Il Tito Minniti guarda all’utenza messinese: Si valuta un collegamento diretto col molo peloritano

Valutare la possibilità di un collegamento diretto dal molo peloritano all’aeroporto “Tito Minniti”. È stato questo il fulcro dell’incontro svoltosi al Porto di Messina tra i sindaci f.f. della Città Metropolitana di Reggio e del Comune di Reggio, rispettivamente Carmelo VersacePaolo Brunetti, il presidente dell’Autorità Portuale dello Stretto, Mario Mega il dirigente del settore Trasporti della Regione, Giuseppe Pavone, il vicesindaco di Messina, Salvatore Mondello e l’amministratore unico della Sacal, Marco Franchini.

A margine dell’incontro, Carmelo Versace, ha parlato di «momento proficuo ed utile per accorciare le distanze nell’area metropolitana dello Stretto». «Abbiamo verificato le condizioni che, da qui al primo novembre – ha spiegato l’inquilino di Palazzo Alvaro – potrebbero portare grossi benefici per l’utenza messinese che ha in programma di partire per Roma e Milano da Reggio Calabria. Per questo, sono stati messi in luce diversi aspetti operativi che, nelle prossime settimane, verranno illustrati alle comunità siciliana e calabrese».

«Il dato fondamentale – ha aggiunto – è che si sta facendo di tutto affinché possa diventare più agevole il transito fra le due sponde e permettere, finalmente, una fruizione più semplice possibile del “Tito Minniti”. Ovviamente, queste attività propedeutiche al rilancio dell’aeroporto dello Stretto assumono un’importanza fondamentale, anche in vista dell’attività volitiva aggiuntiva dei tre collegamenti con Verona, Bologna e Torino in previsione per marzo 2023».

«Le riflessioni fatte direttamente sul posto – ha concluso Versace – diventeranno oggetto di uno specifico approfondimento al tavolo tecnico organizzato per la prossima settimana».

Anche il sindaco facente funzioni di Reggio Calabria, Paolo Brunetti, ha sottolineato l’importanza del sopralluogo odierno: «Ci stiamo concentrando sulla possibilità di dimezzare i tempi di attraversamento dello Stretto».

«Questa iniziativa – ha concluso Brunetti – segna l’avvio di un processo destinato ad affrontare, concretamente, le necessità dei pendolari. Se di aeroporto dello Stretto dobbiamo e vogliamo parlare, inevitabilmente si deve agevolare l’utenza messinese nel poter usufruire di un servizio di vitale importanza per entrambe le comunità». (rrc)

LA LETTERA / Domenico Francesco Richichi: Nessuna restrizione è stata tolta dal Tito Minniti di Reggio

di DOMENICO FRANCESCO RICHICHI – Esimio Presidente Roberto Occhiuto, Egregio Onorevole Francesco Cannizzaro, mi rivolgo a Voi perché sto verificando il vostro impegno per il rilancio dell’Aeroporto dello Stretto. Ho letto sulla stampa che le limitazioni sull’Aeroporto di Reggio sono state eliminate. Mi permetto di fare presente che tale comunicazione, che, pure, apre alla speranza il cuore a tanti reggini, e non reggini, risulta esagerata perché, a persone competenti sull’argomento appaiono e sono, assolutamente, prive di fondamento. Nessuna restrizione è stata tolta.

Vi è, soltanto, l’impegno di Enac a passare l’aeroporto, ai sensi della norma Easa 965, dalla classe C alla classe B. È solo un impegno e non è gratis. Infatti nella dichiarazione, si dice: “ora Sacal dovrà adoperarsi per realizzare interventi che portino ad una revisione delle restrizioni”. Nei fatti bisognerà progettare, da parte di Enav, una nuova procedura più sicura che consenta di abbassare le minime (visibilità, altitudine, condizioni meteorologiche ecc.) con costi, enormi, a carico di Sacal che dovrà procedere alla sua realizzazione. In breve, il cambio di categoria è cosa positiva ma comporterà ulteriori incombenze per garantire la sicurezza dei voli

Le restrizioni se, e quando, verranno tolte – prosegue – avranno una loro ufficialità con la emissione di un “notam” e devono essere riportate sull’a.i.p. Italia, unico organo accreditato. Ci vorranno, comunque, anni. Negli anni in cui sono stato Assessore nella città di Reggio Calabria con deleghe all’urbanistica e alle problematiche dell’Aeroporto, si è affrontata, con successo, la delicata condizione della sicurezza dei voli che sta alla base delle regole emanate da ENAC. In atto l’ottemperanza alle disposizioni ENAC permette l’attività volativa. Di seguito limitazione al volo esistenti”.

