REGGIO – Il rapporto della Camera di Commercio che fotografa l’economia reggina

La Camera di Commercio di Reggio Calabria ha pubblicato il Rapporto 2020, un documento che fotografa lo stato dell’economia nella Città Metropolitana di Reggio Calabria.

«Il rapporto 2020 – ha spiegato Antonino Tramontana, presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria – raccoglie e sintetizza i principali dati del 2019 e rappresenta, pertanto, una valida fotografia della situazione pre-Covid, da poter utilizzare come utile strumento di confronto per le elaborazioni future».

«Nel lavoro elaborato – ha aggiunto – abbiamo curato anche un aggiornamento, per poter restituire alcune prime anticipazioni statistiche sull’anno in corso, così da poter esaminare gli effetti che in questi mesi si stanno producendo sul territorio reggino, alle prese con una delle peggiori crisi sanitarie ed economiche che la storia moderna abbia mai conosciuto e che ci vede tutti impegnati ad individuare strumenti e strategie che possano consentire al nostro sistema economico di innovarsi, trasformando questa grande crisi in opportunità di crescita e cambiamento».

Quello che emerge, è un quadro tutt’altro che positivo, peraltro «confermato anche a livello nazionale dalle stime più recenti del Fondo Monetario Internazionale, che inquadra l’economia globale in una recessione senza precedenti, con una variazione del PIL italiano prevista al -12,8%, ovvero 2,6 punti peggio di quanto mediamente stimato per l’interna unione europea (- 10,2%); migliori, ma più incerte, appaiono le prospettive per il 2021 (+6,3%), caratterizzate da un parziale recupero della perdita relativa all’anno precedente».

Nel 2019 il valore aggiunto a prezzi correnti della Città metropolitana di Reggio Calabria, pari a 8,6 miliardi di euro, è cresciuto del +0,5%. Tuttavia, il valore aggiunto procapite (pari a circa  15.700 euro) appare ancora molto lontano da quello prodotto a livello nazionale (26.600 euro).

Nel corso dello stesso anno, si registra una sostanziale stabilità del tessuto imprenditoriale che cresce, rispetto al 2018, soltanto dello 0,06%; un risultato superiore a quello mediamente osservato in Calabria (+0,01%) e a livello nazionale (-0,13%). Le ditte individuali, che pure rappresentano il cuore pulsante dell’economia locale, sono la forma giuridica che mostra maggiori problemi (il loro numero diminuisce del -1,9% rispetto al 2018). Crescono, invece, del +4,9% le società di capitali, a conferma di un processo di “irrobustimento” del tessuto imprenditoriale in atto già da diversi anni. Frena la crescita delle imprese giovanili, ma non di quelle a conduzione femminile (+0,5%) e straniera (+0,6%). La vera anima dell’economia locale è il commercio. Le attività commerciali, infatti, rappresentano il 35,1% delle imprese reggine. Numerose sul territorio sono anche le attività legate a settori più tradizionali quali l’agricoltura (il 15,5% delle imprese locali), l’edilizia (il 10,5%) e la manifattura (il 7,1%). 

Nel corso del primo semestre 2020, invece, si evidenzia un sostanziale immobilismo del tessuto imprenditoriale (a livello provinciale, così come a livello nazionale). A giugno 2020 si registrano a Reggio Calabria 450 iscrizioni (erano 730 a giugno 2019)  e 257 cessazioni (802 a giugno 2019 di cui 549 al netto delle cancellazioni d’ufficio).

Strettamente legata alle dinamiche del tessuto imprenditoriale sono le dinamiche del mercato del lavoro. Nel corso del I trimestre 2020, il numero di occupati reggini si attesta a 137 mila unità (+3,4% rispetto al I trimestre 2019); di contro gli occupati diminuiscono a livello regionale (-1,0%) e rimangono sostanzialmente stabili a livello nazionale (+0,2%). Sempre nel corso del I trimestre 2020, si raggiunge un tasso di occupazione pari al 29,3% (più di 1 punto percentuale in più rispetto al I trimestre 2019) e un tasso di disoccupazione pari a 15,7% (in riduzione di 5,4 p. p.). Il quadro, apparentemente positivo, deve comunque confrontarsi con le misure anti-licenziamento previste dal governo per arginare gli effetti della pandemia da Covid-19 che, di fatto, rendono impossibile la risoluzione da parte delle imprese dei contratti per motivi economici.

