A Catanzaro dal 3 ottobre il Censimento permanente Popolazione e Abitazione

Dal 3 ottobre, prende il via a Catanzaro la nuova edizione del Censimento permanente della Popolazione e delle abitazioni che coinvolgerà quest’anno oltre 2800 famiglie.

Lo ha reso noto Aldo Casalinuovo, assessore ai Servizi Demografici, specificando che il Censimento verrà effettuato con il contributo di due campioni di famiglie chiamate a rispondere al questionario in periodi diversi. Dal 3 ottobre al 22 dicembre coloro che riceveranno una lettera dall’Istat saranno invitate a partecipare al censimento compilando un questionario online attraverso apposite credenziali di accesso (rilevazione da lista). Successivamente, dal 13 ottobre al 17 novembre, le famiglie riceveranno una locandina o una lettera dall’Istat con l’annuncio della visita di una persona incaricata dal Comune la quale, munita di tesserino di riconoscimento con foto e nominativo, fornirà spiegazioni sul censimento ed effettuerà l’intervista (rilevazione areale).

A coordinare le operazioni sul territorio è l’Ufficio comunale di censimento nell’ambito del settore Servizi demografici e statistica, diretto da Simona Provenzano, con la posizione organizzativa Francesco Catanzaro, ed il responsabile dell’ufficio statistica, Sergio Viapiana. I Centri comunali di rilevazione sono ubicati a Palazzo De Nobili, presso l’ufficio anagrafe; in via della Stazione n. 95, nel quartiere Sala; all’ufficio anagrafe decentrato, nel quartiere Lido, questi ultimi due aperti lunedì e mercoledì, dalle 15 alle 18.

Si ricorda che partecipare al Censimento è un obbligo di legge, ma anche un’importante opportunità. Per informazioni o supporto è possibile contattare il Numero Verde Istat 800 188 802 – attivo dal 30 settembre al 22 dicembre, tutti i giorni, compresi sabato e domenica dalle ore 9 alle ore 21 – e l’ufficio comunale di censimento, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13 e dalle 15 alle 18. (rcz)

CATANZARO – Al via il ciclo di incontri di Tessere di Comunità

Al via domani, a Catanzaro, il ciclo di incontri di Tessere di Comunità, curato dal Centro Calabrese di Solidarietà.

Il progetto – finanziato dai fondi Cei 8×1000 di Caritas Italiana, voluto dalla Diocesi di Catanzaro-Squillace e gestito dal Centro calabrese di solidarietà – si propone di favorire il confronto, creare e consolidare relazioni autentiche, perseguire la solidarietà tra le famiglie, “cellule” fondamentali della società.

Come ha avuto modo di dire la presidente del Centro Calabrese di Solidarietà, Isolina Mantelli, l’obiettivo di “Tessere di Comunità” resta quello di riuscire a coinvolgere il più possibile tante famiglie per «costruire insieme quella “comunità educante” di cui la Calabria ha bisogno per superare steccati e differenze».

Come sempre, l’iniziativa è rivolta alle famiglie: genitori con figli tra 7 e 11 anni, nonni, zii. Cosa si impara? Cosa sanno fare i bambini, come ottenere comportamenti positivi, come i bambini possono dire NO per stare fuori dai guai, come dare e ricevere indicazioni chiare, come dare delle regole, come comunicare in famiglia, come diventare genitori più sicuri che crescono figli più forti

Ogni incontro prevede una parte in cui il gruppo dei bambini e quello dei genitori lavorano separatamente e una parte in cui lavorano tutti assieme. Ogni incontro termina con un momento conviviale di rinfresco. L’equipe formativa è composta da: sociologi, psicologi, pedagogisti, educatori, animatori.

Il nuovo ciclo di dieci incontri da tre ore l’uno parte venerdì 30 – dalle 16.30 alle 20 –  in via Poerio, 98, nei locali del WorkArt messi a disposizione dal direttore del Teatro Comunale, Francesco Passafaro.

Il percorso è completamente gratuito. La partecipazione è a numero chiuso, previa iscrizione e selezione. I partecipanti potranno avvalersi anche di un servizio di animazione ludica per i bambini di età inferiore ai 6 anni. (rcz)

MANDATORICCIO (CS) – Concluso all’IC l’accoglienza alunni

All’Istituto Comprensivo di Mandatoriccio, guidato dalla dirigente scolastica, Mirella Pacifico, si sono conclusi la serie di eventi mirati all’accoglienza degli alunni, in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico 2022-2023.

