SANT’ANDREA APOSTOLO DELLO JONIO (CZ) – Il dizionario Italiano-Andreolese

Sono circa 1.800 le pagine che compongono il Dizionario Italiano-Andreolese, l’opera realizzata dal prof. Enrico Armogida di Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, che aspetta di essere pubblicata.

 

ArmogidaUna impresa titanica quella del prof. Armogida, che già nel 2008 aveva realizzato una prima edizione del Dizionario – edito da Rubbettino – composto da 1.300 pagine e, che oggi, offre un lavoro unico nel suo genere, valido per tutto il Sud Italia e, in particolare, per l’area linguistica jonica che va dalla Puglia Salentina fino alle “Terre del Commissario Montalbano” (le province di Siracusa e Ragusa e persino di Agrigento) e, in pratica, tutta la Sicilia.

Uno strumento assai utile, quindi, per una popolazione di decine di milioni di persone. Non dovrebbe essere difficile per il nostro professore reperire i fondi con le prevendite, con i patrocini anche economici da parte di enti pubblici e privati, ma anche di associazioni e aziende che credono nel territorio.

Da qui, l’appello di rendere fruibile l’opera alle Associazioni degli andreolesi esistenti in Italia e all’estero, in particolare all’Ara (Associazione Romana degli Andreolesi) e all’Ama (Associazione Milanese degli Andreolesi) che hanno curato la presentazione del primo Vocabolario.

«Lo dovrebbero capire, innanzi tutto – si legge in una nota del giornalista Domenico Lanciano, che ha reso nota l’opera del prof. Armogida – le Istituzioni territoriali (dal Comune all’Unione dei Comuni, dalla Provincia alla Regione, dalle Università alle Scuole di ogni ordine e grado), ma anche le Aziende, le Associazioni culturali locali, le Biblioteche, le famiglie. Uno speciale appello va agli studiosi, agli intellettuali, ai professionisti e a tutti coloro che amano la propria Terra e, in particolare, il nostro dialetto (come i gruppi folk, i cantautori, gli aspiranti artisti e scrittori, ecc.), poiché un vocabolario così è un mezzo indispensabile per operare, ma anche per prendere coscienza del valore e della consistenza della Storia e della Cultura delle nostre Genti. Di noi stessi». 

«Contribuendo al nuovo “Dizionario Italiano – Andreolese” di Enrico Armogida – ha proseguito Lanciano – non soltanto faremo un bene a noi stessi e alla nostra comunità territoriale e regionale, ma contribuiremo a salvare i dialetti, italiani ed esteri, ovvero uno dei più grandi ed essenziali patrimoni dell’umanità».

«Il mio paese natìo, Badolato – ha concluso Lanciano – non ha ancora un vero e proprio Dizionario o Vocabolario (nonostante ci abbiano tentato in precedenza lo scrittore Nicola Caporale e nonostante l’impegno assiduo dell’Associazione culturale La Radice). Perciò l’Opera di Armogida è indispensabile per noi badolatesi così come per tutte quelle comunità meridionali che non hanno ancora un sistematico Vocabolario del proprio dialetto. Quindi, è molto utile appoggiarci all’Opera completa del prof. Armogida (Andreolese – Italiano del 2008 e Italiano – Andreolese di prossima uscita) come assai utilmente sto facendo io, ricavandone non soltanto tanta istruzione, ma anche tanta autentica gioia e pace interiore. Provare per credere!». (rcz)

 

SANT’ANDREA APOSTOLO (CZ) – Il raduno corale dei canti natalizi

3 gennaio 2019 – Questo pomeriggio, a Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, alle 18.00, presso la Chiesa del Sacro Cuore, il 17esimo Raduno Internazionale di Canti Natalizi.

La manifestazione è stata organizzata dall’Associazione Culturale Schola Cantorum Officium, rientra nella programmazione della Regione Calabria “Interventi per la valorizzazione del sistema dei Beni Culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria”. 

L’evento, allestito e coordinato dal direttore artistico, il Maestro Christian Cosentino, prevede la partecipazione di tantissimi giovani calabresi, protagonisti di eventi nazionali ed internazionali.

La serata, condotta da Domenico Milani, vedrà i giovani esibirsi nei brani natalizi più famosi, da quelli della tradizione europea ai classici americani, con degli arrangiamenti originali per una formazione orchestrale moderna.

Protagonisti di questa serata saranno il Coro Polifonico Schola Cantorum Officium; Sofia Benincasa e Francesca Scicchitano, vincitrici dell’ultima edizione del Festival Una Voce per lo Jonio; Fabiana Princi, vincitrice dell’edizione 2017 del Premio Mia Martini; Giovanni Khalifa, vincitore dell’ultima edizione dei Grandi Festivals Italiani; Le gemelle Chiara e Martina Scarpari, già protagoniste a Ti Lascio Una Canzone su RAI 1 e allo JESC 2015 in Bulgaria; Victoria Cosentino, protagonista dell’ultima edizione dello Zecchino d’Oro su RAI 1 e vincitrice dello Zecchino Web;

Ed ancora, Ginevra Vaiti, Nicole Barberio, Antonio Procopio e Anna Crinti, protagonisti di diversi contest musicali negli ultimi anni. Tutti gli artisti, infine, saranno accompagnati dal vivo dall’Orchestra giovanile calabrese. (rcz)