CORIGLIANO ROSSANO – La rassegna “FuSuoni del Mediterraneo”

Il 22 luglio, a Corigliano Rossano, torna la rassegna FuSuoni del Mediterraneo, che punta alla “fusione” delle tradizioni e delle innovazioni sonore di tutte le nazioni che affacciano sul nostro mare Mediterraneo, dai Balcani all’Africa, passando per le sponde europee.

Si parte giovedì 22 luglio 2021, ore 21.30, Anfiteatro De Rosis, con l’Orchestra di Piazza Vittorio, nata in seno all’Associazione Apollo 11 e ideata e creata da Mario Tronco e Agostino Ferrente. L’Orchestra promuove la ricerca e l’integrazione di repertori musicali diversi per dare vita ad un nuovo “suono del mondo”. L’Orchestra di Piazza Vittorio è anche un film, un diario che ne racconta la genesi attraverso la regia di Agostino Ferrente. Premiato in molti festival internazionali, primo docu-musical italiano ad essere proiettato nelle sale cinematografiche europee, statunitensi e sudamericane, ha conquistato la critica e scaldato i cuori del pubblico in tutto il mondo.

Ad aprire il concerto un altro grande nome, Alessandro D’Alessandro, musicista e organettista, impegnato nella contaminazione del suo strumento con stili e armonie non solo di matrice etnica ma anche attraverso l’utilizzo dell’elettronica.

Sabato 24 luglio, ore 21.30, Anfiteatro De Rosis, il secondo grande appuntamento con la musica con l’Orchestra Popolare La Notte della Taranta. Andrea Piccioni e Francesco Loccisano Duo aprirà la serata. Il concerto del Duo Loccisano/Piccioni celebra l’incontro fra due grandi artisti attraverso due degli strumenti simbolo della cultura tradizionale italiana: La Chitarra Battente e i Tamburi a Cornice. Il programma offrirà un percorso attraverso brani originali, trasversale ai generi e alle emozioni.

«FuSuoni del Mediterraneo, nasce con l’intento di valorizzare e tutelare l’identità, le tradizioni le nostre realtà locali – ha affermato l’assessore al Turismo, Tiziano Caudullo – ricollocati all’interno dell’orizzonte aperto della globalizzazione. Due eventi di grosso spessore artistico e respiro internazionale, che siamo orgogliosi di poter offrire, come del resto per tutti gli eventi del nostro cartellone estivo». (rcs)

CORIGLIANO ROSSANO – Il concerto del duo jazz Alberto La Neve e Fabiana Dota

Domani pomeriggio, a Corigliano Rossano, alle 18, al Chiostro di San Bernardino, è in programma il concerto del duo jazz Alberto La NeveFabiana Dota.

L’evento rientra nell’ambito del ReVision Factory Festival, il Festival multidisciplinare di cultura contemporanea ispirato all’universo di Giovanni Battista Palatino, calligrafo e letterato del Cinquecento nato a Rossano organizzato dall’Associazione Culturale Koinè e con la direzione artistica di Francesca Londino con la collaborazione di Settimio Ferrari.

Un appuntamento di musica dal vivo che porta le suggestioni di un viaggio sonoro tra antichi alfabeti runici. Un momento in cui la parola diventa esplorazione musicale, tra suoni e performance.

Il Festival proseguirà fino al 25 luglio con altri eventi e con l’obiettivo di diventare un contenitore culturale di spessore che valorizzi non solo Corigliano-Rossano, dal quale nasce come progetto, ma dell’intera Calabria.