 Le attività hanno coinvolto tutti i 16 plessi, distribuiti nei cinque comuni (Calopezzati, Campana, Mandatoriccio, Pietrapaola e Scala Coeli) in cui la scuola opera.   

LiberArti, questo il tema scelto per l’accoglienza quest’anno, vale a dire, ‘libertà alle arti’, a quelle discipline che negli ultimi due anni, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, sono state ‘penalizzate’. 

L’azione è stata organizzata dalla Commissione accoglienza,  che ha fattivamente lavorato affinché le attività fossero strutturate in maniera verticale, con il coinvolgimento diretto  dei tre gradi di istruzione dell’istituto: infanzia, primaria e secondaria di primo grado. 

Una diversa forma d’arte per ogni comune: musica per Pietrapaola, sport per Calopezzati, pittura per Scala Coeli, drammatizzazione per Mandatoriccio, poesia per  Campana.

Per rappresentare il tema scelto ogni plesso ha realizzato una cornice decorata con simboli rappresentativi delle discipline. Le giornate dedicate  all’accoglienza  sono state realizzate alla presenza della dirigente scolastica, Mirella Pacifico, della presidente del Consiglio d’Istituto, Graziella Savo, dei sindaci dei singoli comuni o loro rappresentanti e dei parroci. Dunque, concreta sinergia fra la scuola e le altre istituzioni locali. 

Il sistema della verticalità, quasi a voler usufruire della metodologia scoutistica. Infatti, i piccolini, nuovi arrivati, potremmo dire le ‘matricole’ della scuola, sono stati accolti dai più grandi con canti, musiche e filastrocche a tema. 

Fra le particolarità dei vari paesi coinvolti, si sottolinea ‘l’albero dell’accoglienza’, realizzato a Pietrapaola, al quale tutti i bambini del plesso hanno appeso un fiore per sottolineare la verticalità del progetto e per rafforzare il concetto di essere ‘fiori dello stesso albero’. 

A tutti gli alunni di tutti i plessi scolastici è stato consegnato un sacchettino contenente un segnalibro, una matita e dei semi che potranno piantuamare, spinti dalla curiosità di veder nascere la piantina. La stessa curiosità che docenti e dirigente auspicano ai piccoli allievi, affinché possano essere sempre vogliosi di apprendere in modo da avere reale e ampia preparazione culturale, capace di rendere gli uomini e le donne liberi di pensare con la propria testa. Non basta. La pianticella vuole rappresentare un e un impegno: una volta sbocciata, ha  bisogno di essere curata. La stessa cura che devono avere verso i compagni, la scuola e tutto ciò che la compone. (rcs)

SERSALE (CZ) – Si presenta il corso di formazione per Guida Ambientale

Domani mattina, alle 9.30, al Centro di Informazione Turistica di Sersale, si presenta il Corso di Guida Ambientale organizzato dalla direzione della Riserva naturale “Valli Cupe” e coadiuvato da Aigae, l’Associazione italiana guide ambientali escursionistiche.

All’incontro prenderanno parte per un saluto Anna Parretta, presidente Legambiente Calabria, quale ente gestore della Riserva, e Carmine Capellupo, sindaco di Sersale, Domenico Gallelli, sindaco di Zagarise e Fabrizio Rizzuti, sindaco di Cerva. Interverranno: Antonio Falcone, direttore Riserva “Valli Cupe”; Davide Galli, presidente nazionale Aigae; Nino Martino, direttore nazionale Aigae e Andrea Laurenzano, coordinatore regionale Aigae.

Le conclusioni sono affidate a Stefano Raimondi, coordinatore nazionale Aree Protette Legambiente. Al termine della presentazione, alle ore 11, prenderanno il via le prime lezioni per i corsisti iscritti.

La Riserva naturale regionale delle Valli Cupe, istituita con legge regionale 27 dicembre 2016, n. 41, è uno tra i più affascinanti e suggestivi siti naturalistici della Presila catanzarese e dell’intera Calabria. L’iniziativa si colloca nell’ambito dello sviluppo e della valorizzazione del territorio, delle attività economiche e dell’occupazione locale.

