CATANZARO: Una sede Rai per il Capoluogo di Regione, la proposta dell’Associazione Petrusino

La richiesta del Sindaco Nicola Fiorita di istituire a Catanzaro una sede distaccata della sede Rai della Calabria è una proposta sensata ed equilibrata.

Come si ricorderà la nostra associazione raccolse negli anni scorsi diecimila firme di cittadini calabresi, non solo di Catanzaro, per chiedere l’istituzione della sede Rai nel Capoluogo di Regione.

È ormai risaputo che la Calabria, insieme all’Abruzzo, è l’unica regione italiana nella quale la Rai non ha la sua sede nella città Capoluogo.  In Abruzzo esiste però una redazione giornalistica anche nel capoluogo, L’Aquila, per la quale è addirittura in atto un potenziamento. Mentre nella nostra Regione persino Reggio Calabria ha una redazione distaccata ultimamente potenziata con l’arrivo della giornalista Giusy Utano.

Le scelte miopi del passato si stanno ripercuotendo sul presente. Negli anni scorsi avevamo più volte aperto dei tavoli di discussione con i vertici Rai e con Pino Nano che in quel periodo svolgeva il ruolo di Capo Redattore Responsabile della sede calabrese. Ci siamo persino recati a Cosenza per spiegare le nostre ragioni. Alla fine era emersa la possibilità di istituire a Catanzaro una sede distaccata con 2/3 giornalisti e operatori video.

Praticamente le promesse, disattese, di allora ricalcano le richieste di oggi del Sindaco Fiorita.

Nessuna battaglia di campanile ma una sacrosanta prerogativa della città guida della Calabria e anche questioni di economicità visto che proprio a Catanzaro, quotidianamente, si svolgono iniziative e incontri di valenza regionale che devono essere raccontati.

Negli anni scorsi, anche grazie all’interessamento dell’ex Presidente della Provincia di Catanzaro, Michele Traversa, erano stati trovati dei locali all’interno del palazzo dell’Ente intermedio dove collocare la redazione. Ma, purtroppo, da Cosenza non sono arrivate aperture in tal senso e la sede è rimasta desolatamente chiusa.

In Calabria si potrebbe seguire la stessa linea tenuta in Trentino Alto Adige. In questa regione esistono due sedi Rai a Trento e Bolzano. La sede Rai di Trento nasce il 1º agosto 1976 con l’Ordine di Servizio Rai n. 402/7, ma la Rai era già presente nella primavera del 1966 con la prima trasmissione delle notizie giornalistiche radiofoniche della Radio Bolzano.

Dal 1976 al 1980 furono create la Redazione Giornalistica e la Struttura di Programmazione. Alla luce di questo non si capisce perché in una regione più piccola come il Trentino Alto Adige sia possibile e in Calabria no.

Ora toccherà alla politica calabrese, in particolare a Wanda Ferro e a Filippo Mancuso (ossia i massimi esponenti politici della città al Governo e alla Regione) trovare un punto d’incontro per realizzare quello che è necessario e atteso da tanti anni: ossia una nuova sede Rai a Catanzaro che supporti e si integri con quella di Cosenza. /rcz)

Corecom e Rai Calabria insieme per accesso ai programmi d’accesso: Attenzione a minoranze e contrasto a cyberbullismo

«Siamo fermamente convinti che nessuno debba essere lasciato indietro: è per questo che ci adoperiamo per garantire che le minoranze linguistiche e le associazioni del territorio calabrese abbiano la possibilità di essere rappresentate nei programmi televisivi della Rai, sia in diretta che in modalità on-demand». È quanto ha dichiarato il presidente di Corecom Calabria, Fulvio Scarpino, in merito alla nuova collaborazione tra il Corecom e Rai Calabria, siglata nei giorni nella sede della Rai a Cosenza.

Presenti, alla riunione, oltre al presidente Scarpino, affiancato dal vice presidente Mario Mazza e dal segretario Pasquale Petrolo, il direttore Massimo Fedele e il Caporedattore Riccardo Giacoia.

Un progetto che guarda alla tutela del diritto ai programmi d’accesso per le minoranze linguistiche attraverso la fruizione degli spazi riservati ad associazioni, gruppi ed enti che vogliono promuovere la propria immagine. In una consolidata direttrice di stare al passo con le nuove tecnologie. E non solo: il Corecom vuole ampliare il proprio sostegno dalle minoranze linguistiche ma nello stesso tempo potenziale le attività di contrasto al cybercrime, contribuendo a diffondere messaggi di sensibilizzazione contro il bullismo e il cyberbullismo. 

Per Scarpino, infatti, «il Corecom Calabria è orgoglioso di portare avanti un’attività così importante che ci porta essere capofila in Italia in questo ambito di azione», in cui la collaborazione con la Rai «è stata determinante per rendere possibile questa iniziativa. Siamo grati in particolare al direttore Massimo Fedele per la disponibilità e il supporto che ci ha dimostrando una sensibilità straordinaria nei confronti delle persone e delle realtà che rappresentano una parte fondamentale del nostro tessuto sociale».

«Riteniamo che questa collaborazione – ha sottolineato – sia un unicum che non può che rappresentare un encomio per la Calabria. I dati sull’iperattività tecnologica dei giovani, unita alla loro fragilità, hanno spinto il Corecom Calabria ad intervenire anche nella direzione del contrasto al cybercrime. Ogni anno, migliaia di minori sono vittime di bullismo e cyberbullismo, e molti di loro hanno bisogno di supporto psicologico».

