TEATRO
di Rocco Familiari

Pubblicato da Gangemi Editore questo libro raccoglie tutti gli scritti teatrali di Rocco Familiari, regista teatrale, drammaturgo e saggista.

Il volume, che contiene ventinove lavori (otto drammi, quattro commedie, quattro atti unici, nove monodrammi, tre adattamenti e un saggio sulla drammaturgia di Karol Wojtyla), oltre a due scritti di Aldo Trionfo (relativi al lavoro di Familiari), ha una presentazione del regista Krzysztof Zanussi e un’introduzione critica del prof. Dario Tomasello dell’Università di Messina.

«Rocco Familiari – scrive Zanussi – è calabrese. Nell’Italia unita da malapena 100 anni (o poco più), questo suo radicamento regionale è di fondamentale importanza. La Calabria, parte del Regno delle Due Sicilie, vive profondamente nella storia, più profondamente, suppongo, di qualsiasi regione del nord (a parte, forse, Venezia). Quando parlo di profondità, intendo semplicemente la profondità temporale della memoria – in Lombardia risale a il regno degli Asburgo, in Calabria sono “ieri” i tempi degli Hohestaufen. Rocco Familiari è uno scrittore affascinato dalla cultura germanica – traduce dal tedesco, colleziona opere d’arte di artisti tedeschi e sospetto che debba la sua fascinazione alla profonda memoria del Sud, già centro di uno straordinario impero che ha saputo riunire sotto un’unica corona contrasti più forti che nell’odierna Europa unita… Ha la mia stessa età, figli adulti, tanti nipoti, abita nel centro della Roma dei papi e possiede tutte le caratteristiche dell’abitante delle montagne calabresi: è riservato, taciturno, con un senso dell’umorismo discreto, colmo di passioni nascoste, sempre calmo e misurato, solo nella scrittura diventa passionale ed irruente, e tuttavia attento a mantenere un difficile equilibrio». (rl)

Teatro di Rocco Familiari
Gangemi Editore, ISBN 9788849291711

 

 

RENDE (CS) – Il 29 maggio Teo Teocoli in “Restyling”

Lo spettacolo Restyling di Teo Teocoli, in programma al Teatro Garden di Rende, andrà in scena il prossimo 29 maggio, sempre alle 21.00.

Lo spettacolo rientra nell’ambito della 17esima edizione della rassegna di Teatro e Musica Primafila, organizzata dall’Associazione Teatrale Novecento Teatri.

Inoltre, fanno sapere il presidente Luisa Giannotti e il direttore artistico, Benedetto Castriota, i biglietti acquistati per lo spettacolo del 6 marzo saranno validi per questa nuova data e non rimborsabile. (rcs)

SOVERATO (CZ) – A settembre”Notre Dame de Paris il musical”

Per il tour 2020 del musical Notre Dame de Paris, c’è, il 18  e il 19 settembre  una tappa alla Summer Arena di Soverato.

Lo spettacolo, nella versione italiana di Pasquale Panella, con le musiche di Riccardo Cocciante, le liriche di Luc Plamondon, e la regia di Gilles Maheu, vedrà esibirsi il cast originale nell’opera moderna più famosa al mondo tratta dall’omonimo romanzo di Victor Hugo. (rcz)

 

GIOIOSA JONICA (RC) – Rinviato “Sul lago dorato”

Rinviato, a data da destinarsi, lo spettacolo Sul lago dorato per la 29esima Stagione Teatrale della Locride a cura del Centro Teatrale Meridionale.

Lo spettacolo, tratto da un testo dello sceneggiatore statunitense Ernest Thompson, adattato da Mario Scaletta e con la regia di Diego Ruiz, è con Gianfranco D’Angelo, Corinne CleryFiordalisoNicola Paduano e Giuseppe Anelli.

La commedia, resa celebre dalla delicata versione cinematografica con Henry Fonda e Katherine Hepburn, narra di un professore in pensione che alla vigilia dei suoi ottant’anni ospita la figlia e il nipote nella sua villa nel New England. Tra il vecchio e il ragazzo, dopo le schermaglie iniziali e l’immancabile conflitto generazionale, nasce un grande affetto che continuerà ben oltre quell’estate. (rrc)

REGGIO – Si chiude fra risate e applausi “Facce da Bronzi”

Si è chiusa, al Teatro Comunale “Francesco Cilea” di Reggio Calabria, la settima edizione del Festival Facce da Bronzi, quest’anno dedicata a Giacomo Battaglia.

Il Festival è stato ideato dall’Associazione Calabria dietro le quinte con la direzione artistica di Alessio Tagliento e con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, della Città Metropolitana di Reggio Calabria, del Consiglio regionale della Calabria, della Città Metropolitana di Milano, della Città di Roma – V Municipio e della Città di Torino, e co-finanziato dalla Regione Calabria e da Funder35 nell’ambito del progetto New Theatre Training.

