Elezioni Provincia di CZ, Fiorita: Disponibile a collaborare per risanamento dell’Ente

«Sarò disponibile a collaborare per il risanamento dell’Ente», ha dichiarato il sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita, a seguito dell’elezione di Amedeo Mormile a presidente della Provincia di Catanzaro.

Per Fiorita, che era il candidato del centrosinistra, «era impensabile che l’onda lunga della vittoria di Giorgia Meloni e del centrodestra non avesse una diretta influenza sul voto alle Provinciali che, essendo di secondo livello, è fortemente politicizzato e in molti casi identitario».

«Non era facile – ha aggiunto – strappare la guida della Provincia ad uno schieramento già maggioranza in Consiglio e, ovviamente, galvanizzato dall’esito delle urne alle Politiche, come dimostra la presenza dei principali leader regionali di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia alle operazioni di voto. Prendo atto di un’affermazione netta di Amedeo Mormile, al quale faccio sinceri auguri per il difficile lavoro che lo attende. Sarò sempre disponibile a collaborare nell’azione di risanamento dell’Ente e di salvaguardia dei diritti dei lavoratori, così come sono certo che non mancherà una leale collaborazione tra Provincia e Comune nelle materie e sulle questioni che interessano il Capoluogo».

«Non mi pento di avere accettato una candidatura di servizio – ha concluso – che non ho cercato o sollecitato, rivolta a tenere unita una comunità politica in difficoltà. Ringrazio di cuore tutti i sindaci e gli amministratori che mi hanno espresso fiducia con il loro voto e quei dirigenti politici che hanno creduto nella mia candidatura». (rcz)

A Catanzaro dal 3 ottobre il Censimento permanente Popolazione e Abitazione

Dal 3 ottobre, prende il via a Catanzaro la nuova edizione del Censimento permanente della Popolazione e delle abitazioni che coinvolgerà quest’anno oltre 2800 famiglie.

Lo ha reso noto Aldo Casalinuovo, assessore ai Servizi Demografici, specificando che il Censimento verrà effettuato con il contributo di due campioni di famiglie chiamate a rispondere al questionario in periodi diversi. Dal 3 ottobre al 22 dicembre coloro che riceveranno una lettera dall’Istat saranno invitate a partecipare al censimento compilando un questionario online attraverso apposite credenziali di accesso (rilevazione da lista). Successivamente, dal 13 ottobre al 17 novembre, le famiglie riceveranno una locandina o una lettera dall’Istat con l’annuncio della visita di una persona incaricata dal Comune la quale, munita di tesserino di riconoscimento con foto e nominativo, fornirà spiegazioni sul censimento ed effettuerà l’intervista (rilevazione areale).

A coordinare le operazioni sul territorio è l’Ufficio comunale di censimento nell’ambito del settore Servizi demografici e statistica, diretto da Simona Provenzano, con la posizione organizzativa Francesco Catanzaro, ed il responsabile dell’ufficio statistica, Sergio Viapiana. I Centri comunali di rilevazione sono ubicati a Palazzo De Nobili, presso l’ufficio anagrafe; in via della Stazione n. 95, nel quartiere Sala; all’ufficio anagrafe decentrato, nel quartiere Lido, questi ultimi due aperti lunedì e mercoledì, dalle 15 alle 18.

Si ricorda che partecipare al Censimento è un obbligo di legge, ma anche un’importante opportunità. Per informazioni o supporto è possibile contattare il Numero Verde Istat 800 188 802 – attivo dal 30 settembre al 22 dicembre, tutti i giorni, compresi sabato e domenica dalle ore 9 alle ore 21 – e l’ufficio comunale di censimento, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13 e dalle 15 alle 18. (rcz)

CATANZARO – Al via il ciclo di incontri di Tessere di Comunità

Al via domani, a Catanzaro, il ciclo di incontri di Tessere di Comunità, curato dal Centro Calabrese di Solidarietà.

Il progetto – finanziato dai fondi Cei 8×1000 di Caritas Italiana, voluto dalla Diocesi di Catanzaro-Squillace e gestito dal Centro calabrese di solidarietà – si propone di favorire il confronto, creare e consolidare relazioni autentiche, perseguire la solidarietà tra le famiglie, “cellule” fondamentali della società.

