VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Martedì incontro con Carmine Abate

Martedì 21 maggio, a Villa San Giovanni, alle 18, al Parco Masci, si terrà l’incontro con Carmine Abate che, nell’occasione, presenterà il suo libro Un Paese felice, edito da Mondadori.

L’evento, il primo appuntamento della rassegna Piale Borgo in Primavera 2024, è stato organizzato dal Comitato Borgo di Piale e la Condotta Slow Food Versante dello Stretto e Costa Viola Aps.

Ad accompagnare l’autore ci saranno il giornalista Marcello Barillà e la referente regionale di “Nati per Leggere”, la bibliotecaria Tiziana Scarcella.

L’incontro con l’autore è patrocinato dai Comuni di Villa San Giovanni e Campo Calabro e sarà arricchito dagli interventi del sindaco di Villa San Giovanni, Giusy Caminiti, padrona di casa, dal Presidente del Consiglio di Villa San Giovanni Caterina Trecroci e dal sindaco di Campo Calabro, Sandro Repaci.

«Abbiamo voluto fortemente proporre un momento di incontro culturale – anno spiegato gli organizzatori Mariano Giuseppe Sofi e Cosimo Foti per il Comitato Borgo di Piale e la Condotta Slow Food Versante dello Stretto e Costa Viola APS – una “chiacchierata” con uno degli scrittori più veri e coinvolgenti della narrativa italiana. Una voce che racconta la Calabria, le sue ricchezze e suggestioni, la sua natura al tempo stesso dolce e pungente, territori aspri e ricchi.  Un ringraziamento particolare va agli amici del Parco Masci Pasqualino Pizzimenti per avere sposato con entusiasmo questa presentazione e aver deciso di ospitare questo importante evento culturale».

Carmine Abate è tra gli autori italiani più apprezzati e conosciuti in tutto il mondo. Ha esordito in Italia con Il Ballo Tondo, a cui sono seguiti raccolte e romanzi di grande successo, come Il Cercatore di Luce, Il Bacio del Pane, La Collina del Vento, La Festa del Ritorno.

Con “Un Paese Felice” racconta una storia d’amore e di speranza ambientata in un paesino felice della Calabria, destinato ad essere spazzato via per la costruzione del polo siderurgico.

“Un Paese Felice” è un’abbagliante storia d’amore e di rabbia, di destini individuali e destino collettivo, di “violenza delle memorie” e di speranza. Perché protagonisti sono due giovani conquistati dalla forza dell’utopia che lottano contro i potenti e non rinunciano a portare il loro impegno nella Storia. Attorno a loro, un coro di voci possenti e vive catturano la nostra coscienza e rendono attualissima e universale la vicenda di Eranova. (rrc)

No Ponte, Legambiente Calabria e Sicilia aderiscono alla manifestazione del 18 maggio a Villa S. G.

Ci saranno anche Legambiente Calabria e Sicilia, con i rispettivi presidenti Anna Parretta e Tommaso Castronovo, unitamente ai circoli di Legambiente Reggio Calabria – Città dello Stretto, Legambiente Messina e Legambiente Peloritani, alla manifestazione  No Ponte, in programma sabato 18 maggio a Villa San Giovanni.

«Ancora una volta, attraverso la nostra partecipazione alla manifestazione del 18 maggio – hanno detto Anna Parretta e Tommaso Castronovo – ribadiamo la nostra netta opposizione alla realizzazione di un’opera costosissima, inutile e deleteria sotto il profilo ambientale e che abbiamo definito ‘Il grande bluff’. Un’opera che non solo non risolverà i problemi di mobilità del Sud, ma sta sottraendo e continuerà a sottrarre ingentissime risorse alle vere priorità delle nostre regioni».

«Ci sono tantissimi investimenti e opere pubbliche – hanno proseguito – meno visibili mediaticamente del Ponte sullo Stretto di Messina, ma molto più utili alla collettività e all’economia del nostro Paese. Nel solo settore dei trasporti basti pensare che attualmente in Calabria il 70% dei km ferroviari è a binario unico, in Sicilia l’85%, e che, per come evidenziato nell’ultimo rapporto di Legambiente Pendolaria, le flotte regionali sono tra le più vetuste d’Italia».

«È ormai quotidiana – hanno concluso Parretta e Castronovo – l’emersione di criticità e problematiche, a partire dagli impatti ambientali messi in rilievo in diversi dossier elaborati da Legambiente e da altre associazioni che dovrebbero indurre ad un serio ripensamento del Governo italiano sull’ipotesi di costruzione del Ponte».