Iniziato il 27 giugno, ha proposto personaggi di prestigio, come Lorenzo Paciaroni, esperto calligrafo proveniente da Fabriano, Mario Caligiuri (Università della Calabria) che ha tenuto una lectio brevis su Palatino, inaugurato una mostra itinerante, intitolata Che typo! che ospita i migliori artisti della scena contemporanea italiana. Tutti gli eventi sono organizzati nel rispetto delle linee guida e dei protocolli atti a prevenire la diffusione del contagio da Covid-19. (rcs)

CORIGLIANO ROSSANO – Il Festival di cultura contemporanea “ReVision Factory”

Prende il via domani, a Corigliano Rossano, a Palazzo San Bernardino, ReVision Factory, un Festival multidisciplinare di cultura contemporanea,  organizzato da Koinè e ideato e con la direzione artistica di Francesca Londino, che si focalizza sulla figura di Giovanni Battista Palatino, calligrafo e letterato, contemporaneo di Leonardo da Vinci, nato in Calabria, a Corigliano-Rossano (all’epoca Rossano).

La direzione tecnica è affidata a Settimio Ferrari, editore e giornalista. Il team curatoriale vede anche la presenza di Delia Dattilo, artista e saggista, impegnata nel coordinamento, di Gina Venneri, storica dell’arte, di Federica Mangiacasale, fundraiser.

Nel titolo del progetto, in programma fino al 25 luglio, si possono riconoscere due sezioni separate. La prima (il termine ReVision) evoca il concetto di visione e l’idea di potenzialità in divenire. La seconda (Factory) prende a prestito il nome dello studio di Andy Warhol a New York, per richiamare il concetto di laboratorio creativo. Sul piano organizzativo, il format del progetto è centrato verso un’esperienza reale con i concetti di parola e segno grafico volti a ricreare immaginazioni alternative.

ReVision Factory è suddiviso in tre sezioni autonome, tra itinerari trasversali diversi. Gli appuntamenti inseriti nel progetto sono:

Sezione 1] La parola diventa scrittura.

27 luglio ore 18.00 – Lectio performance di Lorenzo Paciaroni, esperto calligrafo, sul contributo dato al Rinascimento italiano dagli studi di Giovanni Battista Palatino. Interviene lo storico e saggista Francesco Filareto.

28 luglio – Workshop dedicato al mondo della calligrafia, diretto da Lorenzo Paciaroni, riservato agli studenti del triennio (Liceo Scientifico) del Polo Liceale di Rossano. Partecipano il dirigente scolastico Antonio Franco Pistoia e le docenti Cristina Ammirato e Achiropita Augusto

06 luglio ore 17 – Lectio magistralis/webinar di Mario Caligiuri (Università della Calabria) intitolata Palatino. Il sogno della scrittura.

Pillole di Codex – Viaggio virtuale con Gina Venneri per conoscere uno dei libri illustrati più antichi del mondo. 

Sezione 2] Tra parola e immagine.

04 luglio ore 18 – Una mostra intitolata Che typo!, che parte dalla volontà di porre l’attenzione sul rapporto immagine e parola, attraverso un taccuino d’artista. La mostra, a cura di Francesca Londino, dopo Palazzo San Bernardino, a Corigliano-Rossano, dal 16 al 25 luglio si sposterà negli spazi del Polo culturale Santa Chiara, sede del Sistema Bibliotecario Vibonese, a Vibo Valentia.

Gli artisti invitati, provenienti da tutta Italia, sono Sabrina Milazzo, Diego Dutto, Giuseppe Ciracì, Pierpaolo Miccolis, Jara Marzulli, Vania Elettra Tam, Marco Minotti, Giancarlo Marcali, Loredana Catania, Francesco Viscuso, Gavino Ganau, Damiano Fasso, Tina Sgró, Maurizio Cariati, Andrea Grosso Ciponte, Antonella Cinelli, Gaia Scaramella, Davide Dormino, Stella Forciniti, Marilena Onorato, Francesco Correggia, Roberta Savelli, Erica Campanella, Silvia Faieta, Mauro Molle, Ilaria Del Monte, Vincenzo Marsiglia, Daria Palotti, Sam Punzina, Luciano Civettini, Michela Pedron, Concetta Russo, Elisa Anfuso.

22 luglio ore 18 – Lectio/webinar di Giorgio Armato, saggista e docente di Filosofia, intitolata La parola debole. Designazioni dell’evento nel contemporaneo.