Come ha avuto modo di dire la presidente del Centro Calabrese di Solidarietà, Isolina Mantelli, l’obiettivo di “Tessere di Comunità” resta quello di riuscire a coinvolgere il più possibile tante famiglie per «costruire insieme quella “comunità educante” di cui la Calabria ha bisogno per superare steccati e differenze».

Come sempre, l’iniziativa è rivolta alle famiglie: genitori con figli tra 7 e 11 anni, nonni, zii. Cosa si impara? Cosa sanno fare i bambini, come ottenere comportamenti positivi, come i bambini possono dire NO per stare fuori dai guai, come dare e ricevere indicazioni chiare, come dare delle regole, come comunicare in famiglia, come diventare genitori più sicuri che crescono figli più forti

Ogni incontro prevede una parte in cui il gruppo dei bambini e quello dei genitori lavorano separatamente e una parte in cui lavorano tutti assieme. Ogni incontro termina con un momento conviviale di rinfresco. L’equipe formativa è composta da: sociologi, psicologi, pedagogisti, educatori, animatori.

Il nuovo ciclo di dieci incontri da tre ore l’uno parte venerdì 30 – dalle 16.30 alle 20 –  in via Poerio, 98, nei locali del WorkArt messi a disposizione dal direttore del Teatro Comunale, Francesco Passafaro.

Il percorso è completamente gratuito. La partecipazione è a numero chiuso, previa iscrizione e selezione. I partecipanti potranno avvalersi anche di un servizio di animazione ludica per i bambini di età inferiore ai 6 anni. (rcz)

CATANZARO – Ecco la nuova stagione del Teatro Incanto

È stata presentata la nuova stagione del Teatro Incanto, che è «un invito a superare i limiti di una programmazione prettamente amatoriale, provando a produrre degli spettacoli che hanno voglia di uscire dalla città ed essere presentati in giro per la regione e, perché no, anche per l’Italia visti i temi trattati», ha dichiarato il direttore artistico Francesco Passafaro.

«Abbiamo anche la visita di alcuni amici che verranno a trovarci e che saranno una bellissima conferma di amore per il teatro e per il Comunale, Il Centro del centro storico – ha spiegato ancora Passafaro –. Ormai dal punto di vista teatrale siamo davvero fortunati perché ogni anno vediamo spettacoli strepitosi sempre qui al Comunale, ci confrontiamo con dei veri professionisti della scena grazie alla stagione di Ama Calabria e questo modo di “rubare il mestiere” credo sia alla base della crescita di ogni compagnia teatrale».

«Tutto nasce dal nostro TeatroLAB – ha proseguito – la nostra scuola di teatro, che è cresciuto enormemente in quantità e soprattutto in qualità, perché ci sono dei talenti che si fanno notare e poi la nostra compagnia dei Bimbi, che sono davvero delle piccole meraviglie. Quest’anno abbiamo insegnanti di canto, di danza, di cinema, di “Theater Fitness” per essere pronti a tutto, quindi abbiamo pensato di realizzare 3 commedie musicali, La Bella addormentata nel bosco, La spada nella roccia e Aladdin, in un reinventare lo spettacolo per tutta la famiglia».

Questi spettacoli sono stati scelti per realizzare delle produzioni nuove, degli spettacoli da vedere tutti insieme, perché pensiamo che comunque a Teatro possa vincere il messaggio che la storia trasmette.

Passafaro, quindi, entra nel vivo della stagione, che prenderà il via il 9 ottobre.

La bella addormentata non è solo la storia di Aurora, ma è soprattutto la storia di Malefica, che non è ben vista dalla comunità, una reietta che si vendica colpendo il potere nel suo punto più debole.

La spada nella roccia è la storia di Semola, cioè Artù, molto prima della sua ascesa al regno, in un incontro con il meraviglioso mago Merlino che gli spiegherà che il sapere e la saggezza sono la vera magia.