Legambiente ribadisce le proposte già avanzate: prima di tutto occorre migliorare il trasporto su ferro per collegare meglio le due regioni con il resto della Penisola; migliorare quello via nave con l’acquisto dei traghetti Ro-Ro (Roll-on/Roll-off) e convertire le flotte attuali in traghetti elettrici, rendere più efficienti i servizi coordinando l’offerta dei diversi servizi per semplificare gli spostamenti e gli scambi tra treni, autobus locali e regionali, traghetti; integrare tariffe e biglietti dei vari gestori, migliorando l’offerta di viaggio per i pendolari con costi minimi per le casse pubbliche.  Solo così in Sicilia e Calabria si potranno far spostare persone e merci in modo civile e da Paese moderno. (rrc)

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Momento civico: «La comunità dello Stretto tradita da interessi incomprensibili»

di MOMENTO CIVICO – Indipendentemente dalle ragioni politiche che hanno indotto il sindaco di Messina, Federico Basile, ad esprimere la sua contrarietà al Ponte sullo Stretto, la giustificazione addotta, di voler difendere un territorio che non si armonizza con l’infrastruttura, appare argomentazione plausibile e condivisibile, contrariamente a quanto avviene dall’altra parte dello Stretto, dove l’amministrazione comunale gioca sull’equivoco e sulla memoria corta della Comunità.

L’amministrazione di una città ha l’obbligo di garantire il territorio e di difenderne i residenti, indipendentemente dalle scelte del Governo ma facendo leva su tutti gli strumenti istituzionali e costituzionali che riconoscono il potere autarchico dei Comuni di amministrare i propri interessi con la stessa efficacia giuridica dello Stato.

E’ del tutto insufficiente ed anzi irrilevante la decisione di tre consiglieri comunali di dirsi contrari al Ponte sullo Stretto, quando le condotte amministrative dimostrano si sia imboccata una direzione differente: da una parte attendista e dall’altra favorevole alla infrastruttura stabile di collegamento.

Questa amministrazione è stata eletta – come ricordano le dichiarazioni iniziali – per garantire quell’ordinario che mancava, migliorando lo stato dell’arte. E quando la questione “Ponte” non era nemmeno ipotizzata. E invece di avviare da subito una interlocuzione con la città, per capirne gli umori, si è profuso impegno per frantumare ancora di più il corpo sociale e iniettare tossine, nella arcaica concezione che una città divisa potesse subire ogni sorta di nefandezza.

Arrivare fuori tempo massimo a convocare un consiglio comunale aperto sul tema, quando già tutto era stato deciso, fornisce l’indicazione chiara di un voltafaccia nei confronti della Comunità, per sostenere una parte, con ogni evidenza minoritaria che non solo ha, e sta desistendo, da qualsiasi forma di controllo finendo per drogare la democrazia ma che troppo spesso ha interpretato il ruolo di stampella della maggioranza.

Una evidenza che è stata chiara quando finalmente, con un ritardo inspiegabile, sono venuti fuori i nomi dei componenti della “commissione di studio degli atti sul Ponte”, dove campeggia il nome di professionista già componente del consiglio di amministrazione della società del Ponte che il 29 luglio del 2011 ha approvato il progetto oggi riproposto.

Non è ben chiaro se la scelta, palesemente incompatibile, sia venuta perché suggerita da parte della minoranza consiliare cui è legato oppure su indicazione della Stretto di Messina SpA, ovvero per altri oscuri motivi, ma in tutti i casi questa scelta denuncia oscure finalità del sindaco, squadra e “città in movimento”. Ma anche un voltafaccia al popolo del “no Ponte” che si rifiuta di prenderne atto. (mc)

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – La consigliera Neri soddisfatta del Documento unico di programmazione

di CATERINA NERI – Continuiamo a voler parlare alla comunità, in forma singola e associata, confrontandoci su tutto e prima di ogni cosa sul risultato finale ottenuto il 27 marzo scorso con l’approvazione consiliare della documentazione tecnica-economica in linea con il nostro mandato amministrativo, che costituisce per la Città un interesse legittimo che, con sacrificio e coerenza, vogliamo esercitare e perseguire.
Abbiamo voluto parlare alla Città per renderla edotta del compiuto lavoro svolto sin dal nostro insediamento.

Abbiamo voluto sottolineare la coerenza della nostra azione politica, espressa sin dal principio con l’approvazione delle linee programmatiche, successivamente confluite nel Dup (Documento Unico di Programmazione), che meglio sintetizza la nostra visione strategica ed operativa di lungo periodo.

Ci siamo posti in netta discontinuità con il passato, consapevoli delle difficoltà ereditate, perché sostenuti da una visione comune di Città che, dapprima, doveva essere affrancata dal dissesto finanziario dichiarato nel 2021 e, successivamente, aveva necessità di recuperare dignità e fiducia nel proprio futuro.