«Contiamo sul sostegno della Rai, e in particolare di Rai3, per affrontare questa importante sfida. Un ringraziamento – ha concluso Scarpino – va anche ai funzionari del Corecom che hanno contribuito alla realizzazione di questo importante risultato».

«Questi programmi avranno un impatto significativo e rappresenteranno un’opportunità preziosa per le associazioni che desiderano essere coinvolte nelle nostre iniziative – ha spiegato il direttore della sede Rai, massimo Fedele –. Qualsiasi richiesta di spazio sarà valutata attentamente e sarà sottoposta all’approvazione del Corecom. Questo processo sarà di fondamentale importanza per aumentare la capacità di coinvolgimento delle associazioni locali e promuovere una programmazione più inclusiva e rappresentativa».

Secondo il vice presidente del Comitato, Mario Mazza, l’occasione di incontro offerta dal rinnovato impegno per il diritto all’accesso ai programmi radio-televisivi dei soggetti collettivi organizzati ha permesso di “sottolineare la sintonia creatasi tra il Corecom e la Rai e rappresenta un esempio pioneristico di collaborazione. Camminare insieme è fondamentale per raggiungere obiettivi che, da soli, potrebbero sembrare irraggiungibili. La Rai ha dimostrato la sua disponibilità a supportarci in diverse attività».

«L’obiettivo comune è quello di aiutare la Calabria a crescere, valorizzando le sue potenzialità e le sue eccellenze», ha concluso Mazza.

Il segretario Pasquale Petrolo ha sottolineato come l’incontro nella sede Rai sancisce «una prospettiva sinergica e di dialogo tra Corecom e Rai che va oltre i programmi di accesso previsti dalla legge nazionale. Non pensiamo, quindi, solo alle associazioni che intendono beneficiare del servizio avendo la possibilità di informare i cittadini sulle loro iniziative. La Rai, infatti, è proiettata verso il futuro e si impegna a rispondere alle sfide poste dalla società digitale, della conoscenza e del sapere, come quello avviato dal Corecom con l’Osservatorio Media e Minori». (rrc)

 

Alla Rai un pranzo con mons. Cecchinato

di PINO NANO – Grande festa lo scorso 5 febbraio all’ora di pranzo per l’arrivo in sede, alla Rai di Viale Marconi, dell’Arcivescovo di Cosenza Mons. Giovanni Cecchinato, accompagnato da don Salvatore Fuscaldo, parroco della Chiesa di Sant’Aniello che è la chiesa che sta di fronte al palazzo della Rai, e che aveva già promesso nei mesi scorsi al direttore di Sede, Massimo Fedele, e al Capo della Redazione Giornalistica Riccardo Giacoia, una nuova vista privata prima della tradizionale messa di Pasqua.

A ricevere il vescovo c’erano i vertici della RAI calabrese, lo stesso Massimo Fedele, Riccardo Giacoia e l’ex Caporedattore Pasqualino Pandullo che già in passato da responsabile della redazione giornalistica aveva ricevuto in visita ufficiale mons. Cecchinato al suo arrivo a Cosenza.

L’arcivescovo si è fermato a pranzo con tutti loro, nella mensa aziendale dove in suo onore lo chef Salvatore Perri, storico chef della Rai calabrese, ha preparato per lui un piatto di lagane e ceci, polenta con il sugo della trippa, e lo stinco di maiale. Frutta e caffè alla fine.

Originario di Latina, titolare della diocesi Vescovile di San Severo, nel corso della sua prima visita ufficiale alla Rai mons. Giovanni Cecchinato aveva raccontato di avere nostalgia per la trippa che si faceva in quei posti, e puntualmente lo chef Salvatore Perri che lo aveva sentito dire queste cose si era ripromesso di soddisfare il suo desiderio nella prima occasione utile. Così è stato. 

Accoglienza da grandi occasioni per il presule, in una sede e in una redazione giornalistica dove l’attenzione verso la Chiesa locale per la verità è sempre stata molto alta.

Dopo il pranzo, l’Arcivescovo ha saltato tutti, uno per uno, e ha promesso al direttore di sede Massimo Fedele che tornerà negli studi della Rai, questa volta su invito del responsabile di Rai Senior Gianpiero Mazza, per celebrare il tradizionale precetto Pasquale. 

Insomma, una giornata all’insegna della simpatia istituzionale  e della cordialità reciproca.E’ inutile dirvi che il più felice in assoluto ieri era proprio Salvatore Perri, per un giorno di gloria che forse neanche lui aveva messo in conto. Come dire? Tutti i salmi finiscono in gloria.

Grazie comunque a mons. Cecchinato – commentano Riccardo Giacoia Massimo Fedele e Pasqualino Pandullo – per questo piacevole incontro privato e informale. (pn)

La calabrese Giusy Utano nella sede Rai di Reggio Calabria

di PINO NANO – Si rafforza sempre di più la sede Rai di Reggio Calabria, anche questa una scelta strategica fortemente voluta dal direttore della testata giornalistica regionale Alessandro Casarin che ancora una volta ha scelto il meglio possibile, e che alla crescita della sede calabrese ha sempre dedicato grande attenzione e grande sensibilità.

