Colella (Osservatorio Sport): Bene corso di laurea in Scienze Motorie alla Mediterranea

Fabio Colella, presidente dell’Osservatorio Regionale per lo Sport, ha espresso soddisfazione per l’attivazione, all’Università Mediterranea di Reggio Calabria, del corso triennale in Scienze Motorie che, «in linea con i tempi e con la riforma dell’ordinamento sportivo, apre a nuove prospettive occupazionali, arricchendo e integrando le conoscenze del settore con un taglio giuridico ed economico».

Colella, nel ringraziare tutti i componenti che si sono spesi e si spendono per il mondo dello sport nelle persone di Salvatore Cropanise, Giuseppe Melissi, Starace Maria, Trimboli Francesco e Zicarelli Michele, ha evidenziato «l’importanza della condivisione e del confronto corale con gli organi universitari e gli enti locali di riferimento del mondo sportivo per giungere a questo importante traguardo: l’iter avviato dall’Università, infatti, ci ha visto fin da subito protagonisti e firmatari della richiesta per la promozione di tale nuovo corso».

«Trattasi di un doppio risultato che, da un lato – ha concluso – consentirà ai nostri giovani sportivi di poter accedere ad un’offerta formativa più ampia e rispondente alle nuove esigenze emergenti dalla società e dal mondo del lavoro; dall’altro, alle società sportive di poter contare su un capitale umano di alta specializzazione, rendendole, assieme alle Federazioni, sempre più qualificate e competitive». (rrc)

Aba di RC e Mediterranea insieme per lo sviluppo del territorio

«Insieme al magnifico Rettore Giuseppe Zimbalatti che ringrazio per l’estrema disponibilità a rafforzare ed ampliare i rapporti di collaborazione, vogliamo essere motore di sviluppo per il territorio e sostenere l’incontro e la collaborazione tra i nostri sistemi produttivi». È quanto ha dichiarato Piero Sacchetti, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, incontrando il Rettore dell’Università Mediterranea.

All’Aba di Reggio, infatti, si è svolto un importante confronto, nel quale sono state affrontate varie tematiche compresa la futura programmazione.

«Le sinergie tra le realtà culturali e formative del territorio sono fondamentali per lo sviluppo e la crescita della nostra comunità – ha proseguito il direttore Sacchetti –. Una delle mission dell’Accademia di Belle Arti é di creare le giuste condizioni occupazionali per i giovani soddisfando le richieste ed esigenze degli studenti pertanto, é indispensabile il dialogo tra le Università della città per raggiungere obiettivi comuni».

Un pensiero pienamente condiviso dal professore Giuseppe Zimbalatti, al quale è stata donata una incisione del professore Vincenzo Molinari.
La collaborazione tra le due realtà si inserisce quindi, in un percorso di rafforzamento del loro legame culturale e si radica in una visione comune della formazione e della crescita didattica delle nuove generazioni. (rrc)

Venerdì alla Mediterranea si presentano i risultati del progetto Market Ecosostenibile Calabria

Venerdì 15 dicembre, a Reggio, alle 15.30, al Residence universitario dell’Università Mediterranea, è in programma la presentazione dei risultati e consegna dei prodotti del progetto MEC – Marketplace Ecosostenibile Calabria.

Il progetto “MEC – Marketplace Ecosostenibile Calabria il cui Responsabile scientifico e promotore vede il Prof. Massimiliano Ferrara è stato finanziato a valere sul Fondo per la Crescita Sostenibile – Sportello “Agrifood” PON I&C 2014-2020, di cui al D.M. 5 marzo 2018 Capo III, con capofila la ITACA srl, società informatica di Rende (CS), e il Dipartimento di Giurisprudenza Economia e Scienze Umane (DIGIES)

Grazie alla collaborazione di aziende di eccellenza del territorio reggino e di un campione variegato di clienti test opportunamente selezionati, nella settimana dall’11 al 15 dicembre verrà simulato l’intero processo di accesso alla piattaforma, acquisto e consegna dei prodotti, con in parallelo la raccolta dei feedback da parte degli utenti.  (rrc)

Successo per l’open day alla Mediterranea di Reggio

Sono stati circa 3 mila gli studenti delle scuole superiori che hanno partecipato all’open day dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

I ragazzi, insieme ai loro docenti, hanno potuto visitare l’Ateneo e acquisire informazioni più dettagliate e dirette sugli oltre 50 percorsi formativi delle nostre diverse Aree disciplinari: Agraria, Architettura, Design, Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, Scienze Infermieristiche, Scienze Sportive, Scienze Umane.