All’approvazione della documentazione confluita nel Dup e nel bilancio di previsione 2024-2026 siamo giunti dopo il parere positivo espresso dalla Commissione bilancio e dal Revisore dei conti: ogni singolo passaggio, infatti, è stato suffragato dalla competenza e dalla professionalità del lavoro di analisi e di approfondimento svolto dal nostro assessore al bilancio dott. Sergio Giordano di concerto con la responsabile del Settore economico finanziario dottoressa Arena.

Del resto la nostra vocazione all’innovazione emerge da tutti gli atti e da tutti i fatti politico-amministrativi che stiamo mettendo in campo: ne è prova l’approvazione di un progetto apripista, rispettoso delle Linee Guida della Regione Calabria, pensato per elevare gli _standard_ di vivibilità della nostra Città, attraverso un servizio di raccolta dei rifiuti e di pulizia delle strade cittadine senza precedenti.

Quali amministratori di questa Città abbiamo approvato la propedeutica documentazione di gara intendendo dimostrare l’apprezzamento e il pieno sostegno per il lavoro sinergico svolto dall’assessore Ruggero Marra e dall’architetto Salvatore Foti.

L’approvazione unanime della documentazione predisposta dal Responsabile dell’ufficio tecnico, dapprima nelle commissioni congiunte (Bilancio-Territorio) e successivamente nel civico consesso, costituiscono l’epilogo silente di un profondo lavoro di analisi tecnico-amministrativa per l’avvio di un appalto specifico, calibrato per le necessità villesi.

Sono questi gli obiettivi e i servizi pubblici essenziali di valenza sociale che approviamo per la nostra Città affinché, nell’interesse di tutti, sia aggiunto un piccolo tassello al senso civico che stiamo costruendo e, al contempo, sia riconosciuta un’occasione di riscatto delle competenze e delle professionalità espresse dal nostro Ufficio Tecnico.

Tante altre sfide saranno già domani: penso al consiglio comunale aperto sul ponte, rispetto al quale saremmo coerenti con il metodo adottato sin dal giugno 2022 e consequenziali rispetto ad esso. (cn)

[Caterina Neri è consigliera comunale a Villa San Giovanni e presidente commissione Affari generali]

L’OPINIONE / Vincenzo Calabrò: Le azioni del Comune di Villa S. G. contro inquinamento elettromagnetico

di VINCENZO CALABRÒ  – Il tema dell’inquinamento elettromagnetico è un argomento ormai molto sentito e discusso, soprattutto a partire dagli ultimi 10 anni ad oggi, a cui quest’amministrazione comunale vuole porre una particolare attenzione.