Un quadro più rispondente all’attuale situazione si potrà avere solo quando questa misura temporanea verrà abbandonata, con il rischio di un ricorso massivo della popolazione alle domande di disoccupazione. Stando al consuntivo dell’anno ormai alle spalle, il numero di occupati diminuisce del -1,6% rispetto al 2018. A livello regionale, la contrazione appare meno accentuata (-0,1%), mentre l’occupazione continua a crescere, grazie alla spinta dei contratti atipici, a livello nazionale (+0,6%).

Rispetto al 2018, diminuiscono anche le persone in cerca di occupazione, anche per effetto di un fattore “scoraggiamento”, che induce a rinunciare alla ricerca di lavoro: -6,8% nel territorio reggino; -3,6% a livello regionale e  -6,3% a livello nazionale. La riduzione del numero di persone in cerca di lavoro si ripercuote positivamente sul tasso di disoccupazione (rapporto tra persone in cerca di lavoro e totale forze lavoro) che passa dal 19,8% del 2018 al 18,9% del 2019 e soprattutto sul tasso di disoccupazione giovanile (ossia quello relativo alle forze di lavoro di età compresa tra i 15 e i 24 anni), in calo rispetto al 2018 di oltre 15 punti percentuali. Il dato provinciale si attesta al 36,8% e rimane ben 7,6 punti al di sopra del valore nazionale (29,2%), ma 11,8 punti al di sotto della media regionale.

Come è noto, l’erogazione del credito alle imprese permette di misurare lo stato di salute di un territorio e della sua economia: minori sono le difficoltà che le imprese hanno nell’accedere al credito, maggiore sarà la propensione delle stesse ad investire in innovazione e ad affacciarsi sui mercati esteri. 

Le indicazioni statistiche relative al I trimestre 2020 evidenziano un rallentamento del credito, soprattutto nei confronti delle imprese; i dati Banca d’Italia sui finanziamenti, infatti, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, evidenziano una caduta dei prestiti a favore del mondo produttivo pari a -2,4% a livello nazionale (660,7 miliardi di euro);  i prestiti decrescono del -3,0% anche a livello regionale (4,9 miliardi di euro) pur crescendo del +3,8% a livello provinciale (1.044 milioni di euro). Tralasciando le anticipazioni per il 2020, i finanziamenti complessivamente concessi alle imprese nel 2019 ammontano a poco più di 1 miliardo di euro (+0,6% rispetto al 2018).

L’offerta di credito ancora poco vivace che si registra in provincia si associa tuttavia ad un livello complessivo di qualità dei finanziamenti concessi che potremmo definire soddisfacente. Infatti, gli affidamenti in sofferenza (pari a 220 milioni di euro) diminuiscono del -27,2% rispetto al 2018. 

In contraddizione rispetto al miglioramento della qualità del credito, il costo di una linea di credito è più elevato nei territori della Città metropolitana di Reggio Calabria (8,6%) e in generale in Calabria (8,5%) rispetto a quanto non lo sia a livello di nazionale (5,5%).

Il grado di internazionalizzazione  rappresenta un indicatore sul quale è necessario continuare ad investire, per migliorare la competitività del sistema produttivo reggino e già dal il primo trimestre dell’anno corrente, sembrano chiari gli effetti del rallentamento generalizzato dell’economica globale, connessi con la crisi sanitaria internazionale in atto. 

Il valore dei beni esportati dalla Città metropolitana di Reggio Calabria durante i primi tre mesi del 2020, pari a 53,9 milioni di euro, è frutto di una contrazione del -26,0% rispetto al IV trimestre 2019 e del -10,7% rispetto al I trimestre dell’anno precedente. Le importazioni, invece, crescono ulteriormente (del +13,6% rispetto al IV trimestre 2019 e del +41,9% rispetto al I trimestre dell’anno precedente), fino a raggiungere un valore pari 77,9 milioni di euro. Pertanto, il saldo di bilancia commerciale torna nuovamente su un terreno negativo (-24,0 milioni di euro), in controtendenza con il valore positivo registrato durante l’ultimo quarto dell’anno ormai alle spalle (+4,2 milioni di euro).

Il turismo è certamente uno dei settori maggiormente penalizzati dalla diffusione del COVID-19. Eppure, proprio la ripresa della domanda turistica e delle attività ad essa connessa (ristorazione, trasporti e, in misura più contenuta, commercio) è fondamentale in determinate aree del nostro paese e anche in Calabria, dove il “peso” del turismo sull’economia sta crescendo sempre più.

