LAMEZIA – “Insieme si può”, la raccolta fondi per l’Ospedale Civile

A Lamezia Terme, è stato costituito il Comitato Insieme si può per raccogliere fondi per l’acquisto di presidi sanitari per l’Ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme.

Il Comitato è nato grazie all’Ordine degli Avvocati e la Camera Penale di Lamezia Terme con il patrocinio del Collegio Notarile dei Distretti Riuniti di Catanzaro, Crotone, Lamezia Terme e Vibo Valentia, della Camera Minorile di Lamezia Terme, del CPO Avvocati di Lamezia Terme, dell’Aiga sezione di Lamezia Terme, dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Lamezia Terme, dell’Ordine dei Farmacisti di Catanzaro, dell’Ordine degli Architetti di Catanzaro, dell’Ordine degli Ingegneri di Catanzaro, dell’Ordine degli Psicologi della Calabria, del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Catanzaro, dell’Unione Italiana Forense e dell’Associazione Italiana Forense.

Per fare una donazione, è possibile seguire questo link. (rcz)

 

LAMEZIA – L’appello di Ruggero Pegna alla presidente Santelli

Il promoter Ruggero Pegna lancia un appello alla presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, in quanto «tra i settori a risentire maggiormente delle conseguenze prodotte dal Coronavirus, anche in Calabria c’è certamente quello dell’organizzazione e produzione di eventi musicali e di spettacolo dal vivo».

«Consapevole delle priorità che in questo momento ha la salute dei calabresi – ha scritto il promoter Pegna – e del suo apprezzatissimo impegno alla tutela e a garanzia di quanto necessario per la prevenzione e la cura del virus in questa regione, per il quale come cittadino le esprimo grande riconoscenza, da produttore di eventi culturali e di spettacolo in Calabria mi tocca riportarle l’eccezionale difficoltà di questo settore, anche in una visione di superamento non immediato della gravissima crisi prodotta».

«Come lei ben sa – ha proseguito Pegna – avendo sempre dimostrato eccezionale sensibilità per la Cultura nei suoi precedenti ruoli istituzionali, questo è un settore importantissimo per la Calabria in ragione delle sue molteplici ricadute: culturali, promozionali, turistiche, economiche e occupazionali, interessando migliaia di figure professionali soprattutto giovani e un enorme indotto, con numerosissime attività coinvolte in modo diretto e indiretto».

«Negli ultimi anni – ha proseguito Pegna – la Regione Calabria ha finanziato centinaia di eventi di varia tipologia, attraverso vari bandi rivolti in particolare alla valorizzazione dei beni culturali e al potenziamento dell’offerta culturale. Tale sforzo economico a vantaggio di moltissime realtà del territorio calabrese ha prodotto, però, un sovraccarico di lavoro per gli uffici preposti alle verifiche delle rendicontazioni, propeduetiche al saldo dei contributi, ulteriormente aggravato dalla situazione in corso».

«Purtroppo – ha proseguito Pegna – i mancati pagamenti derivanti rischiano di far sparire una delle più preziose realtà di questa regione, costituita da imprese, associazioni e fondazioni culturali. È un rischio che la Calabria non può permettersi. Allo scopo di evitare questo autentico disastro, è necessario che si proceda con urgenza al pagamento dei contributi di ogni progetto completato e rendicontato, anche sulla base di semplici autodichiarazioni e/o polizze fidejussorie, consentendo agli uffici di espletare poi la parte burocratica nei tempi che saranno loro necessari».

«Peraltro – ha proseguito Pegna – se piuttosto di pagamento a rendicontazione, si fosse proceduto o si procedesse in futuro con il metodo della fatturazione per prodotto fornito e verificato, si sarebbe evitato quello che ritengo un inutile sovraccarico di mera burocrazia per i competenti uffici regionali».

«Oltre a ciò – ha proseguito Pegna – che sarebbe soluzione di sicuro buon senso, trattandosi di eventi comunque portati a termine e rendicontati, si rende necessaria l’immediata attivazione di ogni procedura per la realizzazione dei “progetti storicizzati”, già così riconosciuti, per l’anno in corso e i prossimi, possibilmente con la formula triennale già sperimentata con successo e con incremento delle risorse per ciascun progetto».