Il rilascio dei titoli di guida ambientale escursionista e di guida ambientale della Riserva, infatti, hanno l’obiettivo di creare professionalità ed aumentare competenze per far conoscere, valorizzare, sensibilizzare alla bellezza ed alla grande biodiversità della Riserva e del grande patrimonio naturalistico, storico e culturale di tutto il territorio, a partire dai paesi di Sersale, Zagarise e Cerva. (rcz)

REGGIO – Venerdì l’evento “Pensiamo già a domani”

Venerdì 30 settembre, a Reggio, alle 18, al Duomo, è in programma l’evento Pensiamo già a domani, organizzato da Forza Italia.

Un evento che «sarà il nostro ringraziamento – ha spiegato il deputato di FIFrancesco Cannizzaroagli elettori, ma al contempo una riflessione estesa su quelle che sono le condizioni di governabilità della Città di Reggio e di tutta la Provincia. Un’analisi post voto colorata da un brindisi finale per festeggiare tutti insieme il grande risultato raggiunto».

Oltre a Francesco Cannizzaro, ad intervenire sul palco azzurro saranno il deputato e Coordinatore regionale di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori, ed il Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto. Parteciperanno parlamentari, sindaci, amministratori locali, consiglieri regionali, metropolitani e comunali.

«Pensiamo già al domani, è tempo di liberare la Città e la Provincia dalla Sinistra. Ecco perché invito tutti i cittadini che amano questa terra e la vorrebbero vedere risollevata – ha concluso Cannizzaro – a partecipare a questo incontro e soprattutto a brindare insieme al futuro di Reggio e della Calabria». (rrc)

CAMPO CALABRO (RC) – Il concerto dei solisti e dell’Orchestra del Conservatorio Cilea

Domani sera, a Campo Calabro, alle 19, al Teatro sullo Stretto di Reggio TV, è in programma il concerto dei solisti e dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Francesco Cilea” di Reggio Calabria in ricordo di Nicholas Green.

L’evento, a ingresso libero, è stato organizzato nella ricorrenza di uno dei giorni più tragici della Calabria.

Nato in California, Nicholas aveva sette anni quando, in vacanza con la famiglia nel nostro Paese, il giovedì 29 settembre di 28 anni fa venne ucciso da rapinatori in un barbaro agguato nel tratto calabrese dell’autostrada Salerno – Reggio. Mentre eravamo agli ultimi posti in Europa per numero di trapianti, i genitori donarono i Suoi organi e sette giovani italiani ne beneficiarono.

A  quel giorno da non dimenticare, il Conservatorio “Cilea” dedica questo concerto della propria orchestra, formata da studenti e docenti, diretta per l’occasione da Dariusz Mikulski al termine di una masterclass tenuta nell’istituzione di alta cultura musicale reggina.

Parteciperanno i solisti Davide Alogna (violino), Marco Simonacci (violoncello), Luca Avanzi (oboe) e Filippo Barracato (fagotto).

In programma  la Sinfonia n. 29 di Mozart, che valorizza con una strumentazione particolarmente accurata la timbrica dei singoli strumenti ben evidenziati nel gioco imitativo, seguita dalla Sinfonia concertante in Sib maggiore per violino, violoncello, oboe, fagotto e orchestra di Haydn, destinata a rimanere uno dei suoi contributi più preziosi alla composizione per strumenti solisti e orchestra. Concluderà il concerto l’Introduzione e Rondò capriccioso in La minore di Saint–Saёns per violino e orchestra, uno dei brani prediletti dai violinisti per la sua piacevolezza melodica e il suo infallibile effetto.

«Nell’orchestra del Conservatorio Cilea vi è la testimonianza più ampia dell’impegno, della condivisione, dell’inclusione e della bravura dei nostri studenti e docenti –  ha dichiarato il direttore Francesco Romano – ed è particolarmente significativa la ricorrenza che coinvolge soprattutto i nostri giovani nel recupero positivo di una pagina tremenda della nostra storia, la quale ha impresso una grande accelerazione a quella conquista di civiltà che è la donazione degli organi».