Sull’aeroporto “Tito Minniti”, oltre quella del “volo a vista”, la tipologia di traffico consentita è quella dei “voli strumentali” (sostanzialmente i voli commerciali) da effettuarsi con alcune restrizioni.

  • Restrizione 1: L’aeroporto non ha piste classificate strumentali ovvero, si opera in totale assenza dell’ausilio di strumentazioni tali da consentire avvicinamenti e decolli in maniera automatizzata.
  • Restrizione 2: A causa di ostacoli naturali ed artificiali (costruzioni), le procedure, nel tratto finale hanno le seguenti limitazioni:

– la pista principale 15/33 è utilizzabile lato RWY33 (avvicinamento da Pellaro), con una pendenza della superficie di avvicinamento 1:30; raggio nominale della curva di avvicinamento finale 3070 mt. Da tali situazioni morfologiche scaturisce l’obbligo di addestramento specifico degli equipaggi.

– la pista principale 15/33, lato RWY15 (avvicinamento da lato Sbarre), a causa di ostacoli foranti la superficie di avvicinamento ha il punto di contatto retratto di 254 mt, rispetto la soglia, con conseguente diminuzione della lunghezza (LDA) disponibile per gli atterraggi (la lunghezza della pista da 2100 metri si accorcia a 1850 metri.). La particolare condizione morfologica delle aree e della infrastruttura, ha portato le piste dello scalo a poter essere utilizzate solo con procedure di avvicinamento di non precisione.

  • Restrizione 3: Per la pista principale, è in vigore una restrizione emessa da Enac che interessa gli equipaggi: “le compagnie di trasporto pubblico passeggeri (trasporto con più di 9 passeggeri) sono autorizzate ad operare su Reggio Calabria solo se:

– abbiano ricevuto permesso, dalle competenti autorità, ad effettuare avvicinamenti su Reggio del tipo “non stabilizzati” (no ILS)

– abbiano stabilito un programma di istruzione specifico per la qualificazione del pilota responsabile, comprendente un briefing a terra e la familiarizzazione, in volo, tramite ricognizione e/o addestramento adeguato (compreso eventuale simulatore);

– sia assicurata la presenza di un comandante responsabile del velivolo, in possesso di adeguata esperienza, ovvero vanti, almeno, 100 ore volo e 10 tratte, effettuate negli ultimi 120gg consecutivi;

– mantengano la qualificazione per gli avvicinamenti a Reggio conseguibile attraverso almeno un decollo, un atterraggio ed un avvicinamento ogni12 mesi.

Certo che continuerete nell’impegno per l’aeroporto reggino che necessita di limpida verità, oltre che di finanziamenti. (dfr)

[Domenico Francesco Rechichi è già assessore comunale di Reggio Calabria con deleghe all’Aeroporto e all’Urbanistica]

Aeroporto di Reggio: 31 mln per infrastrutture e collegamenti

Importanti novità sono emerse per l’Aeroporto di Reggio Calabria: 13 mln saranno stanziati subito, mentre poi altri 31 saranno destinati a infrastrutture e collegamenti. È quanto è emerso dal tavolo di lavoro convocato dalla Regione Calabria relativo agli oneri di servizio finalizzati a sostenere nuovi collegamenti verso destinazioni non servite. 

Il tavolo, convocato dalla Regione Calabria, si inquadra nell’ambito dell’Accordo per l’Istituzione dell’Area Integrata dello Stretto stipulato fra le Regioni Calabria e Sicilia e le Città Metropolitane.

Il tavolo ha visto la partecipazione dell’Amministratore Unico della Sacal, Marco Franchini, che ha ospitato la riunione e del Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto, Mario Mega. 

