Il caos rifiuti a Reggio un potenziale danno erariale da centinaia di migliaia di euro

di ARMANDO NERI, GIUSEPPE DE BIASI, MARIO CARDIA, ANTONINO CARIDI E ANTONINO MINICUCI – La sentenza del Consiglio di Stato n. 813/2024 ha scritto la parola fine sulla vicenda dell’aggiudicazione dell’appalto sui rifiuti, che – ricordiamolo – era stato indetto dall’amministrazione per la durata massima di 48 mesi, con opzione di proroga per ulteriore 12 mesi e per un valore complessivo di ben 118 milioni di euro.

Il testimone passa, dunque, ad Ecologia Oggi. Questa sentenza mette a nudo le gravissime lacune politiche e amministrative del sindaco e dell’assessore “competente” all’igiene urbana Brunetti, già sindaco facente funzioni, che per redigere il bando e seguirne lo sviluppo si erano avvalsi addirittura della collaborazione di tre super – esperti, consulenti lautamente pagati con risorse pubbliche, quindi con le tasse dei cittadini. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: l’ennesimo disastro politico e amministrativo firmato Falcomatà-Brunetti-PD, che getta nuovamente nel caos e nell’incertezza la nostra Città sul tema dei rifiuti e dell’igiene urbana, ma purtroppo c’è di più. Qualcosa che va detto e che questa amministrazione sta volutamente tacendo, perché a pagare saranno i cittadini.

Leggendo la sentenza si nota, infatti, che per ben due volte il Comune ha sbagliato nella scelta della società a cui affidare l’appalto dei rifiuti: la prima in occasione dell’aggiudicazione originaria, avvenuta nell’agosto 2021, mentre la seconda volta nel dicembre 2022, dopo la prima sentenza del Consiglio di Stato che ordinava all’amministrazione di procedere ad una rinnovata e motivata valutazione specifica e puntuale dell’offerta della Tecknoservice. “Errare è umano, perseverare diabolico”, recita un antico detto. In questo caso la perseveranza è stata diabolica, perché questo ennesimo disastro amministrativo e politico, alla luce della sentenza del Consiglio di Stato, ha provocato un potenziale danno erariale di centinaia di milioni di euro ed è frutto di un’arroganza senza precedenti che Falcomatà, Brunetti e il PD usano quotidianamente nel governare la Città, diventata ormai vittima di contrasti interni alla maggioranza, di giochi di potere e lottizzazioni politiche del centrosinistra, che nulla hanno a che fare con gli interessi dei cittadini.

Il potenziale danno erariale da centinaia di milioni di euro scaturisce infatti dal risarcimento del danno che Ecologia Oggi potrebbe chiedere al Comune, pari al valore dell’appalto da 118 milioni che, come ha affermato il Consiglio di Stato, l’amministrazione ha sbagliato ad aggiudicare per ben due volte. Chi pagherà le conseguenze di questo scellerato danno erariale? Chi pagherà un risarcimento da centinaia di milioni, cagionato dalla persistente sciatteria politica ed amministrativa di chi oggi governa la Città? Forse lo pagheranno i cittadini? Sarà fondamentale in questa fase continuare a garantire il servizio e tutelare le maestranze ed i lavoratori adibiti al servizio di igiene urbana, a cui va il nostro pieno sostegno e la nostra solidarietà.

Tra un mese saremo chiamati a discutere il nuovo bilancio del Comune e con esso il Piano economico e finanziario della Tari. Dopo l’uscita dal piano di riequilibrio ci saremmo aspettati un abbassamento delle tasse, della Tari ed invece si corre il rischio di far pagare ai cittadini i disastri di Falcomatà e company, un potenziale danno erariale che manderebbe nuovamente in default le casse comunali. Sul tema dei rifiuti, della sentenza e di questo potenziale danno da centinaia di milioni, registriamo il silenzio di Falcomatà, che giustamente si guarda bene dal parlarne, perché non conviene o perché sarà impegnato a tagliare nastri e nastrini. Come Consiglieri Comunali di opposizione, vigileremo con attenzione sugli sviluppi di questa vicenda, trasmettendo tutti gli atti alla Corte dei Conti e interpellando i fautori di questo ennesimo dramma politico e contabile nelle commissioni competenti. (an, gdb, ac, mc, am)

