Conte e Letta in Calabria la prossima settimana: viaggio della speranza?

di SANTO STRATI – A qualcosa, alla fine, il gesto di ritiro della candidatura di Nicola Irto, è servito: il viaggio (della speranza?) dell’ex premier Giuseppe Conte e del segretario dem Enrico Letta della prossima settimana in Calabria è certamente frutto della necessità di fare chiarezza in una sinistra calabrese in piena caos. L’annuncio – che dovrebbe trovare la conferma ufficiale domani sabato – del candidato unitario del centro destra (Roberto Occhiuto, attuale capogruppo di Forza Italia alla Camera) spariglia ancor di più i giochi della sinistra: litigiosa, divisiva e a forte vocazione suicida. Ci sono stati, con la massima discrezione, contatti con De Magistris e l’attuale sindaco di Napoli, che domani apre a Cosenza la sua segreteria elettorale, dopo la rottura insanabile con Tansi deve valutare le opzioni che la prossima tornata elettorale gli offre.

Da solo Luigi De Magistris, che pur sta raccogliendo un consenso superiore alle previsioni, non va da nessuna parte, al massimo farà il consigliere regionale (d’opposizione) e nulla più. Di fronte alla coalizione coesa (?) di centrodestra i dem devono schierare una forza straordinaria fatta di consensi, anche trasversali, per portare numeri importanti. La soluzione ideale sarebbe semplice: dimenticarsi di conflitti, contrasti, risentimenti e insulti e fare un’ammucchiata (di tipo governativo) che metta insieme dem, 5 stelle, sinistra radicale, riformisti, De Magistris, Tansi, liste civiche e chiunque possa essere utile alla causa. Questo significherebbe fare una scelta politica, pagando qualche inevitabile (e gravoso) obolo ai “rinunciatari”. Se a De Magistris viene offerta la vicepresidenza della Giunta regionale (in caso di vittoria) in cambio del ritiro della candidatura a presidnete (mantenendo comunque una più liste di sostegno), come farà a rispondere no? Se a Tansi viene offerto un assessorato (Protezione Civile) in cambio del ritiro della candidatura a presidente (col mantenimento delle liste, che fanno sostegno), come farà il geologo cosentino a dire no? Soprattutto se il leit-motiv sarà quello di “uniti contro la destra”. È un bel problema, diciamo la verità. Ma la politica, ricordiamolo, è l’arte del possibile – come ci hanno insegnato Machiavelli e Guicciardini – basta sapersi fermare in tempo, alla bisogna. In una situazione di questo genere non ci sono vie d’uscita. È fin troppo evidente che 5 stelle, tansi e De Magistris, a loro volta, possano imporre la necessità di un nome nuovo, al di sopra delle parti, rappresentativo e in grado di attuare una spinta unitaria a sinistra. Ma all’orizzonte, escluso il buon Nicola Irto, non si vedono leader o aspiranti tali (il nome dello storico saggista antimafia Ciconte è suggestivo, ma non trova larghi consensi: c’è il rischio concreto di ripetere l’esperienza Callipo) e l’unico nome spendibile rimane quello di Antonio Viscomi, oggi deputato dem e già vicepresidente della Regione con Mario Oliverio, oppure, in alternativa, Franco Iacucci, attuale presidente della Provincia di Cosenza, che ha il vantaggio di conoscere a menadito tutti gli anfratti della Regione (è stato il segretario operativo di Oliverio, e questo non l’aiuta certo), ma conta pochi fans in Calabria. Irto, dunque rimane, l’unica carta spendibile (non dimentichiamo che è stato il più votato il 26 gennaio dell’anno scorso: 12.568 preferenze), ma su di lui pesano le perplessità dei 5 stelle, che in Calabria non contano nulla, però bisogna salvare l’impresa impossibile di Giuseppe Conte di dar vita a un nuovo Movimento 5Stelle 2.0. Quindi?

Tansi con un comunicato si è rivolto ai suoi followers: «Ai candidati delle liste di Tesoro Calabria – ha detto – che, dopo l’addio definitivo a de Magistris, mi chiedono di fare un passo indietro per assecondare “un’ampia costruenda coalizione con lo scopo di vincere le prossime elezioni regionali”, io rispondo di “sì”, ma a due condizioni fondamentali e improcrastinabili: 1) il candidato a presidente della regione dovrà essere una figura credibile che rappresenti il reale cambiamento; 2) il candidato a presidente non dovrà essere soltanto una bella copertina utilizzata per coprire candidati – di qualsiasi lista in appoggio al presidente – che rappresentano il vecchio sistema responsabile del fallimento della Calabria e che cercano, direttamente o indirettamente (tramite loro portaborse o prestanomi), una candidatura in vista delle prossime elezioni regionali. I candidati dovranno essere persone “nuove” e competenti. Se tali condizioni saranno accettate sarò disposto a fare non uno ma cento passi indietro, per amore di una Calabria che per cambiare deve decisamente voltare pagina con una proposta politica che deve mostrare ai suoi elettori una cosa sola: la credibilità. In caso contrario, continuerò a rappresentare un polo civico concretamente alternativo al PUT (Partico Unico della Torta)». È un segnale di apertura a Letta e Conte?

De Magistris non dice nulla a proposito di un’intesa a modello del Governo Draghi (ma solo a sinistra), ma non si sbaglia a dire che ci sta pensando. La sottosegretaria al Sud Dalila Nesci, non paga della delusione della passata tornata elettorale, con la sua candidatura bocciata crudelmente dal Movimento, insiste a proporsi, dichiarando a destra e manca la sua totale disponibilità. L’arrivo di Letta e Conte in Calabria forse farà un po’ d’ordine, a sinistra. (s)

Regionali Calabria / E De Magistris replica all’ex alleato Carlo Tansi

Il candidato a Presidente della Regione Calabria Luigi De Magistris, attuale sindaco di Napoli, ha subito replicato alla “lettera d’addio” dell’ex alleato Carlo Tansi.

«Mi dispiace della scelta unilaterale di Carlo Tansi, che ho sempre considerato elemento centrale e di punta della coalizione, di abbandonare un’alleanza civica molto forte ed ampia, che solo lunedì scorso si era incontrata a Lamezia, in una riunione molto proficua.
Mi dispiace che non mi abbia dato la possibilità, più volte richiesta, di parlare coi suoi candidati, asserendo che siccome erano “suoi“ candidati il leader della coalizione non poteva incontrarli.
Noi siamo nel pieno di un’avventura, con una coalizione coesa ed entusiasta, che ci porterà a vincere in Calabria, in un referendum tra libertà da una parte e sudditanza dall’altra. C’è bisogno di essere passionali, competenti, coraggiosi, forti e autonomi.
Non si vince con l’instabilità, la mancanza di maturità, responsabilità e di esperienza politica.
Noi vogliamo costruire un percorso di unità, di armonia, di condivisione di pluralismi e di una forte identità di valori.
Negli ultimi tempi abbiamo provato in ogni modo a rasserenare Carlo Tansi ma è stato vano, avevamo tutto il tempo davanti.
Il mio entusiasmo, il nostro entusiasmo è oggi comunque intatto.
Le sue doglianze sono tutte infondate ed andiamo avanti più convinti che mai e le nostre porte sono aperte per chiunque, anche della sua squadra, voglia effettivamente rendersi conto di quanto forte e giusta sia la nostra azione». (rp)

REGIONALI, LA SOFFERTA RINUNCIA DI IRTO
CAOS A SINISTRA E DE MAGISTRIS GONGOLA

di SANTO STRATI – La sofferta rinuncia di Nicola Irto alla candidatura a presidente della Regione disvela ulteriormente una verità incontrovertibile nella sinistra calabrese: l’assenza di leader e di personalità in grado di presentare alternative valide nel caos che ora, più di prima, sta consolidandosi nello scenario delle prossime elezioni. Avevamo anticipato nell’edizione di ieri l’insofferenza di Irto, una personalità di spicco che avrebbe potuto convogliare consensi anche trasversali, e ieri mattina non ha indugiato ulteriormente, annunciando con un’intervista sulle pagine online de L’Espresso l’intenzione di ritirarsi dalla competizione.