«Negli anni ‘90 eravamo al penultimo posto in Europa per numero di donazioni – ha concluso – seguiti solo dalla Grecia, mentre oggi siamo tra i primi. Eppure, rimane grande il divario esistente tra l’elevato numero dei pazienti in lista d’attesa e quello dei donatori. Scegliere di donare è offrire speranza per tutti». (rrc)

REGGIO – La Fondazione Falcomatà si interroga sulla storia del Mezzogiorno con “Gli Aragonesi di Napoli”

Grande interesse ha suscitato la presentazione del libro Gli Aragonesi di Napoli di Giuseppe Caridi che, nell’appuntamento organizzato dalla Fondazione Italo Falcomatà di Reggio, ha offerto interessanti spunti sulla storia del Mezzogiorno.

Al tavolo dei lavori, condotti dalla giornalista Ilda Tripodi, insieme all’autore ed alla presidente della Fondazione Falcomatà, Rosa Neto, erano presenti Carmelo Versace, sindaco metropolitano facente funzioni, José Gambino dell’Università di Messina, e Fabio Arichetta della Deputazione di Storia Patria per la Calabria.

«Particolarmente soddisfatta» si è detta la presidente Rosa Neto che, nell’aprire il confronto sulla dinastia degli Aragonesi nel Sud Italia negli ultimi decenni del ‘400, ha offerto un resoconto delle attività fin qui svolte dalla Fondazione e, nell’occasione, ha esaltato «l’opera descrittiva, puntuale e approfondita di Giuseppe Caridi che mette in luce le qualità dello storico, quali l’obiettività e la verità, “possesso per sempre” come afferma Tucidide, ma anche e soprattutto doti quali curiosità, umanità, etica e “mos maiorum”, che non risultano solo tipiche dello studioso del passato, ma innate in ognuno di noi».

«Le riconosciamo – ha spiegato – nella cura del confronto delle varie fonti sulla morte di Alfonso ed è bellissima l’umanità presente nel libro che prende forma nelle pagine in cui si descrive l’amore di Eleonora, madre premurosa e attenta, moglie di Ferdinando che dice al marito di non portare il figlio Alfonso, appena 13enne, alla guerra. Un racconto di amore materno autentico così come vero è l’innamoramento di Alfonso e Lucrezia; un amore che fa chiudere gli occhi al protagonista della storia».

Poi, il “mos maiorum”, il nucleo della morale della civiltà romana da «individuare nella lettera che Federico, dall’esilio in Francia, scrive al al figlio Ferdinando».

«Un testamento spirituale – ha affermato la presidente della Fondazione Falcomatà – in cui si raccomanda di non abbandonare gli studi, di essere sempre attento, paziente e coraggioso in politica. Insegnamenti validi ieri, oggi e per le generazioni future». Sono solo alcuni passaggi di un libro che, in conclusione, Rosa Neto invita a leggere perché «ci permette di conoscere e di conoscerci meglio».

Uno spunto raccolto dal sindaco facente funzioni, Carmelo Versace, che ha sottolineato «il valore della nostra memoria», riconoscendo «l’importante impronta culturale che la Fondazione “Falcomatà” ha impresso sul nostro territorio con l’ennesima opportunità offerta alla città che, in questo modo, può continuare a comprendere, pienamente, le proprie radici».

L’incontro è proseguito con il confronto a più voci che ha visto il prezioso e dotto contributo di Gambino e Arichetta, con il professore Caridi che ha ringraziato la Fondazione “Italo Falcomatà” per «aver organizzato un momento di approfondimento e conoscenza molto significativo». (rrc)

REGGIO – Successo per l’evento “I Bronzi di Athena”

Ha riscosso grande successo, a Reggio,  I Bronzi di Athena, l’evento organizzato all’Arena dello Stretto dall’Associazione Star Award Fashion Event che ha reso omaggio ai 50 anni dal ritrovamento dei Bronzi di Riace.

L’Associazione, presieduta da Marilena Maimone, realizza eventi di Moda e spettacolo, valorizzando e scoprendo nuovi talenti di fashion designer ed aspiranti modelli nel territorio Nazionale ed Internazionale.

