Comitato bronzi: aria di bufera e distinguo del sindaco di Riace Antonio Trifoli

L’organizzazione delle iniziative per la celebrazione del 50° del ritrovamento dei Bronzi nel mare di Riace, partita in ritardo, rivela ogni giorno la necessità di un più coerente coordinamento per evitare improvvisazioni e pressapochismi.

È di stasera la puntualizzazione piccata del sindaco di Riace, Antonio Trifoli: «Intendo smentire – ha scritto in una nota inviata alla stampa – la mia presenza presso Palazzo Alvaro ieri alla riunione “convocata” dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria con oggetto le celebrazioni dell’anniversario dei Bronzi di Riace. Con il dovuto rispetto per le Istituzioni tutte che rappresentano il territorio della Provincia di Reggio Calabria, sono tuttavia costretto a prendere le distanze da quanto asserito in queste ore ed erroneamente comunicato. Apprendo infatti dagli organi di informazione di aver partecipato al suddetto incontro. Ma in realtà non è stato affatto così. E non ritengo questo un atteggiamento rispettoso nei confronti dell’Amministrazione di Riace, intenta esclusivamente a valorizzare il proprio nome, quello dei Bronzi, di Reggio e della Calabria. Motivo per cui, sin da subito e sempre, abbiamo sposato a pieno come Amministrazione comunale le iniziative ed il modus operandi della Regione, ispirato ad una visione collettiva e coordinata delle celebrazioni dei nostri Guerrieri, volta al coinvolgimento istituzionale di tutti i livelli.
«Pertanto, non capiamo adesso il senso di “convocare” una riunione sul tema, a seguito delle decisioni sinergicamente prese seduti tutti insieme al tavolo della Cittadella regionale appena la scorsa settimana, quando con tutti gli attori coinvolti è stato condiviso all’unanimità il progetto di un percorso di gruppo, costituendo di conseguenza il Coordinamento unico regionale. Non condividiamo dunque l’atteggiamento assunto adesso dalla Città Metropolitana. Correre da soli non ha alcun senso, oggi più che mai. Ancor meno se l’unica certezza che si ha è costituita dai fondi stanziati dalla Regione Calabria con gran lavoro e fatica del Vicepresidente Princi e del Presidente Occhiuto. ad oggi è solo grazie a loro se ci sono le risorse per supportare le iniziative e programmare tutto (nonostante i ritardi generali che da tempo sto sottolineando), sotto l’egida di un Ente sovraordinato che non ha certo bisogno di primogeniture.
«Mi piacerebbe – conclude il sindaco Trifoli – fosse chiaro a tutti che solo camminando insieme potremo trarre qualcosa di buono da questa ricorrenza storica». (rrc)

REGGIO – Venerdì la conversazione sulla Lapide dei tre imperatori

Venerdì 1° aprile, a Reggio, alle 17, nella sala Conferenze del MArRC, l’incontro La lapide dei tre imperatori a cura di Filippo Arillotta, organizzato dall’Associazione Amici del Museo di Reggio Calabria, in collaborazione con la Direzione del Museo Archeologico Nazionale.

L’evento apre la serie di conversazioni organizzate dal sodalizio per i 50° anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace.

Detto programma si basa sulla constatazione che alcuni importanti reperti archeologici esposti nelle sale di Reggio del nostro Museo, e rinvenuti nell’area urbana, offrono interessanti riferimenti con la fase magnogreca e romana della Storia di Reggio Calabria. È questa, secondo le intenzioni del Consiglio Direttivo dell’Associazione, una efficace maniera per accrescere sempre più la conoscenza di quanto, nel corso dei secoli, è accaduto tra noi.

La serie di eventi sarà condotta dal Presidente dell’Associazione, Francesco Arillotta, con la partecipazione, rispettivamente, di Filippo Arillotta, Minella Bellantonio, Renato Laganà, Fulvio Rizzo, Benedetto Carroccio e Teresa Timpano(rrc)