Il consigliere Lo Schiavo: Intervenire sulla depurazione a Pizzo prima della stagione estiva

Il consigliere regionale Antonio Lo Schiavo, ha chiesto di intervenire, tempestivamente, sul depuratore di Pizzo «al fine di scongiurare il grave danno economico per il comparto turistico che deriverebbe da condizioni del mare compromesse da sversamenti e liquami».

Lo Schiavo, infatti, ha presentato una interrogazione a risposta scritta all’assessore regionale all’Ambiente, chiedendo di sapere «quali controlli ed eventualmente quali azioni urgenti intende svolgere per verificare e garantire la piena funzionalità del depuratore di Pizzo e del depuratore consortile di Pizzo, Filadelfia e Francavilla Angitola; in quali modi e con quale frequenza si intende monitorare il mare antistante il litorale di Pizzo».

«Le immagini delle chiazze giallastre – ha spiegato – che hanno imbrattato nei giorni scorsi il mare tra Pizzo, Vibo Marina e altri tratti della costa vibonese, non possono non rievocare quelle desolanti che, puntualmente, con l’approssimarsi della stagione estiva, si presentano lungo il nostro litorale. Sebbene l’Arpacal abbia chiarito che, in questo caso, si sarebbe trattato di pollini di pinacee, ritengo sia utile, a pochi mesi dall’avvio della stagione balneare, avviare per tempo un’attenta riflessione sul tema della mala-depurazione, delle condotte abusive e dell’inquinamento del nostro mare».

«Non sono certo una novità le ataviche inefficienze – ha aggiunto – che caratterizzano il sistema depurativo di alcuni centri, così come l’impatto degli scarichi abusivi sulla qualità delle acque marine. Per questo ritengo sia necessario intervenire per anticipare i problemi che abitualmente purtroppo subentrano a compromettere la stagione balneare e la presenza di turisti».

«C’è, infatti – ha proseguito – da ricordare come il comune di Pizzo, storicamente interessato da importanti fenomeni di inquinamento del mare – come dimostrano le ordinanze di divieto di balneazione che di anno in anno vengono emanate – sia stato destinatario negli anni di risorse regionali per il sistema depurativo ma, ciononostante, il problema non si sia affatto attenuato».

«A ciò si va ad aggiungere l’annosa questione del depuratore consortile – ha detto ancora – che, oltre ai Comuni associati dovrebbe servire un’area affollata da villaggi turistici e resort, ma mai entrato in funzione e, allo stato, del tutto inutilizzabile visto la condizione di abbandono in cui versa e i ripetuti furti di quadri elettrici, pompe e filtri che l’hanno interessato. Per non parlare degli scarichi abusivi che sfociano direttamente in mare o nei corsi d’acqua». (rvv)

VIBO – Il concerto del pianista Marco Clavorà Braulin

Domani pomeriggio, a Vibo, alle 18, nell’Aula Magna del Conservatorio “Fausto Torrefranca”, si terrà il recital del pianista Marco Clavorà Braulin.

Lo spettacolo è organizzato dal Conservatorio Statale di Musica Fausto Torrefranca di Vibo Valentia e da Ama Calabria e realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura direzione Generale Spettacolo e della Regione Calabria.

L’apprezzato pianista, docente del conservatorio eseguirà la Fantasiestücke op. 12 di Robert Schumann, la Sonata op. 111 in do minore di Ludwig van Beethoven e due Grandes études de Paganini di Franz Liszt.

Dopo aver debuttato all’età di sedici anni durante la “Maratona Liszt” organizzata dall’Accademia Nazionale di “Santa Cecilia” a Roma, in collaborazione con l’American Liszt Society e l’Accademia Chigiana di Siena, Marco Clavorà Braulin ha ottenuto un notevole successo e ha ricevuto prestigiosi premi in tutto il mondo. Ha iniziato la sua carriera concertistica nel 2009, vincendo il 1° Premio e la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana al 32° Concorso Pianistico Internazionale “Valentino Bucchi” a Roma.