Dal primo febbraio, quindi da giovedì prossimo, prende servizio alla sede RAI di Reggio Calabria la giornalista Giusy Utano, volto notissimo in città per via dei suoi trascorsi di cronista freelance in città, e soprattutto per via delle sue mille relazioni professionali costruite in tutti questi anni lavorando per la Rai e coprendo l’intero territorio provinciale. Con il suo arrivo salgono ora a 3 i giornalisti in servizio nella città dello Stretto, Pino Guglielmo, Mario Meliadò e lei, Giusy Utano.

Per Giusy Utano è in realtà quello di oggi un ritorno a casa, dopo aver lavorato prima nella redazione giornalistica di Campobasso, Rai Molise, e poi subito dopo nella redazione giornalistica della sede Rai di Bari, Rai Puglia, dove le era stato affidato il compito delicatissimo di seguire uno dei territori più difficili della regione, il comprensorio tra Trani Barletta e Andria e dove in questi ultimi mesi ha seguito i casi più delicati e le inchieste più scottanti di cronaca nera, terra da sempre governata e controllata dalla Sacra Corona Unita. 

La storia professionale di Giusy Utano è una di quelle storie che sembrano uscite dai vecchi manuali di giornalismo, nel senso che lei arriva a fare la giornalista della Rai dopo anni e anni di lavoro durissimo, di chilometri macinati per strada, di testimonianze e di vicende vissute con la propria macchina da presa tra le più eclatanti degli ultimi anni, una free lance senza orari e senza paura, che ha sempre portato a casa il prodotto che i vari capi redattori le chiedevano ogni giorno.

Un racconto professionale che inizia per lei nel 1999 sono gli anni in cui lei frequenta la facoltà di Giurisprudenza all’Università perché ha un sogno segreto nel cassetto, che è quello di diventare un magistrato. Ma in quegli anni parallelamente decide anche di seguire un corso per “guida subacquea esperta”, più esattamente per “guida subacquea specializzata in video riprese”, proprio per via di una insana passione che la ragazza ha nei confronti del mare e del mondo sottomarino. Ma come darle torto? per una giovane donna che come lei vive la sua infanzia e la sua giovinezza di fronte allo stretto di Messina, con questo mare ineguagliabile che visto dal lungomare di Reggio Calabria sembra ancora più bello di quanto in realtà già non lo sia.

Concluso il suo bel corso di “riprese subacquee” Giusy decide allora di mettere a frutto la sua esperienza “sottomarina”, e questa volta fuori dall’acqua, incominciando così a girare le sue prime immagini e i suoi primi filmati tra la gente e in città.

Mesi e mesi di lavoro senza un attimo di sosta, alla fine diventa così padrona della sua macchina da presa che decide di dar vita alla sua “società di produzione televisiva”, e arrivano le prime collaborazioni importanti. Prima fra tutte, la storica emittente televisiva “Reggio Tv” di Reggio Calabria, dove Giusy racconta nei fatti e grazie alle sue immagini la vita reale della sua città natale.

Poi un giorno le capita “l’incontro della vita”. È l’agosto del 2005 quando per via di una pura coincidenza gli capita di incontrare e conoscere un giornalista della Rai, Alfredo Di Giovampaolo, allora lui era in forza alla Tgr di Potenza, quindi Rai Basilicata, e che durante un’immersione subacquea con telecamera al seguito, resta colpito dalle immagini girate da Giusy sui fondali di Scilla, tanto da consigliarmi di provare a rivendere il materiale raccolto alla redazione giornalistica di Rai Calabria.

Le cose nella vita a volte accadono per caso. La giovane free lance si presenta negli studi di Viale Marconi a Cosenza e propone le immagini girate. 

«Parte così la mia stagione Rai – racconta oggi –, e grazie al rapporto di fiducia che riesco ad instaurare con la redazione tutta di Cosenza il mio excursus professionale è un crescendo di incontri, esperienze, inchieste, interviste, dossier e riprese di ogni genere sui grandi fatti di cronaca dell’intera provincia reggina. Una professione non facile, o meglio un mestiere difficile, fino a quel momento sconosciuto almeno per me, ma in realtà non mi sono mai fermata o rassegnata. Sono andata avanti dritta per la mia strada, con grande determinazione e soprattutto con una passione immensa che mi bruciava dentro».

Nel frattempo, Giusy trova anche il tempo e la voglia di concludere i suoi studi universitari, e nel 2006 si laurea in giurisprudenza. Non contenta di questo, due anni dopo si presenta all’esame di stato per l’abilitazione di avvocato e diventa anche avvocato.

In Rai intano la chiamano per coprire mille avvenimenti diversi, e questo la costringe a mollare le sue prime collaborazioni. Lascia Reggio Tv, rinuncia alle commesse di Mediaset, arrivate subito dopo, e si tuffa anima e corpo nel rapporto esclusivo con “mamma Rai”.

Prima diventa giornalista pubblicista, poi nel 2013 diventa giornalista professionista, e da qui il passo successivo è il riconoscimento da parte dell’azienda di un contratto definitivo, cosa che arriva ufficialmente il 6 marzo del 2018.

