogni giorno raggiungono la Calabria, che si compone di 4 coppie di Intercity Giorno fra Reggio Calabria e Roma, due coppie di Intercity Giorno fra Reggio Calabria e Taranto, una coppia di Intercity Notte fra Reggio Calabria e Milano/Torino, si aggiunge un Intercity Giorno periodico che circola nel fine settimana (il sabato da Milano verso Reggio Calabria e la domenica da Reggio Calabria verso Milano). Dal 12 giugno 2022 anche gli Intercity Giorno e Notte diretti a Reggio Calabria fermeranno a Tropea, Vibo Marina, Ricadi-Capo Vaticano e Nicotera.

Ad arricchire i collegamenti di lunga percorrenza, inoltre, anche due coppie di treni Intercity Giorno e una coppia di Intercity Notte fra Roma e la Sicilia, più una coppia di Intercity Notte fra Milano e la Sicilia, con fermate in Calabria.

Per scoprire le bellezze della Calabria in treno disponibili tanti servizi, di concerto con la Regione, Committente del Servizio.

Torna il Cedri Line, che fino all’11 settembre, con 14 collegamenti nei giorni feriali, 8 il sabato e 6 la domenica, unisce Sapri a Paola, proseguendo per Cosenza con fermate nelle principali località balneari della Riviera dei Cedri tra cui Praia a Mare, Scalea, Diamante. E dalla stazione di Praja, con gli 8 collegamenti al giorno parte il Cedri Beach Link che permette di giungere in prossimità delle spiagge di San Nicola Arcella in bus.

Sino all’11 settembre confermato il servizio turistico Tropea Line che, con un’offerta di 24 collegamenti al giorno, percorre la spettacolare Costa degli Dei, con fermate strategiche nelle più belle località di mare – Pizzo, Vibo Valentia, Briatico, Zambrone, Parghelia, Tropea, Santa Domenica, Ricadi, Joppolo, Nicotera – proseguendo da Rosarno per Reggio Calabria lungo la Costa Viola.

Sulla costa ionica saranno 13 i collegamenti giornalieri tra Reggio Calabria e Roccella Jonica e 25 tra Reggio Calabria e Melito di Porto Salvo, con un potenziamento dell’offerta festiva verso le principali spiagge della costa, tra le quali Annà.

Per una sempre maggiore intermodalità, confermato anche il Lamezia Airlink, servizio combinato treno+bus dalla stazione all’aeroporto internazionale di Lamezia Terme “Sant’Eufemia” mentre il Sibari Museum Link, collegherà la stazione di Sibari al Museo archeologico nazionale della Sibaritide, con 6 collegamenti al giorno. 

Per il 2 giugno torna il Frecciarossa notturno tra Milano e la Calabria

In occasione delle partenze èer il ponte del 2 giugno, tornano i Frecciarossa notturni tra Milano e la Calabria. Trenitalia, infatti, dall’1 al 5 giugno, ha previsto quattro nuovi collegamenti che permetteranno lo spostamento viaggiando di notte.

Il Frecciarossa notturno partirà l’1 e il 5 giugno da Milano Centrale alle 21.20, con arrivo a Reggio Calabria alle 8.03 della mattina seguente. La partenza da Reggio, sempre l’1 e il 5 giugno, è invece fissata alle 21.37, con arrivo a Milano alle 8.45 della mattina seguente.

Disponibile nei sistemi di vendita di Trenitalia, il Frecciarossa notturno ferma a Milano Rogoredo, Reggio Emilia AV, Bologna Centrale, Firenze Santa Maria Novella e, in Calabria, a Paola, Lamezia Terme Centrale, Rosarno e Villa S. Giovanni.

Per raggiungere la Sicilia, inoltre, è possibile usufruire delle navi veloci di Blujet (Gruppo FS Italiane) in connessione con il Frecciarossa da Villa San Giovanni, per un facile interscambio fra i due mezzi di trasporto. (rrm)

A Pasqua e per i Ponti di primavera tornano i Frecciarossi notturni tra Milano e la Calabria

In occasione della Pasqua e dei ponti di primavera, sono stati riattivati i Frecciarossa notturni con due collegamenti tra Milano e la Calabria e, nello specifico, per i giorni 13, 18, 22 e 25 aprile.