Nel periodo gennaio/settembre 2019 i dati dell’Osservatorio turistico della Regione Calabria hanno evidenziato che la regione è stata interessata da più di un milione e seicentomila arrivi e otto milioni e ottocento mila presenze; di questi, solo il 7,5% ha raggiunto il territorio di Reggio Calabria. 

Il turismo calabrese, come quello reggino, appare caratterizzato da una crescente destagionalizzazione dei flussi turistici ottenuta grazie ad un’offerta maggiormente diversificata e integrata e grazie all’opportunità di effettuare delle visite anche in periodi e in luoghi precedentemente ignorati dal grosso del movimento turistico; basti pensare che nel 2014 il 45% delle presenze si concentrava nel solo mese di agosto, contro il 40% del 2019. Inoltre, si parla di un turismo sempre più “internazionale”: la presenza di turisti stranieri è cresciuta nel 2019 del +4,2% rispetto all’anno precedente. Il primato di presenze spetta ai cittadini tedeschi (6,1% delle presenze straniere in Calabria), seguiti dai francesi (1,6%) e dai russi (1,5%).

Il Rapporto sull’economia ed una nota di sintesi sono pubblicati sul sito camerale www.rc.camcom.gov.it , nella sezione pubblicazioni 2020. (rrc)

REGGIO – Nasce il Club di Prodotto Turistico “Reggio Calabria Welcome” della Camera di Commercio

SI è costituito il Club di Prodotto Turistico “Reggio Calabria Welcome” il progetto avviato e sostenuto dalla Camera di Commercio di Reggio Calabria, che vede impegnati gli operatori turistici della Città Metropolitana di Reggio Calabria nella organizzazione e promozione integrata della destinazione turistica reggina.

Nello specifico, il Club punterà su specifici fattori di attrazione: turismo outdoor e sportivo, in tutte le sue possibili versioni slow o “più adrenaliniche” (Kitesurf, vela, snorkeling, diving, ma anche trekking, bike, sport invernali, torrentismo all’interno del ricco patrimonio naturalistico dell’Aspromonte); turismo culturale, che si sviluppa attraverso le tante testimonianze della cultura greca sino alla scoperta dei borghi, dei musei e parchi archeologici, sino ai luoghi delle esperienze artigiane ed enogastronomiche, all’immateriale percorso legato all’Odissea, alla Varia di Palmi (patrimonio immateriale Unesco) ed alla forza comunicativa dei Bronzi di Riace.

Dopo una prima fase di studio del territorio che ha consentito di individuare, per la fase di start up, due tematiche – Cultura e Sport activity – quali tipologie di offerta turistica specializzata, l’Ente camerale ha realizzato un’ampia azione di sensibilizzazione tra gli operatori privati della filiera, attraverso una manifestazione d’interesse e  incontri su tutto il territorio. Assieme agli operatori sono stati definiti disciplinari cui attenersi, diversificati in relazione alla tipologia di soggetto (es alberghi, società di servizi, soggetti privati gestori di patrimonio culturale, tour operator ecc.). Sono state infine definite e condivise con i soggetti privati anche le regole statutarie che disciplinano il funzionamento dell’organizzazione.

Grande soddisfazione per questo apprezzabile risultato raggiunto è stata espressa dal Presidente della Camera di commercio di Reggio Calabria, Antonino Tramontana: «Insieme agli operatori della filiera turistica e anche con le associazioni di categoria, in questo difficile periodo, abbiamo continuato a guardare avanti e a lavorare per lo sviluppo turistico del territorio, nonostante il lockdown e la forte crisi imposti dall’emergenza Coronavirus».

«Con la costituzione dell’Associazione “Reggio Calabria Welcome” – ha aggiunto il presidente Tramontana – si avvia la fase di costruzione e promozione di un’offerta turistica specializzata e di qualità, in grado di soddisfare gli specifici target di mercato individuati, puntando alla destagionalizzazione dei flussi turistici sul territorio. Il modello di crescita turistica del territorio attraverso la costituzione dei club di prodotto ha registrato anche il contribuito operativo dei partner pubblici del “Coordinamento istituzionale per la promozione turistica del territorio” attivo presso la Camera; auspichiamo un coinvolgimento sempre più ampio degli “attori” (amministrazioni comunali, Enti responsabili della valorizzazione e tutela del ricco patrimonio naturalistico e culturale della Città metropolitana di Reggio Calabria, operatori privati che potranno aderire al club) che ne condividono le finalità».