Il Rettore, prof. Giuseppe Zimbalatti, si è detto profondamente soddisfatto per gli esiti di questa giornata e sul punto si è espresso con queste parole: «non solo si è registrata una grandissima partecipazione da parte degli studenti delle scuole di Reggio Calabria e della provincia, ma soprattutto è stato compreso il significato che l’Università Mediterranea ha inteso dare all’Open Day, che è quello di promuovere un orientamento consapevole.  Con questo fine i Dipartimenti e le Strutture dell’Ateneo hanno offerto informazioni sui corsi di studio, sui servizi, sulle modalità di iscrizione e sulle opportunità previste dal diritto allo studio».

«L’Open Day dell’Università Mediterranea – ha spiegato la prof.ssa Rossella Marzullo, delegata Orientamento di Ateneo – è stato strutturato in modo tale da favorire massimamente il confronto, la riflessione, il dialogo e l’ascolto delle ragazze e dei ragazzi nella delicata fase del passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado agli studi superiori. Tutto è avvenuto all’insegna della convivialità e dell’interazione, anche grazie alla presenza di Luca Abete che ha scelto la Mediterranea per il suo tour motivazionale #NonCiFermaNessuno».

«Il messaggio lanciato da Abete – ha concluso – che ha incoraggiato i giovani a non arrendersi mai di fronte alle sfide che la vita presenta, è perfettamente in linea con la missione sociale ed etica dell’Università: fornire gli strumenti per affrontare il futuro, formare le coscienze, le competenze e le capacità dei giovani che del domani saranno gli artefici».

Gli studenti, i docenti e anche i genitori interessati hanno potuto visitare gli stand dei dipartimenti, gli spazi che l’Università Mediterranea di Reggio Calabria mette a disposizione dei ragazzi e che affacciano sulla splendida vista dello Stretto, le terrazze, i punti ristoro, la palestra e i numerosi laboratori presenti nella Cittadella. D’altra parte, l’adeguata conoscenza dell’ambiente di studio è fondamentale per stimolare nei ragazzi, sin dall’inizio del loro percorso, una partecipazione attiva che li renda protagonisti della loro scelta.

L’Ateneo reggino, sia sotto il profilo informativo che sotto quello espositivo, si è posto al fianco degli studenti per guidarli nella scelta del percorso di studi, fornendo loro anche notizie importanti sugli attuali sbocchi occupazionali e sui servizi offerti.  L’Open Day di oggi ha voluto infondere nei giovani e nelle loro famiglie speranza e fiducia nel futuro. Un futuro possibile anche nella propria terra, un futuro che inizia nell’Università Mediterranea. (rrc)

Il prefetto di RC Clara Vaccaro in visita istituzionale alla Mediterranea

Il Prefetto di Reggio Calabria, Clara Vaccaro, si è recata in visita istituzionale presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. La Dott.ssa Clara Vaccaro si è intrattenuta con il Rettore, prof. Giuseppe Zimbalatti, ed il direttore generale Dott. Antonio Romeo.

Il Rettore ha espresso al Prefetto, in nome dell’intera Comunità Accademica della Mediterranea, gratitudine per l’incontro odierno ed i migliori auguri di buon lavoro per il prestigioso ma importante e gravoso incarico. (rrc)

Il 30 novembre alla Mediterranea l’open day “Lasciati illuminare”

Giovedì 30 novembre all’Università Mediterranea di Reggio Calabria si terrà l’open day. L’Ateneo, infatti, aprirà le sue porte a 3000 studenti egli Istituti superiori di Calabria e Sicilia che hanno aderito all’iniziativa.