Il Frecciarossa notturno partirà da Milano Centrale alle 21.20, con arrivo a Reggio Calabria alle 8.18 il 13 aprile e alle 8.03 il 18, 22 e 25 aprile. La partenza da Reggio invece è fissata alle 21.37, con arrivo a Milano alle 8.45 della mattina seguente.

Disponibile nei sistemi di vendita di Trenitalia, il Frecciarossa notturno ferma a Milano Rogoredo, Reggio Emilia AV, Bologna Centrale, Firenze Santa Maria Novella e, in Calabria, a Paola, Lamezia Terme Centrale, Rosarno e Villa S. Giovanni.

Per raggiungere la Sicilia, inoltre, è possibile usufruire delle navi veloci di Blujet (Gruppo FS Italiane) in connessione con il Frecciarossa da Villa San Giovanni, per un facile interscambio fra i due mezzi di trasporto.

Un servizio che si aggiunge alle Frecce e Intercity che collegano nord e sud del Paese per un’offerta sempre più flessibile e attenta alle esigenze di mobilità delle persone che, viaggiando di notte, potranno dedicare maggiore tempo allo svago e alla famiglia durante le festività pasquali e in occasione del 25 Aprile. (rrm)

Presentato il treno Blues a Reggio, Versace e Brunetti: Salto di qualità per il trasporto pubblico locale

Il sindaco f.f. della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Carmelo Versace e il sindaco f.f. del Comune, Paolo Brunetti, hanno espresso soddisfazione per la presentazione, a Reggio, del treno ibrido blues di Trenitalia, sottolineando che si tratta di «un salto di qualità per il trasporto pubblico locale».

«Oggi – ha detto Versace – abbiamo l’ennesima conferma di quanto sia importante sostenere il lavoro di squadra tra istituzioni ed enti che operano sul territorio, e il lancio di questo treno, con i servizi che intorno ad esso verranno attivati, lo dimostrano chiaramente. È su questo che stiamo lavorando, ovvero su un metodo di lavoro basato sul dialogo e sulla ricerca costante di soluzioni condivise e di risposte credibili da dare ai cittadini».

Alla presentazione hanno partecipato gli assessori comunali Domenico Battaglia e Rocco Albanese

«Con il management di Trenitalia, che ringrazio per la disponibilità e l’attenzione che dimostrano costantemente nei confronti del nostro territorio, – ha proseguito Versace – abbiamo un’ottima interlocuzione che ci sta consentendo di porre al centro della strategia di sviluppo del sistema ferroviario locale, le principali istanze e i temi più urgenti che riguardano l’area metropolitana di Reggio Calabria. Condividiamo in pieno la scelta di investire su tecnologie “green” – ha poi sottolineato il Sindaco metropolitano f.f. – che poterà entro la fine dell’anno alla sostituzione di circa l’80 per cento dell’intero parco treni di Trenitalia con mezzi di ultima generazione, nel quadro di uno dei progetti bandiera portati avanti con grande determinazione dal ministero delle Infrastrutture».

«Un convinto plauso, inoltre – ha proseguito – vogliamo rivolgerlo al gruppo Hitachi che ha realizzato questo treno e del cui sistema industriale fa parte, con grande orgoglio, anche lo stabilimento di Reggio Calabria. Una realtà che negli anni ha saputo dare prova di crescita continua ed un miglioramento costante dei propri standard qualitativi e professionali. Una grande famiglia a cui tutta la comunità cittadina è profondamente legata, anche da un punto di vista emotivo, come nel caso purtroppo della recente tragedia che ha visto la scomparsa di un lavoratore all’interno dello stabilimento. Sono questi i modelli che vogliamo continuare a sostenere e di cui siamo davvero orgogliosi».

