GIOIA TAURO – La consigliera Frachea accanto alla candidata sindaco Russo

La consigliera Frachea accanto alla candidata sindaco Russo. «Nella mia esperienza come docente e consigliere comunale uscente, ho sempre creduto nel potere dell’unità e della collaborazione per il bene comune della nostra città – afferma la consigliera uscente del Comune di Gioia Tauro Francesca Frachea – Riflettendo su questo percorso, oggi mi trovo di fronte a una decisione che considero fondamentale non solo per la mia crescita personale, ma soprattutto, per il futuro della nostra comunità. Seguendo lo spirito unitario che caratterizza il nostro modo di intendere la politica, ho deciso di ritirare la mia candidatura a favore di Maria Rosaria Russo, stimata dirigente scolastica. La sua visione per la nostra città, la sua passione per l’istruzione, il suo impegno verso il benessere dei nostri giovani, uniti alle sue notevoli capacità manageriali dimostrate nella gestione di diverse scuole, sono qualità che ritengo essenziali per guidare la comunità verso un futuro prospero».

Per il consigliere uscente «sostenere Maria Rosaria significa credere in un progetto di città che pone al centro l’istruzione, l’innovazione e la coesione sociale».

«Sono entusiasta all’idea di collaborare con lei e con tutti i candidati delle sue liste per trasformare le nostre speranze e i nostri sogni in realtà – conclude la Frachea – Lavoriamo insieme per creare opportunità, promuovere la crescita collettiva ed affrontare le sfide con un approccio inclusivo e partecipativo».

Sulla stessa lunghezza d’onda la candidata a sindaco che aggiunge: «È con profonda soddisfazione che accolgo l’adesione della componente locale, presieduta dalla collega Frachea della quale ho sempre apprezzato le doti umane oltre la qualificata professionalità, di un partito di Governo, il primo nel Paese per consensi, come FdI alla piattaforma civica elettorale “La Ginestra” che mi sosterrà alle prossime elezioni comunali – afferma la candidata Russo – Questo segnale di fiducia dimostra il crescente consenso intorno alla nostra visione per il futuro della città di Gioia Tauro e ciò, è estremamente gratificante. Accolgo questi nuovi candidati a braccia aperte e, insieme, lavoreremo instancabilmente per realizzare le aspirazioni e le necessità della nostra città. Il costante confronto e l’unità d’intenti costituiranno la chiave per affrontare le sfide che ci attendono e per costruire nuove opportunità. Continueremo a lavorare con determinazione, coerenza e trasparenza per creare un futuro in cui ognuno di noi possa sentirsi rappresentato e valorizzato, un futuro basato sulla collaborazione e sull’impegno per il bene comune. Sono grata per il sostegno che stiamo ricevendo e non vedo l’ora di continuare questo viaggio insieme a voi». (rrc)

GIOIA TAURO (RC) – L’Aipd reggina cerca tutor di viaggio

La sezione reggina di Aipd – Associazione italiana persone con sindrome di Down, impegnata da anni nella promozione di percorsi di autonomia e di inserimento sociale per minori e adulti con sindrome di Down, cerca volontari “tutor di viaggio” a Gioia Tauro «Per favorire la partecipazione ai nostri percorsi di educazione all’autonomia di persone con sindrome di down che provengono da fuori Reggio, puntiamo a coinvolgere uno o due volontari disponibili ad accompagnare alcuni ragazzi maggiorenni nel tragitto in treno da Gioia Tauro a Reggio Calabria, andata e ritorno».

Questo è l’appello che il gruppo reggino di Aipd rivolge a persone di età compresa preferibilmente tra i 18 e i 35 anni, che «siano disponibili a mettersi in viaggio – in senso metaforico e non solo – per contribuire alle buone pratiche educative e inclusive che l’associazione porta avanti regolarmente da anni».