«Prima destinazione – dice Giusy – Rai Molise, data di assunzione 8 marzo 2018, dove ad accogliermi trovo Giancarlo Fiume, caporedattore del tempo e con cui sin da subito si crea un’intesa professionale importante, che sarà poi determinante nella scelta successiva, quando ad ottobre del 2021, su mia espressa richiesta per esigenze del tutto personali, vengo trasferita in Puglia, e dove chiedo di poter essere trasferita anche perché sapevo di ritrovare a Bari lo stesso Giancarlo Fiume che nel frattempo aveva lasciato Campobasso per tornare nella sua sede i origine che era appunto Bari».

Giusy Utano si fa in Puglia altri tre anni e mezzo pieni. Durissimi. Esaltanti, dice lei. Complessi sotto tutti i profili, finché il mese scorso non decide che anche per lei è arrivato il momento di una sintesi finale. Nonostante abbia sempre avuto con la sede RAI di Bari un feeling del tutto speciale, chiede al direttore di Testata Alessandro Casarin di poter tornare a casa, e questa volta a Reggio Calabria.

Immediata e velocissima la risposta del direttore della TGR, che probabilmente non vede l’ora di rafforzare la sede RAI distaccata a Reggio Calabria e dove una sola unità forse non basta a coprire un territorio così vasto e complesso come lo è la città dello Stretto.

Da giovedì prossimo quindi, primo febbraio 2024, la giornalista Giusy Utano torna a Reggio Calabria, «da dove sono partita nel lontano 2005». Corsi e ricorsi della storia. (pn)

[Courtesy Giornalistitalia]

A Rai Calabria il presidente d’Albania

di PINO NANO – Oggi, sabato 21 ottobre, la Sede Rai della Calabria ha vissuto una delle giornate forse più solenni e più importanti di questi ultimi anni. 

Parliamo dell’arrivo a Cosenza, negli studi di Viale Marconi – che oggi è il palazzo storico della Rai calabrese – del Presidente dell’Albania gen. Bajram Begaj. Una visita ufficiale, che conferma – lo ha detto lo stesso Capo di Stato- quanta attenzione l’Albania abbia nei riguardi della RAI, e in particolare quanta attenzione il Presidente d’Albania voglia dedicare alla sede calabrese che più di altre oggi è chiamata a raccontare le tradizioni del popolo albanese di stanza in Calabria. 

La cerimonia si è svolta nella Sala polifunzionale “Corrado Alvaro”, cerimonia solenne aperta dal saluto, al Presidente dell’Albania, da parte del Direttore di sede Massimo Fedele e dal Capo dei Servizi Giornalisti Riccardo Giacoia, questa la sua prima uscita pubblica da quando è il nuovo Caporedattore della Sede calabrese. Insieme a loro e in rappresentanza dei vertici di Rai Italia anche Antonio Marco Zela, Direttore Relazioni Esterne e Comunicazioni Rai Corporate.

A ricevere ufficialmente il Presidente d’Albania, insieme a Massimo Fedele e Riccardo Giacoia, c’era come delegato del Presidente della Regione l’assessore Gianluca Gallo, che ha sempre seguito in prima persona e in presa diretta le vicende della grande comunità arberëshë di Calabria, e naturalmente il sindaco della città di Cosenza avvocato Franz Caruso. Presente all’incontro c’era anche Ernesto Madeo Commissario della Fondazione Comunità arberëshë della Regione, che ha portato al Presidente d’Albania il saluto ufficiale di tutta la sua comunità. 

È stato il saluto conclusivo del Presidente dell’Albania gen. Bajram Begaj, a chiudere la suggestiva cerimonia, naturalmente dopo un giro istituzionale all’interno degli studi radiofonici e televisivi della Rai di Calabria.

Prima del Presidente Bajram Begaj, vi ricordo, era stato lo stesso Presidente Ilir Meta, suo predecessore, a venire in Calabria a visitare il palazzo Rai e a ringraziare i vertici del tempo di Rai Calabria per l’attenzione rivolta in passato alle tradizioni e alla cultura arberëshë. Per Rai Calabria, insomma, ancora un giorno importante. (pn)

Alla sede Rai Calabria arriva il presidente d’Albania

di PINO NANO – Sabato prossimo 21 ottobre la Sede Rai della Calabria si prepara a vivere una delle giornate forse più solenni e più importanti di questi ultimi mesi.

Parliamo dell’arrivo a Cosenza, negli studi di Viale Marconi che oggi è il palazzo storico della Rai calabrese, del Presidente dell’Albania Gen. Bajram Begaj, una visita ufficiale, che conferma quanta attenzione l’Albania abbia nei riguardi della Rai, e in particolare quanta attenzione il Presidente d’Albania voglia dedicare alla sede calabrese che più di altre oggi è chiamata a raccontare le tradizioni del popolo albanese di stanza in Calabria. E tutto questo alla vigilia dell’approvazione del Piano Industriale della Rai che avrà anche un’attenzione molto speciale alla lingua albanese. Il Piano Rai dei prossimi anni infatti prevede degli spazi di informazione e di approfondimento in lingua arberesche, proprio nel rispetto di una popolo e della sua storia.