La partnership milanese del patrocinio di Rosario Stagno, The Best Model of Europe, recentemente in Spagna, Barcelona, ha premiato le modelle reggine Sara Carella, Manuela Schiavone, Erika Nicolazzo, Miriana Montechiarello, Marika Pizzimenti e Antonino Schiavone, Teenager Star International Bangkok Thailandia, modello e ballerino della Star Award, che hanno sfilato in passerella al Concorso Best Model e per alcuni stilisti provenienti da ogni parte del mondo.
L’ ingresso scenografico del palco dove si ergevano due colonne che revocavano la Magna Grecia, ha fatto da cornice ai diversi momenti di spettacolo, Moda ed Arte, un connubio vincente, con l’ ingresso di modelli/e con il costume di Athena in una suggestiva danza greca.  In passerella diversi brands e nuove collezioni di diversi stilisti tra cui i monili d’arte del poliedrico Jewels designer Massimiliano Carrozza, la stilista affermata Adriana Scopelliti con tanti abiti all’insegna dell’ eleganza e raffinatezza con musiche dal vivo del trio “Colonna d’Armonia”, le passerelle Crimè Sartoria di Carmela Coppola di uno Stile innovativo e ricercato con dettagli e ricami unici, nota Sartoria che ha realizzato anche tre outfit per la manifestazione, alla famosa presentatrice televisiva Marilena Alescio, che ha condotto la serata.
Presenti anche i Schikissimi di Enza Dattola con una vastità di abiti originali e colorati, la stilista Cherene Hesse Surfaro con la nuova Collezione “Urban Vibes”, un abbigliamento casual, giovanile, il brand Dolce Cuore Chic rivolta ai baby/ young, vestiti di differente stile per ogni evenienza, l’artista Tina Nicolò con la sua Collection Art Fashion di abiti per donna e giubbotti di jeans dipinti a mano, presentati recentemente in Spagna a Lloret de Mar, Barcelona al Festival della Moda Internazionale , ricevendo il
Premio Best innovative Collection.
Ospite d’ onore il consigliere comunale Mario Cardia che ha elogiato la presidente Maimone per l’impegno e la professionalità a realizzare un evento ricco ed eterogeneo, con la partecipazione anche di un’ esposizione di opere pittoriche del maestro Carmelo Viglianisi. Hanno allietato la serata i cantautori Umberto Venezia e Michelangelo Giordano, la cantante Palmira Ficara e l’esibizione di ballo di Antonino e Manuela Schiavone.
Per le riprese in diretta web/Tv sono state le telecamere di Graziano Tomarchio, la fotografia dell’evento Antonio Sollazzo ed il service audio luci Antonio Malaspina, la coreografia realizzata da Davide Pizzimenti.
Per la realizzazione di questo importante evento il backstage è stato curato da Debora Fosso, Il Team di Nuccio Parrucchieri Estetica , Questione di Trucco di Marisa Idone, parrucchiera Loredana, Meraki Beauty Center, Centro estetico Tres Jolie, Gianni Sorci Hair Design, New Style Acconciatori Uomo/ Donna, Diva Parrucchieri di Mina Ventrella, Meraki Beauty Center, Hair & Make Up Reghium Team, Estetista Oncologica Vanessa Ambrogio, Cristina Corso Make – up artist.
Gli sponsor ufficiali dell’evento: Mirfak Decorazioni per l’allestimento scenografico del palco, Axa Soccorso Stradale di Carella, Servizio Ambulanza e Onoranze Funebri di Suraci, Flashfood, Mangià: Pinseria, Focacceria, Taglieri, Ristorante Sakura, Il Pepe Rosso: Pinseria, Ristorante e Griglieria, Scuola dell’infanzia Topolino & Co. (rrc)

REGGIO – Al via i Laboratori didattici e percorsi scientifici di Cosmos Experience

S’inaugurano domani, a Reggio, le attività di Cosmos Experience, dei Laboratori didattici e percorsi scientifici promossi dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria nell’ambito del Festival Cosmos.

Le iniziative, che si svolgeranno a Palazzo Alvaro, al Castello Aragonese, al Palazzo della Cultura “Pasquino Crupi” e Piazza Italia dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 18, sono realizzate con la partecipazione diretta e concreta dei tanti partner istituzionali del Festival Cosmos, che hanno permesso di garantire un’offerta varia e qualificata, sono state curate da Onofrio Maragò in rappresentanza del CNR-IPCF, in collaborazione con M.A. Iatì (CNR-IPCF), R.Barberi (UniCAL), C. Morabito (UniRC), R.Saija (UniME), P. Riccardi (INFN), A. Misiano (Planetario Pitagora) e i loro staff, per avvicinare e rendere accessibile la scienza.