Sin dal nostro insediamento, In tutti questi mesi, abbiamo studiato e programmato, ci siamo confrontati con vari esperti tra cui il dott. Ferdinando Laghi che, con l’approvazione all’unanimità della legge regionale, ha concepito uno strumento forte da utilizzare, per progettare un regolamento comunale inattaccabile dagli uffici legali delle grosse aziende di telefonia, e/o richiedenti l’installazione di antenne di trasmissione dati, offrendo ai comuni uno strumento di programmazione  studiato per evitare facili ricorsi.
Abbiamo deciso di mettere nel bilancio previsionale 2024 le somme necessarie per progetti, misure e monitoraggi, affidando le attività di supporto nella gestione delle tematiche relative ai campi elettromagnetici ambientali, per garantire all’ente ma soprattutto ai cittadini un supporto prolungato e costante su tutte le problematiche legate al piano di telefonia mobile ed alla gestione di ogni criticità.
L’obiettivo è fornire servizi di alta qualità sulla pianificazione comunale delle reti per telecomunicazioni, anche attraverso una particolare cura nell’aggiornamento continuo, tecnologico e normativo.
Lavoreremo ad una carta dei servizi che preveda:  Analisi documentale. Formazione del quadro conoscitivo aggiornato degli impianti esistenti, stesura del catasto comunale degli Implanti contenente per ogni installazione tipologia di tecnologia esistente, e progetto radio elettrico autorizzato, analisi della documentazione tecnica relativa alle pratiche di ogni singolo impianto gia presente o in stato di richiesta già depositata.
E, ancora, Elaborazione: Impatto elettromagnetico dello stato di fatto, simulazione e rappresentazione 3D degli elaborati grafici e cartografici del risultati relativi al carico elettromagnetico gravante al momento sul territorio e dovuto agli impianti esistenti; Programmazione: Acquisizione del programmi di sviluppo da parte di tutti gli operatori, inclusi i concessionari di licenza per la diffusione della banda larga; analisi della situazione territoriale in funzione delo sviluppo del Piano e rappresentazione in mappa delle possibili soluzioni per lo sviluppo delle reti per ognuno degli operatori.
 Integrazione delle elaborazioni: A partire dai programmi che gli operatori hanno sul territorio, calcolo e rappresentazione 3D sullo scenario territoriale completo dei valori di impatto elettromagnetico determinato sia dagli Impianti esistenti che da quelli di progetto Ipotizzati; comparazione delle elaborazioni e rappresentazioni 3D anche per tutte le ipotesi alternative possibili ad ogni richiesta avanzata dagli operatori.
Redazione della Mappa completa degli impianti ed estrazione di tutte le mappe di rete in formato shp file o altri formati compatibili con gli strumenti utilizzati dagli uffici.
Documenti tecnici: Redazione delle relazioni tecniche di consuntivo contenenti tutti gli elaborati relativi alle simulazioni di impatto elettromagnetico, necessari all’approvazione del Piano in Consiglio Comunale.
Documento relativo al Regolamento di attuazione del Piano; aggiornamenti successivi, al progetto e relativa documentazione, con cadenza annuale; assistenza per le presentazioni nelle sedi istituzionali indicate, attraverso strumenti informatici (Commissioni, Giunta, Consiglio Comunale, assemblea civica).
Definizione del quadro conoscitivo generale: Analisi aggiornata dello stato di fatto con censimento comunale degli impianti di telefonia mobile: raccolta dati radio elettrici di tutti gli impianti esistenti, importazione di tutti i progetti esistenti nei simulatori con specificazione delle caratteristiche tecniche e delle tecnologie utilizzate, mappatura delle reti divise per ogni singolo gestore.
Calcolo e rappresentazione dei valori di impatto elettromagnetico previsionale in 3D, sullo scenario territoriale, derivante dagli impianti esistenti e note di commento ad eventuali criticità. Predisposizione della modulistica per la richiesta ai gestori delle aree di copertura e piani di sviluppo.
Raccolta ed Analisi dei nuovi piani di sviluppo di ognuno dei gestori e sovrapposizione alle mappe di rete degli operatori.
Ricerca, su indirizzi forniti dall’Amministrazione, dei siti idonei ad ospitare nuovi impianti o potenziamenti di quelli esistenti ed effettuazione dei calcoli di impatto elettromagnetico per le diverse soluzioni.
Individuazione delle soluzioni e rappresentazione dei valori di impatto elettromagnetico previsionale in 5D, sullo scenario territoriale, a partire dai livelli esistenti ed integrati con le emissioni previste per i nuovi potenziali impianti.
Estrazione di mappe tematiche ni formato shp file. Stesura e predisposizione della documentazione tecnica di consuntivo. Presentazione preliminare all’Amministrazione di tutte le eventuali ipotesi alterative (con le condizioni esposte in premessa). Stesura di documentazione tecnica di consuntivo su supporto informatizzato. Assistenza nella gestione amministrativa del Piano e supporto all’aggiomamento/integrazione al Regolamento comunale per la disciplina dei procedimenti. Supporto nelle relazioni con gli operatori.
Un obiettivo programmato e finanziato è chiaramente un obiettivo politico, che arriva a concretizzarsi nel nostro primo bilancio di mandato, segno della sensibilità al tema e all’interesse ad un metodo diverso nella trattazione e risoluzione di ogni problema che interessa la nostra Comunità. (vc)
[Vincenzo Calabrò è consigliere comunale con Delega alla Prevenzione e Inquinamento]

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Ripartono i lavori sul Lungomare

È stato sottoscritto il verbale di consegna in uso del lungomare di Villa San Giovanni quale bene demaniale marittimo per una superficie complessiva di mq. 15.495. Tale verbale, sottoscritto dall’ammiraglio Giuseppe Sciarrone, capo del compartimento marittimo di Reggio Calabria, in rappresentanza dell’Amministrazione Marittima e dal sindaco Giusy Caminiti, ha l’obiettivo di effettuare lavori di restyling, che hanno come stazione appaltante Rfi.

