Auguri speciali a un grande Maestro: gli 80 splendidi anni di Gerardo Sacco

Il maestro orafo di Crotone Gerardo Sacco ha festeggiato oggi, domenica 24 maggio, i suoi “primi” 80 anni: auguri speciali gli sono stati fatti pervenire in primo luogo dai suoi più stretti collaboratori. «Oggi – hanno scritto su Facebook – vogliamo rendere omaggio a un uomo che, sempre pieno di voglia di fare dice: “ …a me sembra di non aver mai lavorato un giorno della mia vita!“. Vogliamo rendere omaggio a un uomo che ha fatto della gioielleria la sua ragione di vita, raccontando storie della Magna Grecia, la sua terra, attraverso di loro. Ha lavorato con grandi registi, Franco Zeffirelli in primis, “vestendo” con i suoi gioielli le donne più belle del pianeta: da Glenn Cloose a Mariagrazia Cucinotta a Monica Bellucci e molte, molte altre. Un’ arte, che è il suo talento, scoperta da giovanissimo. La sua prima collana è stata creata assemblando dei sassi di mare su un supporto in metallo rigido; ancora oggi rispecchia l’essenzialità della bellezza e della semplicità. Un uomo che è stato sempre un passo avanti ai tempi, girando il mondo e captando le storie che i suoi gioielli raccontano. Un augurio al nostro amato ragazzo 8.0 che continua sempre a sorprenderci con le sue amate creazioni. Grazie Gerardo, – hanno scritto i suoi “ragazzi” – ti vogliamo bene!».

Il video con gli auguri di Maria Grazia Cucinotta, Giò di Tonno, Michele Guardì, Alberto Matano, Rosanna Lambertucci, Michela Andreozzi, Giuseppe Zeno, Giulio Base, Sergio Cammariere, Massimo Proietto, Elisabetta Sgarbi,  Santo Versace e Tiziana Rocca:

Un augurio speciale al Maestro Gerardo Sacco, nel giorno del suo ottantesimo compleanno.Maria Grazia Cucinotta, GIO' DI TONNO, Michele Guardì, Alberto Matano, Rosanna Lambertucci, Michela Andreozzi, Giuseppe Zeno, Giulio Base, Sergio Cammariere, @Massimo Proietto, Elisabetta Sgarbi, Santo Versace, Tiziana Rocca Production per Gerardo Sacco Orafo

Posted by GERARDO SACCO on Sunday, 24 May 2020

Gerardo Sacco è anche l’autore della prestigiosa creazione orafa che il Premio Nosside assegna ogni anno nel suo festival mondiale della poesia. Il presidente e fondatore del Nosside, prof. Pasquale Amato, ha inviato un video di auguri al grande maestro, orgoglio della Calabria in tutto il mondo:

Verso il 35° Premio Nosside: liriche in arrivo a Reggio da tutto il mondo

Aperte da una settimana le iscrizioni alla 35.ma edizione del Premio di Poesia Nosside e già sono arrivate numerose liriche da ogni parte del mondo. Bastano i numeri a spiegare il successo del Premio mondiale di Poesia Nosside, nato a Reggio Calabria nel 1983 per iniziativa dell’apprezzato storico e docente reggino Pasquale Amato con l’intento di dare voce mondiale alle liriche dei poeti sconosciuti, in ogni angolo del mondo, che si esprimevano anche in dialetti e lingue minoritarie. Il risultato, alla vigilia della 35.ma edizione che si spera di poter celebrare, come al solito, dentro il Museo Archeologico che custodisce i Bronzi e le altre meraviglie della Magna Grecia, è sorprendente: in 34 edizioni hanno partecipato poeti di 99 Paesi, con componimenti in 135 lingue diverse. Lo scorso anno, per dire, è stato premiato in ex aequo con un poeta svizzero-italiano, un cantore colombiano che ha presentato una delicata poesia in lingua quechua, quella degli Inca.

