CARIATI (CS) – Si presenta il libro “Cariati nel Novecento tra cronaca e storia”

Domani pomeriggio, a Cariati, alle 17.30, nella Sala Convegni di Palazzo Chiriaci, si presenta il libro Cariati nel Novecento tra cronaca e storia di Franco Liguori.

Coordinati da Assunta Scorpiniti, responsabile del Mumam, dopo gli indirizzi di saluto del sindaco Filomena Greco interverranno Giuseppe Ferraro, direttore dell’Istituto Risorgimento Cosenza e membro del Comitato scientifico dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia contemporanea (ICSAIC), gli ex sindaci di Cariati, Antonio Latanza, già preside del Liceo scientifico e Damiano Montesanto, già docente dello stesso istituto d’istruzione e Don Giuseppe De Simone, Vicario episcopale per la Cultura dell’Arcidiocesi Rossano – Cariati.

«Promuovere la conoscenza della storia locale – ha dichiarato la sindaca Greco – significa riappropriarsi delle proprie radici e della propria identità e contribuire, con maggiore consapevolezza, a costruire opportunità di sviluppo. Senza il preziosissimo lavoro di studio e ricerca di storici come Franco Liguori, questo percorso destinato ad affidare la memoria di quello che siamo stati alle future generazioni, risulterebbe più difficile».

Il Novecento a Cariati, in tutti i suoi aspetti, politico-amministrativo, economico, sociale, ecclesiastico-religioso, culturale. Corredato da foto dell’epoca, in bianco e nero, il volume, di 470 pagine, si suddivide quattro parti, corrispondenti a quattro fasi della storia locale del XX secolo: dagli inizi del secolo al 1922 (parte I); dall’avvento del Fascismo alla Liberazione (1945 – parte II); dalle elezioni comunali del 1946 ai primi anni Sessanta (parte III; dalle elezioni amministrative del 1966 al Duemila (parte IV).  Seguono 5 capitoli di approfondimenti: 1) Formazione e sviluppo della Marina; 2) Storia dell’emigrazione cariatese; 3) La Chiesa di Cariati nel Novecento (vescovi, sacerdoti, storia del Seminario, feste religiose); 4) Cenni storici del Liceo Scientifico di Cariati; 5) I Cariatesi del Novecento che hanno dato lustro al paese. (rcs)

CARIATI – Sopralluogo tecnico per piattaforma dell’elisoccorso

Nei giorni scorsi, a Cariati, è stato fatto un sopralluogo dal Gruppo Tecnico di lavoro per il Servizio Elisoccorso Regionale. L’ispezione, fatta su richiesta dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Filomena Greco, è stata fatta per verificare la possibilità di realizzare una piattaforma per l’atterraggio, nelle immediate vicinanze del presidio ospedaliero, per azzerare gli attuali tempi di percorrenza necessari per raggiungere il Vittorio Cosentino dal Porto, attuale sito indicato come elisuperficie, bypassando il traffico cittadino sulla SS 106.

Ad accompagnare il coordinatore del Gruppo, Pasquale Gagliardi, insieme agli infermieri del SUEM 118 dell’Asp di Cosenza, Luisa Pisano e Sandro Ganzino, è stato il consigliere Gianpasquale Nigro Imperiale e lo stesso sindaco Filomena Greco che, aveva sollecitato Asp e Regione Calabria per la realizzazione dell’intervento.

L’Ente ha partecipato all’avviso pubblico dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, per la realizzazione dell’elisoccorso risultando idonea al finanziamento dell’Unione Europea – Next Generation EU per un importo di 200 mila euro. (rcs)

La sindaca di Cariati Greco: entro il 2025 la Casa della Salute

Entro il 2025 «dovrebbe essere realizzata una Casa della Salute a Cariati». È quanto ha reso noto la sindaca della città, Filomena Greco, a seguito delle comunicazioni da parte dell’Asp di Cosenza in merito alla richiesta di chiarimenti sulla riapertura dell’Ospedale Vittorio Cosentino.

«Si sta procedendo – ha spiegato la sindaca – all’installazione della Tac; nell’ambito dei fondi Pnrr (Ammodernamento del parco tecnologico e digitale ospedaliero) sono stati destinati al presidio ospedaliero due ecografi multidisciplinari di alta gamma, all’interno del Piano di Sviluppo e Coesione, Cariati è stato individuato quale sede di Ospedale di Comunità con la possibilità di ospitare da 20 a 40 posti letto».

