LAMEZIA – Il concerto del Maria Tramontana 4et

Domani sera, a Lamezia, alle 22, al T Hotel, il concerto del Maria Tramontana 4et, organizzato in occasione del Premio Internazionale Colonie Magna Grecia (Arialdo Tarsitano) promosso dal Rotary Club di Lamezia Terme.

Il gruppo è composto da Maria Tramontana, voce, Ferruccio Messinese, piano, Vito Procopio, sax, e Alessandro Benincasa, drums.

a voce di Maria Tramontana ed i suoi musicisti nel programma Un viaggio fra i due mondi che attinge ai classici napoletani, italiani ed americani, con velate tinte di swing e bossa. (rcz)

LAMEZIA – Il focus sulla Sanità pubblica in Calabria

Domani pomeriggio, a Lamezia Terme, alle 17.30, nella Piazzetta San Domenico, l’incontro sul tema Sanità pubblica e diritti per tutti nella Calabria che cambia, organizzata dalla lista elettorale Calabria Resistente e Solidale.

L’iniziativa sarà introdotta da Rosa Tavella, medico, già consigliera regionale, seguiranno gli interventi di Anna Rotella e Carlo Leone, candidati al consiglio regionale, concluderà Luigi De Magistris, candidato Presidente della Regione.

«Un progetto –si legge in una nota –che vede nel capovolgimento delle politiche squadernate in questi anni dai governi di centro destra e di centro sinistra l’unica strada concreta per la riconquista dei tanti diritti negati, ai calabresi e alle calabresi, a partire da quello alla salute. Un sistema sanitario, quello calabrese, smantellato e sempre più privatizzato che per questo va riportato alla sua funzione di cura e di prevenzione così come dettato dall’articolo 32 della Costituzione: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività».

«La Calabria – si legge ancora nel comunicato – ha bisogno di un sistema sanitario imperniato sulla prevenzione con una rete territoriale capillare ed efficiente, ospedaliera e di servizi alla salute. Un sistema sanitario sottratto agli affari dei poteri criminali. Un sistema sanitario pubblico che garantisca gratuitamente cura e prevenzione». (rcz)

LAMEZIA – Successo per la Festa dedicata alla Madonna di Porto Salvo

Si è conclusa, con successo, a Lamezia Terme, la Festa dedicata alla Madonna di Porto Salvo.

In una suggestiva cornice, del santuario a lei dedicato, immerso nella semplicità della campagna di periferia, i fedeli si sono ritrovati a meditare la Parola guidati da mons. Giuseppe Fiorini Morosini.

In una dimensione di trascendenza, il sacerdote minimo, ha richiamato i presenti, ad una meditazione attenta, per poter scavare all’interno dei gesti e coglierne l’essenzialità.

Una fede che si deve legare indissolubilmente alle opere, senza però, proiettare il cristiano ad una dimensione miracolosa. «Credere è faticoso – ha sottolineato Morosini – e noi fedele non possiamo cercare un Dio dei miracoli, ma quella speranza che dona sollievo al dolore dell’animo. La Vergine Maria ha sperimentato il dolore più grande, rimanendo immobile ed attonita di fronte la croce, compiendo l’ultimo attimo del suo affidarsi totalmente, senza domanda alcuna, alla volontà divina». 

Il parroco ha invitato i fedeli a seguire la strada tracciata da Maria, con pazienza e fiducia, senza porsi domande, certi che sarà la fede la nostra consolazione più grande.

Il silenzio della meditazione, a fine serata, è divenuto la delicatezza della musica dell’omaggio sonoro offerto dall’associazione “Centro Studi Chitarristici “Liuto”. I due maestri, Luca Laganà e Paolo Isabella, sul sacrato della chiesetta, ai piedi della Statua della Madonna, hanno intonato alcune melodie, strumento di comunicazione spirituale ed umana.

I brani eseguiti hanno catturato l’attenzione dei presenti che sono stati proiettati in una dimensione sospesa tra sogno e realtà, grazie ai virtuosismi eseguiti con estrema umiltà e devozione, dai due rinomati maestri. Un momento importante, grazie al quale ognuno dei presenti ha abbandonato al potere della musica, le proprie ansie, speranze e sospiri, diventando partecipe di un comune cammino di fede e vita. 