Irto non lo fa sottovoce, anzi mette in evidenza le incongruenze di questa strana candidatura piaciuta solo a metà della sinistra calabrese: «per mesi ho – ha scritto su twitter – ho lavorato al mio programma per cambiare la Calabria, coinvolgendo giovani, società civile, imprenditori, mondo universitario. Ora ho preso atto che non ci sono le condizioni per andare avanti e l’ho scritto ad Enrico Letta». Nell’intervista a Susanna Turco di Espressonline, Irto dice una verità già nota a molti: ««Appare di continuo una volontà di mettere in discussione le decisioni prese da molto tempo dal partito democratico calabrese e dagli alleati di centrosinistra: ma continuando a perdere tempo si lascia terreno alla destra e a De Magistris. Rinuncio quindi all’incarico e chiedo a Enrico Letta di trovare una soluzione per non continuare a svilire la dignità degli elettori e dei militanti del Pd in Calabria».

La mossa di Irto arriva il giorno dopo dell’annuncio del sindaco di Diamante, il senatore Ernesto Magorno di Italia Viva, di voler scendere nella competizione, rifiutando però, a priori, qualsiasi ipotesi di primarie. Un’idea lanciata dalla sottosegretaria al Sud, la pentastellata Dalila Nesci  che si è detta pronta a correre – e bocciata dal “Tan-Dem“ De Magistris-Tansi e presa con atteggiamento poco convinto dagli altri grillini calabresi. Anzi per qualcuno di loro (come Melicchio e Tucci) il ritiro della candidatura di Iro dovrebbe aprire la strada a un nuovo confronto a sinistra. Sì ma quale sinistra?

Irto è molto diretto nelle sue dichiarazioni: «Il Pd deve cambiare, non solo per poter mettersi in gioco alle elezioni, ma con una nuova generazione che c’è, anche se viene vissuta con fastidio da chi pensa solo a fare carriera: ma non possiamo ridurci ai feudi, dobbiamo essere una comunità aperta. Non possiamo solo pensare con chi ci alleiamo: il Pd deve dire cosa vuol fare, se vuol parlare agli elettori». Da mesi – ha detto all’Espresso – il confronto politico resta avvitato su se stesso: parlano tutti di coalizione prescindendo dai programmi. La Calabria è allo stremo, per gli atavici problemi strutturali e per l’ulteriore anno di pandemia, eppure sembra non importare a nessuno. A volte mi sembra di essere l’unico che cerca di dare una visione di futuro, a pensare sia indispensabile un quadro netto di progetti, chiarezza per attuarli. Non basta infatti vincere, bisogna governare, altrimenti torniamo alle sabbie mobili, che poi sono la storia anche di questa terra: la melma dove si impantanano le coalizioni senza identità.

L’attacco al partito è senza esclusione di colpi: «Un partito che vuole essere attrattivo non può suddividersi in piccoli feudi che giocano a pare gli strateghi per garantirsi una poltrona. Né in Calabria, né altrove. Purtroppo intravedo questo schema anche al livello di governo: c’è troppa timidezza. Da mesi mi sgolo, ad esempio, affinché si affronti il tema della sanità in regione. Siamo ancora fermi, salvo l’ultimo confuso decreto che ci fa passare da uno status di regione commissariata, a quello di super commissariata, senza ovviamente alcun impegno economico vero per superare il debito sanitario. Intorno al tema sanità c’è il capitolo infrastrutture, ma neanche su quello si muove nulla. E al governo c’è il Pd: non da mesi, da anni. Ho visto stallo e tatticismo. E ho anche visto che c’è un trasversalismo, in pezzi del centrosinistra calabrese, dovuto ad interessi comuni con pezzi del centrodestra. Ho steso un programma in questi mesi, l’ho condiviso con il vero motore della regione: studenti, imprenditori, terzo settore, professionisti. Sarebbe stato bello concentrarsi su questo. Ma nessuno vuol discutere di contenuti: solo di tattica, credendo di prendere un voto in più».

La deputata Enza Bruno Bossio ha condiviso in pieno la posizione di Irto: «Le dichiarazioni di Nicola Irto – ha detto – impongono una riflessione critica, senza veli, sul modo in cui il PD nazionale ha inteso, finora, affrontare la vicenda elettorale calabrese. Ha ragione Irto: è richiesto un cambio di passo. Bisogna uscire dalla palude nella quale è stato condotto lo schieramento calabrese delle forze progressiste. Non è possibile che le dinamiche di potere tra le correnti romane del Nazareno possano impaludare o addirittura, come afferma Irto, mettere in discussione le decisioni prese da molto tempo dal PD calabrese. È stato un grave errore politico aver voluto inseguire De Magistris e legittimarlo, di fatto, come una parte del campo di centrosinistra».
«Si è disperso così – secondo la deputata dem – il potenziale vantaggio competitivo rispetto ad un centrodestra ancora oggi senza candidato. Invece di investire sul profilo innovativo e riformista della candidatura di Nicola Irto, il gruppo dirigente nazionale ha preferito blandire populismi ed espressioni politiche tanto massimaliste quanto minoritarie. È auspicabile che la reazione di Nicola Irto possa, pertanto, prima di tutto essere utile a rilanciare un progetto di governo capace di competere alle elezioni per vincere e governare bene ma anche per spezzare la spirale di una concezione feudataria che da tempo il PD nazionale va esercitando sulla Calabria e i calabresi».

Tirato in ballo il vicesegretario dem Peppe Provenzano ha detto subito di non aver mai aperto a De Magistris: «Ho lavorato – ha detto – e siamo al lavoro per un campo democratico e progressista più largo e competitivo. Tutto il Partito democratico dev’essere protagonista di questo percorso. La destra in Calabria va battuta, non è tempo di isolarsi. Non possiamo dare nessuna terra per perduta». Un’idea, quest’ultima, condivisa dal segretario Enrico Letta che giovedì manda Francesco Boccia in Calabria, da Irto, per tentare di fargli cambiare idea.
In questo scenario, ovviamente la coppia Tansi-De Magistris si sente ancora più forte e lo stesso sindaco di Napoli (segretamente) gongola dello sfascio dem nell’illusione che la sinistra calabrese possa vedere in lui la soluzione ultimativa per fermare la pressoché certa vittoria del centrodestra. Ma le cose non sono così come sembrano apparire: la figura di De Magistris è maldigerita in ampie parti della sinistra calabrese e, se da un lato, trova il consenso di molti primi cittadini abbagliati dal colore arancio, possibile simbolo di rinascita, dall’altro la situazione reale del consenso esprime numeri fin troppo bassi per determinare una strategia vincente.