24 luglio ore 18 – Lectio/webinar di Pierfranco Bruni, saggista e italianista, intitolata «La parola e il richiamo dell’ombra».

Sezione 3] La parola diventa suono.

24 luglio ore 18 – Concerto del duo jazz Alberto La Neve e Fabiana Dota, dedicato all’alfabeto runico. Un momento in cui la parola diventa esplorazione musicale, tra suoni e performance.

Video Lectio performance di Gianluca Veltri, critico musicale e musicista, intitolata Alfabeti sonori. (rcs)

 

CORIGLIANO ROSSANO – Domenica la seconda tappa di “Spiagge Plastic Free”

Domenica 23 maggio, a Corigliano Rossano, a Schiavonea in Piazza Portofino, è in programma la seconda tappa della iniziativa relativa alla campagna “Spiagge Pastic free”, organizzata dal Wwf Corigliano Rossano – Calabria Citra.

L’evento, dunque, fa seguito alla prima tappa dell’iniziativa “Spiagge Pastic Free”: una giornata di sensibilizzazione che ha riscosso molto successo.

«Durante l’evento – si legge in una nota – è stato messo a dimora un altro albero, un leccio, in memoria di un  volontario del circolo Wwf Corigliano Rossano, un amico che purtroppo pochi mesi fa ci ha lasciato All’evento hanno preso parte  numerosi cittadini tra i quali gli alunni del III Circolo dell’area di Rossano e alcuni rappresentanti dell’Amministrazione Comunale. Sul tratto di spiaggia che è stato ripulito dai volontari nel corso della mattinata di domenica scorsa, non sono mancati rifiuti di ogni genere, prevalentemente in plastica e questo impone di volgere una riflessione sulla necessità di continuare a sensibilizzare i cittadini di tutte le età sul tema».

Gli organizzatori, durante lo svolgimento dell’iniziativa, hanno tenuto a sottolineare che i rifiuti in plastica rappresentano un’emergenza da affrontare con azioni massicce per salvare l’ecosistema marino che diversamente verrà soppiantato dalla plastica che inevitabilmente finirà anche sulle nostre tavole.

L’inibizione dell’utilizzo di materiale in plastica non deve essere rivolta solo ai lidi o a chi frequenta le spiagge: la produzione di questo tipo di materiale deve essere ridotta a monte.

«È questa la vera svolta – si legge ancora nella nota – per liberare i nostri mari, le nostre montagne e l’ambiente in generale da questo pericolo. Gli organizzatori hanno rimarcato anche il fatto che hanno proposto al comune di Corigliano Rossano di dare attuazione ai contenuti della mozione “Plastic free” come è stato già fatto in molti altri comuni calabresi e in tutta Italia».

I volontari del WWF Corigliano Rossano Calabria Citra hanno anticipato che, durante questa estate 2021 e fino a settembre, ci saranno numerose altre iniziative che riguarderanno diverse spiagge del nostro litorale.

Le iniziative del WWF Corigliano Rossano, Calabria Citra, saranno svolte in collaborazione con altri Enti e avranno ad oggetto molte altre attività che coinvolgeranno alcune scuole del territorio atteso che “la famiglia del Panda” da sempre ritiene di fondamentale importanza la formazione dei più piccoli sui della tutela ambientale.

«Partecipa con noi in sicurezza e ricorda di portare con te mascherina e guanti di stoffa» si legge in una nota. (rcs)

CORIGLIANO ROSSANO – Riattivato lo Sportello di supporto psicologico

È stato riattivato, all’interno dello Spazio della Solidarietà di Corigliano Rossano, lo sportello di Ascolto e Supporto Psicologico dove ci sono professioniste volontarie disponibili a dialogare con chiunque senta la necessità di chiedere un aiuto ed un supporto di tipo psicologico, e per il benessere mentale.

