;
Protesta dei tirocinanti

Tirocinanti calabresi: Parole di Orsomarso dimostrano mancanza di volontà di risolvere vertenza

Sono amareggiati i 7 mila tirocinanti calabresi dalle dichiarazioni dell’assessore regionale al Lavoro, Fausto Orsomaso, che esclude la contrattazione per i tirocinanti per mancanza di fondi a cui attingere e ogni decisione riguardo al loro futuro viene nuovamente rimessa al Governo centrale.

«La fortuna di rivestire un’incarico istituzionale – si legge in una nota – e al contempo l’evidente incapacità di agire e di essere parte integrante dell’incarico stesso che si riveste. Si parla ovviamente dell’assessore al lavoro calabrese Fausto Orsomarso che viene incessantemente chiamato in causa dai circa 7.000 tirocinanti calabresi, padri e madri di famiglie che reclamano da mesi lavoro vero e dignitoso in termini di contrattazione (come si parlava da mesi), e che da anni prestano quotidianamente servizio presso Enti Pubblici e Privati e Ministeri (Giustizia, Miur, Mibact)».

«Le ultime affermazioni dell’assessore al lavoro calabrese – continua la nota – evidenza la sua personale, e totale, mancanza di volontà politica di risolvere in positivo la vertenza dei circa 7.000 tirocinanti calabresi che continuano a non essere riconosciuti ne lavoratori e ne soprattutto precari. Pertanto, queste circa 7.000 anime si trovano ingabbiate in un sistema che non rende merito alle professionalità acquisite in questi anni e senza alcun diritto contributivo e previdenziale. Per queste persone si sono disattese le promesse fatte nelle innumerevoli campagne elettorali (dove si parlava addirittura di stabilizzazione dei circa 7.000 tirocinanti calabresi e che come promessa, con tutta sincerità, è a dir poco assurda e soprattutto utopica) ma si sa che le vie del Signore sono infinite se c’è volontà politica e istituzionale».

«Ma per i circa 7.000 tirocinanti calabresi – prosegue la nota – la bussola del tempo sta per esaurirsi per la mancanza di azioni concrete a loro tutela, e quel destino di trovarsi presto tutti sulla strada e di perdere, al contempo, quelle professionalità acquisite in anni e anni si fa sempre più reale anche a causa dell’immobilismo dell’attuale Giunta Regionale calabrese di Centro-Destra che ha, però, il merito di avere reso onore e dignità ad altre categorie di lavoratori, come quelli della legge 12, mostrandosi al contempo madre-matrigna per i circa 7.000 tirocinanti calabresi che hanno solo la colpa di essersi resi protagonisti “in negativo” di un percorso alquanto tortuoso e complesso, quando sono stati spesi 100 milioni di euro con fondi della regione Calabria stessa e che, assieme allo Stato stesso, si è fatta garante di questi percorsi di Politica Attiva che sono vere e proprie misure che devono essere mirate al reinserimento nel mondo del lavoro dei stessi destinatari». (rrm)