«Armando Neri, Giuseppe De Biasi, Mario Cardia, Antonino Caridi e Antonino Minicuci sono consiglieri comunali di Reggio Calabria]

Plastic free onus nel 2023 ha rimosso 63 tonnellate di rifiuti in Calabria

Un “bottino” di 779.076 chilogrammi di plastica e rifiuti rimossi da spiagge, parchi e aree pubbliche cittadine, frutto di ben 2.139 appuntamenti di pulizia ambientale organizzati in tutta Italia nel corso del 2023. È il risultato straordinario raggiunto dall’onda blu dei volontari di Plastic Free Onlus, l’organizzazione impegnata dal 2019 nel contrastare l’inquinamento da plastica che può contare su più di mille referenti sul territorio nazionale. In Calabria, si sono tenute 128 giornate di raccolta con la rimozione di 62.904 chilogrammi di plastica e rifiuti.

A ciò si aggiungono le sensibilizzazioni soprattutto verso le nuove generazioni. Grazie a 1.029 incontri, di cui 41 in regione, tenuti durante l’anno negli istituti scolastici italiani, infatti, si è riusciti a raggiungere 89.116 studenti con interventi personalizzati per fasce d’età per illustrare l’importanza di amare il Pianeta non inquinando, di effettuare una corretta raccolta differenziata e di come scelte alternative alla plastica possano farci prevenire ulteriori disastri ambientali.

«Siamo orgogliosi dei traguardi ottenuti nel 2023 – dichiara Luca De Gaetano, fondatore e presidente di Plastic Free Onlus – In pochi anni di vita, la nostra organizzazione ha coinvolto oltre 250mila volontari, siglando 280 protocolli d’intesa con le Amministrazioni locali per intensificare le attività sul territorio e premiando 69 Comuni con il riconoscimento “Plastic Free”. In Calabria i protocolli d’intesa firmati sono 23 mentre i Comuni premiati quattro: Diamante, Tortora, Montepaone e Tropea. Ben 51 città, nel corso del 2023, hanno emanato ordinanze per vietare il rilascio deliberato in volo dei palloncini e delle lanterne. Con il prezioso supporto di aziende e di donazioni liberali – prosegue – abbiamo, inoltre, trasformato numerose scuole in luoghi plastic free attraverso l’installazione di depuratori d’acqua così da permettere ad ogni studente di riempire gratuitamente la propria borraccia, evitando l’acquisto di bottigliette di plastica. Abbiamo, poi, salvato da morte certa 37 tartarughe nel 2023, accompagnandone alla nascita 1.911, e siamo riusciti a sensibilizzare gli italiani su quanto sia determinante un impegno e un’attenzione costante oggi per permetterci di avere ancora un Pianeta domani. Invito tutti i cittadini armati di buona volontà – conclude De Gaetano (Plastic Free) – ad avvicinarsi alla nostra grande famiglia per rendere l’Italia ancor più bella e pulita nel 2024». (rcz)

Calabria regione virtuosa nella raccolta dei pneumatici fuori uso

Calabria virtuosa nella raccolta di pneumatici fuori uso. Quest’anno EcoTyre ha gestito in Calabria il maggior numero di Pfu (Pneumatici fuori uso), circa 39.480 kg, nell’ambito della campagna Puliamo il Mondo in collaborazione con Legambiente.