La Sindaca ha colto l’occasione per ringraziare il Presidente Roberto Occhiuto dell’attenzione costante riservata alla garanzia del fondamentale diritto alla salute anche e soprattutto di questo territorio, esprimendo altresì l’auspicio che il Governatore possa fare massima chiarezza sui tempi di modifica al Dca 64 con il reinserimento dell’ospedale di Cariati nella rete ospedaliera, sui tempi per la riapertura dell’ospedale con tutti i reparti pre chiusura e in merito alle paventate interferenze ed agli eventuali ostruzionismi che da questo territorio starebbero tentando di frenare la riapertura dell’Ospedale pubblico.

«Tutti gli altri obiettivi che pur danno una risposta per la sanità territoriale – ha sottolineato la sindaca Greco – non corrisponderebbero all’esigenza che da ormai un decennio questa comunità conferma senza distinzioni, senza se e senza ma: riaprire l’Ospedale di Cariati con tutti i reparti pre 2010».

«Siamo fiduciosi – ha aggiunto – del fatto che la Giunta Regionale stia lavorando bene e stia andando nella giusta direzione per garantire ai cittadini di questo territorio servizi assistenziali di qualità, mettendo fine a tutti questi anni di disagi e viaggi della speranza. Fin quando, tuttavia, non leggeremo a chiari lettere che c’è conferma sulla riapertura dell’Ospedale di Cariati così come era prima della sua chiusura la preoccupazione ed anche l’ansia di questa terra resteranno immutate». (rcs)

CARIATI (CS) – Il Rotary Club Terra Brettia presenta campagna su patologia cerebrovascolare

Questa sera, a Cariati, alle 19.30, al Poliambulatorio Vascolab, il Rotary Club Terra Brettia presenta la campagna di sensibilizzazione sulla patologia cerebrovascolare.

Finanziato dal Distretto Rotary 2102, il progetto che prevede giornate di prevenzione a partire dal sabato 21 gennaio, alle ore 9,30, nello stesso Poliambulatorio, interesserà anche i comuni di Scala Coeli, Campana, Acri, Santa Severina e Corigliano-Rossano. Ictus ischemico ed emorragie intracerebrali e subaracnoidee, tra le patologie cerebrovascolari più frequenti, si possono prevenire solo attraverso corretti e sani stili di vita, con una corretta alimentazione e mettendo al bando fumo ed abuso di alcool.

All’evento di presentazione interverranno il presidente del Rotary Club Cariati Terra Brettia, Vanna Straface, il Governatore del Distretto 2102 Gianni Policastri, il sindaco Filomena Greco, il responsabile del progetto Tommaso Spina, il presidente del Rotary Club Cariati TB 23/24 Sinibaldo Iemboli e Nicola Cosentino, medico specialista in cardiologia.

Elaborato dal Club Cariati Terra Brettia, nel corso delle giornate di prevenzione parteciperanno la District Trainer D2102 Maria Rita Acciardi, i presidenti del club di Acri, Rocco Le Pera, di Corigliano-Rossano Sybaris, Francesco Lasso, di Rossano-Bisantium, Pasquale Catalano, di Santa Severina Francesca Giovinazzi e di Cariati TB Giovanni Spina(rcs)

CARIATI (CS) – Il sindaco Greco ha incontrato le equipe multidisciplinari del Fondo Povertà 2020 e del Prins

Il sindaco di Cariati, Filomena Greco, insieme all’assessore alle Politiche Sociali, Rosaria Bianco, ha le equipe multidisciplinari del Fondo Povertà 2020 e del Prins, progetti dell’Ambito Territoriale Sociale, che avevano richiesto l’incontro.

«Orientare uno sguardo di comunità e promuovere il protagonismo e la partecipazione attiva delle nuove generazioni alla vita della città, creando un ponte generazionale tra il passato e le opportunità del futuro. Era e resta, questa, la bussola che ispira le attività che intendiamo continuare a promuovere nel sociale», ha spiegato il primo cittadino.