La gratuità del dono ha testimoniato una vitalità, quella dell’associazionismo lametino, che insieme alla bellezza, con professionalità e talento che, forse non salverà il mondo ma innescherà la più grade rivoluzione, quella della passione per ogni cosa ed in ogni cosa. Alla serata hanno partecipato, con lo spirito di servizio che li contraddistingue, il gruppo dei “portantini”, che ha animato la serata insieme al gruppo giovanile della parrocchia di San Francesco da Paola. Il buio della notte ha lasciato che a brillare fossero solo le 12 stelle di Maria. (rcz)

LAMEZIA – L’evento “Dostoevskij 200”

Venerdì 17 settembre, a Lamezia Terme, alle 18.30, al Chiostro Caffè Letterario, è in programma la rassegna Dostoevskij 200, organizzato da Glicine associazione e rivista, Sistema Bibliotecario Lametino e Open Space associazione di promozione sociale in occasione dei 200 anni dalla nascita.

Conduce i lavori Antonio Pagliuso di Glicine rivista. Non mancheranno interventi e letture da parte degli altri partner coinvolti. Successivamente, attorno alle 20.30, ci sarà una cena con proiezione del film Le notti bianche (regia di Luchino Visconti, 1957), basato sull’omonimo romanzo breve di Dostoevskij.

In ottemperanza alle disposizioni vigenti, l’ingresso alla serata sarà consentito esclusivamente con esibizione della certificazione verde (green pass). (rcz)

LAMEZIA – Il concerto di Massimo Agostinelli

Domani sera, alle 19, a Lamezia, nel Chiostro del seminario diocesano, il concerto di Massimo Agostinelli.

L’evento rientra nell’ambito della nona edizione della rassegna Chitarre e oltre… 2021, promosso dall’Associazione culturale “Animula” con il patrocinio della Regione Calabria, della Provincia di Catanzaro, del Comune di Lamezia Terme in collaborazione con il Museo Diocesano di Lamezia Terme e la Rete degli istituti ad indirizzo musicale.

Considerato uno dei principali esperti del repertorio dell’Ottocento per chitarra, Agostinelli da anni sviluppa il suo interesse per la valorizzazione di autori e opere del XIX secolo, portando alla luce nuove composizioni, attraverso una ricerca presso ogni biblioteca del mondo. (rcz)

LAMEZIA TERME – La mostra “Vanishing Languages” di Lynn Johnson

Sabato 11 settembre, a Lamezia Terme, alle 18, s’inaugura la mostra Vanishing Languages di Lynn Johnson, della National Geographic e a cura di Francesco Scarpino, amministratore di Bluocean.

All’inaugurazione, saranno presenti la fotografa Valentina Tamborra, il curatore della mostra, Paolo Mascaro, già sindaco di Lamezia e Luisa Vaccaro.

rande firma del mondo del fotogiornalismo internazionale a cui National Geographic ha dedicato una monografia, Lynn Johnson ci racconta la più grande e costante emorragia culturale che il pianeta subisce silenziosamente. Sono infatti quasi 100 le lingue parlate che vengono perse ogni anno nel mondo su 7000 lingue parlate. Ogni due settimane una lingua scompare. 

Lynn Johnson propone ai visitatori un cammino tra culture sospese: «Le persone che parlano le lingue dominanti del mondo – inglese, spagnolo, cinese – credono che una lingua comune ci leghi e ci renda un popolo unificato. Ma tale unificazione è anche una perdita di cultura. Un linguaggio incorporato nella canzone, nel comportamento e nelle credenze mantiene intatta una comunità. La lingua è una bussola morale intima, un’appartenenza».

Le opere fotografiche propongono dunque un cammino di suggestione tra culture i cui “saperi”, con in testa la lingua parlata, sono prossime all’estinzione. Un viaggio tra i Tuvani delle steppe della Russia centrale, i Seri che vivono sulle rive del Mar del Messico di Cortez e gli Aka che vivono nella remota India nord-orientale. 

Ci sono anche i solitari sopravvissuti delle tribù native americane che stanno lottando per mantenere non solo le loro parole, ma la loro stessa identità “Vivo da  solo e parlo da solo per ricordare. Non ad alta voce ma tranquillamente, nel mio cuore. È difficile ricordare le parole con nessuno con cui parlare. È come un uccello che perde piume. Ne vedete una fluttuare di qua e di là, un’altra parola scomparsa”. (rcz)

 

Incaricata da National Geographic di documentare le lingue indigene che scompaiono, Johnson ha dovuto escogitare un modo per “fotografare” le parole.  Ha cercato elementi culturali o ambientali che aiutassero i lettori a capire la profonda correlazione tra la lingua, la cultura e la vita di un popolo. 