«In giornate come queste è ancora più bello fare il sindaco della città – ha poi aggiunto Brunetti – perché si tratta di un ulteriore momento di crescita del territorio e del sistema dei servizi per la mobilità. Un treno che per la prima volta verrà messo in rete nella nostra provincia e che offrirà una soluzione alternativa, per il versante jonico in particolare, attraverso l’utilizzo di un mezzo innovativo che ha il grande merito di coniugare insieme efficienza e tutela dell’ambiente. Non potevamo chiedere di più ad un servizio che, peraltro, porta con sé il prestigioso marchio Hitachi, ovvero il nome di una grande e produttiva realtà industriale che a Reggio Calabria, da anni, garantisce lavoro, formazione professionale e sviluppo tecnologico ai più alti livelli». (rrc)

 

Presentato a Reggio Blues, il primo treno ibrido di Trenitalia

È stato presentato, al Lungomare Falcomatà di Reggio, Blues, il primo treno ibrido di Trenitalia. Quella reggina è la  prima tappa di un road show previsto nelle principali piazze italiane per far conoscere a cittadini e istituzioni il nuovo convoglio della flotta regionale di Trenitalia progettato e costruito da Hitachi Rail, che si affianca ai treni Rock e Pop già in consegna da maggio 2019 in tutta Italia.

Si tratta, dunque, di un treno con un’impronta green, ancora più sostenibile per il ridotto impatto ambientale e  per la maggiore attenzione sociale, con la possibilità di offrire alle famiglie un’area dedicata  ai bambini. Continua quindi la rivoluzione del Regionale di Trenitalia che prevede entro i prossimi  quattro anni il rinnovo dell’80% della flotta. 

Il Villaggio Trenitalia, dove è presente un modello in scala reale del Blues, è stato  inaugurato oggi dall’Assessore alla Mobilità Regione Calabria Fausto Orsomarso, dal  Sindaco F.F. del Comune di Reggio Calabria Paolo Brunetti e dal Direttore Direzione  Business Regionale Trenitalia Sabrina De Filippis.  

Presente Maurizio Fanelli, Direttore Direzione Regionale Calabria Trenitalia. 

Le consegne del treno regionale Blues in Calabria sono previste a partire dal 2023. 13 i  nuovi treni destinati a percorrere la linea ionica tra Reggio Calabria e Sibari e la trasversale  tra Catanzaro Lido e Lamezia Terme, per dare il via a un cambio completo del modo di  viaggiare su queste linee e supportare il sistema turistico calabrese nel suo rilancio. In  totale sono previsti 110 treni Blues nelle seguenti Regioni: Valle d’Aosta, Friuli-Venezia  Giulia, Toscana, Lazio, Calabria, Sicilia, Sardegna.  

Il nuovo regionale Blues rappresenta un salto generazionale, perché può viaggiare con  motori diesel su linee non elettrificate, con motore elettrico su quelle elettrificate, e con  batterie per percorrere il primo e l’ultimo miglio sulle linee non elettrificate o durante la  sosta nelle stazioni, così da evitare l’uso di carburanti, azzerando emissioni e rumori. La  tecnologia ibrida consente di ridurre del 50% il consumo di carburante, oltre a una forte  diminuzione delle emissioni di CO2 rispetto agli attuali convogli diesel. Il Blues è attrezzato  con l’ERTMS, il più evoluto sistema di segnalamento ferroviario in Europa. 

Cittadini, famiglie e curiosi possono accedere al Villaggio Trenitalia oggi dalle 11 alle 20 e  sabato 2, domenica 3 e lunedì 4 aprile dalle 10 alle 20, per testare e conoscere il nuovo  treno.

Il Gruppo FS Italiane ha invitato tutti i colleghi ferrovieri a visitare il Villaggio  insieme alle loro famiglie. 

Le prossime tappe del road show del Blues sono in programma a Palermo, Catania,  Cagliari, Trieste e Roma. 

Comitato Magna Graecia: Inviate a Trenitalia e Italo proposte per nuovi collegamenti veloci

Il Comitato Magna Graecia, Unione delle Associazioni della Riviera dei Cedri e del Pollino e Ferrovie in Calabria, hanno inviato una lettera al Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ed al Direttore della Divisione Passeggeri Lunga Percorrenza e Alta Velocità di Trenitalia, Paolo Attanasio, una proposta di creare tre importanti collegamenti diretti.