Questo successo ha aperto la strada a ulteriori premi, il più recente è stato il 3° Premio e il Premio speciale per la Migliore Interpretazione di Franz Liszt al 13° Concorso Pianistico Internazionale “Son Altesse Royale la Princesse Lalla Meryem” a Rabat, in Marocco. Ha tenuto concerti in prestigiose sedi: Cambridge University (UK), Oxford University (UK), Palace of the President of Malta (Malta), Accademia Nazionale di “S. Cecilia” (Italia), Radio Vaticana (Italia), Ulyanovsk Philharmonic Hall (Russia), Penza Philharmonic Hall (Russia), Ufa Philharmonic Hall (Russia), Togliatti Philharmonic Hall (Russia), Saratov Conservatory Concert Hall (Russia), Astrakhan Conservatory Concert Hall (Russia), Fryazino Auditorium (Russia), Accademia Filarmonica Romana (Italia), Austria, Portogallo, Belgio, Olanda, Spagna, San Marino e Repubblica Slovacca. Marco Clavorà Braulin si è diplomato con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma nel 2013, studiando con Maria Mosca.

Nel 2015 ha conseguito la Laurea Specialistica in Pianoforte col massimo dei voti, lode e Menzione d’Onore al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, dove ha studiato con Roberto Cappello. Si è perfezionato con Enrico Pace e Igor Roma presso l’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola, in Italia. È docente di Pianoforte Principale presso il Conservatorio Statale di Musica “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia. (rvv)

VIBO – Le rassicurazioni di Arpacal su schiuma giallastra nel mare di Bivona

Il sindaco di Vibo, Maria Limardo, ha rassicurato i cittadini in merito alle segnalazioni sul mare sporco nello specchio d’acqua antistante le coste di Vibo Marina e Bivona, sottolineando che «non si tratta di liquami».

«L’analisi microscopica effettuata dai tecnici del laboratorio bionaturalistico Arpacal del dipartimento provinciale di Reggio Calabria – ha spiegato – sul campione di acque prelevate domenica scorsa nel mare di Bivona dopo le segnalazioni di schiume di colore giallastro, ha evidenziato la presenza di polline di pinaceae. Certamente non bello da vedere ma neanche preoccupante».

«Nel frattempo, l’amministrazione comunale – ha proseguito – per quanto di propria competenza, tiene costantemente sotto controllo le stazioni di sollevamento, che vengono monitorate quotidianamente. Per scrupolo, non appena ricevute le suddette segnalazioni, abbiamo chiesto alla ditta un ulteriore controllo dal quale è emersa la perfetta funzionalità dell’impianto».

«Ringrazio l’assessore Bruni per avere tenuto costanti rapporti con Arpacal – ha concluso – e l’assessore Corrado per essersi tempestivamente attivata con la ditta che gestisce gli impianti di depurazione». (rvv)

VIBO – Giovedì col Rotary si parla di femminicidio e violenza di genere

Giovedì 18 aprile, a Vibo Valentia, alle 17, nella Sala della Camera di Commercio, complesso Valentianum, si terrà l’incontro con Vittoriana Abate e Cataldo Calabretta, autori del libro Sulla pelle e nel cuore.

L’evento è stato organizzato dal Rotary Club Vibo Valentia e prevede una conversazione sull’importante problema del femminicidio e della violenza di genere.

Dopo i saluti di rito da parte di Teresa Saeli e Ketty De Luca, rispettivamente Presidenti RC Hipponion e Vibo Valentia, di Corrado L’Andolina, presidente della Provincia, di Pietro Falbo, Presidente della Camera di Commercio di CZ-KR-VV, e di Maria Limardo, Sindaco della città di Vibo Valentia, introdurrà i lavori Maria Giovanna Fusca, Prefetto Distretto 2102 del Rotary International.

Poi gli interventi degli autori del libro, unitamente a Claudia Eccher, Componente Consiglio Superiore Magistratura, a Paolo Giovanni Grieco, Prefetto della Provincia di Vibo Valentia, con le conclusioni di Francesco Petrolo, Governatore del Distretto 2102 del Rotary International.