Una situazione particolarmente incresciosa di cui l’amministrazione è venuta a conoscenza quando nei mesi scorsi si è trovata a dover consegnare la seconda parte del lungomare per completare i lavori parzialmente conclusi a luglio 2023, come da accordi con Rfi. Nello specifico, la concessione del lungomare era scaduta il 31 dicembre 2017 e l’ente aveva un arretrato importante nei pagamenti con l’Agenzia del Demanio, risalendo l’ultimo pagamento al 2014.
In questi mesi abbiamo dovuto istruire l’iter per ottenere la consegna finalizzata al completamento dei lavori che ci porterà (una volta ultimata la riqualificazione del lungomare) alla cosiddetta autoconcessione come prevista per legge. Contestualmente l’ente si è insinuato nella massa passiva dell’Osl (organismo straordinario di liquidazione) per i canoni concessori non pagati fino al 31.12.2020; abbiamo dovuto sanare gli arretrati per il 2021, 2022 e 2023 maggiorati di sanzioni per occupazione sine titulo.
Finalmente da domani si potrà pensare alla ripresa dei lavori sul lungomare di città: non abbiamo mai negato che il problema era e rimane di circa 300 m del tratto di lungomare compreso tra la chiesa di Pezzo e l’ex ristorante “Boccaccio” che dovrebbero essere il luogo del pilone del ponte. Ma la restante area potrà essere completata in maniera tale da poter comunque permettere il godimento da parte dei cittadini. Domani dovremo comunque verificare rispetto ai tempi la possibilità di riaprire il cantiere, senza compromettere la fruizione del lungomare nella stagione estiva, quindi già dal prossimo mese di luglio.
Cantiere rispetto al quale siamo chiaramente in ritardo: avevamo garantito alla città che i lavori sarebbero ripresi nello scorso autunno ma quanto accaduto ha reso ciò impossibile. Adesso, verificati i tempi che ci darà Rfi, saremo nelle condizioni di decidere se chiedere da subito la ripartenza dei lavori con smobilitazione del cantiere per il prossimo mese di luglio o, viceversa, rinviare l’apertura dello stesso cantiere al prossimo autunno. (rrc)

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Il delegato Bevacqua: Importanti risultati su erosione costiera e ripascimento

Rocco Bevacqua, delegato di Cannitello e delegato all’erosione costiera di Villa San Giovanni, ha reso note le novità in merito al lavoro attuato dall’Amministrazione comunale di Villa San Giovanni, guidata dalla sindaca Giusy Caminiti.

«La riunione in Prefettura della scorsa settimana – ha spiegato – convocata dalla dottoressa Antonella Surace con tutti gli Enti preposti (Regione Calabria, Città Metropolitana, comune di Villa San Giovanni e Capitaneria di Porto) ha sancito la correttezza dell’impostazione che quest’amministrazione si è data sin dall’inizio sul tema erosione costiera e ripascimento: sarà completato l’intervento tampone dei 400mila euro assegnato al comune; è stato riprogrammato il finanziamento del milione e ottocentomila euro di cui è beneficiaria Città metropolitana; la regione si si è impegnata a reperire un finanziamento per gli studi dell’intera unità fisiografica, indispensabili a programmare e progettare qualunque tipo di intervento».
«In prefettura il 26 marzo è stato riconosciuto che quest’amministrazione sta intervenendo con serietà – ha evidenziato –: il finanziamento del milione ed ottocento Mila euro dato a città metropolitana aveva scadenza al 31/12/2023 ed andava riprogrammato, cosa che la regione ha fatto nei fondi FSC che sono già al vaglio del Cipess dopo l’accordo siglato dal governatore Occhiuto e dalla Presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Quel finanziamento non è stato speso e perciò nulla si poteva fare adesso se non riprogrammarlo. Chi dice e scrive il contrario ignora le fondamenta di quella linea di finanziamento: averne ottenuto la riprogrammazione dimostra, invece, come ci sia alta sensibilità istituzionale sul problema che vive il nostro abitato e la nostra costa».
«In Prefettura l’Ente ha chiesto ed ottenuto dalla Regione Calabria – ha proseguito – l’impegno al finanziamento per lo studio dell’intera unità fisiografica, che ad oggi mai è stato compiuto.  La Prefettura ha fatto i complimenti a questa amministrazione per l’operatività e l’attenzione che ha su questa tematica, agendo concretamente sulla problematica, come è stato fatto con la sistemazione idraulica del torrente Zagarella, che ha prodotto un ripascimento sul tratto di costa a Sud del torrente, riportando nella zona erosa la costa al metraggio originario di quel tratto pari a circa 20 metri. Abbiamo chiesto sempre nello stesso tavolo di far ‘parlare’ il progetto da 1,8 ml di euro con quello redigendo a valere sul finanziamento di 2.5 milioni di euro sul dissesto idrogeologico (scheda progettuale presentata dal nostro ufficio tecnico nel novembre 2022), che sarà concentrato nei tre torrenti a nord Santa Trada, Piria e Zagarella, in modo particolare alla fiumara Santa Trada».
«Sul Santa Trada si farà lo studio di tutta la fiumara – ha illustrato – dalla parte a monte fino al mare, con il ridisegno idraulico, la sistemazione degli argini, delle strade laterali e si penserà anche ad un attraversamento sicuro del torrente. Gli argini saranno rifatti in maniera preventiva rispetto ad un eventuale alluvione, in modo che tutto sia in sicurezza. Questa sistemazione idraulica della fiumara Santa Trada, darà aiuto al ripascimento della costa, visto che riprenderà il trasporto del materiale solido sulla costa, quindi ritornerà alla sua funzione originaria di trasporto solido. Questo finanziamento è stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche: i tempi sono l’acquisizione del progetto entro maggio, entro agosto la gara d’appalto e per fine ottobre l’inizio lavori».
«Nello stesso ragionamento – ha detto ancora – è stato pensato ed approvato il Dip su Cannitello, che prevede la messa in sicurezza dei compluvi idraulici. Il documento ha l’obiettivo di annullare un eventuale squilibrio idraulico che comporterebbe problematiche all’edificio scolastico e agli impianti sportivi. Il tutto riqualificando l’intorno creando spazi verdi attrezzati, la sistemazione della parte sportiva ed un collegamento mare monte e la messa in sicurezza delle strade presenti».
«La nostra politica ha un occhio di riguardo verso l’ambiente – ha concluso –. Lo stiamo dimostrando rispetto al problema dell’erosione e continueremo in ogni intervento che programmeremo e realizzeremo in questo mandato». (rrc)