«Il partenariato tra i soggetti pubblici, in particolare – ha proseguito Tramontana – è chiamato ad individuare, nell’ambito delle proprie funzioni e responsabilità, gli attrattori culturali, ambientali e naturalistici della Città metropolitana di Reggio Calabria da valorizzare attraverso i club di prodotto, assicurandone  qualità e fruibilità per il turista. Continueremo a sostenere questa iniziativa attraverso attività di promozione e guardando anche ad un ampliamento dei prodotti turistici da offrire, per accrescere la presenza di Reggio Calabria in nuovi mercati target». (rrc)

REGGIO – Al via l’iniziativa della Camera di Commercio “La parola a voi”

La Camera di Commercio di Reggio Calabria, in collaborazione con il proprio Punto Impresa Digitale, ha lanciato La parola a voi, una iniziativa per dare voce e visibilità alle tante imprese reggine che, attraverso l’utilizzo del digitale, sono riuscite a fronteggiare l’emergenza Coronavirus e ad abbattere le distanze, continuando a gestire la propria attività  e, in alcuni casi, anche con significativi incrementi di fatturato.

L’iniziativa si svolgerà in modalità webinar. Le imprese interessate possono candidarsi, entro il 3 luglio 2020, compilando il form pubblicato sul sito www.rc.camcom.gov.it; successivamente riceveranno via mail tutte le indicazioni utili ai fini della partecipazione all’iniziativa, di cui sarà data divulgazione sia attraverso il sito istituzionale sia attraverso gli account facebook e twitter della Camera di commercio.

Grazie ai voucher digitali I4.0 che la Camera eroga già da due anni e grazie alle tante attività di informazione, formazione e assistenza del Pid-Punto Impresa Digitale, proseguite con modalità da remoto in questi difficili mesi di lockdown, molte imprese hanno trovato nel digitale un fattore chiave di successo. Basti pensare a come la stampa 3D abbia facilitato la riconversione delle attività industriali nella produzione di mascherine e DPI o a come le piattaforme e-commerce abbiano sostenuto il fatturato delle imprese commerciali.

«Ci rivolgiamo – ha dichiarato il Presidente della Camera di commercio Antonino Tramontanaa tutte le imprese che hanno vissuto o stanno vivendo una nuova fase della propria attività grazie all’implementazione nella propria azienda delle tecnologie digitali. A queste imprese chiediamo di candidarsi all’iniziativa e di raccontare la propria esperienza. In questa fase di avviata ripartenza, in cui tante imprese sono in difficoltà – e che come Camera stiamo sostenendo attraverso contributi a fondo perduto per l’abbattimento degli interessi sui finanziamenti – promuovere la conoscenza di modelli positivi è un messaggio di speranza ma anche un modo per dare un giusto riconoscimento alle imprese reggine che rappresentano casi di successo». (rrc)

VILLA SAN GIOVANNI (RC) – Incontro con Tramontana, presidente della Camera di Commercio

L’Amministrazione comunale di Villa San Giovanni ha incontrato Antonino Tramontana, presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria per discutere di tutte le problematiche che interessano le attività produttive e gli esercizi commerciali soprattutto a seguito dell’emergenza Covid-19 che ha comportato un notevole sacrificio in termini di operatività da parte de tessuto produttivo ed imprenditoriale villese.

Presenti il sindaco f.f. Maria Grazia Richichi, il presidente del Consiglio comunale, Antonino Giustra, l’assessore Giovanni Imbesi, il consigliere Fabio Facciolo e Tullio Caracciolo, responsabile dell’Unione Nazionale Consumatori di Villa San Giovanni.

Il presidente Tramontana ha illustrato tutte le strategie che la Camera di Commercio sta mettendo in campo per sostenere l’innovazione tecnologica e gli investimenti delle aziende: in particolare, si punta sul turismo culturale e legato all’attività sportiva amatoriale per la formazione di pacchetti turistici che consentano di elevare, qualitativamente, l’offerta della provincia reggina e di rispondere alla domanda turistica con percorsi tematici finalizzati a sfruttare al massimo le bellezze e peculiarità paesaggistiche, oltre che la fruizione piena del beni artistici e culturali che il territorio offre, coordinandoli in modo da creare un sistema di rete fra tutti gli operatori che erogano servizi legali alla ricettività, alla ristorazione ed alle attività escursionistiche e ludico-ricreative.

