Grande successo al convegno nazionale sulle “Acque sotterranee” dell’Ordine dei Geologi della Calabria

Grande partecipazione, tra professionisti, rappresentanti delle Istituzioni, docenti e studenti di tutta Italia per il convegno nazionale sul tema  Le acque sotterranee: salvaguardia e gestione adattiva della risorsa, organizzato nell’ambito della Giornata Mondiale dell’Acqua 2022 dal Consiglio Nazionale dei Geologi (CNG), dall’Ordine dei Geologi della Calabria (ORG-C), dalla Fondazione Centro Studi del CNG e dal Dipartimento di Biologia, Ecologia, e Scienze della Terra (DiBEST) dell’Università della Calabria (Unical).

Gli interventi di apertura hanno offerto un’ampia panoramica introduttiva su molteplici aspetti e problematiche connessi al tema del Convegno, grazie ai contributi dei presidenti del CNG (Arcangelo Francesco Violo), dell’Ordine dei Geologi della Calabria (Giulio Iovine), della Fondazione Centro Studi CNG (Lorenzo Benedetto), e della Federazione Europea dei Geologi (Marko Komac), del Coordinatore del Corso di Laurea in Scienze Geologiche dell’Università della Calabria-DiBEST (Prof. Fabio Scarciglia), oltre che della rappresentante ISPRA (Dott.ssa Rossella M. Gafà) e dell’Assessore Regionale all’Agricoltura (On. Gianluca Gallo). 

I panel hanno ospitato esperti in rappresentanza del mondo della ricerca, dell’accademia e delle istituzioni. In particolare, sul tema dei cambiamenti climatici e i conseguenti effetti sulla risorsa idrica, sono intervenuti il Prof. Dino Zardi (ordinario di Fisica dell’Atmosfera, Università di Trento, e Presidente Associazione Italiana Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia), il Prof. Marco Petitta (Ordinario di Idrogeologia, Università La Sapienza di Roma, e Vicepresidente dell’Associazione Internazionale di Idrogeologia “IAH”), il dott. Carmine Apollaro (ricercatore del DiBEST-Unical). Sulla pianificazione della risorsa idrica, hanno relazionato i Segretari dei Distretti Idrografici dell’Appennino Centrale, Erasmo D’Angelis, e dell’Appennino Meridionale, Vera Corbelli.

L’economista Mauro Grassi, già Direttore di Italia Sicura, ha proposto indirizzi e possibili soluzioni riguardanti le politiche di gestione adattiva delle risorse idriche. Numerosi i riferimenti al PNRR, e in particolare all’irrisorietà delle risorse destinate al settore idrico (4,3 miliardi di euro, rispetto al totale di 190 miliardi disponibili). Sul piano dell’Agricoltura e sui fondi destinati dal PNRR per l’ammodernamento delle reti irrigue collettive, è intervenuto il Dott. Adriano Battilani, in rappresentanza del Direttore Generale ANBI. L’ing. Carmelo Gallo, Presidente Sogesid, oltre a sottolineare il ruolo della Società nella gestione della risorsa idrica, ha rimarcato la rilevanza culturale dei temi trattati durante il Convegno, e l’importanza di una corretta gestione di un bene prezioso e vitale come l’acqua. Il Dott. Endro Martini, della fondazione EWA, e l’ing. Stefano Chiarugi, Presidente Acque Sotterranee e Consigliere Associazione Nazionale Idrogeologia e Pozzi Acqua – ANIPA, hanno infine illustrato i temi legati al valore e alla salvaguardia della risorsa.

Le conclusioni sono state affidate al Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Arcangelo Francesco Violo. Infine, il Dott. Erasmo D’Angelis ha presentato ai numerosi uditori il suo nuovo libro Acque d’Italia.

Grande la soddisfazione degli organizzatori per l’iniziativa, che ha riguardato una tematica di grande attualità, fondamentale per un futuro sostenibile legato al concetto di equità inter-generazionale. (rcs)

Giornata mondiale dell’Acqua, il 1° aprile il convegno sulla salvaguardia e gestione delle acque sotterranee

Il 1° aprile è in programma il convegno nazionale Le acque sotterranee: salvaguardia e gestione adattiva della risorsa, organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi (CNG), dalla Fondazione Centro Studi del CNG, dall’Ordine dei Geologi della Calabria e dall’UniCal-DiBEST, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua.

Nel corso del convegno, che si svolgerà all’Università della Calabria, «saranno analizzati gli aspetti tecnico-scientifici e pianificatori per la gestione della risorsa idrica, alla luce dei sempre più ricorrenti eventi estremi. In tale occasione, molti saranno gli spunti di analisi sugli scenari climatici – in una regione, come il bacino del mediterraneo, particolarmente colpita dagli effetti dei cambiamenti climatici che si ripercuotono anche sulle risorse idriche – attraverso l’analisi degli strumenti pianificatori e la proposta di soluzioni per una gestione adattiva della risorsa, anche in relazione alle misure di contrasto su Scala Nazionale (come quelle previste dal PNRR)», ha spiegato il presidente dell’Ordine dei Geologi della Calabria, Giulio Iovine.