La raccolta in Calabria ha avuto, inoltre, il più alto numero di adesioni, con ben 11 interventi in 10 comuni che hanno preso parte all’iniziativa (Castiglione Cosentino, Cosenza, Spezzano della Sila, Gasperina, Stalettì, Squillace Lido, San Giovanni in Fiore, Rogliano, Roccabernarda e Dipignano). In tutta Italia, invece, sono stati raccolti e avviati a recupero 80.380 kg di Pfu con 24 interventi in 9 regioni e circa 9mila pezzi recuperati (il peso medio dei pezzi è di 8-15 kg).

La collaborazione con Puliamo il Mondo ricade nel più ampio progetto “Pfu Zero” che ha il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e nasce con lo scopo di informare la cittadinanza sull’esistenza e sul buon funzionamento della filiera di recupero e gestione dei Pfu.

La raccolta 2023 è un nuovo importante traguardo per il progetto “Da Gomma a Gomma”, coordinato da EcoTyre, con il coinvolgimento di molte aziende italiane, grazie al quale oggi è possibile utilizzare la gomma ottenuta direttamente da PFU per la produzione di nuovi pneumatici o di altri prodotti in gomma.

«La nostra partnership con Legambiente è ormai consolidata e quest’anno ha compiuto ben 11 anni. Continueremo a collaborare nell’ambito di Puliamo il Mondo – commenta Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyre – perché è fondamentale proseguire a sensibilizzare la cittadinanza su un servizio che è completamente gratuito per i consumatori. I pneumatici se ben gestiti sono riciclabili al 100% e si trasformano in una risorsa: per la prima volta abbiamo su strada il primo pneumatico verde, realizzato con un processo di devulcanizzazione di pneumatici giunti a fine vita».

«Il successo, in Calabria, dell’iniziativa di raccolta e avviamento al corretto smaltimento dei PFU abbandonati nell’ambiente, realizzata attraverso la collaudata collaborazione tra Legambiente ed Ecotyre, evidenzia la gravità del fenomeno nella nostra regione ma allo stesso tempo racconta delle grandi potenzialità del riciclo – dichiara Anna Parretta, Presidente di Legambiente Calabria – Le varie iniziative realizzate attraverso i circoli territoriali di Legambiente, nell’ambito della campagna ‘Puliamo il mondo’, affiancate quest’anno dalla organizzazione di un convegno rivolto ad amministrazioni e operatori del settore, sono state un tassello importante per sensibilizzare contro l’abbandono dei Pfu e far comprendere l’importanza di rispettare le norme procedendo al riciclo in un’ottica di economia circolare». (rrm)

Nel weekend in Calabria raccolte 12,3 tonnellate di plastica e rifiuti

Fiumi e mari d’Italia tirano un sospiro di sollievo e tornano un po’ a respirare. L’onda blu dei volontari Plastic Free, la onlus impegnata dal 2019 nel contrastare l’inquinamento da plastica, in questo fine settimana ha liberato il Belpaese da oltre 132mila chili di plastica e rifiuti abbandonati. L’evento nazionale “Sea & Rivers” ha visto la partecipazione di oltre 13.400 volontari in ben 259 appuntamenti di pulizia ambientale tenutisi su tutto il territorio nazionale. La Calabria ha contribuito con 15 appuntamenti dove sono stati raccolti 12.323 chilogrammi grazie all’impegno di 584 volontari.

«L’entusiasmo e la determinazione dei nostri volontari mi inorgoglisce sempre più e dà speranza a tutti noi per un futuro differente – dichiara Luca De Gaetano, fondatore e presidente di Plastic Free Onlus – Registriamo sempre una imponente partecipazione, anche di scuole e università, ma soprattutto una grande attenzione da parte dei cittadini sensibilizzati sul tema della plastica che pervade l’ambiente e compromette la nostra salute. Se nel 2050 ci sarà più plastica che pesci nei nostri mari, tracce di nanoplastiche sono state ritrovate nel nostro organismo, dal latte materno ai tessuti del cuore. Pertanto – prosegue – è importante agire subito e tanti italiani lo hanno già compreso. Naturalmente gli appuntamenti di Plastic Free non finiscono con questo evento nazionale: per chiunque voglia saperne di più, sarà sufficiente registrarsi su www.plasticfreeonlus.it per avere aggiornamenti e notifiche sulle attività nella città di interesse».