Alla luce del passaggio di consegne tra Bruno Morise Guarascio e Francesca Forciniti, neo responsabile dell’Area Servizi alla Persona, ai quali il Primo Cittadino ha destinato parole di apprezzamento per quanto è stato fatto e quanto si continuerà a fare, sono state ripercorse le diverse tappe che hanno visto l’Ambito Territoriale Sociale, protagonista di un nuovo modello di welfare, a misura di cittadino.

Nel corso del momento di confronto e condivisione degli obiettivi da raggiungere e delle sfide da affrontare nei prossimi mesi del nuovo anno appena iniziato i professionisti hanno voluto consegnare al Primo Cittadino una targa per attestare l’apprezzamento per il lavoro portato avanti.

«Vogliamo esprimere la nostra più profonda gratitudine – si legge – per essere stata sin dal primo momento della sua carica istituzionale, una donna di grande umanità oltre che di immensa umiltà, contraddistinta da un’infinita sensibilità rispetto alle problematiche sociali emergenti nel nostro territorio. Un riconoscimento per essere stata la promotrice della progettazione nel sociale, dall’attuazione del piano di zona, alla valorizzazione dei servizi socio – assistenziali, potenziando e rafforzando i servizi sociali del nostro Comune e dei paesi dell’ambito territoriale».

«Manifestiamo un grande apprezzamento ed un’infinita riconoscenza – si legge ancora – per l’attenzione dimostrata verso le esigenze della comunità locale, trovando spesso le giuste soluzioni ai problemi che si sono palesati. Oltre alle grandi doti politiche per aver saputo amministrare la macchina comunale in maniera egregia, e non solo, ha dimostrato di saper affrontare i problemi sociali e le criticità della nostra città, portando a casa importanti risultati».

«Avendo ben chiaro il quadro della situazione e la mappa dei bisogni che questa comunità esprimeva – ha aggiunto il sindaco – nell’attività amministrativa abbiamo cercato di puntare tutto sul sociale. Probabilmente si tratta di una scelta non facilmente comprensibile e, anche se questa Amministrazione ha ottenuto moltissimi finanziamenti nei lavori pubblici che sicuramente nei prossimi anni cambieranno il volto di Cariati e lo renderanno più accogliente e vivibile, questa rappresenta la più grande soddisfazione».

«Voi siete la parte più importante di questo percorso perché possiamo avere tutte le infrastrutture del mondo ma se non abbiamo le donne e gli uomini che portano in giro il cuore – ha detto rivolgendosi ai professionisti – tutto è vano. La nostra società ha da tempo preso una brutta piega soprattutto nel coinvolgimento dei giovani nello spirito di comunità e partecipazione attiva, insieme possiamo invertire la rotta e renderli protagonisti» (rcs)

Tavernise (M5S): Dopo numerosi solleciti i primi risultati per l’Ospedale di Cariati

«Dopo un anno di solleciti, finalmente, i primi tangibili risultati». È quanto ha dichiarato il consigliere regionale del M5SDavide Tavernise, a seguito del sopralluogo all’Ospedale “Vittorio Cosentino” di Cariati.

«Abbiamo visto gli ecografi nel laboratorio di cardiologia – ha spiegato –  l’ecografo arrivato nel reparto di radiologia, abbiamo visto i lavori propedeutici all’installazione della tac. Per la prima volta ci sarà una tac all’ospedale di Cariati, che potrà dare ossigeno all’ospedale di Rossano dimezzando così le liste d’attesa».

«Tra un mese arriverà il mammografo – ha annunciato –. Mi farò portavoce, anche di questa vertenza, perché vengano adeguati i locali».

«Sul Vittorio Cosentino – ha continauto – c’è un lavoro certosino votato alla concretezza. Perché la riapertura di questo ospedale rappresenta la mamma di tutte le battaglie. E il Vittorio Cosentino verrà riaperto, perché inserito nel piano operativo regionale, che prevede tra l’altro anche la riapertura degli ospedali di Praia a Mare e di Trebisacce, come ospedali di zona disagiata».

«Positivo, dunque, il riscontro tra i locali dell’ospedale Vittorio Cosentino – ha concluso –. Non mancano, certo, le iniziative che occorre ancora portare avanti. Per esempio un punto rete nelle stanze che ospitano la strumentazione tecnologica al fine degli adeguati collegamenti, ma a Cariati, finalmente, si vedono spiragli di luce: il punto di primo intervento diventerà pronto soccorso». (rcs)

Il sindaco di Cariati Greco: Ribaltare gli stereotipi della Calabria partendo dalle Scuole

Il sindaco di Cariati, Filomena Greco, ha evidenziato la necessità di «ribaltare e scollare quelle etichette che, per troppo tempo, ci sono state cucite addosso e promuovere la conoscenza della nostra storia e del nostro patrimonio culturale».