L’evento è stato organizzato dall’Ateneo reggino per offrire agli studenti l’esperienza diretta dei luoghi in cui si svolge la vita universitaria e incontrare chi sta già vivendo il percorso di studi accademico.

Il programma è stato pensato per far conoscere l’Università Mediterranea di Reggio Calabria (offerta formativa, servizi offerti, aree di ricerca) e con l’aiuto di staff motivazionali, per accompagnare gli studenti nella transizione scuola-università. Gli studenti avranno la possibilità di confrontare i propri interessi con l’offerta didattica e operare una scelta consapevole.

Ospite dell’evento Luca Abete, noto inviato di Striscia la Notizia, impegnato da diversi anni a incoraggiare i giovani ad analizzare le proprie paure per provare a superarle e offrire metodi adatti a rintracciare il proprio talento e valorizzarlo. (rrc)

Al via la quinta edizione del corso di Alta Formazione in Diritto e Management sanitario dell’Ordine dei Medici

Ha preso il via, al Dipartimento Digies dell’Università Mediterranea di Reggio, la quinta edizione del del Corso di Alta Formazione in Diritto e Management sanitario, promosso dall’Ordine dei Medici della provincia di Reggio Calabria con la stessa Università.

 Si tratta di un Corso rivolto alla dirigenza sanitaria, sostitutivo di quello che una volta era l’idoneità a primario, con l’obiettivo di fornire alla stessa tutte quelle necessarie informazioni per poter gestire poi, nel migliore dei modi, tutte le diverse complessità che la Sanità italiana quotidianamente deve affrontare. Ed in un momento in cui l’efficienza organizzativa e la formazione rappresentano davvero due preziosi cardini su cui poggia l’intero sistema sanitario.  

Presente all’inaugurazione il Rettore dell’Università Mediterranea, Professore Giuseppe Zimbalatti per il quale «si rinnova una proficua collaborazione tra l’Università e l’Ordine dei medici».

«È molto gratificante instaurare e coltivare questo tipo di collaborazioni – ha aggiunto il Rettore – nelle quali l’Università mette a disposizione i propri saperi per una categoria estremamente importante e, nell’ambito di questa collaborazione, questi stessi saperi possono tornare utili ai medici per poter aumentare le loro conoscenze anche in termini amministrativi per acquisire, oltre alle giuste competenze, anche dei titoli».

Nel corso della cerimonia è intervenuto il presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Reggio Calabria, dottore Pasquale Veneziano, contento di questa importante collaborazione. 

«Anche quest’anno riusciremo a portare avanti questo corso di Management Sanitario, arrivato ormai al terzo anno e con l’effettuazione di ben cinque corsi. Il che significa che abbiamo consentito a 150 colleghi in questi ultimi anni di poterli frequentare a Reggio, senza doversi spostare dalla città come accadeva in passato. Ma quello che è più importante – ha sottolineato il presidente Veneziano – è che si tratta di un Corso di grandissima qualità perché a noi non interessa che lo stesso dia un semplice attestato ma che trasmetta soprattutto delle competenze perché al giorno d’oggi, come sappiamo, i dirigenti medici non devono soltanto curare i pazienti come si faceva una volta ma devono anche gestire il reparto o la divisione di una qualsiasi struttura pubblica come dei veri e propri manager».

«E se l’Università ci ha preparati a curare in maniera ottimale i pazienti – ha proseguito – quest’altro tipo di esperienza, grazie al supporto e la collaborazione dell’Università Mediterranea, ci da l’opportunità dal punto di vista formativo di frequentare un corso di altissimo livello. Un percorso che siamo riusciti a realizzare grazie ai professori Francesco Manganaro, Massimiliano Ferrara e Daniele Cananzi, con il beneplacito del rettore Giuseppe Zimbalatti. Siamo, quindi, davvero contenti e speriamo che il Corso abbia lo stesso successo di quelli precedenti e che hanno soddisfatto tutti coloro che hanno partecipato». 

