TREBISACCE (CS) – Sabato l’evento “Tu che ne sai? Storie di inclusione sociale”

Sabato 4 dicembre, a Trebisacce, alle 9.30, al Cineteatro Gatto, l’evento Tu che ne sai? Storie di inclusione sociale, organizzato dalla Cooperativa Sociale “Le Nuove Lune Onlus” di Villapiana.

Nel corso dell’evento, gli astanti e gli studenti degli Istituti d’Istruzione del territorio conosceranno e scopriranno “Storie straordinarie di ordinaria migrazione” e le dinamiche delle buone prassi di cui le comunità dei Comuni che appartengono alla rete dell’accoglienza sono state protagoniste.

L’appuntamento conclude un percorso iniziato nell’agosto del 2021, partito con la nascita di un laboratorio video etnograficoa cui hanno partecipato gli operatori e i beneficiari di entrambi i progetti. Nell’ambito del laboratorio i partecipanti hanno prodotto un video, che verrà trasmesso nel corso dell’evento, dal titolo “Non ti allarmare fratello mio”.

 Il breve corto cinematografico è ispirato dalla poesia scritta da Tesfalidet Tesfom. Tesfalidet era un giovane migrante eritreo, giunto in Italia a bordo della nave della ONG Open Arms. A seguito dello sbarco avvenuto il 12 marzo 2018, dopo aver trascorso diciotto mesi nei centri di detenzione libici per migranti, Tesfalidet pensava di aver raggiunto la tanta agognata meta. Purtroppo il ragazzo è morto di tubercolosi e malnutrizione, tra le mura dell’ospedale di Modica.

Portava con sé, sopravvissute al lungo viaggio in mare, due poesie manoscritte in lingua tigrina che raccontano la ferocia inumana della sua detenzione.

Nel corso della manifestazione interverranno il sindaco di Villapiana, Paolo Montalti, il Commissario Prefettizio di Trebisacce, Carlo Ponte, il presidente della Cooperativa Sociale Le Nove Lune, Anna Franca Bilotto, il regista del corto Leonardo Aggazio, gli esperti di migrazione Maurizio Alfano e Mariafrancesca D’Agostino.

Grazie al loro contribuito sarà possibile creare un dialogo con gli studenti presenti in sala finalizzato a cogliere gli aspetti e le dinamiche meno note del fenomeno della Migrazione, e comprendere come tale realtà si intrecci ogni giorno con le esistenze di ciascuno.

Infine, gli ex-beneficiari dei progetti SAI (Già SPRAR e SIPROIMI) offriranno la propria testimonianza, raccontando il proprio “Viaggio sociale dopo il viaggio fisico”, cioè il percorso di accoglienza strutturata, inclusiva e integrata che li ha visti diventare il filo più colorato del tessuto sociale che avvolge le comunità di cui oggi sono parte.

Moderare l’evento Andrea Mazzotta, giornalista del Quotidiano del Sud(rcs)

 

TREBISACCE (CS) – L’Accademia Musicale “Gustav Mahler” inaugura la nuova sala concerti

Domenica 21 novembre, a Trebisacce, l’Accademia Musicale Gustav Mahler, diretta del Maestro Francesco Martino, fin dal 1986, inaugura la nuova sala concerti.

Per l’occasione, è prevista, alle 16, una tavola rotonda dal titolo Musica è vita, a cui parteciperanno il Maestro Vittorino Naso, Direttore del Conservatorio Fausto Torrefranca di Vibo Valentia, con cui l’Accademia Gustav Mahler vanta una consolidata convenzione, il Maestro Francesco Perri, Direttore del Conservatorio Stanislao Giacomantonio di Cosenza, il Maestro Francescantonio Pollice, Presidente Agis Calabria, nonché Direttore Artistico Ama Calabria e il Maestro Giosuè De Vincenti in rappresentanza del Conservatorio Francesco Cilea di Reggio Calabria.

Dopo la tavola rotonda, il concerto dell’Acco Trio in concerto (Maestri Lorenzo Albanese, Gabriele Corsaro, Luca Colantonio) e le sonorità travolgenti ed emozionanti del Maestro Vito Nicola Paradiso, in un concerto che si presenta come un evento coinvolgente ed unico per la potenza evocativa dei musicisti coinvolti. 

Il momento di condivisa partecipazione, aperto al territorio nel rispetto delle regole proprie per la lotta alla diffusione del Covid-19, sarà occasione per celebrare un’importante crescita strutturale della Accademia Gustav Mahler, forte della recente conquista del bando del Conservatorio di Musica “Stanislao Giacomantonio” – Cosenza, essendo risultata tra le prime 10 realtà d’Italia ritenute idonee dallo stesso Conservatorio per produzione e didattica. 