«Siamo in presenza non di una pandemia, ma di una vera sindemia, termine che abbraccia tutto l’insieme di patologie non solo sanitarie, ma anche sociali, economiche, psicologiche, dei modelli di vita, di fruizione della cultura e delle relazioni umane. Le conseguenze che la sindemia ha sul benessere e sulla salute mentale sono tanto rilevanti quanto spesso sottovalutate e trascurate». Così l’assessore alla Città della Cultura e della Solidarietà Donatella Novellis ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa ringraziando tutte le professioniste psicologhe che prestano la loro opera al servizio.

«Invito chiunque si senta in difficoltà – ha aggiunto – ad utilizzare il servizio e a non provare imbarazzo nel farlo. Il benessere psicologico è il primo requisito per avere una buona salute».

Il servizio è diretto ai cittadini di Corigliano-Rossano che si trovano in isolamento o quarantena domiciliare a seguito dell’emergenza Coronavirus, e a tutti coloro che sentano che il Covid-19 stia impattando negativamente sul proprio benessere psicologico.

Si può accedere al servizio gratuitamente, chiamando al numero 0983 356482, tutte le mattine dal lunedì al venerdì ore 9-13, il martedì pomeriggio ore 16-19.

«È importante chiedere aiuto, anche di natura psicologica, quando serve, soprattutto in questo momento di enorme difficoltà – ha commentato il sindaco Flavio Stasi – il servizio è gratuito ed è fornito da personale specializzato». (rcs)

I sindaci dell’Area Ionio-Pollino a confronto su problemi del territorio e Recovery Plan

A Trebisacce i primi cittadini dell’Area Ionio-Pollino si sono incontrati per discutere operativamente di una proposta condivisa sul Recovery Plan, sull’emergenza vaccini e sul potenziamento della viabilità.

Presenti, al vertice, il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, il sindaco di Rossano-Corigliano, Flavio Stasi, il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito e il vicesindaco di Cassano allo Ionio, Antonino Mungo, in quanto il sindaco Gianni Papasso era impossibilitato a partecipare.

«Abbiamo scritto una bella pagina di coesione sociale e politica – ha dichiarato il sindaco di Trebisacce Franco Mundo – pensando al futuro delle nostre comunità. Abbiamo pensato di elaborare una proposta per realizzare infrastrutture che rendano più veloce e moderna la mobilità cercando di includere tutta la parte ionica-nord della Calabria. Sottoporremo questa proposta a tutti i colleghi interessati. Abbiamo discusso inoltre di sanità e del problema vaccini. Uniti possiamo davvero fare la differenza per il nostro territorio e per i nostri cittadini. Ringrazio i colleghi per aver accettato di partecipare, sicuro che questo è solo il primo passo di un percorso condiviso che ci porterà lontano e che allargheremo a tutti appena ci sarà la possibilità». (rcs)

A Catanzaro, Corigliano Rossano e Siderno saranno istituiti gli Hub vaccinali

A Catanzaro, Corigliano Rossano e a Siderno saranno istituti nuovi hub vaccinali ad alta capacità. È quanto è emerso nel corso della riunione dell’Unità di crisi regionale per l’emergenza covid-19, che si è svolta nella Cittadella regionale “Jole Santelli”.

Al vertice, oltre al presidente f.f. della Regione, Nino Spirlì, e al commissario della Sanità, Guido Longo, hanno partecipato anche i commissari delle aziende provinciali e ospedaliere della Calabria.

Per il funzionamento dei nuovi hub «è in itinere – riporta il verbale della riunione – la definizione di una convenzione con la Croce rossa italiana, che fornirà il personale medico e infermieristico necessario».

«Sono in corso – è scritto ancora – interlocuzioni con le associazioni di categoria dei farmacisti e degli odontoiatri per l’eventuale sottoscrizione di protocolli di intesa per l’impiego di ulteriori forze da mettere in campo».

Durante il vertice è stato inoltre evidenziato un incremento dei centri di vaccinazione per le prenotazioni sulla Piattaforma di Poste italiane.

Il presidente Spirlì ha chiesto a tutti gli interlocutori un «cambio di marcia» a partire dalla «registrazione puntale in Piattaforma di tutte le dosi effettivamente somministrate».

