A Limbadi 36 studenti internazionali per progetto sui beni confiscati

Domani si chiude all’UniRiMi di Limbadi la settimana di incontri con il focus sulle eco-mafie, che ha visto protagonisti 36 studenti provenienti da Turchia, Olanda, Romania, Cipro, Grecia, Croazia e Italia nell’ambito del progetto Erasmus+ realizzato dall’Associazione San Benedetto Abate.

Le attività, iniziate lo scorso 12 maggio e ospitate nella struttura di UniRiMi – Università della Ricerca, della Memoria e dell’Impegno Rossella Casini, hanno coinvolto i partecipanti in una densa settimana di confronti, tavole rotonde e talk con un focus dedicato alle eco-mafie. 

I ragazzi, di età compresa tra i 19 e i 32 anni, non hanno potuto solo approfondire le tematiche oggetto della settimana di incontri, svoltasi proprio in un bene confiscato alla criminalità organizzata, ma anche conoscere il territorio del vibonese che li ha accolti. Infatti, nella giornata di ieri, lunedì 16 maggio, le attività si sono svolte in forma “diffusa” e itinerante per la provincia di Vibo Valentia: i giovani ospiti, accompagnati dal referente provinciale di Libera, Giuseppe Borrello, hanno visitato i comuni di Nicotera, Tropea, Pizzo e Vibo Valentia per apprezzare le peculiarità di un territorio che non si sta solamente distinguendo per le sue bellezze naturalistiche e la sua offerta culturale ma che vuole far parlare di sé anche per il suo forte impegno nel contrasto verso la ‘ndrangheta. Accolti nella casa comunale di Vibo Valentia dal vicesindaco Domenico Primerano e dall’Assessore per le politiche giovanili, lo sport e il turismo Michele Falduto, gli studenti hanno potuto confrontarsi con gli amministratori locali sui temi di mafia e legalità.

«Iniziative di questo profilo – si legge in una nota – vogliono evidenziare la tangibile ricaduta positiva che questi progetti possono avere sul territorio, non solo in termini riabilitativi perché portavoce di una narrazione virtuosa fatta di resistenza, accoglienza e libertà, ma anche più direttamente per la creazione di nuove opportunità a favore delle attività locali con le risorse già presenti a disposizione della comunità».

«Il progetto che sta per concludersi a Limbadi – conclude la nota – non assolve soltanto a un compito formativo nei confronti delle nuove generazioni europee ed extraeuropee ma vuole offrire un’esperienza di resilienza che questi giovani ragazzi possano portare con loro oltre confine, con la speranza di costruire finalmente la vera Europa dei Popoli». (rvv)

LIMBADI (VV) – Il sit-in in memoria di Maria Chindamo

Domani mattina, a Limbadi, alle 11, è in programma il sit-in in memoria di Maria Chindamo, promossa da Libera, Agape, comitato Controlliamo Noi Le Terre Di Maria e Penelope Italia Odvvede le adesioni di scuole, associazioni, istituzioni e singole cittadine e cittadini che hanno scelto di condividere la richiesta di verità e di giustizia della famiglia.

Il sit-in vuole mettere al centro della riflessione il valore della memoria che si traduce in impegno, e vuole altresì sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle diverse forme di violenza di genere, maturate in contesti differenti e anche mafiosi, ribadendo l’importanza dell’adozione di una normativa regionale e di misure di civiltà che possano prevedere la presa in carico delle donne, a partire dal loro reinserimento lavorativo e sociale, condizioni imprescindibili per l’avvio di percorsi di fuoriuscita delle stesse da relazioni viziate.

Si parte con i saluti dei rappresentanti istituzionali e governativi, l’intervento di Vincenzo Chindamo, fratello di Maria. Seguiranno gli interventi di: Giuseppina Princi, vicepresidente della Giunta della Regione Calabria; Angelo Sposato, segretario regionale della CGIL Calabria; Giuseppe Borrello – Coordinamento regionale di Libera; Giovanna Vingelli – Centro di Women’s Studies Milly Villa, Università della Calabria; – Referente regionale/nazionale Penelope Italia, Nancy Cassalia per il Comitato Controlliamo Noi le terre di Maria Chindamo. I lavori saranno coordinati da Lucia Lipari – vicepresidente Agape, e si concluderanno con un flash mob a cura delle studentesse e degli studenti presenti. 