De Magistris con i voti dei movimenti civici e di Tansi a essere generosi non supera la soglia del 18%: dove può andare? A fare il consigliere di minoranza, magari con Tansi e qualche altro consigliere regionale, ma la Cittadella di Germaneto appare come un miraggio. Di sicuro la presenza di liste divise nel centrosinistra significa solamente una dispersione – inutile – di voti e la consegna del governo regionale nuovamente al centrodestra. La sinistra calabrese non riconosce a De Magistris il ruolo di leader e l’unica chance che rimane spendibile è offrire a De Magistris – in cambio di un ritiro della candidatura – la vicepresidenza regionale (in caso, ovviamente, di vittoria). In tale ipotesi la “rottura” con Tansi più volte sfiorata troverebbe una più che vadida giustificazione.
Ma chi guiderebbe la coalizione di centrosinistra se Irto non cambierà idea anche se sarà pregato (supplicato?) di tornare sui suoi passi? Non ci sono profili degni di nota: a sinistra non riluce nessun protagonista, né vecchio (Mario Oliverio è fuori gioco) né nuovo, salvo a stuzzicare l’orgoglio di Antonio Viscomi (deputato dem e già vicepresidente con Oliverio) che in caso di necessità è pronto a tornare in Calabria. Con quali chance? Non molte, per la verità, e non perché non piace molto ai grillini (per quel poco che ormai contano), ma perché non troverebbe il consenso necessario a superare atteggiamenti divisivi e suicidi dei dem calabresi. E poi? L’unica donna “spendibile” potrebbe essere Anna Falcone (ma è invisa a buona parte del pd) già consulente di De Magistris, avvocata di Cosenza stabile ormai a Roma e vigorosa esponente della sinistra che guarda lontano (l’infelice esperienza con Tomaso Montanari alle passate politiche l’ha messa contro la nomenklatura dem). (s)

Regionali: anche Magorno dice no alle primarie, ma i dem insistono

L’annuncio della scesa in campo, per Italia Viva, del senatore Ernesto Magorno che si candida a presidente della Regione Calabria squilibra ulteriormente lo scenario a sinistra: i il sindaco di Diamante si dice contrario alle primarie, ma i democrat calabresi insistono, sperando di condurre il confronto senza esasperare i toni. A nome del Pd parla il capogruppo in Consiglio regionale Mimmo Bevacqua: «Se vogliamo davvero offrire un’alternativa ai calabresi, la partecipazione democratica, la più ampia possibile, rappresenti l’unica risposta; e ciò al fine di stimolare e motivare, anche, il più ampio numero di cittadini calabresi. In attesa della necessaria ed auspicata prospettiva di un progetto riformista aperto, plurale e coinvolgente». Il rischio – secondo Bevacqua – è che diversamente si offrirebbe un aiuto al centrodestra.

Ettore Rosato, nel suo tour calabrese durante il quale ha annunciato la candidatura di Magorno aveva peraltro fatto intendere che Italia Viva non vuole primarie: «Saremo in campo con una lista e un candidato a Presidente. Puntiamo sul senatore Ernesto Magorno, un Sindaco che rappresenta un esempio virtuoso di buona amministrazione. La Calabria ha uno straordinario patrimonio di ottimi sindaci e amministratori locali e siamo convinti che con il loro lavoro si può costruire un futuro migliore». Magorno che – ricordiamolo – è stato anche segretario del Pd in anni passati, ha espresso un fiducioso ottimismo sulla sua candidatura, al di fuori di primarie che “non servono”:  «C’è una Calabria bella – ha detto – fatta di tanta gente onesta e operosa con numerosi sindaci e amministratori che ogni giorno sono in campo, a mani nude, per dare risposte alle esigenze della gente. La Calabria è una regione ricca di eccellenze, di patrimoni da valorizzare. È per questo che scendo in campo come candidato Presidente con Italia Viva. Serve un Sindaco della Calabria che agisca per donare un futuro diverso alla nostra regione, un futuro che abbia come bussola la legalità».

L’ex candidato governatore alle elezioni del 2020 Francesco Aiello (due liste civiche col sostegno del M5S), ordinario di Politica Economica all’Unical, ha commentato drasticamente la posizione di Magorno, in una dichiarazione all’Adnkronos: «La candidatura del senatore Ernesto Magorno a presidente della Regione Calabria è interpretabile in due modi alternativi. Se è una candidatura solitaria sostenuta da Italia Viva è inutile, perché alimenta il frazionismo del centrosinistra calabrese a tutto vantaggio del blocco unito del centrodestra. Se, al contrario, la decisione di Italia Viva è di mettersi al servizio dell’intero centro sinistra, la candidatura di Magorno è utile perché alimenta inizialmente il pluralismo delle posizioni da cui poter successivamente scegliere con qualche metodo il candidato unico del centro sinistra. Dalle prime dichiarazioni del Presidente di Italia Viva, Ettore Rosato, e dello stesso Senatore Magorno sembra, purtroppo, che valga la prima interpretazione. Se fosse vera questa ipotesi la candidatura di Magorno sarebbe uguale a quella di De Magistris: entrambe saranno funzionali alla vittoria certa del centro destra calabrese. L’esperienza delle regionali in Calabria indica, infatti, che è matematicamente verificato come la dispersione dei voti a sinistra avvantaggi inequivocabilmente il centro destra. L’auspicio è che Magorno e De Magistris decidano di scendere in campo assieme al Partito Democratico in un’ampia alleanza delle forze moderate e progressiste della regione e non essere, al contrario, co-responsabili di una nuova giunta regionale a guida centro-destra».

Come si ricorderà, contro le primarie si è espresso l’attuale sindaco di Napoli Luigi De Magistris che si è detto convinto della validità del progetto “TanDem” (Tansi+De Magistris) per la conquista della Cittadella di Germaneto: «Le nostre primarie – ha dichiarato – saranno le elezioni». L’affermazione a seguito dell’invito della sottosegretaria al Sud Dalila Nesci di prendere parte alle primarie proposte dal Partito Democratico. «Ho letto – aveva detto De Magistris – l’appello dell’onorevole Nesci del Movimento 5 Stelle di partecipazione alle primarie, che mi chiede di dare conto delle nostre posizioni. È un tema che non si pone: noi non partecipiamo al patto fra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Noi siamo un movimento popolare, una coalizione civica. I 5 Stelle e la Nesci dovrebbero ricordare quando parlavano alla gente, al popolo, fuori dai partiti, tanto tempo fa. Noi stiamo tra la gente, le nostre primarie saranno le elezioni. Lavoriamo dal basso, parliamo alle donne e agli uomini di Calabria, non solo allo schieramento tradizionale di centro-sinistra. Anzi, siamo noi che facciamo un appello alla Nesci e a chi come lei crede ancora nel fresco profumo di libertà, nella rottura del sistema, nella rivoluzione. Mi pare invece che lei si chiuda in quel recinto che noi dobbiamo superare per garantire rottura di un sistema che da quarant’anni governa male dal punto di vista regionale la Calabria, e capacità di governo. Quindi non è quella la strada: la strada è stare tra la gente, fra le donne e gli uomini di Calabria per il cambiamento, per la rivoluzione, per il buon governo. Venga con noi chi non è compromesso col sistema. Le primarie saranno le elezioni; e speriamo che si voti quanto prima».

In questo scenario, il candidato dem Nicola Irto, vicepresidente del Consiglio regionale, rimane basito a guardare il conflitto permanente M5S e democrat che si sta sviluppando a livello nazionale, soprattutto per il Comune di Roma, e secondo alcuni sussurri sarebbe pronto a rinunciare se dovesse continuare questo scontro inspiegabile tra ex alleati (prima) e attuali alleati (oggi) di un governo di unità nazionale. Di sicuro c’è che ancora non è stata indicata la data delle elezioni, salvo il ventaglio temporale indicato a suo tempo dal Ministero dell’Interno. I giochi sono aperti e si preannuncia una campagna elettorale “bollente” e non solo per le temperature agostane… (rp)

 

 

PRIMARIE: GRILLINI NEL CAOS, PD CONFUSO
E NESSUNO PENSA AL VOTO DEI FUORISEDE

di SANTO STRATI – Non si sa ancora la data esatta del voto per il Consiglio regionale: a spanne mancano quattro mesi e più e l’incertezza regna sovrana, con continui colpi di scena di chi cerca, a tutti i costi, qualcosa che possa garantire visibilità. L’argomento del giorno primarie sì-no che sembrerebbe mettere d’accordo almeno i democratici, con la benedizione della “papessa” pentastellata Danila Nesci, in realtà non entusiasma i cittadini, sconfortati, per non dire sconcertati da queste baruffe da cortile che poco hanno a che vedere con la politica d’un tempo. Manca, si sa, una classe dirigente che capisca di politica e la sappia applicare, nel solco di rispettabilissimi predecessori: c’è una costante di improvvisazione e di instabilità che caratterizza, in maniera trasversale, tutti i partiti politici impegnati in questa tornata elettorale. Tutti, nessuno escluso.