A Plastic Free è giunto il messaggio di saluto del ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin, il quale ha ringraziato i volontari per “il duplice merito di agire sulla sensibilizzazione dei cittadini, liberando e pulendo al contempo gli spazi naturali dai rifiuti plastici”, con un’azione “a tutto campo, nella quale si rigenerano gli ecosistemi, si diminuisce il rischio di inquinamento e si agisce sensibilizzando e coinvolgendo nei processi di sostenibilità”. Nella sua missiva, il ministro ha ricordato le misure previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza con “progetti faro” di economia circolare e una linea di intervento dedicata al “marine litter”: 115 milioni di euro che hanno finanziato 75 nuove progettualità. Un ulteriore passo verso l’obiettivo di proteggere almeno il 30% delle aree terrestri e marine entro il 2030. (rcz)

Il sindaco di Reggio Brunetti: Il Comune costantemente penalizzato nei conferimenti dei rifiuti

Il sindaco f.f. di Reggio Calabria, Paolo Brunetti, risponde alle sollecitazioni rappresentate dal Commissario Autorità Rifiuti e Risorse Idriche della Calabria, Bruno Gualtieri, sottolineando come «la sua, più che la missiva di un tecnico impegnato a risolvere problemi al servizio della comunità calabrese, sembra una presa di posizione di parte, non si capisce dettata da che genere di interessi evidentemente più di natura politica».

«D’altronde – ha continuato – non si spiegherebbe altrimenti la sua uscita pubblica assunta d’iniziativa, probabilmente frutto di una richiesta della parte politica che oggi governa la Regione. A tal proposito, solo per sfiorare il merito di ciò che afferma Gualtieri, ho chiesto al Settore Ambiente del Comune di Reggio Calabria, ricordiamo la città più grande e popolosa della Calabria, di produrre un report delle quantità di rifiuti respinte dagli impianti di conferimento regionali nell’ultimo mese».

«Complessivamente sono circa 2500 le tonnellate di rifiuti – ha continuato – che sono state respinte dagli impianti a partire dallo scorso 3 luglio, con una media di circa 100 tonnellate al giorno e con punte di 160 tonnellate in alcune giornate. È vero, quindi, che in teoria a Reggio era destinato uno spazio di circa 200 tonnellate al giorno, ma ciò non si tramutava praticamente mai, per problematiche di natura tecnica, in un’effettiva disponibilità al conferimento nei nostri confronti. Ciò che afferma Gualtieri quindi rispetto alle quantità di spazi disponibili, nei fatti si rivela falso e certamente pretestuoso».

«In questo modo Gualtieri – ha proseguito – rischia di trarre in inganno anche la governance della Regione Calabria ed il presidente Occhiuto che continua ad affermare, inopinatamente e probabilmente senza avere reale contezza dello stato dei fatti, che sul tema dei rifiuti in Calabria va tutto bene. Non si spiegano allora le difficoltà riscontrate dallo stesso Commissario Gualtieri nella sua missiva che riguardano l’impianto di Sambatello».

«È chiaro che a pagarne le conseguenze, di questa gestione approssimativa e senza alcuna programmazione – ha sottolineato – è soprattutto una grande città come Reggio Calabria, che quanto a popolazione fa circa il doppio del capoluogo di Regione Catanzaro ed il triplo rispetto alla città di Cosenza, molto più di quanto quindi possa avvenire per piccoli Comuni che producono quantità di rifiuti molto più ridotte e gestibili. Se a ciò si aggiunge una gestione concretamente penalizzante nei confronti del nostro territorio, e della nostra Città in particolare, si palesano in maniera più evidente le difficoltà riscontrate che Gualtieri incredibilmente tenta pubblicamente di negare».