Dal 2016, il dolore dell’assenza di Maria si è tradotto nella solidarietà e nella vicinanza di un’intera comunità, che continua a stringersi intorno al fratello Vincenzo, ai figli ed alla madre. Così, ogni anno, proprio lo stesso giorno della scomparsa, si rinnova un impegno ed un appuntamento, davanti al cancello dell’azienda di Maria, in contrada Montalto, a Limbadi. Tutti insieme per ricordare Maria e rilanciare con voce unanime un messaggio di resilienza, che fa nascere dal dolore la forza e dalla rabbia la reazione per costruire insieme una Calabria Migliore

Tutto questo rafforza e sedimenta in percorsi la forte richiesta di verità che accompagna dal 2016 la famiglia Chindamo e un intero territorio. Una richiesta che si rivolge oggi più che mai a chi, collaborando in varie forme con istituzioni e con la giustizia, può conoscere cosa è realmente accaduto il 6 maggio del 2016 e cosa è accaduto a Maria Chindamo. (rvv)LIMBA

LIMBADI (VV) – Domenica “In Cammino per la memoria e la resistenza” con Libera

Domenica 10 aprile, a Limbadi, a partire dalle 9, è in programma l’iniziativa In cammino per la memoria e la resistenza, organizzata da Libera Vibo Valentia con il coinvolgimento dell’Università della Ricerca, della Memoria e dell’Impegno “Rossella Casini” (UniRiMI), della Pro Loco di Limbadi, dell’Associazione Solidarietà e dell’Amministrazione Comunale.

Camminare porta alla consapevolezza di quanto sia importante la bellezza, quella che possiamo trovare dentro ognuno di noi ma, anche, quella dei paesaggi e degli scorci dei quali il nostro territorio ne è pieno.

Ma camminare, soprattutto, è una testimonianza di resistenza civile attraverso il ricordo e la memoria. 

Una passeggiata tra i beni confiscati alla criminalità organizzata nel comune di Limbadi, per sottolineare la necessità di sentire nostri quei beni che, prima erano simbolo di potere e violenza,  ed oggi diventano luoghi di cultura, lavoro e democrazia.

Ricorderemo Matteo Vinci, nel quarto anniversario dalla sua tragica uccisione e attraverso di lui, e tutte le vittime innocenti della violenza e della ‘ndrangheta.

Ci ritroveremo alle ore 9,00 presso la struttura dell’UniRiMI a Limbadi, in viale Europa I traversa, Contrada Santa, e da qui inizierà il nostro cammino della memoria, una memoria che diviene consapevolezza della necessità di riappropriarci dei nostri spazi e dei nostri luoghi, di viverli con forte senso di responsabilità e impegno.  Raggiungeremo il terreno confiscato in località “Gurnera” per raccogliere i ramoscelli d’ulivo, terreno che ospita molte piante di ulivo e che, purtroppo, negli anni è stato oggetto di due incendi dolosi. 

Dopo la Santa Messa della Domenica delle Palme, nella chiesa madre di San Pantaleone Martire, ci sarà un momento di ritrovo e raccoglimento presso il cimitero di Limbadi nel ricordo di Matteo Vinci, biologo di Limbadi ucciso da una bomba piazzata nell’auto sulla quale viaggiava insieme al padre. 

Un momento per riscoprirci comunità itinerante, affinché ogni passo sia incarnazione di resistenza e speranza, valori alimentati dalla memoria di vite spezzate dalla cieca violenza criminale, memoria che diviene patrimonio collettivo che deve innescare processi di cambiamento partendo dal quotidiano di ciascuno di noi. (rvv)

 

Il 10 e 11 novembre la Carovana Antiracket e Antiusura arriva a Limbadi e Vibo Valentia

La Carovana Antiracket e Antiusura, il progetto Economie di Libertà di Libera e Fondazione Nazionale Interesse Uomo, faranno tappa a Limbadi e Vibo Valentia il prossimo 10 e 11 novembre.