«Ultimo aspetto – ha proseguito il promoter Pegna – riguarda la graduatoria definitiva dell’ultimo bando 2019 per “eventi storicizzati”. Per le stesse ragioni, è necessario che si possa procedere urgentemente alla firma delle convenzioni e al pagamento degli acconti previsti».

«Sono certo – ha concluso Pegna – dell’attenzione che darà a quanto esposto, nell’interesse di un comparto che esprime creatività e professionalità ai massimi livelli nazionali, autentico patrimonio e strumento di valorizzazione della nostra Calabria. Con l’occasione, formulo a lei e alla sua giunta i migliori auguri, certo di interpretare il desiderio di tutto il settore, sempre disponibile a partecipare ad un eventuale tavolo di discussione per i relativi temi generali  e della specifica emergenza». (rcz)

LAMEZIA – Al Museo si celebra Dante con una edizione unica della Divina Commedia

«Inauguriamo le celebrazioni dedicate al Sommo Poeta esponendo, sulla nostra bacheca virtuale, un’edizione unica al mondo della Divina Commedia» ha scritto su Facebook il Museo Archeologico Lametino, in occasione del Dantedì, la giornata che celebra Dante Alighieri.

«Si tratta – prosegue il Museo – dell’edizione realizzata In Firenze per Domenico Manzani nel MDXCV (1595), messa a nostra disposizione per questa eccezionale occasione da Giovanna Adamo, presidente dell’Associazione artistico-culturale Arte&Antichità Passato Prossimo di Lamezia, che ringraziamo».

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

«Ecco alcune curiosità – prosegue il Museo – la copertina in cartapecora venne rifatta nel ‘700; la gatta raffigurata nello stemma è il simbolo della casa editrice; la raffigurazione della gatta che gira la leva della macchina, detta frullone, e che serve a preparare la crusca dal grano, è un riferimento alla famosa Accademia della Crusca». (rcs)

 

Furgiuele (LEGA): Donato un pulsossimetro all’Ospedale di Lamezia

Il deputato della LegaDomenico Furgiuele, ha reso noto che «con mia moglie, ho sentito il forte dovere civico di dare il mio contributo consegnando, al dott. Antonio Gallucci, direttore sanitario del Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme, e al direttore della Struttura di Pneumologia, dott. Calderazzo, un pulsossimetro comprensivo di misurazione della pressione non invasiva».

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi

Si tratta di un macchinario all’avanguardia, che serve per verificare la saturazione dell’ossigeno nel sangue e a monitorare in continuo la pressione del paziente.

«Dal pomeriggio di oggi – ha proseguito il deputato Furgiuele – provvederò alla distribuzione di alcuni dispositivi di sicurezza, tra cui 1000 mascherine, ad altri presidi impegnati in prima linea».

«Continuerò – ha concluso il deputato Furgiuele – compatibilmente con le mie forze, a cercare di reperire ulteriore materiale che possa essere utile alle nostre strutture sanitarie». (rp)

 

D’Ippolito (M5S): Più misure per la tutela del personale e dei pazienti

Il deputato del Movimento 5 Stelle, Giuseppe D’Ippolito, fa un appello ai commissari dell’Asp di Catanzaro affinché «l’ospedale di Lamezia Terme risponda al meglio all’emergenza Coronavirus».

Una richiesta, quella del deputato D’Ippolito, che fa riferimento all’Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria, perché siano realizzati, all’Ospedale di Lamezia, «spazi isolati per i contagiati e i casi sospetti e, più in generale, per garantire la sicurezza del personale sanitario e di tutti gli ammalati e utenti, in modo da evitare pericolose esposizioni a rischi e fornire la giusta assistenza in questa delicata fase».

«Su Lamezia Terme – ha spiegato il deputato D’Ippolito – sto ricevendo molteplici segnalazioni, che non posso ignorare. Le disposizioni di contenimento dei contagi adottate dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sono indispensabili. Parallelamente è però essenziale la prevenzione negli ambienti sanitari, che tocca ai vertici aziendali».

«Al personale in trincea, che ringrazio di cuore per il senso del dovere e lo spirito di sacrificio, bisogna garantire –ha rimarcato il deputato 5 Stelle D’Ippolito – condizioni di lavoro ottimali, di cui deve farsi carico in primo luogo la commissione straordinaria dell’Asp di Catanzaro, anche, se ritiene, rifacendosi alle misure specifiche adottate dall’Azienda ospedaliera reggina».