«Condividendo lo spirito di collaborazione enunciato nella parte finale della missiva di Gualtieri, si specifica infine – ha concluso Brunetti – che nella giornata di domani sarà trasmesso al Commissario il programma dettagliato delle esigenze della Città di Reggio Calabria per i conferimenti straordinari negli impianti regionali, così come richiesto nella stessa lettere inviata dalla Regione». (rrc)

Versace (Metrocity RC) risponde al commissario Arrical: Dichiarazioni fuorvianti

Il sindaco f.f. della Metrocity RC, Carmelo Versace, risponde alle dichiarazioni rilasciate dal commissario di Arrical, Bruno Gualtieri, a seguito della lettera inviata per lo stato dell’arte della raccolta e dello smaltimento rifiuti nel Comune di Reggio Calabria, unico grande centro della Regione ad avere ancora criticità.

Per il sindaco «Gualtieri, evidentemente, non ha né l’onestà intellettuale né la necessaria autonomia decisionale per provare a governare e risolvere un problema che da venti anni, gli stessi che lo vedono impegnato sul fronte rifiuti quale esperto scelto dal centrodestra, attanaglia la comunità calabrese. Parla in politichese e burocratese, giusto per confondere i cittadini e trovare alibi alle proprie incapacità gestionali ed organizzative. È, purtroppo, un esercizio che non serve affatto alla causa che, tutti noi, auspichiamo si possa risolvere nel più breve tempo possibile».

«La Città Metropolitana – ha proseguito Versace – prima che la Regione accentrasse tutto con una legge approvata in pochi minuti, aveva messo ordine ai disastri che, anche lo stesso Gualtieri, ha contribuito a generare negli anni in cui ha lavorato per la Cittadella. Ordine che aveva interessato, chiaramente, pure l’affidamento degli impianti. Un lavoro, dunque, che nonostante le evidenti e riconosciute responsabilità della Regione sulla gestione degli impianti, aveva portato ad una normalizzazione del servizio, tanto che nessun Comune del comprensorio reggino aveva mai patito particolari sofferenze».

«Di più, da gennaio, nella qualità di facente funzioni della Città Metropolitana – ha ricordato – ho firmato ordinanze che ancora aspettano la sottoscrizione da parte del massimo organismo regionale, considerando che l’Ato ormai è unica. È comprensibile, quindi, leggere le dichiarazioni fuorvianti e prive di qualsivoglia ordine logico che il commissario Gualtieri ha affidato, contemporaneamente, a tutti gli organi di informazione, quasi a voler tutelare una presunta rilevanza politica».

«La cosa, ad ogni modo – ha concluso –, non ci scompone più di tanto perché conosciamo le dinamiche che stanno dietro a queste insulse affermazioni che, ci auguriamo, siano frutto di inutili provocazioni piuttosto che ripicche ai danni dei Comuni della Città Metropolitana che hanno duramente contestato l’impostazione data all’intero sistema del comparto rifiuti». (rrc)

L’OPINIONE / Emilio Errigo: Allontanare le discariche di rifiuti dagli aeroporti

di EMILIO ERRIGO – Ieri (venerdì ndr) presso la sede di Civitavecchia, della nota Università della Tuscia (VT), nel corso delle relazioni tenute al Master universitario in materia di: Security Transport, Safety and Cyber Protection, uno dei docenti, dopo aver ascoltato con molta attenzione la lectio magistralis del Presidente di Enac, l’Avvocato dello Stato, Pierluigi Di Palma e la brillante e importante relazione dell’Ing. Mario Tortorici, il terzo relatore in ordine di presentazione, il prof. ing. Sebastiano Veccia, nel corso del Suo significativo e molto costruttivo intervento, ha raccomandato a quanti a diverso titolo si occupano di sicurezza igienico-sanitaria, connessa con la raccolta, trasporto e smaltimento in discarica di rifiuti, di porre molta attenzione a non localizzare e autorizzare, l’apertura di discariche di rifiuti solidi urbani, in prossimità degli Aeroporti e relativi coni di decollo e atterraggio, da e in pista aeroportuale.