Basta cominciare dal centro-destra, dove c’è un candidato di tutto rispetto, il forzista Roberto Occhiuto, che il partito di Berlusconi ha chiaramente designato e indicato come migliore opzione per vincere le elezioni. L’attuale capogruppo di Forza Italia alla Camera, in effetti, potrebbe vincere a piene mani, data la confusione sovrana che regna a sinistra, ma gli altri componenti della coalizione che amano perdere facile stanno facendo di tutto per creare ulteriore disordine. Non si spiega diversamente la necessità di rimettere in discussione il candidato di Forza Italia (secondo i vecchi accordi toccherebbe ai forzisti la poltrona di governatore in Calabria) portando avanti la “disponibilità” dell’inossidabile Wanda Ferro (che ha sempre voglia di riscattare la solenne sconfitta del 2014 contro Oliverio) e dell’attuale facente funzioni Nino Spirlì, che – diciamolo chiaro – ci ha preso gusto a fare il Presidente e amerebbe continuare, sperando nella benedizione di Matteo Salvini. Questo lo scenario prossismo venturo, nel caso in cui si verifichino situazioni complesse per le prossime amministrative di città “pesanti” come Roma e Milano, dove i candidati di centrodestra continuano a recitare un rosario di no che dà il senso della chiarezza di idee che sta alla base dei capi politici. Salvini deve difendersi dall’avanzata, apparentemente inarrestabile dei Fratelli di Giorgia e la stessa Meloni già s’immagina prossima inquilina di Palazzo Chigi.

Se Atene piange, Sparta non ride: se nel centro destra, con la vittoria praticamente in tasca di Roberto Occhiuto, stanno lambiccandosi a individuare il sistema migliore per perdere, il centro-sinistra è assediato da Luigi De Magistris e liste civiche collegate. L’attuale sindaco di Napoli che punta a fare il Governatore (con evidenti scarse probabilità di successo se gli mancano i voti dei dem, della sinistra e del centro), respinge “inorridito” l’idea delle primarie (che non vincerebbe, ovviamente) e insiste col fuoco amico nei confronti dei potenziali alleati nella “guerra” alla destra. La riconferma del patto con Tansi (almeno fino a nuovo ordine) non fa che complicare una situazione assai gravosa per i i dem che spingono (senza molta convinzione) sulla candidatura di Nicola Irto e immaginano di poter offrire un tandem a De Magistris (la vicepresidenza della Regione?) in cambio del ritiro della lista. Il che sarebbe, alfine, la soluzione più logica e più intelligente a una questione assai complicata. De Magistris è alla ricerca di una “occupazione” politica e bisognerà vedere se la lusinga di una vicepresidenza potrebbe sovrastare l’aspirazione a un probabile seggio di consigliere di minoranza. Questa ipotesi (la politica – ricordiamocelo – è l’arte del possibile e dell’impossibile) significherebbe una rottura clamorosa con Tansi e con l’amico Mimmo Lucano che ha già pronta la sua lista di sostegno a DeMa.

Nè va sottovalutata la guerra interna che sta crescendo dentro i grillini: Dalila Nesci si è, nuovamnente, detta disposta “al sacrificio” (come aveva detto per le passate elezioni, prima di essere “cancellata” bruscamente dal Movimento 5 Stelle), ovvero pronta a candidarsi per la Presidenza, anzi alle primarie proposte dai dem, sparigliando totalmente una situazione regionale già convulsa di suo. La Nesci ha un ruolo prestigioso in questo momento (sottosegretaria al Sud e alla Coesione territoriale): chi glielo fa fare? Lei – con convinzione – si sente obbligata nei confronti della Calabria, («L’esperienza del M5s ha dimostrato plasticamente che per cominciare a scardinare “sistemi” e quindi avere idee su come riformarli, l’azione di testimonianza non basta. Bisogna prendersi l’onere di Governare»). ma sa già che i vertici pentastellati le opporranno un nuovo inflessibile stop. Ma quali vertici? Il Movimento è in via di dissoluzione, con la nuova realtà politica che il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra e l’ex ministra per il Sud Barbara Lezzi, stanno preparando, invocando «spirito solidaristico e francescano, dove non ci siano cani pastori ma persone che credono nell’intelligenza collettiva» (dice Morra). E i deputati di Alternativa c’è? E soprattutto l’ex premier Giuseppe Conte che ogni giorno fa due passi avanti e tre indietro nel suo tentativo di nuova “composizione” del Movimento?

Chi sarà disposto a occuparsi della sempre più scomoda Calabria, dove i problemi crescono in misura proporzionale all’impossibilità di individuare soluzioni? C’è il Movimento 5 Stelle che predica contro il Ponte, ma il suo sottosegretario Cancellieri è diventato un entusiasta fan. Forse sarebbe il caso di fermarsi un momento e riflettere. E ricordarsi che, quello che conta, in qualsiasi elezione sono i numeri. Se non ci sono non si fa nulla: il consenso non si conquista con promesse e impegni (che già si sa di non poter rispettare), ma con programmi. E ancora stiamo aspettando, in tanti, di poterne leggere qualcuno. Programmi, con numeri reali, individuazione e utilizzo delle risorse, non il solito libro dei sogni che i politici provano a illustrare con grande convinzione.

E a proposito di numeri, c’è una questione che i più sembra non abbiano alcuna voglia di affrontare: il Collettivo Valarioti ha espresso la necessità di permettere agli studenti fuorisede di poter votare per posta. Il suggerimento – allargato a tutti i fuori sede, inclusi i lavoratori – è diventato una proposta di legge che potrebbe avere un iter veloce. E sarebbe una cosa adeguata e giusta. I calabresi iscritti all’Aire (che è l’anagrafe degli italiani residenti all’estero) si calcola sono oltre il 20%, il che significa che alla massa di astensioni che si registra ad ogni elezione andrebbe sottratto almeno un 15% di elettori che sono forzatamente astenuti (ovvero non hanno le disponibilità economiche per venire a votare, o hanno altre difficoltà logistiche). Se si permettesse l’utilizzo del voto per corrispondenza lo scenario sarebbe completamente differente. Ma a qualcuno potrebbe fare paura. Questo impegno dovrebbe essere al primo posto per chi vuol concorrere a guidare la Regione: tra voto di genere e voto per corrispondenza (se passasse nei tempi giusto la legge) potremmo registrare qualche sorpresa. E la Calabria ne avrebbe proprio bisogno. (s)

Torna la “pace” tra De Magistris e Tansi. Forse, ma l’intesa rischia di scricchiolare

di SANTO STRATI – Per mettere a tacere le tante voci che parlavano di imminente rottura dell’intesa, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, candidato governatore della Calabria con una lista civica di sinistra, e Carlo Tansi, alla guida di Tesoro della Calabria una lista che vuole conquistare spazio vitale alla Cittadella di Germaneto, hanno diffuso una foto e un comunicato relativo a un incontro di “pacificazione”. Per la verità, entrambi hanno smentito screzi e dissapori, ribadendo la volontà di un comune percorso che conferma «la profonda convergenza, di programma e di intenti che rendono la nostra coalizione l’unica vera alternativa per il cambiamento in Calabria. Stiamo costruendo – si legge nella nota – una bella storia con le donne e gli uomini di questa meravigliosa Terra, che vogliono stare dalla parte giusta».

Si tratta di capire cosa succederà in casa dem, dove l’attuale unico candidato – Nicola Irto – continua a non trovare il sostegno univoco di cui ha bisogno per fronteggiare la coalizione avversaria che ha scelto Roberto Occhiuto con un consenso prevedibilmente alto e ottime chances di vittoria. Di sicuro, se i dem (magari con l’appoggio dei cinquestelle) e Movimento arancione di De Magistris corrono separati, la vittoria della destra sarà a tavolino: nessuna delle due coalizioni di sinistra mostra di essere in grado di raccogliere il consenso necessario per sbaragliare il centro-destra. L’alternativa è che uno dei due faccia un passo indietro, cosa che appare, allo stato, pressoché impossibile: Irto raccoglie il “vecchio” e il nuovo e ritirare la sua candidatura significherebbe attestare l’incapacità di ripresa del partito democratico in una regione commissariata da anni; De Magistris, dal canto suo, ha lanciato una sfida che continua a mietere consensi a corrente alternata, giocando soprattutto sull’entusiasmo di protagonisti che conoscono bene il territorio (per esempio, il sindaco di Cinquefrondi Michele Conia), però i numeri non gli danno alcuna speranza di successo pieno, correndo in solitaria.

