L’OPINIONE / Anna Maria De Rose: Politiche sociali, quali opportunità per la Calabria

di ANNA MARIA DE ROSE – Dai dati forniti dall’ultima Rilevazione Triennale Istat 2019 il Terzo settore in Calabria conta 10.329 Istituzioni No Profit con 11.103 addetti occupati ed assolutamente retribuiti come legge prevede.
Complessivamente, in Italia insistono 362.364 Enti e 861.919 addetti a cui ruotano intorno circa 5.5 mln di volontari. Troppo spesso non si considera l’impatto del Terzo Settore nella nostra Economia e ci si dimentica che esso produce circa il 5% del Pil (Libro Bianco sul Terzo Settore) che equivale a 74,5 Mld di euro. A questo bisogna aggiungere le migliaia di ore di lavoro che gratuitamente i volontari mettono a disposizione.

Non va dimenticato, inoltre, che il Terzo Settore è stato quello che durante la pandemia ha mostrato più resilienza di altri, sapendo reagire efficacemente sia durante la fase dell’emergenza, attraverso le proprie reti, a supporto delle esigenze dei cittadini e dei territori, sia successivamente con la ripresa delle proprie attività ordinarie. Ciò non vuol significare però, che tutti gli Ets non abbiano sofferto del periodo di Pandemia soprattutto se pensiamo a quelle Associazioni di Volontariato o Aps che operano a
supporto di determinate categorie favorendone la socialità e l’inclusione.

Se ripercorriamo quanto accaduto, proviamo a ripensare la nostra Regione, guardando non solo al periodo passato ma anche a
quello futuro, senza la presenza degli Ets sui territori. Si vedrebbe il vuoto assoluto non solamente riguardo alla presenza ed alla qualità dei servizi espletati a supporto della Pubblica Amministrazione quanto soprattutto riguardo a quei servizi direttamente svolti a sostegno dei cittadini e delle fasce più deboli.

Se, quindi, ai numeri sopra indicati aggiungiamo la rilevanza sociale che gli Ets posseggono, va da sé che è un settore che se valorizzato e sostenuto adeguatamente può fare da volano per la ripresa occupazionale seppur conservando la sua vocazione di Settore No Profit. Questa opportunità di considerare il Terzo Settore “strategico” è stata definitivamente sancita dal Decreto Legislativo n. 117 del 2017 che attraverso le sue linee guida pubblicate a Marzo 2021, nonché attraverso l’introduzione del Runts, norma il rapporto tra Pubbliche Amministrazioni ed Ets.
Mettendo insieme tutti i dati a nostra disposizione nonché considerando i fondi previsti dal Pnrr Missione5 “Inclusione e Coesione” (M5) componente M5C2 Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e Terzo Settore che registra risorse assegnate pari a 12,58 Miliardi di euro, si comprende come da un lato la nostra Regione attraverso la co-progettazione e co-programmazione tra Ets, Comuni e Regione, abbia la possibilità di fare quel salto di qualità nella gestione delle Politiche Sociali che tutti auspichiamo, e dall’altro come gli Ets possano svolgere un ruolo trainante nell’aumento del tasso di occupazione, soprattutto nella popolazione femminile che da sempre è più vocata a questo tipo di attività.

La strada da percorrere non è comunque facile se pensiamo che attualmente vi sono bandi già scaduti e altri a scadere nell’immediato e non sappiamo quanti Fondi siano stati avocati con progetti concreti da parte dei destinatari (Regioni,
Province, Comuni altre) ricordando che Milano si è già candidata a ricevere in redistribuzione le risorse non
impegnate dal Sud del Paese.