È prevista anche la partecipazione di magistrati, sindaci, professionisti e tante donne, trattandosi di un argomento attuale e che vede l’interesse di settori importanti della società civile, che non riesce a trovare, però, delle soluzioni ad un problema che sta attanagliando le comunità. Vi è anche da aggiungere che le vicende emergenti sono una piccola percentuale della effettiva situazione che vede un’aggressione fisica, ma anche e principalmente psicologica che spesso non viene nemmeno segnalata o denunciata. Quindi, un fenomeno che vive all’interno delle famiglie, della società, dei gruppi di lavoro e che mette in crisi intere generazioni.  (rvv)

VIBO – Il concerto del clarinettista Gianluigi Caldarola e del Nigun Quartet

Domani pomeriggio, a Vibo Valentia, alle 18, al Conservatorio di Musica “Fausto Torrefranca”, si terrà il concerto del clarinettista Gianluigi Caldarola accompagnato dal Nigun Clarinet Quartet.

L’evento è congiuntamente organizzato dal Conservatorio Statale di Musica “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia e da Ama Calabria e realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura direzione Generale Spettacolo e dell’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria.

Ad accompagnare il celebre solista il Nigun Clarinet Quartet composto da quattro giovani artisti: Michele Giovinazzo, Michele Napoli, Gabriele Calcopietro e Stefano Anania che, nel corso di questi anni, si sono fatti apprezzare sia come interpreti che come appassionati divulgatori di musica.

Nel corso del concerto saranno eseguite opere di Giuseppe Verdi, Luigi Bassi, Paolo Savoia, Gaetano Labanchi, Harry Stalpers, Patrik Hiketick e Javier Girotto. (rvv)

A Vibo Valentia il 27 marzo torna l’Opera Sacra

Dopo 13 anni, a Vibo Valentia torna l’Opera Sacra, una delle rappresentazioni più sentite in città legate ai riti della Settimana Santa in programma il 27 marzo e organizzata dall’Associazione Monteleone col patrocinio e il supporto fondamentale del Comune di Vibo Valentia, della Pro loco e di altre Associazioni.

L’evento è stato presentato nel corso di una conferenza stampa dal sindaco Maria Limardo, affiancata dall’assessore alla Cultura Giusi Fanelli, dal presidente della Monteleone Luca Comito, dal presidente onorario della Pro Loco, Michele Putrino, e dal noto attore vibonese Costantino Comito, che avrà il ruolo di Gesù.

«La città ha atteso tanto tempo e l’amministrazione ha voluto fortemente far rivivere questa rappresentazione – ha sottolineato il sindaco Limardo – alla quale i vibonesi sono da sempre particolarmente affezionati. Siamo davvero felici di poter assistere nuovamente ad un rito fortemente intriso di spiritualità attorno al quale tutta Vibo si stringe».

«In questa occasione – ha rimarcato il sindaco – non posso che rivolgere un pensiero al compianto e indimenticato Enzo Mobilio da sempre identificato dai vibonesi con la figura di Gesù per averne interpretato il ruolo durante tutte le precedenti edizioni. Una persona autentica troppo presto strappato alla sua famiglia e alla vibonesità più pura».

Da parte dell’assessore Fanelli un ringraziamento speciale a tutta la comunità ma soprattutto a chi si è speso per il ritorno dell’Opera, e quindi la Monteleone, e poi la Pro loco e tutte le altre associazioni che vi partecipano: «L’Opera sacra è uno dei riti della Settimana Santa, che deve tornare ad essere protagonista anche del nostro turismo religioso. Un momento di alta teatralità perché intriso di spiritualità, che ogni attore vive come un’esperienza totalizzante».

Il presidente della Monteleone, Comito, ha voluto «sentitamente ringraziare l’amministrazione comunale che ci è stata sempre vicina. Siamo contentissimi – ha aggiunto – di avere ripreso l’Opera sacra superando grandi difficoltà. Ma bisogna dire che in tanti ci stanno aiutando, e tra questi Costantino Comito che è stato per noi una vera manna dal cielo».