La Regione Calabria e le Città Metropolitane erano rappresentate, oltre che dai propri delegati tecnici, anche dai vertici delle Amministrazioni: il vicepresidente della Giunta regionale Giusi Princi, i sindaci metropolitani di Reggio Calabria e Messina, Carmelo Versace e Federico Basile, il sindaco e l’assessore comunale ai trasporti di Reggio Calabria, Paolo Brunetti e Domenico Battaglia.

Ha salutato i partecipanti la Vicepresidente della Regione Calabria, Giusi Princi, che preliminarmente ha sottolineato l’importanza della condivisione delle scelte con tutti gli enti coinvolti, motivo per il quale la Regione ha anticipato in questo tavolo tutte le valutazioni che poi saranno oggetto delle determinazioni della conferenza dei servizi che a breve sarà convocata dal Presidente Occhiuto, su delega già ricevuta dal Ministro Giovannini. 

La vicepresidente ha confermato l’impegno della Regione a stanziare 13 milioni di euro per finanziare gli oneri di servizio dall’aeroporto di Reggio Calabria, che si aggiungono ai 3 milioni di fondi statali; la Giunta regionale ha infatti deliberato il 7 settembre lo stanziamento.

Il sindaco metropolitano di Messina, Basile, ha assicurato il sostegno concreto del proprio Ente a tutte le politiche destinate a potenziare le sinergie fra le due sponde dello Stretto, intendendo con la propria presenza dare diretta testimonianza di tale forte volontà.

Il dott. Franchini ha illustrato gli importanti interventi che grazie ai finanziamenti statali e regionali si stanno attuando citando, oltre alle risorse messe a disposizione per gli oneri di servizio e ai 25 milioni euro dell’emendamento a firma dell’on.le Cannizzaro, fondamentali per uno strategico sviluppo infrastrutturale, i 6 milioni di Euro, sempre da parte della Regione, destinati a rendere stabili i collegamenti mattino/sera con Roma e Milano.

I rappresentanti tecnici e politici degli Enti, alla luce delle assicurazioni del dott. Franchini e della relazione tecnica della Regione, che ha evidenziato i dati sulle esigenze di mobilità con particolare riferimento agli spostamenti per motivi sanitari e di studio, hanno convenuto sull’opportunità di assicurare i collegamenti verso Torino, Venezia e Bologna, approfondendo ulteriori aspetti di dettaglio.

I sindaci Versace e Brunetti hanno chiesto un potenziamento dell’intermodalità presso l’aeroporto e si avviata una discussione tecnica in merito, con l’impegno ad ospitare gli stalli del car sharing nell’area aeroportuale. 

Il delegato tecnico ha illustrato lo stato di avanzamento del progetto di integrazione tariffaria in corso di condivisione fra Ministero delle Infrastrutture, Regione Calabria e aziende di trasporto delle due città metropolitane.

Il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto, Mario Mega, ha prospettato le criticità e le soluzioni per assicurare il trasporto collettivo integrato, analizzando i collegamenti ferroviari e su gomma.

Inoltre, ha fortemente ribadito la necessità di estendere l’orario dei collegamenti marittimi.

La Vicepresidente ha, inoltre confermato la volontà di portare a termine l’istituzione dell’ente di governo dell’Area Integrata dello Stretto per una governance unitaria del trasporto nello Stretto, impegnandosi ad avviare le interlocuzioni col nuovo governo regionale siciliano. 

Fin da subito, la Regione Calabria farà la sua parte per assicurare una integrazione tariffaria dei servizi di trasporto pubblico locale, oltre a convocare apposita riunione incentrata sui collegamenti ferroviari e con autobus di competenza regionale. (rrc)

Per l’8 settembre Regione convoca tavolo per l’Aeroporto di Reggio Calabria

È per l’8 settembre che la Regione Calabria ha convocato la conferenza dei servizi sul potenziamento e la piena funzionalità dell’Aeroporto di Reggio Calabria.