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Predisposto il capitolato per gestione urbana dei rifiuti

Ruggero Marra, assessore con delega ai servizi di Villa San Giovanni, ha reso noto come «dopo l’atto di indirizzo degli scorsi mesi, gli uffici hanno predisposto quello che sarà il capitolato per quanto concerne la gestione dei rifiuti urbani e il servizio di spazzamento e cura del verde pubblico».

«Siamo convinti – ha spiegato – che questo progetto segnerà un nuovo inizio per la nostra città che deve aspirare, nel giro di poco tempo, ad essere modello di riferimento per quanto riguarda le buone pratiche in materia ambientale.
Sono tante le novità che verranno introdotte dopo l’aggiudicazione della gara, che danno il senso di quanto ci siamo spesi in questi mesi per dare ascolto alle varie richieste che venivano dai nostri cittadini».
«L’obiettivo è quello sempre dichiarato – ha ribadito –: riciclare, recuperare, riutilizzare e soprattutto puntare a produrre sempre meno rifiuti. Come? Riduzione della frazione indifferenziata (il passaggio avverrà ogni 15 giorni); acquisto nuove forniture di mastelli (non vengono sostituiti dal lontano 2012); doppio calendario (utenze domestiche e utenze commerciali); ⁠incremento del servizio di spazzamento (verranno aumentate le ore portando tutti i contratti dei lavoratori da part-time a full time; pulizia dei cimiteri (ogni 15 giorni); cura verde pubblico e parchi; incremento pulizia spiagge (con pulizia sistematica anche d’inverno); – ⁠lavaggio strada; app per varie comunicazioni da parte dell’utente».
«Tra le novità significative e sostanziali – ha proseguito – ci sarà l’isola ecologica, annunciata mesi addietro, che verrà inaugurata in concomitanza con la partenza del nuovo servizio. All’interno della stessa, oltre a poter conferire i rifiuti, ci sarà uno spazio dedicato per il recupero e il riutilizzo di materiali che verranno lasciati in uno spazio apposito dai cittadini e potranno tornare utili ad altri cittadini, sempre nell’ottica di mandare meno materiale possibile in discarica».
«Nel quartiere di Cannitello verrà, invece – ha detto ancora – sperimentato un servizio di raccolta misto: alla tradizionale raccolta “porta a porta” delle frazioni umido e indifferenziata, verrà data la possibilità di conferire plastica, carta e vetro presso dei cassonetti stradali intelligenti, solo ed esclusivamente per i residenti del quartiere. Un’altra novità importante sarà senza dubbio la tariffazione puntuale, che permetterà ai cittadini virtuosi di avere risparmi importanti sulla tari».
«Sarà, inoltre – ha spiegato –  implementato il servizio di controllo del territorio che ha visto in questi mesi le guardie per l’ambiente impegnate sia sul fronte della prevenzione che su quello della repressione con numerosi verbali elevati per infrazioni commesse da cittadini e operatori economici. Siamo convinti che, grazie a questo nuovo progetto, la nostra città riuscirà a porsi traguardi ambiziosi sia in termini di raccolta differenziata (abbiamo l’obbligo di raggiungere il 65% entro il primo anno e arrivare all’80% negli anni successivi) sia in termini di decoro urbano, avendo inserito servizi specifici mai esistiti prima in città».
«Ci prese sottolineare l’attenzione prestata nei confronti dei lavoratori – ha concluso – che si vedranno riconosciuto quanto previsto dai Ccnl. Ricevere i complimenti delle organizzazioni sindacali per il lavoro svolto ci riempie di orgoglio. Nei prossimi mesi partiremo con una campagna di comunicazione che punta a rendere protagonisti di questo cambiamento i nostri cittadini che finalmente avranno gli strumenti giusti per poter contribuire ad avere una città bella, vivibile e pulita». (rrc)

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Il Consiglio comunale approva il Documento Unico di Programmazione

Il Consiglio comunale di Villa San Giovanni ha approvato il Documento Unico di Programmazione, «al quale lavoriamo – ha spiegato la sindaca Giusy Caminiti –  da quando abbiamo redatto in campagna elettorale il programma, poi trasformato nelle nostre linee di mandato approvate il 30 settembre 2022».