Lì per lì sembrava un consiglio igienico-sanitario a tutela e salvaguardia della salute pubblica. Proseguendo nella lezione l’ing. Veccia di Enac, ha arricchito di particolari quante e quali insicurezze si devono prima conoscere, allo scopo poi di individuare le soluzioni più appropriate, per rendere sempre più sicura la navigazione aerea. La vita e la sicurezza dei passeggeri e del volo, rimarrà il compito più importante dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile.

Così grazie ai prestigiosi relatori di Enac, dal Presidente di Palma, l’ing. Mario Tortorici e l’ing. Veccia, abbiamo compreso molto bene e chiaramente, chi, fa, cosa, come e perché, per garantire la protezione dei passeggeri e loro beni personali, la sicurezza aerea e aeroportuale in Italia, in Europa e nel mondo.

Quello che non sapevamo e ora ne abbiamo conoscenza, che la presenza di cumuli e discariche abusive o autorizzate di rifiuti alimentari e solidi urbani di ogni genere, abbandonati e situati in prossimità e immediate adiacenze degli Aeroporti, possono creare una forte pericolosa attrazione di animali e volatili, in vicinanza del sedime aeroportuale, comprese le inopportune invasioni in pista di decollo e atterraggio degli aerei e altri velivoli.

Il termine tecnico che sintetizza tutto si definisce, “Bird and wildlife Strike”, si tratta di impatti violenti di animali selvatici e stormi di uccelli, contro i velivoli, che possono creare danni alle alette delle turbine e alle eliche.

Subito mi è venuta in pensiero la mega discarica di rifiuti di ogni natura e consistenza, oramai da anni utilizzata abusivamente da quanti non amano la propria salute e ambiente della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Scrivo ancora una volta a chi dovrebbe intendere (i Cittadini di Reggio centro e periferia) della strada – discarica di rifiuti realizzata abusivamente, in località San Leo -San Gregorio-Mortara.
Periodicamente gli scienziati cittadini reggini e dintorni, si divertono col fuoco, amano vedere le alte colonne di maleodorante e asfissiante fumo nero intenso, sprigionarsi dalla termocomustione dei rifiuti.

Cosa ci provano costoro, non ci è dato sapere, neanche la vera causa di queste insane anzioni illecite, pericolose per la salute dei bambini e degli adulti. I reiterati Interventi di Vigili Urbani, Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Autorità Giudiziaria, ad oggi non hanno sortito l’effetto deterrente da tutti sperato e desiderato.

In più ora sapere che animali vari, cinghiali, gabbiani reali e altri volatili stanziali, possano nuocere alla sicurezza del volo e alla vita delle persone, impone una drastica e definitiva decisione istituzionale: allontanare subito e senza alcun ritardo, le discariche abusive di rifiuti dagli aeroporti e piste aeroportuali di Reggio Calabria. (ee)

[Emilio Errigo è nato a Reggio di Calabria, docente universitario e generale in riserva della GdiF, attuale Commissario Strsordinario di Arpa Calabria]

Tavernise (M5S): Rifiuti in Cittadella regionale spettacolo indecoroso

Il consigliere regionale del M5S, Davide Tavernise, ha evidenziato come «quei cumuli di spazzatura fuori dalla Cittadella sono uno spettacolo indecorso, altamente nocivo dell’immagine della Regione».

«È necessario bonificare l’area – ha evidenziato – in particolare come forma di rispetto per l’ente e soprattuto per tutelare la salute dei lavoratori della Cittadella. Quel sudiciume, dopotutto, attira continuamente branchi di cinghiali, avvistati e ripresi più volte a banchettare indisturbati».