A questo punto, appena cominceranno a circolare in via riservata i primi sondaggi regionali, quasi certamente sarà De Magistris a fare una valutazione odiosa ma necessaria: è meglio conquistare una o più poltrone in Consiglio regionale, finendo a ingrossare una minoranza litigiosa e senza futuro, oppure scegliere la via maestra della politica, ossia il compromesso. Anche a rischio di vanificare le tante belle dichiarazioni di autonomia e indipendenza.

In altri termini si porrà il problema se divorziare da Tansi e accettare una posizione blindata (vicepresidente?) garantita da dem e cinquestelle (in caso di vittoria, ovviamente) o rischiare il tutto per tutto per conquistare (a fatica) un seggio che, nel caso di DeMa, rappresenterà un allettante “posto di lavoro” per un disoccupato di lusso. Certo, non va trascurata l’assoluta chiusura di buona parte dei dem calabresi nei confronti dell’ex magistrato e futuro ex sindaco di Napoli.

La competenza e l’esperienza di due mandati nell’amministrazione di una città difficile come Napoli non può essere gettata alle ortiche in nome della coerenza a tutti i costi. Soprattutto se si pensa che Carlo Tansi è il convitato di pietra di questa competizione elettorale e non manca, quotidianamente, di mettere a disagio l’intesa con De Magistris, con uscite populiste e anticasta che, contrariamente a quello che pensa, non infiammano gli animi e anzi alimentano il fuoco (pericoloso) dell’antipolitica. Insistere sul Put (partito unico della torta) rischia di allontanare gli elettori non di convincerli ad andare al voto. Ma questo, a quanto sembra, nessuno glielo dice. (s)

VOTO IN CALABRIA DOPO IL 15 SETTEMBRE
PD NEL PALLONE CON DIMISSIONI DI ZINGA

di SANTO STRATI – L’annuncio (avvelenato) delle dimissioni del segretario dem Nicola Zingaretti ha anticipato di poco la decisione del Consiglio dei Ministri di annullare le elezioni regionali calabresi fissate all’11 aprile, rinviandole a una finestra temporale tra il 15 settembre e 15 ottobre. Le due cose sono evidentemente staccate l’una dall’altra, ma si intuisce che l’allungamento dei tempi per il voto regionale, con le dimissioni di Zinga, offrono l’opportunità al centrosinistra di schiarirsi le idee, che, fino a ieri mattina continuavano ad essere molto controverse e confuse. Lo slittamento, apparentemente, favorisce – ma non è stato imposto per questo, è chiaro – l’antagonista molto debole di un centrodestra che, secondo i numeri, avrebbe la vittoria in pugno. i dem avranno una bella gatta da pelare (Bonaccini sta preparando la valigia per Roma) per ricomporre i pezzi di un’unità ormai da tempo smarrita e, forse, potrebbero tentare di trovare una convergenza che in Calabria serve più del pane, e senza la quale non c’è storia per la riconquista della Cittadella di Germaneto.

Il rinvio (che avevamo da molto tempo previsto su queste colonne) è obbligato dalla situazione pandemica di cui si sta perdendo il controllo: per le grandi città chiamate al voto (Roma, Milano, Napoli) è un’insperata boccata d’ossigeno visto che allo stato attuale c’erano troppe idee confuse sulle candidature, ad esclusione del sindaco Beppe Sala di Milano pronto a bissare senza difficoltà il mandato, con la piazza romana in preda al panico giallo-rosso (purtroppo non si tratta di tifosi romanisti) e Napoli su cui ci sono molte mire da ogni parte politica. Ma per la Calabria questo rinvio è una disgrazia: dalla scomparsa della povera presidente Jole la Regione è in un limbo dove trionfa il “vorrei ma non posso” che contrasta brutalmente con i precedenti governi del “potrei ma non voglio”: Consiglio e Giunta sono chiamati al minimo sindacale, esclusivamente per l’ordinaria amministrazione. Dovevano andare tutti a casa a dicembre, invece se ne riparla a settembre (se tutto andrà bene) e qualche perplessità sulla cosiddetta “ordinaria amministrazione” qualcuno, per la verità, se l’è fatta venire. Il punto principale è uno solo: cosa può fare una Regione rappresentata in facente funzioni di fronte alle scadenze del Recovery Plan, di fronte alla programmazione infrastrutturale (?), di fronte a un Nord sempre più rapace nei confronti del Mezzogiorno? Poco, pochissimo, niente.

Il centrodestra,che stava ricostruendo (agevolmente) la coalizione puntando su Roberto Occhiuto, si trova spiazzato. L’onda emotiva dell’eredità della compianta Santelli è già finita ai primi giorni dell’anno, quindi l’effetto psicologico della continuità era già venuto meno: serviva un personaggio su cui coagulare le forze e la scelta di Forza Italia di indicare l’attuale capogruppo (anche lui ff) della Camera è risultata indovinata. Ma da qui a settembre cosa succederà con un governo multicolore, tendenzialmente pronto alla rissa, con troppe anime strategicamente separate e politicamente zucchero e miele, almeno all’apparenza? Il ruolo di Salvini e di Giorgetti prenderà una marcata differenziazione nell’orizzonte amministrativo d’autunno o stringerà di più i vincoli di lealtà con l’opponente Giorgia forte dei suoi Fratelli?

Infuriato Luigi De Magistris, affiancato da un ancor più furente Carlo Tansi («Il differimento del voto a dopo l’estate – aveva detto l’altro ieri l’ex capo della Protezione Civile calabrese – sarebbe una lesione della democrazia»), perché la sua prodigiosa avanzata in Calabria troverà una brusca frenata.  Fino a ieri mattina, quando ancora si pensava ragionevolmente al 9 giugno come data probabile per il voto, la confusione grillini-dem in regione giocava a suo favore e si poteva persino immaginare un passo indietro del centrosinistra (che avrebbe potuto ritirare la candidatura di Irto) per un patto “scellerato”, unica soluzione per fermare il centrodestra. Fino a ieri mattina metà dei grillini  mostrava, senza nasconderlo, una crescente simpatia per l’avventura civica degli arancioni, rifiutando di sostenere il vicepresidente Nicola Irto. Oggi, lo scenario cambia, anzi viene stravolto completamente. E se da un lato si profila una “rinascita” dei pentastellati grazie a Conte-Mandrake, dall’altro le dimissioni (annunciate, non ancora confermate) di Zingaretti fanno mutare totalmente il quadro a sinistra. Poco prima dell’annuncio delle dimissioni («Mi vergogno che nel Pd, partito di cui sono segretario, da 20 giorni si parli solo di poltrone e primarie, quando in Italia sta esplodendo la terza ondata del Covid, c’è il problema del lavoro, degli investimenti e la necessità di ricostruire una speranza soprattutto per le nuove generazioni») Zinga aveva provato a far entrare in giunta i grillini con il placet dei dem (ma non degli stessi pentastellati), lasciando però autonomia per le elezioni amministrative. L’assemblea dem prevista per il 13 marzo – confermata, anche alla luce dell’annuncio di Zinga – dovrà affrontare e risolvere una crisi che ha radici lontane e che non promette niente di buono. Meno che meno in Calabria, dove – com’è noto – non si fa da anni il sempre richiesto congresso, il partito è commissariato e la sua anima divisiva trova ogni giorno motivi di ulteriori disagi di convivenza.