Il compito dei volontari-tutor sarà dunque quello di accogliere i ragazzi con sindrome di Down alla stazione di Gioia Tauro, percorrere con loro il viaggio in treno fino alla stazione di Reggio Calabria e partecipare agli incontri settimanali di educazione all’autonomia che si svolgono presso la sede dell’Aipd reggina (in Via Palmi, nei pressi dell’IperCoop sul Viale Calabria) ogni giovedì pomeriggio e che sono condotti dall’équipe a ciò preposta.

La trasferta dalla stazione alla sede e viceversa sarà a cura dei volontari reggini; le spese di viaggio sono a carico dell’associazione.

La disponibilità di tempo richiesta ai volontari è di circa cinque ore a settimana il giovedì pomeriggio.

Gli aspiranti volontari possono scrivere a info@aipdreggiocalabriaonlus.com oppure telefonare al numero + 39 347 705 8505 per informazioni e adesioni. (rrc)

GIOIA TAURO: approvato l’adeguamento del Porto

Autorizzato dal Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale dei mari Tirreno Meridionale e Ionio, presieduto dal presidente Andrea Agostinelli e guidato dal segretario generale Alessandro Guerri l’adeguamento tecnico funzionale del Porto di Gioia Tauro.

Il provvedimento è stato varato dopo la relativa adozione decisa all’unanimità dell’ATF (Adeguamento tecnico funzionale) al Piano regolatore del Porto di Gioia Tauro, già approvato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici con  alcune modifiche non sostanziali che, per la loro natura, non comportano “variante” al Piano regolatore portuale ma che incidono sul perseguimento di specifici obiettivi. In particolare, l’adeguamento tecnico funzionale si è reso necessario per offrire allo scalo portuale una maggiore e uniforme profondità dei fondali lungo l’intero canale, finalizzata ad ampliare la competitività del porto, primo scalo di transhipment d’Italia e tra i principali delle rotte transoceaniche interne al circuito internazionale del Mediterraneo. Attraverso l’adozione dell’ATF si potrà, così, procedere ad avviare i lavori di consolidamento e di approfondimento del canale portuale a 18 metri anche nel tratto A, che ha una lunghezza di 783 metri, nel tratto B (457 metri) e nel tratto C (645 metri), che al momento hanno quota 16 metri.

Approvati anche i Piani d’Impresa che, annualmente, vedono l’Ente impegnato nella verifica dei report presentati dalle imprese portuali chiamate a rispettare il raggiungimento degli obiettivi indicati nei propri piani d’impresa al momento della richiesta di autorizzazione all’esercizio.

È stata, quindi, ratificata all’unanimità la variazione, adottata in via d’urgenza, del Bilancio 2023 che ha adeguato in aumento alcune voci di Entrata e di Spesa. Tra queste, al capitolo Entrate spicca l’aumento di 7 milioni di euro relativo agli introiti derivanti dalle tasse d’ancoraggio, mentre tra le voci di Spesa, in particolare, la destinazione di un plafond di 1,5 milioni di euro al rimborso delle tasse d’ancoraggio, che rappresenta un importante strumento per rendere concorrenziale il porto di Gioia Tauro, soprattutto, alla luce delle direttive europee e della crisi del Mar Rosso.

È stato, inoltre, autorizzato all’unanimità il rilascio di concessione demaniale in ampliamento dell’azienda FOM, nel porto di Corigliano Calabro, per l’uso dello specchio acqueo adiacente il manufatto dell’ex Lega Navale, già in sua concessione, per lo sviluppo della sua attività produttiva di nautica da diporto.

Il presidente Andrea Agostinelli ha evidenziato le linee di programmazione adottate dall’Ente che, nello specifico, hanno determinato il completo banchinamento del porto di Gioia Tauro, al fine di garantire maggiore crescita e competitività allo scalo. Agostinelli si è soffermato sul completamento della banchina di ponente del porto di Gioia Tauro, funzionale alla diversificazione dell’offerta dei servizi portuali offerti, che a breve sarà inaugurata, e agli interventi di approfondimento a 18 metri dell’intero canale portuale.