Al tavolo, istituito nell’ambito dell’Accordo interregionale sull’area dello Stretto, saranno presenti, oltre alla Regione, i rappresentanti delle Città Metropolitane di Reggio Calabria e di Messina, della società di gestione aeroportuale calabrese, Sacal, e dell’Autorità portuale dello Stretto. La riunione, che si terrà presso i locali dell’Aeroporto dello Stretto, sarà incentrata, tra l’altro, sulle determinazioni relative alle nuove rotte sui cui destinare le risorse pubbliche disponibili (16 milioni di euro, di cui 13 messi a disposizione dalla Regione), alle frequenze e agli orari, con particolare riferimento al coordinamento con i servizi marittimi, nonché sulle valutazioni per l’intermodalità presso l’aeroporto e gli altri nodi trasporto. (rrc)

Cannizzaro (FI): Pubblicato da Sacal bando per interventi all’aeroporto di Reggio

Francesco Cannizzaro, ha annunciato che «Sacal proprio oggi ha pubblicato uno dei bandi per la messa in opera dei vari interventi previsti dal mio emendamento dedicato all’Aeroporto di Reggio Calabria. Dopo i ritardi dei mesi scorsi, dovuti a diversi fattori, non certo a problemi di risorse perdute come qualcuno ha falsamente e artatamente affermato, adesso i 25 milioni prendono forma, in concreto. E faranno prendere il volo al ‘Tito Minniti’».

Per Cannizzaro, infatti, si tratta di «una bellissima notizia per tutti, brutta solo per i nostri detrattori, che si accontenterebbero di veder sprofondare l’aeroporto piuttosto che dar ragione a chi combatte per esso». 

«E proprio in tal senso – ha aggiunto – sono felice di aver trovato lungo il percorso persone che hanno creduto e credono fortemente nel rilancio di questa strategica infrastruttura. Per chi sta dentro gli iter appare evidente, infatti, il netto cambio di passo da quando in Sacal è approdato Marco Franchini, nuovo Amministratore unico scelto con lungimiranza dal Presidente Roberto Occhiuto, con il quale c’è piena sintonia d’intenti che ha dato nuovo forte impulso a tutta la complessa procedura».

«Il bando odierno, da circa 2 milioni e mezzo di euro – ha spiegato il deputato reggino – è mirato alla riqualificazione degli impianti di controllo e smistamento dei bagagli da stiva; mentre sono state già affidate opere per ulteriori 2,5 milioni (parte per l’attività dei nastri di distribuzione e parte per apparati di controllo e sicurezza del volo). E vi possiamo già anticipare  – aggiunge il deputato reggino – che nei prossimi giorni verranno pubblicati anche tutti gli altri bandi di gara. Questo per quanto riguarda Sacal». 

«Nel frattempo, la Regione – ha proseguito – ha già messo in campo ben 16 milioni di euro destinati agli oneri di servizio pubblico, per garantire la continuità territoriale nel trasporto aereo e quindi lo sviluppo territoriale. E sempre oggi, su apposita delega del Ministro dei Trasporti Enrico Giovannini, verrà emesso il decreto del Presidente della Regione tramite cui sarà convocata una Conferenza dei servizi dedicata esclusivamente all’Aeroporto dello Stretto; le parti coinvolte dunque si incontreranno per definire il contenuto degli oneri di servizio pubblico da imporre sui collegamenti aerei da e per Reggio Calabria, quindi rotte da servire, frequenze e orari dei collegamenti, tariffe più concorrenziali e tipologia di aeromobili da utilizzare».

«Contestualmente, si sta lavorando con risultati concreti anche su un altro tavolo impostato da tempo, quello di Enac, per l’abbattimento delle limitazioni, che sarà la vera chiave di volta per il nostro aeroporto, nonostante qualcuno provi a minimizzare un aspetto così importante. Quella per l’Aeroporto di Reggio – ha concluso Francesco Cannizzaro – è una battaglia che passo dopo passo ci sta portando all’obiettivo che tutta Reggio si aspetta. Io per primo». (rrc)

Aeroporti, Fi Reggino: Rafforzamento dei voli ottima notizia

Il gruppo comunale reggino di Forza Italia ha espresso soddisfazione per il rafforzamento dei voli negli aeroporti di Lamezia Terme e Reggio Calabria, sottolineando che si tratta di «un altro passo verso grandi obiettivi che abbiamo in mente per l’aeroporto di Reggio».