Diciamo la verità, con tutto il rispetto per la ministra Lamorgese che ha scelto la via della cautela con il rinvio, il Governo, almeno per la Calabria poteva tentare di fissare il voto regionale a giugno, salvo a un eventuale, se inevitabile, rinvio: la situazione pandemica in regione non è preoccupante rispetto alla situazione del Paese, e si sarebbe dovuto tenere presente che i calabresi sono senza governo dal 16 ottobre, con tutto il rispetto per il massimo impegno che il vicepresidente (non eletto dal popolo) Nino Spirlì sta profondendo dal primo giorno del suo mandato di presidente  facente funzioni. La regione e la Regione sono ferme, non ci possiamo permettere di stare ancora a guardare le rapine del Nord e l’indifferenza della classe politica (inclusa buona parte di quella calabrese).

Ha detto Nicola Irto: «Prendo atto del rinvio delle elezioni regionali al prossimo autunno. Le decisioni del governo, dettate dall’emergenza Covid, vanno rispettate. Ma questa non è una buona notizia per la Calabria che ha bisogno di votare al più presto per restituire ai cittadini una giunta regionale legittimata democraticamente». Secondo il vicepresidente del Consiglio regionale « i cittadini calabresi hanno bisogno di punti di riferimento veri in un momento decisivo per il futuro, nel quale bisognerà vigilare sull’operato di chi sta mal governando la regione e occorrerà soprattutto elaborare, come già stiamo facendo, proposte concrete sui temi della sanità, del Recovery plan, delle aspettative degli enti locali, della crisi delle imprese, delle difficoltà delle famiglie e dei giovani, delle persone fragili, per quel ‘diritto al futuro’ che la nostra Calabria non può più attendere oltre. La pandemia, la crisi economica e sociale che vivono anche i calabresi, richiedono scelte politiche forti e condivise con i territori e le comunità, gli enti, le organizzazioni».

Forti perplessità ha espresso De Magistris su un provvedimento che «arriva a comizi già indetti e a raccolte di firme in atto, con Carlo Tansi che le aveva raccolte per la seconda volta e noi le stavamo raccogliendo». Il sindaco di Napoli, candidato presidente, ha detto di condividere il rinvio, ma – ha detto – «non comprendo e non comprendiamo sinceramente perché non rinviarle ad esempio nella seconda metà di giugno, quando anche l’esperienza dell’anno scorso dimostra che la pandemia subisce un crollo».  Secondo De Magistris «adesso ci saranno le restrizioni che allenteranno il contagio, il piano vaccinale che si presume a giugno sia entrato nel vivo. E poi un decreto legge consente in sessanta giorni, prima della conversione, di verificare l’andamento pandemico. Quindi è molto grave il rinvio in autunno perché si lascia una regione strategica del nostro Mezzogiorno e del nostro Paese senza presidente eletto dal popolo, guidata da un vicepresidente nominato che non ha la legittimazione popolare per governare. Per sei mesi accadrà questo e, quindi, grande vigilanza democratica, e noi la faremo, perché non si utilizzino questi mesi – ha dichiarato de Magistris – per fare cose che un vicepresidente non eletto non è nelle condizioni di poter fare. Sarà tempo che si perde per il Recovery Found, per affrontare il dramma sanitaria, la pandemia sociale ed economica, il lavoro».

Lamentarsi non serve, ma non è vero che non c’è via d’uscita. Si tratta di un decreto che andrà convertito in legge entro il 4 giugno, previa discussione in aula. Una postilla per la Calabria – sempre che l’approvazione sia rapida – potrebbe prevedere una deroga per far votare i calabresi entro metà giugno. Facile a dirsi, ma bisognerà capire a chi conviene anticipare i tempi e a chi risulterà utile ritardare la chiamata alle urne. Facendo i conti, la decisione spetta al gruppo più consistente della Camera, quello dell’ex governo Conte. Ma sia ai dem che ai grillini farà più comodo votare in autunno. Auguri, povera Calabria! (s)

Francesco Aiello (ex candidato governatore) contro De Magistris, candidatura sbagliata

È estremamente critico sulla posizione di de Magistris a proposito delle prossime elezioni regionali in Calabria. Il prof. Francesco Aiello, docente dell’Unical, già candidato presidente alle passate elezioni regionali con la lista Calabria Civica con il sostegno del Movimento Cinque Stelle, in una dichiarazione all’agenzia Adnkronos, ha spiegato perché ritiene divisiva la candidatura del sindaco di Napoli che, sicuramente, finisce col favorire il centrodestra.

«La candidatura di De Magistris, e le altre che vanno a pescare nello stesso bacino elettorale del civismo e del centro sinistra – ha detto Aiello –, purtroppo sono candidature che impoveriscono la possibilità di poter vincere e di avere un’alternativa al centrodestra. L’elettorato del centrodestra è abbastanza compatto e l’alternativa è frazionata, quindi matematicamente si ripropone lo stesso schema del gennaio 2020, e a vincere sarà necessariamente il candidato che può contare su un’alleanza coesa, che in Calabria ha solo il centrodestra. La candidatura di De Magistris, infatti, può arrivare al 20%, massimo 25, e alla stessa percentuale può arrivare il secondo candidato che pesca nello stesso bacino elettorale. Numericamente, dunque, vince in maniera automatica il centrodestra. Il voto a De Magistris, dunque, sarebbe un voto inutile per lui e per il centrosinistra che ruota intorno al Pd. Certo, il 20% sarebbe un risultato straordinario dal punto di vista individuale, e anche per chi sta intorno a De Magistris e lavora per avere uno scranno a palazzo Campanella, ma sarebbe un successo personale e allo stesso tempo un fallimento e una sconfitta collettiva, perché si consegnerebbe la Calabria di nuovo alla destra, una destra che in questi ultimi mesi ha dimostrato di non avere una visione, e noi abbiamo bisogno di persone che sappiano guardare al di là dei tempi della prossima legislatura».

Il prof. Aiello ha detto di non credere «molto in questa operazione e in questi slogan di rinnovamento, cambiamento, rivoluzione, sono parole prive di contenuto. Ecco perché penso che de Magistris non potrà attirare in massa il voto dei calabresi. Sono un calabrese doc, conosco molte personalità calabresi in grado di poter fare il presidente della Regione Calabria. Quindi mi associo a tutti coloro che pensano che dovrebbe cessare la fase storica in cui la soluzione dei nostri problemi e la costruzione del nostro futuro debb essere delegata a forze esterne. Dovremmo essere capaci e assumerci la responsabilità politica e sociale di autodeterminarci, e credo che sapremmo farlo».
Secondo Aiello, infatti, «ci sono personalità di spicco che potrebbero tranquillamente svolgere un ruolo di questa natura in maniera altrettanto positiva rispetto a quella che si immagina possa fare De Magistris. Non si capisce perché dovremmo avere l’ennesimo commissari in Calabria, perché di questo si tratterebbe. Ma i prossimi anni saranno determinanti, saranno un’occasione storica per la Calabria e per chi vuole puntare al rinnovamento e al cambiamento. I soldi che arriveranno in Calabria saranno unici, e per questo ammontare di risorse nazionali e comunitarie occorre programmare bene, che significa non guardare solo alla prossima legislatura, perché ciò determinerà il cambiamento del modo di vivere e delle prospettive di crescita per i prossimi 30 o 40 anni. Ecco perché è importante avere una figura che abbia determinate caratteristiche ma anche una visione di insieme rispetto a quelle che sono le problematiche della Calabria». (rrm)

NICOLA IRTO DICE SÍ ALLA PROPOSTA DEM
MA CHIEDE DI AZZERARE LE CANDIDATURE

di SANTO STRATI – È un sì convinto, ma insieme sofferto, quello dell’ex Presidente del Consiglio regionale Nicola Irto (oggi alla vicepresidenza) alle tante sollecitazioni pervenute dopo l’ “investitura” ricevuta lo scorso 8 febbraio a Lamezia Terme: accetta di correre a Presidente della Regione per il centro sinistra. Badate bene, per il centrosinistra, non solo per il PD. Irto ha ben chiara la situazione e non fa questione di nomi ma di progetto politico: gli errori del passato (Pippo Callipo, per essere chiari) devono servire da monito per evitare di rifare un capitombolo con esiti disastrosi. Ovviamente, se si parla di progetto politico del centrosinistra non si può far finta di non vedere che Luigi De Magistris sta facendo un’intensa campagna elettorale con l’obiettivo di essere il candidato unico della sinistra, supportato dai movimenti civici e, possibilmente, da buona parte dei dem e di quel che rimane dei grillini.