Ideatore, promotore dell’iniziativa ed infaticabile tessitore riguardo i rapporti con la Regione Calabria per la concessione dell’autorizzazione allo svolgimento del Corso è stato il dottore Domenico Pistone, consigliere dell’Ordine dei Medici, assieme al Presidente Pasquale Veneziano.

«Continua la stretta collaborazione –ha evidenziato Pistone – tra la Regione Calabria, il dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea. Il corso si propone di realizzare un percorso formativo finalizzato alla formazione di figure professionali altamente qualificate nell’area dell’organizzazione e gestione delle aziende sanitarie per contribuire al processo di aziendalizzazione introdotto nella sanità italiana. In pratica, intende far maturare le necessarie conoscenze sociologiche economiche giuridiche, etiche, manageriali e finanziarie per comprendere e gestire efficacemente il processo di aziendalizzazione della sanità pubblica sulla base del rispetto del welfare».

«Oltre a fornire competenze di merito e contenuti necessari a chi già opera in aziende pubbliche, Infine – ha concluso Pistone – intende sviluppare una formazione multidisciplinare di modelli organizzativi coerenti con i cambiamenti normativi in atto sulla gestione strategica delle risorse umane e sulla valorizzazione e sviluppo delle risorse del territorio».  

Per il Professore Francesco Manganaro, docente di Diritto amministrativo e responsabile scientifico del Corso, «c’è bisogno che i medici abbiano delle cognizioni sia di Diritto che di Economia per poter gestire una struttura sanitaria. Si immagini un reparto o una divisione ospedaliera che ha bisogno di tante cose, come ad esempio l’aspetto organizzativo per gli attuali problemi che esistono in materia di salute pubblica, e non soltanto dell’apprezzabile attività medica».

«Il Corso – ha rimarcato il Professore – offre dei criteri sia dal punto di vista del Diritto in generale, sia penale che civile, riguardo la responsabilità, e poi il Diritto amministrativo, tutta la disciplina degli acquisti di beni e servizi ed anche alcuni profili etici, con la filosofia del Diritto, in materie molto delicate quali sono quelle delle scelte mediche nel caso di opzioni diverse rispetto alle scelte per il malato. E poi tutta una parte di Economia sanitaria, molto importante per l’uso adeguato delle risorse e dell’efficienza della struttura. I docenti sono in parte interni all’Università Mediterranea ed altri sono stati selezionati in altre Università italiane, come Roma, Milano e Catania, dove sappiamo che nelle stesse la materia di Economia sanitaria è particolarmente rilevante».  

Soddisfatto il Professore Massimiliano Ferrara, Ordinario di Matematica per l’Economia e Business Analytics presso l’Università Mediterranea e docente dello stesso Corso.

«Il post covid ha segnato una serie di nuove complessità – ha spiegato – che vedono l’organizzazione sanitaria in prima linea per cercare di essere sempre più vicino al cittadino-utente di questo mondo sanitario per cercare di venire incontro a quelle che sono nuove esigenze e nuove emergenze. Tutto ciò richiede un’organizzazione che sia sempre più resiliente, che sappia adattarsi a questo mondo caratterizzato da continui cambiamenti».

«Noi abbiamo cercato di introdurre anche degli elementi di novità come l’intelligenza artificiale – ha aggiunto –, tema della prima lezione, e come la stessa possa essere utile per una attività di previsione di scenari calata ovviamente nel mondo sanitario ed in particolare nel ‘project management’ che nel mondo sanitario è assolutamente imprescindibile se si vuole garantire efficienza, efficacia ed economicità all’agire del ‘decision maker’ nello stesso ambito sanitario».