Nella specifico a Trenitalia è stata chiesta:  l’istituzione di un treno Intercity fra Bari Centrale e Palermo via Sibari/Paola; l’istituzione per il periodo estivo, di un FrecciarossaTorino/Milano-Reggio Calabria via Adriatica/Sibari/Paola (in prolungamento di una corsa esistente ed  attualmente attestata nel Capoluogo pugliese); l’istituzione di un collegamento Frecciargento diretto fra Reggio Calabria e Genova (unificando delle corse già esistenti);

La particolarità delle prime due proposte ha riguardato la predisposizione di una fermata a Cosenza, ad oggi non servita da treni a lunga percorrenza. Inoltre, tramite servizi in coincidenza a Sibari, le connessioni con le città di Corigliano-Rossano e Crotone, ancora non servite da rete elettrificata. Infine, la predisposizione a Paola di coincidenza con i regionali dall’alto Tirreno ed a Rosarno con i bus dalla Locride. Basilicata, Calabria e Sicilia avrebbero così servizi diretti con importanti località del centro-nord come Parma, Modena, Rimini, Riccione, Pesaro, Ancona e Pescara.

Ma il vantaggio più innovativo sarebbe quello di collegare fra di loro grandi città del Sud quali Bari, Messina, Catania e Palermo, capillarizzando, con i servizi in coincidenza, l’Arco Jonico e la Riviera dei Cedri.

Contestualmente é stata inviata una missiva ad Italo-NTV per chiedere, sulla scia di quanto avvenuto con l’istituzione del Frecciargento Sibari-Bolzano, la creazione di un nuovo collegamento AV Sibari-Milano/Torino.

In questa caso, é stato suggerito di sacrificare la sosta a Napoli Centrale, già oppurtunamente servita, a favore di quelle di Cosenza e Battipaglia. Prevedendo, inoltre, un collegamento in coincidenza da e per Crotone, il proposto servizio potrebbe soddisfare le esigenze di mobilità dei tre grossi ambiti demografici dell’Arco Jonico, della Valle Crati e del Golfo di Policastro.

La speranza resta quella di vedere realizzate tali proposte nel più breve tempo possibile. In questo modo, quindi, non solo si favorirebbe la mobilità interregionale, ma ci sarebbero riverberi positivi anche per il comparto turistico. (rkr)

 

Trenitalia, Hitachi produrrà i primi treni ibridi regionali

Sarà la società Hitachi Retail – che ha sede anche a Reggio Calabria – a produrre i primi 110 treni ibridi di Trenitalia, che viaggeranno in Valle d’Aosta, Friuli-Venezia Giulia, Toscana, Lazio, Calabria, Sicilia, e Sardegna.

Per i treni Blues, che sono stati presentati a Firenze e partiranno dalla Toscana nel corso del 2022, sono stati investiti circa 800 milioni di euro, e sulle linee non elettrificate viaggeranno con motori a diesel, con motore elettrico su quelle elettrificate e con batterie per percorrere il primo e l’ultimo miglio sulle linee non elettrificate, o durante la sosta nelle stazioni, in modo da azzerare emissioni e rumori.

«Le batterie – si legge sul sito di Trenitalia – consentono inoltre di imprimere ulteriore potenza rispetto alle normali prestazioni. Questa tecnologia ibrida di nuova generazione si traduce in prestazioni all’avanguardia che, mediante lo spegnimento dei motori nelle fasi di approccio, sosta e ripartenza dalle stazioni, sono in grado di garantire una riduzione del 50% del consumo di carburante, oltre a una forte diminuzione di emissioni di CO2 rispetto agli attuali convogli diesel, assicurando anche la massima silenziosità nelle fasi di stazionamento».

«L’impronta sostenibile del Blues  – si legge ancora – sta anche nella scelta dei materiali che garantiscono elevati livelli di riciclabilità (95%) unitamente all’utilizzo delle materie prime provenienti dal riciclo. Inoltre, il sistema di illuminazione interna ed esterna a led, la gestione intelligente dei consumi dell’impianto di condizionamento e le funzionalità Green Drive (sistema di informazioni di supporto al macchinista) e Smart Parking permettono di ridurre al minimo i consumi energetici».