Il 22 marzo si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, The World Water Day, istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 e prevista all’interno delle direttive dell’Agenda 21, come risultato della Conferenza di Rio. Ogni anno, durante la Giornata Mondiale dell’Acqua, viene scelto un tema di approfondimento su cui vengono incentrate tutte le attività celebrative. Per quest’anno, la scelta tematica ricade su Acque sotterranee – rendere visibile l’invisibile. L’obiettivo è porre l’accento sulle criticità relative alla scarsità della risorsa idrica, un bene prezioso che, a causa dei cambiamenti climatici, rischia di essere minacciato dalla siccità.

L’Italia, nel 2015, con i suoi 9,48 Mld di metri cubi di prelievo d’acqua, pari a 156 metri cubi annui pro capite, è risultato il paese Europeo con il maggior prelievo per l’approvvigionamento idropotabile (fonte Istat). Analizzando alcuni indicatori ISPRA, relativi al prelievo per uso civile (2018 Fonte Elaborazione ISPRA su dati ISTAT), l’approvvigionamento avviene prevalentemente da acque sotterranee (84,8%) e, in alcune regioni come la Valle d’Aosta e l’Umbria, quello per uso civile deriva totalmente da esse. 

Gli scenari climatici, che annunciano eventi siccitosi sempre più frequenti, impongono una politica adattiva efficace nell’uso della risorsa idrica, che permetta di preservare le acque (soprattutto quelle più preziose, come quelle sotterranee), nei periodi umidi e di utilizzarle, in misura sostenibile, nei momenti di necessità. Sulla questione è intervenuto anche il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Arcangelo Francesco Violo, dichiarando «Il Consiglio Nazionale dei Geologi propone da tempo, per la salvaguardia e corretta gestione di tale preziosa risorsa, interventi strutturali e non strutturali sul territorio, valorizzazione e riorganizzazione delle strutture pubbliche, ma soprattutto conoscenza e prevenzione a tutto campo».

«L’esperienza derivante dalla pratica professionale quotidiana e dal confronto con il complesso ed eterogeneo assetto idrogeologico del territorio italiano è, infatti – ha concluso – fondamentale per affinare il sistema di monitoraggio delle risorse idriche sotterranee, consentendo di implementare l’elemento conoscitivo che risulta basilare ai fini di una corretta pianificazione e di un uso sostenibile della risorsa». (rrm)

L’Ordine dei Geologi della Calabria scrive all’Anci: Coinvolgere Ordini professionali per progettazione interventi Pnrr

Giulio Iovine, presidente dell’Ordine dei Geologi della Calabria, ha scritto una lettera aperta a Marcello Manna, presidente di Anci Calabria, chiedendo di coinvolgere gli ordini professionali «e quindi delle centinaia di validi professionisti a essi afferenti» per le progettazioni degli interventi per il Pnrr.

«Grazie alle proprie competenze – ha spiegato nella lettera – i professionisti possono offrire un importante supporto (al pubblico e al  privato) per istruire correttamente le pratiche e ottimizzare l’impiego delle risorse, con maggiori garanzie sulla  qualità e la riuscita degli interventi tecnici. In particolare, i Geologi possono offrire il proprio peculiare contributo  per un ampio ventaglio di finalità – dalla salvaguardia del territorio alla mitigazione dei rischi naturali (in parte,  accentuati dai cambiamenti climatici), dalla bonifica dei siti inquinati al miglioramento della gestione dei rifiuti,  dall’utilizzo sostenibile delle geo-risorse alla riduzione dell’inquinamento, al miglioramento dell’efficienza  energetica».  

«Tra i temi principali del Pnrr – è stato spiegato – c’è il rapporto della Pubblica Amministrazione con il mondo delle professioni  nei diversi settori (scientifico, ambientale e di pianificazione/progettazione), anche attraverso la semplificazione  delle strutture organizzative e lo snellimento dei procedimenti decisionali, autorizzativi e di controllo.  Considerata la rilevante mole di risorse previste dal PNRR, risulta inoltre quantomai fondamentale una corretta  selezione dei soggetti da coinvolgere per il supporto alle attività della PA».

«A tal fine – si legge nella nota – dall’agosto scorso, è stato  implementato il portale inPA per il reclutamento di posizioni di carattere tecnico (cfr. https://www.inpa.gov.it/),  attualmente in corso di popolamento con la registrazione dei professionisti interessati. Attraverso semplici  strumenti di preselezione delle competenze desiderate, gli enti pubblici potranno scegliere in maniera più efficace  i soggetti cui affidarsi».  

