;
I vincitori del 36esimo Premio Troccoli Magna Graecia

Sabato a Cassano allo Ionio il Premio Nazionale “Troccoli Magna Graecia”

Sabato 28 maggio, alle 18, al Teatro Comunale di Cassano allo Ionio, è in programma la cerimonia di premiazione del Premio Letterario Nazionale Troccoli della Magna Graecia, giunto alla 36esima edizione.

Dopo l’apertura dei lavori e i saluti istituzionali, seguirà il focus di approfondimento su Giovanni Verga nel centenario della morte, letto da Giuseppe Troccoli, a cura di Pierfranco Bruni, presidente del Comitato scientifico del premio. Seguiranno la consegna dei premi, per la sezione saggistica,  a Francesco Maria Spanò, giurista, Direttore delle risorse umane dell’Università LUISS “Guido Carli” per il volume Gerace città magnogreca delle cento chiese (Editore Gangemi); a Giuseppe Procaccini, già Prefetto di Latina, direttore e docente della Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno, nonché Direttore del Centro Studi Americani di Roma, per il romanzo Vite all’incrocio (Nemapress Edizioni); a Giusy Staropoli Calafati, per il volume Terra Santissima (Laruffa editore).  

Per la Sezione Giornalismo il premio sarà conferito a Francesco Siddi, giornalista professionista, Presidente di Confindustria RadioTv, già Consigliere di amministrazione della Rai e Segretario Generale della Fnsi. 

Mentre per la Sezione Ricerca i vincitori sono Rosa Marini, per la tesi di laurea Il battesimo delle bambole tra gioco e inculturazione, (Università della Calabria); Piero de Vita, per l’intensa attività di ricerca scientifica tesa al recupero e alla valorizzazione del Patrimonio demo-etno-antropologico;  e infine, per la prima volta, il riconoscimento è stato conferito a una Scuola, e precisamente  all’Istituto Comprensivo “Casalini” di San Marzano di San Giuseppe (TA) diretto dalla professoressa Maria Teresa Alfonso

La Targa “F. Toscano ofs” è andata a Gregorio Corigliano, giornalista e saggista, già Capo Redattore della sede RAI della Calabria, per il volume Nero di seppia (Pellegrini Editore). Menzione Speciale a Francesco Spingola, infine, per la curatela di Storie sandonatesi (Editore Il Coscile).

Per l’edizione 2022 alcuni creativi, amici e sostenitori del Premio: Mimmo Aloise fotografo, videografo, fotopittore, Giuseppe Di Pressa designer architettonico e di arredo urbano, Enzo Palazzo, scenografo ed artista visivo-concettuale hanno preparato una Collettiva di pittura, grafica e fotopittura (cartella di opere per i vincitori). 

Tra le novità dell’edizione 2022 spicca l’aggregazione  dei Partner istituzionali per la promozione culturale dei territori, ai quali hanno aderito il Comune di Cassano, con gli assessorati alla Cultura e al Marketing territoriale; la Diocesi di Cassano, con il Museo dell’arte sacra  e con la Biblioteca e l’Archivio storico di indubbio valore documentario, dove affluiscono non  solo giovani studenti universitari, ma anche ricercatori per studi e ricerche post laurea; l’Arcidiocesi di Rossano-Cariati col Museo diocesano e del Codex; il Museo dell’arte olearia e della cultura contadina di Trebisacce, diretto  dal prof. Piero de Vita; il Parco archeologico didattico di “Broglio” Trebisacce, diretto dal prof. Tullio Masneri; il Museo della liquirizia “Amarelli” di Rossano, che documenta la sua storia che parte dal 1731 con l’originario impianto del “concio”  proto-industriale; l’Associazione Laghi di Sibari onlus e la Casa editrice Il Coscile diretta da Mimmo Sancineto.

Nuova anche la sezione “Onorare e valorizzare le eccellenze dei giovani nella scuola”, con la testimonianza di tre giovani: la studentessa Claudia Garofalo, della IV F del Liceo scientifico I.I.S.S. ‘Erodoto di Thurii’ di Cassano all’Ionio, e Simone Mainieri ed Emmanuel Pio Pastore entrambi della quinta A del Liceo Scientifico “Mattei” di Castrovillari che hanno raggiunto ragguardevoli traguardi nelle Olimpiadi di filosofia e matematica. Conduce la serata Andrea de Iacovo(rcs)