Antologia Nosside 2020

L’occasione del 35° anniversario – nonostante le evidenti difficoltà provocate dall’epidemia di coronavirus – non ha visto comunque venir menoe l’entusiasmo e l’impegno dell’organizzazione è stato totale, a partire dal rifacimento completo del nuovo sito web (nosside.org) e già è pronta la copertina della nuova antologia che raccoglierà le poesie vincitrici o meritevoli di segnalazione. Quest’anno sarà verde. (rrc)

Partito da Cuba il XXXV Premio Nosside, a novembre la premiazione a Reggio

È partita da Cuba, dalla Fiera Internazionale del Libro dell’Avana, la XXXV edizione del Premio mondiale di poesia Nosside, la cui cerimonia conclusiva si terrà a Reggio Calabria  il prossimo 27 novembre nello splendido Museo Archeologico Nazionale. A Cuba era presente per l’evento il fondatore e presidente del Premio Nosside, l’apprezzato storico reggino prof. Pasquale Amato.

Si è così rinnovato il primo atto annuale del gemellaggio culturale tra La Habana e Reggio Calabria che il Nosside ha creato nel corso di tante edizioni. L’Evento, svoltosi nella Sala José Lezama Lima della Fortaleza de San Carlos de la Cabaña, è stato impreziosito dalla partecipazione di tre artisti cubani, che hanno magistralmente curato la lettura delle poesie e il loro commento musicale: l’attrice Sheila Roche, la flautista Ana Beatriz Polo Velasquez e il chitarrista Larry Quincoses Dominguez.

Ha brillantemente condotto l’evento la Segretaria generale del Nosside Mariela Johnson Salfran. Il Presidente Fondatore Pasquale Amato ha illustrato sinteticamente i cardini del Progetto nato a Reggio nel 1983: «La missione del Premio Nosside è la valorizzazione di tutte le lingue del mondo e lo scambio di conoscenze, di tradizioni e di esperienze che esse rappresentano per ogni popolo. Ogni volta che muore una lingua si perde difatti per sempre una parte del patrimonio culturale dell’umanità. I risultati sono stati sinora straordinari: in 34 edizioni hanno partecipato poetesse e poeti di 99 Stati di tutti i continenti con opere scritte in oltre 130 lingue (nazionali, indigene e minoritarie) e dialetti e con poesie in video e in musica. Nel 2019 il Nosside ha confermato il sogno di un mondo senza frontiere di lingue e di culture senza pregiudizi religiosi ed etnici. I vincitori assoluti sono stati difatti il colombiano Fredy Chikangana e Davide Rocco Colacrai, figlio di emigrati del Sud d’Italia. Anche nel 2020 – ha concluso Amato – il Nosside proseguirà il suo sogno di globalizzazione positiva alternativa e continuerà a scrivere una storia straordinaria e unica delle diversità linguistiche e culturali del pianeta».

Il Direttore della Società Dante Alighieri dell’Avana Pierluigi Riccioni ha, da parte sua, evidenziato le affinità culturali con il Premio Nosside. Affinità che hanno originato il dialogo della Dante con la nobile missione che ha fatto del Nosside un’eccellenza mondiale. Con l’assegnazione del Premio Internazionale Nosside alla carriera al poeta cubano Alberto Edel Morales Fuentes e la lettura delle motivazioni e di una sua lirica, poesia e musica sono state protagoniste della seconda fase dell’Evento. Parte dedicata alle interpretazioni delle poesie e alla consegna dei riconoscimenti del XXXIV Nosside 2019 a poeti dei Caraibi.

Una gradevole novità molto apprezzata è stata l’omaggio dell’elegante Antologia curata da Pasquale Amato e Mariela Johnson Salfran e pubblicata dall’editore Media&Books di Roma (Italia). Sono stati coinvolti per Cuba Patricio Velasquez Perez, Ibis Arredondo Reyes, Giselle Lucia Navarro Delgado, Nancy Bolumen Caballero, José Antonio Campo Figueroa e José Nelson Castillo González; per il Venezuela Nilza Mercedes Centeno Ayala; per il Messico Bárbara Guadalupe Hernández Santos.