Ci si chiede, pertanto, se siano state adottate dalle Amministrazioni tutte le misure straordinarie previste per rafforzare gli uffici pubblici di personale specializzato così come prevedono i decreti e si invita, inoltre, la Regione Calabria a terminare con le informazioni previste il Portale Regionale del Terzo Settore, progetto annunciato dall’allora assessore Gianluca Gallo nel lontano 2020, che ancora ad oggi è in allestimento e privo di quelle informazioni necessarie e fondamentali per un completo raccordo tra Cittadini ed Amministrazione nonché “tra soggetti appartenenti a livelli istituzionali diversi”. Lo stesso è
presente a questo indirizzo ancora nella versione beta
https://terzosettore.regione.calabria.it/beta/index.html.

Ci auspichiamo come Cicas che tutto prosegua nella maniera più ottimale perché è l’ultima opportunità che abbiamo a beneficio dei cittadini e di tutte quelle imprese che lavorano nell’indotto del Terzo Settore in Calabria. Restiamo ovviamente a disposizione
degli Ets Calabresi per qualunque necessità o chiarimento in merito. (amdr)
[Anna Maria De Rose è coordinatrice Cicas per la Provincia di Cosenza e commissario Cicas per la Provincia di Crotone]

Metrocity e Terzo Settore a confronto sul bando per la rigenerazione dei beni confiscati alla ‘ndrangheta

La Città Metropolitana di Reggio Calabria si è confrontata con le Associazioni del Terzo Settore, assegnatarie di beni confiscati, per discutere delle nuove opportunità messe a disposizione dall’Agenzia per la Coesione territoriale che, attraverso i fondi del Next Generation Eu, consentiranno di riqualificazione gli immobili sottratti alla criminalità. 

Un incontro definito «utile e proficuo» dal vicesindaco Carmelo Versace e dal consigliere delegato Domenico Mantegna che, a margine del confronto, hanno parlato di «momento di partecipazione essenziale». Presenti, insieme al dirigente Pietro Foti ed al capo di gabinetto Francesco Dattola, i rappresentati di Avis, Adspem, Cai sezione di Reggio Calabria, Croce Rossa Vallata del Gallico, le cooperative sociali Consorzio Macramè e Rose Blu, l’associazione culturale Naima e la società sportiva Reggio Calabria Basket in Carrozzina.

«La rigenerazione dei beni confiscati alle mafie – hanno sostenuto – è una possibilità che la Città Metropolitana non vuole farsi sfuggire. Anche in questo caso, si è deciso di condividere le scelte con chi opera, agisce e lavora quotidianamente proprio in quelle strutture che rappresentano un simbolo di legalità e riscatto etico, sociale e civile ma che, spesso, vengono consegnate agli Enti in uno stato ai limiti dell’agibilità».

«Proprio questo, l’Anci ed il sindaco Giuseppe Falcomatà, da tempo, chiedono una modifica della legge e la possibilità di destinare una parte del Fondo unico giustizia, dove confluiscono i capitali confiscati, alla ristrutturazione dei beni tolti ai boss e consegnati ai Comuni. In attesa che ciò avvenga, è davvero molto importante registrare come l’Agenzia per la Coesione Territoriale abbia deciso di promuovere un avviso pubblico che destina ingenti risorse del Pnrr alla valorizzazione dei beni confiscati».

«Per cogliere questa occasione – hanno concluso Carmelo Versace e Domenico Mantegna – l’amministrazione metropolitana continua a puntare sul metodo della trasparenza e della partecipazione, volendo raccogliere spunti, idee e segnalazioni dalla viva voce degli operatori schierati in prima linea in settori chiave per la comunità agendo da una postazione delicata qual è un locale sottratto alla criminalità».

Quello del “metodo condiviso e partecipato”, infatti, è stato un elemento apprezzato e sottolineato dalle realtà del terzo settore riunite al tavolo odierno di Palazzo Alvaro.  Nel corso dell’incontro, è stato presentato l’avviso pubblico dell’Agenzia per la Coesione territoriale ed è stato stilato un calendario per continuare ad approfondire e redigere progetti che possano consentire di rigenerare gli spazi dei locali confiscati alla criminalità ed in uso agli enti del terzo settore convocati a Palazzo Alvaro.