E ancora Aladdin, la storia di un ragazzo povero che nasconde in sé molto più di quello che sembra, un vero diamante allo stato grezzo, che grazie all’incontro con il Genio, personaggio doppiato nella versione cinematografica da Robin Williams e dal magnifico Gigi Proietti, riuscirà a dimostrare a tutti e prima ancora a se stesso, tutto il suo potenziale.

Uno spettacolo su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Giovanni e Paolo, gli antieroi, che si rifà allo stile del teatro contemporaneo che in questi giorni abbiamo accolto al Comunale.

Uno spettacolo sul poker come metafora della vita, P.P.P Poker Post Pandemia, il gioco del poker è visto in un incontro tra amici che si rivedono dopo molto tempo a causa della pandemia. Ognuno gioca a suo modo, cosi come affronta la vita. C’è chi bluffa, chi attacca, chi si difende, chi si mostra e chi si nasconde, in un evolversi di storia che rappresenta perfettamente il periodo che tutti stiamo vivendo.

Riproponiamo il sindaco del rione Sanità, di Eduardo De Filippo, uno spettacolo che ci ha regalato mille soddisfazioni, articolato in 3 atti, con una scenografia bellissima e un significato davvero molto attuale.

I nostri amici Appiccicaticci verranno da Roma con uno spettacolo di improvvisazione pura, A che ora vengo stasera?

 Ovvero Faccio tutto da solo che non sono capace di gestire relazioni Il sottotitolo è tutto! Si può improvvisare da soli? E fare uno show completamente soli? La risposta è Sì, e questo spettacolo ve lo dimostra!

Un solo Attore e tutti quei personaggi che popolano un luogo ben preciso (Quale? Non sappiamo proprio: ogni sera è diverso)

Uno spettacolo sull’impossibilità di creare relazioni ma anche sull’assoluta necessità, perché soli è tutto, in scena come nella vita, figuriamoci nell’improvvisazione

Una scelta per la vita di Stefania Pascali e Luigi Cilli

Stella ha una vita come tutti gli altri, con alti e bassi. All’età di trentasei anni però, si ritrova single, con due bambini e senza lavoro. Quali strategie adotterà per cavarsela? E soprattutto come risalirà la china? Una storia raccontata con ironia che insegna a non perdere mai la speranza e a credere sempre in se stessi.

Lo spettacolo, prodotto da Global Thinking Foundation fa parte del progetto Libere di…Vivere ed è stato inserito all’interno di un docufilm dall’omonimo titolo, prodotto da MACfilm con la regia di Antonio Silvestre.

È stato proiettato in anteprima nazionale presso il Palazzo del Cinema Anteo di Milano il 9 Maggio 2022.

Sta partecipando a diversi festival internazionali. Ad oggi si è aggiudicato il “Premio Giuria Giovani” all’Ariano International Film Festival.

Ma avevo dimenticato il primo spettacolo SSS Spettatori sulla scena, che sarà un vero e proprio esperimento, mai tentato dal Teatro Incanto, di coinvolgimento del pubblico in modo attivo. Saranno infatti gli spettatori, ai quali sarà dato un testo prima dell’inizio dello spettacolo o che potranno anche portarlo da casa, a interpretare sulla scena monologhi, dialoghi comici o drammatici, poesie… tutto quello che vogliono, guidati seduta stante dagli attori della nostra compagnia.

Uno spettacolo unico, che potrà cambiare di volta in volta e che sarà davvero una sorpresa ogni volta.

Orario spettacoli Domenica ore 18,30 – Una scelta per la vita.  Venerdì ore 20,30. Tutti i bambini con età inferiore ai 10 anni hanno diritto a ingresso gratuito. È obbligatoria la presenza di un accompagnatore adulto per ciascun gruppo di 3 bambini. (rcz)

 

CATANZARO – Il 30 settembre al Marca il convegno della Fondazione Banca Montepaone

Il 30 settembre, al Museo Marca di Catanzaro è in programma il convegno Crescita economica per una società inclusiva e a tutela dell’ambiente della Fondazione Banca Montepaone.