La Carovana, infatti, da qualche settimana percorre le vie della Basilicata e della Calabria, fermandosi in luoghi simbolo, piazze e scuole, per incontrare gli esponenti del mondo istituzionale e produttivo, i professionisti e i cittadini, per favorire il dialogo, il confronto, per recepire da vicino e direttamente le istanze di chi inciampa o rischia di inciampare nelle rete del racket e dell’usura e per dire «ci siamo, ecco come possiamo aiutarti».

La tappa di Limbadi, prevista per il 10 novembre alle 16, nei locali dell’Università della Ricerca, della Memoria e dell’Impegno “Rosella Casini”, organizzato con il Coordinamento Provinciale di Libera Vibo Valentia, prevede un incontro dal titolo Legalità: una rete da costruire.

Intervengono Roberta Lulli, Prefetto di Vibo Valentia, Camillo Falvo, Procuratore di Vibo Valentia, e Mons. Attilio Nostro, Vescovo della Diocesi di Mileto, Nicotera, Tropea. L’intento dell’iniziativa è parlare delle attività del progetto e per siglare due importanti protocolli di intesa con la Procura di Vibo Valentia e con la Prefettura della provincia vibonese per rafforzare la rete territoriale di supporto al progetto. 

Nella tappa di Vibo, organizzata in collaborazione con UE.Coop- Unione Europea delle Cooperative, coordinamenti Calabria e Basilicata, prevede un incontro dal titolo In cammino per la libertà. Cooperanti di legalità. Previsto l’intervento in video conferenza del Presidente nazionale UE.Coop, Gherardo Colombo.

Il progettoEconomie di Libertà” vive sulla consapevolezza che sia fondamentale fare rete, unire le forze, mettere insieme competenze e conoscenze e mettersi a disposizione in ogni momento per recepire una richiesta di aiuto. Lo fa con l’attivazione del numero attivo 24 ore su 24: 393.8860940;  e lo fa entrando nei territori per favorire il dialogo, il confronto, per recepire da vicino e direttamente le istanze di chi inciampa o rischia di inciampare nelle rete del racket e dell’usura e per dire ‘’ci siamo, ecco come possiamo aiutarti’’. (rvv)

Lotta al racket e all’usura, verso la firma del ‘Patto di Limbadi’

Martedì 13 luglio, a Limbadi, alle 17, nella sede UniRiMI “Rossella Casini”, Casa 21 marzo, sarà firmato il Patto di Limbadi da una nutrita rappresentanza di sindaci calabresi, alla Presenza di don Luigi Ciotti, presidente nazionale Libera, e del Presidente della Commissione Parlamentare antimafia, Nicola Morra.

Introduce Ennio Stamile, referente Libera Calabria. Intervengono Marcello Gozzi, presidente Fondazione Interesse Uomo, Nicola Morra, presidente Commissione Parlamentare Antimafia. Modera Nicola Fiorita, comitato scientifico UniRiMi.

Il documento, composto da 14 punti intende essere, innanzitutto, un simbolo di riferimento al comune dell’entroterra vibonese dove, su alcuni beni confiscati al clan Mancuso, è sorta per iniziativa dell’Associazione di volontariato San Benedetto Abate, con sede in Cetraro, l’Università della Ricerca della Memoria e dell’Impegno, dedicata a “Rossella Casini”, la giovane studentessa fiorentina barbaramente uccisa dalla ‘‘ndrangheta quarant’anni orsono.

Intende offrire, altresì, alle Amministrazioni locali rappresentate dai loro rispettivi Sindaci, un’opportunità di riflessione e di impegno per un aiuto concreto alle imprese che hanno deciso di denunciare il triste fenomeno del racket e dell’usura che, stante anche al periodo di pandemia che stiamo attraversando, sono in continua e preoccupante crescita.

Il documento è frutto di ricerca e di ascolto delle necessità di coloro che hanno denunciato il malaffare e sovente, anche a causa di lungaggini burocratiche, si trovano a dover affrontare diverse difficoltà oltre che economiche, anche ambientali e sociali. Non possiamo più permettere che i testimoni di giustizia sperimentino, oltre alla burocrazia,  anche il dramma della solitudine.