Su input dell’Amministrazione, il presidente Tramontana ha condiviso l’idea di instaurare una collaborazione istituzionale permanente fra Camera di Commercio e Comune di Villa San Giovanni per la migliore valorizzazione del territorio. All’interno di questa sinergia la Camera di Commercio parteciperà al tavolo permanente istituito con i commercianti villesi, in buona parte rappresentati dal Comitato del commercio villese, al fine di offrire agli esercenti del territorio la massima assistenza informativa, formativa e d’indirizzo per sfruttare a pieno regime tutte le opportunità che la normativa nazionale, regionale e comunitaria offre per aiutare le imprese a superare questo grave momento di difficoltà, seguito allo stop delle attività, ripartendo al meglio per ritornare nel più breve tempo possibile alla produttività precedente alla crisi.

L’Amministrazione ha illustrato tutte le iniziative che si stanno mettendo in campo per sostenere il settore del commercio e dell’impresa, con aiuti fiscali, tributari e regolamentari, incontrando il favore ed il compiacimento da parte del massimo rappresentante della Camera di Commercio. Nei prossimi giorni, per consacrare la collaborazione, sarà organizzato dal Comune un workshop con le attività produttive, alla presenza del presidente Tramontana e delle associazioni di categoria per formalizzare le direttrici dell’intesa collaborativa raggiunta e cominciare a fornire assistenza informativa agli operatori.

È dalla sinergia istituzionale che possono nascere le migliori iniziative a sostegno della cittadinanza e degli operatori economici, prostrati dalla crisi. Grazie all’impegno ed agli sforzi congiunti di tutti gli attori coinvolti si potrà non solo superare la crisi ma anche programmare il rilancio economico del settore produttivo villese. (rrc)

REGGIO – Dal 20 maggio al via il bando per le imprese della Città Metropolitana

Dal 20 maggio, le imprese della Città Metropolitana di Reggio Calabria potranno fare domanda al bando della Camera di Commercio di Reggio Calabria, che prevede la concessione di contributi a fondo perduto finalizzati all’abbattimento del 100% del tasso di interesse sui finanziamenti contratti dalle imprese reggine per far fronte alle difficoltà economiche sopraggiunte a causa dell’emergenza Covid-19 e che s’inserisce nel novero delle iniziative promozionali a favore delle imprese adottate dal sistema camerale nazionale, anche in attuazione dell’art. 125 del Decreto “Cura Italia”, convertito in legge.

Possono accedere al contributo le micro, piccole e medie imprese reggine che, a partire dall’8 aprile 2020, hanno stipulato contratti di finanziamento non superiori a € 80.000 per esigenze di liquidità, consolidamento delle passività a breve, investimenti produttivi.

Il contributo sarà erogato in un’unica soluzione secondo i seguenti massimali: contributo massimo pari a € 2.000 per i finanziamenti di importo fino a € 25.000; contributo massimo pari a € 3.500 per i finanziamenti di importo superiore a € 25.000 e fino a € 50.000; contributo massimo di € 5.000 per i finanziamenti di importo superiore a € 50.000 e fino a € 80.000.

Le domande potranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica con firma digitale, sul sito http://webtelemaco.infocamere.it., a partire dalle ore 11:00 del 20 maggio 2020 alle ore 19:00 del 15 luglio 2020. Il Bando con la relativa documentazione è visionabile e scaricabile sul sito camerale www.rc.camcom.gov.it(rrc)

REGGIO – La Camera di Commercio aiuta le imprese con contributi a fondo perduto

Il Consiglio camerale della Camera di Commercio di Reggio Calabria ha approvato, in via d’urgenza, la variazione del preventivo 2020 che consente alla Camera di commercio di destinare 2 milioni di euro per supportare le imprese della Città Metropolitana.

Si tratta di 2 milioni di euro di contributi, a fondo perduto, per l’abbattimento del tasso d’interesse sui finanziamenti finalizzati a favorire gli investimenti produttivi e la liquidità necessaria per la gestione aziendale in questa fase economica così delicata per le imprese reggine.

