;
Caludio Cal', Marco Siclari e Marcella Calì

Un premio ai nipoti Claudio e Marcella per ricordare il grande cav. Giovanni Calì

Un premio ai nipoti Claudio Marcella Calì a Cannitello, promosso dalla Pro Loco per ricordare la figura di Giovanni Calì, grande benemerito della città, industriale illuminato, promotore di arte e di cultura da V illa San Giovanni fino a raggiungere notorietà internazionale. Era stato il cav. Calì, tra le altre cose, a inventare il Premio Villa San Giovanni, dove arte e letteratura l’hanno fatta da protagoniste per decenni rilanciando il nome di Villa in tutt’Italia e persino all’estero.

La cerimonia è avvenuta sul Lungomare di Cannitello, dove il sen. Marco Siclari si è detto «felice di aver consegnato un premio a due amici che ricordo sin dalla mia adolescenza e che “portano” un cognome importante per la mia città e per l’intero Paese: gli amici Claudio Cali’ con la sorella Marcella Calì in ricordo dell’Ing. Calì

«Di lui ricordiamo – ha detto il senatore azzurro – il Lido Cenide, i grandi eventi organizzati per far conoscere Villa e il magnifico territorio dello Stretto di Messina, ricordiamo lo stabilimento industriale a Pomezia dove lavoravano tantissimi calabresi e la sua capacità di fare impresa e di amare la nostra città. Ringrazio la Pro Loco di Villa San Giovanni che in collaborazione con il Comune ha organizzato un’importante e partecipatissima serata sul lungomare di Cannitello per celebrare i grandi uomini come ing. Calì, e i molti villesi e calabresi che si sono distinti per aver aiutato la nostra terra a svilupparsi e migliorarsi».

«Grazie e ancora grazie – ha detto al sen. Siclari Marcella Calì su FB – per aver voluto ancora una volta ricordare mio zio e per aver nuovamente condiviso insieme, dopo il già meraviglioso evento che hai organizzato a Roma e di cui ti sarò sempre grata, il ricordo di una persona che ha fatto dell’amore per la sua terra una missione di vita». (rrc)