Il programma della giornata di sabato (ore 11:45, Sala polifunzionale “Corrado Alvaro”, Rai – Sede regionale per la Calabria – viale Marconi, Cosenza) prevede il saluto ufficiale al Presidente dell’Albania da parte del Direttore di Sede Massimo Fedele, con lui ci sarà il Capo dei Servizi Giornalisti Riccardo Giacoia (è questa la sua prima uscita pubblica da quando è il nuovo Caporedattore della Sede calabrese),e insieme a loro Antonio Marco Zela ,Direttore Relazioni Esterne e Comunicazioni Rai Corporate.

A ricevere ufficialmente il Presidente d’Albania, insieme a Massimo Fedele e Riccardo Giacoia, ci sarà anche il Governatore della Calabria Roberto Occhiuto, che ha sempre seguito in prima persona e in presa diretta le vicende della grande comunità arberesche di Calabria. Poi l’incontro prevede un intervento di Ernesto Madeo Commissario della Fondazione Comunità Arbëreshe della Regione, e il saluto conclusivo del Presidente dell’Albania Gen. Bajram Begaj, una personalità politica di alto spessore internazionale.

Il Gen. Bajram Begaj è un militare e uomo politico di vecchia tradizione. Nato a Rrogozhinë nel 1967, conseguita la laurea in Medicina nel 1998 presso l’Università di Tirana, ha poi intrapreso una brillante carriera militare che lo ha portato a ricoprire numerosi incarichi istituzionali: comandante dell’unità di addestramento delle forze armate, capo dell’Unità medica militare, direttore dell’Ospedale militare e dell’Ispettorato sanitario, nel luglio 2020 ha ottenuto il grado di generale ed è stato nominato capo di Stato maggiore. Nel giugno 2022, a larghissima maggioranza (78 su 83 voti) e con il sostegno del Partito socialista del primo ministro E. Rama, Begaj è stato eletto dal Parlamento nuovo presidente del Paese, subentrando nella carica al presidente uscente Ilir Meta dal mese successivo.

Ilir Meta è lo stesso Presidente che già in passato era venuto in Calabria a visitare il palazzo Rai e a ringraziare i vertici del tempo di Rai Calabria per l’attenzione rivolta in passato alle tradizioni e alla cultura arberesche. Per Rai Calabria, insomma, un giorno importante. (pn)

“Caro Emanuele Giacoia…”: Un anno dopo la sua morte Cosenza ricorda il grande giornalista Rai

di PINO NANO – È passato un anno, quasi, dal giorno della sua scomparsa. Era il 18 agosto, ed era di pomeriggio, quando si sono svolti nella chiesa di Santa Teresa a Cosenza i funerali del giornalista Emanuele Giacoia, per lunghi anni capo della redazione giornalistica della Rai in Calabria, e per lunghi anni anche direttore del Quotidiano del Sud.

Se io fossi oggi alla guida del Coordinamento Sedi della Rai proporrei alla direzione generale di Viale Mazzini di fare intitolare il grande cortile alberato del nuovo palazzo Rai di Viale Marconi a lui, al giornalista Emanuele Giacoia, perché era quella la sua vera casa. Quella è stata la sua casa per quasi 40 anni consecutivi, e in quella casa sono nati i suoi gioielli migliori, che non sono i suoi figli, Riccardo Sergio Valerio Arianna e Antonella, ma tutti noi altri che allora, ancora ragazzi, pendevamo dalla sue labbra e percorrevano questa regione in lungo e in largo come lui ci aveva chiesto di fare.

Se ne è andato un anno fa Emanuele, all’età di 93 anni, li aveva compiuti il 4 marzo 2022, stremato ormai da una malattia che lo aveva costretto ad una lunga degenza in ospedale. Se ne è andato stringendo la mano a Riccardo, con attorno gli altri suoi figli Valerio, Sergio Antonella e Arianna e ai suoi funerali quel giorno c’erano anche i suoi tanti nipoti, una squadra di ragazzi che aveva avuto in tutti questi anni la fortuna di goderselo come nonno amorevole e sempre pronto a correre da loro.

Quando è morto, Emanuele aveva lasciato la Rai da ormai 25 anni, ma la gente per strada continuava a chiedere di lui. Cordoglio, cordoglio, e ancora cordoglio in tutta la regione per la sua morte. 

La storia di Emanuele Giacoia è in fondo la storia del giornalismo calabrese, soprattutto del giornalismo radiotelevisivo, grande cronista sportivo ma anche scrupolosissimo direttore del TG regionale, un “testimone del nostro tempo”. 

Non a caso forse, a ricordarlo sarà giovedì sera 29 giugno a Villa Rendano Franz Caruso, il sindaco della città di Cosenza, la città che al suo arrivo da Napoli lo aveva accolto e coccolato e che poi diventerà nei fatti la vera città di adozione del grande cronista.

Testimonial della serata del ricordo saranno Francesco Repice, cronista Rai di lunga esperienza e di grande impatto mediatico, forse il più bravo cronista radiofonico di questi ultimi 20 anni di storia della radio. E con lui Patrizia Giancotti, antropologa autrice e conduttrice di RAIRadio3. Ma ci saranno con collegamenti video anche vecchi amici cari del giornalista scomparso, Vincenzo Mollica, Bruno Vespa, Bruno Pizzul, Sergio Cammariere, Massimo Palanca. A moderare l’incontro sarà invece uno dei vecchi “ragazzi” di Emanuele Giacoia, il giornalista Mario Tursi Prato, arrivato in segreteria di redazione quando aveva 20 anni e cresciuto all’ombra di quello che poi diventò il suo e “nostro” Caporedattore. Tra un intervento e l’altro, in programma anche la performance di una grande musicista calabrese, quale è Rosa Martirano. 