A rendere ancora più eccezionale l’evento contribuirà una novità unica in tutta la Regione Calabria: nasce l’aula per Tecnici del Suono intitolata alla piccola Sofia Castagnaro.

Si tratta di una vera e propria regia audio multimediale munita di attrezzature professionali in grado di offrire servizi completi per quanto riguarda la produzione di opere audio e video: recording, mixing, mastering, pre e post-produzione. L’aula permette registrazioni in multitraccia fino a 32 piste registrate simultaneamente, ed è munita di microfoni e preamplificatori di altissimo livello.

Questa novità porta alla nascita di un Corso professionale per tecnico del suono, missaggio, mastering e producer. L’obiettivo del corso infatti è dare strumenti e conoscenze tecniche necessarie per l’utilizzo consapevole e creativo della tecnologia nelle applicazioni musicali, delineando il profilo di una nuova figura professionale che comprende le competenze del tecnico del suono, il produttore artistico, produttore esecutivo e manager di sé stessi.

TREBISACCE (CS) – Fino a domenica La notte rosa del Vino

Fino a domenica 11 luglio, a Trebisacce, al Miramare Palace Hotel, è in programma La notte rosa del vino, organizzato dalla delegazione  Scuola Europea Sommelier Calabria, con il presidente Francesco Pingitore un  grande evento per celebrare il vino ed i suoi protagonisti.

L’ospitalità è a Trebisacce, ridente cittadina sul mare che,  dagli anni ’70, gode di uno sviluppo economico e commerciale continuo, che è aumentato ancor di più agli anni ’90 del XX secolo fino ad oggi, trasformando radicalmente la cittadina, da paese di pescatori fino a metà del ‘900 ad un attivo centro economico-commerciale-turistico della Costa Jonica, l’unico centro dell’Alto Jonio.

Fino a domenica, dunque, saranno ospiti della delegazione calabrese le protagoniste al femminile dei webinar che, per tutto il periodo pandemico, hanno tenuto acceso i riflettori sul mondo vitivinicolo italiano. L’artista Elisabetta Rogai, famosa in Italia e in tutto il mondo, è conosciuta per avere inventato la tecnica unica di EnoArte, dipingere con il vino al posto del colore. Rimane una pietra miliare aver dipinto il Drappellone del Palio di Siena – anno 2015 – con 4 vini del territorio toscano e le sue performance live in giro per il mondo ospite di cantine per presentare le nuove annate davanti al pubblico. 

Le premiate e il programma: Judith Fabre, presidente Les Dames D’Escoffier, Stefani Marcuz, Consulente qualità Marketing, Elisabetta Rogai, artista che dipinge con il vino, Maria Ida Avallone, proprietaria di Villa Matilde, Gianna Bozzali, giornalista Viaggi del Gusto, Antonella Lombardo, viticoltrice dell’anno, Antonella Millarte, Giornalista, Valentina Cavaliere, proprietaria Tenute del Castello, Carmela Mirabelli, presidente Ammi sezione di Cosenza, Antonia Volpone, proprietaria Cantina Placida Volpone, Serena Fortugno, produttrice di Bergamotto, Maria Praino, produttrice Riso Magisa, Antonella Versace Chef E’ Hotel di Reggio Calabria, Immacolata Pedace, proprietaria del vigneto più alto d’Europa, Mihaela Cojacaru di Wine Jump Italia, saranno ospiti della tre giorni che vedrà venerdì in programma la visita alla cantina Tenuta del Castello di Montegiordano, al Castello di Federico II di Roseto Capo Spulico e la visita alla città di Trebisacce. 

Sabato incursione nel museo della liquirizia Amarelli di Rossano, poi la visita agli scavi archeologici di Sibari e la visita all’azienda Magisa, prima della serata di premazione per le donne dei webinar 2021 con piatti di ceramica artistica realizzati da Roberta Proto. 

In serata anche la degustazione di vini e prodotti tipici calabresi presso l’Hotel Palace di Trebisacce. (rcs)

TREBISACCE (CS) – Il sindaco Mundo incontra commissario Asp La Regina

Il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, ha incontrato il commissario dell’Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, e il soggetto attuatore della sentenza del Consiglio di Stato, dr. Franco Laviola

In primo luogo è stato disposto l’immediato affido dei lavori per il ripristino dei condizionatori dell’Ospedale G. Chidichimo di Trebisacce e dei poliambulatori. 