Agostinelli ha altresì sottolineato, a proposito del porto di Corigliano Calabro, la recente sottoscrizione dell’atto di sottomissione e l’autorizzazione Zes unica alla richiesta della società “Baker Hughes – Nuovo Pignone” per dare inizio ad una grande realtà imprenditoriale nel porto di Corigliano Calabro che assicurerà la rinascita dello scalo e porterà sviluppo ed economia nel territorio della Sibaritide.  (rrc)

GIOIA TAURO (RC) – Conferita la cittadinanza onoraria alla Guardia di finanza

Cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria della città di Gioia Tauro al Corpo della Guardia di finanza e di intitolazione di una via comunale alle Fiamme Gialle. Presente per la Città metropolitana, il vicesindaco Carmelo Versace.

«E’ un onore – ha detto Versace – poter presenziare ad un evento così importante e significativo che si inserisce nel 250° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza, un corpo fondamentale per la sicurezza e la tenuta democratica del Paese, cui va tutta la nostra riconoscenza come istituzioni e cittadini».

Un plauso, il vicesindaco, lo ha riservato al sindaco di Gioia Tauro, Aldo Alessio, per «l’encomiabile evento organizzato» ed un ringraziamento particolare lo ha rivolto al Comandante interregionale dell’Italia Sud-occidentale della Guardia di finanza, Generale di Corpo d’Armata Rosario Lorusso, al Comandante Regionale Calabria, Generale di divisione Gianluigi D’Alfonso, al Comandante Provinciale di Reggio Calabria, Generale di Brigata Maurizio Cintura ed al Comandante del Gruppo Gioia Tauro, Tenente Colonnello Danilo Persano.

«Grazie al loro impegno ed a quello degli uomini e delle donne delle fiamme gialle – ha proseguito Versace – si sono ottenuti grandissimi risultati nel contrasto all’evasione fiscale, all’illegalità, alle frodi fiscali ed al traffico di sostanze stupefacenti».

Nel salutare, poi, il Prefetto di Reggio Calabria, Clara Vaccaro, il vicesindaco metropolitano ha sottolineato «l’importanza della sinergia istituzionale per rendere il nostro territorio più sicuro ed al riparo dalla pervasività della criminalità organizzata».

A margine delle celebrazioni, Carmelo Versace si è soffermato anche sull’impegno sociale e civile dei finanzieri: «E’ davvero significativo il dono che il Comandante Regionale Calabria, Gianluigi D’Alfonso, ha fatto alla biblioteca comunale di Gioia Tauro. La copia del libro “La ragazza che sognava di sconfiggere la mafia”, opera mirabile del giudice Annamaria Frustaci, è un messaggio potente soprattutto per le giovani generazioni che crescono in un comprensorio particolarmente complesso come il nostro. Seminare cultura, formare coscienza civile, combattere l’indifferenza, far conoscere la brutalità della ‘ndrangheta è il metodo migliore per indirizzare i giovani verso la parte sana della nostra società, l’unica e sola nella quale stare».

«Adesso – ha concluso Carmelo Versace – ci sarà anche una via che celebra e ricorda la dedizione ed il sacrificio di tanti finanzieri. Anche questo è un modo per fare memoria e camminare verso un futuro migliore. Colgo l’occasione, in questa importante ricorrenza, di ricordare quanti sono caduti nell’esercizio del proprio dovere. A loro ed alle loro famiglie rinnovo la vicinanza e la gratitudine della Città Metropolitana di Reggio Calabria». (rrc)

GIOIA TAURO – La Guardia costiera contrasta il fenomeno della pesca abusiva sotto costa

Alle prime luci dell’alba di oggi, a seguito di una segnalazione pervenuta alla sala Operativa della Capitaneria di porto di Gioia Tauro, inerente la presenza di alcune imbarcazioni intente a pescare con attrezzi non consentiti in prossimità della foce del fiume Mesima, è prontamente intervenuta sui luoghi una pattuglia terrestre della Guardia Costiera gioiese.