Emanuele era stato il mio capo, il mio amico più caro, il mio “principe”. Ho imparato da lui quello che nessun altro avrebbe mai potuto insegnarmi. 

Aveva una grande dote, era la modestia con cui viveva la sua vita quotidiana e questo suo modo sarcastico ironico e gioioso di prendere la vita. Ma forse, la dote più grande e impareggiabile che aveva era la capacità di ascoltarti, dall’inizio fino alla fine, senza mai distrarsi un attimo, lui che apparentemente sembrava un marziano prestato alla professione giornalistica, eternamente sognante, quasi un filosofo dell’ottimismo e della serenità, e che trovava sempre il modo e il tempo per farti sentire al centro del mondo.

Ricordo che entrava in redazione alle otto del mattino e alle nove della sera era ancora lì alla sua scrivania, al terzo piano di Via Montesanto, intento alle sue mille telefonate. Ho trascorso con lui anni nella sua stessa stanza, lui aveva la scrivania accanto a quella di Elio Fata, e io di fronte alla sua, e lui che non faceva altro che parlare con tutto il mondo, di calcio e della sua squadra più amata che era il “Catanzaro Calcio” di Ceravolo, Palanca, Ranieri, Silipo.

La cosa che mi emozionava era sentirlo alla radio, in collegamento dalla Spagna per i mondiali di calcio di quell’anno, una classe, una perfezione, un rigore e una chiarezza che era tipica di un grande maestro del giornalismo parlato. 

In redazione era un capo meraviglioso, mai uno screzio, mai un conflitto, conosceva l’arte della mediazione come nessun altro, e quando doveva dire di no non conosceva remore. Preciso, informatissimo, sempre perfettamente al suo posto. Impeccabile, garbato, soprattutto curioso come ogni cronista di razza dovrebbe esserlo.

Conosceva la Calabria come le sue tasche. L’aveva vissuta e attraversata da cima a fondo quando per andare da Cosenza a Reggio Calabria servivano almeno 5 ore di viaggio in macchina, quando la Calabria era davvero l’ultimo fanalino di coda del mondo. «Eppure, lui in televisione o alla radio riusciva a raccontare questa terra meglio di tutti noi – mi raccontava quel leone della carta stampata che era Franco Martelli – una terra che alla fine era diventata anche la sua, con una dolcezza e un senso di umanità davvero impareggiabili».

Caro Emanuele, lavorare con te è stato molto bello, ma questo te lo riconoscono tutti i nostri vecchi compagni di gioco e di lavoro. Dico “compagni di gioco” perché, quando tu eri a lavoro sembrava si giocasse tutti insieme al più bel gioco del mondo.

Risentivo l’altro ieri in televisione l’ultimo saluto che Alberto Angela aveva dedicato a suo padre, e vorrei dirti che, come Piero Angela aveva fatto con il figlio, anche tu alla fine ci avevi abituato a crederti immortale. Ma mentre Piero Angela aveva spiegato al figlio Alberto che il mistero della morte in realtà è la cosa più scontata e più naturale della vita, tu invece continuavi a tenerci per la corda dandoci sempre appuntamento al tuo prossimo compleanno.

Ricordo l’ultima torta che Riccardo ti aveva fatto preparare per i tuoi 90 anni aveva questa scritta “Arrivederci ai prossimi dieci”. E tutti noi eravamo convinti che tu avessi suggellato con la morte un patto segreto, e invece te ne sei andato via in silenzio in piena estate, senza dare fastidio a nessuno, per come avevi vissuto tutto il resto della tua vita.

Il dolore degli ultimi, la solitudine della gente comune, gli ammalati abbandonati in ospedale, i senza tetto e i senza nome, i relitti della società, i paesi e i quartieri più poveri, i diseredati: solo a quello Emanuele sapeva pensare al mattino quando doveva mettere in piedi la scaletta del suo telegiornale. 

E così ha fatto quando dopo la Rai è andato a dirigere Il Quotidiano del Sud. Anche lì la stessa classe, lo stesso stile, lo stesso rigore, e soprattutto il rispetto assoluto per la società 

Una cosa da dirti ce l’ho ancora: il 18 agosto di un anno fa non sono venuto ai tuoi funerali, ma non perché io fossi quel giorno a migliaia di chilometri lontano da lì. Ma mi piaceva ricordarti come ti ho sempre conosciuto e vissuto, con questa tuo sorriso ironico e questa tua aria bamboleggiante, da perfetto compagno di strada e di vita, geniale e visionario, poeta e filosofo: Venendo da te quel giorno avrei trovato solo una semplice bara di legno, senz’anima, senza storia, senza nessun legame con le poesie che invece amavi scrivere. Non potevo accettarlo. Tu avevi un’anima che credo non morirà mai, almeno per me, e voglio portarti dentro di me sorridente e sereno come lo sei in questa foto che Santo Strati ha scelto per questo giorno del ricordo, accanto a tuo figlio Riccardo nello stesso studio televisivo che hai visto nascere, e che insieme a Franco Martelli e a Enzo Arcuri hai tenuto a battesimo. (pn)

 

L’Arcivescovo di Cosenza in visita alla Rai

di PINO NANO – Sorridente come è sua tradizione antica, aperto, innovativo, moderno, intellettuale dalle mille sfaccettature, si è presentato così stamattina a Cosenza nei locali della Sede Rai di Viale Marconi il nuovo Arcivescovo della Diocesi di Cosenza Bisignano, Mons. Giovanni Checchinato.