L’Evento dell’Avana, che ha proiettato un pò di Mediterraneo e tanto della Città di Reggio nella grande fiera cubana del libro, si è concluso con un omaggio denso di emozioni al Vincitore colombiano del 2019 Fredy Chikangana e alle lingue e culture dei popoli originari delle Ande e dell’intero continente americano: la lettura della sua poesia in versione spagnola e l’esecuzione della più famosa canzone popolare andina El condor pasa. Un messaggio di speranza che è stato inviato ai poeti che parteciperanno nel 2020 all’unico Premio globale del mondo. (rrm)

Premio Nosside 2020: il prof. Pasquale Amato apre a Cuba la 35.ma edizione

Prosegue con successo il gemellaggio con Cuba del Premio Mondiale di Poesia Nosside, fondato e presieduto dal prof. Pasquale Amato nel 1984. L’apprezzato storico reggino è difatti a La Avana, ospite della XXVIII Fiera internazionale del libro, durante la quale darà l’avvio alla 35.ma edizione del Nosside, un premio che ha ormai raggiunto una notorietà planetaria, con la partecipazione di poeti di ogni parte del mondo e in buona parte espressione di tante minoranze linguistiche che trovano nel Premio, nato a Reggio Calabria su iniziativa del prof. Amato, è diventato presto una straordinaria vetrina che ha messo in luce e valorizzato in tutti questi anni lingue e dialetti di oltre 99 Paesi del mondo. Con l’inaugurazione del 14 febbraio a La Havana partono anche le iscrizioni al Premio ed è facilmente prevedibile che quest’anno ci sarà una grandissima partecipazione.

Nel 2019, è il caso di ricordarlo, è stato premiato il poeta-contadino colombiano Fredy Chikanana con una lirica scritta nel dialetto Quechua, l’antica lingua degli Incas, in ex-aequo con lo svizzero italiano Davide Rocco Colacrai. Il 2019 è stato l’anno dedicato dall’Onu alle lingue indigene: un impegno che il Premio Nosside ha portato avanti sempre con grande convinzione, nel rispetto della cultura e della tradizioni delle minoranze linguistiche che spesso rischiano l’estinzione.

Il Premio Nosside è motivo di grande orgoglio per la Città di Reggio, ma anche per tutta la Calabria: è partita da qui, di fronte al Mediterraneo verso gli altri oceani e i mari di tutto il mondo, l’onda di valorizzazione delle liriche di autori, per lo più sconosciuti, in una universalità di linguaggi che esprimono i sentimenti di ogni popolo, a perpetrare tradizioni che dovrebbero essere destinate a non morire mai. Non a caso il Premio è intitolato a Nosside dea della poesia, per marcare che quest’iniziativa partiva dalla culla di quella civiltà millenaria, magnogreca, che ha visto al centro Reggio Calabria.

Il Premio Nosside a Cuba

Il prof. Pasquale Amato a Cuba oggi, venerdì 7 febbraio, presiederà il III incontro internazionale di Poesia e parlerà della «Sintonia tra le identità del Premio Nosside e l’anno Onu delle lingue indigene». Poi, il 14 verrà ufficialmente aperta la 35.ma edizione del Premio Nosside, la cui cerimonia conclusiva avverrà al Museo Archeologico Nazionale di Reggio, il Museo dei Bronzi, il prossimo 27 novembre. Nella stessa data sarà distribuita l’edizione 2020 dell’Antologia poetica del Nosside, pubblicata anche quest’anno da Media&Books. (rrm)

XXXIV Premio Nosside, la premiazione una festa della poesia in tante lingue del mondo