«Inizia la nuova edizione di un Corso-Sanità per noi molto importante – ha dichiarato il Professore Daniele Cananzi, Direttore Dipartimento di Giurisprudenza Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea – perché forma dirigenti nel settore del comparto sanità che fornisce competenze per professionisti che lavorano sul territorio e conferma così quella collaborazione tra settori sociali che devono dialogare sempre di più. L’Università ha avviato da tempo una stretta collaborazione proprio per fare rete con le istituzioni del territorio». (rrc)

Lunedì si presenta la nuova Azienda Agraria Didattico Sperimentale della Mediterranea

Lunedì 23 ottobre, alle 9.30, a Gallina, a Piazza San Francesco da Sales, sarà presentato l’avvio della nuova Azienda Agraria Didattico Sperimentale dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria.

Presenti il Rettore, Giuseppe Zimbalatti, il sindaco f.f. del Comune di Reggio, Paolo Brunetti, e il sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Carmelo Versace.

Saranno presenti il Direttore del Dipartimento di Agraria dell’Ateneo reggino, Giovanni Enrico Agosteo, il Delegato del Rettore per l’Azienda Agraria, Valentino Branca ed il Presidente dell’Ordine degli Agronomi e Forestali Regionale e Provinciale, Antonino Sgrò(rrc)

Venerdì a Reggio il seminario “Cammini e sentieri nel percorso di sviluppo della Calabria”

Venerdì 13 ottobre, a Reggio, all’Università Mediterranea, nella Sala Convegni del Centro residenziale, è in programma il seminario Cammini e sentieri nel percorso di sviluppo della Calabria, organizzato dal Laboratorio Logica dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e dalla Rete dei Cammini e dei Sentieri di Calabria.

Il meeting si articola in due parti. Al mattino, alle ore 10.00, si terrà un seminario scientifico internazionale in cui esperti di prestigiose Università europee affronteranno il tema della mobilità attiva quale strategia principe per uno sviluppo realmente sostenibile e rispettoso degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu. Parteciperanno Docenti e ricercatori provenienti da diverse università europee (Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Gran Bretagna, Finlandia).

La parte pomeridiana del seminario sarà aperta alle ore 15:00, alla presenza di rappresentanti accademici (Rettore dell’Università Mediterranea G. Zimbalatti, Direttore del Diceam G.Leonardi, Direttore del Laboratorio Logica D.Gattuso (nonché coordinatore della Rete Cammini e Sentieri), e di Autorità di Governo (Assessore ai Trasporti della Regione Calabria, E.Staine; Sindaco f.f. Città Metropolitana di Reggio Calabria, C.Versace). La sessione avrà per titolo: Esperienze e buone pratiche sul turismo culturale attraverso Cammini e Sentieri. Interverranno i rappresentanti delle Associazioni appartenenti alla Rete dei Cammini e Sentieri della Calabria.

Il seminario, oltre alla presentazione di numerose esperienze e buone pratiche sul turismo culturale attraverso Cammini e Sentieri, vedrà la partecipazione di importanti rappresentanti delle istituzioni, del turismo, dell’imprenditoria, dell’editoria e della comunicazione. Infatti, l’evento proseguirà con gli interventi di Andrea Laurenzano (AIGAE); di Luca Bruschi (Vie Francigene); Sara Zanni (Ricercatrice); Luca Dei Cas (Editor Terre di mezzo); Guido Giraudo (Direttore della Rivista “Cammini”); Florindo Rubbettino (Editore); Emilio Ferrari, (Invitalia); Enrico M. Pujia, (Direttore Generale Programmazione del Ministero Infrastrutture e Trasporti). Le conclusioni saranno affidate al Prof. Domenico Gattuso

«La Regione Calabria è dotata di un patrimonio naturale straordinario ed incontaminato – si legge in una nota – una collezione di siti di interesse culturale, storico, architettonico ed archeologico ineguagliabile, un potenziale turistico ancora in gran parte da valorizzare. L’offerta dei Cammini e dei Sentieri rappresenta un vero e proprio giacimento nascosto. Un’offerta capace di soddisfare le nuove tendenze della domanda turistica mondiale, basata sulla fruizione lenta dei luoghi, coinvolgendo la mente ed il corpo delle persone. È la proposta basata sugli itinerari escursionistici da compiere in maniera individuale o in gruppo, all’aria aperta, a contatto con il territorio e con le popolazioni locali, scoprendo e apprezzando le produzioni tipiche, la cultura, le tradizioni». 