Il Bando, che sarà pubblicato nei prossimi giorni, s’inserisce nell’ambito delle iniziative promozionali a favore delle imprese adottate dal sistema camerale nazionale, anche in attuazione dell’art.125 del Decreto “Cura Italia”, convertito in legge, che ha previsto la possibilità perle Camere di commercio di realizzare specifici interventi per contrastare le difficoltà finanziarie delle MPMI e facilitarne l’accesso al credito.

«Con questo intervento finanziario straordinario – ha spiegato il presidente della Camera di Commercio, Antonino Tramontana – vogliamo facilitare l’ottenimento di liquidità da parte delle nostre imprese, così duramente colpite dalla drammatica emergenza sanitaria ed economica in corso, in modo da consentire una pronta ripartenza del nostro già fragile sistema economico».

«La predetta misura economica urgente da attuare nel brevissimo periodo – ha proseguito il presidente Tramontana – è frutto dell’unità di intenti manifestata all’unanimità in Consiglio camerale dalle Associazioni imprenditoriali di tutti i settori economici nonché dai rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali, delle Associazioni di tutela dei Consumatori e dei Liberi professionisti».

Il bando è rivolto alle micro, piccole e medie imprese reggine di tutti i settori economici che, a partire dall’8 aprile 2020, hanno stipulato un contratto di finanziamento con banche, società di leasing e altri intermediari finanziari, per esigenze di liquidità, consolidamento delle passività a breve, investimenti produttivi. 

Il contributo a fondo perduto erogato in un’unica soluzione è finalizzato all’abbattimento del 100% del tasso d’interesse, fino ad un contributo massimo di 5 mila euro.

Il testo del Bando sarà pubblicato sul sito camerale www.rc.camcom.gov.it, e verranno  fornite tutte le informazioni e le indicazioni per la presentazione delle domande, che avverrà esclusivamente in modalità telematica con firma digitale, sul sito http://webtelemaco.infocamere.it

È, comunque, previsto un periodo di pre informazione per dare la possibilità a tutte le imprese di predisporre la documentazione necessaria prima dell’apertura del bando. (rrc)

 

REGGIO – La Camera di Commercio ha riorganizzato le proprie attività

La Camera di Commercio di Reggio Calabria, per aiutare le imprese, i professionisti e i cittadini-utenti a far fronte alle difficoltà ed alle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria da Covid-19,ha riorganizzato le proprie attività.

E, per farlo, ha ridotto al minimo lam modalità frontale nell’erogazione dei servizi, compresi i servizi, ma garantendone la continuità attraverso la gestione a distanza e il ricorso allo smartworking, che consente  l’assistenza anche da remoto da parte del personale camerale e dell’Azienda speciale IN.FORM.A.

La Camera sta promuovendo, al contempo, l’utilizzo di quei servizi online e di quegli strumenti telematici (dal portale registroimprese.it al cassetto digitale dell’imprenditore; dal SUAP alla fatturazione elettronica) che, già da tempo, rappresentano un valore aggiunto per le Camere di commercio, certamente tra le Istituzioni pubbliche più equipaggiate sul fronte della digitalizzazione. 

A questa offerta di servizi telematici e strumenti digitali si è aggiunto nei giorni scorsi il servizio online di rilascio della firma digitale – Digital DNA wireless, un dispositivo di firma digitale utilizzabile sia in modalità wireless con smartphone e tablet, sia su pc attraverso la porta USB senza dover installare alcun software, che può essere richiesto direttamente da casa o dall’ufficio e che sarà consegnato in due modalità alternative: spedizione al domicilio del richiedente o ritiro presso la sede camerale, previo appuntamento concordato.

«Ci troviamo tutti – ha dichiarato Antonino Tramontana, presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria – ad affrontare una situazione anomala, senza precedenti, che sta sconvolgendo le nostre vite e le nostre attività, costringendoci a restare isolati, distanti, separati.  E il digitale, forse mai come in questo momento, rappresenta il modo per restare in contatto, per continuare a relazionarsi con il mondo, per mantenere una connessione con il mercato, per cercare di fronteggiare la crisi e per prepararsi, una volta superata questa emergenza, a rimettersi in gioco e rilanciare la propria attività».