E’ nata così una serie di eleganti ritratti di taglio quadrato che Johnson descrive come “una cornice più formale e interpretativa”, realizzati con una macchina di medio formato.

 

LAMEZIA – La 40esima edizione del Premio Colonie Magna Graecia “Arialdo Tarsitano”

Dal 17 al 19 settembre, a Lamezia Terme, è in programma la 40esima edizione del Premio Colonie Magna Graecia “Arialdo Tarsitano”, a cura del Rotary Club di Lamezia Terme.

La kermesse, ogni anno organizzata da un club diverso, rappresenta una realtà radicata, nota non solo nel Rotary, ma anche fuori di esso, e oltre i confini nazionali, nel mondo degli studi e, ogni anno, attribuisce una borsa di studio alla migliore monografia, italiana o estera, inedita, che risponda al tema dettato dal Comitato Scientifico.

Nel corso della prima giornata, si svolgerà la tradizionale Assemblea dei Delegati, alla quale seguirà una visita guidata all’Abbazia Benedettina, a Terina, a S. Eufemia Vetere e a Sambiase, mentre nella seconda la registrazione dei partecipanti e cerimonia di consegna del Premio con prolusione del vincitore. A seguire pranzo, nel pomeriggio visita guidata al Museo Archeologico, Chiesa di San Domenico e Palazzo Nicotera. Cena dell’Amicizia.

L’ultimo giorno, infine, gita con visita guidata alle Terme Romane di Acconia di Curinga e a Pizzo Calabro al Castello Murat. (rcz)

LAMEZIA – Al via la decima edizione di Trame Festival

Dal 1° al 5 settembre, a Lamezia Terme, prende il via la decima edizione di Trame, il festival dei libri sulle mafie in presenza e in diretta sui social, con la direzione artistica di Giovanni Tizian.

«Trame 10 – ha spiegato il direttore artistico Tizian – prova a offrire il racconto della realtà in cui viviamo attraverso i fatti accaduti e l’analisi di ciò che potrebbe succedere. Abbiamo cercato di costruire un programma attorno alla questione mafia declinata attraverso molteplici aspetti: la musica, le storie delle vittime, i grandi affari al tempo del Covid, il progresso del Sud, le donne, l’ambiente, i bambini e gli adolescenti. Non è un momento facile per la cultura, per i festival, per il Paese stretto tra paure quotidiane e incertezza del futuro, da Lamezia vogliamo ripartire, con la parola d’ordine di questa edizione: Resistere. Consapevoli che sia l’unica azione che unisce nei momenti difficili, con mostri pericolosi da affrontare, rappresentati da pandemie, dittature o mafie».

Una cinque giorni, dunque, ricca di incontri, spettacoli, proiezioni e musica per diffondere il valore della legalità attraverso la cultura e la partecipazione, e che vedrà la partecipazione di magistrati, giornalisti e scrittori tra i più impegnati nella lotta all’illegalità: Nicola Gratteri, Pif, Riccardo Iacona, Sergio Costa, Giuseppe Provenzano, Cosima Buccoliero, Giuseppe Lombardo, Deborah Cartisano, Gigi Riva, Francesca Nava, Dominella Triunfo, Arcangelo Badolati,  Enzo Ciconte, Attilio Bolzoni, Kento, e molti altri.

Ai dibattiti si aggiungono: il laboratorio di giornalismo Mafie e potere. Come si costruisce un’inchiesta a cura di Giovanni Tizian, direttore artistico di Trame.10, Nello Trocchia ed Emiliano Fittipaldi, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Calabria; lo spettacolo Girone 41 bis di Francesco D’Ayala e Gaetano Savatteri con la regia di Marcello Mazzarella, con il quale il festival partecipa al progetto del Comitato Nazionale per le celebrazioni dantesche #Festivalinrete istituito dal Mibact.

E ancora, le testimonianze delle vittime di racket e usura calabresi a cura dell’Associazione Antiracket Lamezia Onlus e del progetto Mani Libere in Calabria; e le aperture straordinarie del Museo Archeologico Lametino per il pubblico e gli ospiti del festival, con la videoinstallazione di Elena Bellantoni e la narrazione guidata a due voci  a cura degli Archeologi del settore Dott.ssa Maria Teresa Iannelli e Dott. Giuseppe Hyeraci. Per accedere agli incontri è consigliabile la prenotazione (sul sito www.tramefestival.it) ed è necessario il Green Pass. (rcz)

 

LAMEZIA – Martedì la presentazione dei nuovi bandi ed opportunità per l’agricoltura calabrese

Martedì 31 agosto, a Lamezia, alle 9.30, al T Hotel, la Federazione Regionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Calabria, in collaborazione con il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari della Regione Calabria, presenterà i nuovi bandi del Psr Calabria e della prossima programmazione delle risorse Feasr.