Una visita di cortesia sollecitata da un invito formale del Direttore di Sede Massimo Fedele, e che nei fatti riapre ufficialmente le porte della Sede RAI alle Istituzioni e al pubblico dopo questi ultimi due anni di pandemia che ha di fatto bloccato ogni forma di ingresso ai locali di Viale Marconi. Ad accogliere mons. Checchinato c’erano insieme al direttore di sede Massimo Fedele anche il Capo della Redazione Giornalistica Pasqualino Pandullo e il gotha al completo della redazione, i due Vice Capiredattori Riccardo Giacoia e Livia Blasi, i capi servizi e il resto della redazione giornalistica. 

Accompagnato dal direttore di sede Massimo Fedele, l’Arcivescovo ha visitato i locali della Sede, la regia Televisiva, la regia radiofonica, si è fermato nelle salette di montaggio con i tecnici presenti, e poi ha avuto modo di salutare le tante maestranze della Sede, una vera e propria festa in suo onore come vuole la tradizione della TV di Stato. Qui c’è ancora chi ricorda la visita ufficiale fatta anche allora in maniera solenne e ufficiale dall’allora Arcivescovo don Salvatore Nunnari per i 60 anni della Rai.

Ad accompagnare mons. Checchinato c’erano mons. Enzo Gabrieli, delegato della Curia per il mondo della comunicazione, e da don Salvatore Fuscaldo parroco della parrocchia territoriale di Sant’Aniello di Cosenza, che è nei fatti la parrocchia di riferimento della Sede. C’è anche da dire che la giornata di ieri è stata per la redazione giornalistica una giornata “dura”, alle prese con altri cinque cadaveri recuperati nel mare di Cutro dopo il naufragio della settimana scorsa e questo “dettaglio di lavoro” ha in parte condizionato anche il tenore e l’entusiasmo con cui era nata l’idea di questa vista eccellente.

Alla fine il direttore Massimo Fedele e il Capo della Redazione Giornalistica della Rai calabrese Pasqualino Pandullo hanno consegnato all’Arcivescovo una targa ricordo perché questo giorno e questo nostro incontro- ha detto il direttore all’arcivescovo- rimanga cristallizzato nella storia di questa azienda e di questo palazzo.

Il Delegato regionale di Rai Senior Giampiero Mazza ha invece manifestato alla delegazione presente in Sede l’apprezzamento e il saluto formale del Presidente Nazionale di Rai Senior Antonio Calajò che da Torino “ci guarda in rete e ci segue da sempre”. Nulla ancora di ufficiale, ma mons. Checchinato potrebbe tornare in Rai prima di quanto non si immagini, forse per la Settimana Santa, per la celebrazione del precetto pasquale di tutta la Sede. Vedremo. (pn)

Bellantino, Meliadò e Carlino i tre nuovi inviati di Rai Calabria

di PINO NANO – Gran festa alla redazione giornalistica della sede calabrese della Rai, dove sono appena arrivate nuove energie e nuovi inviati da mandare sul campo e per il territorio, a raccontare la cronaca e gli avvenimenti dell’intera regione. Sono tre nuovi cronisti selezionati dalla Direzione Generale della Rai e vincitori dell’ultimo concorso pubblico bandito dall’Azienda in tutta Italia. 

I giornalisti appena assunti, e che da qualche settimana sono già in video e a lavoro, sono Pietro Bellantoni, Michele Carlino e Mario Meliadò. A loro va il benvenuto di Calabria Live e, soprattutto, a loro vanno gli auguri di tutti noi per il ruolo complesso difficile e affascinante insieme che li aspetta. 

A riceverli ufficialmente in redazione nei giorni scorsi sono stati i vertici della redazione giornalistica calabrese, il Caporedattore Pasqualino Pandullo, e i due Vice Capiredattori in carica Livia Blasi e Riccardo Giacoia. Un messaggio di saluto e di benvenuto è arrivato loro anche da parte del Direttore di Sede Massimo Fedele, e naturalmente dal direttore della testata giornalistica Rai, Alessandro Casarin che ha tanto creduto e ha tanto lottato perché l’ultimo concorso pubblico in Rai potesse portare in azienda nuove risorse e soprattutto il meglio del mercato nazionale. 

Nel caso della redazione giornalistica Calabria, si tratta di tre nuovi giornalisti che hanno alle spalle un background importante, maturato e vissuto in varie altre redazioni giornalistiche, portatori ognuno di loro di varie esperienze professionali specifiche, il che vuol dire valore aggiunto a quanto già c’era all’intero della redazione giornalistica di Rai Calabria. 

Ma chi sono nello specifico gli ultimi arrivati?