«La Rete dei Cammini e Sentieri della Calabria – si legge – si sviluppa per oltre 3.100 km distribuiti su 157 tappe e ben 256 comuni, con l’attraversamento di tutti i Parchi nazionali e Regionali, di diverse Aree Marine e di un’Area Mab Unesco, oltre a numerose aree archeologiche, aree SIC e ZPS. Con l’evento in programma si intende riflettere sull’opportunità della mobilità e del turismo sostenibile quale nuova opportunità di sviluppo del territorio»(rrc)

Alla Mediterranea di Reggio il seminario regionale di Fai Cisl Calabria

Il 12 ottobre, nell’Aula Magna “Ludovico Quaroni” dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, dalle 9.30, si terrà il seminario formativo regionale Sinergie per il lavoro agricolo di qualità in Calabria. Sicurezza, Formazione, Partecipazione, organizzato da Fai Cisl Calabria, Foragri, Agrilavoro Edizioni e Terra Viva.

«Con questa iniziativa – ha spiegato Michele Sapia, Segretario Generale della Fai Cisl Calabria – vogliamo porre al centro del dibattito aspetti e tematiche che riteniamo fondamentali per il settore agricolo e agroalimentare calabrese, come salute e sicurezza, formazione, bilateralità, mercato del lavoro, centralità della persona, considerata l’importanza sociale, economica e occupazionale che l’agricoltura riveste nella nostra regione. Un momento di riflessione per analizzare caratteristiche e criticità dell’agricoltura calabrese, ma anche evidenziare opportunità ed esaltare l’eccellenza delle produzioni agroalimentari regionali e, insieme, socializzare proposte al fine di mettere a sistema le potenzialità di questo settore produttivo, un asset strategico per il territorio, la società e le future generazioni, attraverso la valorizzazione del lavoro agricolo di qualità».

«Questo evento potrà, inoltre – ha aggiunto – rappresentare una preziosa occasione per sostenere la campagna di raccolta firme promossa dalla Cisl sulla legge di iniziativa popolare “La Partecipazione al Lavoro, per cui sarà allestito un apposito spazio informativo all’interno dell’aula».

I lavori saranno introdotti dal Presidente di Foragri, Vicenzo Conso, per poi proseguire con i saluti del Rettore dell’Università di Reggio Calabria, Giuseppe Zimbalatti, del Segretario Generale della Cisl calabrese, Tonino Russo e del Presidente del Consiglio dell’Ordine regionale dei Dottori Agronomi e Forestali, Antonino Sgrò.

Seguirà la relazione del Segretario Generale della Fai Cisl Calabria Michele Sapia, e gli interventi di Ercole Giap Parini, docente di Sociologia dell’Università della Calabria, di Giacomo Falcone, docente di Economia ed Estimo rurale dell’Università Mediterranea, di Fabio Lo Faro, Direttore Generale dell’Inail Calabria, di Giuseppe Greco, direttore Generale dell’Inps Calabria, di Fulvia Caligiuri, neo Commissario dell’Arsac, di Francesco Lucia, Dirigente del Settore regionale “Prevenzione e Sanità Pubblica”, di Gianluca Gallo, assessore all’Agricoltura della Regione Calabria.

Presente anche il Segretario Generale della Fai Cisl nazionale Onofrio Rota, a cui saranno affidate le conclusioni.

L’iniziativa conclude un percorso formativo che ha visto in questi mesi coinvolti dirigenti e operatori della Fai Cisl regionale, esperti del settore agricolo, Enti regionali ed aziende agricole del territorio calabrese, attraverso un progetto finanziato da Foragri.

L’evento è patrocinato dall’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, dall’Azienda regionale Arsac e dall’Inail Calabria. (rrc)