Per il capo della Giunta regionale, «è necessario comprendere quali siano le cause di uno squilibrio di dati tra le dosi ricevute, quelle conservate e le somministrazioni effettuate». (rcz)

CORIGLIANO ROSSANO – Attivo il servizio “SanaMente” per il personale ospedaliero

È attivo, alla sede dello Spisal – Servizio Prevenzione, Igiene, Sicurezza in ambienti di lavoro di Corigliano Rossano, SanaMente, il servizio di supporto e di sostegno psicologico rivolto agli operatori sanitari impegnati negli interventi dell’emergenza Covid-19.

Come è stato sottolineato dall’Oms – Organizzazione mondiale della Sanità, il Covid-19 pone degli enormi problemi di sicurezza occupazionale per gli operatori sanitari, in termini di: rischio biologico e rischio di stress specifici. Relativamente al rischio biologico, dopo una iniziale difficoltà nel reperimento di Dpi (Dispositivi protezione individuale), sono stati fatti molti progressi; il problema rimane in ordine ai rischi da stress di lavoro correlato.

Il sovraccarico e lo stress prolungato influenzano negativamente: attenzione, comprensione e capacità decisionale e possono avere degli effetti prolungati sul benessere generale del lavoratore. La protezione degli operatori di area sanitaria e socio-sanitaria, rappresenta quindi una componente importante delle misure di sanità pubblica, per sostenerli nello sforzo di fronteggiare la pandemia Covid-19.

Il Servizio, ubicato nella sede dello Spisal di Rossano, in via Papa Zaccaria 3, è già attivo: tutti i mercoledì e i venerdì dalle 11.30 alle 13.30. L’obiettivo è quello di garantire agli operatori con vissuti di disagio o con problematiche di ordine psicologico, la possibilità di accesso ad un primo contatto diretto con uno psicologo.

Le modalità di accesso avvengono inizialmente da remoto, via telefono, a carattere individuale, e successivamente sono previsti interventi anche in gruppo, soprattutto per attivare interventi di defusing dei fenomeni ansiosi. L’iniziativa, a carattere sperimentale, è rivolta a tutto il personale sanitario dello Spoke di Corigliano-Rossano/Acri e delle Rsa dell’area ionica. Il Servizio si avvale di molte professionalità e coinvolge diverse strutture dell’Asp: Lo Spisal, il Servizio di Prevenzione, i medici competenti, i coordinatori infermieristici delle strutture interessate. 

Inoltre ha dato la sua adesione e collaborazione la struttura Inail Nazionale con la quale lo Spisal collabora già in altre attività. Il team che ha elaborato il progetto è formato da: il direttore dell’ufficio Spisal di Rossano, dott.ssa Maria Teresa Marrapodi; il sociologo, dott. Leonardo Lione e lo psicologo, dott. Armando Madeo(rcs)

CORIGLIANO ROSSANO – L’evento online “Cittadinanza attiva, impegno antimafia e musica”

Domani, in diretta streaming sulla pagina FB di Musica contro le mafie, è in programma l’evento finale del progetto La Musica contro le mafie: musica per la diffusione di buone pratiche.

Ripartito il 17 Novembre 2020 il progetto La musica contro le mafie: musica per la diffusione di buone pratiche (Bando Formazione e Promozione Culturale nelle Scuole “Perchicrea” di Mibact e Siae) è stato un progetto didattico che si è posto l’obiettivo di diffondere la cultura della legalità fuori dagli stereotipi, proponendo elementi e riflessioni sui concetti fondamentali di condivisione, corresponsabilità e continuità utilizzando la musica come strumento.

Il progetto aveva preso il via l’11 febbraio 2020 presso l’Istituto Tecnico per Geometri dell’area di Rossano appartenente all’ I.I.S. “Nicholas Green – Falcone e Borsellino” di Corigliano Rossano ma aveva avuto una battuta d’arresto dovuta all’emergenza sanitaria.