Nel corso della serata, condotta da Gigi Miseferi, si sono sfidati dieci comici provenienti da tutta Italia: Amedeo AbbateRaffaello CortiMauro MammarellaFrancesca LattanzioFrancesca FalchiFrancesco PorcuDenny NapoliPieroChristianStello TomaselloSamuele Rossi, che sono stati esaminati da una giuria tecnica composta da esperti del settore e da giornalisti.

A “stemperare” la tensione, il duo I non ti regoli, composto da Giuseppe MazzacuvaGiuseppe Scorza, e il comico Carmine Faraco.

Al termine di una serata in cui sono andati in scena monologhi, sketch e battute, sono saliti sul podio Denny Napoli (primo posto), Francesco Porcu (secondo posto) e i comici Piero e Christian da Roma (terzo posto).

Francesco Porcu, inoltre, si è aggiudicato, anche, il Premio del pubblicodella Critica Radio TouringUn Sorriso per l’Unicef, assegnato da una giuria di bambini e patrocinato da Unicef Italia.

Il Premio Giacomo Battaglia, invece, come miglior testo, è stato assegnato a Francesca Falchi, mentre il Premio Vacantiandu per l’originalità ad Amedeo Abbate. (rrc)

CATANZARO – Rinviato “Persone naturali e strafottenti”

Lo spettacolo di domani sera, al Comunale di Catanzaro, Persone naturali e strafottenti, è stato rinviato a data da destinarsi.

Lo spettacolo, inserito nel cartellone della stagione catanzarese di AMA Calabria, rientra fra gli eventi promossi con il sostegno del Fondo Unico dello Spettacolo del MiBACT Direzione Generale dello Spettacolo e il cofinanziamento della Regione Calabria Assessorato alla Cultura nell’ambito del piano di Azione e Coesione 2014/2020 Asse 6.7.1 triennio 2017/2019 Azione 1° Grandi Festival ed Eventi Internazionali.

A distanza di circa 50 anni, Persone naturali e strafottenti, con la regia di Giancarlo Nicoletti e con Guglielmo Poggi, Giancarlo Nicoletti e Livio Beshir, rivive le situazioni grottesche, ironiche e ciniche pensate da Patroni Griffi. Nel nuovo allestimento del suo lavoro più controverso, il testo mostra quanto sia ancora fortemente contemporaneo, da considerare come una delle pagine più belle del nostro teatro. Tutto si muove in un contesto crudo che parla di emarginazione, violenza, distanze socio-culturali e in cui vi è la ricerca continua di un altro che non esiste. (rcz)

REGGIO – Lo spettacolo “Otto donne e un mistero”

Questa sera, a Reggio, alle 21.00, al Teatro Comunale “Francesco Cilea”, in scena Otto donne e un mistero di Robert Thomas, con la regia di Guglielmo Ferro.

Lo spettacolo è il quinto appuntamento della rassegna Le Maschere e i Volti organizzata dalla Polis Cultura diretta da Lillo Chilà, e sarà un appuntamento tutto al femminile con Anna Galiena, Debora Caprioglio, Caterina Murino, Antonella Piccolo, Claudia Campagnola, Giulia Fiume, Mariachiara Di Mitri e la partecipazione straordinaria di Paola Gassman.

È Natale, fuori nevica ed è tutto perfetto, i regali sono al loro posto sotto l’albero, le luci e le note festose hanno invaso le stanze e su tutto si è appeso violentemente un profumo da donna.

Quando il fiato è sospeso, sotto quel profumo di donna si scopre un grande odore di morte.

C’è un mistero e intorno a esso… otto donne. Adesso la perfezione è assoluta. La struttura drammaturgica della commedia thriller di Robert Thomas è un ingranaggio perfetto per sedurre lo spettatore contemporaneo ormai abituato alla nuova generazione di criminologia psicologica.

Thomas offre inoltre quel valore aggiunto dei grandi scrittori di dosare con maestria la comicità noir d’oltralpe, di fare emergere sfacciatamente la lamina sarcastica e comica della vita contro la morte. E lo fa attraverso la figura madre: la donna.

Ne sceglie otto: le più diverse, perché non sono personaggi ma personificazioni distinte della stessa identità-matrice. Come una Grande Madre che si fa Natura, Madonna, Dea, Terra e Morte.

Una prova d’attrice per otto donne di talento che scuoteranno le viscere drammaturgiche del testo con i loro segreti, le loro ambizioni verminose, le perverse visioni interpersonali. Nessuna complicità, nessuna affinità non battezzata come ipocrisia e invidia tra le donne, come è e come sempre sarà. Per loro solo un fine: famelica sopravvivenza. (rrc)

 

CASSANO ALLO IONIO (CS) – Con la “Macchina della Felicità” emozioni e divertimento

Uno spettacolo all’insegna del divertimento e delle emozioni, quello andato in scena al Teatro Comune di Cassano allo Ionio. Si tratta de La macchina della felicità con Flavio Insinna, che ha aperto la stagione teatrale del Teatro Comunale di Cassano allo Ionio, con la direzione artistica di Andrea Solano e organizzata dall’Amministrazione Comunale, guidata da Gianni Papasso.