«In parlamento – ha concluso D’Ippolito – siamo impegnati per assicurare al Paese i fondi necessari ad affrontare questa emergenza, intanto per il reclutamento di specialisti e figure in aggiunta. Inoltre, il Movimento 5 Stelle ha già sollecitato l’arrivo in Calabria di dispositivi di protezione individuale e ventilatori polmonari, interessando in proposito il ministro della Salute, Roberto Speranza. Sul territorio, dunque, è fondamentale che ci sia un’organizzazione rapida e razionale degli spazi e delle risorse disponibili». (rp) 500×400

LAMEZIA – Per tutta la città mascherine gratuite

Grazie a St Television ed Esse Tivù  saranno donate, infatti, mascherine protettive a tutti i cittadini di Lamezia Terme.

L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con OmbrelloniTeloni Cosentino di Anna Dattilo, che ha fermato la produzione di tendaggi per dedicarsi esclusivamente a quella di mascherine da distribuire alla città, il Comando della Polizia Locale e il sindaco Paolo Mascaro.

Le mascherine (250 al giorno fino ad esaurimento materiale) verranno consegnate a domicilio, a partire da sabato, solo ed esclusivamente dalla Polizia Locale attraverso alcune associazioni lametine.

Per richiederle, i cittadini potranno telefonare al numero 0968207820 e 0968207812 (Comando della Polizia Municipale). Vietato rivolgersi alle redazioni di St Television ed Esse Tivù e alla ditta Ombrelloni e Teloni Cosentino. (rcz)

LAMEZIA – Ad Antonio Cannone il “Golden Books Award”

Il libro Viaggio tra i destini paralleli della mia terra del lametino Antonio Cannone è stato decretato il miglior saggio nell’ambito del Premio Internazionale “Golden Books Award”, organizzato a Napoli dall’Accademia degli artisti in collaborazione con Centro Studi Storici di Eboli e Umberto Soletti Editore.

La cerimonia di premiazione, che è in programma per il 2 maggio, sarà condotta dal giornalista Sky Andrea Pressenda e vedrà la partecipazione di Fabrizio Caramagna, dell’attore Giovanni Caso, del poeta Roberto Colonnelli, di Alessandro Ginori, e Beppe Barra del Centro culturale studi storici di Eboli.

Il libro di Cannone, edito da Elison Publishing, racconta di luoghi del Sud dove la ‘ndrangheta con giacca e cravatta fa affari loschi, deturpa l’ambiente, controlla il territorio ed è infiltrata nelle istituzioni. Affronta poi temi dove si intrecciano storie con protagonista la “coscienza” dei personaggi; e dove la trama è plasmata tra saggio e narrativa con riferimenti all’attualità e a temi ampi e universali. Il “viaggio” inteso come metafora dell’esistenza dell’uomo in un continuo e incessante confronto con il vissuto sociale e politico dell’individuo.

Gabbie virtuali che in realtà diventano prigioni e dove viene scandagliata la difficoltà dell’uomo nell’agire quotidiano e nei rapporti con il suo simile. (rcz)

LAMEZIA – I finalisti del concorso “Anthurium nel cuore”

Sono stati resi noti i nomi dei finalisti della prima edizione de Concorso Letterario “Un Anthurium nel cuore”, organizzato dall’Associazione Culturale Un Anthurium per Francesco.

Il Premio è stato organizzato in memoria di Francesco Ruberto, storico presidente dell’Associazione e dedicato alla prof.ssa Valeria Montalto. Obiettivo dell’Associazione, presieduta da Giuditta Crupi, «la promozione della cultura in ogni sua forma, facendosi promotrice dell’organizzazione di eventi, manifestazioni, mostre, rassegne culturali, incontri seminariali, workshop, attività concertistiche, premiazioni e borse di studio».

I finalisti di questa prima edizione sono Tiziana CurcioBruna GaudiosoTonino MalerbaRosina MascaroPasqualino MastroianniGiovanni MazzeiGiuseppe MontoneAntonietta MuracaCorrado Pericolo e Paolo Tulelli.

La cerimonia di premiazione è prevista per il 28 marzo, alle 17.30 alla Tipografia Grafichè. (rcz)

LAMEZIA – Rinviato l’evento “Attraverso gli occhi dei viaggiatori”

L”iniziativa Attraverso gli occhi dei viaggiatori. La città di Nicastro: architettura e spazio urbano è stato rimandato a data da destinarsi.