«Si avverte, è tangibile ormai, il netto cambio di rotta delle sorti del ‘Tito Minniti’, merito dell’On. Francesco Cannizzaro e del Presidente della Regione, Roberto Occhiuto, il quale dimostra ancora una volta di avere a cuore le sorti dello scalo di Reggio – viene evidenziato nella nota –. Quindi, ringraziamo ITA per l’impegno assunto di investire ancora una volta sul nostro scalo, ma ringraziamo soprattutto chi ha fatto capire a ITA l’importanza di volare sullo Stretto. Il vettore di bandiera è fondamentale per la nostra Città, anzi vitale».

«Chi non esulta, da bastiancontrario cronico – si legge nella nota – criticando a prescindere e senza mai muovere un dito per risolvere i problemi, non solo è nemico del Territorio, ma soprattutto non si rende conto del danno che reca a tutta la Comunità reggina. Noi invece siamo ottimisti e non lo nascondiamo. Anche perché, che ITA rafforzi la propria presenza a Reggio è già di per sé una grande notizia, ma sarà poca cosa rispetto alle altre notizie sull’aeroporto che saranno rese note a breve, quando si innescheranno una serie di incastri burocratico-amministrativi che permetteranno di realizzare tutto quello che Forza Italia dice da anni, in primis il nostro Coordinatore provinciale Francesco Cannizzaro, l’unico che si sta davvero battendo per l’aeroporto. Adesso, finalmente, grazie anche al supporto costante e lungimirante del Presidente Occhiuto, le circostanze stanno prendendo la piega giusta».

«La nota ufficiale diramata da Sacal – conclude la nota – per comunicare il rafforzamento dei voli, tra le righe, ha indirettamente confermato i rumors giornalistici di questi ultimi giorni, secondo cui l’abbattimento delle limitazioni dovute alla categoria C sarebbe ormai questione di mesi. E allora si che ne vedremo delle belle…». 

I consiglieri regionali forzisti hanno ribadito che «con Occhiuto.è stato fatto un enorme passo in avanti per tutto il sistema aeroportuale».

«Meno di un anno è trascorso dall’insediamento del Governatore – viene evidenziato – e già si possono contare passi in avanti in ciascun settore. Tra gli impegni più vigorosi, significativi e colmi di risultati possiamo annoverare sicuramente il sistema aeroportuale. Uno sfascio quello ereditato dalla Sinistra di Oliverio. Oggi invece, grazie alla sagace mossa di Occhiuto di riportare Sacal in capo alla Regione, finalmente tutto sta prendendo una piega diversa. Anche la situazione dell’aeroporto di Reggio, che in questi anni è sempre stato in procinto di chiudere i battenti».

«E proprio il ‘Tito Minniti’ – prosegue la nota – pare sia diventato la vera ‘scommessa’ di Occhiuto tanto quanto del nostro Coordinatore provinciale, il deputato Francesco Cannizzaro. Le strategie dei nostri due massimi esponenti convergono verso un netto, innovativo, decisivo cambio di rotta, che siamo certi regalerà ai reggini le soddisfazioni che aspettano e chiedono con decisione. La stessa decisione con cui Cannizzaro si sta battendo sui tavoli che contano, per ottenere grandi risultati, e Occhiuto si sta impegnando per cambiare strategie aziendali e di visione del sistema calabrese».

«Dunque – conclude la nota – salutiamo con gioia la novità del rafforzamento dei voli, fiduciosi che molto altro ancora accadrà nei prossimi mesi per rilanciare e consacrare una volta per tutte l’aeroporto dello Stretto, infrastruttura dalle mille potenzialità. Ora facciamola decollare!». (rrc)

 

L’OPINIONE / Pasquale Amato: Ecco perché Sacal non dovrebbe gestire l’aeroporto di Reggio

di PASQUALE AMATO

Provo a spiegare la mia proposta. Questa sarebbe un’iniziativa forte. Farebbe intendere che noi non accettiamo di essere maltrattati e vilipesi andando a pietire ciò che questa Regione, con qualunque coloritura partitica o di schieramento, elargisce per tenerci sottomessi. 