Il “Patto di Limbadi” sarà solo l’inizio di un percorso che intendiamo porre in essere  assieme alle varie realtà Associative coinvolte ed i sindaci. Periodicamente, almeno una volta all’anno, ci confronteremo e condivideremo le buone prassi amministrative onde verificare l’effettiva applicazione del Patto. (rvv)

 

LIMBADI (VV) – Il 6 maggio il “Sit In per Maria Chindamo”

È in programma, per giovedì 6 maggio, alle 11, in contrada Moltalto di Limadi, il sit-in per Maria Chindamo, organizzato da Agape, Libera, il progetto “Mettiamoci una croce sopra. I giovani  verso il voto in Calabria”, il comitato Controlliamo Noi Le Terre Di Maria e Penelope Italia  Odv, si è arricchita delle adesioni di associazioni, istituzioni e singole cittadine e cittadini che  hanno scelto di condividere la richiesta di verità e di giustizia.

 Il sit-in vuole essere un  momento di riflessione, di memoria, ma anche di confronto per consolidare percorsi già  intrapresi e costruire nuove progettualità. Vuole essere un momento in cui si ribadisce in  maniera collettiva e pubblica che la storia di Maria è la storia di tante cittadine e cittadini che  hanno scelto da che parte stare e che esiste una Calabria che rinasce anche da queste storie.

Dopo i saluti dei rappresentanti istituzionali e governativi, l’intervento di Vincenzo  Chindamo, fratello di Maria. Seguiranno gli interventi di: Stefania Paparo, presidente  regionale di Penelope Italia odv; Don Ennio Stamile, coordinamento regionale di Libera; Giovanna Vingelli, Centro di Women’s Studies Milly Villa, Università della Calabria;  Sabrina Garofalo, Controlliamo Noi le terre di Maria Chindamo. Concluderanno la giornata  le studentesse e gli studenti. I lavori saranno coordinati da Giulia Melissari, progetto educazione civica Agape.  (rvv)

LIMBADI (VV) – Consegnati generi alimentari per le famiglie bisognose

Sono stati consegnati, a Limbadi, i generi alimentari distribuiti da Coldiretti e Campagna amica per le famiglie in difficoltà.

Lo hanno reso noto il sindaco Pantaleone Mercuri e l’assessore alle Politiche Sociali, Simona Romano, spiegando che sono iniziate le consegne alle famiglie che si erano rivolte all’ ufficio per ricevere questa forma di assistenza.

«Ringraziamo – si legge in una nota – l’Associazione Solidarietà, che ha messo a disposizione il proprio mezzo per il ritiro dei pacchi e grazie anche ai due ragazzi volontari che ci hanno accompagnato e aiutato». (rvv)

LIMBADI (VV) – L’incontro per salvaguardare gli ulivi secolari

Questo pomeriggio, a Limbadi, alle 18.00, tra gli ulivi secolari  in località Piano Contura, Fondo Margherita, un evento per parlare del valore e dell’importanza degli ulivi secolari.

L’evento è stato organizzato dalla collaborazione tra la Parrocchia di San Nicola de Legistis, guidata da don Francesco Pontoriero, l’Associazione culturale Alighistos e Italia Nostra, sezione di Vibo Valentia.

Dopo la cerimonia religiosa (ore 18.00) e la messa a dimora di un ulivo bianco, una Tavola Rotonda sul tema La salvaguardia della millenaria e sacra resilienza dei nostri maestosi Ulivi.

Partecipano il prefetto Antonio Reppucci (Commissario straordinario Comune di Limbadi), don Francesco Pontoriero (Parrocchia San Nicola de Legistis-Calimera), Anna Rotella (Archeologa collaboratrice Sovrintendenza Catanzaro e Cosenza); Saverio Di Bella (Storico ed ex Senatore della Repubblica); Antonio Pugliese (professore dell’Università di Messina e autore del libro La civiltà contadina in Calabria), monsignor Giuseppe Fiorillo (parroco emerito Duomo San Leoluca di Vibo Valentia). A presentare e coordinare gli interventi Vincenzo Varone (giornalista) mentre Nicola Rombolà (presidente Italia Nostra, sezione di Vibo Valentia) introdurrà il tema.