L’evento chiude la mostra Vide – Viaggio dell’Emozione, realizzato dal Polo Museale della Calabria con il sostegno della Regione Calabria e che ha visto il coinvolgimento di tutti e 16 istituti culturali di propria competenza.

Partita ad agosto a Palazzo Arnone di Cosenza, la mostra Vide ha permesso ai visitatori di intraprendere un viaggio alla scoperta del ricco patrimonio culturale calabrese e delle innumerevoli storie che può raccontare.

La conferenza, a cura del prof. Mario Panarello, dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, è un omaggio alla città che ospita il Museo. Con l’analisi d’immagini con vedute e scorci del suggestivo centro storico della piana lametina, eredità di storici, eruditi e tecnici transitati fra Sei e Ottocento a Nicastro, si effettuerà un viaggio nello spazio e nel tempo alla scoperta degli antichi edifici cittadini, molti dei quali trasformati nella veste architettonica, altri ancora perduti. L’intervento, dopo un primo inquadramento urbano, ci permetterà di comprendere quanto è rimasto immutato rispetto alle vedute antiche e quanto ha cambiato facies architettonica, puntando a cogliere non solo quel percorso dialettico fra passato e presente, di cui i segni del primo sono ancora tangibili, ma soprattutto a consolidare quella rete di legami fra i monumenti cittadini non solo nella loro fisicità, ma nella memoria collettiva.

Partecipano all’evento Giorgia Gargano, assessore alla Cultura del Comune di Lamezia Terme, Gregorio Aversa, funzionario archeologo referente Museo Archeologico Lametino, e Antonella Cucciniello, direttore del Polo Museale della Calabria, che concluderà i lavori. Coordina Rosanna Calabrese, funzionario archeologo del Polo Museale della Calabria. (rrc)

LAMEZIA – Venerdì l’iniziativa “M’illumino di meno”

Venerdì 6 marzo, a Lamezia Terme, l’edizione 2020 dell’iniziativa M’illumino di meno, volta alla sensibilizzazione sul risparmio energetico e gli stili di vita sostenibili del programma Caterpillar e Rai Radio Due, dedicata quest’anno ad aumentare gli alberi, le piante e il verde intorno a noi.

L’evento è promosso dal Sistema Bibliotecario Lametino, mentre il Comune di Lamezia Terme, con delibera di Giunta, ha accolto per primo l’iniziativa e spegnerà, simbolicamente, l’illuminazione pubblica su Corso Numistrano e Corso Nicotera dalle 18.30 alle 19.30 di venerdì, mentre alle ore 12.00 saranno piantumati nuovi alberi in Piazza Mercato Vecchio.

«Partecipare è semplice per tutti! – si legge in una nota – Basta piantare un fiore, un albero o semplicemente prendersi cura del verde più prossimo, riporre un vaso fiorito sul marciapiede della propria abitazione, ripulire l’aiuola più vicina o coinvolgere il vicinato per rendere più verdi gli spazi urbani in cui viviamo».

Anche Civico Trame si tinge di verde e partecipa in maniere attiva, con l’inaugurazione dell’Orto Civico Soumaila Sacko alle 18.00 e lo spettacolo di giocoleria e fuochi per grandi e piccoli a cura di TeatroP e Amarte di e con Massimo Rotundo alle 18:30.

I cittadini, inoltre, sono invitati a spegnere luci e insegne dalle 18.30 alle 20.30. Chi aderisce, poi, può usufruire sui social di entrambi gli hashtag #lameziapiùverde e #MIlluminoDiMeno2020.

L’invito di Caterpillar è piantare un albero, perché gli alberi si nutrono di anidride carbonica. Gli alberi sono lo strumento naturale per ridurre la principale causa dell’aumento dei gas serra nell’atmosfera terrestre e quindi dell’innalzamento delle temperature. 

Gli alberi e le piante emettono ossigeno, filtrano le sostanze inquinanti, prevengono l’erosione del suolo, regolano le temperature. Gli alberi sono macchine meravigliose per invertire il cambiamento climatico. Per frenare il riscaldamento globale bisogna cambiare i consumi, usare energie rinnovabili, mangiare meno carne, razionalizzare i trasporti. Tutti rimedi efficaci nel lungo periodo. Ma abbiamo poco tempo e il termometro globale continua a salire. Gli scienziati di tutto il mondo concordano: riforestazione. (rcz)