Intervengono Davide Alessandro Gargiullo ed Alessia Carlucci in rappresentanza degli oltre 45 studenti che hanno preso parte al progetto, il dirigente scolastico prof. Alfonso Perna, i docenti tutor prof.ssa Lucia Catanzaro e prof. Angelo De Maio, alcuni degli esperti esterni quali Francesco Donnici, Davide Passoni e Vladimir Costabile. Modera l’incontro il coordinatore del progetto Gennaro de Rosa, presidente dell’Ass. Musica contro le mafie).

L’ istituto, da sempre attento a presentare ai suoi studenti testimonianze di cittadinanza attiva e responsabile, anche questa volta è stato ricettivo verso progetti su legalità e responsabilità civile.

Forma e contenuto si sono uniti attraverso l’impegno della musica, per un fine più alto che passa da un progetto di rigenerazione urbana e sociale.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione e con il supporto dell’Associazione Musica contro le mafie, riconosciuta e consolidata realtà nazionale che ha sapientemente coniugato la leggerezza della musica con l’impegno per la Formazione Civile e la Pedagogia Antimafia. Dopo una fase di Promozione Culturale avvenuta a cavallo dell’anno 2019 e 2020, è stata avviata una fase di Formazione con il presidente Gennaro de Rosa che ha coordinato il progetto facendo della musica strumento per costruire percorsi di inclusione.

Gli studenti hanno avuto l’opportunità di partecipare alla ‘5 giorni di Musica contro le mafie’ nel dicembre 2019. Hanno incontrato artisti e ospiti di fama nazionale approfondendo anche temi importanti attraverso strumenti editoriali, per costruire spirito critico e capacità di scelta. L’attività di Formazione tenuta in presenza ha visto i ragazzi impegnati in una serie di laboratori con il regista e filosofo Andrea Lucisano ed il giornalista Francesco Donnici.  (rcs)

CORIGLIANO ROSSANO – Il Wwf Corigliano Rossano – Calabria Citra aderisce all’Earth Hour

Il Wwf Corigliano Rossano – Calabria Citra aderisce all’Earth Hour, la grande mobilitazione globale del Wwf che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce cittadini, istituzioni e imprese in una comune volontà di dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico che evolve molto rapidamente con impatti che sono sempre più seri e preoccupanti.

L’ Ora della Terra ha l’obiettivo di richiamare l’attenzione sulla necessità urgente di intervenire sui cambiamenti climatici in corso mediante un gesto simbolico per manifestare la nostra vicinanza alla #natura, dalla cui salute dipende anche la nostra.

Consumare di meno energia è un atto etico nei confronti delle generazioni future, che hanno il diritto di ricevere in eredità un mondo pieno di vita e che non sia condannato a cambiamenti climatici catastrofici: dobbiamo dare tutti il nostro contributo alla lotta al cambiamento climatico.

«Gli stili di vita di ognuno di noi  – si legge in una nota – devono cambiare in meglio, ma ce n’è uno che deve cambiare in particolare: lo stile della politica. Finora, le azioni dei Governi a livello nazionale e globale sono state troppo lente e poco incisive, non al passo con un rischio che mette a repentaglio il Pianeta come lo conosciamo e dunque la stessa civilizzazione umana. La politica deve capire che investire nelle politiche energetiche rinnovabili rappresenta una scommessa per il futuro anche dal punto di vista dell’occupazione e del lavoro».

«Finora – continua la nota – le azioni dei Governi a livello nazionale e globale sono state troppo lente e poco incisive, non al passo con un rischio che mette a repentaglio il Pianeta come lo conosciamo e dunque la stessa civilizzazione umana. “Heart Hour” è la dimostrazione che insieme si può fare una grande differenza e tutti Siamo chiamati a fare la nostra parte».

L’appello del WWF a spegnere le luci per un’ora nella giornata di sabato 27 marzo alle 20:30 è rivolto a tutti: ai giovani, cioè a coloro che rischiano di vedere le conseguenze più drammatiche del cambiamento climatico; alle Istituzioni, a partire dalle città, che possono diventare motori e pungolo del cambiamento; alle imprese, che possono divenire attori dell’economia del futuro. (rcs)