Giunti sul luogo indicato, i militari hanno scorto la presenza, a poca distanza dalla costa, di cinque natanti da diporto a motore intenti ad effettuare attività di pesca con attrezzi professionali (reti da posta). Poco dopo veniva, quindi, inviata in zona la motovedetta CP 827. Al sopraggiungere di questa, tuttavia, i predetti natanti iniziavano a fare rotta in direzione sud a velocità sostenuta.

La CP 827, invertita la rotta, dirigeva presso il Porto di Taureana di Palmi e, durante l’inseguimento, rilevava che due dei natanti si avvicinavano alla costa e precisamente verso la località La Quiete di Palmi, ove veniva dirottata la pattuglia terrestre. Qui, tuttavia, i militari non individuavano la presenza di alcun natante, e, pertanto, proseguivano, a supporto dei colleghi, presso il porto di Taureana di Palmi.

I militari, giunti in porto, unitamente ad un’altra pattuglia della dipendente delegazione di Spiaggia di Palmi e ad una volante della Polizia di Stato, individuavano, anche sulla scorta dei rilievi video-fotografici effettuati dal personale della Motovedetta, i suddetti natanti e procedevano alle verifiche del caso. In particolare a bordo di due dei cinque natanti veniva rilevata la presenza di due attrezzi da pesca professionale ancora bagnati (rete da posta – tremaglio) di dimensioni rispettivamente di 150 e di 60 metri nei quali erano ancora impigliati circa 7 kg di pesce di varia specie. I suddetti attrezzi ed il relativo prodotto ittico venivano posti sotto sequestro e presi in consegna dalla Guardia Costiera.

Le successive verifiche portavano all’individuazione dei proprietari dei due natanti fermati, che, convocati presso gli Uffici della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, venivano identificati e nei loro confronti venivano elevati due verbali amministrativi da 1000 a 3000 euro ciascuno. Il pescato, ancora vivo, e dichiarato idoneo al consumo alimentare a cura della competente Autorità Sanitaria, veniva ceduto in beneficienza alla Caritas diocesana di Oppido Mamertina-Palmi.

Nonostante il tentativo di sfuggire ai controlli, pertanto, i militari della Guardia Costiera hanno proceduto a reprimere l’odierno tentativo di pesca illegale anche se, verosimilmente, alcuni degli attrezzi da pesca sono stati occultati per tempo dai proprietari degli altri natanti fermati che, al controllo, sono risultati non detenere alcun attrezzo non consentito a bordo.

I controlli, fanno della Guardia Costiera di Gioia Tauro, proseguiranno nei prossimi giorni per contrastare ogni forma di pesca illegale. (rrc)

GIOIA TAURO (RC) – Sabato al Duomo concerto del Coro polifonico ed Ensemble strumentale del Conservatorio di Vibo

Sabato 23 marzo, alle 19.30 nel Duomo di Gioia Tauro, si terrà un concerto in preparazione della Santa Pasqua con il Coro polifonico e l’Ensemble strumentale del Conservatorio Fausto Torrefranca di Vibo Valentia diretto dal M° Gianfranco Cambareri. Ancora una volta un evento che vede protagonisti i talenti del conservatorio di Vibo Valentia organizzato congiuntamente da Ama Calabria, associazione musica Insieme con la collaborazione dell’amministrazione comunale di Gioia Tauro.

La manifestazione si realizzata nell’ambito delle attività musicali Ama Calabria sostenute dal Ministero della Cultura direzione generale dello Spettacolo, dall’assessorato alla Cultura della Regione Calabria e dalla città metropolitana di Reggio Calabria.