Un’azione che, per il primo cittadino «significa costruire il futuro di questa terra e formare cittadini consapevoli di quella che è una vera e propria dote: l’identità e lo spirito dei luoghi. Favorire la riappropriazione da parte dei residenti dei propri territori attraverso la promozione dei marcatori identitari distintivi (MID) per riscrivere in chiave turistico-esperienziale l’immagine più bella e competitiva della nostra terra nel mondo. – Tutte le iniziative che favoriscono questi percorsi, dalla letteratura all’arte, sono da accogliere con favore e da promuovere nelle scuole».

Il sindaco Greco, infatti, è intervenuto nell’ambito della rassegna Incontriamoci al Museo, ospitata dal Mumam, il Museo Civico del Mare, dell’Agricoltura e delle Migrazioni, all’evento di presentazione del libro La Calabria delle Meraviglie di Arcangelo Badolati, scrittore, giornalista e caposervizio della Gazzetta del Sud.

A dialogare con l’Autore è stata la responsabile del Museo, Assunta Scorpiniti, stimolando i suoi interventi sulle parti salienti del volume e, soprattutto, sul percorso che lo ha portato da giornalista studioso di fenomeni criminali alla scrittura di un libro completamente diverso che va oltre la percezione comune, spesso falsata dal pregiudizio, che si ha della nostra terra e ci racconta un’altra Calabria. Pagine del volume sono state lette dal poeta Alessio Baratta e inframmezzate dalle canzoni di Rossella Marino.

L’incontro con Badolati segue a quello con il Vescovo Luigi Renzo e la psicologa Cecilia Gioia; all’evento interculturale La stella dei Magi, al reading letterario-musicale Il mare che porta; all’incontro con l’attrice rivelazione dell’anno Lina Siciliano, cariatese, protagonista del film Una femmina di Francesco Costabile(rcs)

CARIATI (CS) – In un immobile confiscato nascerà uno Sportello e Centro antiviolenza

A Cariati, in un immobile confiscato alla criminalità organizzata nascerà lo Sportello e Centro antiviolenza per donne e bambini. Ciò è stato possibile grazie a un finanziamento di oltre 85 mila euro che il Comune, guidato dal sindaco Filomena Greco, ha ottenuto dall’Agenzia per la coesione territoriale per la valorizzazione economica e sociale dei beni confiscati alle mafie finanziato dall’Unione europea – Next Generation EU.

Lo sportello e Centro si chiamerà “Dopo la tempesta”.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Greco insieme all’assessore Rosaria Bianco per il risultato che va ad aggiungersi alla serie di iniziative messe in campo dall’Amministrazione Comunale, per promuovere giustizia sociale e sensibilizzare soprattutto le nuove generazioni alla cultura della legalità, della gentilezza e della non-violenza.

Dalla panchina rossa collocata nella Piazzetta Lavoratori del Mare, in memoria di Battistina Russo, concittadina vittima di femminicidio; alle iniziative contenute nel più ampio cartellone di eventi “Un anno senza violenza” che ha visto destinatari e allo stesso tempo protagonisti gli studenti delle scuole superiori, passando dalla costituzione di un’equipe multidisciplinare che attraverso educatori, psicologi, mediatori e avvocati rappresenta un punto di riferimento per le persone fragili e le famiglie in difficoltà. 

«La realizzazione dello sportello e centro antiviolenza – ha detto il sindaco – è un ulteriore tassello all’impegno nel sociale al quale questa Amministrazione Comunale ha inteso dare maggiore forza ed attenzione rispetto al passato».

«Mettere al centro l’universo dei bisogni delle persone più fragili è – continua la Greco – quanto abbiamo inteso fare sin dal nostro insediamento, guardando ad un modello diverso di welfare che non è solo aiuto economico, ma sostegno psicologico, vicinanza e prossimità».