di MARIA CRISTINA GULLÍ

La cerimonia di premiazione del XXXIV Premio mondiale di poesia Nosside, venerdì al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, è stata la festa delle tante lingue del mondo, declinate in versi d’amore, di passione, di sentimento, di dolore, di gioia. Tra le tantissime liriche in concorso, hanno trionfato, ex-aequo, quelle del poeta e musico colombiano Fredy Chikangana e dello svizzero-italiano Davide Rocco Colacrai che hanno riguardato entrambe la tematica della morte e della speranza. Il colombiano con la sua lirica Dico Naya (scritta in lingua quechua, l’antica lingua degli Incas e tradotta in spagnolo) ha ricordato uno spaventoso eccidio del 2001 da parte di militari nella regione povera di Naya in Perù che ha contato centinaia di vittime civili, tra cui donne e bambini. «Dico Naya e rabbrividisco – recitano alcuni suoi versi – Dico Naya e penso ai bambini, al seme della terra, al vento che dipinge le nuvole di colori e i sogni per continuare a lottare per l’amore e per la vita». Lo svizzero Colacrai, figlio di italiani del Sud, nato nel Cantone di Zurigo, si è invece ispirato alla tragica fine di un ragazzo curdo che tentava di arrivare all’isola greca di Lesbo, in fuga dalla sua terra, per perfezionarsi a suonare il violino. «Sono un Cristo che ha per croce un violino – scrive nella sua lirica il giovane poeta  – le sue corde il mio pane quotidiano, la sua voce il mio perdono».

Una festa delle lingue, si diceva: alla premiazione di venerdì sera, al Museo dei Bronzi, la portavoce del direttore Carmelo Malacrino assente per impegni istituzionali fuori città, Emanuela Martino, ha sottolineato l’importanza di questo ponte ideale tra la cultura magno-greca di cui Reggio è massima espressione, e quella di tante altre culture del mondo, un ponte tra Mediterraneo e gli oceani dove la voce della poesia supera ogni barriera.

Alla serata al Museo hanno presenziato poeti arrivati dal Brasile, dall’Egitto, dalla Colombia, dalla Grecia e da ogni parte d’Italia, che si sono ritrovati a dialogare con la magia dei loro versi, a sottolineare la validità del Premio e la giusta intuizione che circa 35 anni fa portò il prof. Pasquale Amato, apprezzato storico reggino, a fondare il Nosside. Un Premio aperto a tutte le lingue del mondo e che in 34 edizioni ha raccolto le liriche provenienti da 99 Paesi in 135 idiomi e dialetti della terra. Molti a rischio di estinzione, ma alcune ancora vive come quella quechua, la lingua pre-colombiana degli Incas, che il poeta Chikangana utilizza per le sue liriche e le sue canzoni: il governo colombiano ha pagato il suo viaggio in riconoscimento della sua arte poetica che rinnova l’antica tradizione culturale del Paese.

La serata è stata accompagnata dalla musica del violino di Argira Morabito e la chitarra di Alessandro Calcaramo, con letture dell’attrice e regista Teresa Timpano – direttrice del Festival dei Miti Contemporanei nel cui cartellone risalta il Premio Nosside – Filippo Gessi, Miryam Chilà, mentre Rosamaria Malafarina, segretaria della giuria internazionale del Nosside, ha letto le motivazioni dei principali riconoscimenti.

Un Premio che guarda al mondo e che si prepara già, calato il sipario, alla prossima edizione, quella del 35° anniversario. Il Nosside ha avuto, per questa splendida e indimenticabile edizione, il patrocinio del Consiglio regionale della Calabria, del Comune e della Città di Reggio Calabria: un riconoscimento dovuto all’impegno del prof. Amato e dei suoi infaticabili collaboratori, come la nipote Giada Amato, che hanno reso tutto più semplice, trasformando l’incontro di tanti poeti di tante lingue diverse in una festa universale dell’amicizia e della fraternità. La poesia, in fondo, serve soprattutto a unire e rendere partecipe l’umanità, nella condivisione di un comune sentire.

Cosa sarebbe il mondo senza la poesia? La risposta è venuta proprio dall’universo di liriche che, attraversando il mondo in un’ideale traccia, hanno ricevuto una menzione d’onore. Liriche provenienti oltre che dall’Italia, da Cuba, Grecia, Spagna, Uruguay, Malta, Romania, Israele, Nepal, Repubblica Dominicana, Messico, Venezuela, Argentina, Brasile, Mongolia, Pakistan e Filippine. Poesie composte, oltre che nelle principali lingue latine, anche in lingua grika salentina, in catalano di Alghero, in galiziano della Spagna, dialetto reggino di Africo, in mongolo e in Tagalog delle Filippine. Le poesie vincitrici e quelle giunte in finale sono raccolte nell’antologia Nosside 2019 (Edizioni Media&Books), a cura dello stesso prof. Amato e di Mariela Johnson Salfràn.