«Le attività di Cosmos eXperience – hanno spiegato Maragò e Iatì –, tramite laboratori didattici, stand espositivi ed osservazioni del cielo, offriranno a tutti la possibilità di avvicinarsi alla scienza in modo divertente e diretto. Le sale del castello Aragonese, di Palazzo Alvaro e del Palazzo della Cultura si trasformeranno in laboratori aperti dove i visitatori potranno improvvisarsi scienziati per un giorno».

La scienza è un metodo il cui fulcro è l’esperienza. L’idea che ispira Cosmos eXperience è quella di fornire uno strumento per imparare giocando. Luoghi simbolo della nostra città offriranno splendide cornici per sviluppare percorsi scientifici e laboratori didattici che, con un approccio interattivo, illustreranno diverse tematiche, dal nano-mondo agli spazi interstellari, dalle simulazioni con supercomputer a laser e ottica, raggi X, telecomunicazioni, intelligenza artificiale, celle solari, fisica nucleare, fino alla scienza che sposa l’arte. Gli stand espositivi in Piazza Italia offriranno spunti istruttivi e divertenti che sapranno catturare la curiosità dei passanti. Un connubio tra scienza e bellezza che speriamo possa raggiungere il maggior numero di persone.

Le varie attività saranno curate da ricercatori e studenti dell’Istituto per i Processi Chimico-Fisici del CNR, dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, del Dipartimento di Fisica dell’Università della Calabria, del Gruppo Collegato INFN di Cosenza e dell’Università di Messina, dallo staff del Planetario “Pythagoras” e dall’associazione “EPS Young Minds & Optica Student Chapter Messina”. Gli stand espositivi vedranno inoltre il contributo di Aeronautica Militare, Carabinieri e Guardia Costiera.

«A sottolineare la particolare attenzione rivolta al mondo della scuola – hanno concluso Maragò e Iatì – i laboratori di mattina saranno riservati alle visite organizzate dalle scuole. Nel pomeriggio porte aperte a tutta la cittadinanza, che speriamo risponda con entusiasmo a questo invito senza limiti di età». (rrc)

CATANZARO – Ecco la nuova stagione del Teatro Incanto

È stata presentata la nuova stagione del Teatro Incanto, che è «un invito a superare i limiti di una programmazione prettamente amatoriale, provando a produrre degli spettacoli che hanno voglia di uscire dalla città ed essere presentati in giro per la regione e, perché no, anche per l’Italia visti i temi trattati», ha dichiarato il direttore artistico Francesco Passafaro.

«Abbiamo anche la visita di alcuni amici che verranno a trovarci e che saranno una bellissima conferma di amore per il teatro e per il Comunale, Il Centro del centro storico – ha spiegato ancora Passafaro –. Ormai dal punto di vista teatrale siamo davvero fortunati perché ogni anno vediamo spettacoli strepitosi sempre qui al Comunale, ci confrontiamo con dei veri professionisti della scena grazie alla stagione di Ama Calabria e questo modo di “rubare il mestiere” credo sia alla base della crescita di ogni compagnia teatrale».

«Tutto nasce dal nostro TeatroLAB – ha proseguito – la nostra scuola di teatro, che è cresciuto enormemente in quantità e soprattutto in qualità, perché ci sono dei talenti che si fanno notare e poi la nostra compagnia dei Bimbi, che sono davvero delle piccole meraviglie. Quest’anno abbiamo insegnanti di canto, di danza, di cinema, di “Theater Fitness” per essere pronti a tutto, quindi abbiamo pensato di realizzare 3 commedie musicali, La Bella addormentata nel bosco, La spada nella roccia e Aladdin, in un reinventare lo spettacolo per tutta la famiglia».

Questi spettacoli sono stati scelti per realizzare delle produzioni nuove, degli spettacoli da vedere tutti insieme, perché pensiamo che comunque a Teatro possa vincere il messaggio che la storia trasmette.