Il progetto del centro antiviolenza ha come obiettivo quello di contribuire a rafforzare i sentimenti di legalità, restituire alla collettività i beni frutto di proventi da attività illecite, facendo di questi, dei luoghi simbolo per educare, soprattutto le nuove generazioni, anche al concetto di parità di genere. (rcs)

CARIATI (CS) – Welfare, attivato il Pronto Intervento Sociale

È stato attivato, a Cariati, il Pronto Intervento Sociale. Si tratta di un’equipe multidisciplinare per un anno intero sarà punto di riferimento per minori, vittime di violenza, vittime di tratta, persone non autosufficienti e adulti in difficoltà. Si rafforza la rete dei servizi rivolti alle persone in situazioni di grave deprivazione materiale o senza dimora o in condizione di marginalità estrema.

Lo ha reso noto il sindaco, Filomena Greco, esprimendo soddisfazione, insieme all’assessore alle politiche sociali Rosaria Bianco, per l’avvio di questo mnuovo servizio che lavorerà a stretto contatto e a supporto dell’equipe Fondo Povertà che si arricchisce, quindi, di un assistente sociale, uno psicologo infantile, un educatore professionale, un mediatore linguistico culturale, un amministrativo rendicontatore ed un avvocato.

Situazioni di grave povertà/povertà estrema che costituiscono grave rischio per la tutela e incolumità psico-fisica della persona; situazioni di abbandono o grave emarginazione con rischio per l’incolumità della persona e/o di grave rischio per la salute socio-relazionale, in assenza di reti familiari e sociali. Sono, questi, nello specifico i bisogni per i quali sarà possibile rivolgersi al Prins, operativo durante gli orari e giorni di chiusura dei servizi sociali territoriali di riferimento, oppure come intervento specialistico sempre attivo.

Le richieste o le segnalazioni di emergenza sociali potranno essere segnalate attraverso una centrale operativa di emergenza. L’operatore disponibile fornirà una pronta risposta telefonica e, se necessario richiederà un immediato intervento sul posto coinvolgendo i servizi specialistici. In seguito l’Unità Mobile intervenuta aggiornerà il Servizio Sociale Professionale e i referenti dell’ambito.

Le attività di Prins si articoleranno attraverso l’accoglienza delle richieste di emergenza; l’ascolto e lettura del bisogno attraverso operatori della centrale operativa; la valutazione del bisogno ed attivazione dell’intervento attraverso l’Unità di strada (UDS); l’invio/segnalazione ai servizi competenti per l’eventuale presa in carico; l’attivazione di interventi di collocamento in strutture di accoglienza per situazione di particolare gravità ed emergenza indifferibile.

Il Servizio opererà in maniera integrata con tutti i servizi territoriali ed in particolare con i servizi sociali, i servizi sanitari (ospedali, CIM, SERT); le forze dell’ordine; gli enti del terzo settore (strutture di accoglienza) ed i centri antiviolenza. (rcs)

La sindaca di Cariati Greco: Trovare una soluzione definitiva a emergenza rifiuti

La sindaca di Cariati, Filomena Greco, ha lanciato un appello alla Regione Calabria, affinché si adoperi immediatamente per la soluzione definitiva della questione che non è esclusiva di Cariati ma riguarda tutto il territorio.

«Che saremmo arrivati a Natale con le strade invase dai rifiuti – ha spiegato – era un rischio che avevamo previsto con largo anticipo, ancora prima dell’Immacolata. L’ennesima comunicazione da parte della ditta sull’impossibilità di proseguire con lo stoccaggio e sulla riduzione dei conferimenti, conferma che siamo in piena emergenza e che tutte le soluzioni tampone adottate non servono ad altro se non a complicare la situazione, ad alimentare il disagio ed il malcontento nei cittadini».

«Legati a doppio filo persino alle condizioni meteo che determinano la possibilità di raccolta o meno – ha proseguito – noi amministratori eravamo e restiamo impotenti di fronte alle giustificate rimostranze dei cittadini. La Ekrò ha comunicato che fino alla vigilia di Natale si dovrà dare priorità al conferimento degli scarti di vagliatura della frazione organica da raccolta differenziata; il quantitativo di frazione indifferenziata conferibile in impianto è indicativamente pari a 50 – 6° tonnellate al giorno se le condizioni meteo lo permettono; la linea di trattamento della frazione organica da raccolta differenziata rimarrà ferma». (rcs)