Il Commissario La Regina ha inoltre, a seguito delle sempre pressanti richieste e sollecitazioni del primo cittadino di Trebisacce, autorizzato l’attività chirurgica ambulatoriale con la presenza di un chirurgo ed un anestesista. 

Inoltre, il Commissario dell’Asp cosentina ha condiviso l’opportunità di disporre l’utilizzo immediato di tre medici internisti per consentire l’avvio delle attività ospedaliere nella divisione di medicina. 

Il Sindaco Mundo ha ringraziato il dott. La Regina e il dr. Laviola per la disponibilità, ma soprattutto per l’attenzione dimostrata verso il presidio ospedaliero di Trebisacce che sta prendendo forma nelle attività sanitarie e in quelle legate all’organico.

Infine, a giorni, dovrebbe partire la verifica statica della struttura ospedaliera, così come l’avvio della procedura per l’indizione della gara d’appalto per il ripristino delle sale operatorie, per quanto disposto dal Commissario ad acta Dott. Urbani.

«Consapevoli delle difficoltà e delle pastoie burocratiche – ha dichiarato il sindaco Mundosappiamo che tali passaggi sono importanti ed ineludibili e ci fanno ben sperare per il futuro. La nostra attenzione e il nostro lavoro sono sempre costanti e proficui oltreché propositivi, nell’interesse esclusivo delle nostre comunità e dei cittadini». (rcs)

 

TREBISACCE (CS) – Il “Giuseppe Amerise” vince il contest per lo stadio più bello

È lo stadio di Trebisacce, il Giuseppe Amerise, a vincere il contest per lo stadio «più bello, più affascinante e più colmo di significato della Calabria».

Un risultato deciso dal pubblico, che ha votato nell’arco temporale di 24 ore dalla proposta di ogni campo esprimendo il massimo gradimento per lo Stadio G. Amerise di Trebisacce.

Un successo quello ottenuto che rappresenta sicuramente un buon augurio per la ripresa dei campionati di categoria che quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia del Covid-19 hanno sofferto particolarmente.

«Un risultato che premia il nostro impegno – ha affermato il Sindaco di Trebisacce, Franco Mundo – che da sempre guarda con estrema attenzione al mondo dello Sport. Lo Stadio G. Amerise ospita da tempo l’Asd Trebisacce, realtà che ha dato al nostro territorio importanti soddisfazioni e che siamo sicuri tornerà a brillare tra le grandi realtà del mondo del Calcio di categoria. Offrire ai tanti sportivi, e soprattutto ai tifosi, una struttura di alto livello, sulla quale si stanno concentrando diversi progetti finalizzati ad ulteriori miglioramenti, era per noi una priorità sulla quale abbiamo lavorato con impegno. Tanto è stato fatto e tanto ancora faremo per lo Stadio G. Amerise di Trebisacce, per completarlo e soprattutto per dotarlo della necessaria sicurezza strutturale e per gli spettatori». (rcs)

TREBISACCE (CS) – Il Ristorante ‘La Rotonda’ riparte inaugurando un’ala del pescato

Con l’inaugurazione di un’ala del pescario, unica in tutto il circondario e che sarà esposto alla clientela, il ristorante di pesce La Rotonda di Trebisacce dei fratelli Giuseppe, Giandomenico e Federica Russo, la cui mission è la valorizzazione della materia prima locale.

Predominanti, in questa nuova ala, saranno le aragoste della Secca di Amendolara, rara varietà locale di crostacei la cui stagione della pesca inizia proprio in questo periodo, protraendosi, poi, esclusivamente per tutta la stagione estiva. Novità sarà rappresentata anche dalla carta dei crostacei che racchiuderà le migliori proposte di cruditè tra cui spiccano come sempre le ostriche francesi.
Un salto di qualità ulteriore, a dimostrazione della caparbietà della gestione di un locale emergente che punta verso nuovi traguardi. (rcs)

L’Ospedale Chidichimo di Trebisacce riaprirà: È stata deliberata la nuova riconfigurazione

L’Ospedale “G. Chidichimo” di Trebisacce riaprirà grazie alla configurazione del presidio ospedaliero approvata da Andrea Urbani, Commissario ad Acta per l’esecuzione della sentenza del Consiglio di Stato, e proposta dall’Asp di Cosenza, su indicazione del Comune di Trebisacce.

Di fatto, attraverso questo importante e risolutivo atto, sono stati definiti nel dettaglio i reparti e le funzioni di cui l’Ospedale Chidichimo si comporrà.