Fredy Chikangan, Pasquale Amato e Colacrai
Fredy Chikangana, Pasquale Amato e Davide Colacrai davanti alla magnifica torta realizzata da Angelo Musolino

I vincitori e i poeti finalisti hanno poi festeggiato, anche con il flauto del poeta andino Chikangana, al ristorante Pepy’s, dove gli ospiti hanno potuto gusta una cena rigorosamente a base di gusti e sapori del territorio (con lo zafferano di Motta San Giovanni, il caciocavallo di Ciminà, le ricotte e i salumi dell’Aspromonte) nonché una squisitissima e sorprendente torta al Bergamotto realizzata da Angelo Musolino (presidente dei pasticceri reggini) e i sorbetti al Bergamotto e all’Annona di Reggio Calabria firmati da Davide De Stefano, titolare della gelateria Cesare. (mcg)

—————————————

Tutti i vincitori del Nosside 2019:

VINCITORI ASSOLUTI

2 Vincitori  Assoluti Ex-Aequo

FREDY CHIKANGANA

COLOMBIA – Ñoca Niy Naya

Digo Naya (Dico Naya)

Poesia in lingua Quechua degli Incas

(Con versione in Spagnolo)

DAVIDE ROCCO COLACRAI

SVIZZERA-ITALIA – Cristo con violino

Poesia in lingua Italiana

MENZIONI SPECIALI

EUFEMIA ATTANASI

ITALIA – Ena argulo (Un albero)

Poesia in lingua Grika Salentina (traduzione in Italiano)

GIUSEPPINA DE FELICE

ITALIA – Triste soliloquio

Poesia in lingua Italiana

MAKIS PSARADELLIS

GRECIA  Τα Παρατημενα Σπιτια (Le case abbandonate)

Poesia in lingua Greca (traduzione in Italiano)

MENZIONI STRAORDINARIE

CLAUDIA CRABUZZA

ITALIA – Pobretat Autumnal (Povertà Autunnale)

Poesia in lingua Catalana di Alghero (traduzione in Italiano)

IVANA GARCÍA GARCÍA

REP. DOMINICANA – Soy Tantas Cosas Que No Soy Nada

Poesia in lingua spagnola

SONIA GIOVANNETTI

ITALIA – Oltre Il Muro

Poesia in lingua Italiana

ELIZABETH GRECH

MALTA  Wiccha (Il Suo Viso)

Poesia in lingua Maltese (traduzione in Italiano)

BÁRBARA GUADALUPE HERNÁNDEZ SANTOS

MÉXICO – A La Sombra de Gaza (All’ombra di Gaza)

Poesia in lingua Spagnola (traduzione in Italiano)

ALEXANDROS STEFÓPOULOS

GRECIA – Τα  Συνορα  (I Confini)

Poesia in musica in lingua Greca (traduzione in Italiano)

PATRICIO VELÁSQUEZ PEREZ

CUBA – Desarraigo

Poesia in lingua Spagnola

MENZIONI PARTICOLARI

LUCIA ARECCHIO

ITALIA – L’oro dei tuoi giorni – Lingua Italiana

IBIS ARREDONDO REYES

CUBA  Movimento  – Lingua Italiana

DANIELLA BOSSIO

URUGUAY – Hasta Que Ellos Vuelvan – Lingua Spagnola

NILZA MERCEDES CENTENO AYALA

VENEZUELA – Corazón Indio – Lingua Spagnola

NABIN K. CHHETRI

NEPAL    Waiting For My Father – Lingua Inglese

ALEJANDRA DIAZ 
ARGENTINA – Visiones – Lingua Spagnola

GIOVANNI FAVASULI

ITALIA  Prejéra (Preghiera) Dialetto Reggino di Africo (traduzione in Italiano)    