Un convegno organizzato dall’Ente di recente costituzione presieduto dall’avvocato Giovanni Caridi, con l’obiettivo di sostenere iniziative di interesse generale e di utilità sociale capaci di positive ricadute territoriali, con una particolare attenzione ai temi della tutela, promozione e valorizzazione del patrimonio culturale, storico e artistico, oltre che di quello altrettanto prezioso naturale e ambientale. 

«La Fondazione – ha spiegato il presidente Caridi – nasce con l’intento semplice e chiaro di aumentare in ogni direzione possibile il benessere della collettività, promuovendo attività di crescita della socialità e della cultura. Si comincia, quindi, da un significativo convegno di estremo interesse per le delicate e fondamentali tematiche trattate, nonché per le articolate e qualificate relazioni che non mancheranno di portare un serio e originale contributo al dibattito in corso. Il nostro impegno proseguirà subito dopo con l’avvio di iniziative culturali di altrettanto spessore e importanza».  

È questa, dunque, la prima iniziativa convegnistica “pubblica” della Fondazione, che è stata comunque pensata per proporsi e rinnovarsi come un appuntamento annuale di alto profilo, capace di offrire importanti “focus” sui temi scelti, con panel che vedranno presenti sempre testimonial di livello ed “esperti” chiamati appunto a spiegare lo stato dell’arte, a inquadrare gli scenari e a proporre soluzioni possibili e praticabili al di fuori della retorica, e nell’ambito della concretezza e della “scienza” economica.

Al convegno di giorno 30, dopo i previsti saluti delle autorità (sono attesi Filippo Mancuso Presidente del Consiglio Regionale della Calabria; Nicola Fiorita Sindaco del Comune di Catanzaro; Giovambattista De Sarro Rettore Università degli Studi di Catanzaro “Magna Græcia”; Bruno Riziero Direttore p.T. Filiale Banca d’Italia, Catanzaro) con la moderazione del giornalista de Il Sole 24Ore Giuseppe Chiellino, alle 10:30 l’avvio dei lavori sul tema Ambiente: transizione ecologica e rivoluzione verde, con Carmelo Gallo Presidente della Sogesid SPA Ingegneria Territorio Ambiente; Augusto dell’Erba Presidente della Federazione Nazionale delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali; Roberto Reggi Responsabile concessioni impianti idroelettrici e termoelettrici, azienda A2A; Salvatore Siviglia Dirigente Generale Dipartimento Territorio e Tutela dell’Ambiente Regione Calabria; Riccardo Trichilo CEO e Direttore Generale CSMT Polo Tecnologico, Brescia.

Alle 12:00, la sezione su Sviluppo economico per un futuro migliore con Alessandro Azzi Presidente della Federazione Lombarda delle BCC; Rocco Reina Ordinario di Organizzazione Aziendale Università Magna Græcia di Catanzaro; Aldo Ferrara Presidente Unindustria Calabria; Maurizio Nicolai Dirigente Generale del Dipartimento Programmazione Unitaria della Regione Calabria; Antonio Russo Segretario Generale Cisl Calabria; Carmine Trecroci Professore Ordinario Scienze Economiche Università degli Studi di Brescia

Nel pomeriggio, a partire dalle ore 15:00, con la moderazione del giornalista parlamentare Roberto Scafuri,  il tema è Inclusione sociale: cultura pe rripartire dalle comunità e per superare le diseguaglianze, con gli interventi di Annarita Trotta Ordinaria di Economia degli Intermediari Finanziari – Università Magna Græcia di Catanzaro Esperta di Finanza per l’impatto; Sergio Gatti Direttore Generale di Federcasse; Maria Luigia Gioffrè Fondatrice In-Ruins Associazione no-profit; Antonella Iunti Direttrice generale Ufficio scolastico regionale per la Calabria; Amedeo Manzo Presidente della Federazione Banche di comunità Credito Cooperativo Campania e Calabria; Padre Piero Puglisi Presidente della Fondazione Città Solidale Onlus – Catanzaro

Alle 16:30, la conclusione con la presentazione di Obiettivo del congresso: Istruzione di qualit – Progetto educazione al bello, e l’intervento dell’Arch. Stefania Argenti Soprintendente Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Catanzaro e Crotone. (rcz)

CATANZARO – Al via la Primavera dei Teatri

Da oggi, fino al 29 settembre, a Catanzaro fa tappa la Primavera dei Teatri, una tre giorni di spettacoli di rilievo internazionale giunta alla 22esima edizione.