Pietro Bellantoni. 42 anni, nato a Scilla e residente a Reggio Calabria. Laureato in Filosofia, ha conseguito un master in Giornalismo all’Università Iulm di Milano. Giornalista professionista dal 2009, ha avuto esperienze professionali a La Stampa di Torino, Repubblica Torino e, per la tv, a Studio Aperto di Mediaset. Redattore per circa 10 anni del Corriere della Calabria, ha lavorato per Lactv ed è stato corrispondente dalla Calabria della trasmissione Tagadà di La7. È stato direttore responsabile de Ilreggino.it e coordinatore dell’Ufficio stampa della Giunta regionale della Calabria.

Michele Carlino. Calabrese di Cinquefrondi, laurea in Scienze politiche. Primo articolo nel 1983 sulle pagine regionali de l’Unità, poi collaborazioni intense con Calabria (mensile del Consiglio regionale) e Avvenimenti. Primi passi in tv collaborando a Samarcanda e agli altri programmi di Michele Santoro. Da free-lance ha realizzato documentari in Iraq, in Bosnia e altri paesi del Mediterraneo. Ha prodotto corrispondenze dalla Calabria per agenzie internazionali, tg Rai e Mediaset e reti locali. Dal 2001 ha vissuto e lavorato in Francia e per Euronews ha realizzato numerosi reportages in Europa e nel mondo. Dal 2023, dopo un concorso, è redattore alla Tgr Rai di Cosenza.

Mario Meliadò. 53 anni, reggino di nascita, giornalista professionista dal 1996. Dopo alcune esperienze in vari periodici locali, nei primi anni Novanta ha frequentato l’Istituto per la formazione al giornalismo “Carlo De Martino” di Milano. Votato al giornalismo politico ed economico, nei suoi 31 anni di professione fin qui ha esplorato quasi ogni angolo del “mestiere”, dal nazionale (Tg5, Studio aperto, il Giornale, La Notte, Il Sole 24 Ore, Panorama, ilNuovo.it etc.) al locale (il Domani della Calabria, La Provincia cosentina, Rtv, Ten, Antenna Febea, Tempostretto.it e molto altro), dalle cronache sportive alla cucina redazionale agli spettacoli, dalla carta stampata alla radio passando per il web e, naturalmente, per il grande amore di sempre: la tv.…Beh, ci sarebbe anche quello per il tennis, il basket, il pianoforte e la musica jazz… Ma non ditelo in giro.

Questo invece è oggi il corpo completo della redazione giornalistica, in ordine rigorosamente alfabetico: Alessandro Banfo, Claudia Bellieni, Lorenzo Bertolucci, Livia Blasi, Paolo Bozzo, Rita Campanaro, Iacopo Catarsi, Antonio Condò, Gabriella D’Atri, Marco Innocente Furina, Davide Gangale, Dino Gardi, Emanuela Gemelli, Riccardo Giacoia, Lorenzo Gottardo, Pino Guglielmo, Antonio Liotta, Antonio Lopez, Mara Martelli, Carla Monaco, Fabio Nicolò, Pasqualino Pandullo, Francesco Paravati, Marco Procopio, Ilaria Raffaele, Ugo Rendace, Maria Teresa Santaguida, Francesco Salvatore, Viviana Spinelli, Francesco Straticò. In segreteria di redazione ci sono invece, Antonella Filice, Adriana Manna, Marilena Sirangelo, Luca Francesco Lucanto, Francesca Pecora, Mario Tursi Prato. 

La novità dell’ultima ora è che Lorenzo Bertolucci e Marco Procopio sono stati intanto trasferiti a Torino. È invece appena andato in pensione lo storico responsabile della Teca Giuseppe Nocito, e al suo posto oggi c’è Luca Arena. Buon lavoro a tutti loro. (pn)

 

Rai Calabria riapre le porte alle Scuole

“Protagonisti per un giorno”, ospiti della sede Rai della Calabria di Viale Marconi sono stati ieri gli alunni della Scuola Primaria Paritaria “Il Grillo Parlante” di Cosenza, accolti con grande entusiasmo dai referenti di sede Sara Dente e Giampiero Mazza.

Dopo una breve presentazione dei locali e degli studi, e dopo la consegna dei badge ad ognuno di loro, gli alunni della scuola “Il Grillo Parlante” sono stati accompagnati a visitare la regia e lo studio tv della Tgr.

A fare da padroni di casa e da guide del palazzo sono stati i tecnici della produzione Gianluca Fazio e Franco De Cario. I ragazzi hanno avuto così modo di conoscere tutta la fase della preparazione tecnica utile per la buona riuscita di un TG e di un Giornale Radio.

La visita è poi proseguita nei vari ambienti della Sede, soprattutto nelle salette di montaggio, nella regia del radiofonica e si è conclusa con il saluto e la consegna degli attestati d’onore da parte del direttore di sede Massimo Fedele e dal Caporedattore Pasqualino Pandullo.

Entusiasta il direttore di Sede Massimo fedele: «Gli alunni di V elementare presenti in visita presso la sede sono rimasti entusiasti, euforici e si sono divertiti tantissimo, curiosi e desiderosi di apprendere e conoscere tutto quello che circonda il mondo della comunicazione e della informazione, che è poi il lavoro che viene svolto giornalmente dalla sede Rai per la Calabria, impegnata da sempre su questi temi d’inclusione sociale e delle buone pratiche di governance. Mi auguro solo che queste visite possano proseguire in futuro, perché il contatto con il mondo della scuola avvicina sempre di più il mondo della comunicazione alla società civile e alle tradizioni millenarie di questa regione». (pn)