Proprio l’attore, che ha portato la sua esperienza e competenza guidando l’organizzazione, si è soffermato sul valore simbolico che la rappresentazione ha sempre avuto per i vibonesi, introducendo anche alcune novità, con nuove scene e nuovi personaggi che si vedranno quest’anno: «È doveroso da parte nostra – ha dichiarato – ricordare due figure fondamentali che non ci sono più, come Enzo Mobilio e Nazzareno Esposito».

Il presidente onorario della Pro loco, Putrino, ha voluto infine rimarcare la valenza di iniziative come questa «che confermano il grande attaccamento della città ai suoi valori e dimostrano una vitalità che abbiamo il dovere di sostenere e supportare, ed iniziative come questa vanno nella giusta direzione»

La processione prenderà il via alle ore 18 dal piazzale dei Vigili del fuoco, in viale Affaccio, e attraverso i corsi della città giungerà alle ore 20 in piazza San Leoluca. Da lì l’inizio del percorso tradizionale fino all’arrivo in cima alla collina che affianca il castello, con la rappresentazione della crocifissione. (rvv)

L’OPINIONE / Enzo Comerci: Istituire a Vibo una sede Universitaria

di ENZO COMERCI – Dopo Cosenza, Reggio Calabria e Catanzaro ora anche Crotone avrà la sua università. Dei capoluogo di provincia della Calabria manca solo Vibo Valentia, nonostante la città per la sua storia millenaria, per la sua posizione geografica avrebbe tutti i requisiti per essere sede universitaria quantomeno su alcune tematiche delle quali la Provincia Vibonese eccelle, ovvero: Turismo, con la Costa degli Dei, Alimentazione, con la Dieta Mediterranea di riferimento di Nicotera, Beni Culturali.

Lasciamo stare le gravi responsabilità in capo alla classe dirigente dell’intera provincia, costituita da parlamentari, consiglieri regionali e provinciali, che negli ultimi trent’anni è sembrata avulsa del proprio contesto, per chiedere l’intervento dei sindaci dell’intera provincia i quali, superando sterili campanilisti, attraverso la Conferenza dei sindaci, pongano, con forza, all’attenzione dell’opinione pubblica, ai rappresentati parlamentari e del consiglio  regionale, eletti nella Provincia, al Presidente della Provincia e quindi, tutti insieme, si chieda alla Giunta Regione e al Ministro dell’Università e della Ricerca l’istituzione, a Vibo Valentia, di una sede Universitaria Statale per le facoltà, perlomeno, di Scienze Turistiche, Scienze dell’Alimentazione, Beni Culturali ed Archeologia.

L’università a Vibo Valentia, per la sua ubicazione al centro della Calabria, potrebbe dare risposte agli studenti interessati di un ampio territorio, che va ben oltre ai confini della Provincia Vibonese per interessare anche i giovani del Lametino e della Piana di Gioia Tauro. La massima istituzione negli studi in un territorio, oltre a dare risposte ai giovani in loco senza bisogno di andare in altre località – più o meno lontane – per chi se lo può permettere, innesca dei meccanismi virtuosi con grande ricaduta economica e sociale per tutta la Provincia.

Per questa nobile iniziativa, che da un po’ di tempo se ne parla nella città che fu di Vito Capialbi, di Luigi Razza, di Antonino Murmura, solo per indicare alcuni degli uomini più rappresentativi, il Movimento dell’Indipendenza Nazionale certamente darà il suo sostegno con gli organismi Provinciali, Regionali e Nazionali.  (ec)

VIBO – Giovedì la “Corsa di Miguel”

Giovedì 14 marzo, in contemporanea a Vibo e a Vibo Marina, partirà la Corsa di Miguel, la gara atletica nata nel 2000 a Roma nel segno di un ragazzo, Miguel Benancio Sanchez, podista e poeta, finito tra i 30mila desaparecidos del regime argentino degli anni ’70.