«Tutto ciò è inammissibile – ha concluso –. Bisogna far sì che la sede della Regione sia modello di una gestione dei rifiuti sostenibile e virtuosa. A tal fine auspico un pronto intervento del Presidente Roberto Occhiuto, teso alla definitiva risoluzione della problematica». (rrc)

Autorità Rifiuti e Risorse Idriche, il sindaco Brunetti (RC) chiede l’indizione di una Conferenza dei sindaci

Il sindaco f.f. del Comune di Reggio, Paolo Brunetti, ha chiesto al sindaco f.f. della Città Metropolitana di Reggio, Carmelo Versace, di indire una Conferenza dei sindaci per esaminare le prospettive della scelta della Regione Calabria di affidare il Servizio Idrico Integrato per l’intero ambito territoriale della regione Calabria al gestore So.Ri.Cal SpA.

In tale contesto, Brunetti ha evidenziato che, «in ragione della rilevanza e della complessità dell’argomento, l’indizione di uno specifico incontro della Conferenza dei Sindaci, aperto all’auspicata partecipazione del Commissario Arrical e della So.Ri.Cal SpA, è diretto a favorire un proficuo confronto tra tutti i soggetti direttamente coinvolti».

Infatti, «la decisione di affidamento del servizio idrico integrato, per effetto del commissariamento della preposta Autorità disposto dalla Regione Calabria – ha spiegato – ha prodotto il mancato coinvolgimento degli enti locali che, invero, devono esercitare le rispettive competenze di organizzazione del servizio idrico integrato, di scelta della forma di gestione, di determinazione e modulazione delle tariffe all’utenza, di affidamento della gestione e relativo controllo attraverso l’obbligatoria partecipazione all’ente di governo dell’ambito (Arrical)».

«La possibile “messa a terra” della riassunta decisione di Arrical – ha proseguito – deve essere affiancata dalla consapevole e responsabile partecipazione degli enti locali che, al momento, non ha avuto la possibilità di manifestarsi. Si pensi, in ultimo, che l’incontro di ieri (28 dicembre) fissato dal Presidente della Regione Calabria presso la Cittadella non ha consentito, e non solo per il Comune di Reggio Calabria, di dirimere dubbi e dipanare perplessità già nel tempo espressi».

«Tra gli aspetti che necessitano risposte chiare ed esaustive – ha sottolineato il Sindaco f.f. del Comune di Reggio Calabria – vi è, fra l’altro, la definizione di un condiviso cronoprogramma delle attività insite alla definizione del processo di aggregazione (passaggio del servizio dai comuni al gestore), la qualità delle prestazioni assicurate all’utenza, il futuro del personale che a vario titolo è attualmente impegnato nel servizio idrico integrato».

«Infine – chiosa Brunetti – la cooperazione e collaborazione inter-istituzionale deve partire dal riconoscimento delle funzioni degli enti locali che, normativamente, hanno il diritto-dovere di curare, collegialmente, l’organizzazione ed il controllo del servizio idrico integrato all’interno dell’Autorità d’ambito, superando la fase di commissariamento regionale». (rrc)

Rifiuti a Reggio, il Consiglio di Stato ha deciso: Teknoservice può continuare a svolgere servizio di raccolta

Teknoservice, la società affidataria del servizio di igiene urbana a Reggio, potrà continuare a svolgere il suo servizio. È quanto ha deciso il Consiglio di Stato, che si è pronunciato sugli appelli proposti dal Comune di Reggio e dalla società per chiedere la riforma della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria.

Nello specifico, Teknoservice, ha deciso il Consiglio di Stato, potrà continuare il servizio «fintanto che il Comune di Reggio non si pronunci espressamente in merito alla equivalenza di  talune caratteristiche di raccolta contenute nel progetto da essa proposto rispetto a  quelle indicate negli atti di gara».

Lo ha reso noto la società stessa, che ha ricostruito la vicenda.