Passafaro, quindi, entra nel vivo della stagione, che prenderà il via il 9 ottobre.

La bella addormentata non è solo la storia di Aurora, ma è soprattutto la storia di Malefica, che non è ben vista dalla comunità, una reietta che si vendica colpendo il potere nel suo punto più debole.

La spada nella roccia è la storia di Semola, cioè Artù, molto prima della sua ascesa al regno, in un incontro con il meraviglioso mago Merlino che gli spiegherà che il sapere e la saggezza sono la vera magia.

E ancora Aladdin, la storia di un ragazzo povero che nasconde in sé molto più di quello che sembra, un vero diamante allo stato grezzo, che grazie all’incontro con il Genio, personaggio doppiato nella versione cinematografica da Robin Williams e dal magnifico Gigi Proietti, riuscirà a dimostrare a tutti e prima ancora a se stesso, tutto il suo potenziale.

Uno spettacolo su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Giovanni e Paolo, gli antieroi, che si rifà allo stile del teatro contemporaneo che in questi giorni abbiamo accolto al Comunale.

Uno spettacolo sul poker come metafora della vita, P.P.P Poker Post Pandemia, il gioco del poker è visto in un incontro tra amici che si rivedono dopo molto tempo a causa della pandemia. Ognuno gioca a suo modo, cosi come affronta la vita. C’è chi bluffa, chi attacca, chi si difende, chi si mostra e chi si nasconde, in un evolversi di storia che rappresenta perfettamente il periodo che tutti stiamo vivendo.

Riproponiamo il sindaco del rione Sanità, di Eduardo De Filippo, uno spettacolo che ci ha regalato mille soddisfazioni, articolato in 3 atti, con una scenografia bellissima e un significato davvero molto attuale.

I nostri amici Appiccicaticci verranno da Roma con uno spettacolo di improvvisazione pura, A che ora vengo stasera?

 Ovvero Faccio tutto da solo che non sono capace di gestire relazioni Il sottotitolo è tutto! Si può improvvisare da soli? E fare uno show completamente soli? La risposta è Sì, e questo spettacolo ve lo dimostra!

Un solo Attore e tutti quei personaggi che popolano un luogo ben preciso (Quale? Non sappiamo proprio: ogni sera è diverso)

Uno spettacolo sull’impossibilità di creare relazioni ma anche sull’assoluta necessità, perché soli è tutto, in scena come nella vita, figuriamoci nell’improvvisazione

Una scelta per la vita di Stefania Pascali e Luigi Cilli

Stella ha una vita come tutti gli altri, con alti e bassi. All’età di trentasei anni però, si ritrova single, con due bambini e senza lavoro. Quali strategie adotterà per cavarsela? E soprattutto come risalirà la china? Una storia raccontata con ironia che insegna a non perdere mai la speranza e a credere sempre in se stessi.

Lo spettacolo, prodotto da Global Thinking Foundation fa parte del progetto Libere di…Vivere ed è stato inserito all’interno di un docufilm dall’omonimo titolo, prodotto da MACfilm con la regia di Antonio Silvestre.

È stato proiettato in anteprima nazionale presso il Palazzo del Cinema Anteo di Milano il 9 Maggio 2022.

Sta partecipando a diversi festival internazionali. Ad oggi si è aggiudicato il “Premio Giuria Giovani” all’Ariano International Film Festival.

Ma avevo dimenticato il primo spettacolo SSS Spettatori sulla scena, che sarà un vero e proprio esperimento, mai tentato dal Teatro Incanto, di coinvolgimento del pubblico in modo attivo. Saranno infatti gli spettatori, ai quali sarà dato un testo prima dell’inizio dello spettacolo o che potranno anche portarlo da casa, a interpretare sulla scena monologhi, dialoghi comici o drammatici, poesie… tutto quello che vogliono, guidati seduta stante dagli attori della nostra compagnia.

Uno spettacolo unico, che potrà cambiare di volta in volta e che sarà davvero una sorpresa ogni volta.

Orario spettacoli Domenica ore 18,30 – Una scelta per la vita.  Venerdì ore 20,30. Tutti i bambini con età inferiore ai 10 anni hanno diritto a ingresso gratuito. È obbligatoria la presenza di un accompagnatore adulto per ciascun gruppo di 3 bambini. (rcz)