«Un prologo speciale che vede il Capoluogo di Regione, con i suoi contenitori culturali, confermare e rilanciare il proprio ruolo di punto di riferimento attrattivo e catalizzatore per i grandi eventi», ha dichiarato il sindaco Nicola Fiorita.
«In questo percorso, la rassegna Primavera dei Teatri, giunta alla 22esima edizione – ha aggiunto – rappresenta un altro prezioso tassello con la sua storicizzata programmazione mirata a veicolare i nuovi linguaggi della scena contemporanea. Un’altra bella finestra che si apre, dopo il positivo battesimo di Calabria Show Case che ha visto le compagnie calabresi protagoniste, grazie alla Fondazione Politeama, di un momento di confronto e di promozione destinato a varcare i confini regionali».
Il festival per la prima volta sperimenterà un nuovo ponte tra province diverse, allargandosi anche alla danza: «Catanzaro – ha spiegato l’assessore alla Cultura, Donatella Monteverdi – è orgogliosa di poter ospitare una proposta articolata, originale e coraggiosa come Primavera dei Teatri. Sarà una sfida anche per il pubblico che potrà ammirare spettacoli di vario genere, caratterizzati da elementi artistici innovativi, stimolando la riflessione e la curiosità su tematiche di profonda attualità ed urgenza».
La tre giorni di Catanzaro si aprirà oggi pomeriggio, alle 18, al Complesso San Giovanni con la danza e la performance Esercizi per un manifesto poetico a cura del Collettivo Mine. Alle 21, al Politeama, sarà la volta di El Conde de Torrefiel – collettivo catalano tra i più acclamati del panorama contemporaneo, i cui lavori sono stati presentati nei maggiori festival europei – con lo spettacolo La Plaza, una pièce che ritrae la realtà della vita pubblica della città.
Domani mercoledì 28 settembre, alle 19, al Politeama andrà in scena la performer e artista argentina Marina Otero con Love me, un assolo che affronta la violenza che la stessa autrice, andando via dal suo paese, Buenos Aires, si porta dentro. Seguirà, alle 21 al Comunale, Transpophagic Manifest, in cui la performer, regista e “transpologa“ brasiliana – come lei stessa si definisce – Renata Carvalho presenta un manifesto del corpo travestito, sfidando le costruzioni sociali disumanizzanti che permeano l’immaginario comune su ciò che significa essere trans.
Per la sezione dedicata alla danza, giovedì 29 settembre arriva Alessandro Sciarroni, uno degli artisti italiani più noti nell’ambito delle performing arts, vincitore nel 2019 del Leone d’Oro alla carriera per la danza. In “Save the last dance for me” – in programma alle 18 al Complesso San Giovanni – Sciarroni lavora assieme ai danzatori Gianmaria Borzillo e Giovanfrancesco Giannini sui passi di un ballo bolognese chiamato Polka Chinata.
A chiudere la tre giorni catanzarese e il circuito danza Silvia Gribaudi e Matteo Maffesanti, in scena alle 21 al Politeama con Grace, Premio Danza&Danza come miglior produzione italiana nel 2019. Un lavoro in cui maschile e il femminile si incontrano, lontano da stereotipi e ruoli, liberi, danzando il ritmo stesso della natura. Le tre serate vedranno anche l’appendice del dopofestival al museo Marca a cura di Factory+. (rcz)

CATANZARO – Al Comalca oltre 500 soci del Rotary hanno assemblato le razioni alimentari

È stato un vero e proprio successo Rotary Nutre l’Educazione, l’iniziativa che ha visto arrivare, da tutte le Province calabresi, oltre 500 soci del Distretto Rotary al Comalca di Catanzaro, per assemblare i contenitori delle razioni alimentari da confezionare per essere inviate in Zimbabwe.