«Forse fin qui – ha aggiunto – abbiamo dato alla città l’idea che stavamo lavorando sulle emergenze e solo sui problemi imminenti e sulla loro risoluzione, quando invece c’è stato tantissimo impegno preparatorio in questi 21 mesi: e oggi se riusciamo a dire che il Dup solo formalmente segna l’inizio del mandato è perché di fatto noi abbiamo già messo in atto tanto. Abbiamo lavorato tutti dal primo giorno nel cercare di realizzare un’empatia tra il modo in cui abbiamo sempre visto questa città e il modo in cui la volevano amministrare».

«Noi ci siamo presentati alla città senza fare grandi promesse – ha ricordato –: abbiamo detto ci saremmo impegnati per uscire dal dissesto e lo abbiamo fatto; abbiamo promesso che un modo diverso di amministrare era possibile, un modo partecipato, trasparente, condiviso, in cui la parola d’ordine doveva essere ‘visione di città’. E non c’è stato un solo giorno in cui non abbiamo lavorato per rendere possibile una visione di città diversa: non ci sentiamo gli amministratori del post dissesto, ma quelli dell’anno zero».

«Questo è il nostro primo Dup – ha sottolineato –, ma viene in continuità con tutto ciò che abbiamo fatto fino ad ora: risultati già raggiunti e dai quali si riparte grazie alla possibilità di avere un primo bilancio che ci supporterà nell’azione. Su tutto abbiamo gettato le basi: gli obiettivi di ciascuna macroarea delle linee programmatiche sono tutti in itinere. A cominciare dai regolamenti (cittadinanza attiva, utilizzo dei beni condivisi) al bilancio partecipato 2025, ai consigli comunali aperti (il prossimo, appena saranno pronte le carte, quello sul ponte); ottenuti i finanziamenti per gli strumenti digitali semplificati e per i servizi delle politiche sociali; presentato un ‘bilancio Ambito 14’ e quasi concluse le stabilizzazioni dei lavoratori per strutturare in maniera organica le politiche sociali di ben 13 comuni».
«Ma il sociale per noi è di più, è tutto – ha sottolineato ancora – i servizi sono il primo banco di prova per una Città civile e sociale, perché una città che non ha i servizi essenziali, che non ha spazi aperti al pubblico, che non riesce a vivere i suoi parchi e le sua spiagge, i suoi impianti sportivi, non ha spazi di socialità».
«Il nostro bilancio ha un’impostazione differente – ha proseguito il primo cittadino –: prima i bisogni dei cittadini, reperendo fondi per disabili, anziani, necessità genitoriali e familiari, rafforzando i servizi sociali (ottenuti finanziamenti per spiagge accessibili, esigenze disabili, anziani, superamento marginalità sociale, assistenza specialistica e domiciliare, progettazione Peba), costituendo il garante dei diritti dei disabili (oltre il garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza)».
«Ma c’è molto altro in questo Dup, è in questo previsionale – ha detto ancora la sindaca Caminiti –: la valorizzazione del patrimonio comunale a fini sociali e culturali (l’ex scuola di Porticello sarà oggetto di richiesta di finanziamento; l’ex guardia di finanza a Cannitello non sarà più venduta a terzi; l’ex Isa sarà riqualificata con un pnrr; l’ex mattatoio nel suo esterno è già centro di aggregazione culturale; il salone del baseball Powell sarà attrezzato a sala riunioni adeguata; i beni confiscati avranno presto un regolamento e poi chiederemo finanziamenti a valere sui Por 24/27);  il potenziamento dei servizi socio sanitari con il poliambulatorio prossimo hub territoriale per nuova assistenza di prossimità; le azioni messe in campo per il potenziamento dei servizi socio sanitari; le azioni di programmazione per il nostro poliambulatorio;  ⁠la tutela ambientale: con la programmazione delle risorse del decreto di emergenza ambientale, dando priorità all’area di parcheggio di via Mazzini e, nei prossimi giorni, siamo nelle condizioni di indire la manifestazione d’interesse per i servizi relativamente all’autoporto. Un lavoro che si è fatto in tutti questi mesi per arrivare pronti al nostro primo piano triennale opere pubbliche. Ma anche i 2,5 ml di euro per il dissesto idrogeologico dei tre torrenti a nord perché il progetto si parli con quello sul riparcimento già in atto».
E, ancora, «⁠le somme in bilancio per tutta la pianificazione della città: Peba (piano eliminazione barriere architettoniche), PUT (piano urbano del traffico), piano spiaggia, Piano strutturale comunale; abbiamo tenuto conto di tutte le richieste dei cittadini: verifica della potabilità dei pozzi comunali, potatura, pulizia cunette e caditoie, pubblica illuminazione, segnaletica orizzontale e verticale, stadio, manutenzione edifici scolastici, archivio, biblioteca, cultura, legalità e turismo (poca cosa, ma che dà il senso del cambio di passo), lettura contatori di tutta la Città (per andare incontro ai villesi e combattere l’evasione), sostituzione gratuita su due annualità dei contatori con difetti di fabbrica».
«Abbiamo lavorato fino ad oggi senza soldi – ha concluso – ma con impegno personale e di gruppo, fantasia e creatività. Oggi diamo il senso delle scelte fatte in questo primo risicato bilancio previsionale: la coperta è stata corta ma abbiamo agito per rispondere alle esigenze primarie della città, nel pieno rispetto del mandato amministrativo ricevuto per rendere la città normale e vivibile. Adesso ci auguriamo che cittadini, partiti, associazioni e movimenti si impegnino a valutare le azioni e si confrontino con un’amministrazione che vuole essere interprete dei bisogni di tutti per far sì che ciascuno si riappropri del senso di comunità». (rrc)