Si tratta di una vera e propria evoluzione «degli attuali treni diesel in servizio in Italia grazie alla tecnologia ibrida, con pantografo elettrico e batterie, che si traduce in prestazioni all’avanguardia» si legge sul sito di Trenitalia.

«Un treno ancora più sostenibile – si legge ancora – per il ridotto impatto ambientale e per la maggiore attenzione sociale essendo il primo convoglio regionale ad essere attrezzato per offrire alle famiglie un’area dedicata interamente ai bambini. Novità che punta a soddisfare le esigenze di chi viaggia con i più piccoli per rendere il viaggio un’esperienza ancor più divertente. I nuovi treni, espressione delle competenze ingegneristiche di Trenitalia e Hitachi, sono prodotti negli stabilimenti italiani di Pistoia, Napoli e Reggio Calabria. Possono raggiungere i 160 km/h di velocità massima con un’accelerazione di 1,10 m/sec2 e ospitare fino a 300 persone sedute nella composizione a quattro carrozze. Il design innovativo sia all’interno sia all’esterno del treno fa del Blues uno dei convogli più all’avanguardia nel mondo del trasporto ferroviario». (rrm)

 

Al via il nuovo servizio di treno e bus per raggiungere l’Istituto Nautico di Pizzo

È attivo il nuovo servizio di treno + autobus per raggiungere l’Istituto Tecnico Trasporti e Logistica “Nautico 1874” di Pizzo. Si tratta di un importante servizio, realizzato da Trenitalia con la collaborazione della Regione Calabria, che accorcia le distanze tra l’hub ferroviario e la scuola nautica che da fine ‘800 prepara i futuri ufficiali di bordo e coperta.

I collegamenti dalla Stazione Fs di Vibo Valentia – Pizzo all’Istituto Nautico, in orario utile per seguire le lezioni, pensati per soddisfare le esigenze degli studenti, saranno acquistabili sui canali di vendita di Trenitalia come unica soluzione di viaggio con biglietto di corsa semplice o con il pratico e conveniente abbonamento mensile.

Il servizio si aggiunge a quelli già disponibili per chi sceglie di raggiungere comodamente i maggiori punti di interesse della Calabria: il Lamezia Air Link, servizio treno + bus che collega la stazione di Lamezia Terme Centrale con l’aeroporto internazionale di Lamezia Terme, i servizi treno + treno fra le stazioni di Catanzaro Lido e Catanzaro città con fermate lungo la linea ferroviaria metropolitana del Capoluogo di Regione e fra la stazione di Cosenza FS e le stazioni di Cosenza Centro, con fermate a Rogliano e Marzi.

Attivi inoltre i servizi treno + bus che collegano la stazione di Sibari e Rocca Imperiale, la stazione di Castiglione Cosentino con l’Università della Calabria e la stazione di Catanzaro Lido Fs e Catanzaro Fs con la Cittadella Regionale di Catanzaro e con l’Università della Magna Graecia di Catanzaro.

Grande soddisfazione è stata espressa dalla sottosegretaria per il Sud, Dalila Nesci, che ha evidenziato come «il collegamento sarà effettuato tramite treni e navette bus con hub dalla stazione di Vibo Valentia – Pizzo e l’Istituto Nautico 1874”. Il nuovo servizio accorcia le distanze tra l’hub ferroviario e i collegamenti dalla Stazione Fs di Vibo Valentia – Pizzo all’Istituto Nautico, in orario utile per seguire le lezioni e soddisfare così le esigenze degli studenti».

«L’ITTL rappresenta un’eccellenza a livello nazionale sul piano della formazione nel settore del trasporto marittimo – ha proseguito – e, per questo, è scelto da sempre più studenti provenienti non solo dalla Calabria ma da tutta Italia. Dopo tanti anni, finalmente da domani gli studenti avranno la possibilità di raggiungere l’Istituto Nautico di Pizzo, un’eccellenza della Calabria che è nostro dovere valorizzare».

«Continueremo a lavorare – ha concluso Nesci – per potenziare le infrastrutture e rafforzare la viabilità al Mezzogiorno con l’obiettivo di garantire i servizi essenziali a tutti i cittadini». (rvv)