Nell’ambito della produzione della V edizione del progetto Crux Gloria si segnalano in qualità di solisti i Primi Soprani Federica Lacquaniti, Maria Pia Guerrera, i secondi Soprani Chiara Aracri, il Contralto Chiara Zangari, il tenore Francesco Alessio, il basso Cosimo Renda, il violoncellista Gioele Cerra e la pianista Rosangela Longo al basso continuo. Si aggiungono, come ensemble strumentale gli allievi della classe di Prassi Esecutive del Corso di Musica d’Insieme del M° Giuseppe Arnaboldi, Maria Chiara Smerzi, Davide Gargano ai violini primi, Mirko Marcellini, Michael Manuli ai violini secondi e il contrabbassista Nunzio Crudo.

A dirigere il Coro Polifonico del Conservatorio Gianfranco Cambareri autorità indiscussa nell’ambito del repertorio sacro. Docente di esercitazioni corali al Conservatorio Fausto Torrefranca di Vibo Valentia, il Maestro vanta una ricca esperienza nell’ambito della vocalità corale. Dal 2004 al 2012 canta nel Coro Giovanile Italiano sotto la guida di Kuret, Tabia e Donati. Dal 2002 dirige il Coro Polifonico Dominicus di Soriano Calabro al quale riesce a dare un impulso prettamente polifonico. Dal 2004 al 2010 dirige il Coro delle Voci bianche dell’Ic di Soriano. Significativi nella sua carriera il 2° posto al IV Concorso Internazionale per cori di voci bianche Il Garda in Coro nel 2007 e il 2° premio al 56° Concorso Polifonico Internazionale Guido d’Arezzo nel 2008. Presidente dal 2018 della Organizzazione Cori Calabria, è direttore del Coro giovanile calabrese. (rrc)

GIOIA TAURO – Al Museo Metauros visite guidate sul tema “Oggetti e ritualità al femminile”

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, il Museo Archeologico di Mètauos di Gioia Tauro ha organizzato delle visite speciali con focus tematici sugli oggetti e corredi, sulle attività muliebri e sulla ritualità al femminile, in un percorso culturale che va dalla Magna Grecia alla Roma Imperiale.

Le iniziative speciali sono attivate dal Ministero della Cultura, per sensibilizzare e riflettere sui significati e sull’importanza di questa Giornata. Su proposta del Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, venerdì 8 marzo, l’ingresso per le donne in musei, parchi archeologici, complessi monumentali, castelli, ville e giardini storici e in tutti i luoghi della cultura statali a pagamento, sarà gratuito.

Saranno gli operatori museali a curare una narrazione dedicata alla figura femminile nelle civiltà greca e romana. Un momento di approfondimento tematico, parte della straordinaria storia del territorio, di cui il Museo è espressione culturale e strumento di divulgazione del Patrimonio identitario.

In accordo con la Convenzione di Faro, che promuove una comprensione più ampia del patrimonio culturale e della sua relazione con le comunità e la società, continuano le attività del Museo Archeologico Métauros sul territorio. (rrc)

GIOIA TAURO (RC) – Sabato il concerto del pianista Georgie Mundrov

Sabato 9 marzo, a Gioia Tauro, alle 19, alla Sala Le Cisterne, è in programma il concerto del pianista Georgie Mundrov.

L’evento è il secondo appuntamento della stagione musicale organizzata da Ama Calabria in collaborazione con l’Associazione Musica Insieme e realizzata con il sostegno del Ministero della Cultura Direzione Generale dello Spettacolo, della Regione Calabria Assessorato alla Cultura e della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Nel corso del suo recital il Maestro Mundrov eseguirà composizioni dei due Johann Strauss, di Fryderyk Chopin, di Robert Schumann, di Johannes Brahms e di Isaac Albeniz.

Pianista bulgaro, Georgi Mundrov non è solo un virtuoso nel senso classico del termine; è piuttosto un poeta al pianoforte che condivide le sue riflessioni musicali con il pubblico. Ha completato la sua formazione con lode presso l’Accademia di musica di Sofia ed è stato notevolmente influenzato dai suoi professori Milena Mollova e Triphon Silyanowski. Gli studi post-laurea a Francoforte sul Meno/Germania e il successivo esame di concerto nella master class di Kristin Merscher presso l’Università di Musica Saarland/Germania hanno completato la sua formazione.