La Città Metropolitana, infatti, quale Ente destinatario di diversi beni confiscati entrati a far parte del proprio patrimonio indisponibile, intende presentare una o più domande di partecipazione al programma di riqualificazione pianificato dal Governo. (rrc)

Elezioni regionali, l’Associazione Radici Mediterranee: I candidati diano voce al Terzo Settore

È un appello, quello lanciato dall’Associazione di promozione sociale “Radici Mediterranee” ai candidati alla presidenza della Regione Calabria: «dare voce ai soggetti del  cosiddetto Terzo Settore e al territorio di cui essi sono espressione».

«La Calabria – viene spiegato in una nota – ha bisogno di uscire dagli schemi tradizionali di derivazione ideologica, per  intraprendere un cammino di innovazione prima di tutto metodologica nell’analisi dei problemi e  nell’individuazione di strategie di sviluppo.  Per fare questo occorre dare voce a chi ogni giorno opera sul campo nei diversi settori di competenza,  con impegno e dedizione.  Il mondo del volontariato e del terzo settore, rivendica un ruolo attivo e propositivo nel dibattito  politico che si avvierà nei prossimi mesi, dando il proprio contributo di idee e di esperienze che,  certamente, non potranno che arricchire di contenuti le varie proposte che saranno messe in campo  dalle diverse forze politiche». 

«A prescindere dall’appartenenza politica – prosegue la nota – è il civismo quello che si vuole rappresentare, rivendicando  il diritto all’ascolto da parte di tutte le parti politiche in campo. Siamo soggetti che ricevono ogni  giorno le istanze dei cittadini e abbiamo un termometro di quello che vivono le nostre comunità.  Sarebbe importante anche parlare di temi come questo nuovo PNRR che è in arrivo con tantissime  risorse per la nostra regione. Si tratta di un treno che non tornerà mai più e pretendiamo di essere  coinvolti anche in questo». 

«È per questo che, nelle prossime settimane – ha dichiarato il presidente, Antonio Maida — sarà  organizzato dall’Associazione un seminario tecnico scientifico per dibattere su alcuni temi  fondamentali per il rilancio della nostra regione.  Saranno affrontate alcune tematiche di estremo interesse da parte dei cittadini calabresi, alla  presenza di esperti del settore per definire possibili strategie di sviluppo locale, che possano divenire  parte integrante dei programmi elettorali dei candidati». 

«Durante i lavori – conclude la nota – sarà sottoscritto un appello rivolto al modo politico regionale, per il riconoscimento  politico e sociale delle Associazioni (in particolar modo quelle che operano nelle organizzazioni di  volontariato), e per dare vita ad una “rete associativa” che si senta coinvolta e partecipe delle politiche  del territorio». (rcz)

Spirlì: Interverremo a favore dei servizi psichiatrici

Il presidente f.f. della Regione Calabria, Nino Spirlì, insieme al commissario ad acta Guido Longo, e al deputato Francesco Cannizzaro, ha incontrato i rappresentanti delle cooperative del terzo settore che si occupano di persone con disturbi psichiatrici.

«Con il commissario Longo, interverremo in maniera radicale su tutte le criticità rappresentate oggi dalle cooperative che si occupano di persone con problemi psichici. Lavoriamo per garantire una vita migliore ai calabresi più fragili» ha detto Spirlì, aggiungendo che «le organizzazioni del Terzo Settore chiedono una maggiore attenzione rispetto a una serie di problematiche che comprende il sistema contributivo, gli accreditamenti e la riorganizzazione complessiva di un settore lasciato, ormai da troppo tempo, abbandonato a se stesso».

«Le persone di cui si occupano questi operatori – ha aggiunto – meritano una migliore qualità della vita. Non si possono abbandonare pazienti che, dal punto di vista psichiatrico, già patiscono un profondo distacco dal mondo che li circonda».

«Oggi – ha concluso – abbiamo bisogno di aprire le porte della nostra società e di garantire ai calabresi più fragili la possibilità che la loro vita non sia diversa da quella di nessun altro». (rcz)