«Come Camera di commercio – ha proseguito il presidente Tramontana- stiamo mantenendo alta l’attenzione sui bisogni delle imprese; stiamo continuando, proprio grazie al digitale, ad assicurare servizi di assistenza e di formazione gratuite. Sono state riprogrammate ed avviate con modalità telematiche e a distanza, le  iniziative legate agli asset strategici del turismo e dell’internazionalizzazione, come l’attività finalizzata alla costituzione dei Club di Prodotto, il progetto EasyExport per assistere e orientare le imprese verso i mercati internazionali e ReggioCalabriaExport la vetrina delle imprese esportatrici. E stiamo già operando anche per la fase successiva, per essere pronti ad attivare campagne straordinarie di comunicazione e di promozione che rilancino il nostro Made in Italy e il nostro turismo». 

Tra le iniziative camerali legate all’emergenza, rientra la sezione dedicata, creata sul sito web istituzionale www.rc.camcom.gov.it, per informare sui provvedimenti del Governo; sulle misure di sostegno al reddito e gli incentivi del Decreto “Cura Italia per tutti i settori economici; sulla normativa per la “produzione di mascherine chirurgiche e dispositivi di protezione individuale”; sulle problematiche legate all’export e alla circolazione delle merci; sulle opportunità offerte dal MePA; su iniziative quali la Solidarietà digitale, alla quale hanno aderito anche imprese reggine, mettendo a disposizione gratuitamente servizi e soluzioni digitali a beneficio della collettività. 

Nella sezione web sull’emergenza, trova spazio anche la collaborazione tra Prefettura e Registro Imprese per l’attuazione delle disposizioni contenute nel DPCM 22 marzo 2020 e nel successivo Decreto MISE del 25 marzo 2020, che hanno operato lo stop di una serie di attività produttive e commerciali.

Alla Prefettura, che si avvale per questa attività della collaborazione del Registro Imprese della Camera di commercio, è assegnata la valutazione sulla sussistenza delle condizioni attestate dagli operatori economici nelle comunicazioni di prosecuzione di alcune attività ulteriori rispetto a quelle già direttamente consentite dai due decreti ed individuate dai rispettivi codici Ateco (di classificazione delle attività economiche).

Queste ipotesi riguardano: a) le attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività autorizzate, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali; b) gli impianti a ciclo produttivo continuo. All’esito della valutazione potrà essere disposta la sospensione dell’attività stessa, laddove non si ravvisi l’effettiva legittimazione a proseguire l’attività. Ad oggi, sono più di 100 le comunicazioni inviate alla Prefettura e, per conoscenza come prevedono le disposizioni, alla Camera di commercio di Reggio Calabria.

Tutti gli uffici camerali stanno continuando a garantire i servizi ordinari e nello stesso tempo a svolgere le attività di natura straordinaria legate all’emergenza.

Il Registro Imprese, oltre alla collaborazione attivata con la Prefettura, sta proseguendo nell’ordinaria attività istruttoria di tutte le pratiche telematiche trasmesse dai professionisti e dalle associazioni imprenditoriali, con l’intento di fornire una risposta ancora più tempestiva alle esigenze pubblicitarie e di aggiornamento delle imprese in questo momento di emergenza.

L’ufficio Internazionalizzazione, seppur investito del nuovo compito di attestare, su richiesta delle imprese, la causa di forza maggiore in caso di ritardi nelle consegne internazionali conseguenti all’emergenza sanitaria, sta continuando a garantire la regolare emissione dei certificati di origine e dei documenti per l’estero, così come il normale svolgimento delle attività previste dal progetto EasyExport, con il supporto del TES-Temporary Export Manager che assiste le imprese con incontri a distanza tramite videochiamata Skype o Google Meet.

Il Punto Impresa Digitale della Camera continua ad erogare i propri servizi, anche in questa fase di emergenza, offrendo assistenza da remoto e corsi di formazione in modalità webinar, per supportare le micro e piccole imprese che non hanno strumenti per accedere al mondo digitale e per aiutarle ad implementare metodologie di lavoro agile, orientandole nelle soluzioni da adottare per rimanere operative. (rrc)

 

REGGIO – Nasce la Vetrina delle imprese esportatrici della Città Metropolitana

È stata presentata, alla Camera di Commercio di Reggio Calabria, la Vetrina per l’export, lo strumento di promozione sui mercati esteri delle imprese della Città Metropolitana realizzata dalla Camera di Commercio con il supporto tecnico di SiCamera scrl, società in house del sistema camerale.

«La Vetrina per l’export – ha dichiaro Antonino Tramontana, presidente della Camera di Commercio – è un ulteriore tassello nel percorso intrapreso dall’Ente camerale a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese reggine di tutti i settori economici».