Nello specifico, come indicato negli allegati B e C dell’atto, vi è una previsione di 80 posti suddivisi nell’ambito dei reparti di Medicina Generale+Day Hospital (20+12 posti), Chirurgia generale + Day Surgery (12+6 posti), Lungo Degenza (10 posti), a cui si aggiungono 14 posti per Dialisi e 6 posti di sosta breve per il Pronto Soccorso, per un totale di 80 posti. Previsti Ambulatorio di Chirurgia generale, Ambulatorio di Urologia, Ambulatorio di Chirurgia Generale e vulnologia, Ambulatorio Terapia del Dolore, Ambulatorio Diagnosi e cura cefalee, Servizio di Radiologia convenzionale, Risonanza Magnetica Nucleare Aperta (Unica in tutta la provincia di Cosenza), Mammografia, Ambulatorio di oncologia medica, Ambulatorio di ecocolordoppler vascolare, Ambulatorio di Gastroenterologia ed endoscopia digestiva, Ambulatorio Malattie dismetaboliche e Diabete, Ambulatorio di Ematologia, Ambulatorio di Ecografia Internistica, Ambulatorio di Ecografia Addominale ed interventistica, Ambulatorio di Ecografia Mammaria, Ambulatorio di Ecografia Neonatale, Ambulatorio scompenso cardiaco, Ambulatorio riabilitazione cardiologica ambulatoriale minore, Ambulatorio prevenzione malattie cardiovascolari, Ambulatorio cardiologia/controllo pace maker, in un elenco esemplificativo e non esaustivo.

«Abbiamo tagliato un nuovo, importante, risolutivo traguardo – ha dichiarato con soddisfazione il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo –. Sotto il profilo burocratico, amministrativo e formale la deliberazione di Urbani, di fatto, disegna il contenuto dell’Ospedale Chidichimo ed impegna gli organi preposti a procedere agli atti necessari. Il passaggio successivo sarà la definizione del personale, ma anche qui la previsione del Commissario ad Acta parla chiaro. Sotto il profilo delle sale operatorie invece si sta procedendo tramite Invitalia, perché i fondi sono già disponibili».

«Apprezziamo – ha aggiunto – il fatto che l’Asp, nel trasmettere lo schema di riferimento della struttura abbai recepito le indicazioni del Comune di Trebisacce, segno che la nostra battaglia, da sempre portata avanti con risolutezza e decisione, ci sta permettendo di raggiungere i risultati che ci siamo prefigurati. Ancora non abbiamo raggiunto la meta ma il traguardo, cioè la riapertura dell’Ospedale Chidichimo si scorge all’orizzonte. Con l’aiuto di tutta la nostra comunità e forti della certezza che il nostro territorio ha diritto alla riapertura dell’Ospedale Chidichiamo, continueremo a lottare senza sosta fino al conseguimento dell’unico risultato che accetteremo: restituire a tutti i cittadini l’Ospedale Guido Chidichimo di Trebisacce».

«Naturalmente – ha concluso – occorrono i tempi tecnici necessari a sia per predisporre gli appalti sia per assumere il personale che sarà destinato direttamente all’Ospedale di Trebisacce. Tanto sarà specificato nei bandi di concorso. Continuiamo a lavorare cercando di essere sempre propositivi e di migliore l’offerta dei servizi sanitari».

Grande soddisfazione è stata espressa da Andrea Renne, responsabile Alto Jonio per la direzione provinciale di Italia del Meridione: «La notizia di questa riapertura è una vittoria per tutti, soprattutto per chi ci ha sempre creduto pur non illudendosi mai. Non ci siamo mai arresi a questo “scippo” e attraverso manifestazioni e missive condotte e scritte in prima persona, abbiamo voluto mantenere alta la dignità di un popolo totalmente abbandonato e dimenticato».

«Anche quando il Consiglio di Stato – ha aggiunto – aveva confermato l’obbligo al Commissario Urbani di riattivare urgentemente l’ospedale Guido Chidichimo, non mi sono lasciato coinvolgere da facili entusiasmi ma l’ho considerato un piccolo significativo passo in avanti. Considerando che il commissario più di una volta era venuto meno al mandato assegnatogli abbiamo sempre ribadito che saremmo stati vigili e attenti, denunciato ulteriori attese e ritardi. Così è stato ed oggi possiamo dire che questa vittoria è anche la nostra». (rcs)

TREBISACCE (CS) – La Caserma dei Vigili del Fuoco sarà pronta per il 30 giugno

La caserma dei vigili del fuoco di Trebisacce sarà pronta entro il 30 giugno. È quanto ha riferito il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, in occasione della visita del comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Cosenza, ing. Giuseppe Bennardo.

L’incontro era stato pianificato per concordare le modalità e il funzionamento del distaccamento dei volontari di Trebisacce, proprio in vista dell’imminente stagione estiva e della necessità di integrare il personale che è stato trasferito oppure stabilizzato negli organici dei vigili del fuoco. 