«Con la sentenza appellata, il Tar Calabria aveva ritenuto che il Comune non avesse – viene spiegato – adeguatamente motivato in merito alla affidabilità della Teknoservice, con riguardo ad  un paio di vicende occorsele nella esecuzione di altri appalti di igiene urbana. Lo stesso Tar Calabria, inoltre, aveva ravvisato una difformità del progetto  Teknoservice rispetto ad una particolare prescrizione del disciplinare di gara riguardante le modalità di raccolta differenziata, stabilendo che per tale difformità la  Teknoservice dovesse essere esclusa, con conseguente affidamento del servizio alla  Ecologia Oggi». 

«Ebbene, quanto al primo profilo – si legge – il Consiglio di Stato, in riforma della sentenza  appellata, ha riconosciuto che la Teknoservice aveva assolto agli obblighi informativi  su di essa incombenti, e che nel contempo “non può ritenersi sussistente un profilo di  illegittimità derivante dall’omessa motivazione del provvedimento di ammissione in  gara della impresa aggiudicataria”».  

Infatti, spiega il Consiglio di Stato, “contrariamente a quanto affermato dal Tar, la  stazione appaltante non è tenuta a esplicitare in maniera analitica le ragioni  dell’ammissione, potendo la motivazione risultare anche implicita o per facta  concludentia, ossia con la stessa ammissione alla gara”.

Con la conseguenza che “legittimamente l’Amministrazione ha ritenuto, nella sua  discrezionalità, che le suddette circostanze non fossero ostative o rilevanti ai fini  dell’esclusione e che non vi fosse un particolare onere di motivazione, come sarebbe  stato invece necessario nel caso di esclusione”.

La valutazione di affidabilità svolta dal Comune di Reggio Calabria nei confronti della  Teknoservice è stata, dunque, legittima, e non può più essere messa in discussione. 

Quanto al secondo profilo, nel valutare la difformità contestata dalla Ecologia Oggi  (che la stessa Ecologia Oggi aveva sostenuto dovesse portare alla esclusione della

Teknoservice, con tesi accolta dal Tar Calabria, mentre la Teknoservice ne aveva  evidenziato il carattere migliorativo), il Consiglio di Stato ha affermato che se pur si  può “ritenere in astratto l’offerta [della Teknoservice] così come articolata  equivalente e migliorativa rispetto a quella prescritta dalla legge di gara”, tuttavia  l’Amministrazione avrebbe dovuto dare esplicita motivazione in merito agli specifici  punti in cui l’offerta tecnica Teknoservice diverge rispetto a quanto richiesto dalla  disciplina di gara, esplicitando se tali divergenze rappresentano modifiche equivalenti  o finanche migliorative rispetto a quanto richiesto dalla disciplina di gara, la quale – come riconosciuto dal Consiglio di Stato – consente la inserzione di varianti.

Con la conseguenza che, in ottemperanza alla decisione del Consiglio di Stato, il Comune dovrà oggi “procedere ad una rinnovata e motivata valutazione specifica e  puntuale dell’offerta della Teknoservice in punto di equivalenza funzionale (e di  effettiva idoneità al conseguimento dei prefissati obiettivi di raccolta differenziata)  delle modalità di raccolta ivi proposte rispetto alle indicazioni operative” indicate  negli atti di gara, e non limitarsi – come fatto in prima battuta – ad affermare tale  equivalenza tacitamente, con la mera attribuzione di un voto numerico.  

Quanto, infine, alle censure svolte dalla Teknoservice nei confronti della stessa  Ecologia Oggi, il Consiglio di Stato ritiene di non doversi esprimere, ma evidenzia che  non è precluso – ed “anzi rientra precisamente nei doveri istituzionali dell’Ente” – che  l’Amministrazione proceda con adeguate verifiche riguardo ai procedimenti penali a  carico dei vertici di Ecologia Oggi, emersi solo all’esito della aggiudicazione e  denunciati dalla Teknoservice in sede d’appello. (rrc)