Nel corso della manifestazione sono previste letture tratte dall’enciclica Laudato sì e dal libro Nostra Madre Terra di Papa Francesco con la partecipazione del duo “Tury e Yaya” e del loro Teatro-Canzone e Arte.

Gli ulivi secolari rappresentano un patrimonio di inestimabile valore per il territorio del Vibonese e per tutta la Calabria. La loro millenaria e sacra resilienza è simbolo di una nuova forma di resistenza fisica e spirituale in un tempo in cui l’umanità ha fatto i conti con la propria fragilità e si è scoperta vulnerabile di fronte ad un invisibile microrganismo. (rvv)

In copertina, foto de Il Frantoio Oleario.

LIMBADI (VV) – Alla Scuola Media il ricordo delle vittime della Shoah e delle Foibe

Nella giornata di ieri, alla Scuola Media di Limbadi, si è svolta la Giornata della Memoria e del Ricordo, per ricordare le vittime della Shoah e delle Foibe istriane.

Una iniziativa voluta dall’Amministrazione Comunale, composta dalla terna commissariale guidata dal prefetto Antonio Reppucci e composta, anche, dal viceprefetto Emma Caprino e dal dott. Francesco Battaglia, in collaborazione con l’Istituto Omnicomprensivo di Nicotera, guidato da Marisa Piro e dal Sistema Bibliotecario Vibonese, guidato da Gilberto Floriani.

Il tema è stato trattato con molto rigore dalla prof.ssa Adele Messina dell’Unical, che, nella sua relazione, ha raccontato ai ragazzi una bruttissima pagina per l’umanità che ha visto uomini perseguitare, con le leggi razziali e uccidendoli, la dignità di altri uomini ritenuti inferiori biologicamente o perché professanti idee e valori non in sintonia con quelli in quel momento dominanti.

Sono intervenuti, poi, la dirigente scolastica Marisa Piro, il direttore del Sistema Bibliotecario Vibonese, Gilberto Floriani, e il Prefetto Antonio Reppucci. A seguire, la proiezione del film documentario #AnneFrank. Vite parallele delle registe Sabina Fedeli e Anna Migotto.

All’inizio della manifestazione si sono esibiti i piccoli musicisti dell’Orchestra della Scuola media che, con grande perizia, ha eseguito gli inni nazionale ed europeo e vari altri brani.

Nel corso dell’incontro, inoltre, è stato presentato dalla dott.ssa Emma Caprino il concorso a premi promosso dall’amministrazione di Limbadi #Raccontami Limbadi rivolto ai ragazzi della scuola elementare e media e che prevede la realizzazione di elaborati grafici sui temi: Il paese che vorrei; Storia di Limbadi e Tradizioni popolari.

Ai tre vincitori saranno assegnati premi in libri di lettura del valore di 60 euro ciascuno. (rvv)

LIMBADI (VV) – Fabrizio Tacchi è il nuovo ambasciatore di Caffo

Fabrizio Tacchi è il nuovo Spirits & Amaro Ambassador per l’Azienza Caffo. Nel suo nuovo ruolo, Tacchi dovrà consolidare la presenza dei prodotti nel mondo della miscelazione «con lo scopo di far crescere i marchi attraverso l’attività già in programma come educational, masterclass, degustazione, eventi».

«La sua collaborazione – ha dichiarato Paolo Raisa, direttore commerciale del gruppo Caffo – rappresenta un’eccellente sinergia per consolidare lo sviluppo della categoria amari e di altri prodotti e potenziare il posizionamento di Vecchio Amaro del Capo, il più iconico dei prodotti del gruppo Caffo 1915».

«Fabrizio Tacchi – ha proseguito Raisa – è un professionista di grande esperienza e con una conoscenza approfondita del canale. Contribuirà a sviluppare altre opportunità di consumo per i nostri prodotti”. (rvv)