Irto, però, per quanto giovane e candidamente “inesperto” dei vecchi giochi della politica non può essere considerato uno sprovveduto: anzi con il comunicato diffuso ieri sera dimostra di avere idee ben precise e pone precise condizioni. «Ragioni di carattere privato, e non certamente di furbizia o calcolo di natura politica – ha dichiarato –, mi hanno spinto a chiedere al mio partito qualche giorno di tempo prima di far mia la proposta, avanzata ufficialmente dal Pd, di candidarmi alle prossime elezioni come Presidente della Regione Calabria, in uno schieramento che non potrà che scegliere con nettezza l’intero mondo calabrese del centrosinistra e, se possibile e con ancor più nettezza, l’Europa con tutti i suoi vantaggi e tutte le sue spinte rinnovatrici.

«Oggi, che ho potuto meglio verificarlo, ho scoperto di essere stato nei giorni scorsi raggiunto da sollecitazioni pressanti di ogni tipo, provenienti da un’ampia fascia della Calabria, quella che punta a un cambiamento reale. Una pioggia di messaggi e sollecitazioni di amministratori locali, professionisti, esponenti del mondo intellettuale, militanti del mondo sindacale, rappresentanti delle associazioni di categoria, miei vecchi amici dell’università e del volontariato, impegnati su fronti delicati che aspettano risposte.
«Sanno tutti che non ho mai chiesto niente alla politica e forse proprio per questo sono stato oggetto di richieste sempre più massicce d’impegno alle quali non mi sono mai sottratto. Neanche in questa occasione ho chiesto nulla. La politica e la disponibilità a servire i calabresi sono le mie passioni. Verrà un momento in cui non ce ne sarà più bisogno e tornerò alle mie attività private e al mio lavoro. Intanto, come sempre, oggi mi rimetto al servizio del partito di cui faccio parte e del collettivo, aperto e ampio, dentro cui mi sono sempre collocato, alla pari con tutti gli altri. Donne e uomini assieme a cui abbiamo sognato e continuiamo a sognare una Calabria migliore, capace di affrontare e sciogliere le sue stridenti contraddizioni, allentando da subito la nostra situazione sociale e facendo crescere pari e reali opportunità per tutte e tutti, a cominciare dalle nuove generazioni.
«La mia risposta alle richieste è sì. Sono disponibile a guidare una coalizione riformista allargata, capace di cambiare la Calabria. Sono convinto che si costruirà uno schieramento adatto a vincere le prossime elezioni regionali. Uno schieramento riformista chiaro, idoneo a tenere insieme il mondo politico, civico e culturale del centro e della sinistra, di tutti i democratici ed europeisti. Però, siccome il mio sì non è dettato da egoismi e da interessi personali, sono personalmente disponibile, senza riserva alcuna, ad un azzeramento totale di tutte le candidature che possono dividere il centrosinistra, purché dentro un rigido progetto riformista e senza accordi che prevedano spartizioni di poltrone e di prebende. Ma bisogna essere chiari. Il voto, al di là delle incertezze imposte dal virus, è alle porte. I tempi per avere un rapporto politico reale e diffuso coi  calabresi sono ristrettissimi».
E qui la richiesta – apprezzabilissima – di Irto: «Se si azzereranno entro 48 ore tutte le autocandidature fin qui emerse nell’ambito del mondo del centrosinistra e si configurerà una soluzione unitaria e definitiva, chiederò io stesso per primo al mio partito di sospendere, e dopo, se necessario, di cancellare la mia candidatura a presidente. Se, invece, passato questo tempo il mio appello dovesse cadere nel vuoto e non verrà accettato, diventerà chiaro che c’è chi gioca a ridurre ancor di più il tempo necessario allo svolgimento di una proficua campagna elettorale. Ma è nostro dovere, per il bene della Calabria, uscire da queste sabbie mobili e andare avanti per dare un governo riformista e di cambiamento alla nostra regione, per vincere e bloccare la destra. Io sarò in prima linea, con tutto me stesso, per respingere con forza e determinazione qualsiasi tipo di populismo che rischia di isolare la Calabria negli anni decisivi per il futuro del Paese e lavorerò per l’affermazione di una regione che crei opportunità e solidarietà per tutti, che valorizzi donne e giovani, che si liberi dalla povertà, dalla ‘ndrangheta e da ogni tipo di illegalità».
Cosa vuol dire Irto? Che la frammentazione che si sta prospettando tra dem, cinquestelle, sinistra alternativa e movimenti civici non può portare a niente di buono. Occorre – secondo Irto – ripartire da zero e individuare il progetto politico di respiro progressista e riformista su cui far convergere l’attenzione non solo del popolo della sinistra, ma degli elettori, quelli più disorientati, quelli delusi dalla politica, che cercano soluzioni e proposte degne di considerazione. De Magistris è convinto di poter andare avanti da solo, l’ing. Domenico Gattuso del Movimento 10 Idee per la Calabria, ha lanciato, da parte sua, la proposta di azzerare tutto e puntare su una figura “esterna”  in grado di cogliere consensi tra le tante anime della sinistra, Anna Falcone, e i movimenti civici (tipo quello di Pino Aprile) credono di poter scuotere l’elettorato, ma bisogna aprire gli occhi e fare i conti con la realtà dei numeri. Quello che sta facendo l’ex presidente del Consiglio regionale.
Ragioniamo per un attimo: il centrodestra si presenta coeso (la Lega, dopo la risibile proposta di Matteo Salvini di candidare Nino Spirlì a governatore per dare continuità alla Presidenza, appoggerà Roberto Occhiuto e anche Fratelli d’Italia e le altre forze di destra sono propensi a deporre l’ascia di guerra e fare battaglia comune. Di fronte a questo blocco, è evidente che il centrosinistra deve giocare carte importanti e tessere alleanze anche non gradite.
De Magistris e Tansi, per male che vada, il loro posto in Consiglio regionale ce l’hanno assicurato, ovviamente come consiglieri di minoranza. Ma, se per ipotesi, De Magistris dimenticasse l’opzione che il Pd possa essere costretto a votarlo pur di battere la destra, rinunciando a un proprio candidato, forse potrebbe osservare che c’è un orizzonte diverso. Dove un’intesa, previo azzeramento delle attuali candidature degli arancioni sbandierate ad ogni dove, su un candidato unico autorevole e apprezzabile del centro sinistra, su cui far convergere i consensi dei movimenti civici, potrebbe non solo confermare il posto in Consiglio regionale, ma addirittura (in caso di vittoria) un posto di governo.
È fin troppo evidente che l’intesa raggiunta nelle scorse settimane tra Tansi e De Magistris è figlia della constatazione per l’ex capo della Protezione civile che non ha i numeri per imporre – come aveva sperato – la sua candidatura a Presidente. E  la promessa di avere la Presidenza del Consiglio è puro fumo negli occhi, perché comunque, anche se risultasse presidente De Magistris, non gli competerebbe come nomina, che com’è noto viene espressa dall’assemblea. Da qui la primazia del sindaco di Napoli a puntare su Germaneto, ma non ha i numeri e non è detto che, obtorto collo, i dem siano disposti al suicidio politico e gli riconoscano il ruolo dell’unico condottiero in grado di portare il centrosinistra alla vittoria. De Magistris dovrebbe, allora, fermarsi un attimo a riflettere: se insiste a voler guidare la coalizione (che in atto non esiste) il massimo cui può aspirare è un seggio in Consiglio, all’opposizione; se invece, ingoia il rospo, e si mette a disposizione di un altro leader (ovviamente condiviso) del centrosinistra ha buone aspettative di entrare nel governo regionale. Tutto questo, Irto non lo può, per ovvie ragioni, dire, ma il senso della sua proposta sottintende proprio questo. Riuscirà De Magistris a convincersi che avrebbe tutto da guadagnare a fare il gregario? Ci sono 48 ore per decidere. (s)