Ideata dal giornalista della Gazzetta dello Sport, Valerio Piccioni, la tappa vibonese è stata organizzata dal Liceo Scientifico “Berto”, in collaborazione con il Comune di Vibo Valentia, che ha garantito il massimo supporto con l’assessore Katia Franzè. L’appuntamento è sostenuto anche dall’Ufficio scolastico regionale e dall’Unione stampa sportiva italiana, che sarà presente con la responsabile progetti Ussi, la giornalista Enza Beltrone.

«Il coinvolgimento delle scuole è stato massimo – ha spiegato l’assessore Franzè – nel pieno spirito della corsa che non vuole essere semplicemente una gara di atletica ma un momento di condivisione di valori quali la lotta al razzismo, alla violenza di genere e ad ogni forma di discriminazione. Per questo è altamente meritoria anche l’opera del Liceo “Berto”, in particolare dei docenti Bruno Nardo e Carlo Lico, che ha curato l’evento ed a cui vanno i nostri ringraziamenti».

Soddisfazione espressa anche dal consigliere delegato allo Sport, Antonio Schiavello: «È davvero bello essere riusciti a realizzare una doppia corsa, in contemporanea, valorizzando a pieno tutto il territorio comunale e la nostra splendida Vibo Marina, dove ci auguriamo che una bella giornata di sole possa fare da cornice ad una bellissima manifestazione come la “Corsa di Miguel”, con la grande partecipazione dei nostri ragazzi».

A Vibo centro, sul corso Vittorio Emanuele III dove correranno i ragazzi delle scuole superiori, la gara sarà anticipata da un flash mob del Liceo “Capialbi”, indirizzo coreutico, contro la violenza di genere, ma non sarà l’unico momento della mattinata all’insegna della musica e della danza; mentre a Vibo Marina, sul lungomare Cristoforo Colombo dove i protagonisti saranno gli allievi delle scuole medie, la gara sarà introdotta da un’esibizione dell’orchestra dell’istituto comprensivo “Vespucci”. In entrambi i casi lo start è fissato per le 9.45 e la premiazione con i saluti alle 12.45. (rvv)

VIBO – Il recital della chitarrista Eleonora Forelli

Domani pomeriggio, a Vibo Valentia, alle 18, al Conservatorio di Musica “Fausto Torrefranca”, si terrà il recital della chitarrista Eleonora Forelli.

L’evento è il secondo appuntamento della stagione di musica organizzata dal Conservatorio Statale di Musica Fausto Torrefranca di Vibo Valentia e da Ama Calabria e realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura direzione Generale Spettacolo e della Regione Calabria.

La giovane musicista nel suo recital vibonese eseguirà brani di Johann Sebastian Bach, Domenico Scarlatti, Mauro Giuseppe Sergio Pantaleo Giuliani, Johann Kaspar Mertz, Francisco de Asís Tárrega y Eixea, Heitor Villa-Lobos e Jorge Ruben Cardoso Krieger. (rvv)

VIBO – Martedì si festeggia il Carnevale

Martedì 13 febbraio a Vibo Valentia si celebra il Carnevale,  tra colori, maschere e divertimento per i più piccoli.

Sarà, dunque, «una giornata di divertimento, soprattutto per i più piccoli», ha evidenziato il consigliere delegato Antonio Schiavello, sottolineando come «anche quest’anno abbiamo garantito una giornata di svago per le famiglie ed i nostri ragazzi, grazie anche al sostegno delle associazioni del territorio che sono sempre pronte a collaborare con l’amministrazione comunale».

Il cuore pulsante del carnevale, grazie all’iniziativa della Dog Days production, sarà corso Vittorio Emanuele III, dove, a partire dalle 16, la città si animerà con il concorso delle mascherine in passerella (verranno premiate le prime cinque classificate). Spazio al carro scenografico di Biancaneve e i sette nani, a tema “no war”, a un altro carro allegorico della scuola materna Santa Chiara proveniente da Mileto, all’animazione del clown Pablo, e poi tanta musica con il gruppo Musica Viva, la banda fanfara comico-carnevalesca composta da 15 elementi che si muoveranno lungo tutto il corso, la scuola di ballo New generation e i balli con Dj Russ Joseph. A portare allegria anche le mascotte di Harry Potter e Minnie e Topolino. (rvv)