«Il nostro impegno – ha proseguito il presidente Tramontana – è orientato non solo verso le imprese che già esportano e che vogliono affacciarsi su nuovi mercati internazionali, ma soprattutto verso le imprese matricola, che non hanno mai esportato i propri prodotti e servizi, ne hanno le potenzialità e quindi vanno maggiormente supportate nell’avvio del processo di internazionalizzazione».

Gli aspetti tecnico-operativi e le modalità di adesione al sito-vetrina www.reggiocalabriaexport.it sono state illustrate nel dettaglio da Andrea Fiacchi di SiCamera. Il sito, in italiano e in inglese, consente alle imprese di presentare direttamente ai potenziali partner commerciali internazionali i propri prodotti e servizi, anche con l’utilizzo di immagini e video aziendali.

Accedendo dal proprio account personale, le imprese possono gestire da remoto ed in autonomia l’inserimento delle informazioni relative a settore di attività, tipologie di prodotto, area di localizzazione e mercati esteri in cui le imprese già operano o sono interessate ad operare, e ulteriori informazioni qualificanti come le certificazioni aziendali o di prodotto, le piattaforme di e-commerce, l’adesione a reti o aggregazioni di imprese.

A conclusione dell’iniziativa, Giulia Megna, responsabile del Servizio Competività delle imprese e del territorio della Camera, ha presentato le attività che saranno realizzate nel corso dell’anno a favore dell’internazionalizzazione delle imprese reggine, tra le quali i progetti (Easy Export, Sostegno Export Italia e Chamber mentoring) di accompagnamento ed assistenza personalizzata alle imprese; i servizi in materia di certificazione ed origine delle merci; l’assistenza in materia di etichettatura, tutela proprietà industriale e normativa tecnica erogata dall’Azienda Speciale In.Form.A. (rrc)

REGGIO – La Camera di Commercio presenta la vetrina per l’export

La Camera di Commercio di Reggio Calabria ha realizzato la Vetrina per l’export per dare visibilità alle imprese della Città Metropolitana che esportano o che sono interessate ad avviare processi di internazionalizzazione.

Gli aspetti tecnico-operativi del sito, e le modalità di adesione, saranno illustrati domani pomeriggio, alle 14.30, al Salone Camerale.

Introduce Antonino Tramontana, presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, Andrea Fiacchi, del Sistema Camerale Servizi, e Giulia Megna, della Camera di Commercio. (rrc)

REGGIO – L’incontro operativo per le agenzie di viaggio e i tour operator

Alla Camera di Commercio di Reggio Calabria si è svolto, alla presenza di Maria Cristina Laurà, responsabile della Promozione e Relazioni Esterne dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto, un incontro operativo rivolto alle agenzie di viaggio e ai tour operator del territorio metropolitano che svolgono attività di incoming.

L’evento ha avviato il percorso di valorizzazione e potenziamento del sistema crocieristico tra la costa calabra e sicula, anche alla luce dell’evento fieristico mondiale sul tema, che si terrà a Miami il prossimo mese di aprile, durante il quale sarà promossa la destinazione Area dello Stretto.

«Siamo lieti di contribuire – ha dichiarato il presidente dell’Ente camerale, Antonino Tramontana – alla valorizzazione del nostro sistema portuale, perseguendo nel contempo, l’importantissimo obiettivo di promuovere il territorio attraverso la costruzione e l’offerta di opportunità escursionistiche esclusive e di grande qualità, rivolte al turismo crocieristico».

«Auspichiamo – ha proseguito il presidente Tramontana – che la sinergia tra l’Autorità Portuale, la Camera di commercio e gli altri Enti con i quali già da tempo condividiamo gli obiettivi di sviluppo turistico del territorio, si traduca in un numero crescente di presenze turistiche nel nostro territorio, ma anche in incremento del numero di scali effettuati direttamente presso la struttura portuale reggina».

Molto interessanti i dati presentati dalla dott.ssa Laurà dell’Autorità Portuale: per il 2020 nell’area dello Stretto sono già programmate oltre 180 navi con circa 480.000 presenze.

Il trend crocieristico è in crescita; il target è molto ampio e diversificato: include famiglie con bambini, turisti della terza età ed è in crescita anche il segmento giovani. Sicuramente il crocierista richiede servizi di qualità e, nelle tappe, ricerca sempre più nuovi  territori ed esperienze che rendono il viaggio indimenticabile. (rrc)