«Abbiamo accolto con favore la disponibilità dell’ingegnere Bennardo – ha dichiarato il sindaco Mundo – nonché di tutti i volontari presenti, unitamente al capo del distaccamento Pino Toscano e di Silvio Gorgoglione, già comandante del distaccamento volontario di Trebisacce attualmente in forza presso il distaccamento permanente di Rossano».

«Al comandante Bernardo è stato, inoltre – ha concluso – comunicato che la caserma dei vigili del fuoco di Trebisacce sarà pronta entro il 30 giugno, così come confermato anche dal direttore dei lavori, Ing. Pietro Golia presente all’incontro. Noi continuiamo a lavorare per la crescita della città, dare servizi ai cittadini al comprensorio e garantire sicurezza. Questa è la nostra missione, questo è il nostro obiettivo»(rcs)

TREBISACCE (CS) – Nuovi giochi nelle Scuole dell’Infanzia

Le Scuole dell’Infanzia di Trebisacce si sono arricchiti di nuovi giochi, grazie al Comune, guidato dal sindaco Franco Mundo.

«Siamo assolutamente certi e consapevoli dell’importanza del gioco nella crescita – ha dichiarato all’Assessore all’Istruzione Roberta Romanelli –. Giocando, si impara, anche a conoscere se stessi. Con il gioco, il bambino apprende e sviluppa capacità comunicative e creatività, comprende come dominare le proprie emozioni e a prendere atto della realtà esterna, instaura rapporti con gli altri, attraverso i quali può trasmettere competenze e acquisire nuove abilità. La scuola é da sempre una nostra priorità che curiamo con costante attenzione. Da ciò deriva la scelta di dotare tutti gli istituti dell’infanzia di nuovi giochi che possano stimolare la crescita dei bambini e rendere più piacevole la loro permanenza a scuola. Le nuove dotazioni verranno destinate alla scuola Collodi, alla San Giovanni Bosco, e alla De Amicis, conferendo loro un ulteriore grande valore aggiunto». (rcs)

TREBISACCE (CS) – Il Comune aderisce al progetto “Smart&Green Reward”

Il Comune di Trebisacce ha aderito al progetto Smart&Green Reward della start up Renumero srl, che consiste nella restituzione a cittadini, imprese, artigiani, professionisti, ovvero a tutti gli utenti, dell’equivalente del tributo Tari pagato l’anno precedente. 

I crediti verranno caricati sulla Remunero Card, fornita dalla start up, che potrà essere utilizzata per l’acquisto di beni o servizi solo all’interno del territorio comunale, negli esercizi convenzionati.

La premialità sarà riconosciuta a favore degli utenti che hanno pagato regolarmente il tributo, che hanno conferito correttamente i rifiuti e che quindi non hanno ricevuto sanzioni in materia ambientale.  Il tutto senza alcun onere a carico dell’ente, ma con un vantaggio importante per i cittadini e per le attività commerciali. 

L’utente Tari, riceverà la Remunero Card con l’equivalente del tributo pagato, che potrà spendere nella modalità indicata da Remunero in negozi, ristoranti e altri esercizi. Tutti convenzionati sul territorio.

Tale meccanismo, oltre che essere innovativo sotto il profilo dell’educazione al corretto conferimento dei rifiuti attraverso la premialità (e non attraverso un’attività repressiva), evidenzia come, attraverso una visione green e smart della raccolta differenziata si possano sviluppare occasioni proficue di un’economia circolare sul territorio.


«Trebisacce – ha dichiarato il sindaco Franco Mundoha da sempre un’anima green. Non per nulla ci siamo distinti sotto il profilo della raccolta differenziata, anche grazie all’attenzione e all’impegno dei cittadini. Ora è giunto il momento di premiare quell’impegno e anche l’educazione civica dei cittadini che hanno sempre pagato correttamente il tributo della Tari, con le prerogative che deriveranno dalla partnership con Remunero srl». 

«Al di là della possibilità  – ha concluso il primo cittadino – di spendere tramite l’apposita card la stessa cifra versata per il tributo Tari negli esercizi del territorio, anche sotto il profilo dei commercianti locali si registra un grande vantaggio, creando un’economia circolare interna. Prossimamente organizzeremo un incontro con i cittadini per spiegare i dettagli dell’iniziativa e per permettere all’azienda di illustrare dettagliatamente il funzionamento della Remunero Card, nonché un incontro con gli operatori commerciali per coinvolgerli in questo ambizioso e vantaggioso progetto». (rcs)