Dal 1970 una maggioranza trasversale ha preso il controllo della Regione trattando il territorio della Città Metropolitana di Reggio come colonia, cui dare dei contentini se stiamo zitti e buoni. Ci ha imposto e ci impone i candidati che le risultano più graditi. In alcuni casi ha subito incidenti di percorso con l’affermazione di esponenti con la schiena dritta, quindi “non graditi”. 

È corsa ai ripari emarginando ed espellendo, con qualunque espediente tra cui Giuda disponibili in loco (anche per dispetto o per semplice invidia), questi spiriti indipendenti non disposti a piegarsi ai suoi ordini. 

La storia dell’Aeroporto dello Stretto è emblematica. È iniziata nel 1971 con la decisione di costruire l’Aeroporto di Lamezia, con un obiettivo assurdo in ogni altra Regione d’Italia, che è un paese di campanili: togliere allo scalo reggino il primato di primo Aeroporto della Regione, come tutta una serie di sedi e di altri primati. 

È stato un lavoro intenso, incessante, andato avanti per tappe sino alla tappa decisiva di riuscire a ottenere il totale assoggettamento tramite un bando-farsa che ha assegnato la gestione alla Sacal. 

E la Sacal ha svolto e sta svolgendo il suo compito: al là delle dichiarazioni ufficiali dei vari personaggi di nomina regionale succedutisi alla sua guida, ha cancellato o rubato voli e rotte, ha svuotato lo scalo licenziando una buona parte del personale, ha favorito una politica tariffaria a sfavore di Reggio per spingere i passeggeri a scegliere sempre più Lamezia (nel frattempo rafforzata con voli nazionali e internazionali a tariffe agevolate grazie al foraggiamento della Regione). 

Reggio può salvare il suo Aeroporto e la sua dignità di città più antica e grande della Calabria soltanto se fa valere sino in fondo le prerogative di Città Metropolitana del Sud assieme a Napoli e Bari. 

Non è un caso che la classe politica delle altre Calabrie abbia sempre avversato l’istituzione della Città Metropolitana. 

Non è un caso che sia l’unica Città Metropolitana che non ha mai ricevuto alcune deleghe importanti dalla Regione. Non è un caso che nel vocabolario utilizzato dal ceto politico regionale dominante in Regione si continui a parlare di Provincia e non di Città Metropolitana. Non è un caso che l’attivismo del ff Versace e la sua costante presenza sul territorio dei 97 Comuni metropolitani e sulle problematiche di essi stia provocando crescenti fastidi e malumori a Germaneto. Non è un caso che il ruolo del Consiglio Regionale a Reggio sia stato ridotto a organo di semplice ratifica di ciò che si decide a Germaneto. (pa)

Task Force Comunale a Occhiuto: Rimuovere ostacoli che impediscono il rilancio dello scalo reggino

La Task Force Comunale sull’Aeroporto di Reggio Calabria ha chiesto al presidente della Regione, Roberto Occhiuto, un incontro per «concordare, finalmente, le soluzioni concrete e definitive per rimuovere ogni ostacolo che impedisce il rilancio dello scalo reggino, evidenziando che ogni ulteriore ritardo inficerebbe gravemente ogni programmazione futura, peraltro già ampiamente compromessa».

Salvatore Chindemi, coordinatore della task force, ha ricordato infatti che «nei primi giorni di febbraio, nella sede della Regione Calabria, si era svolto un incontro tra il Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ed i vertici politici della Città di Reggio Calabria, ove si erano esaminate le problematiche dello scalo dello Stretto. In quella occasione si era pacificamente convenuto che la Sacal aveva agito, ed agiva, solo per sviluppare l’aeroporto di Lamezia a discapito degli altri due scali calabresi».

«Il Presidente Occhiuto – ha concluso – si era reso disponibile ad esaminare e condividere ogni soluzione funzionale al rilancio dello scalo dello Stretto, posponendo un secondo incontro ad una data successiva all’acquisizione da parte della Regione Calabria, per il tramite di Fincalabra, delle quote sociali acquisite, precedentemente, dai privati. Tale fase si è, da tempo, conclusa e, nei prossimi giorni, dopo le dimissioni del Presidente De Metrio e l’approvazione del bilancio, la Sacal si doterà di una nuova governance». (rrc)

Il presidente Occhiuto: già disponibili voli diretti Reggio-Milano e dal 13 aprile saranno strutturali due voli al giorno

Continuano le buone notizie per l’Aeroporto di Reggio Calabria: il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, ha reso noto che «sono già disponibili sul sito di ITA Airways i voli diretti da Reggio Calabria a Milano Linate, senza alcuna interruzione e con prezzi più convenienti, così come aveva chiesto esplicitamente la Regione, dal 27 marzo in poi».