Sin dall’inizio della sua carriera d’ibterprete ha tenuto concerti in tutta Europa, in America Latina, Australia e Medio Oriente anche come solista con orchestra, Si è, infatti, esibito con orchestre come Maracaibo Symphony Orchestra/Venezuela, Baden-Badener Philharmonie, Filharmonia Slaska Katowice/Polonia, Thüringen Philharmonie Gotha-Suhl in collaborazione con direttori come Werner Stiefel, Pavel Baleff, Dariusz Mikulski, Jonathan Kaell, Stanislaw Rybarczyk e Eduardo Werner Rahn.

E’ regolarmente ospite nei principali festivals in Cina, Thailandia, Singapore, Canada e Stati Uniti.

Affianca all’attività concertistica quella di docente di pianoforte presso la Hochschule fur Musik di Saar in Germania ed è spesso membro di giuria in concorsi pianistici internazionali. (rrc)

Adoc Reggio Calabria: Sospensione dei servizi di trasporto a Gioia Tauro è preoccupante

Adoc Reggio Calabria ha espresso preoccupazione per la sospensione dei servizi di trasporto, «con le conseguenti difficoltà per gli utenti, è estremamente preoccupante».

«La situazione critica della società Lirosi, storico simbolo del territorio della Piana di Gioia Tauro, sta raggiungendo livelli preoccupanti», per questo Adoc ha espresso «profonda solidarietà ai lavoratori coinvolti in queste procedure di licenziamento. È inaccettabile che siano proprio loro a subire le conseguenze della crisi della società. Una crisi che, così come confermato dalla Uiltrasporti anche davanti all’assessore regionale con delega ai trasporti, sembrerebbe senza soluzioni immediate a salvaguardia dell’occupazione».

«Purtroppo, ai problemi dei lavoratori – si legge – si aggiungono le difficoltà degli utenti che, negli ultimi periodi, hanno subito non pochi disagi. Stiamo, infatti, ricevendo le segnalazioni di parecchi associati che hanno patito la cancellazione di alcune tratte nazionali, dopo aver acquistato il biglietto – per il quale hanno diritto, così come previsto dalla stessa Carta del viaggiatore, al rimborso del tagliando di viaggio. Più volte, nelle settimane scorse, come sportello provinciale abbiamo tentato di esporre le lamentele dei nostri associati alla società Lirosi ma, dalla stessa, a tutt’oggi, non abbiamo ricevuto nessun riscontro».

«Come Adoc – conclude la nota – siamo pronti a dare assistenza, nelle nostre sedi di Reggio Calabria e Gioia Tauro, a tutta l’utenza che si è vista cancellare il viaggio precedentemente prenotato. Infine invitiamo chi, in questa fase, ha l’incarico di gestire l’azienda ad aprire un dialogo costruttivo per dare riscontro immediato alle richieste dei nostri associati». (rrc)

GIOIA TAURO – Il concerto del Trio De Feo

Domani sera, a Gioia Tauro, alle 19, nella Sala Le Cisterne, si terrà il concerto del Trio De Feo, composto dai fratelli Davide al clarinetto, Alessandro al violoncello e Gabriele al pianoforte.

L’evento inaugura la stagione musicale organizzata da Ama Calabria e dall’Associazione Musica Insieme.

La manifestazione è realizzata con il sostegno del Ministero della Cultura Direzione Generale dello Spettacolo, della Regione Calabria, della Città Metropolitana della Città di Reggio Calabria e con il patrocinio del Comune di Gioia Tauro.

Giovani musicisti, laureati con il massimo dei voti, lode e menzione al Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino, i tre fratelli hanno ottenuto il Diploma di Alto Perfezionamento in Musica da Camera presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma nella classe del M° Ivan Rabaglia.

Il programma del concerto prevede l’esecuzione del Trio op.114 in La minore di Johannes Brahms, del Clarinet Trio di Christoph Croisé e del Trio di Nino Rota. (rrc)