Due calabresi a Sanremo per la finale di “Grandi Festivals italiani”

Tra i finalisti del Grandi Festivals italiani, in programma questa sera a Casa Sanremo, ci sono due calabresi: la giovane 19enne Claudia Messina, di Squillace, e il 17enne Tommaso Sabatino, cantautore di Corigliano Rossano.

I due devono la loro presenza all’importante kermesse grazie al festival Una voce per lo Ionio, il concorso per voci nuove ideato e diretto dal Maestro Christian Cosentino. Insieme a loro, altri 14 finalisti che saranno giudicati dal direttore artistico, il Maestro Vince Tempera III e dalla Commissione Artistica per le sezioni interpretiinediti nuove proposte.

«I giovani artisti calabresi – ha dichiarato il Maestro Cosentino – si sono guadagnati questa importante passerella grazie al circuito dei Grandi Festivals italiani, di cui Una voce per lo Ionio fa parte, e avranno, ancora una volta, la possibilità di mettere in evidenza le proprie doti canore e artistiche su un palcoscenico importante, in una prestigiosa vetrina internazionale». (rrm)

In copertina, i vincitori della 13esima edizione del Festival “Una voce per lo Ionio”

CROTONE – I premi dei big di Sanremo sono del Maestro Affidato

Anche quest’anno, il Festival della Musica Italiana di Sanremo, giunto alla 70esima edizione, sarà arricchita dall’arte del Maestro orafo crotonese Michele Affidato.

Il Maestro, infatti, ha realizzato i premi che saranno consegnati ai big della musica e, fra questi, ci sono il Premio della Critica “Mia Martini”, sia per la sezione nuove proposte che campioni e il Premio Sala Stampa “Lucio Dalla”.

Il Premio alla Critica “Mia Martini” è una scultura che raffigura una chiave di violino con dei fiori ed il leone, simbolo di Sanremo, mentre il Premio Sala Stampa “Lucio Dalla”, che viene assegnato agli artisti in gara dai giornalisti radio, web e tv per entrambe le sezioni.

Novità di quest’anno, la Chiave d’Argento di Casa Sanremo realizzata da Affidato, che sarà consegnata ad un personaggio simbolo del Festival dal patron di Casa Sanremo, Vincenzo Russolillo e dal presidente Rai Pubblicità, Antonio Marano.

Si tratta di un’opera preziosa realizzata in argento con laminature in oro e zaffiri. Nell’iconografia generale, la chiave è simbolo dell’apertura di casa: in questo caso, servirà ad aprire le porte di Casa Sanremo, la Casa del Festival, che come ogni anno realizza con successo diversi eventi legati alla kermesse.

Michele Affidato, da diversi anni, realizza anche quei premi speciali che quest’anno andranno ad altri personaggi illustri. Il Premio Numeri Uno – Città di Sanremo, ideato da Ilio Masprone, già assegnato a Pippo Baudo, Al Bano Carrisi, Tony Renis, Rita Pavone, Toto Cutugno e Iva Zanicchi.

Quest’anno, a ricevere la scultura raffigurante una palma con il numero uno, sarà Fausto Leali. La scultura realizzata per il Premio Dietro le Quinte, invece, è destinato a personaggi che contribuiscono, appunto da dietro le quinte, a rendere popolare la kermesse canora a livello nazionale ed internazionale.

Anche l’Afi (Associazione Fonografici Italiani), con cui Affidato collabora già da numerose edizioni del festival, ha incaricato il Maestro di realizzare lo storico premio alla carriera. Sarà il presidente Sergio Cerrutti a consegnare la scultura stilizzata che raffigura il logo dell’Afi a diversi artisti presenti al festival, i cui nomi verranno svelati nel corso della settimana.

Non meno importanti anche i premi Soundies Awards per i 2 miglior videoclip degli artisti in gara al Festival, un riconoscimento per la creatività sprigionata attraverso i videoclip che rappresentano in pieno i testi e la musica dei brani proposti tra le categorie dei Big e delle Nuove Proposte e ancora le opere realizzate per Musica contro le Mafie Words and Awards.

«Sono diversi anni – ha dichiarato il Maestro Affidato – che la mia arte è presente al Festival di Sanremo, una vetrina importante per la musica italiana nel mondo. Come sempre premieremo diversi artisti, ma saremo impegnati anche con il Convegno Unicef a cui tengo in maniera particolare».

Anche quest’anno, infatti, è stato organizzato un convegno, nella vetrina di Casa Sanremo, dove saranno trattati temi vicini ai bambini che soffrono particolari situazioni di povertà, che sarà moderato dall’avv. Cataldo Calabretta. (rkr)