Lo spettacolo, di Franco Bertini, Flavio Insinna, Marco PerroneMarco PrestaFabio Toncelli, ha visto Insinna, accompagnato dalla Piccola Orchestra, composta dai bravissimi musicisti Angelo Nigro al piano e tastiere, Vincenzo Presta al sax, Filippo D’Allio alla chitarra, Giuseppe Venezia al basso, Saverio Petruzzelli alla batteria e Martina Cori, cantante, emozionare e divertire il pubblico.

Una serata, quella vissuta dal pubblico cassanese, all’insegna del divertimento che ha molto apprezzato, tributando scroscianti applausi ai protagonisti dello spettacolo impregnato di comicità, di racconti del protagonista, di musica e canzoni.

L’opera teatrale, è stata tratta dall’omonimo primo romanzo vergato da Flavio Insinna, in cui narra la storia d’amore di Laura e Vittorio. Una storia, ricca di umanità; una fiaba romantica che parla un po’ di tutti noi. Simpatica anche l’iniziativa di Insinna a raccogliere e commentare alcuni pensieri lasciati spontaneamente su un foglio proposto dal personale incaricato dell’accoglienza del pubblico all’ingresso del teatro da parte di molte delle persone intervenute, sul quesito: Che cosa è per te la Felicità? Dagli input venuti dalle risposte, Insinna le ha universalizzato.

Al termine dello spettacolo, standing ovation e applausi da parte del pubblico, segno che ha molto gradito la professionalità degli artisti, la scelta del direttore artistico Andre Solano e quella dell’amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Gianni Papasso e dall’assessore delegata al Teatro, Elisa Fasanella, nel continuare a investire in cultura per elevare la qualità della vita della comunità locale.

Il prossimo appuntamento in cartellone, è per domenica 15 marzo, alle ore 21.00, con lo spettacolo di teatro-canzone che vedrà protagonisti Paolo Caiazzo e Federico Salvatore in Quei caffè diventano due. (rcs)

RENDE (CS) – Venerdì Teo Teocoli in “Restyling”

Venerdì 6 marzo, a Rende, al Teatro Garden, alle 21.00, Teo Teocoli in Restyling.

Lo spettacolo rientra nell’ambito della 18esima edizione della rassegna di Musica e Teatro Primafila, organizzata dall’Associazione Novecento Teatri con la direzione artistica di Benedetto Castriota.

Teocoli, comico, imitatore, conduttore televisivo, attore e cantante italiane, nel suo show ripercorre tutte le tappe fondamentali della sua lunghissima carriera attraverso un viaggio nella sua vita da showman tra cabaret e musica. (rcs)

MELITO (RC) – Al via la 2° rassegna teatrale “San Gaetano Catanoso”

Prenderà il via, il 15 marzo, a Melito Porto Salvo, la seconda Rassegna Teatrale “San Gaetano Catanoso”, organizzata dall’Associazione di Promozione Sociale “Padre Gaetano Catanoso” in collaborazione con la Federazione Italiana Teatrale Amatoriale.

La rassegna è stata organizzata con l’obiettivo di raccogliere proventi da devolvere alla Compagnia Palcoscenico 91 – Pippo Mafrici” a cui è stato rubato il furgone in cui c’erano tutte le attrezzature e il materiale necessario per portare in scena una rappresentazione.

«Diamo la possibilità concreta – si legge sulla pagina Facebook dell’Associazione – alla Compagnia Teatrale “Palcoscenico 91-Pippo Matrici” di ripartire dopo quanto accaduto.Contribuiamo con un piccolo gesto di solidarietà…».

Si parte, dunque, il 15 febbraio, alle 21.00, al Chioro di San Lorenzo, con lo spettacolo Matrimoni con funerale della Piccola Compagnia del Teatro di Pellaro. Una commedia in vernacolo con la regia della PCT. Il 21 marzo, sarà la volta della rappresentazione storica Fuori dalla storia… come sempre della Fondazione Ciccio Marzano – Gruppo Spontaneo di Bovalino, con la regia di Enzo Marzano.

Il 28 marzo, la Bottega del Sorriso di Cittanova porta in scena I morti non pagano i tassi, una commedia in vernacolo con la regia di Francesco Rizzo; il 29 marzo, la rassegna si chiude con la commedia in vernacolo Va mi mbrogghi e resti mborgghiatu della Compagnia Palcoscenico 91 – Pippo Mafrici di Melito Porto Salvo, con la regia di Totò Briguglio. (rrc)