L’iniziativa sarà un’occasione per iniziare a conoscere le prossime opportunità di crescita per l’agricoltura e la forestazione calabrese, due settori strategici per la creazione di un modello di sviluppo regionale all’insegna della sostenibilità, del buon cibo, della valorizzazione dei patrimonio naturalistico e della lotta al cambiamento climatico.

Proprio in questi giorni, l’emergenza incendi e la crisi idrica che stanno colpendo gran parte della Calabria, ci hanno fatto comprendere, una volta di più, quanto sia importante programmare, investire, gestire e controllare per mettere in sicurezza i nostri territori e garantire loro uno sviluppo equo e rispettoso dell’ambiente.

«Siamo lieti – ha dichiarato Francesco Cufari, presidente della Federazione Regionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Calabria – che la Regione Calabria abbia dato piena disponibilità alla nostra Federazione regionale per la presentazione delle nuove politiche agricole calabresi. Ci tengo anche a ringraziare i presidenti provinciali della nostra Federazione che hanno collaborato in maniera attiva e proficua per la realizzazione di questo evento di grande interesse per l’intero settore agronomico e forestale».

«La nostra Regione – ha proseguito Cufari – ha davanti a sé sfide epocali che possono essere vinte solo con la collaborazione reale e sincera tra istituzioni, professionisti e società civile. Le risorse della programmazione europea, unite a quelle del PNRR, dovranno essere finalmente uno strumento concreto per valorizzare al meglio le competenze professionali presenti sul nostro territorio e accompagnare le imprese calabresi nei processi di innovazione».

La conferenza stampa, oltre che un momento di presentazione all’opinione pubblica e alla stampa, sarà per i nostri associati un’importante occasione di confronto diretto con le autorità di gestione regionali. Invitiamo, dunque, a partecipare tutti gli operatori del settore per iniziare un percorso di dialogo attivo con la Regione e con tutte le istituzioni preposte alla programmazione delle politiche agricole calabresi. (rcz)

LAMEZIA TERME – Al via la 2° edizione dello Sport Summer Arena

Al via domani, a Lamezia Terme, a Piazza 5 Dicembre, alle 19, la seconda edizione dello Sport Summer Arena, organizzato dall’Associazione Ad Turres Ad Turres MMXX, in collaborazione con l’Asd Muay Thai Lamezia.

Sono partiti infatti, i  lavori di allestimento della grande agorà sportiva, che proietterà il pubblico in una dimensione sospesa tra sport, mare, estate, vacanza fino al 29 agosto.

Una tre giorni all’insegna dello sport e del sano divertimento nella piazza lametina, naturalmente centro di incontro e aggregazione.

«L’evento – hanno dichiarato i soci dell’Ad Turres Ad Turres MMXX –  nasce dalla volontà di rivitalizzare questa parte del territorio, e di riscoprire la bellezza di stare insieme attraverso l’attività sportiva, occasione di crescita umana e sportiva. I lametini potranno ritrovarsi tutte le sere, in amicizia e semplicità per godere di sport e animazione. Una piazza come un villaggio sportivo, riprendendo così, un iter di condivisione dello sport, la prima forma dello stare insieme nel rispetto di sé e degli altri».

«Vogliamo ringraziare – hanno concluso gli organizzatori – tutti i volontari, uomini e donne che hanno deciso di guardare al nostro territorio con sguardo orgoglioso e agire fermo, sicuri che la passione per le proprie radici innescherà la più grande rivoluzione».

Anche la seconda edizione dunque, sarà scoppiettante ed adrenalinica, nel massimo rispetto di tutte le norme anti-contagio covid 19, e con la sola esigenza di sentirsi a casa in ogni angolo della città ci si trovi.

Gli sport praticati saranno: beach soccer, beach tennis, beach volley, muay thai e altri appartenenti al mondo del fitness. Inoltre, ci saranno tornei di Subbuteo, tavoli per il calcio balilla e il ping pong. 

I tormentoni musicali estivi, un’ottima offerta gourmet dei numerosi e caratteristici localini situati nelle vicinanze, ed una gaia animazione per i più piccoli, accompagneranno il ricco programma del villaggio di Sport Summer Arena, aperto a tutti senza distinzione di età. (rcz)