Un progetto che vede la collaborazione dei 51 Club della Calabria e che fanno capo al Distretto 2102 – rappresentato dal Governatore Gianni Policastri e che è stato realizzato con il patrocinio della Regione Calabria, in collaborazione con la onlus internazionale Rise Against Hunger Italia, e con focus specifico sullo sviluppo comunitario e con l’obiettivo dell’alfabetizzazione di base.

Negli spazi del Consorzio Mercati Agroalimentari Calabria di Catanzaro, sono stati oltre 500 soci calabresi che attrezzati, con cuffiette e guanti nel rispetto delle norme igieniche del caso, hanno preparato i pacchi pasto da inviare in Zimbabwe, affiancati dal governatore del Distretto Rotary 2102, Gianni Policastri, in un’atmosfera di condivisione e amicizia.

Tra i presenti anche il presidente del Comalca, Daniele Maria Ciranni che ha messo a disposizione del Rotary gli ampi locali della struttura agroalimentare.

C’è da ricordare che il progetto, che ha visto uno sforzo finanziario da parte dei Distretti Italiani per oltre 200.000 euro, si propone di predisporre e confezionare più di 500.000 razioni alimentari che costituiranno i pasti delle mense scolastiche per togliere dalla strada ben 2.850 bambini e bambine dello Zimbabwe dove saranno recapitate dalla partner Rah.

«Quella di oggi – ha commentato Policastri – è la prima di altre dieci iniziative organizzate dai Distretti italiani del Rotary International. Circa 57mila, su più di 500mila previsti, i pasti che saranno confezionati e consegnati al nostro partner che avrà il compito di consegnarli in Zimbabwe. Un evento che farà da apripista agli altri nove organizzati dagli altri Distretti italiani».

«Le scuole africane destinatarie delle razioni alimentari – ha aggiunto – dovranno assicurare pari opportunità a bambini e bambine in modo da garantire uno sviluppo equo e fornire a tutti, oltre che il sostentamento per la sopravvivenza, anche l’opportunità di apprendimento. “Il Rotary Nutre l’Educazione” è stato ideato in questi termini perché riteniamo che l’istruzione sia un dono che rimane per sempre e che serve a far crescere le nuove generazioni in sicurezza ed autonomia, fornendo loro l’occasione per un futuro migliore».

«Siamo onorati di ospitare una così lodevole iniziativa di servizio – ha detto Cirianni – una iniziativa che qualifica la nostra struttura e che noi tutti consideriamo un luogo di forte aggregazione per gli enormi scambi commerciali agroalimentari che si concludono quotidianamente e per l’attenzione alla solidarietà che porta avanti anche con la redistribuzione delle eccedenze». (rcz)

CATANZARO – Si presenta la stagione teatrale del Teatro Incanto

Domani mattina, alle 11, nella Sala del Teatro Comunale di Catanzaro, è in programma la presentazione della stagione teatrale del Teatro Incanto.

Otto spettacoli per regalare la magia del Teatro nella ritrovata normalità, a due anni dalla pandemia che ha cambiato le nostre vite, condizionando la socialità che passa dalla condivisione di spazi culturali a partire dalle platee che guardano al sipario che si alza su un palcoscenico.

Al Teatro Comunale di Catanzaro, nel centro del centro storico, si alza il sipario, ancora con più determinazione, soprattutto dopo la sfida dello scorso anno: con posti ridotti e obbligo di mascherina, il Teatro Incanto, la grande famiglia allargata dell’associazione capeggiata dal direttore artistico del Teatro Comunale, Francesco Passafaro, non si è piegato davanti alla paura e al distanziamento e ha portato in scena importanti spettacoli, a partire dall’omaggio a Gigi Proietti per finire con i due sold out del Musical Mary Poppins(rcz)

CATANZARO – L’IC Materdomini: Un plauso al Comune per l’attenzione per gli istituti

Il Diritto all’istruzione passa, ormai, per una gamma di servizi che si rendono indispensabili per la qualità della vita dei bambini che frequentano gli istititi scolastici. Lo sa bene l’amministrazione del prof. Fiorita che ancor prima che si aprissero i cancelli degli istituti compresivi del Capoluogo ha messo in campo tutta la macchina organizzativa per meglio accogliere studenti e famiglia.