MERLI MARIA GARCIA DINIZ

BRASIL  E Agora, Brasil?  – Lingua Portoghese

Daphnie  Maria Guy-Vouvali

GRECIA – Oι Νοτες (Le Note)    Lingua Greca (traduzione in Italiano)    

EMANUELE INSINNA

ITALIA – Ci sono giorni – Lingua Italiana

RITA MINNITI

ITALIA – Il silenzio dei versi – Lingua Italiana

GISELLE LUCÍA NAVARRO DELGADO

CUBA – Un amore nace aunque no quieras – Lingua Spagnola

ELENE OIKONOMOY

GRECIA – Ανθοχαμογελο – (Smile Of Flowers)

Lingua Greca (traduzione in Inglese)

ERNESTO P. SANTIAGO

FILIPPINE – Magandang Kea (Beautiful Kea)

Lingua Tagalog (traduzione in Inglese)

GIANCARLO SECCI

ITALIA – Scurigadroxu (Tramonto rosso)

Lingua Sarda Campidanese (traduzione in Italiano)    

LORETTA STEFONI

ITALIA – Nell’abc dell’amore    Lingua Italiana    

FRANCESCO SURACE

ITALIA – Figlio, che tenerezza –  Lingua Italiana    

BARBARA VILLAR LAGO

SPAGNA – Rexurdemento migratorio (Resurgimiento migratorio)

Lingua Galiziana (traduzione in Spagnolo)

MENZIONI 

MASSIMO BARILLA

ITALIA – Selene (Malaluna) – Lingua Italiana

NANCY BOLUMEN CABALLERO

CUBA – Donde la poesía no muere – Lingua Spagnola

CLAUDIA MARIA BOROIANU

ROMANIA – Il silenzio – Lingua Italiana

JOSÉ ANTONIO CAMPO FIGUEROA

CUBA – Las manos del mundo – Lingua Spagnola

JOSÉ NELSON CASTILLO GONZÁLEZ

CUBA – Redentor – Lingua Spagnola

CARMELO CONSOLI

ITALIA – Sicilia – Lingua Italiana

ANTONIOS EFTHYMIOU

GRECIA – Saviors of the Sun – Lingua Inglese

MIRIAM JASKIEROWICZ ARMAN

ISRAELE – The Sea – Lingua Inglese

NATALY JORGE

SPAGNA – Madre – Lingua Spagnola

GEORGINA KOURIANDAKI

GRECIA  – Never Too Late – Lingua Inglese

ELISABETTA LIBERATORE

ITALIA – Disinganno – Lingua Italiana

DOMENICA LICASTRO

ITALIA – Fiori di campo – Lingua Italiana

PAOLO MARCIANÒ

ITALIA – Sulle bianche sabbie dell’Amendolea – Lingua Italiana

PARASKEVI MEMOU

GRECIA – Ικετεσ Των Θεων Των Φτωχων (Supplicanti degli Dei dei Poveri)

Lingua Greca (Italiano)

GEMMA CAROLINA MESSORI

ITALIA – Io conosco una danza – Lingua Italiana

VERA MARCIA PARABOLI MILANESE

BRASILE – Epifania – Lingua Portoghese

GABRIELLA PICERNO

ITALIA – Germogli di luce – Lingua Italiana

DAISY PIMENTEL MEDINA

REP. DOMINICANA – Dolor profundo – Lingua Spagnola

VICENTE RAGGIO

BRASILE – Che – Lingua Portoghese

MARY FLOR RAMIREZ DE BASCETTA

VENEZUELA – Soy El Amigo De América – Lingua Spagnola

RITA RICCIPETITONI

ITALIA –  Suggestioni – Lingua Italiana

MARIA ANGELICA ROYO

BRASILE – Brasis – Lingua Portoghese

FLORA RUCCO

ITALIA – Madri mediterranee – Lingua Italiana

SANDRA REGINA DOS SANTOS RUSSO

BRASILE – Torta de Babel – Lingua Portoghese

HADAA SENDOO

MONGOLIA – Цэнхэр Эгшиг (The Blue Vowel)

Lingua Mongola (traduzione in Inglese)