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Le precisazioni della presidente Trecroci sull’ultimo consiglio comunale

di CATERINA TRECROCI – L’assumere un ruolo istituzionale in un consesso democratico determina il divenire amministratori di democrazia, fedeli e rispettosi dell’istituzione.

Per essere efficaci in qualsiasi ruolo e’ indubbio sia necessario conoscere e comprendere a fondo ciò che il ruolo assunto responsabilmente e legittimamente richiede.

Se è vero che il Presidente del consiglio nella sua carica istituzionale è organo di garanzia che _deve ispirarsi a criteri di imparzialità, rappresentando l’intero Consiglio comunale_, il fine prioritario e’ quello di assicurare l’esercizio delle funzioni allo stesso attribuite dalla legge e dallo statuto e provvedere ad un proficuo funzionamento dell’assemblea.

Al medesimo modo, legge, statuto e regolamento attribuiscono ai consiglieri comunali diritti e doveri da cui discende una responsabilità di funzione che deve essere supportata da studio, impegno e governo costante delle attività ad essi attribuite.

Importante altresì evidenziare la necessità di una leadership richiesta in tale esercizio a ciascun consigliere riconosciuta dagli elettori e che deve accompagnare scelte e azioni, nella decisa volontà di risolvere problemi e disagi dei cittadini.

Da quest’assunzione, ben si comprende come un’autosospensione dai lavori delle commissioni dei consiglieri di Forza Italia, alla vigilia di un Consiglio comunale strategico, dovrebbe essere fondata su gravi e insolubili circostanze ed aperta ad azioni tese alla risoluzione, al fine di evitare una così grave abdicazione al proprio ruolo.

Pur tuttavia, nonostante la «ferma decisione politica» così rappresentata prima alla stampa e successivamente a questa presidenza, ciascun consigliere e’ stato regolarmente convocato in ciascuna delle sedute delle commissioni che senza sosta si sono susseguite.

Era doveroso portare a compimento un prezioso e lungo lavoro che avrebbe assicurato uno dei più importanti risultati di questo mandato.

A nulla e’ valso ogni sforzo e una lunga sospensione dei lavori nel tentativo di riportare in aula l’intera assise, disposta a riesaminare atti e riprendere i lavori senza soluzione di continuità.
Dunque una ripresa dei lavori consiliari, con la sola presenza dei consiglieri di maggioranza, non a motivo di una presunta inagibilita’ democratica, ma a motivo di un contemperamento di diritti e doveri e di una personale rinuncia dei consiglieri di Forza Italia.

Non si poteva accondiscendere a un rinvio del Consiglio comunale compromettendo il lavoro di chi non vi si era sottratto con sacrificio, mettendo a rischio il rispetto di scadenze improrogabili come il Progetto per il servizio integrato di raccolta, trasporto avvio a recupero e smaltimento ed il bilancio di previsione 2024 – 2026 che finalmente restituisce regolarità all’azione amministrativa dopo lunghi anni di difficoltà ante e pre dissesto. Tale e’ la responsabilità del Presidente del Consiglio: valutare e contemperare diritti, doveri, urgenze, nella tutela della dignità di ciascun consigliere di maggioranza e di minoranza e dell’intero Consiglio comunale, sempre al fine di restituire risposte adeguate alla cittadinanza. (ct)

[Caterina Trecroci è presidente del consiglio comunale di Villa San Giovanni]