È quanto ci tiene a sottolineare la prof.ssa Zaccone Elisabetta, preside reggente dell’I.C. Materdomini di Catanzaro, che insieme a tutto il personale docente e ATA desiderano esprimere un sentito ringraziamento al sindaco Nicola Fiorita e all’amministrazione tutta, in particolare all’assessore alla Pubblica Istruzione, prof.ssa Donatella Monteverdi. Un plauso doveroso per l’attenzione dimostrata per gli istituti scolastici. Per la prima volta l’amministrazione si è prodigata, prima dell’avvio delle attività didattiche, ad effettuare la pulizia dei cortili di tutti i plessi e delle aree verdi in essi contenuti.

Gli interventi manutentivi intrapresi hanno permesso l’avvio delle attività didattiche in un ambiente, esterno alle aule, decoroso e igienico in quanto è stato effettuato lo sfalcio dell’erba, la potatura di arbusti, alberi, cespugli, il diserbo, il taglio e la triturazione della vegetazione spontanea. Il verde rappresenta per i bambini uno spazio ricreativo da curare e preservare e attraverso gesti come questi che si testimonia l’importanza di vivere la scuola come un luogo sicuro e pronto a rispondere a tutte le esigenze dei piccoli alunni. (Roberta Critelli)

Facoltà di Medicina a Cosenza, il sindaco Fiorita: Tema da affrontare in modo istituzionale

Catanzaro ha ribadito il suo “no” all’ipotesi di una seconda facoltà di Medicina a Cosenza, nella manifestazione svoltasi in una Piazza del quartiere Lido, a cui ha preso parte anche il sindaco Nicola Fiorita.

Per il primo cittadino, infatti, «mi sembra molto importante essere a questa manifestazione organizzata da alcuni cittadini perché questa manifestazione dimostra l’attenzione della città su un tema che riguarda il futuro della città e accompagna altre iniziative che stiamo assumendo».

Fiorita, poi, ha ricordato che «nei giorni scorsi ho chiesto agli altri candidati sindaco presenti  in Consiglio comunale (Valerio Donato, Wanda Ferro e Antonello Talerico ndr) di preparare insieme una mozione, perché credo che questo tema vada affrontato in maniera unitaria e vada affrontato anche in un’ottica istituzionale e di sistema».

«Il documento, che in tal modo potrà essere presentato all’Aula con le firme del sindaco in carica e dei tre candidati sindaci non eletti – ha evidenziato Fiorita – avrà una particolare forza soprattutto se, come mi auguro, alla seduta parteciperanno i rettori delle Università calabresi e il Presidente della Giunta Regionale Roberto Occhiuto che ne potranno prendere atto» spiegava ieri in una nota il primo cittadino, spiegando ai giornalisti che al consiglio comunale «presenteremo una mozione unitaria per la città, che chiede non solo la tutela dei diritti e delle prerogative di Catanzaro ma soprattutto chiede e chiederà che la questione dello sviluppo dell’università calabrese venga affrontata in un’ottica di sistema, senza fughe in avanti e senza prevaricazioni di una parte sull’altra».

«Noi – ha ribadito con forza – dobbiamo far funzionare l’università in tutta la regione: anni fa è stata scelta una strada, che è quella di puntare su un sistema fondato su diversi atenei, e ciascuno di questi atenei dev’essere messo in condizione di potenziarsi e di rispondere alle esigenze della Calabria».

«Ci vuole un dibattito nelle sedi istituzionali – ha detto ancora Fiorita – e una valutazione dei pro e dei contro di ogni scelta. Non ci possono essere fughe in avanti. Non è una questione di capoluogo di regione, è una questione di regione, è una questione di Calabria. Se noi sbilanciamo lo sviluppo del sistema universitario e non lo teniamo dentro una logica complessiva facciamo male a tutta la regione: questo è quello che dobbiamo far capire, è la questione vera».

«Nessuno vuole togliere niente all’università della Calabria – ha concluso – nessuno vuole qualcosa di speciale per Catanzaro. Riteniamo che debba esserci una strategia chiara dello sviluppo complessivo del sistema universitario calabrese». (rcz)