HAMZA HASSAN SHEIKH

PAKISTAN – Respecting The Commonalities – Lingua Inglese

FERDINANDO SPANÒ

ITALIA – Rriggiu i Calabria (Reggio di Calabria)

Dialetto Reggino (traduzione in Italiano)    

KONSTANTINOS VASSILAKOS

GRECIA – Comme un Concert de Vivaldi – Lingua Francese

RODOLFO VETTORELLO

ITALIA – La mia poesia – Lingua Italiana

Il Premio Nosside verso la cerimonia conclusiva al Museo dei Bronzi, a Reggio Calabria

È tutto pronto per la cerimonia di premiazione della XXXIV edizione del Premio mondiale di Poesia Nosside, ideato e presieduto dal prof. Pasquale Amato. La cerimonia si terrà venerdì 29 novembre alle 17 al Museo Archeologico Nazionale di Reggio. Stamattina alla conferenza stampa di presentazione, coordinata dal giornalista Santo Strati – nostro direttore editoriale – hanno preso parte oltre al presidente-fondatore del Premio prof. Pasquale Amato, il pro-rettore dell’Università per Stranieri “Dante Alighieri” Antonino Zumbo, il vicepresidente della Giuria del Premio Vincenzo Crupi, il rappresentante dell’Avis di Reggio Mimmo Nisticò e l’attrice e regista Teresa Timpano, direttore del Festival Miti  Contemporanei. Presentata in anteprima anche l’antologia Nosside 2019 (Edizioni Media&Books).

Calabria.Live ha intervistato il prof. Amato su questa edizione.

REGGIO – Al MarRC la conversazione sul Premio di Poesia “Nosside”

Giovedì 31 gennaio, a Reggio, alle 17.30, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico di Reggio Calabria, la conversazione sul tema 2019 anno Onu delle Lingue Indigene: identità unica del Premio Poesia “Nosside” dal 1983 alla XXXIV edizione.

L’evento è stato organizzato dal Centro Internazionale Scrittori della Calabria in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, e rientra nell’ambito del ciclo di incontri di Storia globale.

Intervengono Carmelo Malacrino, direttore del MarRC, Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria, e Pasquale Amato, presidente fondatore del Premio, che illustrerà le peculiarità e il cammino di 33 edizioni, che hanno reso unico il Nosside nel panorama dei Concorsi Letterari del Mondo. Il prof. Amato, infatti, si soffermerà in particolare sull’identità strategica di esso legata all’apertura a tutte le lingue e dialetti del Mondo, comprese quelle a rischio di estinzione in molte parti del Pianeta Terra. 

Il Premio, giunto alla 34esima edizione, sarà aperto il 9 febbraio nella Fiera Internazionale del Libro dell’Avana (Cuba), e si chiuderà nello stesso Museo il 29 novembre, in coincidenza con il 2019 Anno ONU delle Lingue Indigene.

«Il Nosside – si legge in una nota degli organizzatori – è in totale sintonia con questa scelta perché dalla fondazione del 1983 ha avuto come identità strategica l’apertura a tutte le lingue e i dialetti del mondo. Infatti il programma del 2019 che illustrerò all’Avana esalterà la straordinaria coincidenza tra il Nosside e l’anno ONU delle lingue indigene».

«Nessun progetto culturale – ha osservato Pasquale Amato – può vantare un patrimonio di poeti premiati di cinque continenti in una serie incredibile di lingue. Il Nosside non ha mai rinunciato alla sua scelta di dare voce ai poeti di etnie minoritarie ai margini e ai confini della società globale, preferendo ai soliti noti tanti sconosciuti, portatori di storie e culture spesso a rischio di estinzione».

«Il Nosside – ha concluso il prof. Pasquale Amato – è orgoglioso di avere scritto in 33 Edizioni una storia della cultura mondiale valorizzando molteplici identità. Lo ha fatto e lo continuerà a fare nel 2019 nonostante il mondo sia attraversato sempre di più da rigurgiti di odi razziali e religiosi, da erezioni di nuovi muri colmi di intolleranze e di egoistiche sopraffazioni». (rrc)