«Anzi – ha proseguito – già nel mese in corso, in alcuni giorni, sono previsti due collegamenti diretti tra il capoluogo reggino e il capoluogo milanese; doppio volo diretto giornaliero che diverrà strutturale dal 13 aprile in poi. Questo risultato è un primo passo importante per l’aeroporto dello Stretto, che abbiamo intenzione di valorizzare sempre più nei prossimi mesi, lavorando anche per superare le limitazioni tecniche che impediscono il coinvolgimento delle compagnie low cost. Ma abbiamo in mente, adesso che la Sacal tornerà presto sotto il controllo della Regione, di costruire una strategia complessiva per lo sviluppo di tutti gli scali calabresi».

«Lamezia Terme – ha concluso – è già un hub forte, che certamente verrà rafforzato; ma adesso occorre investire su Crotone e Reggio Calabria, attraendo nuove compagnie e nuovi voli low cost. Avere collegamenti aerei di qualità, competitivi, che mettano in connessione la Calabria con le città più importanti d’Italia e d’Europa è fondamentale per lo sviluppo economico, sociale e turistico del nostro territorio». (rcz)

L’allarme di Renato Vitetta: dal 27 marzo non ci saranno più voli diretti Reggio-Milano

«Da oggi inizia il conto alla rovescia per la fine dei voli da e per Milano». È quanto ha denunciato il console onorario della Svizzera, Renato Vitetta, in merito all’ennesimo ‘smacco’ di cui è vittima l’aeroporto di Reggio Calabria e che si appella a tutti, affinché se ne scriva e parli «ma non aspettate di farlo dopo il 27 marzo… dopo non servirà più».

Eppure, «lo si sa già da almeno un mese – ha incalzato Vitetta –. Ma avete sentito qualche politico, amministratore locale o imprenditore che abbia detto o fatto qualcosa? Silenzio tombale, come la vittima rassegnata che aspetta l’ultimo colpo il 27 di marzo… È pazzesco tutto ciò, oltre che vergognoso ed indecente».

«Ma – ha proseguito – se nessuno di chi sarebbe davvero deputato a fare un casino che la metà basta, alza le chiappe e batte i pugni sui tavoli di chi decide se far volare su Reggio o meno, io credo che la coscienza civile di tutti i Reggini dovrebbe far scattare la molla per dire basta con questa ventennale presa per il culo dell’Aeroporto di Reggio! Si, di Reggio solo. Quale Aeroporto dello Stretto che dalla sponda opposta vanno tutti (giustamente per ora) a Catania?».

«Dove sono finite – ha incalzato – le Associazioni e tutti quelli che manifestavano per la fine (ingloriosa) di Alitalia? E adesso che ITA Airways (ergo: Alitalia 2.0…) fa le stesse e identiche cose non si sente più nessuno? Svegliamoci tutti, ca**o, finché (forse) siamo ancora in tempo a far cambiare idea a chi sta decidendo di far chiudere Reggio!».

«Un volo come quello di Milano – ha proseguito – che viaggia ogni giorno con una media di 90/100 passeggeri e nei weekend anche di più! È pazzesco che si rimanga con un solo volo per Roma (per altro ad orario assolutamente inconcepibile per la maggior parte dell’utenza, alle 19.10 la sera….!!!) e zero diretti su Milano. Politici, imprenditori, avvocati, medici e liberi professionisti, gente ammalata che necessita di cure al Nord, turisti, insomma una moltitudine di gente alla quale i voli sono indispensabili per le grandi distanze che separano Reggio dal resto d’Italia (e non ditemi che abbiamo il Freccia Rossa… solo di nome ma non di fatto visto che per arrivare a Milano ci vogliono comunque minimo 9/10 ore….!!)». (rrc)