«Il portale inPA – è stato spiegato – è destinato ad assumere un ruolo importante per le opportunità di impiego e di collaborazioni  qualificate, offrendo un ampio bacino di candidati esperti, appartenenti ai diversi ordini professionali, in grado di  dare un prezioso contributo alla crescita e alla modernizzazione della Calabria. Sollecitiamo, come ordini  professionali, l’adesione degli iscritti a detta piattaforma, e ne auspichiamo al contempo un utilizzo esteso da  parte della Pubblica Amministrazione». (rcz)  

Le proposte dell’Ordine dei Geologi ai candidati: Valorizzare geo-risorse e mitigare rischi naturali

Il presidente dell’Ordine dei Geologi della Calabria, Alfonso Aliperta, ha scritto ai quattro candidati alla presidenza della Regione, sottolineando la necessità di «indirizzi politici nuovi, capaci di superare la logica delle emergenze, e di coinvolgere i soggetti  interessati alla mitigazione dei rischi e alla valorizzazione delle geo-risorse, con effetti positivi anche sul piano  economico».

Questo, in quanto «i disastri che ciclicamente si verificano nelle regioni italiane evidenziano, semmai ve ne fosse bisogno, la  drammatica vulnerabilità del territorio rispetto agli eventi naturali, anche in conseguenza di  un’antropizzazione scriteriata e di una manutenzione insufficiente delle opere. Risulta quindi necessario  avviare, con urgenza, azioni politiche efficaci per la mitigazione dei rischi, basate su una corretta definizione  delle priorità degli interventi, prevedendo un’assegnazione adeguata di risorse economiche» ha spiegato il presidente Aliperta, che ha sottolineato come «assumono particolare rilevanza la qualità della formazione scolastica e  universitaria, l’aggiornamento professionale, e la diffusione di conoscenze specialistiche».

«Sulla base di tali considerazioni – si legge nella lettera – questo Ordine professionale ha individuato i seguenti indirizzi prioritari, e  ne auspica l’urgente attuazione da parte dell’amministrazione regionale. Detti indirizzi dovrebbero trovare  applicazione attraverso:  la semplificazione normativa per il governo e la manutenzione del territorio (anche attraverso la  riduzione/riorganizzazione dei Dipartimenti attualmente impegnati sulle stesse problematiche); l’adozione di un approccio tecnico-scientifico multidisciplinare, ispirato alle più recenti conoscenze nel  settore;  l’assegnazione di adeguate risorse economiche per idonei orizzonti temporali, mediante l’utilizzo di  opportuni meccanismi finanziari».  

«L’Ordine dei Geologi della Calabria chiede, pertanto – continua la lettera – che vengano incluse nel programma del nuovo governo  regionale le azioni sottoelencate. In tal modo, si produrrebbero notevoli benefici per la popolazione calabrese,  in termini di sicurezza, e si offrirebbe una formidabile occasione di rilancio economico e occupazionale per  l’intero territorio».

«I temi – viene spiegato – vanno dall’istituzione di una Servizio Geologico Regionale, alla Pianificazione territoriale (Legge Urbanistica, Piani di Emergenza comunali, Pai e PGRA), al riordino della normativa sulla difesa del suolo, all’istituzione di presidi idrogeologici permanenti, al monitoraggio e miglioramento della legge sismica, al completamento degli studi di microzonazione, alla riqualificazione urbana, al Piano di tutela delle acque, allo sfruttamento di forme di energia pulita (come quella geotermica)».

E ancora, «alla regolamentazione delle attività estrattive, allo snellimento delle procedure di pagamento delle prestazioni professionali, al miglioramento del sistema di allertamento regionale per il rischio geo-idrologico, alla redazione di una legge per la mitigazione del rischio da Radon, alle bonifiche ambientali. Dedicando la giusta attenzione alle tematiche proposte, si potrebbero produrre notevoli benefici, in termini di sicurezza, per la popolazione calabrese, cogliendo una formidabile occasione di rilancio economico e occupazionale per l’intero territorio». (rrm)

 

Giulio Iovine è il nuovo presidente dell’Ordine dei Geologi della Calabria

Prestigioso incarico per Giulio Iovine, che è il nuovo presidente dell’Ordine dei Geologi della Calabria.

La nomina è avvenuta nel corso delle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’ordine, che ha visto su 721 aventi diritto, votare in 516 (pari al 72%), attraverso la piattaforma on line di SkyVote, già utilizzata in altre analoghe occasioni a scala regionale e nazionale.

La proposta di politica ordinistica della lista Geologi Calabria rappresenta la naturale continuazione di quanto già avviato e, in parte realizzato, nel corso delle precedenti consiliature.

Il Presidente Alfonso Aliperta, a nome dell’attuale Consiglio in carica (in scadenza il prossimo 1 ottobre), formula i migliori auguri ai Consiglieri neoeletti, confidando in un quadriennio fruttuoso nell’interesse dell’intera categoria professionale.
Il nuovo consiglio dell’ordine per il quadriennio 2021/25 che, secondo i termini di legge, si insedierà l’uno ottobre, è composto da: Giulio Iovine (464 voti), Anna Altomare (438), Carlo Artusa (437), Luigi Spina (431), Giuliana Teti (427), Giovanni Andiloro (425), Vincenzo Basile (419), Maria Alice (418), Domenico Putrino (417), Rosario Biafora (410), Geppino Feoli (Sez. B – 444). (rcz)

In copertina, Alfonso Aliperta e Giulio Iovine