REGIONE, BERLUSCONI SVELA IL CANDIDATO
FORZA ITALIA SCEGLIE ROBERTO OCCHIUTO

di SANTO STRATI – Mentre prende sempre più piede la probabile nomina a sottosegretario del forzista Roberto Occhiuto, il presidente Silvio Berlusconi gli rinnova la sua fiducia, prima designandolo come capogruppo vicario a Montecitorio, poi annunciando che è il candidato ufficiale di Forza Italia per la poltrona di Governatore della Calabria. Da tempo era stato indicato il nome del più giovane dei fratelli Occhiuto (Mario è l’attuale sindaco di Cosenza) come candidato ideale per Germaneto e, soprattutto, per guidare le truppe azzurre verso una vittoria quasi scontata delle destra. Quasi scontata perché non è ancora chiaro il disegno politico della sinistra che giocando per perdere facile.

I due “ragazzi irresistibili” Luigi De Magistris e Carlo Tansi hanno trovato l’intesa giusta per affrontare la contesa elettorale senza beccarsi a vicenda, sottraendo consenso l’uno all’altro: il sindaco di Napoli è il candidato presidente a capo della coalizione “arancione”, Tansi farà il capolista del suo movimento Tesoro di Calabria: uniti e con l’appoggio delle altre forze di sinistra costituiscono un’interessante base di confronto con il centrodestra, ma se viene a mancare loro l’apporto di cinquestelle e dem, potranno al massimo spuntare un paio di consiglieri regionali. Il che, tutto sommato sarebbe comunque un buon risultato per entrambi: De Magistris dal 9 giugno è ufficialmente “disoccupato” e Tansi vuole la rivincita sulle passate consultazioni.

Com’è noto, il Partito Democratico (in Calabria) ha indicato Nicola Irto, l’ex Presidente del Consiglio regionale, oggi vice, il quale pur ringraziando della designazione, mantiene ancora intatta la sua riserva. E ne ha ben ragione: l’ipotesi di tentare un accrocco per la Regione sul modello del fu governo Conte 2 (cinquestelle e dem insieme) sta trovando ostacoli seri, soprattutto in casa grillina e appare difficile immaginare, anche in presenza della più che certa spaccatura del Movimento, di trovare i voti necessario per portare a casa un risultato positivo. De Magistris da un lato (con la tentazione pentastellata di appoggiarlo senza presentare una lista propria) e i dem dall”altro significano solamente dispersione di voti e vittoria servita a tavolino al centro destra. A questo punto l’alternativa possibile per i dem è fare coalizione (accantonando il giustificato maldipancia di qualche politico calabrese) proprio con gli arancioni, al solo fine di non permettere alla triade Forza Italia-Lega-Fratelli d’Italia di riprendersi la Cittadella di Germaneto. Proprio domani sarà un anno esatto che la compianta Jole Santelli prendeva possesso di Germaneto, ma l’eredità della governatrice, scemati l’eco mediatica e l’effetto psicologico della commozione che avrebbero aiutato il centro-destra nella riconquista del potere se si fosse votato subito, è fin troppo modesta per garantire una vittoria certa. Una lezione l’hanno, però, imparata al centro-destra: se uniti rappresentano una forza temibile, ma non invincibile, quindi una qualsiasi debolezza potrebbe rivelarsi letale. Così, il ritardo nell’annuncio del candidato di centro-destra stava cominciando a impensierire il popolo che non vota a sinistra: tra disorientamento e perplessità, fin troppo facile la tentazione di non andare proprio alle urne, con le immaginabili conseguenze, tutta a favore della parte avversaria.

I movimenti civici avrebbero, obiettivamente, la possibilità – se convincono dem e cinquestelle – di ottenere un risultato sorprendente, considerato il consenso di molti gruppi affascinati dall’esperienza di sganciamento dai partiti tradizionali. il Movimento 10 idee per la Calabria, per esempio, che alle passate elezioni sosteneva Pippo Callipo, ma non riuscì neanche a raccogliere le firme necessarie per presentare una propria lista, ha lanciato la proposta di unire «le forze sane per fermare la destra e la Lega».

«Nella scorsa tornata delle elezioni in Calabria – si legge in un documento – le forze in campo che si opponevano al Centrodestra si sono presentate divise, con tre candidati Presidenti diversi e alternativi; purtroppo  si è visto come è andata, con una vittoria della destra peggiore. E con il 15% di elettori che non hanno potuto vedere eletto neppure un consigliere (Liste Tansi e Aiello sotto la soglia dell’8%). È sempre difficile fare la storia con i se, ma se in quell’occasione si fosse andati uniti, la somma dei consensi di tutte le forze che si opponevano al Centrodestra, avrebbe consentito, forse, di competere per la vittoria, soprattutto con il concorso di molti elettori tradizionali del Centrosinistra che, in previsione di una sconfitta annunciata, hanno rinunciato al voto, aumentando oltremisura la percentuale degli astenuti (55,7%). Oggi, ancora una volta, la storia sembra ripetersi e, pur in assenza di una data certissima per lo svolgimento delle elezioni, ci si appresta a marciare divisi, con poche o nulle possibilità di vittoria di una delle singole componenti, ancorché in presenza di una coalizione di destra che, questa volta, appare mena vigorosa rispetto alle precedenti elezioni». E allora, dice Domenico Gattuso leader del Movimento 10 idee, «azzeriamo tutto, ritirando ogni candidatura velleitariamente avanzata» e ripartiamo con «la costruzione unitaria di un Progetto politico solido, di un Programma di governo essenziale e condiviso». E con quale candidato? Gattuso ha un’idea al femminile e propone Anna Falcone, avvocata calabrese che vive a Roma, molto vicina a De Magistris. Ma la diretta interessata, lusingata ma già invitata a sua volta dal sindaco di Napoli a mettersi in lista con lui,  metterebbe in discussione la stima (reciproca) che c’è con De Magistris? Anche nel civismo non mancano dunque tentazioni di attrito a proposito di leader che si autonominano, senza ascoltare il territorio.

Per questo, l’annuncio in prima persona di Berlusconi sottintende l’esigenza di eliminare dubbi a sinistra sulla compattezza del centro-destra. Occhiuto ha le carte in regola e ha più volte mostrato, nei suoi interventi a Montecitorio, di avere a cuore le sorti della Calabria: per esempio, nel dibattito sul Recovery Plan ha vivacemente contestato la prima bozza del documento varato dal Governo Conte, ma sul suo nome dovranno esprimersi Salvini e la Meloni per ufficializzare la candidatura e avviare la campagna elettorale calabrese che si preannuncia ricca di colpi di scena.

Prima che Berlusconi, lo scorso anno, decidesse di candidare la Santelli, Roberto Occhiuto sembrava l’opzione più adeguata dopo l’obbligata rinuncia del fratello Mario, ma il fuoco amico cosentino, guidato dall’ex senatore Piero Aiello e da Pino Gentile, ha avuto la meglio. Si ripeterà lo stesso copione?  E soprattutto una candidatura lanciata qualche giorno prima delle nomine di sottogoverno (viceministri e sottosegretari) non nasconde una strategia (in casa forzista) per togliere di mezzo un candidato fin troppo ideale? L’Ordine britannico della Giarrettiera ha come motto “honi soit qui mal y pense” e Andreotti l’aveva tradotto e adattato a sua misura: a pensar male si fa peccato, ma spesso ci s’azzecca. Parole sante, date le circostanze. (s)